L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Articoli con tag “acqua

Considerazioni sul “Mare Nostrum”

In questa compagine temporale ove si scorgono all’orizzonte nubi tetre di tempesta e venti di guerra, ovunque si volga lo sguardo il solo dato lampante e riscontrabile denuncia la perdita radicale della compassione. L’altro, il diverso vive alla deriva in nome di un’ancestrale propagandistica perfezione urlata e ringhiante. Siamo umani, dovremmo rammentarlo …. animali pensanti capaci di elevarci quanto di dilaniarci a suon di parole sarebbe d’uopo una ri-considerazione del fattore umano in questo labirinto riflettendo circa l’opportunità e la spendibilità offerta dal Mare Nostrum che storicamente ci ha nutriti e ha consentito una molteplice lettura ai margini delle battigie, l’indiscusso sincretismo mediterraneo.

Lo specchio del Mediterraneo irrora il nostro patrimonio culturale scaturito dal confronto e incontro tra poliedriche ed eterogenee popolazioni rivierasche. La storia di Roma insegna ed è giusto richiamare alla memoria.
Mi auguro che la situazione di tensione internazionale cui assistiamo da alcuni giorni si stemperi e con il buon senso si risolva in dialogo fecondo, ridimensionando i toni e rinsaldando gli equilibri. Auspico inoltre  un uso corretto  politico del lessico ancorato alla mediazione:

Se solo ci si soffermasse a considerare  cosa culturalmente esprima l’espressione “sentirsi a casa” … forse il fenomeno che si impone dinanzi ai nostri occhi sarebbe comprensibile e risolvibile, addirittura potrebbe arricchirci. Considerati gli interessi che muovono le attuali azioni e i giochi alle urla facili all’interno delle dinamiche, resta una sola domanda… qual’è il valore  e la dignità dell’uomo oggi? Siamo liberi  di guardare oltre etichetta ? Conosciamo il significato di “immigrato” e “rifugiato”?

Vi invito a riflette sulle parole di Roberto Saviano .

Grazie

 

 

 


Acqua nei sogni

Acqua corrente nei sogni sarà legata al flusso della vita, al tempo, al divenire, acqua sorgiva allo scaturire di vitalità e forza e alla presenza di energie inconsce.

L’acqua nei sogni compare con maggiore frequenza rispetto agli altri elementi di terrafuoco ed aria. L’acqua è preziosa, e fondamentale, il nostro pianeta ne è coperto, il nostro corpo ne è composto, nell’acqua brulica e si è formata la vita.

Il simbolo dell’acqua è presente nelle cosmologie dei popoli più diversi in tutta la terra: abluzioni rituali, diluvio universale, purificazione e distruzione attraverso l’acqua, sono temi che nei miti ritornano a confermarne il grande valore.

L’acqua nei sogni rimanda sia all’energia materna, per il primo contatto dell’essere umano con il liquido amniotico, che all’inconscio e alle sue profondità, alla spiritualità e alle emozioni, ma sarà importante considerarne l’aspetto, il suo essere torbida o limpida, il suo presentarsi calma e tranquilla oppure agitata e violenta. Aspetto che andrà valutato con le sensazioni provocate nel sognatore.

Sognare acqua pulita e trasparente in cui essere immersi, si collega a chiarezza nelle situazioni, possibilità di “vederci chiaro”, benessere ed equilibrio nell’espressione delle emozioni. Al contrario, sognare acqua stagnante o fangosa, può essere sintomo di un disagio, sentirsi al cospetto di qualcosa di incomprensibile o non gestibile.

Nuotare in acqua nei sogni con fatica, controcorrente o con facilità e piacere, può aiutare a comprendere il modo in cui si affrontano determinate situazioni, o problemi. L’aspetto di bagno purificante e risanatore dell’ acqua, andrà a collegarsi al bisogno inconscio di cambiamento: parti vecchie, abitudini obsolete che devono essere “lavate via “, eliminate dalla forza e dalla vitalità dell’elemento primordiale in una purificazione,morte e rinascita che nel simbolo si fondono. Bachelard nel suo bellissimo “Psicoanalisi del acque” ( Red Ed. Immagini dal profondo 1992) asserisce che: “..Ci si tuffa nell’acqua per rinascere rinnovati.”.

Il significato dell’acqua nei sogni quando appare carica di energia latente, bellissima e pericolosa può associarsi al mondo emotivo, allo straripare e dilagare di questo, al timore o all’attrazione che l’espressione o il contatto con le emozioni provoca. L’ acqua rimanderà allora ad un bisogno di contenimento, ad una più opportuna modalità di espressione o sarà sintomo delle emozioni che prende il sopravvento o che stanno agendo in qualche aspetto della vita del sognatore.

Sognare acqua corrente nei sogni è un’immagine che si lega al flusso della vita, al tempo, al divenire, mentre l’acqua sorgiva si collega allo scaturire di forza e vitalità, alla presenza di energie inconsce, acqua che cade dal cielo infine, potrà orientare il sognoverso un aspetto prettamente spirituale.


Rinascere dalle acque…


Loredana Bertè – Acqua


Donna: Punto di vista multiplo