L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Articoli con tag “Chiesa Cattolica

Quando Babbo Natale era una donna: 5 storie di Natale che vorresti conoscere

Probabilmente hai  idea che il Natale affondi le sue  radici nelle tradizioni pagane. Forse già conosci   che il Natale sia in stretta correlazione al solstizio d’inverno o a qualche antica festa romana. In questo periodo  sei affaccendato a fare shopping natalizio. Magari ti prepari per  la settimana bianca. Hai delle calze da appendere e degli alberi da decorare. Sicuramente non hai il tempo di fare ricerche sulle origini del Natale.

La verità è che ero nella medesima condizione qualche tempo fa. Avevo sentito dire che una volta le celebrazioni pagane venivano assorbita dal Natale. E questo era tutto ciò che sapevo. Ma ho sempre voluto saperne di più su questo aspetto. E, sapendo che c’è un grande orrore nelle tradizioni pagane, volevo scoprire che cosa poteva aver perso del lato prettamente femminile di questa stupenda festa . Ora che so quanto deve il Natale a una tradizione femminile, non guarderò più Babbo Natale allo stesso modo. E, dopo aver scoperto queste cinque storie nascoste del Natale, penso cambierai idea anche tu.

 

      Il Bacio sotto il vischio

“Un bacio di Natale” di George Bernard O’Neill.

 

Baciarsi sotto il vischio può essere fatto risalire alla dea norvegese Frigg(a) il  cui figlio Baldr fu ucciso da una lancia di vischio. Quando gli dei riportarono in vita Baldr, Frigga dichiarò che, da quel momento in poi, le persone che passavano sotto il vischio dovevano baciarsi in festa.

Mentre poche persone oggi darebbero credito  al legame di Frigga con questa tradizione, “la Chiesa sembra aver conosciuto dei collegamenti ad una religione pagana, perché tradizionalmente il vischio non è compreso tra il verde che decora le chiese a Natale.”

 

Vigilia di Natale e giorno di Natale

“L’albero di Natale” di Albert Chevallier Tayler.

C’era una volta la vigilia di Natale, conosciuta come “Notte delle madri”, il giorno che precedeva o Yule che celebrava le Madri .

” Nel settimo secolo, Bede, un monaco che viveva nell’Inghilterra sassone al tempo ancora in gran parte pagana, ha raccontato come la notte prima di Natale fosse conosciuta come Modranight, la notte della Madre. Si festeggiava da  almeno 6.000 anni, ci sono riferimenti in tutta l’Europa antica a tre divinità femminili onnipotente chiamate Madri.  “

Il fatto stesso che il Natale sia celebrato il 25 dicembre potrebbe essere stato preso in prestito dalle tradizioni pagane.

Oltre alla più nota celebrazione dei  Saturnali , le feste invernali includevano Yule – una celebrazione dei bambini nati dopo la Notte delle Madri, e Koliada – una celebrazione della  dea del sole Koliada.  Dísablót , il festival di metà inverno in onore del disir ( gli spiriti delle antenate)   è  stata una festa privata per la famiglia e gli amici,  molto simile al Natale di oggi.

Quindi cosa potrebbero avere queste celebrazioni invernali diffuse con la data del Natale?

” La teoria più accreditata delle origini delle date di Natale è che è stata presa in prestito dalle celebrazioni pagane … Se il Natale sembrava una festa pagana, più pagani sarebbero aperti sia alla festa che al Dio la cui nascita avrebbe celebrato.  “

   L’albero di Natale e i canti natalizi

“Glade jul” di Viggo Johansen.

 

 

L’albero di Natale è di gran lunga il simbolo più rappresentativo  del Natale. L’amato evergreen è un punto fermo per le case cristiane ed è stato adottato da innumerevoli amanti delle vacanze non cristiane.

Di tutte le tradizioni della festa, l’albero di Natale potrebbe avere le radici più antiche e varie in un mondo pre-cristiano.

Secondo l’ Encyclopædia Britannica , “L’uso di alberi sempreverdi, ghirlande per simboleggiare la vita eterna era un’usanza degli antichi Egizi, Cinesi ed Ebrei. Il culto degli alberi era comune tra gli europei pagani e sopravviveva alla loro conversione al cristianesimo. “L ‘” albero di Natale “era comune nella Roma pagana e in Egitto come è oggi. A Roma l’albero era un abete, ma in Egitto era una palma.

Quando decori le tue case con ghirlande e piante di Natale, pensa a questo:

“Gli antichi egizi portarono nelle loro case rami di palma verde nel solstizio d’inverno come simbolo del trionfo della vita sulla morte.  “

Le palme erano sacre alle dee da Ishtar  a Inanna  a Nike / Victoria .

 

“La foglia di palma” di William-Adolphe Bouguereau

Così anche l’albero di Natale ha radici nel giudaismo antico. L’antica dea israelita Asherah era adorata erigendo “pali di Asherah”, che erano o pali di legno intagliato alberi .   ” Proprio mentre i primi cristiani reclutavano i pagani romani associando il Natale ai Saturnali, così anche gli adoratori del culto di Asheira e le sue propaggini venivano reclutati dalla Chiesa che sanzionava” alberi di Natale “.

E l’albero di Natale ha anche altre sue radici pagane. Radici sepolte nel terreno fertile della notte delle madri.

Nella saga dei Vichinghi Erik the Red , nella Notte delle Madri, una veggente svernante in viaggio avrebbe pagato una visita alla gente del posto. Portava un bastone alto e decorato e fu salutato con una festa e incantesimi cantati per evocare gli spiriti di metà inverno.

Lo staff del veggente simboleggiava – avete indovinato – un albero. Quel “albero” decorato era un antenato della bellissima sempreverde che hai brillato nel tuo salotto, e le canzoni sacre cantate al veggente erano precursori dei canti di Natale di oggi.

4.      Giù al camino e attraverso il focolare

 

 

Cosa c’è di più natalizio delle castagne che arrostiscono su un fuocovivo, il ceppo di Yule che brucia e le calze appese al camino con cura? Che Natale d’infanzia è completo senza la storia millenaria di Babbo Natale che scende dal camino? Per quanto intrinseche siano queste tradizioni per questa festa cristiana, il focolare – e le tradizioni natalizie che lo circondano, sono radicate  nel tempo passato.

La tradizione di celebrare il focolare viene dalla devozione alla dea Estia , il cui nome significa “focolare” , mentre le famiglie aspettavano che la dea Hertha scendesse attraverso il camino a portare i suoi doni molto prima che ci fosse un Babbo Natale.

5.      La slitta di Babbo Natale

 

Lo scrittore romano Tacito ci dice che a metà inverno la dea Nerthus – il cui nome era sinonimo di Madre Terra – cavalcava un carro da slitta trainato da buoi. Ovunque andasse, ha diffuso l’allegria e la pace delle vacanze. “Era [un] periodo di festività  in qualunque luogo ella degnasse [ed] onorare”. Insieme a portare festa, ovunque andasse Nerthus, “nessuno andò in guerra, nessuno prese armi”.

” Alla fine Nerthus fu sostituito da due dee, Freya e Frigg. A metà inverno Freya si era incarnato come Mamma Natale in rituali in tutta l’Europa occidentale, girando per la campagna in un carro, anche se la sua non era trainata da buoi ma da gatti. In seguito, la sua presenza fu rappresentata da donne sagge che erano possedute dal suo spirito.  “

Ci sono forti rumori del carro da slitta di Nerthus nella slitta di Babbo Natale. Ovviamente i buoi (o gatti!) Sono diventati renne, e la slitta ora vola, ma una cosa rimane invariata nei millenni poiché Madre Terra era la figura centrale del Natale. Ovunque vada, porta festeggiamenti natalizi e (almeno desideri) pace sulla terra.

Per migliaia di anni la stagione delle vacanze è stata un momento per celebrare le donne. Imparando questo ricco richiamo al femminile, rendiamo omaggio a quel  potere femminile così pervasivo che può ancora essere trovato tra le ghirlande e i rami del Natale di oggi.

Sentirai echi di Madre Terra nel tintinnio della slitta di Babbo Natale? O ricorda la Notte delle Madri quando rimboccherai i tuoi bambini la vigilia di Natale? Fammi sapere! Hai qualcosa da aggiungere? Mi piacerebbe saperne di più! Contattatemi  e facci sapere, e per favore condividi le tue fonti.

Con gli auguri di pace e Buone Feste a tutti, qualunque sia la radice da cui i tuoi alberi possano crescere.

Bibliografia :
 Hopley, Claire . Festival dei vischi “Tenbury Wells”: il frutto magico del nulla . ” British Heritage , novembre 2010.
Bates, Brian. “La metà migliore di Babbo Natale; Mamma Natale. ” Sunday Times. Londra, Inghilterra, 18 dicembre 1994.
Hubbs, Joanna . Madre Russia: il mito femminile nella cultura russa . First Midland Book Edition 1993.
DuBois, Thomas A. “Religioni nordiche nell’era vichinga.” Anistoriton Journal ,  Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 1999.
Turville-Petre, Gabriel. Mito e religione del nord: La religione dell’antica Scandinavia , Londra: Weidenfeld, 1964.
McGowan, Andrew. “Come il 25 dicembre è diventato Natale.” Archeologia biblica. Agosto 2014. Web. 15 dicembre 2014.
Hislop, Alexander. I due babilonesi . Loizeaux Brothers, Inc .; 2a edizione (1959).
Marsh, Carole. La storia dell’albero di Natale . Gallopade International, 2003.
Nevling Porter, Barbara. “Alberi sacri, palme da datteri e la Persona reale di Ashurnasirpal II.” Journal of Near Eastern Studies , vol. 52, n. 2 (aprile 1993), pp. 129-139. Web. 23 dicembre 2014.
Miller, Naomi F. “Simboli di fertilità e abbondanza nel cimitero reale di Ur, in Iraq.” American Journal of Archaeology , vol. 117, n. 1 (gennaio 2013), pp. 127-133. Web. 23 dicembre 2014.
Tarbell, FB “La palma della vittoria”. Filologia classica , vol. 3, n. 3 (luglio 1908), pp. 264-272. Web. 23 dicembre 2014.
Clement Miles. Usi e tradizioni natalizie: la loro storia e il loro significato , New York: Dover Publications, 1976.
Bates, Brian. “La metà migliore di Babbo Natale; Mamma Natale. ” Sunday Times . Londra, Inghilterra, 18 dicembre 1994.
Kajava, Mika. “Hestia Hearth, Goddess e Cult.” Harvard Studies in Classical Philology ,  2004. Web. 23. Dicembre 2014.
De Witt Van Amburgh, Fred. Dal lato della strada . Silent Partner Company, 1925.
Bates, Brian. “La metà migliore di Babbo Natale; Mamma Natale. ” Sunday Times . Londra, Inghilterra, 18 dicembre 1994.


Il Malleus Maleficarum (Il martello delle streghe). Parte 5

Non si può però dimenticare il fatto che fin dalle sue origini, la Chiesa Cattolica aveva dovuto contrastare le reliquie del paganesimo, che continuavano a sopravvivere nelle superstizioni e nei riti, nelle magie, nei sortilegi e nelle leggende. Liberare la società dagli elfi, dalle fate, dai troll e dagli gnomi (e anche da maestose divinità dotate di splendide corna) non era impresa facile. La Chiesa aveva provato tutte le strade possibili. Ad esempio, li aveva demonizzati, per cancellarne il ricordo o per associarli stabilmente al concetto di male: in un documento del IX secolo, ad esempio, si parla di un demone chiamato Diana che alcune donne malvagie “cavalcano di notte” per “tornare a Satana”: è sempre lei, la dea dell’Olimpo, questa volta trasportata, probabilmente contro la sua volontà, in un’altra religione. Il timore che i culti di origine pagana tentassero i fedeli era molto vivo nel medioevo, un timore alimentato dalla sopravvivenza, soprattutto nelle aree contadine, di credenze e di superstizioni che avevano la loro origine nel paganesimo. I testi biblici, e in particolare quelli dell’Antico Testamento, rappresentavano per la Chiesa il fondamento ideale per indicare, in queste forme di cultura popolare, gli strumenti che il demonio utilizzava per attrarre i fedeli e iscriverli nelle sue legioni di dannati. Così, alcune forme di superstizione particolarmente diffuse vennero interpretate come vere e proprie attività demoniache. Del resto, più si parlava di stregoneris, più la povera gente si rendeva conto di quanto spesso fosse stata vittima di un sortilegio:ogni volta che la grandine aveva distrutto il loro raccolto e non quello del vicino, quando il pagliaio era andato in fiamme e quando ancora il figlio tanto atteso era nato deforme. Questa diffusa consapevolezza non poteva che sollecitare la promulgazione di leggi severe contro chiunque maneggiasse la magia e ne facesse strumento del male. Spesso la Chiesa cattolica aveva dovuto accettare sgradevoli compromessi, trasformando in feste religiose riti pagani particolarmente consolidati. Così, la dea irlandese Brigitta, patrona del fuoco, venne assimilata e identificata in una santa fittizia che portava lo stesso nome. Analogamente, molti santuari furono costruiti in luoghi già consacrati ai riti pagani, una pratica resa ufficiale da Gregorio I nel 601. Dunque, è certamente vero che tra il V e il XII secolo la Chiesa considerava la magia nera come una manifestazione della superstizione popolare e come un residuo di paganesimo, assolutamente non fondato su fatti reali: il peccato consisteva nel credere in questi poteri, non nel possederli. Con il passare degli anni presero però vigore le opinioni di quanti ritenevano che il maligno potesse veramente prendere possesso dei corpi degli uomini, e si fece  strada l’idea che le streghe esistessero realmente.

 


Il Malleus Maleficarum (Il martello delle streghe). Parte 1

La più grande nemica della stregoneria è sempre stata la Chiesa Cattolica, che ha contrastato duramente qualsivoglia impiego della magia, anche quello rivolto a fini positivi: non esiste, per la Chiesa, una “magia bianca” che possa essere accettata e considerata con tolleranza. Non è stata una battaglia facile. Al contrario dei preti, comparsi tra noi piuttosto recentemente, i maghi sono sempre esistiti e l’uomo ha sempre fatto ricorso al loro aiuto per cercare scorciatoie utili e per realizzare i propri desideri. Molte pitture trovate nelle caverne e risalenti al paleolitico, avevano probabilmente significati magici: dipingere una caccia al bisonte non aveva tanto il significato di fissare un evento fortunato, quanto quello di impegnare la magia a far sì che quell’evento si ripetesse. Per secoli e secoli coloro che erano considerati detentori di poteri magici sono stati rispettati e implorati, ed è evidente quanto tutto ciò sia contrario ai principi della religione cattolica, che insegnano che è il volere di Dio – e non l’intervento dell’uomo – a far sì che le cose accadano. Ma il rapporto tra il cristianesimo e i poteri occulti, le forze della magia e della stregoneria, sono stati particolarmente complessi. Sul fatto che gli uomini abbiano creduto in misteriose e occulte forze capaci di rappresentare o di impersonare l’essenza stessa del male fin dai tempi più antichi, penso che esista un accordo generale tra gli studiosi, ed è del resto molto difficile immaginare che fantasie, paure e superstizioni abbiano costruito soltanto ipotetiche forze del bene senza mai immaginare qualcosa che le contrastasse.  Il male oscuro e corrotto – ma anche in qualche modo affascinante – che nutre e ispira la magia nera era ben noto ai Greci e ai Romani, che dedicavano orribili riti a un grande numero di demoni e di dei del sotterra. Alcune di queste divinità avevano un nome e venivano onorate, anche se non sempre in modo palese; molte di esse erano di sesso femminile e il loro nome non poteva essere pronunciato, così che di esse conosciamo solo il cognomen, quello che poteva essere invocato  nelle preghiere e nei riti propiziatori. Non mancavano divinità malevole di sesso maschile: Summano, ad esempio, che scagliava i fulmini notturni (di giorno il privilegio apparteneva a Giove ) e Mormo, il vampiro servo di Ecate, spesso presente nella mitologia greca. Ecate era invece una divinità sessualmente ambigua, che possedeva entrambi i principi della generazione: con il trascorrere dei secoli prevalse l’idea che si trattasse di una divinità essenzialmente femminile   tanto che fu considerata la dea degli spettri, degli incantesimi e delle streghe e i suoi simulacri erano spesso collocati nei quadrivi  per proteggere i viandanti da queste forze del male. Impenetrabili, persino più di Ecate, erano le divinità trine, come le Erinni,le Gorgoni, le Esperidi e la stessa Diana triforme, e altrettanto indecifrabile era Proserpina della quale Apuleio, nelle Metamorfosi, scriveva:

 Seu nocturnis ululatibus

Horrenda Proserpina

Triformi facie larvales  impetus

Comprimens terraeque  claustra

Cohibens lucos diversos

Inerrans vario cultu propitiaris

 

 (O terribile Proserpina/ dai tre volti/ che respingi gli assalti degli spettri/ sia con ululati notturni / sia frapponendo ostacoli sul terreno/ mentre ti aggiri in diversi boschi sacri/ lasciati placare da un rituale mutevole).           


Carmelo Bene – Sul Cattolicesimo


Kamasutra. L’educazione delle fanciulle

Alla diversità sensibilità e alla diversa figura della moglie corrispondeva un diverso tipo di educazione impartita alle fanciulle destinate a divenire spose. Sia in Occidente che in Oriente veniva richiesta ovviamente la verginità: ma in Occidente la fanciulla non doveva conoscere nulla che riguardasse il sesso mentre in Oriente una tale conoscenza era un aspetto fondamentale della sua educazione.

In Occidente non si parlava mai, in generale, esplicitamente di sesso; in modo particolare non se ne parlava davanti ai ragazzi e soprattutto con grandissima cura si evitava l’argomento con le fanciulle. In verità nel medioevo i discorsi erano abbastanza liberi ed espliciti, ma in seguito la censura sull’argomento divenne sempre più stretta. Se leggiamo libri che avevano lo scopo di preparare le fanciulle al matrimonio come il celeberrima “La perfecta casada” (la sposa perfetta) di Luis de Leon che fu l’opera ispiratrice di infinite altre del genere, noi non troviamo nessun accenno a problemi del sesso, sembrerebbe che esso fosse del tutto assente dal matrimonio. Eppure anche la austera Chiesa Cattolica considerava e considera annullabile un matrimonio senza sessualità. Semplicemente non se ne doveva parlare, sembrava sconveniente anzi immorale ogni discorso che avesse come oggetto il sesso specie se rivolto a delle donne e soprattutto a delle donne non sposate.

Questa situazione giunse all’acme probabilmente nell’800 nella così detta “Età Vittoriana” in cui ogni accenno, seppure indiretto, alla sessualità era considerato sconveniente. Poteva capitare che le ragazze giungessero alla fatidica “prima notte” senza sapere bene in che cosa consistesse l’atto sessuale. Ma l’ideale femminile era propria la “ingenuità”: si badi come il termine “ingenuus” in latino indicasse persona di famiglia libera (in opposizione a “servile” cioè schiavi e ex schiavi”), ma il termine venne poi a indicare persona che non sa nulla del sesso proprio come si conviene a una ragazza di “buona famiglia”.

In Oriente invece una educazione sessuale, o meglio l’arte di amare era appresa dalle fanciulle come parte dell’educazione al matrimonio: si apprendeva l’arte di tener bene la casa (cucinare, cucire disporre i fiori ecc), ma anche l’arte di amare che era tanto importante per le riuscita di un buon matrimonio.

Anche l’uomo doveva prepararsi: ma dato la sua posizione di forza e il campo tanto più ampio della sua azione le sue abilità sessuali erano meno importanti. Alla fine un uomo poteva avere più donne, affermarsi nella politica o nell’economia: ma una donna se fallita come moglie non aveva nessuna prospettiva, non poteva trovarsi un altro uomo o dedicarsi ad altro, non le restava che invecchiare tristemente.