L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Libido, inconscio e sogni in Jung

La psicologia analitica junghiana si distingue dalla psicoanalisi freudiana per il netto rifiuto del pansessualismo freudiano. Jung pensava che contenuti rimossi o i simboli non fossero di natura prevalentemente sessuale, ma la manifestazione di una energia unica e presente in tutta la natura: la libido.

La psicologia analitica junghiana si distingue dalla psicoanalisi freudiana per il netto rifiuto del pansessualismo freudiano. Jung pensava che contenuti rimossi o i simboli non fossero di natura prevalentemente sessuale, ma la manifestazione di una energia unica e presente in tutta la natura: la libido.

Libido è la forza vitale, lo slancio che perpetua la vita, e che non è legata solo a fattori biologici come nella concezione freudiana, ma comprende aspetti spirituali ed un movimento dinamico verso il futuro.

Jung sposta il suo interesse dalla tradizione scientifica, medica e fisiologica che, comeFreud possiede, ad un ambito più vasto, comprendente l’animo umano e tutto ciò che lo nutre. Di qui l’interesse per i miti e le favole, letteratura e scienza, arte e religione, ed il rimpianto per la massificazione e la perdita di spiritualità del mondo moderno.

Anche nel territorio del sogno, Jung si differenzia dal maestro, introducendo i concetti diarchetipi ed inconscio collettivo ad ampliare le intuizioni di partenza. I sogni si trasformano da prodotto dell‘inconscio individuale, a qualcosa di più completo e misterioso, frutto della creatività del sognatore, ma collegati anche ad un più ampio repertorio di immagini attinenti all’ inconscio collettivo.

Inconscio collettivo è la parte della psiche sede di contenuti che non sono mai stati acquisiti personalmente tramite l’esperienza, ma che appartengono all’individuo come rappresentante della razza umana, come eredità genetica, ed è contenitore delle immagini archetipe, forme determinate e simbolo di istinti primari che possono essere presenti in ogni luogo e cultura.

I sogni, nell’ottica junghiana non saranno solo attinenti alla sfera individuale del sognatore, ai ricordi infantili o ai desideri rimossi ed inconfessati, ma si muoveranno su binari che, dalla coscienza individuale del sognatore, lo condurranno verso i territori del collettivo, del trascendente delle possibilità esistenti e non esplorate dalla psicheindividuale.

Un’ottica focalizzata non tanto sulla struttura interna del sogno e sulla sua decifrazione, ma sulla finalità del sogno stesso, lo scopo. L’interpretazione dei sogni sarà, in questa visione, lo strumento per appropriarsi del potenziale evolutivo compreso nel sogno stesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.