“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Dea Madre semitica

“Eva” di Mina e Celentano

“Ora che il mandorlo è in fiore il mio fiore non c’è
qui nel giardino incantato il mio posto qual è
in rovina i miei giorni migliori
sono morsi i tuoi baci di ieri
indelebile il tempo speso insieme a te

[…]

Amaro il pensiero che porta a voltarti le spalle
congelo le voglie giù in fondo per celarle a te
guardo l’amore che è stato un incubo acceso
scendi o diva dal pulpito che ho creato per te

Benvenuta Primavera,

quest’anno ti accolgo  con questo testo, segnando alcuni sputi di riflessione sull’origine della parola “Eva”, con la speranza e la fiducia che sia l’humus di riflessione e costruzione di percorsi perfettibili alla luce di una forma di umanesimo a noi oggi più che mai sconosciuto.

 

Eva

Dalla radice semitica hyw, il cui significato è “vivere”, “fonte di vita” o “Madre dei viventi”

Dall’antico aramaico Chiva, il cui significato è “serpente”

Dall’aramaico Hawwah, a sua volta proveniente da Asherah, la Dea Madre semitica, moglie di El e Yahweh. In seguito questo dio ordinerà la distruzione dei suoi templi per assicurarsi che tutto il culto converga su di lui.

Kheba, la Dea Madre degli Hurriti, in seguito associata alla frigia Cibele

Secondo un’antica leggenda ebraica, la quale la prima donna a essere creata non fu Eva, bensì Lilith, originariamente uno spirito giudaico del vento e della notte, in seguito demonizzato come Madre dei demoni per non essersi sottomessa al dominio patriarcale.