“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Costituzione

MARCO MORI: Con il lockdown si è violata la Costituzione. Vi spiego perché


La libertà individuale e l’importanza del concetto di popolo. Parte 6

Persone libere di sé e senza voce

Un servo libero è qualcuno che, sebbene privato della protezione politica, sia che questo sia compreso com’era nell’era medievale (Bloch, 1961 ), che faceva una distinzione tra il protettore e il protetto, o come era compreso nella tradizione liberale (Locke, 1679 (1960); Kant, 1793(1977)), in cui ogni persona è allo stesso tempo protettrice e protetta – può ancora soddisfare i propri bisogni fisici vendendo se stessa o il proprio lavoro. Le restrizioni private neoliberali alla libertà non possono prevalere sulla deliberazione autocratica senza restrizioni di coloro che, in assenza di diritto pubblico, possono rinunciare liberamente alla loro libertà in situazioni di estrema necessità, schiavizzandosi così volontariamente. Il rifiuto di un limite pubblico alla libertà individuale, insieme alla sovrapposizione del diritto pubblico e degli interessi privati, consente ordini senza restrizioni e, di conseguenza, obbedienza senza libertà (sulla precarietà del lavoro vedi Gill e Pratt, 2008 ; sulle condizioni di lavoro nei negozi di sudore , vedi Bales 1999). Di conseguenza, la teoria e la pratica politica neoliberista consentono la creazione di una situazione in cui alcuni cittadini (servi) obbediscono solo mentre altri (signori) solo comandano.

 

Si potrebbe sostenere che, nonostante le differenze sociali ed economiche, insieme al loro impatto non trascurabile sulla libertà individuale (Marx 2000 ; Rawls, 1971 ), la Great or Open Society del neoliberalismo non è compatibile con il servo. Indipendentemente dalla mancanza di chiari criteri politici per la definizione dello status giuridico e politico di un individuo (Bloch, 1961 ), le relazioni umane si sono evolute in condizioni di disuguaglianza giuridica e politica (ad esempio la persona libera superiore rispetto al servo inferiore o al vassallo). Questa disuguaglianza giuridica e politica è al lavoro, ad esempio, nei sistemi in cui i signori offrono protezione in cambio di obbedienza totale (da parte dei servi e dei vassalli) (Bloch, 1961). Dal punto di vista della teoria neoliberista, siamo tutti uguali: la società neoliberista non contiene disuguaglianze legali o politiche e non divide i cittadini tra coloro che sono superiori e quelli che sono inferiori. Inoltre non include “relazioni protettive” o obblighi giuridici e politici. Essere a disposizione di qualcun altro che può fare tutto ciò che gli piace e al quale si deve l’obbedienza senza restrizioni non implica né che si abbia uno status giuridico inferiore né che la relazione politica in gioco sia quella di un superiore a un inferiore. Le persone hanno lo stesso status costituzionale legale (sono tutte ugualmente libere) e tutte hanno ugualmente il diritto di perseguire i propri interessi privati. Anche se le persone si vendono da sole, ciò riguarda la restrizione privata della libertà dal punto di vista del neoliberismo e non è in conflitto con le condizioni richieste per il corretto funzionamento dell’ordine spontaneo, vale a dire con la libertà privata degli individui. Tuttavia, l’ambito privato del servizio reciproco delle persone – il proibizionismo servire gli altri per il benessere di quegli altri – non impedisce a una persona di servire un altro come mezzo per garantire il proprio benessere privato, nel qual caso non sarebbe appropriato capire la loro relazione in termini di servitore e signorile .

 

Oltre a comportare ciò che è noto nella filosofia politica come la libertà degli schiavi, vale a dire la libertà di scegliere se rispettare gli ordini del padrone o essere picchiati a morte, la privatizzazione del benessere che deriva dalla cooperazione degli individui è basato sulla restrizione coercitiva della libertà, in base alla quale alcuni obbediscono senza libertà e altri comandano senza restrizione. Pertanto, anche se nelle società spontanee neoliberiste alle persone non vengono assegnati stati politici esplicitamente diversi, che comportano diritti e doveri politici diversi, la società politica neoliberista non impedisce alle persone di diventare servili o, di conseguenza, di diventare dispotiche. Questo fatto rivela fino a che punto il neoliberismo comporta un processo pericoloso di ciò che alcuni autori hanno chiamato refeudalizzazione (Supiot, 2013; Szalai, 2017 ), la cui analisi completa merita un esame a parte.

 

Tuttavia, quando obbediscono senza libertà , se i cittadini non acquisiscono i propri diritti, rischiano di diventare qualcosa di meno di un libero servo, cioè un libero cittadino escluso. Un cittadino escluso gratuitamente è un cittadino che vive in una società libera senza disporre delle risorse personali, sociali o istituzionali per sfruttare la propria libertà. Quando l’ordine spontaneo neoliberista non fornisce alcun diritto concreto e quando il benessere di un altro non ha alcun rapporto con il proprio, uno è libero di perseguire il proprio benessere anche a danno degli altri unilateralmente (la persona completamente alienata può essere buttata via). In questo caso, i cittadini senza voce e invisibili possono godere di una libertà puramente negativa, in assenza delle risorse personali, sociali e istituzionali con le quali potrebbero altrimenti raggiungere il benessere. Il neoliberismo comporta anche il rischio continuo di passare dalla cittadinanza servile (o docile) alla persona senza legge. In quanto tale, l’esistenza sociale degli individui è esclusa dalla stessa procedura di soggettivazione neoliberale (in cui gli esseri umani si fanno e diventano soggetti, Foucault, 2008 ).

 

Il neoliberismo non si riduce a favorire il radicamento della disuguaglianza politica: la divisione dei cittadini in coloro che obbediscono e coloro che comandano. Inoltre non implica semplicemente una situazione in cui alcuni sono protetti dallo stato mentre altri non lo sono, in cui gli interessi privati ​​hanno il monopolio della protezione e dei diritti legali mentre altri sono negati alla protezione politica e hanno solo doveri (sulla precarietà del lavoro vedi Gill e Pratt , 2008 ). Allo stesso modo, non implica esclusivamente arbitrarietà politica; la riduzione privata della legge “pubblica” consente l’istituzione unilaterale delle regole (o la loro revoca). In definitiva, il neoliberismo rischia di portare alla totale esclusione di alcuni cittadini sotto il velo della piena libertà. La scomparsa della volontà della gente provoca l’invisibilità di alcuni tipi di persone, che sono quindi costrette a vivere nella società spontanea come se fossero persone apolidi o senza legge.

 

 

 

È vero che, nella distinzione tra premesse teoriche neoliberiste e pratica neo-liberale, la mancanza di protezione degli individui non corrisponde a questi casi estremi. Esiste una distinzione tra premesse teoriche neoliberiste e leggi governative neoliberiste all’interno delle molte versioni dello stato sociale, ad esempio il rimodellamento del neoliberismo delle precedenti politiche statali (welfare) secondo linee neoliberali (Kus, 2006 ). Il neoliberismo ha conservato alcuni degli elementi di quello stato (come la protezione dei diritti dei più vulnerabili), sebbene questi elementi siano stati rimodellati dall’approccio del mercato al benessere sociale (Hartman, 2005 ; MacLeavy, 2016). Su questa base, i funzionari neoliberisti hanno assegnato beni e servizi pubblici a fornitori del mercato privato, ridisegnando i programmi sociali per soddisfare le esigenze dei mercati del lavoro neoliberisti piuttosto che il benessere personale e stabilire partenariati tra lo stato e il settore privato (Brodie, 2007 ).

 

Inoltre, alcuni sostengono che l’approccio del neoliberismo al mercato del benessere sociale sia stato un tentativo di superare alcune difficoltà economiche e sociali del welfare state. Ad esempio, l’internazionalizzazione economica ha influito sulla redditività competitiva dello stato sociale (Boyer and Drache, 1996 ; Rhodes, 1996 ). Inoltre, l’espansione dello stato ha indebolito i gruppi intermedi e ha messo a repentaglio le libertà individuali, sottoponendo i cittadini a controlli burocratici crescenti (Alber, 1988 ). Non ci soffermeremo su un’analisi completa di questi sviluppi. L’approccio neoliberista al mercato è, tuttavia, incompatibile con l’idea stessa di uno stato sociale. In effetti, nonostante le differenze tra le versioni socialista, conservatrice e liberale di quello stato (Esping-Andersen,1990 ), gli stati sociali proteggono i diritti sociali, come il diritto all’istruzione e alla salute, e quindi forniscono politiche sociali per farli valere (Marshall, 1950 ; Esping-Andersen, 1990 ), in modo tale che “ ha fornito il servizio, non il il servizio acquistato, diventa la norma del benessere sociale ”(Marshall, 1950 , p. 309). Inoltre, il funzionamento dello stato sociale richiede il contributo di concittadini (Marshall, 1950 ; Esping-Andersen, 1990 ). Al contrario, l’approccio del mercato rifiuta in linea di principio tutti i diritti sociali, come il diritto all’istruzione e alla salute, e richiede che il benessere individuale sia un’impresa esclusivamente privata (Brodie, 2007 ; MacLeavy, 2016). Invece di essere forniti, tali servizi dovrebbero essere acquistati (Brodie, 2007 ; MacLeavy, 2016 ).

 

Inoltre, se il mercato economico identifica solo bisogni risolvibili e se gli individui non possono segnalare la loro mancanza di risorse, lo stato sociale neoliberista non può impedire che individui che sono stati privati ​​dei loro diritti diventino invisibili, insieme alla conseguente insicurezza istituzionalizzata (Brodie, 2007 ) , ha intensificato la povertà e la disuguaglianza e la diminuzione della sicurezza dell’occupazione e del reddito per molti lavoratori dipendenti (Clayton e Pontusson, 1998 ; Stiglitz, 2013 ). Se la società spontanea e i suoi governi non forniscono alcun diritto e se gli individui non li acquisiscono nel mercato economico, non vi è motivo di rivendicare tali diritti (compresi i diritti sociali). In questo caso, il welfare sociale neoliberista si riduce in beneficenza (Clayton e Pontusson,1998 ; Raddon, 2008 ; Mendes, 2003 ). In base a questa riduzione, la teoria neoliberista promuove la dipendenza degli individui dalla benevolenza privata dei cittadini che, dopo aver legiferato con i propri interessi in mente e dopo aver negato ad altri il diritto di godere dei frutti dei propri contributi, stabiliscono la spesa pubblica come un “libero pranzo ”(di sorta, sostenendo paradossalmente che“ la spesa pubblica non è un pranzo libero ”(Barro, 2009 ); vedi Nozick, ( 1974 ) difesa della carità)). La concezione neoliberale del benessere mostra anche come la teoria e la pratica neoliberista non impediscano la subordinazione di alcuni individui alla padronanza esterna non consensuale.

 

Il neoliberismo è egualmente impegnato nella riduzione statale o nell’austerità permanente (Whiteside, 2016 ). Richiedendo il risanamento di bilancio, i tagli alla sicurezza sociale, la privatizzazione della proprietà pubblica, la liberalizzazione della contrattazione collettiva e la riduzione delle pensioni (Barro, 2009 ), l’austerità non solo indebolisce tutti i tentativi di istituire la sicurezza sociale, ma sfida anche i liberali e democratici base della società. Innanzitutto, l’austerità neoliberista trascura il benessere delle persone. Nel 2013 un politico neoliberista portoghese ha dichiarato che anche se sotto l’austerità il benessere della popolazione era peggiorato, il paese stava meglio alla nota1. Il fatto che le politiche neoliberiste abbiano migliorato il mercato statale è più rilevante del fatto che il popolo portoghese è stato trascurato e gravemente danneggiato (Legido-Quigley et al. 2016 ).

 

In secondo luogo, il neoliberismo esclude in linea di principio la volontà del popolo, ovvero obbliga i cittadini a obbedire alle leggi private a cui non hanno acconsentito. Di conseguenza, esclude il rifiuto dei cittadini dei suoi effetti dannosi, come la povertà e la disuguaglianza, e respinge tutti gli appelli a politiche alternative. In seguito al referendum politico del 2015, ad esempio, in cui il popolo ha votato contro la politica neoliberale di austerità , il governo greco ha comunque imposto un terzo programma economico aspro e austero .

 

Di conseguenza, i principi politici neoliberali, integrati nelle politiche di austerità, non possono impedire a determinati cittadini di diventare cittadini invisibili e senza voce, vale a dire, Nobodies . Come cittadini senza voce, le loro preferenze possono essere registrate solo attraverso canali illiberali e antidemocratici, come il populismo. Solo in seguito all’elezione del presidente degli Stati Uniti Trump, il deterioramento delle condizioni di vita dei cittadini americani che vivono negli stati della cintura antiruggine del Michigan, Pennsylvania e Wisconsin è diventato ampiamente noto (Walley, 2017 ). Trattati come niente e divenuti nessuno, questi cittadini affrontano il Nobol istituzionale neoliberista oppressivo e violento, con il suo corpo politico non meno violento e opprimente.

Freedom


Costituzione e libertà

Fonte: un utente coraggioso del gruppo Facebook Morris San

AUTOCERTIFICAZIONE, LEGGETE CON ATTENZIONE:

L’autocertificazione proposta viola la Legge 445 del 2000 che regolamenta le autocertificazioni, in particolar modo l’art.49 esplicita, al comma 1, che i certificati medici, veterinari, sanitari non possono essere sostituiti da altro documento, quindi non si può autocertificare uno stato di salute.
L’ultimo Decreto Legge ci dice che è SCONSIGLIATO uscire di casa, a meno che non ci siano delle comprovate necessità, delle urgenze, dei motivi di lavoro e salute o motivazioni specifiche.
L’impianto che è stato messo in piedi e che viene alimentato dai media è anticostituzionale:
l’art. 2 della Costituzione dice che la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo,
l’art.10 dice che l’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del Diritto Internazionale,
l’art. 13 dice he la libertà personale è inviolabile,
l’art. 16 dice che ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio.
Le persone restano chiuse in casa perché lo dice la televisione, non perché lo dice la legge.
Questo Decreto Legge prevede delle deroghe alla Costituzione che non sono attuabili con un DPCM, oltretutto il governo non può delegare alle regioni e ai sindaci simili deroghe alla Costituzione, quindi non è assolutamente vero che la Regione può ordinare di circolare con la mascherina, non è assolutamente vero che la Regione può ordinare di non andare oltre i 200 mt dalla propria abitazione, perché sono competenze che non rientrano in nessun modo nelle prerogative dell’amministrazione regionale.
L’art. 16 stabilisce che le uniche limitazioni alla libertà di movimento dei cittadini sono quelle stabilite dalla legge, dichiara che, per poter limitare dei diritti costituzionali, occorre emanare una legge che faccia una modifica costituzionale o una deroga alla Costituzione in virtù di uno stato di eccezione, ma la realtà dei fatti è che l’art.78 della Costituzione dice chiaramente che l’unico stato di emergenza riconosciuto dall’Italia, tramite il quale si possano dare al governo dei poteri straordinari di deroghe costituzionali, non è uno stato di presunta emergenza sanitaria, ma uno stato di GUERRA.
L’Italia NON è in guerra, anche se i media continuano a dire “siamo in guerra contro il coronavirus “, perché i nuneri ufficiali smentiscono questo stato.
L’OMS ha dichiarato una situazione pandemica e NON uno stato di pandemia.
Lo stato di emergenza dichiarato dal governo è anticostituzionale, perché o si dichiara guerra e quindi il governo ha pieni poteri, oppure non ci sono i presupposti per fare una legge che violi apertamente gli articoli 2, 13 e 16 della Costituzione, chiedendo ai cittadini di giustificare alle forze dell’ordine dove stanno andando.
L’ultimo Decreto Legge dà potere di Pubblica Sicurezza alle forze armate. Quindi, cosa succede quando un Presidente del Consiglio stabilisce che ti devi giustificare perché ti stai muovendo, che lui può tranquillamente parlare a nome di tutta la nazione, (infatti non usa più la bandiera della Presidenza del Consiglio, usa solo la bandiera italiana e la bandiera europea durante i propri discorsi) e, per giunta, da’ potere di Pubblica Sicurezza alle forze armate?
In qualsiasi altra nazione del mondo si parlerebbe di COLPO DI STATO.
Invece, in Italia, le persone sono convinte che devono giustificarsi e che per legge devono restare in casa, mentre tutte queste idee sono semplicemente veicolate dalla televisione, non dalla legge.
Le forze dell’ordine possono agire solo in 3 casi:
1.in caso di flagranza di reato,
2.in forza di legge
3.in forza di autorità (ordine scritto), quindi il carabiniere deve dare un ordine scritto con nome e cognome, grado, numero di matricola e deve essere presentato ad un giudice che ha 48 ore di tempo per convalidarlo o dichiararlo illegittimo.
Il Decreto Legge per specifiche necessità NON richiede l’autorizzazione. Non c’è una legge che ti obblighi a consegnare i documenti a una forza dell’ordine, esattamente come un pubblico ufficiale non ti consegnerebbe mai il suo distintivo.
L’art. 54 recita che tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.
Allora perché tutta questa insistenza nel chiedere le autocertificazioni?
Perché c’è una fonte del diritto che è la CONSUETUDINE, cioè quando milioni di italiani applicano una consuetudine, ovvero una prassi, e addirittura autocertificano che loro la conoscono, sanno come stanno le cose, ma non gl’importa perché la televisione gli ha detto di fare così, e quindi permettono al governo di raccogliere centinaia di migliaia di firme, a quel punto, quando i giuristi diranno “Guardate che quello che avete fatto è anticostituzionale! “, il Presidente del Consiglio potrà esibire le firme raccolte con le autocertificazioni e dire: “Ma Signori, è CONSUETUDINE, ce l’hanno chiesto gli italiani! ” e quindi stiamo facendo diventare la Costituzione carta straccia.
Ricominciate a studiarla, ricominciate a leggerla, andatevi a leggere il Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, imparate a gestire le relazioni che non sono in forza di legge, ma sono in forza di autorità.
E imparate a chiedere che vi vengano sottoscritti degli ordini, con nome, cognome, grado e numero di matricola, in modo che i carabinieri, i vigili, la polizia, l’esercito si assumano la responsabilità di quello che vi stanno chiedendo di fare, perché altrimenti siete voi a tradire la Costituzione e a dar ragione al colpo di stato che stanno cercando di mettere in atto.
Già.
Stiamo facendo fallire una nazione e suicidare la nostra gente perché ce lo chiede la TV.

Altri chiarimenti a questo link