“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Abraxas

Santana ‎– Abraxas 1970

 

“Abraxas” (il nome di una divinità nella fede gnostica, menzionata anche nel  libro Demian di Herman Hesse del 1919 ), la copertina è una tela intera che ripropone un dipinto esistente.

Le copertine  per Abraxas non sono state progettate specificamente per la musica di Santana. L’arte irruppe nella sua vita come un dipinto nel 1961, nove anni prima della pubblicazione dell’album. Il dipinto originale si intitola “Annunciazione” ed è stato dipinto dal surrealista psichedelico Mati Klarwein, un artista franco-tedesco che ha creato il pezzo poco dopo essere emigrato a New York City dall’Europa.

Nel periodo in cui Santana e il suo gruppo stavano registrando Abraxas , vide il dipinto su una rivista e sentì che l’immagine trasmetteva esattamente ciò che il suo gruppo stava facendo nel loro album. Santana disse :

Avevo appena scoperto che la musica e il colore sono cibo per l’anima. Quando abbiamo guardato il dipinto, abbiamo detto: “Amico, questa è una grande festa! Chi ha fatto questo?’

La copertina è piena di simbolismo biblico

‘Annunciazione’ di Matthias Stom, 1630.

Mentre molti critici  guardano Abraxas e vedono una donna nuda che guarda un angelo rosso e nudo, il creatore del dipinto, Mati Klarwein, ha rivolto il suo sguardo surrealista su una collezione di simbolismo biblico. Klarwein è stato ispirato dalla storia di Gabriele, l’arcangelo, che visitò la Vergine Maria per dirle che avrebbe dato alla luce Gesù. Questo momento nella Bibbia è denominato  “Annunciazione” (per annuncio) ed è stato oggetto di arte cristiana per secoli

La modella  era all’epoca la fidanzata di Klarwein, che proveniva da Guadalupa, in Messico,

Gabriel sta guidando una conga sulla strada per consegnare le buone notizie di Mary? L’artista ha spiegato :

I tamburi venivano sempre usati per annunciare qualcosa. Erano un mezzo di comunicazione in Africa, e ho messo l’angelo che annunciava la nascita battendo il tamburo.

Dove Klarwein vide qualcosa di biblico, Santana vide una fusione di spiritualità e musica

 

L’intenzione di Klarwein con “Annunciazione” era di mostrare agli spettatori la sua visione della visita di Gabriele alla Vergine Maria, ma quando Carlos Santana vide il dipinto  sentì che si trattava di un bellissimo incapsulamento della sua estetica musicale. Tuttavia, con la denominazione dell’album ha cercato di approfondire ulteriormente il messaggio che voleva inviare agli ascoltatori.

Il titolo “Abraxas” deriva dal romanzo di Herman Hesse Demian , una storia sull’individuazione junghiana e il concetto di dualità. Nel romanzo Hesse scrive :

Ci fermammo davanti e iniziammo a congelare dentro per lo sforzo. Abbiamo messo in discussione il dipinto, rimproverato, fatto l’amore, pregato: l’abbiamo chiamato madre, l’abbiamo chiamata puttana e troia, l’abbiamo chiamata nostra amata, l’abbiamo chiamata Abraxas …

La copertina dell’album è stata immediatamente una fonte di controversie

 

Anche se Carlos Santana ha visto l’arte di Abraxas come unafusione tra  spiritualità e musica in un’affermazione creativa sensuale, non è così che tutti l’hanno intesa. Inizialmente la CBS Records aveva avuto un problema con l’uscita dell’album con una donna nuda in copertina, indipendentemente dall’intento artistico. I lettori Groovy che hanno acquistato l’LP al momento della sua uscita potrebbero ricordare di aver visto due diverse versioni di Abraxas .

C’è la leggendaria copertina dell’album di cui stiamo ancora parlando oggi, e poi c’è una versione che è ancora “Annunciazione” di Klarwein, ma la nudità in copertina è nascosta da un adesivo con la recensione della rivista Time sull’album di Santana. Mentre la censura fu abbastanza pesante, alcuni fan dicono che l’adesivo è stato posizionato direttamente sulla copertina, non sulla pellicola termoretraibile.

Abraxas di Santana ha resistito alla sua polemica

Fonte: pinterest

Nonostante le piazze del mondo censurassero lo splendido dipinto sulla copertina di Abraxas ,  l’album viene immagazzinato nei negozi senza censura. Nei decenni successivi all’uscita di questo straordinario album rock-fusion, l’arte è diventata uno dei migliori album mai pubblicati.

Il pittore della copertina, Mati Klarwein, scomparso nel 2002, ha parlato a lungo della scelta di Santana di strappare il suo dipinto dall’oscurità che gli ha cambiato la vita per sempre. Nel suo libro Collected Works 1959-1975 Klarwein scrisse :

Carlos Santana vide una riproduzione dell’Annunciazione in una rivista e la desiderò per la copertina del suo album Abraxas, il  più venduto di tutti i tempi . Mi ha gratificato molto . Ho visto l’album appuntato al muro in una capanna di fango dello sciamano in Niger e all’interno di un camion di trasporto di ganja di Rastafarian in Giamaica. Ero in buona compagnia globale, grazie mille, Carlito!

 


Abraxas

Abraxas è il nome dato da alcuni dei primi cristiani gnostici per indicare la forma incarnata di Dio. Nel linguaggio dello gnosticismo, Dio nel vero senso è chiamato “Pleroma”, che significa pienezza. Quindi Pleroma corrisponderebbe a Brahman nell’Induismo, Ein Sof nella Cabala ebraica e nel Tao del Taoismo ecc. Tutti questi termini si riferiscono a Dio in senso inconoscibile, il Dio è oltre il concetto e oltre l’immaginazione. Il Dio che è la fonte di tutto l’essere e il fondamento di tutta l’esistenza, quindi Dio nel vero significato della parola. Ora, se Dio dovesse manifestarsi nel regno temporale, avremo qualcosa che possiamo concettualizzare ed etichettare. Per gli gnostici l’etichetta per questo fenomeno era Abraxas.

Le origini del dio Abraxas sono misteriose anche se si ritiene che il concetto esistesse nell’antico Egitto. Si pensa che Abraxas sia stato poi adottato dai mistici ebrei e poi dai cristiani gnostici. Quindi Abraxas ha una lunga storia nei circoli esoterici del Mediterraneo e del Medio Oriente.

Abraxas è una concezione di Dio che incorpora sia il Bene che il Male in un’unica entità. Quindi in termini gnostici è sia Dio che Demiurgo. Rappresenta un Dio monoteista ma allo stesso tempo è abbastanza diverso dal Dio onnipotente trovato nel cristianesimo successivo. Nella sua rappresentazione ha la testa di Gallo, un busto maschile e due serpenti per le gambe. Inoltre viene spesso mostrato con uno scudo e una frusta. Lo scudo rappresenta la saggezza protettiva e la forza motrice della frusta. La testa del gallo simboleggia la attenzione vigile e l’annuncio di una nuova alba. I serpenti possono essere considerati simbolici della Dea, è un animale strettamente associato a Iside e Demetra, due importanti concezioni della Dea nell’antichità. Anche il serpente in India rappresenta la Shakti o energia femminile che è considerata un serpente addormentato che giace dormiente in tutti noi.

L’immagine di Abraxas veniva spesso usata per decorare portafortuna, sigilli e amuleti nell’antichità. Questi antichi manufatti di Abraxas erano abbastanza comuni e molti esistono ancora oggi in musei e collezioni private. Più avanti nella storia, l’ordine dei Cavalieri Templari mise l’immagine di Abraxas sui loro sigilli più importanti che fu usato per legare i documenti più segreti.

Collage di gemme IAW Abraxas

Ecco una selezione di gemme, amuleti e sigilli Abraxas. Nella maggior parte dei casi troviamo la classica rappresentazione di Abraxas, con una testa di galli, il busto dell’uomo e serpenti per le gambe. Va anche notato che in quasi tutti questi esempi, possiamo vedere le tre lettere “I”, “A” e “W” spiegate come una parola, cioè IAW e WAI, oppure posizionate separatamente sullo scudo portato da Abraxas e anche più ampiamente attorno alla figura. Uno dei motivi della giustapposizione di queste tre lettere deriva da un antico nome di dio ebraico / egizio “IAO”, che è pronunciato “iaho”. Si pensa che l’espressione comune per Dio, “Jah”, derivi dall’IAO. La variante di IAO, ovvero IAW ha anche un altro significato. Le lettere greche, “I” Iota, “A” Alpha e “W” Omega, possono essere interpretate come “

 

Nei tempi moderni il concetto e il nome di Abraxas appariranno di volta in volta. In modo indiretto, si ritiene che la parola “abracadabra” derivi dagli Abraxas. Nel mondo della psicoanalisi il famoso Carl Gustav Jung mostrò interesse per Abraxas e scrisse un’opera chiamata ” I sette sermoni dei morti “, e lo attribuì a un antico saggio gnostico chiamato Basilide di Alessandria, che era un forte sostenitore di Abraxas. Il romanziere vincitore del premio Nobel Herman Hesse usa Abraxas nel suo romanzo Demian, che esplora i temi del bene e del male. E il famoso chitarrista jazz Carlos Santana ha chiamato un album Abraxas negli anni ’70.

Ultimo ma non meno importante, alcuni pensano che Abraxas sia uno dei molti nomi divini della massoneria, che vengono lentamente introdotti ai massoni di grado superiore mentre avanzano di livello e gradi nascosti della società segreta. Si ritiene che nel cuore della massoneria vi sia una concezione di Dio che comprende il Bene e il Male. Ad un livello i massoni si riferiscono a Dio come GOATU o il Grande Architetto dell’Universo. A un livello più profondo un altro epiteto massonico per Dio è Jahbulon, che è una parola derivata dai nomi di Dio “Jah”, “Baal” e “Osiride”. Si pensa che Jahbulon rappresenti un divino amalgama di luce e oscurità in un modo non così dissimile dall’idea di Abraxas.

Quindi Abraxas è una reliquia storica, portafortuna, simbolo culturale e un’interessante concezione di Dio. Se il vero e genuino risveglio spirituale dei tempi presenti può essere visto come un ritorno allo gnosticismo e alle idee pagane, allora forse Abraxas può fornirci una definizione di Dio per il futuro. Sarà come se Abraxas, lungi dall’essere un’idea dimenticata del passato, fosse davvero una potente e corretta interpretazione di Dio, in attesa che emergesse il momento giusto e che fosse nuovamente conosciuto.