“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Elsa Morante

La donna nella società del Rinascimento

LE DONNE NELLA SOCIETA’ DEL RINASCIMENTO

L’entrata nel mondo di una bambina, anche nel Rinascimento, non suscitava la gioia che accompagnava la nascita di un maschio. Se la conseguenza della nascita di un erede maschio comportava, a volte, anche il condono di debiti, o la concessione della grazia ai prigionieri, il tutto condito da festeggiamenti sfarzosi, una figlia regalava sempre una certa preoccupazione ai genitori. Una femmina non solo non perpetuava il nome della famiglia, ma doveva essere allevata al riparo dalle tentazioni pericolose, e doveva essere accasata, con tutto il peso economico che questo significava.

Educazione femminile

L’educazione femminile fu una vera e propria innovazione di questo periodo, anche se la maggioranza la riteneva ancora una cosa non necessaria, o addirittura dannosa! Sin dall’infanzia le bimbe venivano sorvegliate, perché non avessero troppi contatti con i servi o gli schiavi, persone poco raccomandabili. Per evitare questo tipo di inconvenienti, erano mandate in convento, dove potevano studiare e stare al riparo dalle cattive compagnie, fino agli undici-dodici anni.

Uscite dal convento, le ragazze erano pronte ad imparare i loro doveri di donne, per divenire delle perfette spose, sotto la guida materna. Innanzi tutto dovevano avere una conformazione fisica adatta alla procreazione di numerosi figli, ed es- sere sane, in modo da dare al marito eredi forti e robusti. Oltre alle caratteristiche fisiche, dovevano anche possedere delle precise qualità morali. La perfetta sposa era pulita negli abiti e nel corpo, discreta, modesta e, soprattutto, onesta. Doveva rispettare ed ubbidire ai suoi parenti, cosa che lasciava supporre che sarebbe stata fedele nel matrimonio; doveva saper filare, cucire e accudire un’abitazione. Le caratteristiche qui e- lencate non dovevano essere tipiche solo della futura sposa, ma anche di tutte le donne della sua famiglia, poiché si riteneva che “quale la famiglia, tale la figlia!”.

I parenti del futuro marito indagavano, quindi, sugli ascendenti delle giovani pretendenti al matrimonio, inoltravano le ragazze allo sposo, e questi sceglieva la sua consorte, non sulle basi di un presunto amore, bensì vagliando i vantaggi di un’alleanza con una famiglia, piuttosto che con un’altra.

Panoramica sulle scrittrici italiane

Da un paragone con le scrittrici di lingua inglese, il numero e la qualità di quelle italiane risulta decisamente inferiore. Manca in Italia una ricca e solida tradizione di scrittura femminile alla quale rifarsi; mancano le Austen, le Brontë, le Eliot e le altre grandi voci di donna da cui trarre forza. Non è altrettan- to comune la presenza di un gran numero di donne che, fin dal secolo scorso e anche prima, hanno fatto della scrittura una professione. Per rintracciare una tradizione di scrittura femminile bisogna, per l’Italia, risalire più indietro nel tempo.

Nel Medioevo e nel Rinascimento le donne che scrivono sono relativamente abbondanti, anche se limitate a certe categorie privilegiate: le religiose, soprattutto nel Medioevo, e poi, nel Rinascimento, le aristocratiche da un lato e le cortigiane da un altro.

Le scrittrici del Rinascimento scrivono per lo più poesie e lettere, ma anche opere femministe: ne sono un esempio Il merito delle donne di Moderata Fonte e La nobiltà et eccellenza delle donne et i difetti e mancamenti degli uomini di Lucrezia Marinelli.

Dopo il Rinascimento per le donne c’è sempre meno spazio: le ragazze che ricevono un’istruzione, anche nelle classi agiate, sono ancora meno che nei secoli precedenti e, di conseguenza, cala il numero delle opere pubblicate e conservate.

Tra i libri di memorie riproposti di recente ci sono, per il 1600, La semplicità ingannata e La tirannia pa- terna di Arcangela Tarabotti e, per il 1700, le Memorie dal chiostro di Enrichetta Caracciolo. Sempre nel Settecento non mancano poetesse, soprattutto nell’Arcadia; una di esse, Fidalma Partenide (Petronilla Paolini Massimi), è tra le poche a denunciare nelle sue opere la condizione delle donne. A differenza che in Francia, però, l’Illuminismo sembra aver illuminato poco la strada delle scrittrici italiane.

Per tutta la prima metà dell’Ottocento le donne che scrivono continuano ad appartenere ad una ristretta élite che ha la possibilità d’istruirsi solo grazie agli insegnamenti di padri, fratelli o precettori. Solo dopo l’unificazione d’ Italia verranno aperte, a partire dal 1870, scuole pubbliche anche per le bambine e le ragazze che, solo verso la fine del secolo e gli inizi del successivo, iniziano a scrivere per professione. Alle poesie, alle lettere e ai diari che, per quasi tutto l’Ottocento, costituiscono la produzione della maggior parte delle scrittrici, si aggiungono i romanzi e gli articoli di giornale. Il romanzo, genere che per la sua novità e flessibilità è stato il più naturale sbocco per le scrittrici, diventa anche in Italia il settore privilegiato dalle donne che vogliono guadagnarsi da vivere scrivendo. Lo diventa più tardi anche in Francia e in Inghilterra, ma non con gli stessi risultati e in maniera così massiccia, non essendoci un altrettanto vasto pubblico di lettrici a cui rivolgersi.

Quasi sempre i romanzi scritti a cavallo tra Otto e Novecento sono molto interessanti, anche per come si rapportano al femminismo, che in quegli anni incomincia a organizzarsi in gruppi di tendenza più o meno radicale e a pubblicare numerosi periodici.

Più tardi, agli inizi del fascismo, le scrittrici e pittrici appartenenti al movimento futurista rappresentarono un gruppo ancora più contraddittorio di donne che cercarono, in alcuni casi, di conciliare il proprio desiderio di affermazione con l’ideologia misogina del movimento e, in altri, accettarono completamente un ideale di donna vista in funzione dell’uomo. Tra le scrittrici che hanno incominciato a pubblicare i loro romanzi durante o nel primo decennio dopo la guerra è compreso il numero forse più alto in assoluto di narratrici di grande qualità, ciascuna con un suo stile del tutto personale e inconfondibile. Tra queste ricordiamo in particolar modo Ada Negri e Sibille Aleramo.

Oltre ad Anna Banti ed Elsa Morante, le altre ottime narratrici di questo gruppo sono Anna Maria Ortese, Fausta Cialente, Gianna Manzini, Natalia Ginzburg, Lalla Romano e Maria Bellonci, ma nessuna di loro può essere comunque definita femminista. Chi invece, in anticipo sui tempi, ha usato nei suoi ro- manzi tematiche femministe è stata Alba De Céspedes, che però ha scontato questa scelta con un insufficiente riconoscimento, a suo tempo, dalla critica ufficiale e, più tardi, da quella femminista. Le tantissime scrittrici di romanzi e racconti della generazione seguente, aggiungendosi alle precedenti, hanno gradualmente portato la percentuale di donne nella narrativa italiana a valori sempre più alti, fino a co- stituire, in questi ultimi decenni, una presenza massiccia che, se non sembra per ora annoverare maestre della statura di Morante o Banti, comprende un buon numero di valide scrittrici.

In particolare gli anni sessanta-settanta hanno visto una vasta produzione femminista. Dacia Maraini è tra le più eclettiche, scrive romanzi, poesie e saggi. Gli anni ottanta e novanta confermano la tendenza ad un aumento del numero di scrittrici che, con sorpresa e sgomento dei più distratti, ottengono ricono- scimenti di critica e di pubblico. Tra le più note ricordiamo Paola Capriolo, Susanna Tamaro, Isabella Bossi Fedrigotti, Marta Morazzoni, Lidia Ravera. Ma ne andrebbero ricordate molte altre, la cui produzione va dalla narrativa, alla saggistica, agli interessanti esempi di contaminazione linguistica.


Le Donne nella Storia Letteraria Italiana (Parte IV)

di Gioia Guarducci

tratto da L’Alfiere, rivista letteraria della “Accademia V.Alfieri” di Firenze

Poetessa, invece, di buona notorietà nella prima metà del XX secolo, è stata:

– ADA NEGRI (1870-1944), lodigiana, di umili origini, che insegnò a lungo come maestra nelle scuole statali.
Tra le sue molte opere ricordiamo, ad esempio, FatalitàTempestaMaternità . I suoi scritti sono da inserirsi nel filone della poesia “intimista” proprio per l’effusione dei sentimenti e per i tumultuosi ricordi personali. L’intonazione umana, schietta ed impetuosa , intesa alla ricerca del riscatto della “povera gente”, le ottenne dai contemporanei vasti consensi.
Il suo capolavoro è ritenuto Il Libro di Mara (1919) rievocazione di un tardivo amore perduto.
Nei lavori più maturi, adottò moduli pascoliani e dannunziani e nelle prose (il romanzoStella Mattutina e in alcuni libri di novelle), il tono più dimesso ed intensamente autobiografico ha accenti più persuasivi.
Delicati sono i versi delle seguenti

Nevicata
Sui campi e su le strade
silenziosa e lieve
volteggiando, la neve
cade.
In mille immote forme
sui tetti e sui camini
sui cippi e nei giardini
dorme.
Danza la falda bianca
ne l’ampio ciel scherzosa,
poi sul terren si posa
stanca.
Tutto d’intorno è pace:
chiuso in oblio profondo,
indifferente il mondo
tace.
Ma nella calma immensa
torna ai ricordi il core
e ad un sopito amore
pensa.
Addio alla luna

La luna stilla un suo pianto d’oro nel mar di viola:
tacite lagrime d’alba, tristezza di partir sola.

Ad una ad una le stelle sono scomparse lontano:
tristezza d’aver camminato tutta la notte invano.

Si piega sempre più stanca: affonda sempre più smorta:
tristezza, innanzi alla vita,sparire senza esser morta.

Pur le conviene obbedire al Sommo che la governa:
nel vuoto che non perdona, tristezza di essere eterna.

Rami di pesco

Ferma al quadrivio, mentre piove e spiove
sotto l’aspro alternar delle ventate
schioccanti come fruste sulle facce
di chi va, di chi viene, una vecchietta
vende rami di pesco.
O primavera
per pochi soldi! O riso, o tremolio
di stelle rosee su bagnate pietre!
Scompare agli occhi miei la strada urbana
con fango e folla e strider di convogli
sulle rotaie, e saettar nemico
d’automobili in corsa. Ecco, e in un campo
mi trovo: è verde, di frumento a pena
sorto dal suolo: pioppi e gelsi intorno
con la promessa delle fronde al sommo
dei rami avvolti in una nebbia d’oro:
e peschi: oh, lievi, oh, gracili, d’un rosa
che non è della terra: ch’è di tuniche
d’angeli scesi a benedire i primi
germogli, e pronti, a un alito di brezza,
a rivolar da nube a nube in cielo.

 

Più recente è l’opera di:

– SIBILLA ALERAMO, pseudonimo di RINA FACCIO (Alessandria 1876 – Roma 1960), autrice determinata, che affronta la vita con maggiore audacia. Visse vicina agli ambienti culturali della sinistra ed aderì al movimento Comunista.
Seguì le innovazioni poetiche del Novecento e si legò sentimentalmente con poeti quali Cardarelli, Campana, Boine.
Ebbe un grande successo con il suo primo romanzo Una donna (1906), che per la sua tematica la mise subito idealmente a capo di un piccolo movimento femminista.
Cercò di esprimere, pur nel diffuso sentimentalismo dei versi e delle prose liriche, una sua verità nella descrizione meditata dei momenti più intensi della sua vita.
In Selva d’Amore (1947), riunì una scelta di versi tratti dai tre libri: Momenti (1921),Poesie (1928), Sì alla terra (1934), un gruppo di Frammenti di varia data e le liriche diImminente Sera scritte tra il 1936 e il 1942.

Da Momenti:

Il tuo saluto, la sera,
gli occhi nell’ombra –
dall’ombra, e taci,
mi guardi, un minuto?-
ferma ogni vena nel mondo,
tacito aduni
gli addii della sorte,
la sera, con gli occhi
nell’ombra, ardi?
o piangi, ma forte
ma forte un minuto nel cuore
ogni vena mi ferma
il tuo saluto, la sera.

Da Poesie :

Luce di febbraio nel cielo grande,
pietre antiche in terra e fili d’erba,
la vita ha sapore di biondo vino,
anni ed eternità tramutati così,
null’altro più se non aroma e bagliore,
oh luce che trasali, oh sorte che amo!

E infine da Imminente Sera:

Vasto notturno palpito, alto aroma!
Odo azzurre stelle frusciarmi parole,
non d’umana voce, ma di gemma chiara.
Su trasognanti rupi e ombrati rovi
Remotissima la vita posa,
tacita, in tanto lume di cielo,
adorato lume, eterna fuggitiva vita.

 

Nella poesia contemporanea un particolare aspetto spirituale hanno le poesie di :

– ANTONIA POZZI (milanese, nata nel 1912 e morta suicida a soli ventisei anni nel 1938), di cui restano un volume dedicato a Flaubert, apparso nel 1950 e un vero e proprio diario in versi pubblicato postumo, con la prefazione di Montale, dal titolo Parole 1930-1938.

Sentiero

E’ bello camminare lungo il torrente:
non si sentono i passi, non sembra
di andare via.
Dall’alto sentiero si vede la valle
E cime lontane ai margini
Della pianura, come pallidi scogli
In riva a una rada – Si pensa
Com’è bella, com’è dolce la terra
Quando s’attarda a sognare
Il suo tramonto
Con lunghe ombre azzurre a sognare
A lato – Si cammina lungo il torrente:
c’è un gran canto che assorda
La malinconia.

Delicati sentimenti la poetessa esprime in quest’altra malinconica poesia:

Un’altra sosta

Appoggiami la testa sulla spalla:
ch’io ti accarezzi con un gesto lento,
come se la mia mano accompagnasse
una lunga invisibile gugliata.
Non sul tuo capo solo: su ogni fronte
Che dolga di tormento e di stanchezza
Scendono queste mie carezze cieche,
come foglie ingiallite d’ autunno
in una pozza che riflette il cielo.

 

Saggista e scrittrice di molte opere di narrativa è stata la fiorentina:

– ANNA BANTI, pseudonimo di LUCIA LOPRESTI, (1895-1985).
Moglie del famoso critico d’arte Roberto Longhi, fondò insieme con lui la rivista Paragone.
Nel 1955 ha vinto il Premio Viareggio col romanzo Le donne muoiono.

 

Autrice prevalentemente anch’essa di romanzi e racconti è stata :

– ELSA MORANTE (Roma 1918-1985).
Di lei ricordiamo L’isola di Arturo (1957) e La Storia (1974).
La sua poesia, Alibi (1958) e Il mondo salvato dai ragazzini (1968), che stilisticamente ha per lo più un andamento prosastico, evidenzia nei contenuti un impegno politico dell’area della Sinistra e la pone su posizioni di neo realismo.

Dalla raccolta di poesie Alibi:

Passa la cacciatrice lunare coi suoi bianchi alani…
Dormi.

La notte che all’infanzia ci riporta
E come belva difende i suoi diletti
Dalle offese del giorno, distende su noi
La sua tenda istoriata.

I tuoi colori, o fanciullesco mattino,
tu ripiegasti.

Nella funerea dimora, anche di te mi scordo,
Il tuo cuore che batte è tutto il tempo.

Tu sei la notte nera.
Il tuo corpo materno è il mio riposo.

 

http://www.accademia-alfieri.it/