L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Articoli con tag “Albert Chevallier Tayler

Quando Babbo Natale era una donna: 5 storie di Natale che vorresti conoscere

Probabilmente hai  idea che il Natale affondi le sue  radici nelle tradizioni pagane. Forse già conosci   che il Natale sia in stretta correlazione al solstizio d’inverno o a qualche antica festa romana. In questo periodo  sei affaccendato a fare shopping natalizio. Magari ti prepari per  la settimana bianca. Hai delle calze da appendere e degli alberi da decorare. Sicuramente non hai il tempo di fare ricerche sulle origini del Natale.

La verità è che ero nella medesima condizione qualche tempo fa. Avevo sentito dire che una volta le celebrazioni pagane venivano assorbita dal Natale. E questo era tutto ciò che sapevo. Ma ho sempre voluto saperne di più su questo aspetto. E, sapendo che c’è un grande orrore nelle tradizioni pagane, volevo scoprire che cosa poteva aver perso del lato prettamente femminile di questa stupenda festa . Ora che so quanto deve il Natale a una tradizione femminile, non guarderò più Babbo Natale allo stesso modo. E, dopo aver scoperto queste cinque storie nascoste del Natale, penso cambierai idea anche tu.

 

      Il Bacio sotto il vischio

“Un bacio di Natale” di George Bernard O’Neill.

 

Baciarsi sotto il vischio può essere fatto risalire alla dea norvegese Frigg(a) il  cui figlio Baldr fu ucciso da una lancia di vischio. Quando gli dei riportarono in vita Baldr, Frigga dichiarò che, da quel momento in poi, le persone che passavano sotto il vischio dovevano baciarsi in festa.

Mentre poche persone oggi darebbero credito  al legame di Frigga con questa tradizione, “la Chiesa sembra aver conosciuto dei collegamenti ad una religione pagana, perché tradizionalmente il vischio non è compreso tra il verde che decora le chiese a Natale.”

 

Vigilia di Natale e giorno di Natale

“L’albero di Natale” di Albert Chevallier Tayler.

C’era una volta la vigilia di Natale, conosciuta come “Notte delle madri”, il giorno che precedeva o Yule che celebrava le Madri .

” Nel settimo secolo, Bede, un monaco che viveva nell’Inghilterra sassone al tempo ancora in gran parte pagana, ha raccontato come la notte prima di Natale fosse conosciuta come Modranight, la notte della Madre. Si festeggiava da  almeno 6.000 anni, ci sono riferimenti in tutta l’Europa antica a tre divinità femminili onnipotente chiamate Madri.  “

Il fatto stesso che il Natale sia celebrato il 25 dicembre potrebbe essere stato preso in prestito dalle tradizioni pagane.

Oltre alla più nota celebrazione dei  Saturnali , le feste invernali includevano Yule – una celebrazione dei bambini nati dopo la Notte delle Madri, e Koliada – una celebrazione della  dea del sole Koliada.  Dísablót , il festival di metà inverno in onore del disir ( gli spiriti delle antenate)   è  stata una festa privata per la famiglia e gli amici,  molto simile al Natale di oggi.

Quindi cosa potrebbero avere queste celebrazioni invernali diffuse con la data del Natale?

” La teoria più accreditata delle origini delle date di Natale è che è stata presa in prestito dalle celebrazioni pagane … Se il Natale sembrava una festa pagana, più pagani sarebbero aperti sia alla festa che al Dio la cui nascita avrebbe celebrato.  “

   L’albero di Natale e i canti natalizi

“Glade jul” di Viggo Johansen.

 

 

L’albero di Natale è di gran lunga il simbolo più rappresentativo  del Natale. L’amato evergreen è un punto fermo per le case cristiane ed è stato adottato da innumerevoli amanti delle vacanze non cristiane.

Di tutte le tradizioni della festa, l’albero di Natale potrebbe avere le radici più antiche e varie in un mondo pre-cristiano.

Secondo l’ Encyclopædia Britannica , “L’uso di alberi sempreverdi, ghirlande per simboleggiare la vita eterna era un’usanza degli antichi Egizi, Cinesi ed Ebrei. Il culto degli alberi era comune tra gli europei pagani e sopravviveva alla loro conversione al cristianesimo. “L ‘” albero di Natale “era comune nella Roma pagana e in Egitto come è oggi. A Roma l’albero era un abete, ma in Egitto era una palma.

Quando decori le tue case con ghirlande e piante di Natale, pensa a questo:

“Gli antichi egizi portarono nelle loro case rami di palma verde nel solstizio d’inverno come simbolo del trionfo della vita sulla morte.  “

Le palme erano sacre alle dee da Ishtar  a Inanna  a Nike / Victoria .

 

“La foglia di palma” di William-Adolphe Bouguereau

Così anche l’albero di Natale ha radici nel giudaismo antico. L’antica dea israelita Asherah era adorata erigendo “pali di Asherah”, che erano o pali di legno intagliato alberi .   ” Proprio mentre i primi cristiani reclutavano i pagani romani associando il Natale ai Saturnali, così anche gli adoratori del culto di Asheira e le sue propaggini venivano reclutati dalla Chiesa che sanzionava” alberi di Natale “.

E l’albero di Natale ha anche altre sue radici pagane. Radici sepolte nel terreno fertile della notte delle madri.

Nella saga dei Vichinghi Erik the Red , nella Notte delle Madri, una veggente svernante in viaggio avrebbe pagato una visita alla gente del posto. Portava un bastone alto e decorato e fu salutato con una festa e incantesimi cantati per evocare gli spiriti di metà inverno.

Lo staff del veggente simboleggiava – avete indovinato – un albero. Quel “albero” decorato era un antenato della bellissima sempreverde che hai brillato nel tuo salotto, e le canzoni sacre cantate al veggente erano precursori dei canti di Natale di oggi.

4.      Giù al camino e attraverso il focolare

 

 

Cosa c’è di più natalizio delle castagne che arrostiscono su un fuocovivo, il ceppo di Yule che brucia e le calze appese al camino con cura? Che Natale d’infanzia è completo senza la storia millenaria di Babbo Natale che scende dal camino? Per quanto intrinseche siano queste tradizioni per questa festa cristiana, il focolare – e le tradizioni natalizie che lo circondano, sono radicate  nel tempo passato.

La tradizione di celebrare il focolare viene dalla devozione alla dea Estia , il cui nome significa “focolare” , mentre le famiglie aspettavano che la dea Hertha scendesse attraverso il camino a portare i suoi doni molto prima che ci fosse un Babbo Natale.

5.      La slitta di Babbo Natale

 

Lo scrittore romano Tacito ci dice che a metà inverno la dea Nerthus – il cui nome era sinonimo di Madre Terra – cavalcava un carro da slitta trainato da buoi. Ovunque andasse, ha diffuso l’allegria e la pace delle vacanze. “Era [un] periodo di festività  in qualunque luogo ella degnasse [ed] onorare”. Insieme a portare festa, ovunque andasse Nerthus, “nessuno andò in guerra, nessuno prese armi”.

” Alla fine Nerthus fu sostituito da due dee, Freya e Frigg. A metà inverno Freya si era incarnato come Mamma Natale in rituali in tutta l’Europa occidentale, girando per la campagna in un carro, anche se la sua non era trainata da buoi ma da gatti. In seguito, la sua presenza fu rappresentata da donne sagge che erano possedute dal suo spirito.  “

Ci sono forti rumori del carro da slitta di Nerthus nella slitta di Babbo Natale. Ovviamente i buoi (o gatti!) Sono diventati renne, e la slitta ora vola, ma una cosa rimane invariata nei millenni poiché Madre Terra era la figura centrale del Natale. Ovunque vada, porta festeggiamenti natalizi e (almeno desideri) pace sulla terra.

Per migliaia di anni la stagione delle vacanze è stata un momento per celebrare le donne. Imparando questo ricco richiamo al femminile, rendiamo omaggio a quel  potere femminile così pervasivo che può ancora essere trovato tra le ghirlande e i rami del Natale di oggi.

Sentirai echi di Madre Terra nel tintinnio della slitta di Babbo Natale? O ricorda la Notte delle Madri quando rimboccherai i tuoi bambini la vigilia di Natale? Fammi sapere! Hai qualcosa da aggiungere? Mi piacerebbe saperne di più! Contattatemi  e facci sapere, e per favore condividi le tue fonti.

Con gli auguri di pace e Buone Feste a tutti, qualunque sia la radice da cui i tuoi alberi possano crescere.

Bibliografia :
 Hopley, Claire . Festival dei vischi “Tenbury Wells”: il frutto magico del nulla . ” British Heritage , novembre 2010.
Bates, Brian. “La metà migliore di Babbo Natale; Mamma Natale. ” Sunday Times. Londra, Inghilterra, 18 dicembre 1994.
Hubbs, Joanna . Madre Russia: il mito femminile nella cultura russa . First Midland Book Edition 1993.
DuBois, Thomas A. “Religioni nordiche nell’era vichinga.” Anistoriton Journal ,  Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 1999.
Turville-Petre, Gabriel. Mito e religione del nord: La religione dell’antica Scandinavia , Londra: Weidenfeld, 1964.
McGowan, Andrew. “Come il 25 dicembre è diventato Natale.” Archeologia biblica. Agosto 2014. Web. 15 dicembre 2014.
Hislop, Alexander. I due babilonesi . Loizeaux Brothers, Inc .; 2a edizione (1959).
Marsh, Carole. La storia dell’albero di Natale . Gallopade International, 2003.
Nevling Porter, Barbara. “Alberi sacri, palme da datteri e la Persona reale di Ashurnasirpal II.” Journal of Near Eastern Studies , vol. 52, n. 2 (aprile 1993), pp. 129-139. Web. 23 dicembre 2014.
Miller, Naomi F. “Simboli di fertilità e abbondanza nel cimitero reale di Ur, in Iraq.” American Journal of Archaeology , vol. 117, n. 1 (gennaio 2013), pp. 127-133. Web. 23 dicembre 2014.
Tarbell, FB “La palma della vittoria”. Filologia classica , vol. 3, n. 3 (luglio 1908), pp. 264-272. Web. 23 dicembre 2014.
Clement Miles. Usi e tradizioni natalizie: la loro storia e il loro significato , New York: Dover Publications, 1976.
Bates, Brian. “La metà migliore di Babbo Natale; Mamma Natale. ” Sunday Times . Londra, Inghilterra, 18 dicembre 1994.
Kajava, Mika. “Hestia Hearth, Goddess e Cult.” Harvard Studies in Classical Philology ,  2004. Web. 23. Dicembre 2014.
De Witt Van Amburgh, Fred. Dal lato della strada . Silent Partner Company, 1925.
Bates, Brian. “La metà migliore di Babbo Natale; Mamma Natale. ” Sunday Times . Londra, Inghilterra, 18 dicembre 1994.