“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “araba fenice

Oltre Ishtar: la tradizione delle uova a Pasqua

Le uova occupano uno status speciale durante le osservanze pasquali. Sono simboli di rinascita e rinnovamento: la vita sgorga da questo oggetto altrimenti semplice e inanimato che non dà alcun indizio su ciò che contiene. A questo proposito è un simbolo utile per la risurrezione di Gesù Cristo, ma è un simbolo che ha mantenuto questo significato molto prima che il cristianesimo lo adottasse.

La Pasqua era originariamente la celebrazione di Ishtar, la dea assira e babilonese della fertilità e del sesso. I suoi simboli (come l’uovo e il coniglio) erano e sono ancora simboli di fertilità e sesso (o pensavi davvero che uova e conigli avessero qualcosa a che fare con la risurrezione?). Dopo che Costantino decise di cristianizzare l’Impero, la Pasqua fu cambiata per rappresentare Gesù. Ma alle sue radici, la Pasqua (che è come si pronuncia Ishtar) riguarda la celebrazione della fertilità e del sesso.

E’ risaputo che sotto l’impero romano, il cristianesimo adottò effettivamente i riti pagani dei popoli conquistati nel tentativo di aiutarli a convertirli. Ha funzionato abbastanza bene come strategia in quanto ha permesso ai popoli conquistati di continuare una parvenza delle loro osservanze come ricordavano, e con il tempo la popolazione sarebbe stata sostituita con coloro che conoscevano solo le nuove tradizioni. Questo non è un segreto.

  • Ishtar era la dea dell’amore, della guerra e del sesso, così come della protezione, del destino, del parto, del matrimonio e delle tempeste: c’è un po’ di fertilità lì dentro, ma come con Afrodite, c’è anche un elemento di potere. Il suo culto praticava la prostituzione sacra, dove le donne aspettavano in un tempio e facevano sesso con uno sconosciuto in cambio di una benedizione divina (e denaro per sfamare bambini affamati o pagare un debito).
  • I simboli di Ishtar erano il leone, la stella del mattino e le stelle a otto o sedici punte, ancora una volta simboli di potere.
  • La parola Pasqua non sembra derivare da Ishtar, ma dal tedesco Eostre, la dea dell’alba, portatrice di luce. L’inglese e il tedesco sono la minoranza delle lingue che usano una forma della parola Pasqua per celebrare la vacanza. Altrove, l’osservanza è inquadrata nel latino pascha , che a sua volta deriva dall’ebraico pesach , che significa o associato alla Pasqua. Ishtar e Easter sembrano omofoni: possono essere pronunciati in modo simile, ma hanno significati diversi.

La storia antica  colloca l’uovo nel dominio di Ishtar, ma Ishtar non sembra essere collegato alle uova in alcun modo esplicito. Tuttavia, ci sono molte altre tradizioni più antiche che coinvolgono l’uovo come simbolo di rinascita e lo caratterizzano in modo prominente nelle mitologie della creazione:

  • Gli antichi egizi credevano in un uovo primordiale da cui si schiudeva il dio del sole. In alternativa, il sole veniva talvolta considerato come un uovo stesso, deposto quotidianamente dall’oca celeste, Seb, il dio della terra. Si dice che la Fenice sia emersa da questo uovo. L’uovo è anche discusso in termini di un uovo mondiale, modellato da Khnum da un pezzo di argilla sul suo tornio da vasaio .
  • L’induismo stabilisce una connessione tra il contenuto dell’uovo e la struttura dell’universo: ad esempio, il guscio rappresenta i cieli, il bianco l’aria e il tuorlo la terra. Le Chandogya Upanishad descrivono l’atto della creazione in termini di rottura di un uovo:

Il Sole è Brahma: questo è l’insegnamento. Un’ulteriore spiegazione di ciò (è la seguente). All’inizio questo mondo era semplicemente il non essere. Era esistente. Si è sviluppato. Si è trasformato in un uovo. Rimase per il periodo di un anno. È stato diviso in due. Una delle due parti del guscio d’uovo divenne d’argento, una d’oro. Ciò che era d’argento è questa terra. Ciò che era d’oro è il cielo… Ora ciò che ne è nato è laggiù il sole.

  • Nella religione zoroastriana, il mito della creazione racconta di una lotta in corso tra i principi del bene e del male. Durante una lunga tregua di diverse migliaia di anni, il male si precipita in un abisso e il bene depone un uovo, che rappresenta l’universo con la terra sospesa alla volta del cielo a metà strada tra dove risiedono il bene e il male. Il male trafigge l’uovo e ritorna sulla terra, e le due forze continuano la loro battaglia.
  • A Findland, Luonnotar, la Figlia della Natura galleggia sulle acque del mare, badando ai fatti suoi quando arriva un’aquila, costruisce un nido sulle sue ginocchia e depone diverse uova. Dopo alcuni giorni, le uova iniziano a bruciare e Luonnotar tira via il ginocchio, facendo cadere e rompersi le uova. I pezzi formano il mondo come lo conosciamo: le metà superiori formano i cieli, quelle inferiori la terra, i tuorli diventano il sole e i bianchi diventano la luna (3).
  • In Cina, ci sono diverse leggende che tengono al centro un uovo cosmico, inclusa l’idea che il primo essere o alcune persone siano nate dalle uova. Ad esempio, i Palang fanno risalire i loro antenati a una principessa Naga che ha deposto tre uova e il Chin non ucciderà il re corvo perché ha deposto l’uovo Chin originale da cui sono emersi.

I

Queste sono alcune delle storie che gettano le basi per la tradizione delle uova a Pasqua.  Uova e coniglietti hanno effettivamente qualcosa a che fare con l’idea della resurrezione: in queste prime storie, il creatore spesso emergeva dall’uovo stesso in qualche forma:

L’uovo cosmico, secondo gli scritti vedici, ha uno spirito che vive al suo interno che nascerà, morirà e rinascerà ancora. Alcune versioni della complicata mitologia indù descrivono Prajapati mentre forma l’uovo e poi ne appare lui stesso. Brahma fa lo stesso, e troviamo parallelismi nelle antiche leggende di Thoth e Ra. Le immagini egizie di Osiride, il dio del mais risorto, lo mostrano tornare in vita ancora una volta risorgendo dal guscio di un uovo rotto. L’antica leggenda della Fenice è simile. Si dice che questo bellissimo uccello mitico viva per centinaia di anni. Quando il suo intero arco di vita fu completato, morì tra le fiamme, risorgendo in una nuova forma dall’uovo che aveva deposto.

La Fenice fu adottata come simbolo cristiano nel I secolo d.C. Appare sulle pietre funerarie nell’arte paleocristiana, nelle chiese, nei dipinti religiosi e nelle opere in pietra. L’uovo da cui è sorto è diventato il nostro uovo di Pasqua. Come con molti simboli, l’uovo di Pasqua ha continuato a spostarsi. Quando nel terzo e quarto secolo fu adottato il digiuno quaresimale, i cristiani osservanti si astenevano dai latticini, inclusi latte, formaggio, burro e uova. In Inghilterra, il sabato prima della Quaresima, era pratica comune che i bambini andassero di porta in porta a mendicare le uova, un’ultima sorpresa prima dell’inizio del digiuno.

Anche l’atto di colorare le uova è legato all’idea di rinascita e resurrezione. Mentre i kit per decorare le uova offrono oggi un mezzo vivace per decorare le uova, il legame tra la vita e le uova era tradizionalmente realizzato utilizzando una colorazione rossa. Tra i cristiani, il rosso simboleggia il sangue di Gesù. Tra i macedoni è tradizione portare in Chiesa un uovo rosso e mangiarlo quando il sacerdote proclama “Cristo è risorto” alla veglia pasquale e il digiuno quaresimale viene ufficialmente rotto.

Amo le tradizioni pasquali in Chiesa. L’accensione del cero pasquale ricorda le celebrazioni del Diwali e l’accensione delle luci di Natale poiché rappresentano tutti mezzi per scacciare l’oscurità. Ishtar potrebbe avere qualche connessione con i riti della primavera, e certamente la Pasqua stessa è un’osservanza della primavera, ma in un’epoca in cui sono stati fatti così tanti errori in nome della religione e la religione è un punto focale per le critiche e il dibattito, vale la pena ricordare che la sovrapposizione di tempo e storia ci ha dato tradizioni più ricche di quanto chiunque di noi possa essere veramente consapevole.

 


Simbolismo del mitico uccello, la Fenice: rinnovamento, rinascita e distruzione

Un’antica leggenda dipinge l’immagine di un uccello magico, radioso e scintillante, che vive per diverse centinaia di anni prima di morire scoppiando in fiamme. Quindi rinasce dalle ceneri, per iniziare una nuova, lunga vita. Così potente è il simbolismo che è un motivo e un’immagine che è ancora comunemente usato oggi nella cultura popolare e nel folklore. Questa è la maestosa fenice.

La leggendaria fenice è un grande uccello imponente, molto simile a un’aquila o un pavone. È brillantemente colorato in rosso, viola e giallo, poiché è associato al sole nascente e al fuoco. A volte un’aureola lo circonda, illuminandolo nel cielo. I suoi occhi sono blu e brillano come zaffiri. Costruisce la propria pira funeraria o nido e lo accende con un solo battito d’ali. Dopo la morte risorge gloriosamente dalle ceneri e vola via.

Fenice che risorge dalle ceneri

La fenice che risorge dalle ceneri nel Libro delle creature mitologiche di Friedrich Johann Justin Bertuch (1747-1822). 

L’uccello della fenice simboleggia il rinnovamento e la risurrezione

La fenice simboleggia il rinnovamento e la risurrezione ed è stata usata per rappresentare molti temi, come il sole, il tempo, la risurrezione, la consacrazione, un impero, la metempsicosi, il paradiso, Cristo, Maria, la verginità e gli esseri umani eccezionali. Tina Garnet scrive in La Fenice nella mitologia egiziana, araba e greca dell’uccello longevo:

“Quando sente avvicinarsi la fine, costruisce un nido con i legni aromatici più pregiati, lo incendia e viene consumato dalle fiamme. Dal mucchio di ceneri nasce una nuova Fenice, giovane e potente. Quindi imbalsama le ceneri del suo predecessore in un uovo di mirra e vola verso la città del sole, Heliopolis, dove deposita l’uovo sull’altare del dio sole “.

Esistono versioni meno conosciute del mito in cui la fenice muore e si decompone semplicemente prima della rinascita.

I greci lo chiamarono Phoenix, ma è associato all’egiziano Bennu, al nativo americano Thunderbird, al russo Firebird, al cinese Fèng Huáng e al giapponese Hō-ō.

Si ritiene che i Greci chiamassero i Cananei Fenici o Fenici , che potrebbe derivare dalla parola greca “Fenice”, che significa cremisi o viola. In effetti, la simbologia della Fenice è anche strettamente legata ai Fenici.

Phoenix and roses

Phoenix e rose, dettaglio. Mosaico pavimentale (marmo e calcare), seconda metà del III secolo d.C. Da Daphne, un sobborgo di Antiochia-sull’-Oronte (ora Antakya in Turchia). 

La fenice nel tempo

Forse nel primo esempio della leggenda, gli egiziani parlavano del Bennu, un airone che fa parte del loro mito della creazione. I Bennu vivevano in cima alle pietre di ben-ben o agli obelischi ed erano venerati insieme a Osiride e Ra.

Bennu era visto come un avatar di Osiride , un simbolo vivente della divinità. L’uccello solare appare su antichi amuleti come simbolo di rinascita e immortalità, ed è stato associato al periodo delle inondazioni del Nilo, apportando nuova ricchezza e fertilità.

Lo storico greco Erodoto scrisse che i sacerdoti dell’antica Heliopolis descrissero l’uccello come vivente per 500 anni prima di costruire e accendere la propria pira funeraria. La progenie degli uccelli sarebbe quindi volata dalle ceneri e avrebbe portato i sacerdoti all’altare del tempio di Heliopolis.

Nell’antica Grecia si diceva che l’uccello non mangiasse frutta, ma incenso e gomme aromatiche. Raccoglie anche cannella e mirra per il suo nido in preparazione alla sua morte ardente.

In Asia la fenice regna su tutti gli uccelli, ed è il simbolo dell’imperatrice cinese e della grazia femminile, così come il sole e il sud. L’avvistamento della fenice è un buon segno che un saggio leader è salito al trono e che è iniziata una nuova era. Era rappresentativo delle virtù cinesi : bontà, dovere, correttezza, gentilezza e affidabilità. Palazzi e templi sono sorvegliati da bestie protettive in ceramica, tutte guidate dalla fenice.

Una creatura di distruzione e creazione

La mitica fenice è stata incorporata in molte religioni, a significare vita eterna, distruzione, creazione e nuovi inizi.

A causa dei temi della morte e della risurrezione, è stato adottato anche un simbolo nella prima cristianità, come un’analogia della morte di Cristo e tre giorni dopo la sua risurrezione . L’immagine divenne un simbolo popolare sulle lapidi paleocristiane.

È anche il simbolo di un fuoco cosmico che alcuni credono abbia creato il mondo e che lo consumerà.

A reborn Phoenix

Una fenice rinata. Una vista ventrale dell’uccello tra due alberi, con le ali distese e la testa da un lato, forse raccogliendo ramoscelli per la sua pira ma anche associato a Gesù sulla croce. 

Nella leggenda ebraica la fenice è conosciuta come Milcham, un uccello fedele e immortale. Tornando all’Eden , quando Eva possedeva la mela della conoscenza tentò gli animali del giardino con il frutto proibito. L’uccello Milcham rifiutò l’offerta, e per la sua fede ottenne una città dove avrebbe vissuto in pace quasi eternamente, rinascendo ogni mille anni, immune all’Angelo della Morte.

Anche un simbolo alchemico

La fenice è anche un simbolo alchemico. Rappresenta i cambiamenti durante le reazioni chimiche e la progressione attraverso i colori, le proprietà della materia e ha a che fare con i passaggi dell’alchimia nella realizzazione della Grande Opera, o Pietra Filosofale .

Moderne aggiunte al mito nella cultura popolare dicono che le lacrime della fenice hanno grandi poteri curativi, e se la fenice è vicina non si può dire una bugia.

In continua trasformazione, la fenice rappresenta l’idea che la fine sia solo l’inizio. Proprio come questo potente mito, il simbolo della fenice rinascerà più e più volte nella leggenda e nell’immaginazione umana.