“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Corrado Augias

La televendita del corpo: “Mi sento velina dentro”

Secondo la più classica delle dicotomie di cui sopra, quali madre e puttana, oltre alle aspiranti “casalinghe perfette”, l’ altra faccia della presenza femminile in video sta nei “sipari di carne femminile”, per citare una battuta di Paolo Bonolis, che forse intendeva essere ironica, o critica, ma che nei fatti trasuda disprezzo.

Ce le descrive con dovizia di particolari Silvia Ballestra : «…. Veline, graziose ragazzette pocciute e chiappute ( sempre riprese dal basso) … (…) sorridenti fino alla paresi pupazzesca degli zigomi nel mentre che sgambettano su tacchi vertiginosi, insaccate in tutine più o meno fascianti . (…) Quelle che girano le caselline dei telequiz, quelle che portano la busta, quelle che introducono gli ospiti ( tutte cose che si possono fare dignitosamente, anche senza essere agghindate come puttane dell’ angiporto) .»

Ed aggiunge ancora altri particolari orrorifici , citando a sua volta un articolo di Luisa Muraro su “Vanity fair” su ciò che tanti uomini prediligono vedere in TV e nella pubblicità : « Quelle donne patinate così funzionali al loro immaginario sono seduttrici simpatiche, belle, profumate, apparentemente pronte a togliersi le mutande a uno schiocco di dita, ironiche ma porche, forti ma deboli il giusto.

Lievamente accarezzano cofani di macchine lucenti, servono aperitivi con scollature ti-vedo-non-ti-vedo, ammiccano, fanno capire che ci starebbero al volo, sprizzano sesso e intimi umori, anche verniciando con l’ antiruggine un cancello, e intanto- bontà loro – non presentano la minima sfumatura psicologica, ombra di problematicità e nessuna ambizione che non sia quella (facile facile) di risvegliare a lui (proprio a lui !) qualche torpore nell’ uccello .»

Dall’ altro lato , sconfortata, Loredana Lipperini riporta i versi della canzone di Pink, Stupid girls, che recitano : « What happened to the dream of a girl president? / She’s dancing in the video next to 50 Cent .» e da questo punto in poi commenta le scene dei numerosissimi “videoclip con rapper machissimo e bionde” , nonché le movenze di una buona parte delle cantanti ballerine che scorrazzano su MTV, siano esse « lolite come Britney Spears, finte trasgressive come Avril Lavigne, o donne superfatali. (…) I loro video dicono una cosa sola : sesso . »

Se si prova ad azzerare l’ audio, e l’ ho fatto qualche tempo fa, ognuno di questi clip, al di là della musica, sembra una vera e propria pubblicità di bordelli, con pose lascive , strusciamenti di vario tipo, corpi seminudi.

Anche la voce è usata per alludere al sesso, e lo nota Silvia. Ballestra : « La voce femminile appena preorgasmica, densa di lascive promesse grondante umori sessuali che dice ora dalla TV : Auto emociòn , con l’ accento spagnolo che dovrebbe agire da ulteriore viagra .»

Di recente Gad Lerner osservava che, con tutta probabilità, il sorpasso in termini di ascolti del telegiornale di Canale 5 sull’ omologo della Rai è stato attivamente promosso , ed alla fine conseguito, tramite lo sfruttamento delle “curve” : infatti il programma che precedeva il Tg “indugiava ostentatamente sul posteriore di una ballerina”.

Mentre gli spettacoli in TV si spostavano sempre più avanti nell’ uso e nell’ abuso dei corpi femminili, naturalmente anche gli spot ed i cartelloni pubblicitari non avevano più remore di alcun genere ; tornavano così dei “tipi classici” di pubblicità che da decenni non si vedevano più in giro. Io ne descrivevo alcuni nella tesi del 1979 . Sono tornati in auge la “donna-natura” , quasi del tutto senza vestiti ma leopardata , con sottotitolo : “Una voglia naturale” ; lo sciupafemmine circondato da giovanissime adoranti ( “Nato con la camicissima”), e dovunque nudi di donna per attirare l’ attenzione. Negli ultimi tempi è apparso evidente che ogni limite di opportunità e di decenza veniva superato, e si è chiesta a gran voce la rimozione almeno della pubblicità alludente alla violenza: quella di Dolce e Gabbana, nella quale uomini circondavano una donna adagiata per terra richiamando la scena di uno stupro, l’ altra del marchio di moda Relish, dove poliziotti “perquisivano” due giovani donne stringendole con atteggiamenti violenti ed osceni. Anche il “trash” e la cafoneria non hanno limiti : a Napoli i cittadini hanno chiesto che venissero tolti cartelloni enormi e veramente disturbanti , come quello che presentava due enormi seni allo sguardo dei passanti o l’ altro che, per reclamizzare una società di navigazione, recitava: “Abbiamo le poppe più famose d’ Italia” ; non poppe di navi ma una schiera di giovani discinte .

Dice ancora L. Lipperini : « Nel febbraio 2007 il magazine americano “Newsweek” dedica l’ articolo di copertina, Girls Gone Bad , al dilagante entusiasmo delle bambine ( dai sei anni in su ) nei confronti di pop star seminude e svaporate come Paris Hilton, Britney Spears . (…) Cosa stiamo facendo, si chiedono le autrici (…) ? Stiamo forse allevando una generazione di baby- prostitute che vestono come lolite e vivono per le borse di Dolce e Gabbana ? ” I messaggi che arrivano sono questi : “Bisogna puntare sul corpo : questa è la carta vincente delle donne ” ed anche : “ Che l’ obiettivo sia il successo, che sia – come nei secoli passati – il matrimonio, il mezzo per riuscirvi è uno solo : l’ avvenenza fisica .»

Proprio questa situazione è la causa scatenante di un vera e proprio esplosione dei vari tipi di chirurgia estetica, che coinvolge ragazzine anche minorenni. Anzi : recentemente si è parlato di regolamentare con una serie di norme ed interdire alle minorenni gli interventi al seno ( mastoplastica additiva , seni nuovi e spesso grandissimi per rassomigliare alla diva del momento ), al viso, alle labbra, ai glutei, etc.

Il libro Appena ho 18 anni mi rifaccio. Storie di figli, genitori e plastiche , dal titolo eloquente, racconta l’ ossessione di ragazze ( e talora di qualche ragazzo) che in nome della visibilità, per acquisire doti utili a superare casting e provini televisivi, non esitano ad affrontare operazioni chirurgiche pericolose, e sovente dalla riuscita dubbia. L’ ultima edizione del famigerato “Grande Fratello” presentava lo spettacolo penoso di una giovane donna che si era procurata artificialmente mammelle mostruosamente enormi, e durante tutto il programma non aveva altro scopo che manipolarle ed esibirle eccitando il voyeurismo degli spettatori.

Questo per una supposta sete di “gloria”, per una fama che sarà sicuramente effimera.

Allo stesso modo sono penose, ed inquietanti, le risposte che , alla domanda : “Quali sono i tuoi sogni, l’ obiettivo da raggiungere nella vita ?” ci vengono dalla grande maggioranza delle ragazze : essere notate, approdare in TV, esibirsi come “veline” o ballerine o “ragazze immagine” ( in genere significa , con un sorriso idiota elargito alla platea, , camminare poco o niente vestite dondolandosi e sculettando) .

Una ragazza partecipante ad una selezione per un “casting” televisivo ha esclamato : « Mi sento velina dentro ».

Secondo il dottor Corrado Augias, che l’ ha commentata è una : «“espressione spaventosa”, portato di una corruzione ( intendo delle menti ) che va avanti da anni nel silenzio ».

Non possiamo neanche dare troppo torto a queste giovani, se confrontiamo la possibilità di avere in tal modo guadagni stratosferici con la realtà che le circonda, nel modo reale del lavoro, dove non trovano altro che call center da 300 o 400 euro al mese, ed in genere lavori umilianti e precari, precarissimi.

Enrica Morlicchio, che insegna Sociologia dello sviluppo alla Federico II di Napoli, chiede a tutti uno “sguardo di genere” sulle vicende di veline e ragazze che utilizzano il proprio corpo per emergere , visto che emergono nel quadro di rapporti che restano : « rigidamente patriarcali e maschilisti . (…) Dove altrimenti le donne potrebbero esercitare la loro intelligenza e competenza ? In un mercato del lavoro che offre scarsissime occasioni ? (…) Il tasso di occupazione femminile nelle province di Bari e di Napoli era rispettivamente pari al 33% e 24% a fronte del 66%, tanto per dire di Bologna, mentre il tasso di inattività femminile ( donne in età da lavoro non occupate ma neanche attivamente in cerca di lavoro per carichi familiari o perché scoraggiate ) era pari al 62% a Bari e al 70% a Napoli.

I tassi di disoccupazione delle giovani donne in entrambe le città raggiungono livelli di vera e propria esclusione sociale. Parlare di “tetto di cristallo” (…) suona quasi ridicolo : qui siamo al piano ammezzato. (…) Nel Mezzogiorno un mercato del lavoro sempre più asfittico allontana quote consistenti finanche dalla ricerca dell’ occupazione, bloccando i processi di emancipazione attraverso il lavoro…».

Tutte dicono, e purtroppo risulta vero : « E’ molto più facile trovare lavoro con la bellezza che con la laurea ».

Tutto si lega : alla fin fine , si è montato lo spettacolo illusionista del teleschermo e nella realtà da tempo si sono alterate, e rese crudelmente attaccate ad un filo , le possibilità di guadagnarsi la vita per i nostri giovani.

Del resto, Silvio Berlusconi, è, lo fa notare in un articolo Denise Pardo : “ l’ editore delle ragazze Fast Food di “Drive in” e delle ragazze Cin Cin di “Colpo grosso”, prima avvisaglia dell’ universo femminile berlusconiano ”.

Questo uomo politico è definito il leader più maschilista d’ Europa ; il quotidiano spagnolo “El Pais” giudica il comportamento del nostro attuale premier « grave da un punto di vista morale, civico e culturale, e mina la dignità della donna».

Su tutti i giornali del mondo si commenta il fatto accertato che una “escort” ( prostituta di lusso) sia stata ingaggiata, pare con 2000 euro, da un imprenditore che ingrassa i suoi affari e la sua influenza pagando “squillo” e accompagnandole alle feste che avvenivano nelle varie case di esponenti politici. Il fatto gravissimo è che questa ragazza doveva poi, quale ricompensa, risultare candidata alle elezioni europee, e solo il timore dello scandalo ha fatto depennare il suo nome in extremis.

Un esempio pratico dell’ estremo disprezzo che queste persone hanno per l’ intelligenza e la creatività femminili ce lo dà la seguente notizia. Un recente provvedimento del ministro ai Beni culturali, Sandro Bondi, consente alla vincitrice del concorso “Miss Italia” di accedere direttamente, senza passare per il rigoroso concorso pubblico, alla scuola per attori nel Centro sperimentale di cinematografia, a Roma.

Le supposte doti fisiche che il titolo di “Miss Italia” attesta, dunque, possono fare a meno di qualunque talento per la recitazione, doti espressive, profondit{ nell’ interpretazione dei personaggi.

Se avessimo usato solo il criterio di una scontata “bella presenza” non avremmo mai avuto le interpretazioni strepitose di attrici come Anna Magnani o Meryl Streep, che non sono certo delle vistose bellezze. Ma è evidente che questo ministro non riconosce alle donne nulla di valido o di interessante che non sia la bellezza fisica.

Ormai il termine “velina” è diventato così imperante e diffusamente appiccicato alle donne, ed ha prodotto una tale svalutazione di chiunque sia nata femmina, che ormai qualunque donna può essere definita “velina”.

La formidabile atleta Federica Pellegrini, la nuotatrice più strepitosa che l’ Italia abbia mai avuto, si è ritenuta offesa dalla stampa ( vedi i quotidiani di luglio 2008 ) perché la dipingevano come una bambola sexy, interessata solo ad argomenti di amore o di eventuali figli. Anche la presidente della Confindustria, Emma Marcegaglia, è rimasta allibita quando la si è citata definendola : “ Una velina ; in gran forma, elegante, tutta vaporosa”. La cosa grave è che si riteneva in tal modo di farle un complimento, mentre la dottoressa, giustamente irritata, ha puntualizzato con decisione e disappunto di rifiutare tale appellativo.

Pina Picierno, una giovane deputata del Pd, è stata attaccata dal suo ex compagno di partito, Ciriaco De Mita, con le parole : « Da chi sono stato sostituito ? Da una quasi velina» . E la deputata deve difendersi, e ricordare che ha cominciato a far politica da giovanissima, militante già a 16 anni. Alle donne ormai tocca sempre difendersi, solo del fatto di essere donna.

Del resto, è diventato ormai di pubblico dominio che, allo stesso identico modo in cui si preparava un casting effettuando selezioni per le reti televisive di stampo berlusconiano, si sceglievano le candidate alle elezioni , italiane e per l’ europarlamento.

Anche a questo si riferivano le esplicite parole di Veronica Lario, la quale, per il suo ruolo bene “informata dei fatti”,            denunciava la « sfrontatezza e la mancanza di ritegno del potere che offende la credibilità di tutte le donne» , aggiungendo che tutto ciò « va contro le donne in genere e soprattutto quelle che sono sempre state in prima linea e che ancora lo sono a tutela dei loro diritti ».

Nel momento in cui scrivo, il massimo discredito delle istituzioni e dei rappresentanti del popolo italiano deriva proprio dal fatto che dalla TV o dalla benevolenza dell’ editore televisivo ( tra parentesi anche capo del governo italiano) ormai si passa direttamente alla politica, senza nessuna soluzione di continuità e senza distinzione alcuna tra il piano del divertimento e dello spettacolo e quello istituzionale.

Sono state candidate come forma di “sistemazione” via via attricette, starlette, vallette, annunciatrici, meteorine, concorrenti del “Grande Fratello”.

E’ partito tutto- dicono i quotidiani- dalla « famosa Noemi, protagonista dello “scandalo di Casoria” », la quale ha detto serafica, rispondendo a domande: « No, non mi candiderò alla prossime regionali. Preferisco candidarmi alla Camera. Ci penserà papi Silvio ».

Al che ha scritto Alexander Stille , il 28 maggio 2009 : « Il fatto che una ragazzina che non ha neppure fatto la maturità possa pensare che, grazie al rapporto con il suo “papi” le spetti un posto in parlamento è sintomo di una degenerazione evidente ».

Il presidente del Consiglio invoca la privacy della vita privata, ma come fa notare Nando Dalla Chiesa ( su “L’ Unità” del 25 giugno 2009) : « Le molte giovani donne che hanno rapporti di amicizia, di tenerezza e di complicità con il capo del governo vengono ricompensate e talora risarcite con incarichi di rilievo nella politica, con candidature a ogni livello, dalle Europee alla Circoscrizionali; con posti nella pubblica amministrazione o enti vari.            Il fatto che si sia affermato questo criterio di scelta per reclutare la classe dirigente è un fatto privato o un fatto pubblico ? ».

Il corto circuito tra spettacolo televisivo e politica è ormai pervasivo e non più sopportabile.

Gad Lerner, in un suo articolo del 7 luglio 2009, denuncia : « la riduzione umiliante del corpo femminile a un modello unico monotono, sottomesso e plastificato”, ed aggiunge che in Italia, come in nessuna altra nazione, la condizione femminile assurge a “questione politica primaria, dirompente al di là delle aspettative di una opposizione che su questo terreno è rimasta muta perché vittima anch’ essa della medesima arretratezza culturale. (…) Berlusconi ha trasferito nei suoi palazzi – oltrepassando in casa propria un’ allusione già fin troppo esplicita e volgare- gli spettacolini della televisione da lui forgiata a sua immagine e somiglianza. Sessista fino al parossismo. Senza paragoni possibili per sistematicità e pervasività con quella delle altre nazioni civili ».

Da un po’ di tempo a questa parte il nostro Paese viene accostato non tanto alle democrazie occidentali, ma alle satrapie orientali, o al tardo impero romano. Il politologo Giovanni Sartori ha chiamato il suo ultimo libro , riferito all’ attuale regime in Italia, “Il sultanato” .

Secondo Sartori, è un titolo ben scelto, visto che il principe in carica ha , tra l’ altro, “un gradevole harem di belle donne”.

I Paesi più avanzati in campo politico e civile sanzionano un simile discredito delle istituzioni e restano allibiti dalla compravendita delle cariche e dalle stesse offerte quali regalìe del sovrano, come non si vedeva dai tempi dell’ assolutismo.

Il “Sunday Times” ha intitolato un suo articolo : “Una notte nell’ harem di Berlusconi” scrivendo : « Amici imprenditori acquisivano meriti con lui procurandogli ragazze carine e compiacenti ». Si è parlato di donne assoldate per “ divertire ” il principe, di “prostituzione di regime”.

Il “New York Times”, scandalizzato, cerca di spiegare ai lettori americani tali situazioni : « Immaginate un mondo in cui Donald Trump avesse il controllo della NBC, fosse presidente degli Stati Uniti e offrisse a Miss California, in cambio dei suoi favori, un seggio al Senato. Sareste solo a metà strada di quel che succede in Italia ».

Ci si meraviglia che il popolo italiano possa accettare una tale situazione e rimanervi indifferente ; ma ormai i commentatori hanno tratto la conclusione che gli italiani sono del tutto indifferenti alle questioni morali : spesso cinicamente ammiccanti, mai irritati dalle evidenti bassezze del caso. Nessuna meraviglia, nessuna vergogna, nessuna presa di distanza da queste situazioni che pure squalificano l’ Italia in campo internazionale.

Probabilmente, politicamente ignoranti e provinciali quali in maggioranza si dimostrano, non se ne rendono neanche conto.

Il presidente piace agli italiani – si è detto – , poiché essi vi trovano rispecchiata all’ ennesima grado la loro essenza : la mentalità maschilista è dunque connaturata all’ indole italiana, che difatti, come si è già detto, ha reso imperante il sessismo attraverso il voto nelle lezioni, fino al livello più alto del potere politico in Italia.

Il problema – ha detto esplicitamente il professor Umberto Eco – non è certo il Capo del Governo, sono gli Italiani.

Secondo Angelica Mucchi Faina , docente di Psicologia sociale all’ Università di Perugia,: « Si è passato ogni limite, la situazione è scaduta sempre più e con effetti devastanti. E non mi riferisco solo all’ immagine dell’ Italia che questa delegittimazione, costante e sistematica delle donne trasmette all’ estero (…) né solo ai criteri da TV show con i quali sono state selezionate le candidate alle scorse elezioni. Mi riferisco alle ricadute che questi comportamenti possono produrre sulle nuove generazioni, le quali crescono assistendo ad un simile spettacolo di arroganza del potere e di sopraffazione maschile.

Ecco, i modelli che sono proposti al giovani dell’ era Berlusconi : prepotenza e maschilismo ai ragazzi, disponibilità, ammiccamenti e intrighi alle ragazze »( da “L’ Unità” del 25 giugno 2009 ) .

«“ Perché le donne italiane non reagiscono?” E’ la domanda che mi viene spesso posta da giornaliste straniere, che non si capacitano del silenzio delle donne …» – si è chiesta di recente Chiara Saraceno.

Esse purtroppo non sfuggono, come il resto della popolazione in generale, all’ incantamento narcotizzante in cui siamo immersi.

Pur tuttavia Michela Marzano pare risponderle, sul quotidiano del 5 agosto 2009, con queste parole : : « Quante adolescenti hanno gli strumenti critici necessari per decostruire le immagini e i discorsi che arrivano loro attraverso la televisione e la pubblicità ?

Per rifiutare la sudditanza al potere maschile bisognerebbe prima di tutto riconoscerla come una forma di sudditanza. (…) Accade spesso che ci si sottometta a una forma di schiavitù quando non si è avuta la possibilità di conoscere altro. L’ abitudine ci fa accettare l’ inaccettabile. Accade a tutti.

Perché, allora , stupirsi se le giovani donne non si ribellano e considerano normale la sudditanza al potere maschile? Quale altro modello hanno a loro disposizione ? »

Anche Miriam Mafai , in un articolo del giorno precedente, 4 agosto 2009, poneva decisamente la questione, fondamentale, dei modelli di vita offerti. Esistono infatti le bambolotte ancheggianti della TV ed esistono anche splendide ed intelligenti atlete come Federica Pellegrini e Alessia Filippi, affermatesi nel nuoto. Come le tante campionesse che hanno regalato primati prestigiosi all’ Italia, nella scherma, nel ciclismo ed in tanti altri sport. Allo stesso modo esistono donne ( e sono tante !) che , affrontando percorsi di studio e di ricerca sempre più complessi, pervengono a posti di sempre maggiore responsabilità.

« Il fatto è che , purtroppo – lei dice –non ci vengono mai proposte come modello. Tutti conosciamo la faccia di Patrizia D’ Addario ( e della svaporata Noemi, aggiungerei ..) . Ma nessuna tv ci propone la faccia di Cristina Battaglia, a 35 anni vicepresidente dell’ Enea, o quella di Amalia Ercoli Finzi che al Politecnico di Milano insegna come volare nello spazio, o quella di Sandra Bavaglio, giovane astronoma a cui “Time” ha già dedicato una copertina.»

La cosa peggiore è che, nonostante le apparenze, non sembra che siano stati fatti molti passi in avanti dal 1700 in poi.

Nadia Urbinati, in un articolo del 30 giugno 2009, richiama le severissime critiche che nel ‘700 Mary Wollstonecraft faceva alle donne del suo tempo, che secondo lei si dimostravano complici del loro servaggio, e si facevano « oggetto di attenzioni triviali da parte di uomini che consideravano tali attenzioni un tributo virile da pagare al gentil sesso, quando in realtà essi lo insultano affermando la propria superiorità ». Da Mary sono partite tutte quelle battaglie per strappare le donne dalla soggezione del “privato” , perché si affermassero pienamente nella sfera pubblica , nella scuola, nel lavoro e nell’ esercizio della politica. E dopo tante battaglie e lotte di secoli per affermare i propri diritti, che cosa vediamo ? – dice la giornalista -Giovani ragazze , la cui «presenza sulla scena sociale è tutta privatissima, proprio come vogliono che sia da tempi immemorabili gli uomini…»

Ed osserva sconsolata : « Non è facile essere donne in questo tempo di stravolgimento dei valori e dei costumi, di smarrimento del senso comune. Non è facile trascendere ciò che ci sta intorno e che ci offende : vicende di giovani donne che si lasciano abbagliare da vecchi e meno vecchi uomini potenti; che accettano di farsi rimpicciolire fingendosi “bimbe” di un “papi”. Non c’ è glamour in questa società dei diminutivi.

Le ragazze che sono veline, meteorine e ricevono farfalline e tartarughine : un linguaggio che le rimpicciolisce trasformando il serraglio in un parco ludico infantile. »

Il gioco non ci mette poi molto a trasformarsi nei peggiori incubi. Elena Gianini Belotti osservava , nella sua prefazione a “Ancora dalla parte delle bambine” , che ancora oggi l’ unico obiettivo indicato alle donne è di piacere all’ uomo e conquistarsi con ogni mezzo il principe azzurro . « Un principe azzurro che però non è più romantico, gentile e protettivo come un tempo veniva poeticamente inventato e descritto, ma affamato di sesso, che pretende e ottiene con maniere spicce per non dire brutali. La cronaca è piena di storie di bambine di dodici anni, prede e talvolta complici di giovanissime belve senza scrupoli, sempre più spesso munite di telefonini con cui le ritraggono in pose erotiche che subito trasmettono ai compagni del branco. »

E la cronaca conferma ogni giorno le conclusioni della illustre studiosa, e ci fa toccare con mano quale è il risultato finale di questa pervasiva educazione a “vendersi”. Il messaggio ovunque diffuso è : « La donna, per fare strada, deve essere disponibile»

« Da Ascoli Piceno – segnala L. Lipperini – arriva il tariffario di una tredicenne : “Tre euro per una foto del seno, quattro per le parti intime, dieci euro per la figura intera” (…) Sono le stesse ragazzine a filmarsi e a offrire immagini del proprio corpo in cambio di soldi. »

26 ottobre 2007, Ivrea. Una mamma si è accorta per caso dal cellulare di sua figlia di 12 anni, studentessa di scuola media, che essa veniva fotografata nuda e in pose scabrose – pare consenziente – dagli amici, e tali scatti hanno fatto il giro dell’ istituto e del paese di residenza.

7 marzo 2008. Padova. Il sindaco delle città, Paola Candiotto, commenta allibita gli episodi di sesso avvenuti sullo scuolabus degli studenti di scuola media. « Ragazzini dai 10 ai 14 anni acquistavano favori sessuali dalle coetanee : palpeggiamenti, attenzioni morbose e carezze in cambio di ricariche telefoniche da 10 euro.»

Come al solito, c’è chi approfitta di queste notizie con l’ intenzione di restaurare un “vecchio ordine”, ed invoca “scuole separate per sesso, “come una volta”, o la separazione tra maschi e femmine, come tra i talebani. .

29 giugno 2008. Il quotidiano riporta che una ragazzina di 12 anni di Treviso si fotografava nuda in pose sexy con il cellulare, nei bagni della scuola, e vendeva gli scatti a suoi compagni, del seno nudo e di altre parti intime. Anch’ essa aveva stabilito un tariffario sulle sue foto. La dirigente scolastica ha commentato : « la studentessa voleva a tutti i costi emulare modelli di vita appresi probabilmente in televisione o sulla stampa. L’ esigenza di apparire e d’ indossare vestiti griffati era diventata più forte di qualsiasi altra cosa (…) Era arrivata al punto di buttarsi via senza ragione ».

Anche se ci può sembrare il sintomo di un impazzimento generale, si tratta di un fenomeno in crescita, diffuso tra le minorenni, le quali si ispirano all’ ideologia del capitalismo sfrenato, ovunque imperante.

L’ idea che il loro corpo è in vendita, che è un oggetto da reclamizzare e da mettere sul mercato, è stata introiettata dalle ragazze, anche giovanissime, grazie alla “televendita del corpo” che è in corso da decenni.

Esse seguono la regola del “Mi vendo” , e perché non dovrebbero vendersi ? Prima che i loro partner le fotografino di nascosto, meglio assai capitalizzare la loro avvenenza. Anzi ritengono di essere ben furbe, di aver capito “come si vive”, di essere “imprenditrici di se stesse”. Anche tra i computer di casa spuntano mini-telecamere con cui, a pagamento, queste “imprenditrici” diffondono le loro immagini morbose nel web : così assumendo, a volte senza accorgersene, i comportamenti ed i valori tipici delle prostitute.

La sociologa Chiara Saraceno si chiede ancora una volta sconcertata, in un articolo del 29 maggio 2009 : « Non capiamo come dall’ orgogliosa affermazione “ Il corpo è mio” si sia passati alla messa in rete del proprio corpo » .


Nata per dare

Simone de Beauvoir scrisse con acume ne Il secondo sesso , riferendosi alla mitologia che narra la creazione della donna

( Pandora per i Greci, Eva per gli Ebrei ) : « Nemmeno la sua nascita è stata autonoma ; Dio non ha scelto spontaneamente di crearla per un fine proprio, autonomo, limitato a lei sola, e per esserne adorato direttamente, in compenso. L’ ha destinata all’ uomo, l’ ha regalata ad Adamo per salvarlo dalla solitudine».

Ella scriveva ancora che il ruolo più caratterizzante per le donne è quello di madre misericordiosa. Ad esempio, nelle vesti della Madonna. « Dovunque la vita è minacciata , lei appare, salva e ristora …(…) La vediamo talora difendere la causa dell’ uomo davanti al Figlio….»

Diceva Gianini Belotti nel suo “pamphlet” del 1973 che il bambino è considerato per quello che sarà. Dalla bambina invece ci si aspetta : « che diventi un oggetto, ed è considerata per quello che darà . Due destini del tutto diversi . Il primo destino implica la possibilità di utilizzare tutte le risorse personali, ambientali ed altrui per realizzarsi, è il lasciapassare per il futuro, è il benestare per l’ egoismo. Il secondo prevede invece la rinuncia alle aspirazioni personali e l’ interiorizzazione delle proprie energie perché gli altri possano attingervi .

Il mondo si regge proprio sulle compresse energie femminili, che sono lì, come un grande serbatoio, a disposizione di coloro che impiegano le proprie per inseguire ambizioni e potenza . »

In uno dei suoi ultimi scritti, vale a dire l’ Introduzione al libro di L. Lipperini, la dottoressa Gianini Belotti ricorda una scena emblematica a cui ha assistito :

« Due bambini e due bambine di poco più di due anni s’ erano infilati in una casetta di legno del loro asilo nido, e attribuendosi la qualifica di mamma, papà e figli, giocavano alla famiglia e cucinavano un finto pranzo. (…) D’ un tratto i due maschietti avevano abbandonato le bambine alle loro faccende domestiche, erano usciti dalla casetta e s’ erano buttati a correre in tondo per la stanza a cavalcioni di una scopa e di uno spazzolone. Due cavalieri lanciati al galoppo nell’ avventura, consapevoli però del loro diritto di tornare a casa per essere doverosamente ristorati dalle loro donne.

Perché quando erano ripassati davanti alla porta spalancata della casetta, uno dei due aveva gridato con quanto fiato aveva in gola : “ Chiamateci quando è pronto ” . Questa richiesta perentoria rivelava i privilegi interiorizzati precocemente dai maschi a partire dall’ osservazione ripetuta delle abitudini quotidiane familiari . (…) L’ organizzazione del lavoro è tuttora concepita su misura di uomini la cui moglie si fa carico di tutti i loro bisogni e necessità, più quelli dei figli, per consentire loro di uscire ogni mattina, accuditi, puliti e nutriti come si deve e darsi da fare a produrre. (…) E’ solo colpa delle donne che accettano di fare le serve, non si ribellano e non propongono soluzioni diverse ? E’ solo colpa degli uomini che non cedono un millimetro dei loro sfacciati privilegi ?

Simone de Beauvoir si interroga perplessa sul fatto che le donne hanno a livello individuale un ‘influenza ed un potere biologico fortissimo sui maschi , ma ciò non sembra contare.

« Quando Ercole fila la lana ai piedi di Onfale – ella ha scritto – , il desiderio lo incatena: perché Onfale non è riuscita a conquistarsi un potere duraturo? Per vendicarsi di Giasone, Medea uccide i figli. Questo selvaggio mito fa pensare che dal legame col figlio la donna avrebbe potuto ricavare un temibile ascendente… (…)La necessità biologica – desiderio sessuale e desiderio di una prole –che sottomette il maschio alla femmina, non ha riscattato socialmente la donna ».

E poi osserva anch’ essa, come la dottoressa Gianini Belotti, che essa è preparata dall’ infanzia al compito di donarsi agli altri : « La verità – ella dice – è che gli uomini trovano nelle loro compagne più complicità di quante non ne trovi normalmente l’ oppressore nell’ oppresso; e si sentono autorizzati, in malafede, a dichiarare che essa ha voluto il destino che loro le hanno imposto.

Abbiamo visto che in realtà tutta l’ educazione della donna congiura per sbarrarle la strada della ribellione e dell’ avventura ; tutta la società – a cominciare dai rispettivi genitori – la inganna esaltando l’ alto valore dell’ amore, della devozione, del dono di sé . »

Se la donna , secondo queste premesse, è “nata per dare”, si terrà in massima considerazione la sua principale capacità : quella di generare. L’ essere più esaltato e venerato non è forse la madre ? Dappertutto, in ogni luogo e in ogni tempo, la donna si è servita come poteva di questo enorme potere, di cui però è stata spesso “scippata” .

Giustamente – ricorda L. Lipperini : « Simone de Beauvoir scriveva che la maternità , l’ aspetto “più temibile” della donna, va necessariamente trasfigurata e asservita . »

L’ autrice de Il secondo sesso, infatti, vede come esempio di asservimento la figura di Maria, madre di Dio, quando dice : « Si nega a Maria il concetto di sposa, al fine di esaltare più puramente in lei la Donna – Madre. Ma solo accettando la funzione inferiore che le è assegnata, ella ascender{ alla gloria : “Sono la serva del Signore”.

Per la prima volta nella storia dell’ umanità, la Madre s’ inginocchia davanti al figlio; riconosce liberamente la propria inferiorità. Nel culto di Maria si avvera la suprema vittoria del maschio ; la femmina acquista una riabilitazione nel compimento della propria disfatta. Ishtar, Astarte, Cibele erano crudeli, capricciose, lascive, potenti ; fonti insieme di vita e di morte ; partorendo gli uomini ne facevano degli schiavi. Ma nel cristianesimo la vita e la morte stanno nelle mani di Dio. (…) Osteggiata, calpestata quando voleva dominare e finché non ebbe esplicitamente abdicato, (la donna) potrà essere onorata come suddita .»

Un illuminante articolo ( apparso ne “Il Corriere della Sera” del 22/02/2008) di Dacia Maraini riflette su come nella nostra cultura occidentale si è perpetuato il dominio maschile sull’ atto del generare.

Ella riporta un brano tratto da una antica tragedia greca risalente al458 a.C., che l’ autore, Eschilo, fa pronunciare al dio Apollo :

« Non è la madre che crea/ il figlio, come si pensa. / Ella è solo nutrice e niente altro, della creatura paterna/ …Soltanto chi getta il seme nella terra fertile è da considerarsi genitore./ La madre coltiva, ospite all’ ospite, il germoglio, / quando non l’ abbia disperso un demone . »

E poi commenta : «Questa frase (…) segna un punto di svolta che ha marcato la storia della maternità in Occidente. Presso i Pelasgi del II millennio, popolo antenato dei greci, chi creava il mondo era la dea Eurinome, nel cui uovo erano compresi tutti i mari, le montagne, i fiumi, le foreste del mondo. Solo lei poteva fare maturare quell’ uovo, romperne il guscio e spargere i beni di cui avrebbero vissuto gli esseri umani.

Apollo, il nuovo dio della democrazia ateniese, invece sancisce un principio che avrà conseguenze disastrose per le donne dei millenni a venire ; non è la madre che crea il figlio. Il suo ventre è da considerarsi solo un vaso che custodisce il seme paterno. Ecco come nasce una società dei Padri.

Persino la religione cristiana, che è stata rivoluzionaria nel riconoscere un’ anima anche alle donne, si è tenuta, per quanto riguarda la gerarchia, ai principi apollinei : nella Santa Trinità non appare la figura materna. E quando Dio decide di diventare padre, forma prima l’ uomo a sua immagine e somiglianza, poi prende una costola di Adamo e da quella fa nascere la donna. Insomma capovolge la realtà per sancire una gerarchia inamovibile.

Tutta la nostra cultura viene da questi grandi e originari avvenimenti simbolici. Poi, il laicismo, le rivoluzioni, l’ illuminismo, i movimenti di emancipazione hanno cercato di rompere il dogma, riconoscendo alle donne la partecipazione al processo di riproduzione. Ma sempre sotto il controllo dei Padri e dentro le leggi stabilite da loro. Il diritto alla riproduzione non si è mai trasformato in libertà di riproduzione.

E la rete millenaria dei divieti è profonda e radicata anche quando non viene scritta. Da lì derivano il culto della verginità, la proibizione degli anticoncezionali, l’ aborto clandestino, l’ignoranza indotta e tante altre disperanti piaghe della storia femminile.

Se c’ è una cosa su cui le donne hanno competenza è la maternità : un processo che avviene nel loro corpo, di cui conoscono le pene e le gioie profonde, i tempi e le trasformazioni, il peso e le responsabilità. Ma di questa competenza sono state espropriate e ogni movimento di riappropriazione viene visto come un attentato alla morale. »

Anche il raffinato giurista Stefano Rodotà, esprimendosi sui diritti fondamentali della persona, osserva che lo Stato è : «abituato da sempre a legiferare sul corpo della donna come ‘luogo pubblico’. »

Nell’ attuale momento storico uno degli organismi che più pretende di indirizzare leggi e di stabilire norme in materia è l’ assemblea dei vescovi italiani, su cui il giornalista Michele Serra (riporto da un quotidiano del 25 marzo 2009) ha emesso giudizi taglienti e su cui, a suo dire , getta un “colpo d’ occhio antropologico”.

Egli vede dunque : « un consesso di soli maschi e di soli anziani. Il sunto perfetto di ciò che rimproveriamo di continuo alla politica e al potere : mantenere a debita distanza le donne e i giovani, con l’ evidente aggravante che qui le donne sono istituzionalmente escluse dal sacerdozio, e un giovane per diventare vescovo deve prima smettere di essere giovane.»

E osserva che una siffatta composizione del potere esclude a priori “ metà dei viventi ( le femmine ).”

Sono innumerevoli gli esempi su come la donna è stata messa in un angolo, o addirittura espropriata, al momento della nascita dei suoi figli. Il cognome sancisce l’ appartenenza dei nuovi nati al padre e alla famiglia del padre; le genealogia ebraica è senza donne ( vedi la tesi ) ; il diritto di famiglia in quasi tutti i paesi musulmani prevede che in caso di separazione i figli vengano tolti alla madre ed affidati al padre ( o, se assente, al nonno) .

Una vera e propria persecuzione, nel corso dei secoli, si è espressa mediante la considerazione legale dell’ aborto come reato.

Limitandoci al nostro Paese, ed agli ultimi anni, basterà fare riferimento alla recente legge sulla procreazione assistita, ed agli attacchi continui, reiterati, quotidiani, che il diritto all’ aborto volontario deve affrontare.

Qualche anno fa sono state promulgate le norme sulla procreazione assistita. Ora, una delle regole fondamentali della democrazia recita : “ Nessuna tassazione, nessuna imposizione di legge senza rappresentanza”. Questo principio fu stabilito nella seconda met{ del 1700 dai delegati delle colonie inglesi d’ America, allorché la madrepatria pretendeva di imporre inique tassazioni e condizioni di commercio sfavorevoli a coloro che si erano stabiliti sul suolo americano. Dunque, quale rappresentanza hanno avuto le donne nel Parlamento italiano, dove poco più del 10 % degli eletti erano donne ? Ciò significa che un organo legislativo composto per il 90 % circa da uomini ha avuto il “coraggio” di votare una legge che, si è detto, “passa per il corpo delle donne”, di approvare alcuni articoli che è doveroso definire vessatori, crudeli e prepotenti, che sacrificano in toto il diritto alla salute e alla dignità di persona delle donne. Si è domandato a tal proposito Corrado Augias, : « Se una donna ha cambiato idea dopo che per sua richiesta sono stati creati degli embrioni, la legge le impone di farseli impiantare. E se rifiuta, che succede ? La legano al letto, la narcotizzano, la mettono in prigione ? » .

Già questo dimostra quale obbrobrio sia la legge 40, ove le donne vengono considerati contenitori, obbligati per giunta. La legge, proibendo la possibilità di analisi pre-impianto, arriva ad imporre loro l’ impianto nell’ utero di un embrione malato. Manca del tutto la considerazione per eventuali problemi di salute che sconsiglino l’ impianto di tre embrioni contemporaneamente ; e questo fatto obbliga le donne a ripetere cicli di stimolazione ormonale, molto pericolosi per la loro salute.

Ma se tanti uomini politici di ogni schieramento non si sono fatti scrupolo di votare tale legge, è certo molto più difficile per le donne accettare questi divieti fondamentalisti, che dovranno vivere sulla loro pelle. Si costituì dunque il Comitato “Donne per il sì”, trasversale ai partiti, anzi composto per buona parte da donne di centro-destra che votavano contro i loro partiti. Tra di esse la ministra Prestigiacomo, che per fortuna non dimenticava di essere donna prima che esponente della maggioranza, e poi Boniver, Stefania Craxi e tante altre. Molte mogli di noti politici dichiararono che avrebbero votato diversamente dai loro mariti : erano le mogli di Rutelli, di Berlusconi, di La Russa, ed altre.

La legge 40 ha introdotto una rottura nella legislazione vigente, che non ha mai considerato persona un feto, il quale diventa titolare di diritti giuridici solo nel momento in cui si è separato dal corpo della madre ed è un individuo autonomo.

Al contrario, le norme di questa legge rendono un embrione titolare di diritti, che inevitabilmente entrano in contrasto con chi è già un essere umano, in particolare la donna che dovrebbe ospitarlo.

Ma vogliamo una buona volta renderci conto che, per diventare individuo, esso ha bisogno che una donna lo accolga nel suo corpo, ed è tramite il suo corpo che si sviluppa ? E la donna lo deve volere, mi pare ; almeno così afferma la Carta dei diritti umani fondamentali, fondata sul pieno possesso della propria persona.

E’ allo stesso modo molto chiara la sentenza della Corte Costituzionale, in data 1975, che recita : « Non esiste equivalenza fra il diritto non solo alla vita ma anche alla salute proprio di chi è già persona, come la madre, e la salvaguardia dell’ embrione, che persona deve ancora diventare. »

Ormai sono passati più di trenta anni dalla promulgazione in Italia della legge 194 , che consentiva l’ aborto. All’ epoca ( ricorda Miriam Mafai il 14-3- 2008 su “Repubblica” ) si ritenne giusto differire dalla norma secondo cui, in ogni tipo di intervento medico, c’ è la possibilità di ricorrere a un ospedale pubblico o a una struttura privata. La legge infatti rende legale l’ interruzione di gravidanza solo in una struttura pubblica, dopo il passaggio e la certificazione nel consultorio. Che cosa è accaduto da allora ? Quello che ha osservato anche la Commissione Pari Opportunità del Consiglio d’ Europa : che spesso, « nei Paesi dove l’ aborto è legale, le condizioni non sono tali da garantire alle donne l’ effettivo esercizio del diritto». Le cause : « la mancanza di dottori disposti a praticare l’ i.v.g. ( interruzione volontaria di gravidanza ) ; i ripetuti controlli medici richiesti ; i lunghi tempi di attesa ».

In Italia il caso è tragico, perché da anni è iniziata una dura offensiva contro la 194, « una vera e propria crociata contro l’ aborto legale adottata dalle gerarchie vaticane _ scriveva nel dicembre 2008 in un articolo Maria Novella De Luca – che negli ultimi anni ha reso sempre più difficile l’ interruzione volontaria di gravidanza nelle strutture pubbliche ».

Ne febbraio e nel marzo 2008 l’ UDI ( Unione delle donne italiane) ha indetto una serie di cortei per protestare contro il boicottaggio messo in atto verso questa legge.

Il fatto è che la Chiesa ha stabilito negli ultimi anni, non si capisce bene come e perché, dei cosiddetti “principi non negoziabili” , su cui insiste con protervia tenacia. Ossessivamente , in occasione della “Giornata per la vita” ma ormai in modo quasi quotidiano, in mezzo a tutte le morti possibili, tra tutte le uccisioni del mondo, si cita solo “l’ aborto”. Negli USA queste campagna martellante ha colpito talmente alcune menti deboli , o deviate, da farle progettare ed eseguire omicidi di medici che mettono in pratica la volontà delle donne di ricorrere all’ i.v.g.

Secondo gli ultimi dati, nel nostro Paese più del 70 % dei ginecologi del sistema sanitario si dichiarano obiettori ;e lo sono il 50% degli anestesisti e il 42% del personale paramedico, i quali si rifiutano di prestare qualsiasi assistenza durante un aborto. « In quasi tutta l’ Italia – aggiunge la giornalista De Luca – i governatori delle Regioni fedeli al Vaticano e alla destra, Lombardia e Lazio in testa (…) hanno imposto la chiusura di decine di reparti dove si facevano interruzioni di gravidanza. Abortire nelle strutture pubbliche in Italia è tornato ad essere un percorso umiliante, solitario, brutale a volte »”.

Un’ altra violenta battaglia riguarda la pillola Ru486, o farmaco abortivo, che già in Francia subì una campagna di attacco intensivo, fino a bloccarne la commercializzazione. Finché il ministro Claude Evin la fece tornare sul mercato sostenendo : « Quella medicina è proprietà morale delle donne ».

In Francia più di metà delle donne usa ormai la pillola abortiva invece di ricorrere all’ operazione, mentre qui in Italia i tentativi di introdurla nell’ uno o l’ altro ospedale sono stati ostacolati con tutti i mezzi.

Nel 2005, infatti, all’ ospedale Sant’ Anna di Torino si avviò una sperimentazione del farmaco, ma l’ allora ministro della sanità Francesco Storace , comportandosi in pratica come braccio armato del Vaticano, riuscì a bloccare la procedura inviando gli ispettori ministeriali ed addirittura promuovendo indagini sull’ operato dei sanitari. Il ministro intervenne di forza anche quando fu la Regione Toscana ad utilizzare il farmaco abortivo, acquistandolo direttamente dalla casa produttrice.

Soltanto da pochi giorni finalmente, dopo mille polemiche ed infiniti tentativi di bloccare l’ aborto farmacologico, il 30 luglio 2009 l’ Agenzia italiana del farmaco ha dato il via libera al suo utilizzo negli ospedali italiani.

Adesso effettuare sabotaggi al diritto di aborto diventa più difficile, e le donne hanno a disposizione un mezzo meno invasivo e traumatico e privo dei tanti rischi , quali l’ anestesia, di una operazione chirurgica.

La reazione dei vescovi è stata immediata, e durissima, con i soliti toni minacciosi e l’ ingiunzione ai rappresentanti di uno Stato, che dovrebbe essere laico, di obbedire a dettami religiosi. Si annuncia già il tentativo di porre in atto ostacoli di ogni tipo, prospettando il ricovero obbligatorio per tre giorni in ospedale ( che altrove nessuno ritiene necessario e che causerà problemi, stante la carenza di posti letto ), addirittura si parla di sottoporre le donne a test psicologici preventivi. Continueranno la demonizzazione delle donne, la presenza di tanti medici obiettori, la scomunica sempre minacciata per le donne continuamente chiamate “colpevoli di omicidio” e “assassine” , come anche per i dottori che le assistono.

Ha scritto Stefano Rodotà sul quotidiano del 6 agosto 2009 : « E’ inammissibile (…) la pretesa autoritaria ed illegale di fare dell’ Italia un luogo dove alle donne è preclusa la possibilità di fare le stesse scelte delle donne di quasi tutti gli altri paesi europei: e dove si violano consolidate regole europee sulla registrazione dei farmaci, fondate sul “mutuo riconoscimento”. (…) Quando il responsabile per queste materie della stessa Cei ( Conferenza episcopale italiana) dice perentoriamente che “il governo deve bloccare tutto”, siamo di fronte alla negazione dello Stato di diritto, del suo essere fondato su regole e procedure che tutti devono rispettare. Altro che Stato e Chiesa, “ ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani”, come vuole l’ articolo 7 della Costituzione!

Di questo clima bisogna tenere conto, perché si cercherà di svuotare in via amministrativa quell’ autorizzazione, già severissima, ricorrendo alle abituali falsificazioni dei dati scientifici….(…) »

Il pericolo che si impedisca con ogni mezzo l’ uso della Ru486 è vivo e reale, perché ciò avviene spesso modo sotterraneo ed infido. Le motivazioni attualmente portate avanti da parte di illustri prelati come monsignor Rino Fisichella, presidente della Pontificia accademia della vita e, più di recente, dal cardinale di Milano Tettamanzi si ammantano di preoccupazioni mediche : e parlano infatti, citando dati incompleti e distorti per confondere l’ opinione pubblica, di “una pratica che comporta pericoli e rischi riguardanti la salute della donna”.

Ma non vi è mai stata da parte loro nessuna preoccupazione per l’ aborto clandestino o fai-da-te, talmente pericoloso da comportare danni permanenti ed anche la morte ad un numero incalcolabile di donne, in Italia.

Per fortuna, ( perché nessuna donna vorrebbe mai aver bisogno di un aborto) negli ultimi trenta anni dalla legge 194 il numero delle interruzioni volontarie di gravidanza in Italia si è dimezzato ; e questo unicamente grazie all’ uso dei contraccettivi, e di una molta maggiore informazione da parte delle donne. Il paradosso è che le gerarchie vaticane proibiscono recisamente anche la contraccezione, cioè il mezzo più indicato per impedire gravidanze indesiderate e quindi aborti.

Vi è stata la precisa richiesta da parte del papa Benedetto XVI di estendere anche ai farmacisti il diritto all’ obiezione di coscienza già riconosciuto ai medici antiaboristi. Il farmacista dovrebbe tra l’ altro rifiutarsi di vendere la pillola o altri contraccettivi ; ma questa condotta è contro la legge , perché il farmacista ha una licenza di vendita che lo obbliga ad essere al servizio dei clienti, delle persone che richiedono farmaci.

In particolare siamo nel mezzo di una emergenza sanitaria che riguarda la cosiddetta “pillola del giorno dopo”, la Norlevo, che non è come molti credono un farmaco abortivo, ma un contraccettivo ( impedisce la gravidanza ). Spesso negli ospedali e nelle cliniche di ispirazione cattolica ( o di proprietà di enti ecclesiastici ) i medici sono tutti obiettori ; e se il medico di turno è obiettore rifiuta di fornire il farmaco. Lo stesso fanno molti farmacisti, che nonostante la regolare ricetta la negano al cliente.

Vi è stato il caso di una ragazza romana respinta da ben sei ospedali, dove tutti si erano rifiutati di darle la pillola del giorno dopo. Nell’ aprile 2008, la procura di Pisa apre un’ inchiesta , dopo che questo farmaco era stato rifiutato a numerose donne , valutando una ipotesi di reato per l’ ASL : “ interruzione di pubblico servizio”.

Fu costretta ad intervenire l’ allora ministro Livia Turco, ribadendo la necessit{ « che la prescrizione della contraccezione d’ emergenza sia garantita, oltre che nei servizi consultoriali, anche nei pronto soccorso e nelle guardie mediche, prevedendo la presenza di almeno un medico non obiettore in ogni distretto sanitario ».

Stufe di subire, le donne hanno iniziato a denunciare. Il 2 giugno 2009, ad una donna di 37 anni di Teramo, sia la guardia medica che il pronto soccorso rifiutarono la pillola del giorno dopo. Si era nel weekend e soltanto dopo qualche giorno, grazie alla prescrizione di una ginecologa, lei riuscì ad acquistare il contraccettivo di emergenza. Ma era ormai incinta ; ha citato quindi per danni la ASL competente, per danno biologico e patrimoniale.

Nel luglio 2009 una donna di 34 anni , di Fiumicino, ha denunciato ai Carabinieri il titolare di una farmacia ( il quale per inciso è Presidente dell’ Unione farmacisti cattolici ) , perché le ha rifiutato il farmaco , pur se prescritto dal consultorio con regolare ricetta.

L’ Italia è ben lontana dai Paesi progrediti, se pensiamo che nel Regno Unito la pillola del giorno dopo viene data senza ricetta. In Francia essa è distribuita gratuitamente, e negli USA da tempo può essere venduta liberamente tra i farmaci da banco a tutte le donne maggiorenni (per le minori occorre una ricetta medica).

In altri Paesi la pillola contraccettiva , come anche la spirale e il diaframma, sono gratuiti, al fine di prevenire le gravidanze non volute.

In ossequio alle direttive delle gerarchie ecclesiastiche si è registrato a volte un comportamento fin troppo zelante, ed inqualificabile per medici e sanitari in genere : rifiutarsi di alleviare il dolore, quindi esprimere una volontà che possiamo chiamare “sadica” di infliggere dolore senza motivo.

Riporto da un quotidiano del luglio 2008 . All’ ospedale di Niguarda ( Milano), il medico anestesista di turno si è rifiutato di somministrare un antidolorifico ad una giovane di 30 anni, in preda a fortissimi dolori , causati dai primi interventi per indurre l’ aborto terapeutico. Poiché l’ antidolorifico consisteva in un forte anestetico e non in una semplice pillola, solo un anestesista poteva somministrarlo. Il marito ha denunciato il medico obiettore che “ si è rifiutato di alleviare il dolore della moglie”. Anche il primario, che è dovuto intervenire in emergenza per somministrare una iniezione di morfina alla donna, si è chiesto se questa supposta “obiezione di coscienza” non configuri una “omissione di assistenza”, ed è iniziata una inchiesta in merito.

Anche al San Camillo di Roma una donna , in preda a dolori terribili ( infatti l’ aborto terapeutico a 21 settimane, a cui lei si sottopose a causa di una grave malformazione del feto, è peggiore del parto ), ha sopportato lunghe ore di attesa perché venisse da un altro reparto l’ unico anestesista non obiettore.            Dopo il breve effetto, nuovamente non si è trovato un anestesista per ricaricare l’ anestetico.            « Una dottoressa – dice l’ articolo- ha anche dovuto sostituire le ostetriche, tutte latitanti ».

A questo proposito è pervenuta alla posta di Corrado Augias su “Repubblica” una lettera, di Roberto Martina, che osservava : « La cosa che mi stupisce sempre è che le vittime dell’ accanimento degli obiettori siano sempre esclusivamente le donne.

Non ho mai letto su giornali storie di uomini che non hanno ricevuto adeguata assistenza perché il medico era obiettore. Allora penso che la faccenda della carriera ( con gli aborti non si fa carriera, dunque si obietta) sia una comoda scusa accampata per nascondere una vecchia cultura, molto poco medica, che vuole che la donna debba pagare un prezzo sempre più alto per realizzare la propria identità e la propria libertà.

E’ il fantasma della discriminazione sessuale, per cui le donne hanno sempre un peccato da scontare, dai tempi di Adamo, e qualcuno depositario di una moralità divinamente migliore di altre, si erge a giudice. »

Questo lettore ha ragione : il problema riguarda la condanna particolarissima che è stata fatta dell’ aborto, considerato “peccato gravissimo”, per cui scatta automaticamente la scomunica, e da cui il semplice sacerdote non può assolvere ( ne hanno facoltà il Vescovo, o il Penitenziario della Cattedrale).

Al contrario, mai la Chiesa ha sanzionato in modo particolare la violenza e l’ uccisione di una donna : non si sono mai sentiti sermoni tuonanti contro lo stupro. E, se l’ aborto è un omicidio, perché nel passato, quando si affidava al marito, arbitro di vita e di morte sulla famiglia, la decisione di “salvare la madre o il bambino” in occasione di un parto difficile, se il marito lasciava morire sua moglie al fine di avere un erede non è mai stato ritenuto un assassino ?

In quanta scarsa considerazione venga tenuta la dignità ed il benessere delle donne lo rivela il vicepresidente della Pontificia Accademia per la vita, monsignor Jean Laffitte che, in un articolo per l’ Osservatore Romano, ha precisato che la “pillola del giorno dopo” non va usata neanche in caso di stupro perché « va difeso il diritto alla vita dell’ essere umano eventualmente gi{ concepito».

Più volte del resto la Chiesa Cattolica ha ribadito il divieto di aborto anche in caso di donna rimasta incinta dopo una violenza.

Ciò significa però ridurre le donne a un semplice “contenitore”, come ho già detto, ad un ambiente di sviluppo del feto, e ciò richiama gli stupri etnici nella ex Yugoslavia e in altri scenari di guerra, dove si tenevano prigioniere le donne per impedire loro di abortire.

Questa assoluta noncuranza nei riguardi delle donne è stata rivelata ancora meglio da un recente episodio che ha prodotto raccapriccio nel mondo : la scomunica comminata dall’ arcivescovo di Recife a chi ha aiutato ad abortire una bambina brasiliana , ed anche alla madre di lei che ne aveva fatto richiesta.

Ha scritto su “Repubblica” Corrado Augias il 6 maggio 2008 : « Un paio di anni fa il cardinal Bertone, Primo Ministro Vaticano, partecipando al meeeting di Rimini, attaccò con decisione Amnesty International che aveva inserito tra i diritti umani l’ interruzione di gravidanza per le donne violentate.

Poche settimane fa ha suscitato scandalo nel mondo la scomunica inflitta dall’ arcivescovo brasiliano José Cardoso Sobrinho al medico che aveva fatto abortire una bambina di 9 anni ( del peso di 33 chili ! ) violentata e messa incinta dal patrigno. La legge brasiliana consente l’ aborto in caso di stupro o di problemi per la salute della madre.

La sventurata bambina rientrava in ambedue le categorie essendo incinta di due gemelli, dunque a rischio della vita.

L’ implacabile arcivescovo ha dichiarato ; “ La legge di Dio è superiore a qualunque legge umana. Quindi se la legge umana è contraria alla legge di Dio non ha valore ”.

Chiedere a una donna di portare a termine la gravidanza in nome del diritto alla vita dell’ embrione significa obbligarla a farsi strumento della violenza per nove lunghi mesi. Diventare poi madre di un bambino che è figlio anche di un “nemico” .»

Un’ altra lettera inviata a “Repubblica” faceva poi notare che per il Vaticano « l’ infamia non è compiuta da chi commette la violenza, ma da chi cerca di restituire un po’ di serenità alla indifesa vittima della violenza ».

Infatti, l’ incredibile è che lo stupratore ( il patrigno che abusava della bambina da tre anni, da quando cioè lei aveva sei anni ) non è stato scomunicato. Alla domanda, il vescovo di Recife ha risposto : « Si tratta di un reato e di un peccato enormi, ma la Chiesa non c’ entra. Ci penserà la Giustizia. Non c’ è crimine peggiore dell’ aborto ».

A questo punto, qualunque commento è superfluo. Non tutti, anche nella Chiesa, hanno però condiviso queste posizioni estreme. Corrado Augias ha anche segnalato : « la posizione molto più tollerante ( potrei dire più “umana” ) di alcuni vescovi francesi.».

Ad esempio il vescovo di Nanterre ha scritto che « i vescovi devono manifestare la bontà di Gesù Cristo, il solo vero Buon Pastore » e non lanciare strali di scomuniche.

« Meno dottrina, insomma – dice Augias – e più misericordia, più comprensione per le condizioni reali di un’ esistenza. Domenica sera il presidente Obama nell’ università di “Notre Dame” ha detto tra l’ altro queste parole che faccio mie : “ Lavoriamo insieme per ridurre il numero delle donne che vogliono abortire diminuendo le gravidanze non volute”. Mi pare un approccio umanistico al problema. Chiudere all’ aborto e chiudere alla contraccezione ( preventiva e del giorno dopo ) mi pare invece solo ideologia, non dissimile da ogni altra disumana ideologia che abbiamo conosciuto nel Novecento. »

La mia opinione personale, che riguarda le caratteristiche della nostra specie, è che le donne fanno sui figli un investimento genetico fortissimo. La nostra andatura eretta e la testa sproporzionatamente grande del piccolo umano, infatti, hanno resi faticosi, difficili e rischiosi la gravidanza e il parto, mentre le femmine degli altri animali in genere non hanno particolari problemi.

Inoltre il piccolo umano ha una infanzia lunghissima ( la maggiore età è stabilita a 18 anni ), mentre gli altri cuccioli sono ben presto del tutto autonomi, e la madre molto difficilmente può da sola badare al suo sostentamento a al suo sviluppo. Per questo la società si fonda sulla famiglia, con il padre e la madre che insieme amorevolmente curano i figli. Ma comunque il peso di gran lunga maggiore grava sulla donna, e non si è fatto molto per evitarlo, finora.

Il vantaggio sta nel rapporto di incredibile bellezza e felicità con i figli, nella sacralità che ha assunto la parola “mamma”.

Al contrario, l’ impegno gravoso della gravidanza e della cura dei figli ha fatto sì che le donne ne ricavassero un enorme svantaggio sociale. Dalla maternità la vita della donna è permanentemente modificata, anzi stravolta: per tale motivo appare un alienabile diritto delle donne quello di scegliere se diventare madri o no .

Checché ne dicano i dottori della Chiesa o altri illustri “pensatori”, quasi sempre maschi, prontissimi a dettare leggi e regole di vita a cui non dovranno mai obbedire.