L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Articoli con tag “De Sade

L’educazione sentimentale di Eugenie

Goditi “L’educazione sentimentale di Eugenie” on line

L’astuta e passionale Madame De Saint-Ange ha preso a cuore l’educazione della giovane e illibata Eugénie e al contempo vuole sedurre il marchese Dolmancé, un celebre filosofo omosessuale. In due giorni, con l’aiuto del fratello, il Cavalier de Mirvel e del giovane servo Augustin, Madame porterà a compimento l’impresa con espedienti più o meno ingannevoli, messi in atto attraverso una combinazione di sensualità, erotismo e sentimento.

USCITA CINEMA: 17/06/2005
GENERE: Erotico
REGIA: Aurelio Grimaldi
SCENEGGIATURA: Aurelio Grimaldi, Michele Lo Foco
ATTORI:
Sara Sartini, Antonella Salvucci, Valerio Tambone, Cristian Stelluti, Salvatore Lizzio, Guia Jelo, Boris Vecchio
Ruoli ed Interpreti

FOTOGRAFIA: Marco Carosi
MONTAGGIO: Giuseppe Pagano
MUSICHE: Maria Soldatini
PRODUZIONE: UGO TUCCI E VALERIO DE PAOLIS
DISTRIBUZIONE: BIM
PAESE: Italia 2005
DURATA: 88 Min
FORMATO: Colore
VISTO CENSURA: 14

SOGGETTO:
liberamente tratto da “La filosofia del boudoir” (1795) del Marchese de Sade e “Le relazioni pericolose” (1782) di Choderlos de Laclos

CRITICA:
“Aurelio Grimaldi è un regista cocciuto e diseguale, orgogliosamente deciso a non arrendersi, ma anche pronto a impegolarsi in ogni tipo di battaglie perse. Stavolta, nonostante un budget miserando, il regista siciliano ha affrontato addirittura ‘La philosophie dans le boudoir’ del Marchese De Sade, chiedendo per di più allo sceneggiatore Michele Lo Foco di contaminarlo con numerosi e strategici prelievi da ‘Les liaisons dangereuses’ di Choderlos de Laclos. ‘L’educazione sentimentale di Eugénie’ ovviamente fallisce e si potrebbe infierire a ruota libera, recitando le solite preci per il cinema italiano, se non fosse per la fluida eleganza dell’ambientazione e la scoperta di un’interessante esordiente (Sara Sartini) come disinibita protagonista. La trama d’altronde è così programmatica e concettosa da riportare al suolo tutti i voli pindarici del buon Grimaldi che, a dispetto delle dichiarazioni grottescamente rivoluzionarie, stila una sorta di bignami dell’erotismo settecentesco, con tanto di nudità patinate e situazioni hard rinfrescate dalle musiche barocche di prammatica. Conta poco riferire di Madame Saint Ange e del suo cesello d’alta scuola libertina sulle morbide forme (fisiche e intellettuali) dell’educanda e sul connesso gioco seduttivo attivato con la partecipazione di un fratello incestuoso, un marchese depravato e un servo superdotato: la malizia persino accattivante del film si sgretola a causa del dislivello tra dialogo altisonante, pose voyeuristiche e disastrosa performance degli attori maschi.”


Eugenie (Philosophy in the Boudoir) – Jesus Franco

Goditi ” Eugenie… the Story of her Journey into Perversion” del Maestro  Jess Franco on line

È una libera trasposizione cinematografica in tempi moderni del romanzo del Marchese de Sade, La filosofia nel boudoir.

È noto anche con il titolo Eugenie… the Story of her Journey into Perversion.

Genesi e fortuna
Dopo Justine and Juliet, il produttore londinese Harry Alan Towers propose a Jesús Franco di girare un secondo film tratto dall’opera del Marchese de Sade. La scelta cadde questa volta su La filosofia nel boudoir.

Se Justine and Juliet era un film in costume, relativamente fedele all’originale e girato con un budget considerevole, Philosophy in the Boudoir fu pensato come film in abiti moderni e a costo contenuto.

La sceneggiatura prevedeva scenari naturali e pochi interni, cosicché il film, girato sulle coste della Spagna, non risentì in alcun modo dei limiti economici. Anzi, gran parte della critica lo considera il più esteticamente equilibrato tra i film che Franco girò per Towers fra il 1968 e il 1970.

Ciononostante, Philosophy in the Boudoir ebbe una distribuzione assai limitata. A New York uscì il 26 agosto 1970, ma in Gran Bretagna, il paese del produttore e dell’attore di maggior richiamo, Christopher Lee, scomparve quasi subito dalle sale. A ciò si aggiunga che, fatto ancora più sorprendente, non fu mai edito in videocassetta.

Di fatto, fu solo nel 2002 che i fan del regista spagnolo e dell’attore britannico ebbero modo di vedere il film, grazie all’edizione in DVD uscita negli USA.

La spiegazione più plausibile di questa duplice anomalia risiede nel fatto che Franco non informò Christopher Lee del tipo di film che stava girando. L’attore, che in realtà appare solo per poche scene nelle vesti di un fine dicitore che legge alcune pagine del romanzo (quanto a dire di sé stesso), ebbe pertanto la brutta sorpresa di trovare il proprio nome sulle locandine di un film proiettato nel quartiere di Soho, in un cinema specializzato nel genere erotico. Oggi gli studiosi ritengono che il ritiro di Philosophy in the Boudoir dal circuito inglese sia stato dunque provocato da un diretto intervento del celebre attore.

Trama
Madame de Saint-Ange, una giovane e avvenente signora, trascorre il tempo immergendosi nella lettura della Filosofia nel boudoir del Marchese de Sade. All’improvviso squilla il telefono: è la giovanissima Eugénie, che presto dovrà incontrare per il week-end.

Ad un appuntamento clandestino, Madame de Saint-Ange si concede a Monsieur de Mistival, il padre di Eugénie, a patto che consenta alla figlia di farle visita nella sia isola privata.

Nell’isola, Madame de Saint-Ange attende trepidante Eugénie insieme al fratellastro, e amante, Mirvel. L’ospite è accolta con ogni premura, ma la dolcezza dei luoghi e della compagnia si trasforma presto in un’esperienza allucinante.

Eugénie vive, o crede di vivere, tre riti di iniziazione sadico-erotica. Prima viene sverginata da Mirvel. Quindi è frustata da un gruppo di bizzarri ospiti in costume (gli stessi che apparivano a Madame de Saint-Ange durante la lettura del romanzo), capitanati da Dolmancé. Infine uccide Mirvel e, sotto la guida di Dolmancé e degli altri ospiti, la stessa Madame de Saint-Ange, estraendone il cuore dal petto.

Fugge quindi tra le dune, nuda e in lacrime. Il telefono squilla: Madame de Saint-Ange va a rispondere. È Eugénie. La storia ricomincia….

Il film
Pochi film di Jesús Franco hanno ricevuto negli ultimi anni l’attenzione di Philosophy in the Boudoir (oggi più noto col titolo americano Eugenie… the Story of her Journey into Perversion). Le recensioni all’uscita del DVD sono state largamente positive e hanno sottolineato in particolare la presenza di una fattura costantemente elegante e una cura del dettaglio che non sempre si riscontrano nella produzione del regista spagnolo.

Il titolo originale, De Sade 70, inquadra bene l’idea di fondo del film: trasportare l’universo del Marchese De Sade nella cultura e nell’estetica contemporanea. La villa di Madame Saint-Ange è arredata con aristocratica essenzialità, nello stile degli ultimi anni sessanta, con colori chiari e tocchi preziosi. Altrettanto alla moda sono gli abiti. Tutto concorre a creare l’immagine del contesto alto borghese in cui agisce la coppia sadica e incestuosa di Madame Saint-Ange e Mirvel, che nella dolcezza solare e insieme malinconica di un paesaggio naturale dominato dal mare e dalle distese di sabbia attende la sua giovane vittima per sottoporla ad una sorta di rito di iniziazione. La storia di Eugénie è infatti una dolorosa metafora della crescita come perdita di ogni innocenza.

Il ruolo della giovane protagonista fu affidato ad un’attrice svedese, Marie Liljedahl, non ancora ventenne, reduce da alcuni successi nel cinema erotico soft. Il regista puntò sul suo aspetto di bambolina dal volto di porcellana rigorosamente inespressivo, facendone una vittima ideale. Accanto a lei, Maria Rohm dimostrò di essere ben di più della compagna del produttore, tratteggiando un personaggio al tempo stesso algido e sensuale, crudele e triste. Come spesso accade nei film di Franco, è la donna a condurre il gioco, mettendo in ombra la figura maschile, qui interpretata dall’attore americano Jack Taylor, la cui omosessualità aggiunge un ulteriore elemento di ambiguità delle scene erotiche.

La colonna sonora di Bruno Nicolai, pubblicata su CD da Digitmovies, ha un’importanza fondamentale nel definire l’atmosfera del film. L’eclettico e colto compositore di musica dodecafonica attinge qui al repertorio leggero, mescolando registri stilistici quanto mai eterogenei: dalla vacanziera spensieratezza delle danze sudamericane alla leggerezza aristocratica di un valzer francese, dalle sonorità elettroniche che accompagnano i riti satanici al languore melanconico della canzone Voice in the Night, accompagnata solo dalla chitarra e intonata da Augustin, il servo nero che, come noi spettatori, contempla l’intera vicenda dall’esterno, frustrato in ogni tentativo di avvicinarsi agli oggetti del suo desiderio.

Il tutto nel luogo irreale e mentale rappresentato dall’isola, vero leitmotiv del cinema di Franco, in un’inscindibile sovrapposizione tra realtà e sogno sottolineato dall’uso di filtri rossi in alcune scene chiave e da frequenti effetti di fuori fuoco.

Titoli alternativi
Il film fu girato con il titolo De Sade 70.

Negli USA e in Francia fu distribuito come

Eugenie… the Story of her Journey into Perversion (USA)
Les Inassouvies (Francia)
In Germania, da alcune lobby cards, sappiamo che doveva essere distribuito prima con il titolo originale

De Sade 70 – Geschlagen und Geliebt
e poi come

Die Jungfrau und die Peitsche
In entrambi i casi tuttavia la censura lo vietò e alla fine il film fu distribuito come Wildkatzen, nel 1972 (la prima proiezione di cui si ha notizia risale al 2 giugno).


Justine, ovvero le disavventure della virtù

Goditi “Justine, ovvero le disavventure della virtù” on line

Un film di Jesus Franco. Con Klaus Kinski, Akim Tamiroff, Jack Palance, Sylva Koscina. «continua Romina Power, Maria Rohm, Rosalba Neri Titolo originale Marquis de Sade: Justine. Erotico, durata 124 min. – Italia 1969. – VM 18

Alle prese con professionisti del crimine e aristocratici assassini, la povera orfana Justine patisce oltraggi e peripezie di ogni genere, attaccata ostinatamente alla sua ingenua virtù. Diretto da un prolifico regista madrileno che, sotto vari pseudonimi (Jess Frank, Robert Zinnermann, David Kuhne, Clifford Brown, Toni Falt, Frarik Hollman, ma il cui vero nome è Jesús Franco) era capace di girare anche 8 o 9 film all’anno, è uno stravagante pasticcetto sadomaso. Ispirato al romanzo Justine, ou les malheurs de la vertu (1791) di Donatien-Alphonse-François de Sade (1740-1814).

Chiuso in carcere, il Marchese De Sade trascorre le giornate tra deliranti visioni che gli ispirano il manoscritto del romanzo dedicato alle avventure di Justine e Juliette, due giovani sorelle che vivono nella Francia del XVIII secolo.
Rimaste improvvisamente orfane, Justine e Juliette sono costrette ad abbandonare il collegio per procurarsi da vivere. Le loro strade a questo punto si dividono: la bionda e viziosa Juliette va a lavorare nel bordello di Madame de Buisson, a Parigi, e di lì fa fortuna passando di delitto in delitto, uccidendo senza esitare chiunque si ponga sulla sua strada, per diventare infine la mantenuta di un Conte.
La mora e virtuosa Justine invece si stabilisce a casa di Monsieur de Harpin, lavorando come sguattera, ma quando rifiuta le avances di Monsieur Desroches viene accusata ingiustamente di furto, mandata in prigione e condannata a morte.
Evasa in modo avventuroso al seguito della Dubois, la più celebre delinquente di Francia, Justine deve difendersi dalla foia degli accoliti della donna che l’ha salvata. Finché, durante una fuga, ha la fortuna di imbattersi nel romantico pittore Raymond, che la ospita nella sua casa.
Ricercata dalle guardie, Justine deve abbandonare il nido d’amore e nascondersi nel palazzo del marchese di Bressac, dove lavora come cameriera personale della marchesa. Il marchese, omosessuale, uccide la moglie e si libera della cameriera, che aveva messo a parte dei suoi progetti criminali, non prima però di averle impresso a fuoco sul petto la lettera “M”, che al tempo costituiva il marchio dell’infamia.
A Justine non resta che cercare ricovero in un convento, dove è accolta molto affettuosamente da fratello Antonello e dai confratelli. I frati tuttavia si rivelano ben presto un manipolo di sadici e iniziano a sottoporla a torture, come fanno da tempo alle altre giovani ospiti del convento.
Approfittando di un incendio, Justine riesce anche questa volta a fuggire, ma è intercettata dalla Dubois, che la costringe ad esibirsi nuda su un carro teatrale. Ma durante lo spettacolo, alla vista del marchio dell’infamia, il pubblico la addita come assassina. Justine è sul punto di essere arrestata, quando interviene a sorpresa la sorella Juliette, che la scorge da una carrozza e chiede al suo potente amante di farla liberare all’istante.
Così, concluse le rispettive avventure, Justine e Juliette si riuniscono e, grazie alle scelleratezze della sorella, Justine riesce anche a coronare il suo sogno d’amore, abbandonando la scena mano nella mano con il pittore Raymond, suo futuro sposo.

GENERE: Erotico
REGIA: Jesus Franco
SCENEGGIATURA: Peter Welbeck, Arpad De Riso
ATTORI:
Klaus Kinski, Romina Power, Maria Rohm, Rosemarie Dexter, Carmen de Lirio, Akim Tamiroff, Gustavo Re, Mercedes McCambridge, Mike Brendel, Harald Leipnitz, Horst Frank, Sylva Koscina, Howard Vernon, Jack Palance, Rosalba Neri, Jesus Franco, Serena Vergano, Gérard Tichy
Ruoli ed Interpreti

FOTOGRAFIA: Manuel Merino
MONTAGGIO: Nicholas Wentworth, Francesco Bertuccioli
MUSICHE: Bruno Nicolai
PRODUZIONE: AICA CINEMATOGRAFICA, AMERICAN INTERNATIONAL PICTURES, CORONA FILMPRODUKTION, ETABLISSEMENT SARGON
DISTRIBUZIONE: CIDIF
PAESE: Italia 1968
DURATA: 102 Min
FORMATO: Colore 35 MM, EASTMANCOLOR
VISTO CENSURA: 14


Recensione: La filosofia del boudoir di De Sade.

La filosofia del boudoir

     
     “Voluttuosi di ogni età e di ogni sesso , a voi soltanto offro questa mia opera. Nutritevi dei suoi principi, favoriscono le vostre passioni; e queste passioni di cui certi moralisti freddi e smorti vi incutono terrore, sono gli unici mezzi cui la natura si serve per far compiere all’uomo i propri disegni.Date ascolto soltanto a queste passioni deliziose: solo la loro voce deve guidarvi alla felicità.”

 da “La Filosofia del Boudoir”,  De Sade.

“ Tutte le grandi cose devono indossare maschere mostruose per imprimersi nel cuore dell’umanità.”

Friedrich Nietzsche
Si potrebbe pensare che l’ossessione di Sade sia il piacere e in fondo nessuno può negarlo, ma la vera ambizione dello scrittore francese, in questo romanzo pubblicato nel 1795, è pedagogica, anche se si tratta di una pedagogia rovesciata. Così in un salottino, in un boudoir, diversi personaggi appartenenti all’aristocrazia si prefiggono lo scopo di corrompere una fanciulla, convincendola con i loro ragionamenti prima e con dimostrazioni pratiche poi che la via del libertinaggio è quella preferita dalla natura, contro le normali e oltraggiatissime imposizioni della società e della religione cristiana, realtà contro le quali Sade scaglia le sue invettive feroci e affila la lama del suo formidabile sarcasmo.

Il parossismo del desiderio è così raggiunto in poche pagine, le descrizioni dei più perversi atti sessuali si accompagnano alla teorizzazione più implacabile della loro necessità. La natura è esaltata come fonte di ogni verità, natura che spinge uomini e donne al delirio erotico, al crimine, alla dissolutezza più scandalosa. Le illusioni antropocentriche sono spazzate via, in un mondo indifferente alla sorte umana tutti i valori sono aggrediti con violenza e svuotati di ogni senso, con un’operazione di feroce nichilismo. Ma di naturale in questo desiderio c’è ben poco, o meglio, l’eccesso dello stesso diventa la norma, la depravazione spinge questi personaggi a un’orgia continua, intervallata da considerazioni di un’immoralità fuori da ogni regola. Abbiamo così l’esaltazione della sodomia, dell’adulterio, della promiscuità, dell’omicidio, del furto, il disgusto verso il matrimonio, vincolo crudele e detestato, l’orrore per la riproduzione, considerata soltanto, di contro alle idee cristiane, un ostacolo al vero dio degli uomini e delle donne: il piacere.

L’opera di Sade è l’estremo frutto avvelenato dell’illuminismo, in nome della libertà l’egoismo primordiale fa la sua irruzione sulla scena e, a differenza di altri romanzi, qui il discorso di De Sade diventa politico, egli immagina di rinnovare profondamente la società, partendo dall’assunto che ciascuno è padrone di se stesso, del proprio destino, del proprio corpo e che niente può opporsi alla soddisfazione sessuale, nessuna legge, nessun Dio, nessuna chimera, neanche il semplice buon senso, tutto nelle parole di Sade deve esplodere nella sua fondamentale bestialità e il desiderio sessuale, incatenato dalle convenzioni, deve essere messo al centro della vita pubblica. Così Sade rivela, in questo romanzo soprattutto, la sua indole di riformatore iconoclasta e di perverso utopista. E’ proprio l’utopia della libertà che fa pronunciare a questi personaggi una delle più severe condanne del cristianesimo, che sembra riecheggiare quella successiva di Nietzsche, in nome innanzitutto dell’egoismo, forza naturale contro cui opporsi, secondo Sade, è da imbecilli. Liberare la donna dalla schiavitù del matrimonio non impedisce però al Divin marchese di fare addirittura un’apologia dello stupro, della prostituzione, dell’incesto, la sua ossessione è che il sesso sia la chiave di volta dell’essere umano, quella dimensione in cui egli, superate sciocche superstizioni, inibizioni, e pudori, raggiunge quella che Bataille chiama, riferendosi proprio a Sade, la “vertigine del suo scatenamento”.

L’uomo è egoista e crudele, interessato unicamente alla propria soddisfazione e dunque perché non assecondare questa pulsione naturale? Così Sade si presenta come un pensatore apocalittico e contro culturale, nulla di ciò che è consacrato si salva dalla sua critica senza pietà e lo scrittore francese non si preoccupa nemmeno delle contraddizioni interne al suo sistema. Che tutto questo sia naturale è assai dubbio, pare piuttosto la caricatura della libertà che fa qualcuno incatenato sul fondo di un abisso, e già Blanchot ha scritto che con la sua opera Sade ci restituisce nient’altro che “la solitudine del’universo”. Tuttavia l’onestà della sua ferocia è incantevole, l’implacabilità delle sue ossessioni è talmente dirompente da suscitare il formidabile riso pieno di bile, che i francesi chiamano rire jaune. Alla parola Sade affida il compito più alto e insieme scandaloso, la letteratura stessa pare un recinto troppo ristretto per la sua violenza, eppure è la narrazione stessa ad essere la fonte di ogni fantasia sfrenata, così come ne Le centoventi giornate di Sodoma: l’eros prima di tutto è parola.

Ogni cosa è paradossale, eccessiva, anche le teorizzazioni antisociali, antimonarchiche, anticristiane e la costante profanazione di ogni valore, sono al servizio di questa ossessione circolare, che sempre ritorna: il piacere è l’unico fine e, contro Voltaire e la gran parte degli illuministi, nulla, nemmeno il dolore altrui, può essere di impedimento. Così Sade appare mostruoso nelle sue affermazioni ma di fondo c’è una verità incontestabile: la natura non è solo il luogo della creazione e della vita, ma anche della distruzione e della morte, necessarie entrambe al suo disegno oscuro.

 


La mia recensione: “Justine” di De Sade

 Protagonista della vicenda, la Justine del titolo, una fanciulla virtuosa che si imbatte, di disgrazia in disgrazia, in ogni specie di individui degenerati e perversi (libertini, finanzieri e ladri, profittatori e falsari, medici e criminali, nobili e religiosi), i quali non solo la rendono giocattolo di ogni loro scelleratezza, ma cercano addirittura di persuaderla, con argomenti filosofici, dell’inutilità della virtù. La virtù di Justine non cede mai, anzi, resiste intrepida e causa tutte le sue disavventure, in una spirale senza fine. Ogni volta che essa reagisce con la virtù a una situazione avversa o a una proposta di furto o delitto, le capita una sventura maggiore e viene continuamente seviziata e stuprata (anche da chi lei ha aiutato). È la stessa Justine a raccontare la sua storia alla sorella Juliette (le due sono state separate dopo il fallimento della loro famiglia), che invece si è lasciata andare al vizio sin da giovincella e per questo ha trionfato nella vita, passando di vizio in vizio e di omicidio in omicidio, fino al punto di divenire contessa di Lorsange. L’intero romanzo è pervaso da un cinismo grottesco e ghignante volto a sovvertire il canone classico secondo cui alla fine il bene e la virtù trionfano sempre sul male e sul vizio. Più debole la seconda parte, più orientata a denigrare le abitudini di vita dei religiosi secondando la nota e arcidiffusa polemica anticlericale di parte libertina, con l’insistita (ed esibita) descrizione delle orge dei monaci del convento di Sainte-Marie, dediti ovviamente a pratiche contro natura nei confronti di giovani adepte e recluse (l’unica cosa interessante è che Justine, vedendo protratta la sua permanenza nel convento, diventa “decana” ed esperta di questi turpi vizi). Agghiacciante il finale, in cui la povera Justine, ormai al riparo da ogni pericolo proveniente dagli uomini, viene incenerita da un fulmine, quasi come se fosse la provvidenza a pareggiare i conti.

Spietato e crudo, De Sade, “Justine” è un classico, che non può mancare nella libreria di ognuno. Però dirlo mi sembra un pò superficiale perchè non è proprio un libro per tutti!! 
Nel senso che, di 300 pagine, più della metà riportano la descrizione delle pratiche afflitte alle donne. 
Se qualcuno mi chiedesse di descriverlo in 3 parole direi crudo, tetro, cattivo. 
Ma più lo leggevo e più la distorta filosofia di questo eccellente scrittore il quale scrisse questo ed altri libri in carcere, mi spingeva a continuare, andare avanti.Un’opera schietta, senza troppi sofismi, ma diretta e precisa. Una sorta di schiaffo al perbenismo del tempo, in favore di un inneggiamento a libertinaggio sfrenato e alle passioni, perversioni e piaceri dell’animo umano. Un viaggio che dura una vita, a cavallo tra la virtù e il male.

L’ho amato questo testo. Consiglio vivamente, se non odiate letture pesanti!