L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Elisabetta I d’Inghilterra

documentati

George Gower, Armada Portrait, ~1588, Abbazia di Woburn. Fonte immagine: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Elizabeth_I_(Armada_Portrait) George Gower, Armada Portrait, ~1588, Abbazia di Woburn.
Fonte immagine: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Elizabeth_I_(Armada_Portrait)

In questa puntata speciale di Super Quark, Piero ed Alberto Angela, ci presentano uno dei più importanti e duraturi regni dell’età moderna, quello della regina “vergine” Elisabetta I d’Inghilterra.

Figlia del celebre Enrico VIII e della sfortunata Anna Bolena, Elisabetta divenne inaspettatamente regina d’Inghilterra nel 1558, allora venticinquenne. Il suo lungo regno, il quale durò quasi mezzo secolo, fu caratterizzato da numerosi avvenimenti significativi.

La sua politica di pieno sostegno alla Chiesa anglicana provocò, dopo i tentativi di restaurazione cattolica da parte della sorellastra e precedente regina d’Inghilterra Maria Tudor, forti tensioni religiose nel regno, le quali innescarono numerosi tentativi di congiure contro di lei, in cui fu anche coinvolta sua cugina, Maria Stuart, che ella fece giustiziare tra mille rimorsi ed esitazioni. Gli equilibri politici e religiosi che dominavano l’Europa del XVIe secolo erano in…

View original post 118 altre parole

Una Risposta

  1. Donna non sposata = vergine
    secondo i tempi.
    Ma ci credo come credo agli asini che volano.

    Mi piace

    27 aprile 2014 alle 2:47 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...