“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

La donna romana. Adulterio, sessualità e sport  

Durante l’Impero, inevitabilmente, con grande scandalo e disapprovazione degli intransigenti moralisti come Giovenale, la donna emancipata assume la stessa libertà sessuale degli uomini. Ancora non si parla degli adultèri come un problema sociale ma sono certamente così frequenti che Giovenale considera normale avvertire un amico che ha invitato a cena di mettere da parte le amarezze quotidiane, soprattutto quelle che gli derivano dal fatto che la moglie esce di casa alle prime luci del giorno e vi torna a notte fonda «con le chiome scompigliate e col volto e con le orecchie tutte accese di pruriginosa libidine».

A distanza di secoli, un esemplare di donna più moderna e spregiudicata compare dunque nella Roma imperiale, dove una certa emancipazione femminile, che vede gladiatrici e sportive, adultere, vedove allegre e ninfomani mai sazie di sesso, e perfino crudeli matrone che comandano ai mariti di crocifiggere uno schiavo, suscita lo scandalo e lo…

View original post 4.247 altre parole

Una Risposta

  1. Pingback: La donna romana. Adulterio, sessualità e sport   – TYT

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.