L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Articoli con tag “25 Novembre

16 giorni di azione per l’eliminazione della violenza contro le donne – 25 novembre – 10 dicembre

25 nov Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
01 dic Giornata mondiale contro l’AIDS
06 dic Anniversario del massacro di Montreal
10 dic Giornata internazionale dei diritti umani

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – 25 novembre

Il 25 novembre è stata dichiarata Giornata internazionale contro la violenza contro le donne nel primo Encuentro femminista per l’America Latina e i Caraibi, tenutosi a Bogotà, in Colombia, dal 18 al 21 luglio 1981. A quel punto, le donne Encuentro denunciavano sistematicamente la violenza di genere dalla batteria domestica, allo stupro e alla violenza sessuale e molestie, per dichiarare la violenza tra cui torture e abusi di donne prigioniere politiche. Il 25 novembre è stato scelto per commemorare l’assassinio violento delle sorelle Mirabal (Patria, Minerva e Maria Teresa) il 25 novembre 1960 dalla dittatura di Rafael Trujillo nella Repubblica Dominicana. Nel 1999, le Nazioni Unite hanno riconosciuto ufficialmente il 25 novembre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Gli “encuentros femministi” sono conferenze di femministe dell’America Latina che si riuniscono ogni 2-3 anni in un diverso paese dell’America Latina per scambiare esperienze e riflettere sullo stato del movimento femminile. La sessualità e la violenza nelle loro forme e contesti ad ampio raggio sono sempre stati inclusi nei temi ad ampio raggio di questi incontri. Questi incontri hanno stimolato la creazione di reti regionali, seminari, programmi di video e radio, programmi di studi sulle donne e un numero crescente di centri di documentazione delle donne in tutta la regione che si dedicano alla raccolta e alla messa a disposizione di informazioni sulla storia e le priorità del movimento delle donne . Hanno anche fornito uno spazio per la formulazione e la discussione del focus di un numero crescente di riviste e newsletter femminili, che contengono articoli,

Patria, Minerva, Maria Teresa e Dedé, sono nate a Ojo de Agua, vicino alla città di Salcedo, nella regione di Cibao, nella Repubblica Dominicana, da Enrique Mirabal e Maria Mercedes Reyes. Le sorelle Mirabal – “Las Mariposas (le farfalle)” – erano attiviste politiche e simboli altamente visibili di resistenza alla dittatura di Trujillo. Furono incarcerati ripetutamente, insieme ai loro mariti, per le loro attività rivoluzionarie verso la democrazia e la giustizia. Il 25 novembre 1960 tre delle sorelle Mirabal, Minerva, Patria e Maria Teresa furono assassinate insieme a Rufino de la Cruz da membri della polizia segreta di Trujillo. Le tre donne venivano portate da Rufino a Puerto Plata per visitare i mariti incarcerati. I corpi delle tre sorelle furono trovati in fondo a una precipe spezzata e strangolata. La notizia dei loro omicidi ha scioccato e oltraggiato la nazione. Il brutale assassinio delle sorelle Mirabal fu uno degli eventi che aiutarono a spingere il movimento anti-Trujillo. Trujillo fu assassinato il 30 maggio 1961 e il suo regime cadde poco dopo.

Le sorelle sono diventate simboli della resistenza popolare e femminista. Negli anni successivi alla loro morte, le sorelle Mirabal sono state commemorate in poesie, canzoni e libri. Una mostra delle loro cose è stata allestita presso il Museo Nazionale di Storia e Geografia, è stato emesso un francobollo in loro memoria e una fondazione privata sta raccogliendo fondi per rinnovare un museo di famiglia nella loro città natale. L’8 marzo 1997, Giornata internazionale della donna, fu inaugurato un murale sull’obelisco di 137 piedi (che Trujillo aveva eretto in suo onore) a Santo Domingo. Raffigura le immagini delle quattro sorelle. Il dipinto sull’obelisco è intitolato “Un Canto a la Libertad”.

Per ulteriori informazioni, consultare il racconto immaginario di Julia Alvarez sulle sorelle Mirabal nel suo romanzo del 1994, “Nel tempo delle farfalle;” Il libro di Bernard Diederich “Trujillo: La morte del dittatore”; e “Le sorelle Mirabal”, in Connexions, un International Women’s Quarterly, n. 39, 1992.

Giornata mondiale dell’Aids – 1 dicembre

La Giornata mondiale dell’AIDS si celebra ogni anno il 1 ° dicembre. Questo giorno segna l’inizio di una campagna annuale progettata per incoraggiare il sostegno pubblico e lo sviluppo di programmi per prevenire la diffusione dell’infezione da HIV e fornire istruzione e promuovere la consapevolezza delle problematiche legate all’HIV / AIDS. È stato osservato per la prima volta nel 1988 dopo che un vertice dei ministri della salute di tutto il mondo ha richiesto uno spirito di tolleranza sociale e un maggiore scambio di informazioni sull’HIV / AIDS. La giornata mondiale dell’AIDS serve a rafforzare gli sforzi globali per affrontare le sfide della pandemia di AIDS.

Anniversario del massacro di Montreal – 6 dicembre

Mercoledì 6 dicembre 1989 un uomo di 25 anni, Marc Lepine, entrò alla School of Engineering Building dell’Università di Montreal verso le cinque del pomeriggio, con un fucile semiautomatico calibro 223. Iniziò a sparare durante il quale uccise quattordici donne e ne ferì altre tredici: nove donne e quattro uomini. Marc Lepine credeva che non fosse stato accettato alla scuola di ingegneria a causa delle studentesse. Prima di uccidersi, lasciò una lettera esplicativa che conteneva una tirata contro le femministe e un elenco di diciannove donne di spicco, che disprezzava in modo particolare.

Le quattordici donne assassinate nel massacro furono: Anne-Marie Edward, Anne-Marie Lemay, Annie St. Arneault, Annie Turcotte, Barbara Daigneault, Barbara Maria Klueznick, Genevieve Bergeron, Helen Colgan, Maud Haviernick, Maryse Laganiere, Maryse Leclair , Michele Richard, Natalie Croteau e Sonia Pelletier.

Queste donne sono diventate simboli, tragici rappresentanti, dell’ingiustizia nei confronti delle donne. Gruppi di donne in tutto il paese hanno organizzato veglie, cortei e monumenti commemorativi. Vi è stato un aumento del sostegno a programmi educativi e risorse per ridurre la violenza contro le donne. Sia i governi federali che quelli provinciali si sono impegnati a porre fine alla violenza contro le donne. Nel 1991, il governo canadese ha proclamato il 6 dicembre la Giornata nazionale della memoria e dell’azione sulla violenza contro le donne. Nel 1993, un’organizzazione che si autodefinisce la Coalizione del 6 dicembre ha istituito un fondo rotativo per le donne che lasciano situazioni violente per stabilire se stessi e i loro figli in un ambiente più sicuro e sicuro. Sempre nel 1993 è stata lanciata una campagna chiamata Zero Tolerance che offre agli uomini l’opportunità di mostrare solidarietà alle donne contro la violenza contro le donne.

Giornata internazionale dei diritti dell’uomo – 10 dicembre

Il 10 dicembre i popoli e gli stati di tutto il mondo celebrano l’adozione, nel 1948, della Dichiarazione universale dei diritti umani. In questa data storica della storia contemporanea, le nazioni del mondo si unirono per cercare di seppellire, una volta per tutte, lo spettro del genocidio sollevato dalla seconda guerra mondiale. Questo documento è stato uno dei primi importanti successi delle Nazioni Unite e ha fornito la filosofia di base per molti strumenti internazionali giuridicamente vincolanti da seguire. La risoluzione 217A (III) dell’Assemblea Generale, proclama la “Dichiarazione universale dei diritti umani come standard comune di realizzazione per tutti i popoli e tutte le nazioni, al fine che ogni organo della società, tenendo costantemente presente questa Dichiarazione si impegnerà nell’insegnamento e nell’educazione per promuovere il rispetto di questi diritti e libertà … ”Le organizzazioni e gli individui usano la Giornata dei diritti umani come un’opportunità per commemorare sia la firma di questo documento storico sia per promuovere i principi che sono elencati in tutto il documento. La Giornata dei diritti umani, secondo l’Alto Commissario per i diritti umani, Mary Robinson, è “un’occasione per dimostrare che i principi della Dichiarazione universale dei diritti umani non erano teorici o astratti”.


Contro la violenza sulle donne: “Linda – Uno spot contro il silenzio”

Linda si rifà apertamente ad un ipotetico Carosello di fine Anni 50 con un occhio alla serie Tv culto americana Mad Men, almeno nelle esplicite citazioni visive e iconografiche.
Racconta di una donna che non viene più accettata delle amiche e che non si sente più ricambiata nel suo affetto da figlia e marito; il motivo le sfugge ma una pubblicità vista per caso su un giornale la illumina. Il cofanetto Linda è in realtà un kit composto da ciprie, detergenti e un foulard alla moda, atti a nascondere gli evidenti segni delle violenze domestiche che subisce da parte di un marito apparentemente ineccepibile.
Sperimenta i vari prodotti con soddisfazione crescente e scopre che laccettazione sociale è di nuovo alla sua portata: le amiche tornano a frequentarla (tutte usano Linda, è ovvio) e in famiglia tornano i gesti amorevoli: Linda funziona!
Linda è pubblicizzato su giornali e Tv dunque socialmente diffuso ed accettato: inoltre, il fatto che lo sia negli anni del boom, dimostra che il problema della violenza occulta esiste da sempre, perfino nelle famiglie perfette del nostro immaginario.
La protagonista ritroverà la serenità utilizzando il cofanetto, alla stregua di un deodorante che copre gli odori senza neanche il bisogno di lavarsi: la parola dordine infatti è nascondere, non risolvere il problema e, per quanto paradossale, è quanto accade oggi per milioni di donne.
Lamore non è un trucco, recita lo slogan che esplicita la connotazione ferocemente ironica dello spot, ma la paura di chi subisce violenze e lomertà di chi ne è a conoscenza contribuiscono ad alimentare un fenomeno molto più diffuso di quanto non si possa immaginare e combattere il silenzio risolve già una buona parte del problema.