“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Filippo III

Sviluppo storico del dogma dell’Immacolata Concezione

Bartolomé Esteban Murillo, Immacolata Concezione, 1678, olio su tela, 274 x 190 cm. Madrid, Museo del Prado

I teologi sono soliti distinguere tre fasi del normale sviluppo di un dogma che non era contenuto esplicitamente nelle fonti dell’Apocalisse. In primo luogo, c’è il periodo di accettazione implicita ma non contestata, in cui la dottrina in questione è creduta dai fedeli solo nel senso che detengono una dottrina più generale in cui è logicamente contenuta, o nel senso che sono abituati a svolgere qualche atto liturgico o devozionale che presuppone questa particolare dottrina. Il secondo è il periodo di discussione e controversia, in cui gli studiosi indagano sulla validità degli argomenti a favore e contro l’ammissione della dottrina come verità dell’Apocalisse, e studiano il suo senso preciso e la sua relazione con altre dottrine della fede cristiana. Naturalmente, in questa fase ci sono divergenze di opinione tra i teologi.1 Forse non c’è verità della fede cattolica che esemplifichi questo triplice stadio in modo più definitivo del dogma dell’Immacolata Concezione di Maria.

Non è affatto certo che la dottrina dell’Immacolata Concezione sia contenuta, anche implicitamente, nella Sacra Scrittura. È vero, la grande maggioranza degli esegeti e dei teologi cattolici concorda sul fatto che le parole dell’Onnipotente al serpente dopo la caduta dei nostri primi genitori – “Metterò inimicizie tra te e la donna, il tuo seme e il suo seme” 2 – in il loro senso letterale si riferisce a Maria, attribuendole uno stato di ostilità non qualificata allo spirito del male, che implica necessariamente la sua libertà da ogni peccato, sia originale che reale. Eppure, ci sono stati studiosi cattolici che hanno interpretato la “donna” come Eva.3 Tale interpretazione non è in armonia con la più comune esegesi tradizionale del testo, inconfondibilmente approvata da Papa Pio IX, quando affermò che i Padri e gli scrittori ecclesiastici insegnarono che in questo testo “fu chiaramente e chiaramente sottolineato il misericordioso Redentore del razza umana, unico Figlio di Dio generato, Gesù Cristo, ed è stata designata la Sua Santissima Vergine Madre Maria, e allo stesso tempo è stata espressa in modo degno di nota l’inimicizia di entrambi verso il diavolo “.4 Tuttavia, il Sovrano Pontefice non intendeva fornire un’autentica interpretazione del testo, in modo che coloro che rifiutano di ammettere nel “protoevangelium” qualsiasi riferimento diretto e letterale a Maria non possano essere contrassegnati con alcuna censura dal punto di vista del Insegnamenti della Chiesa. Va anche ricordato che alcuni di questi studiosi credono che questa profezia si riferisca alla Madonna nel senso tipico o spirituale, per intenzione dello Spirito Santo. 5

Un giudizio simile potrebbe essere emesso sul valore del saluto dell’angelo: “Ave, piena di grazia” 6 come argomento per l’Immacolata Concezione. Papa Pio IX lo incorporò nella bolla che proclamava la dottrina, ma poneva l’accento principale sull’interpretazione data a questo testo dai Padri e dagli scrittori ecclesiastici. 7

È quindi nella tradizione divina, la parola non scritta di Dio, che dobbiamo cercare la fonte fondamentale e indiscutibile del dogma che la Madre di Dio è stata preservata dal peccato originale nel primo momento della sua esistenza. Nelle parole di Papa Pio IX: “Gli illustri monumenti della tradizione, sia della Chiesa orientale che occidentale, testimoniano in modo più convincente che questa dottrina dell’immacolata concezione della Vergine Santissima … è sempre esistita nella Chiesa, come ricevuta da quelli che vivevano prima e come segnato dal carattere di una dottrina rivelata”. 8

Nei primi tre secoli del cristianesimo, negli scritti ecclesiastici non si trova nulla di simile a una menzione esplicita dell’immunità di Maria dal peccato originale. Tuttavia, un significativo parallelismo fu impiegato da molti dei primi scrittori: il confronto tra Eva e Maria. Come estensione del contrasto paolino tra Adamo e Cristo, 9hanno sviluppato un’antitesi tra la donna che ha partecipato alla caduta del nostro primo genitore e la donna che ha partecipato alla riparazione di quella caduta. San Giustino (100-167) fu il primo a sviluppare questo confronto: “Mentre era ancora vergine e senza corruzione, Eva ricevette nel suo cuore la parola del serpente e concepì in tal modo disobbedienza e morte; ma Maria Vergine, la sua anima piena di fede e di gioia, rispose all’angelo Gabriele che le portò il felice messaggio: “Sia fatto a me secondo la tua parola”. Da lei nacque Colui del quale si dicono così tante cose nelle Scritture … ” 10 Altri scrittori che fanno uso dello stesso confronto sono Sant’Ireneo (130-202) e Tertulliano (160-240). 11

L’elemento pertinente del confronto, per quanto riguarda l’Immacolata Concezione, è l’affermazione secondo cui Eva era libera dalla corruzione quando veniva affrontata dal serpente; e per libertà dalla corruzione si intende qualcosa di più della verginità. Implicitamente sembrerebbe seguire che anche Maria era libera da ogni corruzione quando fu salutata dall’angelo, e se questo fosse compreso in un senso non qualificato, includeva la libertà dal peccato originale. Evidentemente l’argomentazione non è conclusiva, ma giustifica l’affermazione secondo cui le vestigia della dottrina dell’Immacolata Concezione si trovano negli scritti dei primi tre secoli.

A partire dal IV secolo, vengono scoperte testimonianze più numerose e più definite. Gli scrittori sottolineano la santità di Maria, una santità commisurata alla sua grande dignità di Madre di Dio. Pertanto, Sant’Agostino (354-430), scrivendo contro Pelagio che aveva provocato un certo numero di persone presumibilmente senza peccato (a sostegno della sua tesi secondo cui la natura umana non era corrotta dal peccato originale) ha sottolineato che queste persone non erano in realtà senza colpa, ma aggiunse la qualifica “tranne la santa Vergine Maria, di cui, per l’onore del Signore, non vorrei sollevare dubbi quando si parla di peccato”. 12Apparentemente, il santo Dottore si riferiva al peccato reale, piuttosto che originale; tuttavia la base della sua tesi per la santità di Maria, la divina maternità, avrebbe logicamente portato alla conclusione che anche lei era libera dal peccato originale.

Tuttavia, fu principalmente a causa dell’insistenza di sant’Agostino sull’universalità del peccato originale che la testimonianza degli scrittori occidentali, accettata letteralmente, avrebbe, di norma, escluso Maria dal privilegio di una concezione senza peccato. Insistevano sul fatto che solo Gesù Cristo era libero dal peccato originale, poiché solo Lui era concepito senza la macchia di concupiscenza carnale. 13Questa tendenza a collegare la “deordinazione” della concezione attiva con la trasmissione del peccato originale ha influenzato notevolmente gli scrittori occidentali post-agostiniani e ha impedito loro di trarre la conclusione completamente logica della loro dottrina generale che Maria ricevette dall’Altissimo un grado di santità in conformità con con la sua dignità. Tuttavia, a volte si trova una dichiarazione di uno degli scrittori occidentali che si avvicina da vicino al riconoscimento dell’Immacolata Concezione di Maria. Pertanto, San Massimo di Torino (380-465) affermò: “Maria era una degna dimora per Cristo, non per le qualità del suo corpo, ma per la sua grazia originale”. 14

Tra gli scrittori della chiesa orientale, che non sono stati così intimamente colpiti dalla controversia pelagiana sul peccato originale, si può percepire un atteggiamento meno contenuto nei confronti del perfetto peccato di Maria. Ne è un esempio il fervente apostrofo di Sant’Efrem (306-373) alla Madre di Dio: “Pieno di grazia … tutto puro, tutto immacolato, tutto senza peccato, tutto senza macchia, tutto senza rimprovero.” vergine nell’anima, nel corpo, nello spirito “. 15 Sant’Andrea di Creta (650-740) usa persino l’espressione “santa concezione” in riferimento alla Madonna. 16 San Giovanni Damasceno (676-749) esclamò: “O ammirevole grembo di Anna, nel quale si sviluppò e si formò a poco a poco un bambino tutto santo”. 17Passaggi come questi hanno portato p. M. Jugie, AA, l’autorità eccezionale della teologia orientale, per dichiarare che gli scrittori bizantini hanno esplicitamente riconosciuto l’Immacolata Concezione di Maria. 18 E, sebbene non tutti ammetterebbero questa affermazione, è molto evidente che gli scrittori orientali erano più vicini alla verità rispetto a quelli occidentali nel periodo patristico. Una festa in onore della concezione di Sant’Anna esisteva in Oriente già nell’ottavo secolo; e anche se lo scopo principale di questa festa sembra essere stato quello di commemorare un annuncio leggendario a Sant’Anna che avrebbe avuto una figlia, l’idea che l’idea stessa di questa bambina fosse in qualche modo santa sembra essere stata intesa.

Il secondo periodo nello sviluppo di questa dottrina, il periodo della discussione e della controversia, ebbe inizio nel XII secolo. Nell’anno 1138 San Bernardo (1091-1153) scrisse una lettera ai canonici di Lione, protestando contro la celebrazione di una festa che avevano iniziato ad osservare in onore del concepimento di Maria. 19 Solo la Parola incarnata era libera dal peccato originale, afferma, anche se Maria fu santificata prima della nascita. Sono stati fatti tentativi per spiegare le parole di San Bernardo come in realtà non negando la dottrina dell’Immacolata Concezione come viene proclamata oggi; ma tali interpretazioni devono necessariamente fare una certa dose di violenza al significato letterale delle sue parole.

Allo stesso modo, se le parole di San Tommaso d’Aquino (1225-74) fossero prese al loro valore nominale, egli fu un oppositore della dottrina della concezione senza peccato di Maria, sebbene ci fossero stati studiosi capaci che credevano che il Dottore angelico in realtà sostenesse il dottrina. Ad ogni modo, se San Tommaso negasse questo privilegio a Nostra Signora, non fu da parte sua alcun fallimento nel riconoscere la dignità e la santità della Madre di Dio; era semplicemente perché riteneva dispregiativo della mediazione universale di Cristo che qualsiasi semplice creatura non dovesse essere redenta da Lui dalla macchia del peccato originale, effettivamente contratta. 20

In ogni caso, l’opinione che negava a Maria la prerogativa di una concezione senza peccato era più comune tra gli scolastici del XII e XIII secolo. Perfino i grandi scrittori francescani di quel periodo, Alessandro di Hales (1185-1245) e San Bonaventura (1221-74), aderirono a questa dottrina più comune. 21 Ma verso la fine del XIII secolo l’atteggiamento teologico nei confronti della questione divenne più favorevole alla dottrina della concezione senza peccato di Maria. Il merito dell’inaugurazione di questo movimento è di solito attribuito a Scoto (1266-1308) e al Dottor subtilissenza dubbio è stato il leader più influente di questa tendenza; ma va notato che prima di lui il francescano, William of Ware (+ 1300 ca.), e il beato Raymond Lull (1232 -1315), un terziario francescano, difendevano anche la dottrina dell’Immacolata Concezione 22 e sembrerebbe che Scoto fosse influenzato, almeno dal primo, nella posizione che prese in difesa della completa immunità della Madonna dal peccato. 23

In un tempo relativamente breve, l’equilibrio del pensiero teologico arrivò a favorire la dottrina. Papa Sisto IV, il 28 febbraio 1476 e ancora il 4 settembre 1483, nelle dichiarazioni pontificie approvò la credenza nell’Immacolata Concezione di Maria, al punto da riferirsi alla sua concezione come “meravigliosa” e di condannare vigorosamente quelli chi sosteneva che questa convinzione fosse un’eresia. 24 I Padri del Concilio di Trento del 1546 affermarono che nella loro dichiarazione sul peccato originale non intendevano comprendere la Madonna. 25 Papa Pio V nel 1567 condannò la proposta di Baius che affermava che nessuno, tranne Cristo, era libero dal peccato originale. 26Papa Paolo V nel 1617 e Gregorio XV nel 1622 (su istanza dei re spagnoli, Filippo III e Filippo IV) proibirono la negazione dell’Immacolata Concezione in sermoni e scritti pubblici, 27 e Papa Alessandro VII nel 1661 retrocesso negli scritti dell’Indice che metterebbe in dubbio questa pia credenza o la festa o il culto, e affermava anche esplicitamente che l’oggetto della festa era celebrare la santificazione dell’anima di Maria nel primo istante della sua creazione e infusione nel corpo. Allo stesso tempo, il Papa proibì a chiunque di condannare coloro che ritenevano l’opinione opposta colpevole di eresia o peccato mortale. 28

Possiamo considerare il terzo periodo dello sviluppo della dottrina come a partire dalla costituzione di Alessandro VII, poiché sebbene l’Immacolata Concezione non fosse ancora una questione di fede, era pressoché unanime la convinzione e la predicazione della Chiesa. E così, il terreno era ben preparato per l’atto culminante, la solenne definizione del dogma proclamata da Papa Pio IX. 29Va notato che, per evitare anche la minima ombra di imprudenza, il Papa aveva scritto cinque anni prima a tutti i vescovi del mondo cattolico, chiedendo il loro punto di vista sulla definibilità della dottrina. Secondo un rapporto stampato del 1854, su 603 vescovi che hanno risposto, solo 56 o 57 erano contrari alla definizione e l’opposizione di circa la metà di questi si basava su motivi di opportunità piuttosto che su ragioni dottrinali. Solo quattro o cinque si dichiararono francamente contrari alla definibilità della dottrina, tra cui mons. Sibour, arcivescovo di Parigi. 30E così, come l’atto più glorioso del suo lungo pontificato, Pio IX, l’8 dicembre 1854, lo pronunciò solennemente un articolo di fede divino-cattolica che la più benedetta Vergine Maria nel primo istante della sua concezione fu preservata immune da ogni macchia di peccato originale, in virtù dei meriti del nostro Salvatore, Gesù Cristo. Quattro anni dopo il sigillo del cielo l’approvazione di questa dichiarazione arrivò sotto forma delle apparizioni di Lourdes, quando Maria si identificò con una bambina contadina, Bernadette Soubirous, sotto il nome di questa gloriosa prerogativa: “Io sono l’Immacolata Concezione”.

Note finali

  1. Cf. Van Noort, G., Tractatus de fontibus revelationis (Bussum, Holland, 1920), n. 230.
  2. Gen. 3:15.
  3. Cf. Le Bachelet, X., “Immaculee conceception” , DTC, VII, 851.
  4. Analecta juris pontificii, I (Roma, 1855), 1214.
  5. Cf. Le Bachelet, DTC, VII, 852.
  6. Luca 1:28.
  7. Analecta juris pontificii, I, 1215.
  8. Ibid., 1214.
  9. Cfr., Ad esempio, Rom. 05:19.
  10. Comporre. cum Tryphone, 100 (MPG, VI, 710).
  11. Sant’Ireneo, Contra haereses, V. 2, 1 (MPG, VII, 1179); Tertulliano, De carne Christi, 17 (MPL, II, 782).
  12. De natura et gratia, c. 36 (MPL, XLIV, 267).
  13. Cfr., Ad esempio, San Leone, Sermo XXV in nativitate Domini, V, 5 (MPL, LIV, 211).
  14. Homilia V (MPL, LVII, 235): “Piano idoneo Maria Christo habitaculum, non pro habitu corporis, sed pro gratia originali.”
  15. Oratio ad Deiparam, Opera graece et latine, III, 528, 529.
  16. Canon pro festo Conceptionis S. Annae (MPG, XCVII, 1309).
  17. Hom. in nativ. Deiparae (MPG, XCVI, 672).
  18. DTC, VII, 935.
  19. Ad canonicos lugdunenses Ep. 174 (MPL, CLXXXII, 332).
  20. Somma. teol., III, q. 27, a. 2, annuncio 2.
  21. Alessandro di Hales, Summa theologiae, III, q. 9, m. 2; San Bonaventura, in IV sent., L.III, dist. 3, p. 1, a. 1, q. 2.
  22. Cf. Le Bachelet, DTC, VII, 1060 e seguenti.
  23. In IV sent., L. III, dist. 3, q. 1.
  24. Cf. DB, 734, 735.
  25. Cf. Ibid., 792.
  26. Cf. Ibid., 1073.
  27. Cf. Le Bachelet, DTC, VII, 1172.
  28. Cf. Ibid., 1175; DB, 1100.
  29. Cf. DB, 1641.
  30. Cf. Le Bachelet, DTC, 1198.