“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Diario

Tutto brucia: la figura di Jocker. La psicologia e la filosofia del burlone

Joker-tutto-ustioni
(immagine: Anthony Nowicke / foto sorgente: Warner Bros.)

Di tutti i cattivi nella storia della cultura pop, il Joker è senza dubbio uno dei più duraturi e iconici, condividendo ranghi con personaggi del calibro di immortali demoni come Darth Vader e Hannibal Lecter. E sebbene sia sempre stato popolare, è l’ interpretazione ipnotizzante di Christopher Nolan e Heath Ledger in The Dark Knight del 2008 che ha indelebilmente impresso il personaggio sulla nostra coscienza per sempre.

Ma perché, nonostante sia un assassino psicopatico e nichilista, il personaggio è così popolare – persino così amato? Perché vediamo quella strana cicatrice rossa di un sorriso su così tante magliette, poster e meme fino ad oggi, anni dopo il film? Perché la gente dice che The Dark Knight è uno dei pochi film che fa il tifo per il cattivo?

Per comprendere appieno i motivi, dobbiamo approfondire quanto hanno fatto Nolan, Ledger e lo scrittore David S. Goyer mentre ripensano il personaggio. Dobbiamo trovare e riconoscere quella parte oscura e nascosta della nostra psiche che suscitano le parole e le azioni del Joker, una parte così profondamente radicata che ci è voluto un rinomato psicologo per scoprire. Dobbiamo studiare la psicologia e la filosofia del Joker.

AGENTE DEL CAOS

“Quando le patatine sono in calo, queste persone civili … si mangiano a vicenda.”

psicologia-filosofia-joker
(Warner Bros. / DC Entertainment)

Le persone pensano troppo a se stesse a volte. Hai notato? Non sto dicendo che sia cattivo o sbagliato. Non sto nemmeno chiamando le persone stupide. È molto comprensibile

Ci piace pensare a noi stessi come nobili, onesti e buoni, soprattutto rispetto ad altre persone. Ci piace credere che non avremmo mai fatto del male a qualcuno o causato danni di qualsiasi tipo. Gli psicologi ci raccontano di ciò che viene chiamato “superiorità illusoria”, il pregiudizio cognitivo in noi tutto ciò che induce una persona a pensare in modo troppo alto delle sue qualità positive e troppo poco di quelle negative. Nella loro testa, sono persone di gran lunga migliori di quanto effettivamente  siano onesti in realtà.

Ancora una volta, questo non ci rende cattivi o sbagliati. È solo qualcosa che le nostre menti devono fare per superare la giornata.

Durante la guerra civile inglese del 1600, un ragazzo di nome Thomas Hobbes era un po ‘avanti rispetto alla prospettiva in termini di questa “illusoria superiorità”, anche se non l’aveva mai riconosciuto esattamente come tale. Non era d’accordo con l’idea della maggior parte delle persone che fossero intrinsecamente morali e giusti. Invece, ha teorizzato che senza regole applicate, l’umanità sarebbe tornata a un incubo brutale e immorale di una società – una caotica, infernale e ardente. Uno in cui faresti saltare in aria un traghetto pieno di innocenti per rimanere in vita.

Oggi, Hobbes è riconosciuto principalmente per le sue teorie sulla filosofia politica, le cui idee hanno posto praticamente l’intero fondamento della civiltà occidentale. La sua opera più famosa era un tomo orribilmente denso chiamato Leviatano . Contiene forse la sua citazione più famosa di tutte, ciò che equivale alla sua giustificazione per l’esistenza del governo:

“… nessuna società; e che è la cosa peggiore di tutte, il continuo funzionamento e il pericolo di morte violenta; E la vita dell’uomo, solitaria, povera, cattiva, brutale e breve. “

Hobbes afferma che senza il controllo strutturato del governo (ciò che il Joker chiama “gli schemi”), le persone diventano animali. Assassini. Ladri. Nel 17 ° secolo, questo fu particolarmente influente, e fu la ragione principale per cui Hobbes e ragazzi come lui presero piede: governo, legge e ordine erano assolutamente necessari.

Fondamentalmente, gran parte della tua vita è quella che è ora perché Thomas Hobbes ha scritto alcune cose. Non è un’esagerazione.

Ora, se questo fosse etico, Hobbes e il Joker sarebbero seduti uno di fianco all’altro, passandosi appunti e ridacchiando. Sono d’accordo l’uno con l’altro su una cosa: quando le patatine sono basse, le persone “civili” si mangiano a vicenda.

Riguardo la scienza politica, tuttavia, Joker e Hobbes sarebbero stati i ragazzi che avrebbero  litigavato sempre l’uno con l’altro. Se Hobbes potesse in qualche modo possedere la tecnologia di Bruce Wayne, TDK sarebbe più o meno lo stesso film, tranne per il fatto che avremmo un Batman dalla barba bianca.

Hobbes ha sostenuto il governo per paura del caos immorale. Il Joker, d’altra parte, perché è un vero e proprio psicopatico anarchico (o anarchico psicopatico), non amerebbe altro che veder porre in essere lo sfascio.

È per questo che mette bombe sui traghetti. È per questo che uccide i funzionari del governo. È per questo che cerca di corrompere l’unica persona che è un simbolo del fatto che non dobbiamo avere paura di persone come lui (anche se lo facciamo davvero). Il Joker vuole spingere un’intera città nella malvagia gravità della follia e dell’anarchia.

Ma non commettere errori: c’è un metodo dietro la sua follia. Mi dà fastidio che il Joker ottenga il merito solo di essere “un agente del caos” o di uno psicotico delirante che infligge crudeltà casuale. Corrompere la città (quel grande simbolo della civiltà) portandola in uno stato primordiale, privo di qualsiasi significato o regola, è ciò che il Joker sta cercando. Ma il suo “non piano” è opera di una mente. È tutt’altro che caotico o insignificante. È logico, chiaro e ha uno scopo preciso (non importa cosa possa dire Alfred). Accade così che impieghi un elemento di casualità. Il risultato finale è che il Joker diventa la personificazione di un argomento filosofico portato all’estremo, supportando la sua tesi nichilista con il caos che risulta dalle sue azioni.

Sebbene alla fine sia stato sconfitto da Batman, sembra che il Joker dimostri davvero il suo punto. Harvey Dent era il cavaliere bianco di Gotham City, l’epitome ambulante di giustizia, ordine e nobiltà. Ma il Joker lo trasforma in Two Face che poi uccide cinque persone, due dei quali poliziotti, usando un metodo caotico e assurdamente insignificante per lanciare una moneta per determinare il loro destino. Questo da solo simboleggia la filosofia e la missione del Joker di sconvolgere il senso di “illusoria superiorità” della società civile e di umiliarlo riportandolo alle sue radici selvagge.

HO AVUTO UNA VISIONE

“Sembro davvero un ragazzo con un piano?”

nolan-heath ledger--dark-Kni

Ora andiamo ancora più in profondità. Per capire davvero la versione del Joker di The Dark Knight è necessario esaminare uno dei suoi creatori, Christopher Nolan.

Christopher Nolan ha diretto il seguito . E ricordo . C’era anche quel film di Inception . Ha iniziato indie e suoi film esplorazioni ben ponderate dell’esistenzialismo, riferimenti palesi a  Nietzsche, Sartre e Camus.

L’esistenzialismo, come spiegherò di più tra un minuto, afferma la totale assenza di regole, morale e codici – tranne quelli che inventiamo nella nostra testa per sentirci meglio su un’esistenza senza alcuno scopo, punto. Un’idea terrificante.

Di questi tempi potrebbe essere più hollywoodiano, ma continua a scivolare nella roba pesante qua e là – lo fa sicuramente con il Joker, la sua creazione più famosa di sempre. Ha visto nel personaggio un’opportunità di giocare con materiale esistenziale significativo, un’angolazione rischiosa su un cattivo classico che ha dato i suoi frutti.

Per lo meno, dimostra come le filosofie fondamentali di una società riescano a farsi strada in tutte le sue varie forme di cultura pop. La filosofia descrive i modi di guardare il mondo. Apparentemente, Nolan ha scavato esistenzialismo , e ha senso che le sue convinzioni e i suoi valori informerebbero le scelte che ha operato come regista, anche se inconsciamente.

UN MONDO DIVERTENTE IN CUI VIVIAMO

“Credo che qualunque cosa non ti uccida semplicemente ti rende … estraneo.”

psicologia-filosofia-joker
(Warner Bros. / DC Entertainment)

C’è di più in questa roba dell’esistenzialismo nella misura in cui riguarda il Joker.

Non sorprende che la citazione sopra sia davvero la prima cosa sostanziale che senti dire il Joker in TDK . Si potrebbe dire che è la sua tesi e che il resto del film diventa il suo modo di sostenerlo. Con alcune prove piuttosto estreme.

In effetti, proprio quello che fa il Joker credere? La cosa interessante è da dove proviene la citazione. È una svolta di una lettera su una frase che hai sicuramente sentito prima. Non ho nemmeno bisogno di ripeterlo. Il responsabile di quella versione originale si chiamava Friedrich Nietzsche .

Nietzsche e i suoi ragazzi, come Albert Camus , Jean-Paul Sartre e il romanziere Fyodor Dostoevskij , alla fine del secolo scorso hanno presentato molte idee bizzarre. Quelle idee si opposero dannatamente a tutto ciò che li precedeva e spaventarono alcune persone a metà.

Ciò che li aveva spaventati così tanto era l’apparente disperazione dell’esistenzialismo. Mentre “senza speranza” può essere una parola troppo forte per questo, sembra deprimente. (Non programmare una data dopo la lezione di Esistenzialismo; non ti divertiresti affatto.)

Ed ecco il vero kicker di tutto ciò su cui ho vagato: l’ esistenzialismo ha preso piede . Lo noti ultimamente, indirettamente, in tendenze come laicità, scetticismo e alfabetizzazione scientifica. Quei blog sono ovunque. Abbracciano l’idea di un universo senza alcun valore preordinato (come assegnato da un dio, diciamo); abbracciano l’opportunità di inseguire i propri valori di scienza ed esplorazione. Non mettere in dubbio che la maggior parte delle persone scelga ciò che chiamiamo valori “buoni”, ma molti lo fanno con la consapevolezza di aver scelto questo o quello per se stessi, non perché qualcuno o qualcosa gli abbia detto di farlo.

Le persone di questi tempi, che lo sappiano o no, basano molte delle loro opinioni e credenze su idee esistenziali – o almeno in risposta ad esse. Questo è ciò con cui sono cresciute le loro menti inconsce, che se ne siano rese conto o meno. Quasi non riescono a evitarlo, poiché molti dei film che vengono visti guardare in questi giorni si basano anche sull’esistenzialismo. (Se non mi credete, guardare Fight Club , The Matrix , Monty Python ,Il senso della vita , Taxi Driver , Qualcuno volò sul nido del cuculo , Groundhog Day , Apocalypse Now , e anche Toy Story .)

Senti un sacco di persone in questi giorni in discussione “regole”. Ribellione e scetticismo alla moda per alcuni, ironicamente. Altezzosi critici in 2043 scriveranno della prevalenza di temi esistenziali in tutte le pellicole della fine del 20 ° e l’inizio degli 21° secolo.

Il Joker è così popolare oggi perché esprime valori esistenziali e ideali in un modo così divertente. E esistenziale  sembra essere proprio in questo momento, quindi non sorprende che abbia capito come ha fatto. Ecco come funziona la cultura pop – molte persone, in fondo, credono in ciò che dice – almeno in parte. Una parte di loro vorrebbe poter essere d’accordo con lui fino al punto di fare il tifo per lui, a colpi di fucile in faccia e tutto il resto.

PERCHÉ COSÌ SERIO?

“L’unico modo sensato per vivere in questo mondo è senza regole.”

Nietzsche
Nietzsche

Ora che abbiamo esaminato cos’è l’Esistenzialismo, qui ci sono solo un paio di esempi specifici di principi esistenziali e come TDK li dimostra, in particolare attraverso il Joker:

La volontà di potenza:

L’uomo di grossi baffi , Nietzsche ha scritto molto sui concetti chiamati ” ubermensch ” e “volontà di potenza”. Nell’esistenzialismo non ci sono regole. Quindi, come può vivere una persona? Se l’Assurdo è vero (ci arriveremo), allora è dannatamente spaventoso. Potremmo non sapere più cosa fare della nostra vita, eh, pipistrelli?

L’ Ubermensch è un individuo che supera quella paura, quel terrore ed è in grado di definire i propri valori, significato e scopo. Decide il corso della propria vita, in alcun modo influenzato da qualcosa al di fuori di se stesso.

Batman, ovviamente, è anche il potere disposto e preordinato intessuto di creatività , ma mentre a volte lotta con questo, il Joker si è tuffato dentro. Ha abbracciato la sua volontà di potere nel mondo (cosa fa un Ubermensch ) e ha cercato di affermare il potere e cambiare in il mondo che lo circonda.

Il Joker affronta Batman in sfide che lo costringono a mettere in discussione ciò in cui crede, a barcollare sulla violazione dell””unica regola” a cui si aggrappa, ed è uno dei motivi per cui le persone guardano ripetutamente così tanto questo film. Siamo sospesi su quale decisione prenderà Bruce Wayne: uccidere e abbandonare le regole che tengono insieme la sua anima … o no?

Batman, infatti, ottiene lo status di Ubermensch quando si rivela davvero incorruttibile. Resta fedele ai valori e ai codici che onora in se stesso come cavaliere.

Questo è il motivo per cui, in qualche modo, questo film è rimasto (e vi rimarrà) popolare per così tanto tempo. Attenersi ai nostri valori, indipendentemente da cosa, è qualcosa in cui ci piacerebbe credere. Che si tratti dell’idealismo di Batman o del nichilismo di Joker, TDK ci fa sperimentare entrambe le parti in modo vicario.

L’assurdo:

Il Joker è tutto sull’Assurdo. Non sorprende per un clown, quando ci si pensa. L’assurdo rifiuta l’idea che esista un valore, un significato o uno scopo nell’universo. Il Joker ovviamente è d’accordo con questo, e lo dice chiaramente più volte. È spaventoso pensare, no? Che non c’è letteralmente uno scopo per noi essere qui? La maggior parte degli esistenzialisti in realtà gode di questo in una certa misura. Per loro, è la possibilità di definire i nostri valori per noi stessi e possiamo scegliere di essere qualsiasi tipo di umano che intendiamo essere.

Ciò che fa paura del Joker, e ciò che lo rende un criminale così orribile ed efficace, è che non solo abbraccia pienamente Assurdità, ma gli piace anche il caos e la violenza . È un ragazzo di gusto semplice, che gode di dinamite, polvere da sparo e benzina. Queste sono le cose che apprezza. Queste sono le cose che vuole.

UN RAGAZZO COME ME

“Vedi, non sono un mostro. Sono solo davanti alla  massa. “

Carl-Jung
“Affrontare una persona con la sua ombra è mostrargli la propria luce.” Jung

Abbiamo visto la matrice filosofico in cui il personaggio preesistente del Joker è stato rifuso da Nolan e collaboratori. Successivamente, spiegherò precisamente perché siamo così affascinati da lui e perché, inoltre, è salutare per noi (in una certa misura).

Carl Jung era uno psicologo e psicoterapeuta degli inizi del XX secolo, fortemente influenzato da Sigmund Freud . Mentre la controversia circonda le sue teorie oggi , un’idea di lui è rimasta bloccata da ciò che la maggior parte delle persone considera vera: ogni tanto ci rompiamo male.

Jung ha spiegato questo fenomeno con un concetto chiamato “Ombra”. L’Ombra è la parte oscura della psiche di una persona che rifiutano di riconoscere. È la parte di te che vorrebbe poter picchiare il tuo capo e poi rubare il suo portafoglio. È la parte di te che vorrebbe poter rapinare una banca con una maschera da clown o scagliare una strada pubblica in un semi-lancio di lanciarazzi.

È la parte di te che vuole abbandonare le regole, come ha fatto Joker.

Secondo Jung, una persona deve riconoscere quegli impulsi negativi per mantenere la salute mentale. Dobbiamo riconoscere l’oscurità dentro di noi ma non identificarci con essa. Quando non riconosci l’Ombra, ciò che accade è che si libera, prende una vita e vince per terrorizzarti e distruggere la tua “illusoria superiorità”.

Jung the Shadow
(Artista: Ron Pyatt)

Un modo in cui lo facciamo è attraverso film, fumetti e giochi. Famosi e amati criminali si mescolano con le nostre Ombre, i nostri stati primordiali e lo fanno in un modo divertente che non ha conseguenze indesiderabili nella vita reale (purché lo si mantenga nel regno della finzione). Ammettilo: hai ucciso la prostituta e poi hai rubato i tuoi soldi in Grand Theft Auto . Abbiamo ucciso tutti un pollo a Hyrule.

Il Joker è semplicemente uno sbocco per l’Ombra, e così avvincente che milioni di persone sono state catturate da lui e hanno vissuto per vicenda le depravazioni dell’Ombra della loro psiche. È proprio perché il Joker bombarda e uccide e corrompe che così tanti spettatori si divertono a guardarlo. Agisce in modi che a volte vorremmo poter fare, in profondità, e ci precipitiamo fuori dal vederlo indulgere in un simile comportamento, senza che nessuno si faccia davvero male.

ORA STIAMO PARLANDO

“Non si tratta di soldi. Si tratta di inviare un messaggio. “

psicologia-filosofia-joker
(Warner Bros. / DC Entertainment)

Così il gioco è fatto. Ti ho fatto un breve tour delle idee e delle influenze filosofiche che sono state introdotte nella creazione del Joker, idee in cui il Joker stesso crede in tutto il cuore e metodicamente cerca di portare alla realtà.

Abbiamo anche visto il motivo psicologico per cui un personaggio come questo può suscitare un fascino così diffuso e perché, nonostante la sua natura malvagia, c’è una parte di noi che è irrimediabilmente innamorata di lui.

La versione del Joker che appare in The Dark Knight è diventata un’icona della cultura pop, in parte perché rappresenta una domanda filosofica che taglia al cuore stesso di chi e cosa siamo. Siamo animali morali? O solo animali? L’idealista in noi vuole schierarsi con Batman e credere che l’umanità, quando messa alla prova, passerà a pieni voti. Il cinico in noi vuole dire “fottute persone” e schierarsi con il Joker mentre si scatena l’inferno.

Ecco perché il Joker è essenziale per il mito di Batman come lo stesso Batman. I due sono chiusi in un abbraccio perpetuo di yin e yang che rappresentano numerose dicotomie umane : ordine e caos, significato e assurdità, luce e ombra. E proprio come Jung dichiarò che riconoscere l’Ombra era essenziale per una psiche veramente equilibrata, amiamo il Joker per ricordarci delle nostre nature più basse, per umiliare le nostre fantasie più alte con una dose di brutale realtà e per perforare il nostro senso di “illusoria superiorità “Quando sfugge di mano.

Davanti alla massa davvero.


Sessualità e sensualità: energia sacra!


Potenza, Umanità E Trasformazione In Arancia Meccanica -‘A Clockwork Orange’

Basato sull’omonimo romanzo di Anthony Burgess del 1962 ,  A Clockwork Orange (dir. Stanley Kubrick ) segue Alex DeLarge – un adolescente i cui interessi principali sono lo stupro, l’ultraviolenza e Beethoven . Incontra i suoi “droog” ( Nadsat / gergo per “amici”) al Milk Bar di Korova per bere la bevanda allacciata, solo per farsi sorprendere a furto di macchina a tarda notte, combattimenti tra bande, cantando sotto la pioggia e casa irruzioni successive. Quando i suoi droog si voltano verso di lui e viene arrestato, ad Alex viene assicurato che vuole diventare bravo attraverso la Tecnica Ludovico. La procedura di lavaggio del cervello è “efficace” e all’inizio i risultati sembravano soddisfacenti. Tuttavia, dopo essere tornato nel mondo che lo odia, viene costretto a suicidarsi. Alex viene quindi mandato in ospedale dove torna ad avere una mentalità malvagia, e il film termina quando Alex lascia il pubblico con una delle battute più inquietanti della storia del cinema.

Il titolo

Straordinario soprattutto è il titolo apparentemente illogico del film. Burgess definisce un ‘”arancia meccanica” come “[che ha l’aspetto di un organismo adorabile con il colore e il succo, ma in realtà è solo un giocattolo di un orologio che deve essere avvolto da Dio o dal Diavolo o (poiché questo sta sostituendo sempre più entrambi) l’Onnipotente Stato.” In questo caso, Alex è l’arancia meccanica, mentre la tecnica Ludovico dello Stato lo carica e deduce il suo libero arbitrio. Il film è una dichiarazione contro il controllo, che mostra quanto troppo ci porti via dalla nostra umanità. Con il tentativo di suicidio di Alex e l’incapacità di diventare buono, Kubrick sta dicendo che un essere umano senza qualità umane interiori semplicemente non può esistere.

L’ultra-violenza

Il primo atto di ultraviolenza è di Alex e dei suoi droog quando picchiano un senzatetto. L’uomo esclama: “È un mondo puzzolente perché non c’è più legge e ordine. È un mondo puzzolente perché permette ai giovani di entrare nel vecchio come hai fatto tu ”. Questa scena viene utilizzata principalmente per stabilire com’è la loro società e dimostrare la natura a sangue freddo di Alex. Dal momento che è solo la seconda scena del film, il pubblico è facilmente scioccato ma si abitua facilmente alla violenza che verrà. Nel 1971, il pubblico fu completamente sorpreso da questa scena. Tuttavia, il pubblico moderno non è così scioccato; questo dimostra il genio di Kubrick. La scena era considerata violenza rivoluzionaria quando è venuta fuori per la prima volta, ma con una crescente quantità di violenza in televisione e nei film oggi,  Clockwork serve come base per il confronto con tutti i film futuri. Inoltre, la società sta diventando desensibilizzata alla violenza, e il  Clockwork ne è un’analogia completa. In altre parole,  A Clockwork Orange  è l’affermazione di Kubrick sulla nostra società, e non è lontano dalla realtà.

 

L’atto più terrificante e inquietante dell’ultra-violenza – probabilmente per l’eternità – è la scena ” Singing In The Rain ” (fatto divertente: l’attore Malcolm McDowell l’ha  improvvisato). Alex fa irruzione nella casa di uno scrittore, quindi inizia a violentare la moglie dello scrittore mentre canta il classico di Gene Kelly con i suoi droog che calmano lo scrittore allo stesso tempo. Alla fine della scena, vediamo esattamente dal punto di vista dello scrittore, guardando proprio sua moglie nuda che è tenuta ferma. Alex poi guarda direttamente la telecamera, dicendo “Viddy bene, fratellino.”

L’ultimo scatto è ciò che rende la scena così terrificante e intensa mentre diventiamo una persona senza potere. A causa di ciò, possiamo in seguito simpatizzare con Alex quando torna nella società dalla prigione e viene trattato come sudiciume.

 

Quando Alex ascolta i piani dei suoi droog di sorpassare il loro “leader” (che è lo stesso Alex), pratica l’ultra violenza su di loro nella scena iconica di Flat Block Marina , diventando successivamente superiore.

Il potere di Alex gli dà la possibilità di trasformare i suoi droog e praticare la violenza. Al contrario, i suoi droog seguono il leader perché non vedono altra scelta. Alex è paragonabile a un re, mentre i suoi droog sono i suoi sudditi.

 

L’ultimo atto di ultra-violenza di Alex prima di andare in prigione si svolge nella ricca casa della gatta. Alex funge da ladro di gatti e si intrufola attraverso un livello superiore, dove scopre che la gatta è molto resistente. Usa un’opera d’arte – una scultura del pene – per stuzzicare la furiosa gatta e ucciderla inavvertitamente. Ora che l’opposizione di Alex è più potente (rispetto ai suoi droog), la ferisce e la uccide per prosciugare il suo potere. Allo stesso modo, il potente leader di una nazione può mantenere il suo potere togliendo quello di tutti gli altri.

Non sapeva, i droog di Alex gli avrebbero frantumato un vasetto di latte in faccia e lo avrebbero ferito quando sarebbero arrivati ​​i poliziotti, lasciandolo lì da solo per essere portato in prigione. A questo punto, il pubblico è soddisfatto che Alex abbia ottenuto ciò che meritava. Tuttavia, la sensazione di tradimento è così potente che il pubblico non può fare a meno di provare compassione per lui. I nostri sentimenti divisi su Alex lo rendono uno dei personaggi più iconici e interessanti mai catturati nel film.

La prigione

La prigione di stato 84F, o “staja” come viene chiamata da Alex, è il luogo in cui il fedele narratore del film sconta la sua pena. Viene immediatamente messo a nudo e le sue cose vengono prese. Successivamente, sarà chiamato solo 655321 (il suo numero di prigione) da detenuti e ufficiali. L’identità di Alex è presa dai poteri della polizia; tuttavia, è ancora umano e non completamente controllato. Viene semplicemente represso nel tentativo di essere trasformato dalle persone al potere.

 

I detenuti più anziani suggeriscono che vogliono violentare Alex. Ora che non è superiore, Alex non può punire simili detenuti; questo riflette i ruoli nella scena di Flat Block Marina, con i vecchi detenuti che sostituiscono i droog. Questa volta, tuttavia, Alex non è in grado di riguadagnare la sua superiorità.

 

Alex viene infatuato dalla Bibbia, che è un fattore che contribuisce al suo status di detenuto modello. Tuttavia, è solo interessato all’omicidio, allo stupro e alla tortura che caratterizza. Grazie al potere della Bibbia, il cappellano della prigione crede che Alex si sia trasformato, quindi gli consente di sottoporsi alla Tecnica Ludovico.

La tecnica Ludovico

Alex è in una camicia di forza legata su una sedia con specula che tiene le palpebre aperte per guardare immagini violente per un lungo periodo. Nel frattempo, il medico pompa farmaci che inducono alla paura per creare per Alex un’associazione negativa con tali immagini. Alex sarà evitato quando pensa o sperimenta atti malvagi.

L’immagine è molto raccapricciante, assomiglia alla tortura piuttosto che all’aiuto. Alex urla “No. No! NO! Smettila! Smettila per favore! Ti scongiuro! Questo è peccato! Questo è peccato! ” Lo spettatore non può fare a meno di provare compassione per lui poiché viene trattato come un esperimento scientifico piuttosto che come un essere umano.

Attraverso questo condizionamento, Alex viene totalmente controllato per pensare a come lo Stato ritiene opportuno. Pertanto, viene trasformato in “un’arancia a orologeria” e manipolato per avere morale. Alex perde il suo libero arbitrio, nel senso che perde una delle qualità di base di un essere umano. Quindi, perde potere. Il male di Alex viene sconfitto attraverso il metodo immorale di condizionamento, e ciò che lo Stato considera “buono” in realtà risulta negativo quando ritorna nella società.

Il ritorno alla società

“Rilasciato” dal controllo, Alex ritorna nella società dopo essersi sottoposto essenzialmente al lavaggio del cervello. Non verrà più chiamato 655321, ma non è ancora Alex. In primo luogo, visita la sua casa dove viveva con i suoi genitori, solo per scoprire che un roomer ha preso il suo posto. Pee and Em (Pa e Ma) ora hanno paura di Alex e lo considerano una persona orribile dopo aver realizzato quello che ha fatto.

 

Successivamente, Alex vaga per le strade e inciampa sul senzatetto che lui ei suoi droog hanno picchiato prima. Alex è riconosciuto, quindi l’uomo e una folla di senzatetto lo picchiano come vendetta. Dato che Alex non ha il controllo per reagire con la violenza, deve arrendersi alla reazione.

 

Alex viene quindi salvato da due poliziotti, che si rivelano essere due dei suoi ex droog. Alex viene portato contro la sua volontà nei boschi dove i suoi droog torturano e cercano di affogarlo.

Con nuove posizioni di autorità, i suoi droog sono fuggiti dal comando di Alex e hanno scelto di trasformarsi in poliziotti. I droog sono ora potenti, specialmente considerando l’attuale stato di Alex, e possono scegliere da soli. L’attuale mancanza di libertà di Alex riflette il passato dei suoi droog.

 

Con il sangue su tutto il viso, Alex striscia fino alla casa più vicina, che è anche quella dello scrittore di cui ha violentato la moglie. Lo scrittore, ora su una sedia a rotelle, non riesce a riconoscere Alex e quindi lo porta dentro. Alex quindi fa un bagno e canta “Singin ‘in the Rain”, che canta anche quando ha violentato la moglie dello scrittore.

Questo dà l’identità di Alex allo scrittore, lasciandoci con uno dei più spaventosi sguardi di Kubrick in tutto il lavoro di Kubrick. Il fatto che sua moglie sia morta a causa del presunto trauma dello stupro rende l’immagine molto più spaventosa:

 

La mattina dopo, lo scrittore tratta Alex per una colazione. Insolitamente inquietante, osserva Alex mangiare. L’autore gli dice: “Prova il vino!”.

Alex lo fa e presto perde conoscenza.

 

Alex si sveglia in un’altra stanza e lo scrittore lancia la nona sinfonia di Beethoven da un livello inferiore. Avendolo letto nelle notizie, lo scrittore è consapevole dell’avversione di Alex nei confronti di Beethoven della tecnica Ludovico. Usa tale conoscenza a suo vantaggio e per dargli potere. In altre parole, è stato trasformato da uno storpio in qualcuno che forza il dolore insopportabile di Alex. Alex cerca di scappare dalla stanza, ma invano. Alla fine apre la finestra e salta giù, cadendo dritto a terra.

Il finale

La fine di A  Clockwork Orange ha Alex in ospedale dopo aver tentato di uccidersi. Ora che è libero dal lavaggio del cervello del governo, un funzionario del governo lo visita, facendo un accordo per coprire la responsabilità dello Stato per il suo tentativo di suicidio.

Il governo è considerato una delle entità più potenti. Nel frattempo, Alex è in una delle condizioni meno potenti su un letto d’ospedale. Tuttavia, Alex è superiore e prende il controllo. Il benessere del governo dipende dall’accordo di Alex con l’accordo per nascondere la storia. Pertanto, in questa situazione, Alex può cambiare il governo, parallelamente a come il governo lo ha cambiato.

 

Il colpo di chiusura di  Clockwork mostra che Alex fa sesso con due ragazze circondate da un’ambientazione nuziale e gente di classe che applaude. Contrariamente allo stupro, Alex immagina un metodo più “corretto” di piacere sessuale e ha “maturato”.

Questo è il punto in cui recita la frase finale di Alex. “Ero guarito, va bene” è pensato per essere un po ‘sarcastico, dato che la visione del sesso “curata” di Alex non è ancora né realtà né ciò che si potrebbe considerare “bene”. Allo stesso tempo, la sua cura è che è libero dal controllo e in grado di ripensare a se stesso, tornando al suo vero io. Avere una mentalità disturbata è meglio che essere condizionati a non farlo.

 

Alex è stato guarito dal suo io condizionato dal governo, ma non è stato guarito dal suo vero io. E va bene


La filosofia e la poesia di Jim Morrison

Jim Morrison, iconico cantante del leggendario gruppo rock degli anni ’60 The Doors. Un poeta e scrittore spirituale, uno studente di cinema incompreso, e ovviamente il Re Lucertola che poteva fare qualsiasi cosa. Morrison aveva innegabilmente talento, un genio nel suo lavoro e nelle sue parole. Appassionato di letteratura e arti teatrali, Morrison eccelleva in tenera età. Analizzando le opere di Nietzsche, William Blake, Arthur Rimbaud, Allen Ginsberg e  Aldous Huxley, influenzando il suo amore per la poesia e la scrittura lirica. Il suo rispetto per la cultura dei nativi americani ha avuto un’influenza essenziale anche sulla sua scrittura, sottolineando la spiritualità e lo sciamanesimo.

 

Morrison era un uomo di filosofia. Complesso sì, ma nel tempo i suoi ideali e le sue parole hanno coltivato le menti di milioni. Sebbene contaminato dall’alcolismo e dai media, era un individuo bellissimo, che viveva con i suoi mezzi. Nel 1960, ha pubblicato due volumi della sua poesia, uno intitolato The Lords / Notes On Vision e il secondo The New Creatures , che sono stati combinati in un unico volume etichettato, The Lords e The New Creatures . Il suo lavoro è stato percepito come “surreale” e l’uso di “parole vividamente evocative” ha fatto appello a ciò che alcuni potrebbero chiamare “mente subconscia”.

 

I suoi giorni di droga, sesso e rock and roll erano solo un piccolo frammento di ciò che era veramente. La sua bizzarra e stravagante presenza sul palcoscenico è ciò che ha spinto molti ad amarlo. Imprevedibile con testi sensuali e volgari, Morrison guida una rivoluzione. Le persone bramavano il suo comportamento caotico e i discorsi ribelli.

 

“ Mi piace ogni reazione che posso ottenere con la mia musica. Tutto per indurre la gente a pensare. Voglio dire, se riesci ad avere un’intera stanza piena di gente ubriaca e lapidata per svegliarti davvero e pensare, stai facendo qualcosa. ”

 

I testi di Morrison riflettevano gran parte della cultura degli anni ’60 e ’70, quando erano prevalenti la guerra, il sesso e la droga. Era un uomo senza limiti. “Diciamo solo che stavo testando i limiti della realtà, ero curioso di vedere cosa sarebbe successo. Questo è tutto, curiosità. ” i suoi ideali non conformisti e le osservazioni sardoniche sull’autorità gli hanno dato i riflettori.

 

“Quando fai pace con l’autorità, diventi autorità”

 

Sfortunatamente, Morrison morì all’età di 27 anni nella sua casa di Parigi per cause sconosciute dopo essersi ritirato dalla musica per concentrarsi sulla sua poesia con la sua amata Pam Courson. Naturalmente è morto una leggenda, ma aveva molto di più da dare al mondo. Molti credono che fosse proprio all’apice della sua carriera, lasciando andare le pressioni dell’esecuzione per fare ciò che amava di più … la poesia.

 

“Ascolta, la vera poesia non dice nulla; spunta solo le possibilità. Apre tutte le porte. Puoi attraversare chiunque ti vada bene. ”

 

“Il creatore di qualsiasi opera d’arte deve morire tragicamente per diventare famoso o avere qualche tipo di impatto duraturo?” Questo sembra essere un modello ben noto quando si tratta di onorare coloro che sono morti inaspettatamente. Nel caso di Morrison ci piace credere che non abbia mai avuto davvero la possibilità di evolvere il suo lavoro e il suo vero potenziale, eppure è ancora amato e lodato per la piccola porzione che gli è stata data. Morrison era unico, usando la musica come un modo per “incanalare la sua poesia”. Il suo uso di immagini oscure e temi ricorrenti come la morte, il sesso, l’amore e il cinema devono essere interpretati in modo diverso, le sue parole avevano diversità, progettate per cambiare ed espandere la prospettiva.

 

“Se la mia poesia mira a raggiungere qualcosa, è la liberazione delle persone dai modi limitati in cui vedono e sentono”.

 

 

” Yeah!Guardate!

Non sono qui a parlare di rivoluzione.

Non sto parlando di dimostrazioni.

Non vi sto dicendo di scendere in strada.

Sto parlando di divertirci.

Parlo di amare chi ti sta accanto…finchè fa male.

parlo di abbracciare il tuo amico.

Parlo d’amore.

… Voglio vedervi vagare senza meta.

Voglio vedervi dipingere la citta’.

Voglio vedervi scuoterla.

 

Voglio vedervi urlare.

Voglio vedere del divertimento.Voglio vedere che tutti si divertono.

Noi siamo insieme.Siamo insieme.Siamo insieme,tesoro.Siamo insieme.

Non ci sono regole!

Non ci sono leggi!

Fate tutto quello che volete!Fatelo!Si!

Avanti!Avanti!

E’ il vostro spettacolo.Tutto cio’ che volete sucede.Ora ,avanti!Tutto cio’ che volete,fatelo,Fatelo!Fatelo!

[…]

Siete un branco di fottuti idioti!!!

Lasciate che vi si dica cosa fare! Lasciate che vi comandino a bacchetta!

Quanto Pensate che possa durare?

Per quanto lascerete che vi diano ordini?

Per quanto?

Forse vi piace.

Forse vi piace essere comandati!

Forse amate esserlo.

Forse vi piace farvi ficcare la faccia nella merda! Forza!


Video

Giovanni Lindo Ferretti – Mal’aria

L’eco di un tempo lontano, sospeso… una ballata con immagini intrise  di solitudine  e un coro simile all’evocativo oracolo. L’immagine della geolocalizzazione assente dell’autoctono intervento umano sospinge ad una radicale riflessione circa il neo-umanesimo ad assetto alveare in forma privata, intima e forzata. La dimora diventa un microcosmo ripartito nell’entroterra del microcosmo tecnologizzato, un habitus disumano in implosione. Un tempo di mediazione sui passi del pulsante e inquieto salotto, Le parole diventano soliloquio, vi può essere libertà oltre il selciato atropico del dialogo mancato?

L’essere migliori ci pone innanzi all’avveniristica scelta del criterio valido di un respiro soffocato.

L’era del silenzio si fa strada oltre lo spazio d’azione… chi opta per la caccia al suo simile trova il varco precluso.

 

 

 


Guerra e pace nel pensiero politico di Platone

Nell’antica Grecia, il rapporto tra guerra e pace aveva un significato ambiguo. La guerra era considerata come uno stato normale e la pace era vista solo come un’eccezione o una tregua temporanea durante un conflitto duraturo. Ma anche la pace e la stabilità politica sono state valutate: lo scopo della guerra non è mai stato il totale annientamento dell’avversario. Oltre a questa opposizione, c’era un equilibrio tra guerra e pace in questi tempi e questa concezione, ereditata dai tempi eroici, è durata fino all’inizio della guerra del Peloponneso. Questo evento ha ridefinito il rapporto tra guerra e pace. Il significato del conflitto è passato da polemos, come conflitto codificato tra città, a stasi, come guerra civile. La guerra era meno percepita come qualcosa di positivo e più persone apprezzavano la pace e la stabilità. Il pensiero politico di Platone fu sviluppato in questo contesto come una potenziale risposta a questa ridefinizione del conflitto, nonché alla minaccia di una concezione eccessiva e radicale della guerra. Tuttavia, Platone ha dovuto affrontare una sfida esigente. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori.

introduzione

Platone nacque nel 428/427 a.C. circa e morì nel 348/347 a.C. circa. Era cittadino di Atene ed era un contemporaneo del declino politico e militare di questa città. La causa principale di questo declino fu la guerra del Peloponneso (431-404) tra Atene e i suoi alleati (Lega del Peloponneso) e Sparta e i suoi alleati (Lega Delian). Questo evento cambiò radicalmente la storia di Atene perché la guerra del Peloponneso aveva indebolito irrimediabilmente il potere di Atene causando, all’interno della città, una nuova forma di conflitto chiamata “stasi” (spesso tradotto, in inglese, come “guerra civile”). La principale caratteristica della stasi è la rottura dell’equilibrio tra le diverse parti della città e la porta alla violenza e all’ingiustizia.

Platone fu testimone di gran parte di questi tragici eventi e nelle sue opere (specialmente nella Repubblica e nella Settima Lettera ) è possibile trovare alcune profonde riflessioni sul problema del rapporto tra politica e conflitto. Questa correlazione tra la storia di Atene e la filosofia di Platone è così sorprendente e distintiva che mi porta a porre la seguente domanda: è possibile supporre che Platone abbia cercato, nella sua filosofia, di affrontare alcuni dei problemi più importanti e stimolanti causati dal problemi politici del suo tempo? In altre parole: la filosofia politica di Platone è stata influenzata dal problema della stasi?

Per cercare di rispondere a questa domanda, difenderò la seguente tesi: Platone ha capito che la stasi rappresenta una nuova concezione del conflitto per il sistema politico di Atene e ha sviluppato la sua filosofia politica principalmente per cercare di risolvere questo problema. Più precisamente, mostrerò che la risposta di Platone alla sfida sollevata dalla stasi consiste nell’elaborazione di un nuovo modello politico di città (chiamato kallipolis e descritto nella Repubblica) e nella creazione di una classe di guerrieri chiamati “guardiani” incaricati di impedire che la stasi si ripeta.

Per difendere questa tesi, procederò secondo tre fasi principali. In primo luogo, chiarirò quali erano i principali problemi politici e militari dovuti alla stasi ai tempi di Platone. Quindi, presenterò la risposta di Platone a questi problemi (specialmente nella Repubblica). Infine, mostrerò i limiti delle risposte di Platone al problema della stasi.

La visione di Platone sulla crisi politica di Atene

Il pensiero politico di Platone fu influenzato dai cambiamenti politici verificatisi nel mondo greco tra la fine del V secolo e l’inizio del IV secolo a.C. In questo primo passo, sottolineerò come questi cambiamenti abbiano influenzato profondamente Platone.

La crisi di Atene come preludio alla filosofia politica di Platone

La guerra del Peloponneso e le sue conseguenze ad Atene, regnano i Trenta tiranni, rappresentano un grande divario nella storia di Atene. Da questo punto in poi, la concezione della guerra e della pace nel mondo greco è radicalmente cambiata da quella antica, basata su “polemos” (guerra codificata tra città), a una nuova basata sulla “stasi” (guerra civile).

Nell’antica Grecia la polemos era uno stato normale. Anche se la pace è stata elogiata, è stata concepita come uno stato temporaneo. La guerra, al contrario, era un aspetto normale della vita politica delle città. Polemos permise alle città di guadagnare potere indebolendo altre città, ma seguì una rigida codificazione, avvenendo solo durante una certa parte dell’anno. Polemos non fu una guerra di conquista o di sottomissione perché nessuna città aveva il potere di distruggere totalmente le altre città. I guerrieri dovevano rispettare un certo codice d’onore impedendo loro di schiavizzare gli avversari o saccheggiare i santuari. Per riassumere, questo tipo di conflitto era usato per garantire stabilità tra le città impedendo a una di esse di diventare troppo potente e dominare le altre.

La guerra del Peloponneso sfidò completamente questo modello di polemos e stabilì la stasi come una nuova concezione del conflitto come guerra totale. La stasi non si preoccupa più di mostrare etica o onore militare. Al contrario, si concentra solo sull’annientamento dell’avversario. Questo spostamento è profondamente radicato nei cambiamenti politici avvenuti nel V secolo a.C. In quel momento, Atene sconfisse gli eserciti persiani e stabilì la sua egemonia sulle altre città greche creando la Lega Delian, una coalizione militare controllata da Atene per aumentare il suo potere sulle altre città. Vista la situazione, Sparta, come principale avversario di Atene, dichiarò guerra ad Atene nel 431. Questo fu l’inizio della guerra del Peloponneso, che si concluse nel 404 con la sconfitta di Atene.  Questa guerra fu cruciale nella storia dell’antica Grecia perché, per la prima volta, il conflitto non avvenne tra guerrieri greci e non greci, ma tra i greci. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia.

In solo mezzo secolo, la concezione del conflitto cambiò radicalmente. Il conflitto non riguardava più la lotta contro una minaccia aliena, ma la guerra civile, la guerra tra persone che condividevano la stessa cultura (o, peggio ancora, persone della stessa città). Questo contesto costituisce la base del pensiero politico di Platone e mostra quanto fosse urgente definire una nuova concezione di guerra e pace per Atene al fine di evitare una nuova era di conflitti.

La visione di Platone sulla situazione politica del suo tempo

Platone era un giovane uomo subito dopo la sconfitta ateniese e durante il dominio dei Trenta tiranni. Assistendo a questa tragica era, Platone si rese conto di quanto potesse essere pericolosa la stasi per la città. Da questo, ha iniziato a elaborare le proprie riflessioni su quello che dovrebbe essere il miglior sistema politico per Atene al fine di evitare che eventi così tragici si ripetano. Il nucleo delle sue riflessioni sulle profonde connessioni tra politica, stasi e filosofia si trova nella Settima Lettera. Questa lettera può essere considerata la biografia filosofica di Platone. All’inizio di questa lettera, Platone descrive la sua vita come un giovane nato ad Atene e ci racconta come fosse disgustato dalla successione di diversi regimi politici ad Atene e dal fatto che tutti questi regimi non erano in grado di combattere l’ingiustizia e violenza e, infine,

Quando ero giovane avevo la stessa ambizione di molti altri: pensavo di entrare nella vita pubblica non appena avevo raggiunto la maggiore età. E alcuni avvenimenti negli affari pubblici mi hanno favorito, come segue. La costituzione che allora avevamo, essendo un anatema per molti, fu rovesciata; e fu istituito un nuovo governo composto da cinquantuno uomini, due gruppi – uno su undici e l’altro su dieci – per sorvegliare il mercato e svolgere altri compiti necessari rispettivamente in città e nel Pireo, e sopra di loro trenta altri ufficiali con poteri assoluti. Alcuni di questi uomini erano miei parenti e conoscenti e mi hanno invitato a unirmi a loro in quella che sembrava un’impresa adeguata. Il mio atteggiamento nei loro confronti non è sorprendente, perché ero giovane. Pensavo che avrebbero condotto la città fuori dalla vita ingiusta che stava vivendo e l’avrebbero stabilita sulla strada della giustizia, così che li osservavo con impazienza di vedere cosa avrebbero fatto. Ma mentre li guardavo dimostrarono in breve tempo che la precedente costituzione era stata una cosa preziosa. Tra le altre loro azioni hanno chiamato Socrate, un mio vecchio amico che non dovrei esitare a chiamare l’uomo più giusto di quel tempo, come uno di un gruppo inviato ad arrestare un certo cittadino che doveva essere messo a morte illegalmente, pianificando così rendere Socrate, volenti o nolenti, parte delle loro azioni. Ma ha rifiutato, rischiando il massimo pericolo piuttosto che essere associato nelle loro azioni empie. Quando ho visto tutto questo e altri come cose di non poca conseguenza, sono rimasto sconvolto e mi sono ritirato da quel regno di ingiustizia. Non molto tempo dopo fu rovesciata la regola dei Trenta e con essa l’intera costituzione; e ancora una volta ho sentito il desiderio, sebbene questa volta meno fortemente, di prendere parte agli affari pubblici e politici. Ora, durante quei giorni travagliati accaddero molte cose deplorevoli, e non sorprende che sotto la copertura della rivoluzione si vendicassero troppe vecchie inimicizie; ma in generale quelli che tornarono dall’esilio agirono con grande moderazione. Per caso, tuttavia, alcune persone potenti hanno portato in tribunale questo stesso amico Socrate, preferendo contro di lui un’accusa più spudorata, e che lui, tra tutti gli uomini, meritava di meno. Poiché i pubblici ministeri lo accusarono di empietà, e la giuria lo condannò e mise a morte l’uomo stesso che, nel momento in cui i suoi accusatori erano essi stessi in disgrazia ed esilio, si era rifiutato di partecipare all’arresto ingiusto di uno dei loro amici. Più riflettevo su ciò che stava accadendo, su che tipo di uomini erano attivi in ​​politica, sullo stato delle nostre leggi e dei nostri costumi, e più crescevo, più mi rendevo conto di quanto fosse difficile gestire giustamente gli affari di una città. Perché vidi che era impossibile fare qualsiasi cosa senza amici e fedeli seguaci; e trovare uomini pronti a portata di mano sarebbe stato un vero colpo di fortuna, poiché la nostra città non era più guidata dalle usanze e dalle pratiche dei nostri padri, mentre addestrarne di nuovi era tutt’altro che facile. E la corruzione delle nostre leggi scritte e dei nostri costumi procedeva a una velocità così sorprendente che mentre all’inizio ero stato pieno di zelo per la vita pubblica, quando notai questi cambiamenti e vidi quanto tutto fosse instabile, alla fine divenni abbastanza stordito; e sebbene non smettessi di riflettere su come si potesse ottenere un miglioramento nelle nostre leggi e nell’intera costituzione, tuttavia mi sono trattenuto dall’azione, aspettando il momento giusto (kairos). Alla fine sono giunto alla conclusione che tutti gli stati esistenti sono mal governati e la condizione delle loro leggi praticamente incurabile, senza qualche rimedio miracoloso e l’assistenza della fortuna; e fui costretto a dire, in lode della vera filosofia, che solo dalla sua altezza era possibile discernere quale fosse la natura della giustizia, né nello stato né nell’individuo, e che i mali della razza umana non sarebbero mai finiti fino a quando quelli che sono sinceramente e sinceramente amanti della saggezza entrano nel potere politico, o i governanti delle nostre città, per grazia di Dio (théia moira), imparano la vera filosofia.

In questo estratto, Platone fornisce una chiara testimonianza dei tempi difficili dopo la sconfitta ateniese e di come la democrazia fu sostituita dai Trenta tiranni. Spiega quindi come, alla fine, la democrazia sia stata ripristinata. Ma è più di una semplice testimonianza storica. Invece di descrivere semplicemente i fatti, Platone riflette anche sul modo di trovare un nuovo e migliore sistema politico per Atene. La sua riflessione può essere descritta in base a tre aspetti principali.

Innanzitutto, il pensiero politico di Platone è collegato alla storia. Il suo pensiero non consiste in una riflessione astratta su quello che dovrebbe essere il miglior regime politico in teoria, ma piuttosto nella ricerca di quello che potrebbe essere il miglior regime per Atene in base al contesto storico, politico e militare del suo tempo. Questo spiega perché Platone era, all’inizio, a favore dei Trenta tiranni perché pensava che sarebbero stati migliori del regime democratico che ha portato Atene alla sua perdita. Spiega anche perché Platone si era opposto ai Trenta tiranni dopo aver realizzato che questo regime era molto peggio della democrazia diffondendo la stasi all’interno della città. Ma quando è stata ristabilita la democrazia, questo sistema ha condannato a morte Socrate, portando Platone a ritirarsi da qualsiasi ambizione politica e ad aspettare circostanze migliori.

Questo fatto è strettamente collegato alla definizione di un criterio per il suo progetto politico: la giustizia. Platone non è mosso dall’ambizione egoistica di opportunismo, piuttosto vuole davvero trovare un modo per porre fine ai conflitti che devastano la città. Ogni tentativo di rivoluzione politica dovrà basarsi sulla giustizia come principio normativo in grado di ristabilire la pace all’interno della città. Pertanto, questo principio dovrà essere chiaramente definito e spiegato da Platone.

Il terzo aspetto della riflessione di Platone consiste nell’elaborazione di una serie di concetti filosofici al fine di cercare di risolvere il problema della stasi. Ci sono due concetti principali qui: kairos e théia moira. Kairos può essere definito come l’arte della congiuntura per lo statista. Un’azione politica avrà successo solo se si realizza nel giusto contesto (ad esempio: avere abbastanza persone dalla tua parte per supportarti) e al momento giusto. Tuttavia, è molto difficile trovare tali condizioni perché Platone descrive Atene come “praticamente incurabile”. Gran parte degli statisti e dei cittadini era stata profondamente corrotta dai precedenti regimi politici. Pertanto, per riformare la città, Platone dovrà prima concepire un modello politico in grado di proteggere i cittadini dall’ingiustizia. Ma come può una città corrotta che produce persone corrotte salvarsi da sola senza uomini virtuosi e non corrotti in grado di riformarla? Per far fronte a questa sfida, Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. secondo Platone, grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia per porre fine alla stasi. secondo Platone, grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi.

Questa analisi dell’inizio della Settima Lettera mostra che Platone era completamente consapevole della sfida provocata dalla stasi di Atene e che ha cercato di trovare un modo per ristabilire la pace e la giustizia all’interno della città. Tuttavia, qual è l’esatta concezione di giustizia di Platone? Come può essere posta in atto  questa concezione della giustizia? Per riassumere: la filosofia di Platone è davvero in grado di affrontare la sfida presentata dalla crisi storica e politica del suo tempo?

La “Repubblica” di Platone come risposta al problema della stasi

Nella seconda fase di questo articolo, discuterò la risposta di Platone al problema della stasi nella Repubblica. In primo luogo, mostrerò come viene concepita la stasi nella Repubblica e come Platone intende combatterla. Quindi, sottolineerò alcuni problemi nella risposta di Platone alla stasi.

Stasi nella Repubblica

Nella Repubblica Platone definisce la stasi in opposizione a polemos nel seguente testo:

Mi sembra che dato che abbiamo due nomi, “guerra” (polemos) e “guerra civile” (stasi), quindi ci sono due cose e i nomi si applicano a due tipi di disaccordi che sorgono in esse. Le due cose a cui mi riferisco sono ciò che è proprio e affine, da un lato, e ciò che è estraneo e strano, dall’altro. Il nome “guerra civile” si applica alle ostilità con la propria, mentre la “guerra” si applica alle ostilità con estranei.

Questo è certamente il punto.

Quindi vedi se anche questo è importante: dico che la razza greca è propria e affine, ma è strana ed estranea ai barbari. Giusto.

Quindi quando i greci combattono con i barbari o i barbari con i greci, diremo che sono nemici naturali e che tali ostilità devono essere chiamate guerra. Ma quando i greci combattono con i greci, diremo che sono amici naturali e che in tali circostanze la Grecia è malata e divisa in fazioni e che tali ostilità devono essere chiamate guerra civile. Ad ogni modo, sono d’accordo a pensarla in questo modo.

La posizione di Platone è abbastanza chiara. È accettabile solo la polemica come conflitto tra greci e barbari. La stasi deve essere assolutamente evitata. Tuttavia, Platone non riscrive semplicemente ciò di cui ha già discusso nella settima lettera menzionata in precedenza. Questo testo mostra che l’obiettivo della Repubblica è di sbarazzarsi della stasi proponendo un nuovo modello per l’organizzazione della città. Questo nuovo modello sarebbe quindi in grado di stabilire la giustizia e riportare la pace come un equilibrio armonioso tra le diverse parti della città (perché, al contrario, la stasi è ciò che crea una sorta di disarmonia nella città). Pertanto, per sbarazzarsi della stasi, Platone dovrà determinare come stabilire la giustizia come un giusto equilibrio tra le diverse parti della città.

Platone ha cercato di affrontare questa sfida nella Repubblica (370c) sostenendo che la giustizia all’interno della città può avvenire solo se i cittadini svolgono il compito per cui sono più adatti. In effetti, la giustizia è, per Platone, l’istituzione di un’armonia tra tutte le parti della città. Di conseguenza, Platone divide la città in tre parti in base alle capacità naturali dei suoi cittadini: i sovrani, i guardiani e gli ausiliari. Questo modello si chiama kallipolis. Coloro che appartengono alla classe dei guardiani sono guerrieri e atleti ben addestrati, eccellenti nel padroneggiare le tecniche di combattimento e, soprattutto, completamente dediti a difendere la città dai nemici dall’esterno per garantire giustizia. In altre parole, praticheranno solo polemos e non stasi.

Nel contesto della Repubblica, la soluzione di Platone sembra ambigua. Innanzitutto, è sorprendente affermare di assicurare la pace creando una classe di guerrieri. Quindi, Platone sembra raffigurare questi guardiani secondo standard che non esistono più ai suoi tempi. Paragona anche questi guerrieri agli eroi dei tempi arcaici e omerici. In questo senso, Platone vuole davvero provare a risolvere i problemi politici e militari del suo tempo? O preferisce riutilizzare una vecchia e forse obsoleta concezione di guerra e guerrieri?

Le ambiguità della risposta di Platone alla stasi

L’ipotesi di Platone di evitare la stasi creando una classe di cittadini dedicata alla difesa della città è sconcertante perché è collegata a riferimenti e codici, che sembrano essere obsoleti all’inizio del IV secolo a.C. Per sostenere questa obiezione, diamo un’occhiata all’antica storia greca. Secondo Claude Mossé, il tempo di Platone era caratterizzato dall’estensione dei compiti militari alle classi inferiori di cittadini e dal crescente significato della guerra navale. In effetti, la guerra all’inizio del IV secolo a.C. non era più il privilegio di pochi cittadini o un modo per gli uomini di dimostrare le proprie capacità, ma piuttosto un modo per la città di stabilire il proprio dominio sui suoi nemici. Questo cambiamento coincide con l’ascesa della guerra navale nel mondo greco e la mobilitazione dei cittadini più poveri durante i conflitti (ad esempio, i cittadini più poveri furono incatenati nelle galere). Al contrario, non esiste tale fenomeno nella Repubblica di Platone. La guerra non è per tutti ma solo per i guardiani che dimostrano le migliori qualità per questo.

Inoltre, Platone si riferisce alla tradizione omerica per descrivere questi guardiani. Ad esempio, Platone confronta gli onori dati ai guardiani con quelli assegnati ad Achille nell’Iliade (VII, 321–322):

In effetti, anche secondo Omero, è giusto onorare in tal modo quei giovani che sono buoni, perché dice che l’Ajax, quando si è distinto nella battaglia, “è stato premiato con il lungo taglio della spina dorsale”. E questo è un onore appropriato per un giovane coraggioso, dal momento che lo onorerà e aumenterà la sua forza.

In effetti, è possibile pensare che Platone, invece di cercare di creare un nuovo modello di guerriero in grado di affrontare i problemi di stasi contemporanei, preferisca fare riferimento a vecchi modelli potenzialmente obsoleti nella guerra post-Peloponnesiana ad Atene.

Per riassumere, Platone, al fine di risolvere il problema della stasi, suggerisce una soluzione altamente discutibile perché è profondamente radicata nelle concezioni antiche e potenzialmente obsolete della guerra. Questo fatto è cruciale perché riguarda la capacità della filosofia di Platone di affrontare il problema della stasi. Platone ha fallito? O è possibile trovare un modo per spiegare la sua scelta nella Repubblica? Vediamo come è possibile difendere la posizione di Platone.

Forza e debolezza della posizione di Platone sulla stasi

Anche se Platone era davvero bravo a osservare e descrivere la situazione storica del suo tempo, il suo piano per riformare Atene è discutibile poiché usa modelli di un’epoca passata. Tuttavia, è possibile trovare un modo per spiegare la posizione di Platone?

Un’eredità omerica e arcaica fu identificata nella concezione della guerra di Platone nella Repubblica. Tuttavia, alcune parti di questo dialogo mostrano che Platone non è pienamente a favore di questo retaggio ed è per questo che la sua posizione deve essere attentamente analizzata. Ci sono alcuni indizi nel dialogo che mostrano che il riferimento di Platone alla tradizione omerica e arcaica non è incondizionato.

In primo luogo, Platone ha, soprattutto nel secondo e nel terzo libro della Repubblica, un atteggiamento molto critico nei confronti della tradizione omerica. Ad esempio, quando Socrate e i suoi compagni esaminano che tipo di modelli dovrebbero essere usati per l’educazione dei bambini, condannano la tradizione omerica perché mostra uomini che agiscono da codardi o mancano di coraggio (387d-388d). È facile capire che tali modelli non possono essere usati per crescere i bambini che diventeranno i guardiani della città. Pertanto, il riferimento di Platone alla tradizione omerica deve essere considerato attentamente. Certamente, i guardiani sono paragonati agli eroi omerici e condividono valori con i guerrieri dei tempi omerici, ma non sono essi stessi guerrieri omerici.

Quindi, c’è un altro indizio che mostra che Platone è piuttosto critico nei confronti della tradizione omerica e arcaica: gli eroi di Omero e i guardiani di Platone non condividono le stesse motivazioni. I guerrieri omerici sono motivati ​​dai kléos. Kléos è un elemento importante del codice eroico omerico. Rappresenta la reputazione di coraggio e coraggio che il guerriero mira a ottenere esponendo la sua vita al pericolo sul campo di battaglia.  È essenzialmente un fenomeno individuale. Kléos è l’onore supremo che un guerriero può ottenere. Il guerriero combatte per il proprio orgoglio, per se stesso e non per la comunità. Al contrario, nella Repubblica di Platone, i guardiani vivono in comunità e il loro compito è quello di mantenere l’equilibrio, la pace e la felicità all’interno delle diverse parti della città, come affermato da Socrate nel seguente estratto:

Nell’istituire la nostra città, non miriamo a rendere tutti i gruppi straordinariamente felici, ma a rendere l’intera città così, per quanto possibile. Pensavamo che avremmo trovato la giustizia più facilmente in una città del genere e un’ingiustizia, al contrario, in quella che è governata peggio e che, osservando entrambe le città, saremmo stati in grado di giudicare la domanda in cui ci eravamo posti per così tanto tempo. Ci prendiamo, quindi, di modellare la città felice, non di scegliere alcune persone felici e di inserirle, ma di rendere felice l’intera città.

Il progetto Platonico mira a stabilire la felicità nella città attraverso la giustizia e non a valorizzare l’orgoglio individuale o il kléos. Più in generale, Platone non si riferisce alla tradizione omerica in modo nostalgico o ingenuo. I guardiani si dedicano alla difesa della città contro il dissenso interno (stasi) e i nemici dall’esterno (polémos). Creando una tale classe militare, l’obiettivo di Platone non era quello di valorizzare la guerra e il conflitto per se stessi, ma solo di rispondere a un problema del suo tempo: il pericolo della stasi. Ma perché Platone ha scelto di fare riferimento alla tradizione omerica se è anche abbastanza critico nei suoi confronti? Secondo me, Platone si riferisce alla tradizione omerica più per rendere comprensibile la sua opinione al più vasto pubblico che per rendere un omaggio incondizionato e ingenuo a Omero. È un modo per mantenere un continuum tra i vecchi modelli e i nuovi modelli che vuole creare. Platone è consapevole che qualsiasi tentativo di brutale rivoluzione in città porterà al disastro proprio come hanno fatto i Trenta Tiranni. Ripristinare la pace e l’equilibrio all’interno della città è possibile solo attraverso le riforme, e non la guerra, poiché Platone avverte chiunque sia disposto a cambiare la città attraverso una rivoluzione Settima lettera :

Lascia che non usi la violenza sulla sua patria per provocare un cambio di costituzione. Se ciò che ritiene migliore può essere realizzato solo dall’esilio e dal massacro degli uomini, lascia che mantenga la sua pace e prega per il benessere di se stesso e della sua città.

La filosofia politica di Platone qui è profondamente connessa ai problemi del suo tempo. Sicuramente, la guerra del Peloponneso e le sue conseguenze, il regime dei Trenta Tiranni, furono catastrofiche per Atene. Tuttavia, forzare le persone a un cambio di regime, anche se questo regime è teoricamente migliore, porterà senza dubbio al disastro e al caos.

Conclusione

In questo documento, ho cercato di mostrare come Platone avesse preso in considerazione il problema della stasi e abbia cercato di risolverlo nella sua filosofia politica.

Per raggiungere questo obiettivo, Platone ha sviluppato un nuovo modello di città (la kallipolis) basato su una rigida divisione dei compiti tra tre principali categorie di cittadini che dovrebbero garantire giustizia all’interno della città. Una di queste categorie, i guardiani, era dedicata alla difesa della città e al mantenimento della pace e della giustizia.

Tuttavia, la definizione di questa classe di guardiani era ampiamente basata su una tradizione e un retaggio omerici e arcaici. Questo aspetto è problematico e contraddittorio. Come è possibile per Platone cercare di risolvere un problema causato dalle circostanze storiche del suo tempo riutilizzando valori ed esempi relativi a un’epoca passata? La chiave è che Platone si riferisce a una vecchia tradizione per discutere del suo progetto politico e non elogia incondizionatamente i valori obsoleti. Al contrario, cerca di stabilire un continuum tra i tempi antichi e contemporanei. Proporre tale soluzione altrove sarebbe stato fatale per il suo progetto di rinnovamento del sistema politico di Atene e sarebbe stato un fallimento per il suo desiderio di stabilire la pace e la felicità in città.


Audiolibro-George Orwell- La fattoria degli animali- capitolo 1


Pink Floyd: adattamento de “La fattoria degli animali” di George Orwell nel loro concept album del 1977, “Animals”. Una critica del tardo capitalismo.

I Pink Floyd saranno sempre noti per i loro concept album di grande successo, e il tempo teso di David Gilmour e Roger Waters, e personalmente esplosivo, dinamico su album come “Dark Side of the Moon” sembra ricordare un altro duo magistrale di cantautori abili e noti  per gli altisonanti concetti espressi in musica.
“Animals” del 1977 racchiude in uno scrigno canzoni epiche, in forte espansione, cupe con testi completamente disinteressati nell’affascinare i loro ascoltatori. “Sheeps”, ad esempio, contiene una versione modificata del 23 ° Salmo: “Il Signore è il mio pastore. Mi fa appendere ai ganci in luoghi alti e mi converte in costolette di agnello. “
Come il brutale titolo ci avvisa, Animals è un adattamento della fattoria degli animali di George Orwell (e l’origine del maiale gonfiabile gigante di Pink Floyd ). L’allegoria schematica del libro di Orwell conferisce un alto grado di coerenza alle canzoni estese di Waters, solo cinque in totale. Laddove il romanzo di Orwell è un attacco trasparente allo stalinismo, Waters adatta la sua critica ai “sistemi economici e ideologici all’interno delle democrazie liberali della fine del XX secolo”. La preoccupazione principale … dell’album è quella di rivelare gli effetti che le relazioni capitalistiche tecnocratiche hanno sulla natura degli esseri umani e le evidenti divisioni che strutture di potere antidemocratiche creano tra noi come individui”.
Orwell mostrò gli effetti di “strutture non democratiche” riducendo gli individui a tipi di animali, e così anche Waters, semplificando ulteriormente le classi in tre (e tralasciando completamente gli umani): i maiali al potere, pretoriano e aspiranti cani capitalisti, e le pecore, il masse senza cervello. L’incipit, “Pigs on the Wing (Part One)” , un urgente strummer acustico che viene raccolto alla fine dell’album in una ripresa stranamente ottimista, imposta un tono distopico con immagini che ora possono sembrare vecchio cappello ( tenere presente che Animali ha debuttato cinque anni prima di Blade Runner ).
Se non ti importava di quello che mi è successo,
e non mi importava di te,
ci faremmo zigzagare attraverso la noia e il dolore
Occasionalmente alzando lo sguardo sotto la pioggia.
Chiedendosi a quale dei coglioni la colpa
e guardando i maiali sull’ala.
[…]
Devi tenere un occhio guardando sopra la spalla.
Sai che diventerà sempre più difficile, e sempre più difficile man mano che invecchi.
E alla fine farai le valigie e volerai giù a sud,
nascondi la testa nella sabbia,
solo un altro vecchio triste,
tutto solo e morente di cancro.
Potrebbe non esserci un’antitesi più acuta su “When I’m 64.” L’immagine è resa ancora più devastante dalla paranoia omicida che la circonda. Non tutte le metafore di Orwell funzionano così bene, ma quando lo fanno lo fanno con una forza devastante. Considera queste righe di “Sheeps”, terrificanti come qualsiasi scena del giudizio tardo medievale e più efficaci per un’età che potrebbe non credere all’inferno ma ha visto i macelli:
Cosa ottieni facendo finta che il pericolo non sia reale.
Mite e obbediente segui il capo
Giù per i corridoi calpestati nella valle d’acciaio.
Che sorpresa!
Uno sguardo di shock terminale nei tuoi occhi.
Ora le cose sono davvero come sembrano.
I Pink Floyd hanno fortemente ispirato gran parte della musica impegnata a seguire, facendo altrettanto quanto i Black Sabbath o i Led Zeppelin, direi, per coinvolgere l’immaginazione dei metalhead e dei narratori del prog-rock. Gran parte della musica che li ha seguiti suona molto datata, ma a quarant’anni dalla sua uscita, il loro disco più cupo — che sta dicendo molto — sembra più rilevante che mai. Gli animali si concludono in modo ambivalente, pieno di speranza ma diffidente. I maiali sono ancora all’ala, e l’unico rimedio a portata di mano, suggerisce Waters nelle ultime righe, potrebbe essere quello di “sapere che mi importa cosa ti succede / e so che ti importa di me”.
Mentre ci troviamo in mezzo al tumulto politico all’inizio di un nuovo decennio, con gli oppressi che scendono letteralmente in piazza in opposizione al loro leader, è difficile non trovare somiglianze tra il messaggio di Pink Floyd e gli eventi attuali di oggi. Sebbene gli animali rappresentino certamente una realtà più oscura, i parallelismi sono quasi schiaccianti. Speriamo di poter finalmente lavorare insieme per creare un futuro più forte per tutti.


Michel Foucault: Il coraggio della verità

26 gennaio 2017 – Incontro del ciclo “L’homme est une invention récente. L’archeologia dei saperi a cinquant’anni dalla pubblicazione di ‘Le parole e le cose’ di Michel Foucault” Relatore: Prof. Sandro Chignola. Dipartimento di «Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia applicata» (FISPPA) Università degli studi di Padova Introduce: Lorenzo Pedrini. Dottorato in Sociologia Applicata e Metodologia della Ricerca Sociale, Università di Milano-Bicocca. Una doppia tensione attraversa la produzione di Michel Foucault. Da una parte, i suoi testi e i suoi interventi pubblici offrono una radicale problematizzazione dei regimi di verità storicamente istituiti, nel tentativo di sbrogliare la matassa che intreccia tra loro sapere e potere. Dall’altra, lo storico dei sistemi di pensiero rivolge perennemente i propri studi verso di sé: dissolvere un certo sguardo prima della sua stabilizzazione; interrogare conclusioni raggiunte per mettere in discussione prese di posizione o rilanciarle. In questo senso, Foucault offre un esempio di autentica politica della filosofia. Una politica della filosofia in grado di spezzare l’inerzia di tradizioni disciplinari, oltrepassarne i confini, rompere la separazione fra teoria critica e prassi critica. Una postura che trova espressione nell’ultima fase del personale itinerario di ricerca, con l’avvicinamento al progetto di Max Weber – fino ad allora apertamente tenuto a distanza. Un ethos della verità per certi versi insuperato; ma il cui exemplum, quanto mai attuale, solleva inoltre inquietanti interrogativi sull’essere studiosi oggi, sulle possibilità e le funzioni di un pensiero critico al tempo dell’accademia neoliberista.

 


Pasqua 2020 -JESUS ​​CHRIST SUPERSTAR. Una rilettura a-tipica

GESÙ CRISTO SUPERSTAR consente alle persone di vedere Gesù come un essere umano, come loro, che deve affrontare le prove dell’umanità. Il pubblico vede Gesù come emblema di perfezione, ma in grado di leggere  la sofferenza di ogni evento che sfocia  al suo tradimento e alla sua morte.
I messaggi di questa opera rock risuonano per i credenti e i non credenti: la Bibbia offre nelle sue pagine racconti  incredibili di persone che vivono eventi  che cambiano inesorabilmente il mondo. JESUS ​​CHRIST SUPERSTAR è una delle diverse traspsizioni bibliche che narrano il retroscena interpretativo di queste storie. I creatori, Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, esprimono la loro interpretazione di ciò che questa storia significa per le nostre vite. In una nazione divisa, come ci avviciniamo l’un l’altro? Urliamo “crocifiggilo” contro coloro con cui non siamo d’accordo o non comprendiamo, o stiamo al loro fianco e vediamo il mondo attraverso i loro occhi?
Mentre lottiamo con il conflitto del nostro mondo attuale, JESUS ​​CHRIST SUPERSTAR offre l’opportunità di vederci specchiati nell’emozione della storia. Le persone possono relazionarsi con gli apostoli, chiedendosi cosa accadrà a loro se difenderanno ciò in cui credono, o Gesù, sentendosi tradito da coloro che lo circondano, o Giuda, provando rimorso per le sue azioni e lottando per essere visto come un cattivo per stare in piedi per quello che pensava fosse giusto. Entrambi questi personaggi chiedono “perché io?”
” Perchè io? “ e “Perché non io?” … Il tumulto interiore e l’accettazione di una “chiamata” possono essere grandiosi e sconfortanti allo stesso tempo. Questa meditazione incessantemente ripetuta rappresenta una delle più grandi lotte umane di tutti i tempi. 
Il teatro ci offre la capacità di sentire e sperimentare profondamente. Questa storia aggiunge un’esperienza profonda e completa a questa nostra attuale Pasqua 2020. Eric dice: C’è la responsabilità di raccontare una storia così maestosa e importante con grazia, rispetto e cuore”. Lo spettacolo fornisce un’interpretazione all’ignoto retroscena psichico e personale che si verifica durante questi eventi, includendo ipotesi su quanto possa  essere stato difficile per ogni personaggio affrontare questa intensa esperienza in qualità di semplici esseri umani che agiscono ed interagiscono un evento enorme, rivoluzionario e divino.
L’incredibile opera rock e il testo quanto mai  contemporaneo consentono al pubblico di oggi di rispecchiare se stesso in questa storia, incoraggiando ciascuno di noi a porsi domande più ampie di fede, leadership e convinzione … il tutto canticchiando insieme ad alcune delle più grandi canzoni mai scritte.

Il chiaroscuro dell’humatitas e suoi principi.

Homo faber fortunae suae.

Appio Claudio Cieco (350–271 a.C.), Sententiae,

 

Ogni mossa intrisa di consapevolezza è un atto straordinario quando sapienza conduce a saper comprendere e distinguere.

Qualunque azione sortisce un buon effetto allorchè si conforma al principio evidente  oltre la logica senza dimostrazione perchè perspicace.

Qualsivoglia insuccesso prova che uno o più qualità necessarie e richieste per uno scopo determinato sono stati considerati con occhio fisico e mentale in modo erroneo.

Il primo requisito per causare un qualunque cambiamento è la completa comprensione sia in riferimento alla classificazione e sia in riferimento a aspetti, caratteri, dati, valori, o al modo di essere delle condizioni.

Il secondo requisito per causare qualunque cambiamento è la capacità pratica di mettere in moto nel modo esatto le forze necessarie, negoziazione e esperienza competente nell’agito

L’essere umano è una stella, Pensiero fulmineo e vettore sociale

Il genere umano ha una rotta, che dipende in parte dalle scelte operate dall’individuo, in parte dall’ambiente che gli è naturale e necessario. Chiunque sia costretto a deviare dalla propria rotta  verso un fine uno scopo, sia perché non comprende se stesso, sia a causa di un superamento, senza confronto efficace e costruttivo perchè unicamente urlato o imposto, entra in conflitto con l’ordine universale, e di conseguenza ne soffre.

La volontà cosciente dell’essere umano allorchè è in contrasto con la sua volontà vera, spreca la propria forza. Non si può sperare di influenzare in modo efficace il suo ambiente; la scelta deve essere congruente al desiderio soppesato secondo criteri di giustizia e temperanza.

L’umano,quando opera secondo la sua vera volontà ha dalla sua l’inerzia dell’universo che lo assiste in ologramma esistenziale.

La Natura è un fenomeno continuo, anche se non sempre sappiamo in che modo le cose sono connesse tra loro; poiché θαυμάζειν rappresenta il nesso essenziale tra modo critico, libero e razionale  per indagare in curiosità la totalità delle cose e di studio tutta la realtà.

La scienza ci consente di approfittare della continuità della Natura mediante l’applicazione empirica di inconfutabili princìpi la cui interazione comporta differenti ordini di idee, connessi l’uno con l’altro in un modo che sta al di là della nostra attuale capacità di comprensione, il stile in gerarchia di dominio sistemico del mondo.

L’essere umano ignora la natura del suo stesso essere e dei suoi poteri. Persino l’idea che ha delle proprie limitazioni è fondata sull’esperienza pregresse, e ogni nuovo passo in avanti nel progresso ingrandisce la sua sfera di dominio circostante. Non v’è quindi ragione di assegnare limiti teorici a ciò che egli può essere o a ciò che può fare;  facoltà che stabilisce autorità e ordine anche in forza di diritto.

Ciascun essere umano è pressochè consapevole che la sua individualità agisce ed influenza parecchi ordini di esistenza, anche quando egli afferma che i suoi princìpi più impercettibili sono solo sintomatici dei cambiamenti che avvengono nel suo veicolo corporale grossolano. Si può dedurre che un ordine identico si estenda in tutta la natura; necessitiamo di un richiamo all’uomo vitruviano e all’humanitas , cognizione che sta minando il senso del vivere

Il genere umano è capace di essere e di usare tutto ciò che percepisce, perché tutto ciò che percepisce è, in un certo senso, una parte del suo essere. Egli può quindi soggiogare l’intero Universo che conosce e nel quale interagisce, sottomettendolo alla sua volontà individuale mediante processi di conoscenza e azione sulle sfere di interesse circostanti Ogni forza dell’Universo può venir trasformata in un’altra specie di sorveglianza ricorrendo a mezzi adatti. Vi è quindi una scorta inesauribile di ogni particolare specie di forza di cui disporre.

L’attuazione di ogni data forza influisce su tutti gli ordini dell’essere che esistono nell’oggetto al quale viene applicata, quale che sia l’ordine direttamente influenzato dal principio personalistico e sussidiarietà

L’umano può apprendere l’uso di qualunque forza in modo da realizzare qualsiasi scopo, servendosi dei teoremi precedentemente esposti in forza di potenza dell’essente

Egli può attrarre a sé ogni forza dell’Universo facendo di se stesso un ambiente naturale o artificiale atto a ricevere o contenere qualcosa adatto, stabilendo con essa una connessione, e disponendo le condizioni in modo che la natura stessa della forza la costringa a fluire verso di lui, esprimendone capacità potenziale dell’essere sensiente

La percezione interna e/o esterna che l’essere umano ha di sé stesso quale forma separata dall’universo e ad esso opposta è un impedimento consistente allo sfruttamento delle sue energie: finisce per imprigionarlo; allora può attirare e utilizzare solo le forze per le quali è davvero adeguatamente preparato ad agire.

Non esistono limiti alla portata delle relazioni tra ogni umano e l’Universo in essenza. Infatti, non appena l’umano si identifica con un’idea, cessano di esistere le misure. Ma il suo potere di utillizzare tale forza è limitato dal suo potere mentale e dalla sua capacità, e dalle circostanze del suo ambiente sociale;

Il genere umano è essenzialmente autosufficiente. Ma è insoddisfacente per se stesso fino a quando non si è posto in antitesi con l’universo di cui è elemento.


Mutamento: Eraclito, Manlio Sgalamabro e Franco Battiato

Quest’ordine del mondo, che è lo stesso per tutti, non lo fece né uno degli dei, né uno degli uomini, ma è sempre stato ed è e sarà fuoco vivo in eterno, che al tempo dovuto si accende e al tempo dovuto si spegne.

 

Eraclito

«Ταὐτὸ τ΄ἔνι ζῶν καὶ
τεθνηκὸς καὶ ἐγρηγορὸς
καὶ καθεῦδον καὶ νέον
καὶ γηραιόν· τάδε γὰρ
μεταπεσόντα ἐκεινά ἐστι
κἀκεῖνα πάλιν [μεταπεσόντα] ταῦτα.»
(IT)«È la medesima realtà il vivo
e il morto, il desto e il dormiente,
il giovane e il vecchio:
questi infatti
mutando son quelli,
e quelli di nuovo [mutando] son questi.»
Eraclito di Efeso, Frammenti, 88

Considerazioni sul Tempo

“Non è che abbiamo un breve lasso di tempo, ma che ne perdiamo gran parte. La vita è abbastanza lunga, ed è stata data in misura sufficientemente generosa da consentire il raggiungimento delle cose più grandi se il tutto è ben investito “.

Seneca

 

 

Tutto cambia sempre. Questa è una di quelle verità in cui si fondono l’aspetto crudele e angoscioso e la virtù. Il cambiamento è l’unica costante e il Tempo è il sovrano oggettivo dell’Universo. Il tempo è l’inizio e la fine di tutte le cose, un orologio il cui ticchettìo si sposta solo avanti.

Stiamo afferrando il tempo o lo stiamo attraversando? Ora, la maggior parte delle persone che pongono una versione di quella domanda in genere la seguono con un po ‘di banalità che nessuno sa davvero come affrontare. Il tempo è un grande equalizzatore. È freddo e imparziale, totalmente disinteressato ai tuoi sogni e piani. La sua unica preoccupazione è il movimento in avanti, e saremmo migliori a pensarla in modo simile. Il modo in cui trascorri il tuo tempo è in gran parte ciò che contribuisce alla qualità della vita, e sono poche le persone che sono in grado di guardare indietro rispetto le loro vite in qualsiasi momento e dire, ho fatto esattamente ciò che volevo ed esattamente ciò di cui ero capace. Come trascorri il tuo tempo – i tuoi giorni, le tue ore, i tuoi minuti – è ciò che determinerà se “sei” in quei pochi rari attimi.

 

Una corretta visione del tempo ha implicazioni significative sulle nostre esperienze emotive. Quella cosa che ti sta gravemente sconvolgendo in questo momento – cambierà. La situazione che genera ansia in te, quel fastidioso disturbo fisico temporaneo … Tutto cambierà. Tra una settimana, tra un mese, un anno e così via, sarà tutto diverso. Per lo meno, sarai diverso tu.

Vorrei avere la facoltà di proiettarmi all’istante in un futuro in cui qualsiasi cosa mi stia attualmente affliggendo, emotivamente, fisicamente o altro, non fosse altro che un ricordo di un’epoca in cui la mia forza era messa alla prova. Vorrei il potere della simulazione, la capacità di trasformare ogni ansia in una battuta d’arresto temporanea che presto diventerà una lezione. Perché tutto cambia sempre e il tempo passa solo. L’unica costante è il fatto che stiamo perdendo tempo e dovremmo cercare di perdere tempo solo per le cose per cui vogliamo perderlo.

Il tempo sembra “scadere” solo quando siamo più grandi. O quando la nostra salute è in pericolo. Altrimenti, abbiamo tutto il tempo nel mondo. Il nocciolo della questione è questo: se ci preoccupiamo di vivere una vita significativa, non possiamo permetterci di vivere senza intenzione. Vivere con intenzione significa prendere possesso del tuo tempo, proteggendolo inesorabilmente oltre una conditio sine qua non.

Significa rifiutare di cadere preda di emozioni distruttive perché sai che le cose cambiano sempre e che la tua energia può essere allocata meglio. Significa raccogliere la tua mente fuori dai media e nelle cose che  tagliano via il tuo obiettivo.

Vivere con intenzione significa dedicarsi concretamente a qualunque sia la tua missione, che cambi il mondo o ami semplicemente chi ti circonda. Soprattutto, significa prendere sul serio il tempo prima che la posta in gioco sia troppo alta. Per natura  esistere in un mondo imprevedibile, la posta in gioco è sempre alta. È il modo cui coloriamo le nostre vite a determinare se è qualcosa di cui ci lamentiamo o celebriamo.

Quando si tratta di tempo, il nostro dovere è questo: rallentare e dimorare intenzionalmente minuti e secondi.

 

 

 

 


La democrazia – Giorgio Gaber


Il tempo delle “pecore smarrite”: la perdita dell’umana libertà di “essere” in questo mondo

L’humanitas ha smarrito il senso peculiare che la caratterizza, il senso etimologico, la radice della parola. Scrivo questo blog da un decennio cercando di porre attenzione e impegno a ciò che i più hanno relegato e consacrato all’oblio. Mi ritrovo oggi a riflettere sul senso della malattia che trova spesso assordante vociare ovunque, dai media alla chiacchiera fino a ridursi in paura e dilagando in angoscia isterica, regina del non-sense. Occorre risvegliare coscienza e riappropriarsi del senso delle parole che tradiamo nell’uso irragionevole e dissociato quotidiano, perchè la parola libera ed è foriera di azione sensata.

Vivere la malattia e fronteggiarla nelle svariate forme in cui si manifesta oggi più che mai dimenticate e inesorabilmente asservite alla sigla COVID-19, evocano la naturalità poliedrica e multiforme del genere umano, la sua nascita e la sua morte.

Humanitas affonda il suo significato in cultura letteraria, virtù di umanità e stato di civiltà; è dunque un merito piuttosto che un tratto universale. Terenzio, il commediografo latino ne traccia la sintesi: indica la rotta che conduce al rispetto  di sè e degli altri, di arricchimento e approfondimento dei rapporti umani.

In Cicerone ancora assume un ampio significato intendendo l’humanitas come cultura raffinata e di umana cortesia; una umanità  intesa come cultura che diviene valore quando si eleva a maestra e norma di vita e di educazione dell’uomo, una cultura immersa nella vita pratica e concreta e come strumento di arricchimento di umanità e moralità.

Ancora il visionario Dante ci invita ad uno sforzo maggiore: nelle sue opere ci stimola ad una critica costante e calibrata in modo da leggere le sfumature in situazioni di disagio, e ci indica di “ficcare l’occhio” fin nel ventre della problematica complessità della compagine nella quale muoviamo i passi della nostra esistenza.

Da questo veloce schizzo mi domando: quanta umanità c’è oggi in campo medico? Ragioniamo sulle parole.

La saggezza dello sguardo nell’indicare la terapeutica cura va ricalibrata in chiave foucaultiana e ippocratica, l’universale chiave di lettura dell’umano patire e dello straordinario potere dell’osservare. L’equilibrio tra la triplice focale triade fatto-azione-attesa si trasmuta oggi in dissesto in chiave micro e macro denunciando la sua dis-funzionalità, nel momento in cui l’uomo e il suo altro stuprano il  λόγος, lógos, in cappio senza armonica ripartizione in vista del Bene della comunità.

Curare significa osservare nel profondo e studio peculiare senza ricorrere a bieche statistiche alla ricerca spasmodica del terrore della logica dominante in assetto dormiente dei sudditi. Significa partecipare al respiro e al governo del corpo con attenzione alla prevenzione.

Viviamo i tempi della medicina “cieca” o addirittura miope asservita allo pseudo-benessere del consumismo, una medicina impotente che stenta a procedere quando riesce a contenere il danno, appunto perchè non procede alla risoluzione plausibile.

Va ripristinato il contatto con la Natura, la ciclicità e il suo equilibrio, narrazione di scambio coraggioso e guardiana dei bioritmi delle specie.

Guardare senza vedere significa porsi al ciglio del baratro, pronti a sprofondarvici .

“Essere” medico e “fare” il medico sono due funzioni differenti antitetiche, due dimensioni dissonanti. Ritorniamo  ad intendere la medicina che miri a  salvaguardare e prevenire a livello globale  le pandemie quella lontana da interessi delle multinazionali. Dovremmo imparare dagli antichi, i saggi preposti alla cura e all’uso del ϕάρμακον, farmaco erano sacerdoti e sacerdotesse  evidentemente iniziati ad un sapere vasto, ermetico e celato al volgo, spartiacque che ne evidenzia la correlazione tra uso dei veleni e osservazione reattiva dell’organismo. Nel dettaglio impercettibile e sacro si nasconde la capacità di dare sollievo e cogliere il movimento ad arcolaio di Kundalini, “Sommo Bene” e fonte di vita.

Dedico queste parole ad Elisabetta Imelio dei Sick Tamburo, scomparsa recentemente

 


8 Marzo 2020

 

Ti scrivo Donna da questo anfratto telematico, come vedi … si squadernano scenari imprevedibili e minacciosi all’orizzonte.

Sii forte e fortifica il tuo baricentro mentale e fisiologico in modo da riuscir a fronteggiare al meglio delle tue possibilità la “peste emozionale” cui siamo immersi.

Il mio pensiero va a te, L.T., professionista seria e scrupolosa… fiera di procedere controcorrente con i tuoi capelli mossi al vento … una scossa energetica di risolutezza vitale.

Conscia che mi leggi… sia energia il sorriso al di là di ogni norma, la fiducia oltre il buonismo imperfetto … ti porgo i miei fiori preferiti e a te dedico questi versi:

L’animale pensante

avanza sulle gambe,

erge rancore,

infligge il dolore.

Oltre lo scenario

dello stordimento “acquario”

può azzardare e ponderare…

lottare e amare.

Confini e limiti rapprende

e tenga sveglia la mente

come freccia incida lo squarcio

e superi questo marcio.

E’ un attacco di vita

la penna stasera tra le mie dita.


Aforisma: Arthur Schopenhauer, “L’arte di essere felici”

«Siamo tutti nati in Arcadia, tutti veniamo al mondo pieni di pretese di felicità e di piaceri, e nutriamo la folle speranza di farle valere, fino a quando il destino ci afferra bruscamente e ci mostra che nulla è nostro, mentre tutto è suo. Esso vanta un diritto incontestabile non solo su tutti i nostri possedimenti e i nostri guadagni, ma anche sulle nostre braccia, le nostre gambe, perfino sul nostro naso al centro del volto.
Poi viene l’esperienza e ci insegna che la felicità e i piaceri sono soltanto chimere che un’illusione ci mostra in lontananza, mentre la sofferenza e il dolore sono reali e si annunciano direttamente da sé, senza bisogno dell’illusione e dell’attesa.
Se il suo insegnamento viene messo a frutto, smettiamo di cercare la felicità e i piaceri e ci preoccupiamo solo di sfuggire per quanto possibile alla sofferenza e al dolore. Ci rendiamo conto che il meglio che il mondo ci può offrire è un presente sopportabile, quieto e privo di dolore; se esso ci è dato sappiamo apprezzarlo, e ci guardiamo bene dal guastarlo aspirando senza posa a gioie immaginarie o preoccupandoci con timore di un futuro sempre incerto, che, per quanto lottiamo, rimane pur sempre nelle mani del destino».

– Arthur Schopenhauer, “L’arte di essere felici”

Alexandre Cabanel, L’angelo caduto, 1847, particolare

 


Paperino spiega la geometria sacra e il pentagramma – 1959 COMPLETO

La geometria sacra è l’abbreviazione di SG che fa riferimento a Stargate, la Ruota del tempo o il Karma attraverso cui sperimentiamo ed evolviamo. Siamo anime scintille di luce che hanno un’esperienza fisica, la nostra coscienza scende a spirale attraverso gli schemi del rapporto aureo, ora in procinto di invertire la spirale (rotazione) e ritornare alla coscienza e alla luce sorgente. Comprendere la realtà è focalizzarsi sugli schemi che si sono ripetuti nel tempo, come su un’ottava più alta con ogni esperienza programmata per le anime. La scienza e la fantascienza si stanno fondendo nel ventunesimo secolo quando tutto diventa chiaro e la natura della realtà, come basata su un disegno geometrico sacro, è compresa. Non è poi così complicato.

 


Aforisma per meditare…..

È stato il periodo delle sberle
Di quelle ben assestate
Di quelle date da chi non gliene frega niente se te la prendi o se ti offendi
Perché da te non vuole nulla
E non vuole darti nulla
“Sei malata
Sei dipendente
Sei nella merda!”
È stato il periodo delle fregature
Di quelle per cui sarebbe il caso cercare giustizia
E rimproverarti di essere stata troppo ingenua
E maledire ste belle facce de culo!
È stato il periodo degli abbandoni e dei rifiuti
Di quelli che mi hanno fatto sperimentare il vuoto, il mio vuoto
Benedetti!
Benedico ognuno di questi istanti di vita
Che mi hanno obbligata a non perdere più tempo in altre lamentele o piagnistei
Non c’è più tempo!
Ogni più piccolo particolare della mia esistenza è un insegnamento
Per svegliarmi e guardarmi allo specchio
Per estinguere debiti e liberarmi dal karma
Per riportare alla mia coscienza ogni emozione provata e sperimentata come essere umano
È stato il periodo delle demolizioni dei ruoli
Non sono insegnante come gli altri
Non sono mamma come le altre
Non sono compagna come le altre
Non ho una casa mia
Non so più chi sono
Ho solo un nome
Ma mi piace non avere confini
È stato il periodo del superamento delle paure
I limiti sono solo nella mia testa
Le vittorie sono a ogni passo
Basta solo saper vedere
Accolgo tutto!
Ogni più piccolo particolare
I sentimenti
Anche quelli di cui prima mi vergognavo
Anche di quelli di cui prima mi sentivo in colpa
Mi do il permesso di esistere
Di sentire

Arianna Licciardello

 


Citazione

Lascia che il tuo cuore trabocchi

Lascia che il tuo cuore trabocchi e riversi all’esterno ogni suo sentimento, ogni sua emozione…
Lascia che il tuo cuore trabocchi e ti mostri tutto di te così da poterlo mostrare nel mondo.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e ti mostri le luci e le ombre e fai spazio a tutto, ma proprio a tutto…
Sei sia il caldo che il gelo, sia la lotta che la resa, sia l’accoglienza che l’indifferenza.
Sei la notte ed il giorno e anche tutte le sfumature in mezzo.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e riveli i segreti che ha tenuto nascosti, e se ritieni sia il caso, con amore e cura condividi.
Non sei mai solo, ma puoi essere solo anche in mezzo ad un fiume di gente, se trattieni dentro di te la tua ricchezza e hai timore che ti venga rubata o sporcata o infangata dagli altri.
Impara a discernere con chi camminare e a chi non avvicinarti per strada ma lascia fare al tuo cuore, lui sa.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e che doni e che chieda l’amore che serve, non sei qui per vivere da solo nell’ascesi del tuo cammino, a meno che certo questa non sia la scelta della tua anima.
Perciò lascia, ti prego che il tuo cuore trabocchi, che ti porti davanti alla verità su te stesso, che ti mostri anche ombre e bisogni e prove ed errori e le pietre di inciampo che non sai come togliere, e magari spolverale o sieditici sopra per un po’.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e se ti confonde quello che arriva fai un bel respiro e stai certo, che non deve andare tutto in ordine oggi, che puoi anche restare confuso e orientarti fra un po’…
Lascia, ti prego che il tuo cuore trabocchi e che in esso possa trovare rifugio ogni singolo aspetto di te…
Lascia, ti prego che il tuo cuore trabocchi e ti doni chi Sei.
(Virna Trivellato)

 


13 Dicembre – Santa Lucia

Santa Lucia è una festa cristiana celebrata il 13 dicembre, in ricordo della martire  di origini siciliane del 3 ° secolo.

Santa Lucia è festa molto popolare in Scandinavia: devozioni speciali per lei si svolgono su e giù per la penisola in particolare nel nord, ma anche nella sua regione natale della Sicilia.

Patrona dei non vedenti

Lucia fu perseguitata per la sua fede intorno al 300 d.C., rendendola una dei primi martiri cristiani registrati. Varie leggende narrano che avrebbe indossato sul capo una ghirlanda illuminata da candele mentre portava cibo e aiuti ai cristiani che si nascondevano nelle catacombe. Secondo la tradizione, la santa vergine si rifiutò di sposare un potente uomo pagano, che si innamorò dei suoi occhi leggendari. Infuriato dal rifiuto, questi mandò i soldati ad accecarla, ma i suoi occhi furono miracolosamente salvati. In un’altra versione, si racconta che se li sia strappati da sola e li abbia inviati in dono  al suo pretendente su un piatto. Le autorità romane ordinarono quindi a Lucia di lavorare in un bordello, ma lei si rifiutò di recarvisici. Dato che nemmeno un fuoco acceso sotto i suoi piedi poteva farla muovere, uno dei suoi persecutori alla fine la uccise pugnalandola alla gola con una spada.

È venerata come la patrona dei non vedenti e viene spesso raffigurata tenendo gli occhi su un piatto d’oro. Forse non a caso, il nome di Lucia deriva dal latino lux o lucis che significa  luce ( luce in italiano). La sua festa un tempo coincideva con il solstizio d’inverno, il giorno più corto e più buio dell’anno prima delle riforme del calendario, e di conseguenza è diventata una festa della luce. Poiché rientra nel periodo dell’Avvento appena 12 giorni prima di Natale, il giorno di Santa Lucia indica anche l’arrivo di Cristo, la luce del mondo.

Carestia a Siracusa, Sicilia

Lucia è anche la patrona della sua città natale, Siracusa,  in Sicilia . In effetti, ottenne maggiore fama qui quando la grande carestia siciliana del 1582  terminò il giorno della sua festa, grazie all’ingresso  in porto di una  nave carica di grano. Invece di trasformare il grano in farina, le persone affamate semplicemente lo bollirono e lo mangiarono. Ora, i siciliani onorano la sua memoria astenendosi da tutto ciò che è fatto di farina di grano nella data del 13 dicembre. Tradizionalmente, mangiano cereali integrali, che di solito assumono la forma di cuccia, un dessert di bacche di grano bollito dolcificate con ricotta e miele.

Celebrazioni di oggi

In genere in questo giorno, gli italiani si riuniscono, bruciano candele e torce e condividono in abbondanza  cibi e bevande. Tuttavia, le celebrazioni tradizionali di Santa Lucia variano a seconda della regione.

Nel nord Italia, in particolare in Trentino-Alto Adige, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna, Santa Lucia è celebrata in modo simile alla tradizione di San Nicola. Ma invece di viaggiare su una slitta, cavalca il suo asino e visita le case alla vigilia della sua festa, portando regali ai bravi bambini. E piuttosto che latte e biscotti, le famiglie preparano caffè e torte – a volte anche biscotti e arance – per la  santa, acqua e fieno per l’asino. Tuttavia, i bambini non possono guardare la sua visita, o lei cospargerà di cenere i loro occhi, accecandoli temporaneamente.

A Milano, in particolare, vedrai Santa Lucia rappresentata nella Cattedrale, poiché è considerata la protettrice degli scultori della Veneranda Fabbrica del Duomo, che lavoravano il marmo ogni giorno, continuamente a rischio di essere colpiti negli occhi da schegge o accecati dalla polvere. Dei numerosi eventi importanti che si svolgono in suo onore nella zona, ogni anno la Chiesa di Santa Maria Annunciata a Camposanto dedica una messa per ringraziarla e distribuire “il pane di Santa Lucia”.

Nel sud Italia, Santa Lucia è onorata con processioni e feste religiose più tradizionali. La celebrazione più importante si svolge a Siracusa, ovviamente. I festeggiamenti iniziano la sera prima quando spostano la sua statua d’argento dalla sua cappella all’altare maggiore della sua cattedrale a lume di candela. Il mattino seguente, una processione di 60 uomini con berretti verdi trasporta la sua statua d’argento in tutta la città, facendo tappa nelle cattedrali più importanti e nel Mar Ionio.


16 giorni di azione per l’eliminazione della violenza contro le donne – 25 novembre – 10 dicembre

25 nov Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
01 dic Giornata mondiale contro l’AIDS
06 dic Anniversario del massacro di Montreal
10 dic Giornata internazionale dei diritti umani

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – 25 novembre

Il 25 novembre è stata dichiarata Giornata internazionale contro la violenza contro le donne nel primo Encuentro femminista per l’America Latina e i Caraibi, tenutosi a Bogotà, in Colombia, dal 18 al 21 luglio 1981. A quel punto, le donne Encuentro denunciavano sistematicamente la violenza di genere dalla batteria domestica, allo stupro e alla violenza sessuale e molestie, per dichiarare la violenza tra cui torture e abusi di donne prigioniere politiche. Il 25 novembre è stato scelto per commemorare l’assassinio violento delle sorelle Mirabal (Patria, Minerva e Maria Teresa) il 25 novembre 1960 dalla dittatura di Rafael Trujillo nella Repubblica Dominicana. Nel 1999, le Nazioni Unite hanno riconosciuto ufficialmente il 25 novembre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Gli “encuentros femministi” sono conferenze di femministe dell’America Latina che si riuniscono ogni 2-3 anni in un diverso paese dell’America Latina per scambiare esperienze e riflettere sullo stato del movimento femminile. La sessualità e la violenza nelle loro forme e contesti ad ampio raggio sono sempre stati inclusi nei temi ad ampio raggio di questi incontri. Questi incontri hanno stimolato la creazione di reti regionali, seminari, programmi di video e radio, programmi di studi sulle donne e un numero crescente di centri di documentazione delle donne in tutta la regione che si dedicano alla raccolta e alla messa a disposizione di informazioni sulla storia e le priorità del movimento delle donne . Hanno anche fornito uno spazio per la formulazione e la discussione del focus di un numero crescente di riviste e newsletter femminili, che contengono articoli,

Patria, Minerva, Maria Teresa e Dedé, sono nate a Ojo de Agua, vicino alla città di Salcedo, nella regione di Cibao, nella Repubblica Dominicana, da Enrique Mirabal e Maria Mercedes Reyes. Le sorelle Mirabal – “Las Mariposas (le farfalle)” – erano attiviste politiche e simboli altamente visibili di resistenza alla dittatura di Trujillo. Furono incarcerati ripetutamente, insieme ai loro mariti, per le loro attività rivoluzionarie verso la democrazia e la giustizia. Il 25 novembre 1960 tre delle sorelle Mirabal, Minerva, Patria e Maria Teresa furono assassinate insieme a Rufino de la Cruz da membri della polizia segreta di Trujillo. Le tre donne venivano portate da Rufino a Puerto Plata per visitare i mariti incarcerati. I corpi delle tre sorelle furono trovati in fondo a una precipe spezzata e strangolata. La notizia dei loro omicidi ha scioccato e oltraggiato la nazione. Il brutale assassinio delle sorelle Mirabal fu uno degli eventi che aiutarono a spingere il movimento anti-Trujillo. Trujillo fu assassinato il 30 maggio 1961 e il suo regime cadde poco dopo.

Le sorelle sono diventate simboli della resistenza popolare e femminista. Negli anni successivi alla loro morte, le sorelle Mirabal sono state commemorate in poesie, canzoni e libri. Una mostra delle loro cose è stata allestita presso il Museo Nazionale di Storia e Geografia, è stato emesso un francobollo in loro memoria e una fondazione privata sta raccogliendo fondi per rinnovare un museo di famiglia nella loro città natale. L’8 marzo 1997, Giornata internazionale della donna, fu inaugurato un murale sull’obelisco di 137 piedi (che Trujillo aveva eretto in suo onore) a Santo Domingo. Raffigura le immagini delle quattro sorelle. Il dipinto sull’obelisco è intitolato “Un Canto a la Libertad”.

Per ulteriori informazioni, consultare il racconto immaginario di Julia Alvarez sulle sorelle Mirabal nel suo romanzo del 1994, “Nel tempo delle farfalle;” Il libro di Bernard Diederich “Trujillo: La morte del dittatore”; e “Le sorelle Mirabal”, in Connexions, un International Women’s Quarterly, n. 39, 1992.

Giornata mondiale dell’Aids – 1 dicembre

La Giornata mondiale dell’AIDS si celebra ogni anno il 1 ° dicembre. Questo giorno segna l’inizio di una campagna annuale progettata per incoraggiare il sostegno pubblico e lo sviluppo di programmi per prevenire la diffusione dell’infezione da HIV e fornire istruzione e promuovere la consapevolezza delle problematiche legate all’HIV / AIDS. È stato osservato per la prima volta nel 1988 dopo che un vertice dei ministri della salute di tutto il mondo ha richiesto uno spirito di tolleranza sociale e un maggiore scambio di informazioni sull’HIV / AIDS. La giornata mondiale dell’AIDS serve a rafforzare gli sforzi globali per affrontare le sfide della pandemia di AIDS.

Anniversario del massacro di Montreal – 6 dicembre

Mercoledì 6 dicembre 1989 un uomo di 25 anni, Marc Lepine, entrò alla School of Engineering Building dell’Università di Montreal verso le cinque del pomeriggio, con un fucile semiautomatico calibro 223. Iniziò a sparare durante il quale uccise quattordici donne e ne ferì altre tredici: nove donne e quattro uomini. Marc Lepine credeva che non fosse stato accettato alla scuola di ingegneria a causa delle studentesse. Prima di uccidersi, lasciò una lettera esplicativa che conteneva una tirata contro le femministe e un elenco di diciannove donne di spicco, che disprezzava in modo particolare.

Le quattordici donne assassinate nel massacro furono: Anne-Marie Edward, Anne-Marie Lemay, Annie St. Arneault, Annie Turcotte, Barbara Daigneault, Barbara Maria Klueznick, Genevieve Bergeron, Helen Colgan, Maud Haviernick, Maryse Laganiere, Maryse Leclair , Michele Richard, Natalie Croteau e Sonia Pelletier.

Queste donne sono diventate simboli, tragici rappresentanti, dell’ingiustizia nei confronti delle donne. Gruppi di donne in tutto il paese hanno organizzato veglie, cortei e monumenti commemorativi. Vi è stato un aumento del sostegno a programmi educativi e risorse per ridurre la violenza contro le donne. Sia i governi federali che quelli provinciali si sono impegnati a porre fine alla violenza contro le donne. Nel 1991, il governo canadese ha proclamato il 6 dicembre la Giornata nazionale della memoria e dell’azione sulla violenza contro le donne. Nel 1993, un’organizzazione che si autodefinisce la Coalizione del 6 dicembre ha istituito un fondo rotativo per le donne che lasciano situazioni violente per stabilire se stessi e i loro figli in un ambiente più sicuro e sicuro. Sempre nel 1993 è stata lanciata una campagna chiamata Zero Tolerance che offre agli uomini l’opportunità di mostrare solidarietà alle donne contro la violenza contro le donne.

Giornata internazionale dei diritti dell’uomo – 10 dicembre

Il 10 dicembre i popoli e gli stati di tutto il mondo celebrano l’adozione, nel 1948, della Dichiarazione universale dei diritti umani. In questa data storica della storia contemporanea, le nazioni del mondo si unirono per cercare di seppellire, una volta per tutte, lo spettro del genocidio sollevato dalla seconda guerra mondiale. Questo documento è stato uno dei primi importanti successi delle Nazioni Unite e ha fornito la filosofia di base per molti strumenti internazionali giuridicamente vincolanti da seguire. La risoluzione 217A (III) dell’Assemblea Generale, proclama la “Dichiarazione universale dei diritti umani come standard comune di realizzazione per tutti i popoli e tutte le nazioni, al fine che ogni organo della società, tenendo costantemente presente questa Dichiarazione si impegnerà nell’insegnamento e nell’educazione per promuovere il rispetto di questi diritti e libertà … ”Le organizzazioni e gli individui usano la Giornata dei diritti umani come un’opportunità per commemorare sia la firma di questo documento storico sia per promuovere i principi che sono elencati in tutto il documento. La Giornata dei diritti umani, secondo l’Alto Commissario per i diritti umani, Mary Robinson, è “un’occasione per dimostrare che i principi della Dichiarazione universale dei diritti umani non erano teorici o astratti”.


L’amore -Thich Nhat Hanh

Il vero amore contiene l’elemento della gentilezza amorevole, che è la capacità di offrire felicità. Per rendere felice una persona bisogna esserci. Si dovrebbeimparare a guardarla, a parlarle. Rendere un’ altra persona felice è un’arte che si impara.
Il secondo elemento che compone il vero amore è la compassione, la capacità di togliere il dolore, di trasformarlo nella persona che amiamo. Anche in questo caso bisogna praticare il guardare in profondità per riuscire a vedere che tipo di sofferenza ha in sè quella persona. Spesso avviene che l’altra persona, compresa e sostenuta, sarà in grado di affrontare più facilmente le difficoltà della sua vita, perché sentirà che siete dalla sua parte.
Il terzo elemento è la gioia. Il vero amore vi deve portare gioia e felicità, non sofferenza giorno dopo giorno. Il quarto e ultimo elemento è la libertà. Se amando sentite di perdere la vostra libertà, di non avere più spazio per muovervi, quello non è vero amore.

Thich Nhat Hanh


Almamegretta-Nun te scurdà

NON DIMENTICARTI

Le sentivo quando ero ragazza, lo chiamavano amore
quel fuoco che ti nasce in petto e che mai se ne muore
le compagne parlavano sottovoce di questa cosa imbarazzante, intima,
che una donna fa solamente nel momento in cui si sposa

E se pure sposa non sono mai stata
so come ribolle il sangue e il cuore sbatte assai forte
quando la voce della passione chiama te
quando silenziosamente nell’orecchio tu ti senti mormorare

Non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché questa vita se ne va
non dimenticarti mai di te
non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
non dimenticarti di te, mai

Ed è tanto l’amore che la sorte mi ha messo nelle mani
che lo vendo e la gente per questo mi chiama puttana
non ho mai saputo stare carcerata in una casa
e un uomo che capisse questo, non l’ho mai trovato

A chi mi schifa dico non vuoi vedere
che il tuo corpo tu lo vendi come me
non mi sopporti e questo già lo so
io sono lo specchio dove non vorresti mai guardarti

Non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché questa vita se ne va
non dimenticarti mai di te
non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
non dimenticarti di te, mai

Mamma, puttana o brutta copia di uomo
è questa la donna in questa parte del mondo
che quando nasce a questo è destinata
e se si fa comandare dal cuore della gente, è condannata

Mamma, puttana o brutta copia di uomo
vrei voluto di più, da questa parte del mondo
non solo apprezzata per i maschi partoriti e non per questo bel corpo
e non per le botte che ho dato,

Solo perché sono stata una donna
e con un catenaccio il mio cuore non l’ho mai chiuso
solo perché sono stata una donna
solamente una donna…

Non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché questa vita se ne va
non dimenticarti mai di te
non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
non dimenticarti di te, mai