L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Da Inanna a Maria

Archè: Blog di Psicologia Analitica

mito

Seguendo la prospettiva junghiana, avviciniamo il mito (dal lat. mythu(m), a propria volta calco del greco μύθος)  tenendo conto di una doppia lettura. Da un lato, esso è l’espressione storica, il frutto e la manifestazione di ciò che Jung definì Coscienza Collettiva, che si esplicita in quell’orizzonte storico e culturale che arriva fino ai nostri giorni e che prende il nome di Patriarcato; dall’altro, il mito è un frammento d’infinito, un dato di verità, atemporale, valido in assoluto che ci permette di calarci nel profondo mondo della psiche per riemergere con potenti immagini cariche di senso. Non solo, dunque, ciò che il mito dice è importante, ma anche cosa nasconde, cosa cela dietro l’apparente congruità degli eventi, fino a scavare verso l’interno di quello che Jung ha chiamato Inconscio Collettivo. Grazie al mito, noi possiamo conoscere e ri-conoscerci; visitando gli dei, le dee dell’antichità e le loro…

View original post 2.618 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.