L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Corpo di Donna

Credo che il corpo di donna sia stato levigato da un vento antico, da un’onda di mare che senza stancarsi avanza e si ritrae nel ritmo lento del fare l’amore.

Come una pietra sulla sabbia, il tempo ha arrotondato il seno e poi piano le sue onde hanno levigato i fianchi rendendone le curve docili e sinuose, morbide e irresistibili.

Poi, secondo dopo secondo, da tempo immemore, ha lavorato sulle linee del viso, addolcendone gli occhi, disegnando architetture di dolcezza capaci, però, di trasformazioni improvvise, labbra pronte ad incresparsi, ciglia rapide a rabbuiarsi come le nubi nere che si addensano sul mare in un improvviso temporale d’agosto che sconvolge il movimento dell’onda.

Ecco perché tanta perfezione è pronta a divenire irrepetibilmente caotica: come un vento antico.

Una Risposta

  1. Livio Cotrozzi

    fantastica!

    Mi piace

    17 marzo 2012 alle 1:04 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...