“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “globalizzazione

Morte, controllo sociale e possibilità di benessere ai tempi del COVID-19

Ogni crisi crea differenze nel modo in cui sperimentiamo la vita e, in alcuni casi, la morte. La crisi generata dal Covid-19 ci ha costretti a vedere il peggio della vita e della morte, ma ha anche aperto la possibilità di immaginare tempi migliori. La crisi sta trasformando i nostri modi di concepire il mondo e il modo in cui viviamo nel mondo. Questo è il motivo per cui non è una crisi sanitaria, come alcuni l’hanno definita. La pandemia di coronavirus ha il potenziale per diventare una crisi di civiltà che potrebbe interrompere le relazioni sociali, l’organizzazione della produzione, il ruolo degli stati, il percorso della globalizzazione neoliberista e persino il posto degli umani nella storia e nella natura.
Questa crisi ha anche messo in luce alcuni aspetti del capitalismo che a volte sono nascosti dietro discorsi coloniali, razzisti, sessisti o basati sull’efficienza associati alle ideologie che cercano di ridurre le dimensioni dello stato. In primo luogo, la crisi ci permette di vedere chiaramente la fase assassina del capitalismo. Questa è sempre stata una caratteristica chiave del capitalismo, le cui tecniche di svalutazione estrema della vita hanno portato le persone a diventare vulnerabili all’emarginazione, allo sfruttamento e persino alla morte
Queste nuove manifestazioni di mortalità prodotte dal capitalismo hanno persino portato a ridefinire alcuni spazi pubblici e privati. Spazi come piste di pattinaggio o parchi, un tempo i luoghi di svago vengono trasformati in obitori o cimiteri. Sono cominciate anche a manifestarsi forme estreme di privatizzazione, riflesse nella recente espansione del mercato per l’acquisto di isole private, castelli, bunker o grandi yacht, frutto dell’interesse dei più privilegiati ad isolarsi e allontanarsi fino in fondo. dai morti possibile. Cadaveri che sono, in effetti, il risultato di come le loro aziende si organizzano, producono e sfruttano, e dei loro modi di fare affari e realizzare profitti eccessivi.
Gli aspetti letali del capitalismo sono stati evidenti anche nelle politiche quasi eugenetiche di alcuni paesi, come la Svezia, ad esempio, che nega l’accesso alla terapia intensiva alle persone di età superiore agli 80 anni che sono malate di COVID-19 ea quelle tra i 60 e 80 anni di età con condizioni di salute sottostanti. Allo stesso modo, questo modello di capitalismo può essere visto nella pratica di alcuni comuni in Spagna di non portare in ospedale i malati che vivono in case di cura, una politica che è stata ripetutamente criticata dalle famiglie dei defunti.
La crisi provocata dal Covid-19 rivela anche decenni di abbandono nei sistemi sanitari pubblici, la privatizzazione di questi sistemi, la precarizzazione del lavoro e l’erosione dei diritti del lavoro. In effetti, lo smantellamento della sanità pubblica, la privatizzazione e l’esternalizzazione dei servizi sono alcune delle ragioni principali dell’alto tasso di mortalità.
Questo è il contesto per l’emergere di un discorso utilitaristico sulla gestione delle crisi e sulla gestione delle istituzioni pubbliche. I governi dicono che il sistema sanitario deve essere protetto in modo che non collassi. E alcuni di noi erano così ingenui da pensare che fosse la vita a dover essere protetta. È ovvio che per proteggere la vita bisogna proteggere i sistemi sanitari, ma l’ordine in cui se ne parla e l’enfasi è molto sorprendente. Questo discorso, come delineato nella maggior parte dei paesi, in realtà suggerisce che le misure di blocco non vengono istituite per proteggere la vita, ma per evitare di dover curare molte persone negli ospedali e nei servizi sanitari pubblici. L’ordine è rimanere a casa e, se possibile, guarire o morire lì, o in una casa di cura, in modo da non spendere risorse per persone che sono già considerate usa e getta.
Le misure di blocco rivelano anche una politica di omogeneizzazione che non tiene conto delle disuguaglianze e dei diversi tipi di vulnerabilità. È una politica di sorveglianza e microgestione degli enti, ipotizzando l’esistenza di una popolazione con pari opportunità, possibilità di vita e accesso alle risorse. Una tale politica non farà che aumentare la precarietà, la fame e persino aumentare il rischio di contagio a meno che non venga introdotta insieme a misure ridistributive che offrono un reddito di base per tutti coloro che non possono permettersi di entrare in quarantena o che non possono soddisfare la presunta retorica altruistica di proteggere il bene comune e salute pubblica che accompagna lo slogan #stayathome. Ora che le misure di blocco sono state messe in atto in molti paesi, è chiaro che queste misure dovrebbero che ci sono gruppi più inclini a contrarre il virus e la morte,
La pressante esigenza di accesso all’assistenza sanitaria, di servizi pubblici competenti e di politiche redistributive, resa evidente dalla pandemia, ha generato una rinnovata domanda di welfare state che rispondano ai diversi bisogni della popolazione e consentano la redistribuzione sociale ed economica. Mentre queste richieste vengono inserite nell’agenda pubblica da vari gruppi, allo stesso tempo vengono rafforzate anche le caratteristiche più autoritarie e di controllo dello stato. La crisi sta dando ai governi nuove giustificazioni per l’attuazione di misure repressive e nuove forme di coercizione politica e sociale.
La paura della morte o della malattia fa sì che molte persone accettino senza protestare queste condizioni estreme di biocontrollo. E non solo le accettano, ma le esigono dai loro governi. C’è anche una volontà esplicita da parte di alcuni di diventare parte attiva dei meccanismi di controllo segnalando persone che non si conformano alle regole di lockdown.  La paura di diventare solo un’entità biologica, nuda vita, in balia di un nemico invisibile – un virus – che può essere ovunque, sembra scatenare più paura e volontà di arrendersi rispetto agli apparati politici repressivi.
Alcune possibilità per il futuro
C’è un giustificato timore che questa crisi produrrà società più repressive, con meccanismi ultra sofisticati di biopotere attraverso l’uso di nuove tecnologie, e che continueremo ad agire come se fossimo ancora nel 1990, credendo nella virtù delle politiche neoliberiste e negando il riscaldamento globale. Ma la crisi apre anche la possibilità di immaginare un futuro diverso.
Oltre a scoprire le fasi letali del capitalismo e il potenziale del neoliberismo di scatenare i disastri umanitari, questa crisi ha anche esposto altre complessità e rischi. In primo luogo, le misure di blocco hanno creato un dibattito abbastanza diffuso sulla natura dello spazio domestico. Le femministe ne parlano da secoli, ma ora, con una grande percentuale della popolazione confinata nelle proprie case, le conversazioni sulla distribuzione ineguale dei servizi di custodia dei bambini e del lavoro domestico, la violenza domestica contro le donne e l’importanza dell’assistenza sono entrati nel mainstream.
In questo senso, la pandemia ha contribuito a minare la nozione conservatrice di famiglia e casa come spazi di pace, sicurezza e armonia, ha messo in luce la persistente divisione sessuale del lavoro e l’importanza delle donne nel lavoro di assistenza alla vita. Questa “scoperta” e la visibilità del problema possono diventare il primo passo per avviare processi di cambiamento.
Il rinnovato apprezzamento del lavoro di cura e di altri lavori trascurati è un’altra conseguenza non intenzionale della crisi: sebbene al momento gran parte della valorizzazione di questi compiti sia solo simbolica, la crisi potrebbe essere un’opportunità per rivendicare l’importanza degli oggetti e delle risorse con l’uso valore. Inoltre, questa potrebbe essere un’opportunità per aumentare la nostra comprensione dell’importanza del lavoro che consente la riproduzione sociale e delle persone che svolgono questo tipo di lavoro.
La crisi crea anche opportunità per reindustrializzare a livello locale e promuovere la produzione interna, soprattutto perché molti legami commerciali internazionali sono stati interrotti. È quindi un’opportunità per le politiche di svincolarsi dalle logiche di mercato della globalizzazione neoliberista verso una promozione delle industrie nazionali e della produzione alimentare locale, che contribuirebbe a garantire la sicurezza alimentare soprattutto nel sud del mondo
Questa crisi ha generato rinnovate richieste di uno stato sociale, che si prende cura delle persone, attua misure per la protezione dell’intera popolazione, e diventa un agente di giustizia redistributiva, tenendo conto delle diverse manifestazioni di disuguaglianza. Questo punto è fondamentale poiché, fino ad ora, molte persone hanno ritenuto che questa discussione fosse terminata. Da quando Margaret Thatcher disse, più di 40 anni fa, che “non c’è società” e Ronald Reagan disse che “il governo non è la soluzione ai nostri problemi, il governo è il problema”, le ideologie del neoliberismo avevano fatto tutto il possibile per oscurare l’importanza di uno Stato al servizio del bene comune. Però,
Covid-19 ha anche consentito una rivalutazione della scienza come servizio all’umanità. Dopo la recente crescita di organizzazioni anti-scienza e anti-vaccino, cospirazioni della terra piatta e gruppi religiosi fondamentalisti che mettono in discussione i principi scientifici di base, questa pandemia ha ripristinato la posizione privilegiata della scienza. È chiaro che la pandemia non può essere risolta solo con vaccini o farmaci. Richiederà politiche che promuovano l’universalizzazione della copertura sanitaria pubblica e la riparazione delle disuguaglianze. Tuttavia, è estremamente importante rivendicare la produzione di conoscenza scientifica che non è strumentale allo sviluppo di nuovi modi di vita.
Infine, la crisi potrebbe servire a riconoscere la nostra vulnerabilità, fragilità e interdipendenza della vita umana con la natura e con la vita di altre specie. Forse la paura non solo ci porterà ad accettare con sottomissione le misure di biocontrollo messe in atto da molti governi, ma anche a mettere in discussione un processo di accumulazione di capitale che è diventato mortale e ha lasciato dietro di loro la scomparsa di specie, territori, culture e persone. Questa crisi ci permette di vedere che la tragedia non è all’orizzonte, ma è qui, ora. Forse abbiamo ancora tempo per immaginare e generare cambiamenti per la costruzione di un nuovo mondo.

La libertà individuale e l’importanza del concetto di popolo. Conclusione e bibliografia

Abbiamo dimostrato che il rifiuto del neoliberismo dell’esistenza del popolo danneggia seriamente la libertà privata dell’individuo e non impedisce la trasformazione della maggioranza degli individui liberi in persone servili. Più in particolare, abbiamo dimostrato che proibire la restrizione pubblica della libertà (che è inerente al concetto di popolo) difendendo esclusivamente le restrizioni private della libertà (a) priva la maggioranza dei cittadini dell’eguale diritto alla coercizione, e quindi della parità libertà, e (b) promuove l’ascesa di diversi stati politici, una divisione tra coloro che obbediscono e coloro che comandano. Abbiamo anche dimostrato che il neoliberismo manca delle risorse per prevenire l’alienazione totale della libertà.

 

Nel confrontare il neoliberismo con le filosofie politiche di Locke e Kant, abbiamo dimostrato come il ruolo protettivo delle persone sia compatibile con la libertà individuale. Poiché richiede un uguale diritto di coercizione, consente la protezione della libertà individuale. Abbiamo anche dimostrato che questo non è un compito esclusivamente collettivo. Dipende anche da ogni cittadino. Nelle filosofie politiche di Locke e Kant, il ruolo protettivo del popolo mira a garantire che la società politica sia libera ed eguale, non una società di soggetti minori e inferiori che hanno bisogno di protettori benevoli (Locke, 1679 (1960)); Kant, ( 1793(1977)). Abbiamo concluso che, contro la fiducia del neoliberismo nei poteri dell’ordine spontaneo, l’autonomia politica individuale dipende dalla tutela pubblica delle libertà. Abbiamo anche sottolineato che, a meno che non vi sia una svolta politica verso il riconoscimento del popolo o dei popoli, insieme al riconoscimento del significato della loro deliberazione politica, il neoliberismo non può essere separato dalle scelte politiche illiberali e antidemocratiche. Allo stesso modo, se le relazioni degli individui si evolvono oltre l’esistenza delle persone e mancano di leggi per proteggersi dal potere dispotico e abusivo, non possiamo impedire lo sviluppo di relazioni servili e servili tra i cittadini. Il fatto che queste relazioni rimangano politicamente vietate negli stati neoliberisti, ad esempio nell’Unione europea, rivela solo che lo smantellamento del neoliberismo delle istituzioni politiche liberali e democratiche non è riuscito del tutto. In assenza delle persone, i diritti umani dipendono esclusivamente dagli interessi individuali; l’ordine spontaneo non può quindi impedire al neoliberalismo di scendere in schiavitù e servitù, vale a dire auto-schiavitù e auto-servitù.

Le ricerche future dovrebbero accertare come, a seguito dei devastanti effetti sociali e politici del neoliberismo sulla coesione pubblica, potrebbe essere possibile ricostituire un senso di appartenenza politica (Habermas, 2008 ) e la sovranità del popolo (Pyke, 2001 ) sotto la globalizzazione.

 

Le ricerche future dovrebbero anche continuare a valutare il pericoloso processo di ciò che molti chiamano refeudalizzazione sotto il neoliberismo (Supiot, 2013 ; Szalai, 2017 ). Vale la pena confrontare l’alienazione feudale della libertà politica, ad esempio le diverse prospettive sul vassalaggio (Bloch, 1961 ), con forme contemporanee di stato politico inferiore.

Infine, la ricerca futura potrebbe valutare come, come reazione al disincanto con l’ascesa della burocrazia identificata da Weber, ( 1978 ), il neoliberismo potrebbe esprimere una sorta di reincanto con l’attore razionale esclusivamente individuale, che rivendica uno spazio non alienabile di libertà contro la “gabbia di ferro” burocratica.

 

 

Bibliografia e sitografia

 

http://www.jn.pt/live/entrevistas/interior/a-vida-das-pessoas-nao-esta-melhor-mas-o-pais-esta-muito-melhor-3697968.html

 

 

https://www.theguardian.com/business/2015/jul/05/greece-referendum-early-results-historic-no-vote-against-austerity , consultato il 14 febbraio.

 

 

https://www.mintpressnews.com/before-the-brexit-greek-voters-said-no-to-austerity-measures-got-more-austerity-measures/218122/ ; Accesso 14 febbraio

 

Alber J (1988) Esiste una crisi dello stato sociale? Prove transnazionali da Europa, Nord America e Giappone. Eur Sociol Rev 4 (3): 181–207

 

 

Aristotele (2002) The Politics (trans. Carnes Lord). Pressa dell’Università di Chicago, Chicago

 

Badiou A (2016) Ventiquattro note sugli usi della parola “Persone”. In: Allen A (a cura di) What is a People. (Nuove direzioni nella teoria critica). Columbia University Press, New York, pagg. 21–31

 

Barro R (2009) La spesa pubblica non è un pranzo gratuito: come i democratici stanno vendendo l’economia vudù. Giornale di Wall Street. http://www.wsj.com/articles/SB123258618204604599 Accesso effettuato a novembre 2015

 

Bales, K (1999) Gente usa e getta: nuova schiavitù nell’economia globale. University of California Press: Berkeley e Los Angeles, California e Londra, Inghilterra

 

Beck U (2002) Il potere nell’era globale. Polity, Cambridge, Malden

 

Beetham D (1992) Democrazia liberale e limiti della democratizzazione Numero speciale Stud Stud Politico 4XL: 40–53

 

Berlin I ((1958) [1997]) Due concetti di libertà. In: Goodin R, Pettit P (a cura di) Filosofia politica contemporanea. Blackwell Publishers, Oxford, pp 391–417

 

Bloch M (1961) Società feudale: classe sociale e organizzazione politica. The University of Chicago Press, Routledge & Kegan Paul, London

 

Bobbio N (1988) Liberalismo e democrazia. Verso, Londra, New York

 

Boyer R, Drache D (eds) (1996) Stati contro mercati: i limiti della globalizzazione. Routledge, Londra

 

Brodie J (2007) Riforma della giustizia sociale in tempi neoliberisti Stud Social Justice 1 (2): 93

 

Brown W (2015) Annullare le demo: la rivoluzione stealth del neoliberismo. Zone Books, Cambridge

 

Bruff I (2014) L’ascesa del neoliberalismo autoritario Ripensare Marx 26 (1): 113-129

 

Buchanan J, Tullock G (1962) Il calcolo del consenso: le basi logiche della democrazia costituzionale. Fondo Liberty, Indianapolis

 

Butler J (2016) “We, the People” Thoughts on Freedom of Assembly. In: Allen A (a cura di) What is a People. (Nuove direzioni nella teoria critica). Columbia University Press, New York, pagg. 49–64

 

Canovan M (1999) Trust the people! populismo e le due facce della democrazia Polit Stud 47: 2–16

 

Cicerone (1999) Sul Commonwealth e sulle leggi. Cambridge University Press, Cambridge, New York, Melbourne, Madrid, Città del Capo, Singapore, San Paolo

 

Clayton R Pontusson J (1998) Rivoluzione del welfare-state rivisitata: tagli ai diritti, ristrutturazione del settore pubblico e tendenze inegalitarie nelle società capitaliste avanzate e nella fonte World Polit 51 (1): 67–98

 

Collier R (2001) Populismo. In: Smesler NJ, Baltes PB (a cura di) enciclopedia internazionale delle scienze sociali e comportamentali. Elsevier, Oxford, pp. 1813–16

 

Dahl R (1998) Sulla democrazia. Con una nuova prefazione e due nuovi capitoli di Ian Shapiro. Yale University Press, New Haven e Londra

 

Dean J (2008) Capitalismo comunicativo: circolazione e preclusione della politica. In: Boler M (ed) Digital Media and Democracy: Tactics in Hard Times. The MIT Press, Cambridge, Massachusetts. Londra, Inghilterra, pp. 101-121

 

Dean J (2015) Neoliberalism’s Defeat of Democracy. Richiesta critica. http://criticalinquiry.uchicago.edu/neoliberalisms_defeat_of_democracy .

 

Elstain JB (1981) L’uomo pubblico, la donna privata: donna nel pensiero sociale e politico. Princeton University Press, Princeton, NJ

 

Inghilterra K, Ward K (2016) Teorizzazione della neoliberalizzazione. In Springe S, Birch K, MacLeavy J (a cura di) The Handbook of Neoliberalism. Routledge, Londra, New York, pagg. 27–38

 

Esping-Andersen G (1990) I tre mondi del capitalismo del welfare. Polity Press, Cambridge

 

Foucault M (2008) La nascita della biopolitica. Palgrave Macmillan, New York

 

Freeden M (2016) Dopo il referendum sulla Brexit: rivisitare il populismo come ideologia J Political Ideol 22 (1): 1–11

 

Gill R, Pratt A (2008) Precarietà e lavoro culturale nella fabbrica sociale? lavoro immateriale, precarietà e lavoro culturale Theory Cult Soc 25 (7–8): 1–30

 

Gill S (1995) Globalizzazione, civiltà del mercato e neoliberismo disciplinare Millennio: J Int Stud 24 (3): 399–423

 

Gill S (1998) Governance europea e nuovo costituzionalismo: unione economica e monetaria e alternative al neoliberismo disciplinare in Europa New Political Econ 3 (1): 5–26

 

Gough JW (1957) Il contratto sociale: uno studio critico del suo sviluppo. Oxford University Press, Oxford

 

Gray J (1989) Saggi di filosofia politica. Routledge, Londra

 

Gray J (1993) Post-liberalismo. studi nel pensiero politico. Routledge, Londra

 

Greer S (2014) L’adeguamento strutturale arriva in Europa: lezione per l’Eurozona dai dibattiti sulla condizionalità Glob Social Policy 14 (1): 51–71

 

Habermas J (2000) Attraversando la valle delle lacrime della globalizzazione New Perspect Q 17 (4): 51–7

 

Habermas J (2008) Cittadinanza e identità nazionale. Giustizia globale: saggi seminali. Vol. I. In: Pogge T, Moellendorf D (eds) Responsabilità globali. Parangon House St. Paul, St. Paul, pp 285–309

 

Hall S (2011) La rivoluzione neoliberista J Cult Stud 25 (6): 705–728

 

Hartman Y (2005) A letto con il nemico: alcune idee sulle connessioni tra neoliberismo e stato sociale Curr Sociol 53 (1): 57–73

 

Harvey D (2005) Una breve storia di neoliberismo. Oxford University Press, Oxford, New York

 

Hayek F (1960) La costituzione della libertà. Chicago Press, Chicago e Londra

 

Hayek J (1976) Legge, legislazione e libertà. il miraggio della giustizia sociale, vol. II. La University of Chicago Press, Chicago, Londra

 

Hickel J (2016) Neoliberalismo e la fine della democrazia. In: Springer S, Birch K, MacLeavy J (a cura di) 2016. The Handbook of Neoliberalism. Routledge, Londra, New York, pagg. 142-152

 

Homer (1996) The Odyssey (trans. Di Robert Flages). Viking, New York

 

Kant I (1793) [1977]) Über den Gemeinspruch: Das mag in der Theorie richtig sein, taugt aber nicht für die Praxis. In: Weischedel W (a cura di) Werke in Zwölf Bänden Band XI 1977. Suhrkamp Verlag, Francoforte sul Meno, pagine 125-172

 

Kersting W (1992) Politica, libertà e ordine: la filosofia politica di Kant. In: Guyer P (a cura di) The Cambridge Companion to Kant. Cambridge University Press, New York, pagine 341-368

 

Klein N (2007) La dottrina dello shock: l’ascesa del capitalismo catastrofico. Allen Lane, Londra

 

Kreuder-Sonnen C, Zangl B (2015) Quale post-Vestfalia? Organizzazioni internazionali tra costituzionalismo e autoritarismo Eur J Int Relat 31 (3): 568–594

 

Krugman P (2012) La follia dell’austerità dell’Europa. Il New York Times . http://www.nytimes.com/2012/09/28/opinion/krugman-europe-austerity-madness.html Accesso effettuato a marzo 2017.

 

Lane JE (2006) Diritto e politica: riflessioni sul concetto di ordine spontaneo e sull’UE. In: Kurild-Klitgaar, Koppl P, Birner J (a cura di) Advances in Austrian Economics, vol. 8. Le dinamiche di intervento: regolamentazione e ridistribuzione nell’economia mista. Elsevier, Amsterdam, pp. 429–440

 

Legido-Quigley H, Karanikolos M, Hernandez-Plaza S, Freitas C, Bernardo L, Padilla B, SáMachado R, Diaz-Ordaz Ka Stuckler D, McKee M (2016) Effetti della crisi finanziaria e misure di austerità della Troika su salute e salute accesso alle cure nella politica sanitaria del Portogallo 120 (7): 833–839

 

Kus B (2006) Neoliberismo, cambiamento istituzionale e stato sociale: il caso di Gran Bretagna e Francia Int Comparative Sociol 47 (6): 488–525

 

LeBaron G (2008) Lavoro in cattività e libero mercato; prigioni e produzione negli Stati Uniti Classe di capitale 32 (2): 59–81

 

Locke J (1679 [1960]) Two Treatises of Government. In: Laslett P (ed) testi di Cambridge nella storia del pensiero politico. Cambridge University Press, Glasgow

 

Lorenz C (2012) Se sei così intelligente, perché sei sotto sorveglianza? Università, neoliberismo e nuovi criteri di gestione pubblica Inq 38 (3): 599–629

 

MacLeavy J (2016) Neoliberismo e benessere. In: Springer S, Birch K, MacLeavy J (a cura di) Il manuale del neoliberismo. .Routledge, Londra, New York, pagg. 252–261

 

MacRae D (1969) Populismo come ideologia. In: Ionescu G, Ernst GR (eds) Populismo: significato e caratteristiche nazionali. Macmillan Company, Londra, pagg. 153-165

 

Marshall T (1950) Cittadinanza e classe sociale. In: Goodin R, Pettit P (a cura di) Filosofia politica contemporanea. Editori Blackwell, Oxford

 

Marx K (2000) Karl Marx: scritti selezionati. In: David McLellan (ed) Oxford University Press, Oxford, New York

 

McCluskey M (2003) Efficienza e cittadinanza sociale: sfidare l’attacco neoliberista allo stato sociale Indiana Law J 78 (2): 783–876

 

Mendes P (2003) think tank neoliberali australiani e il contraccolpo contro lo stato sociale. J Australian Polit Econ 51: 29–56.

 

Miller D (2000) Cittadinanza e identità nazionale. Polity, Cambridge

 

Morgan E (1988) Inventing the People. WWW Norton

 

Morris C (2000) L’idea stessa della sovranità popolare: “we the people” ha riconsiderato Soc Phil Policy Foundation 17 (1): 1–26

 

Mudde C, (2004) The Populist Zeitgeist Gov Oppos 39 (4): 541–63

 

Mudde (2013) Populismo. In: Freeden M Sargent LT Stears M (a cura di) The Oxford Handbook of Political Ideologies. Oxford University Press, Oxford, pp. 493–512

 

Mudde C Kaltwasser C (2013) Populismo esclusivo e inclusivo: confronto tra Europa contemporanea e America Latina Gov Oppos 48 (2): 147–174

 

Mudge S (2008) Lo stato dell’arte. Che cos’è il neoliberismo? Socio-Econ Ap 6: 703–731

 

Nozick R (1974) Anarchy, State e Utopia. Blackwell, Oxford

 

Orphanides A, (2014) The Euro Area Crisis: Politics over Economics Atl Econ J 42: 243–263

 

Overbeek A (eds) (1993) Ristrutturazione dell’egemonia nell’economia politica globale. L’ascesa del neoliberalismo transnazionale negli anni ’80. Routledge, Londra, New York

 

Peters M (2016) Istruzione, neoliberismo e capitale umano: homo economicus “come imprenditore di se stesso”. In: Springer S, Birch K, MacLeavy J (a cura di) The Handbook of Neoliberalism. Routledge, Londra, New York, pp. 297–307

 

Pyke J (2001) Globalizzazione: The Bane of Popular Sovereignty. In: Charles J. Round T (a cura di) Beyondthe Republic; Soddisfare le sfide globali al costituzionalismo 2001. Federation Press, Leichhardt, NSW, pp 205-2014.

 

Queiroz R (2016) Neo-liberale TINA: una sovversione ideologica e politica del liberalismo Crit Policy Stud 10 (4): 1–20

 

Queiroz R (2017) Dall’esclusione delle persone nel neoliberismo alla pubblicità senza un pubblico Pal Commun 34 (2): 1–11

 

Raddon MB (2008) Eredità neoliberiste: donazione pianificata e nuova filantropia Stud Political Econ 81: 27–48

 

Ramey J (2015) Il neoliberismo come teologia politica del caso: la politica della divinazione Pal Commun 1: 1–9

 

Rawls J (1971) Una teoria della giustizia. Oxford University Press, Oxford

 

Rawls J (1993) Liberismo politico. Columbia University Press, New York

 

Rawls J (1999) The Law of Peoples, con “L’idea della ragione pubblica rivisitata”. Harvard University Press, Cambridge, Massachusetts. Londra, Inghilterra

 

Leggi J (2009) Una genealogia di homo-economicus: il neoliberismo e la produzione della soggettività Foucault Stud 6: 35–36

 

Rhodes M (1996) Globalizzazione e stati sociali dell’Europa occidentale: una revisione critica dei dibattiti recenti J Eur Soc Politica 6 (4): 305–27

 

Rousseau JJ (1762) Du Contrat Social. Gallimard, Parigi, [1964]

 

Schneider J, Schneider P (2007) Mafias. In: Nugent D, Vincent J (a cura di) Un compagno di antropologia della politica. Blackwell Publichers, Malden, Oxford, pp 303–317

 

Schmidt V, Thatcher M, (2014) Perché le idee neoliberiste sono così resistenti nell’economia politica europea? Crit Policy Stud 8: 340–347

 

Sieyes EJ ([1789] (1989)) Questest que que Tiers État, Precedé de L’Essai sur les Privilèges. PUF, Parigi

 

Stiglitz J (2013) Il prezzo della disuguaglianza. Penguin Books, Londra

 

Stiglitz J (2016) L’euro: e la sua minaccia per il futuro dell’Europa Prezzo della disuguaglianza. Allen Lane, Penguin Books, Londra

 

Supiot A (2013) Il rapporto pubblico-privato nel contesto dell’attuale refeudalizzazione I CON 11 (1): 129–145

 

Szalai E (2017) Refeudalization. Corvinus J Sociol Soc Policy 8 (2): 3–24

 

Taylor (1979) What ‘Wrong With Negative Liberty ?. In: Goodin R, Pettit P (a cura di) Filosofia politica contemporanea. Blackwell Publishers, Oxford, pp 418–428

 

Wacquant L (1999) Come il buon senso penale arriva agli europei Eur Soc 1 (3): 319–352

 

Walley C (2017) L’elezione di Trump e la “classe operaia bianca”: cosa ci è mancato Am Ethnol 44 (2): 231–236

 

Weber M (1978) Economia e società: un profilo della sociologia interptretativa. University of California Press, Berkeley, Los Angeles

 

Weyland K (1999) Populismo neoliberista in America Latina ed Europa orientale Comp Polit 31 (4): 379–401

 

Weyland K (2001) Chiarire un concetto contestato. populismo nello studio della politica latinoamericana Comp Polit 34 (1): 1–22

 

Whiteside H (2016) Neoliberalismo come austerità: la teoria, la pratica e lo scopo della moderazione fiscale dagli anni ’70. In: Springer S, Birch K, MacLeavy J (a cura di) The Handbook of Neoliberalism. Routledge, Londra, New York, pagg. 361–369

 

Williams H (1994) Kant sul contratto sociale. In: Boucher D, Kelly P (a cura di) Il contratto sociale da Hobbes a Rawls 1994. Routledge, London, New York, pp 132-146

 

Wilson K (2012) Razza, razzismo e sviluppo: interrogare storia, discorso e pratica. Zed Books, Londra, New York

 


ENRICA PERUCCHIETTI: appello alla lucidità.

Ascoltate bene quel che in questo video descrive l’autrice e meditate su uno scenario futuro.