L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Donna… in filosofia

Donne che hanno dato il loro contributo in campo filosofico. E ancora come i filosofi hanno inteso e argomentato la femminilità.

La filosofia, quando praticata con arte e impegno, è una conversazione tra punti di vista diversi in cui le ragioni a favore o contro ciascun punto di vista sono espresse, vagliate e discusse con l’obiettivo di mantenere e rafforzare i punti di vista più convincenti e raffinare le ragioni migliori a loro sostegno. Per far buona filosofia, ogni punto di vista  dev’essere   considerato e se ne esiste uno che rimane fuori dalla cerchia di quelli vagliati e discussi, diviene più impellente la necessità di esprimerlo e difenderlo. Fare filosofia delle donne è un modo per immettere nel dibattito contemporaneo nuovi punti di vista che non sono stati ancora espressi e affinati a pieno. Una filosofia delle donne è una filosofia in cui le donne parlano da protagoniste, è un discorso fatto da loro e che a loro appartiene; in essa le donne sono i soggetti del dialogo. E’ anche una filosofia sulle donne, che parla delle donne e degli argomenti che a loro interessano, in cui il mondo femminile diviene oggetto del discorso.

Nell’immaginario collettivo, nella cultura popolare, nel senso comune e nei miti, le donne vengono rappresentate spesso come esseri istintivi, passionali, sensuali, irrazionali, emotivi e illogici. Queste idee sulle donne e sulle loro capacità,  sul loro ruolo sociale e sulla supposta natura, hanno esercitato un influsso straordinariamente potente sui modi in cui le donne sono state educate e sulle modalità con cui è stato loro permesso o proibito di essere pensatrici e artiste.  Per un cambiamento autentico è necessario che si metta in atto un ripensamento profondo della disciplina stessa, chiedendosi se le metodologie usate finora siano accessibili a tutti e ugualmente fruibili e se, se non lo sono,  essere disposti a sostituirle o modificarle. C’è bisogno di una filosofia delle donne, per la filosofia stessa, perchè essa necessita di rappresentare la più ampia varietà possibile di punti di vista e Ipazia è tra coloro che non hanno avuto finora voce nella filosofia tradizionale.

agora11

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...