L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Articoli con tag “Kurikara

Onna-bugeisha: la donna samurai

Tra i più potenti e temibili guerrieri giapponesi vi erano donne: le Onna-bugeisha. Il loro background familiare differisce dalle nobildonne e dalle contadine. Erano membri della classe bushi (samurai) nel Giappone feudale e venivano addestrate all’uso delle armi per proteggere la comunità, la famiglia e l’onore in tempo di guerra. In otto secoli conosciamo alcune delle più famose e abili guerriere femminili, tra cui citiamo Tomoe Gozen, Nakano Takeko e Hōjō Masako, solo per citarne alcune. La naginata era la loro arma preferita.

Intorno al XII secolo le donne giapponesi erano responsabili di allevare i loro figli con un’adeguata educazione samurai, avevano anche il diritto di ereditare e di lasciare in eredità la proprietà. Controllavano le finanze della famiglia e gestivano il denaro  personale. Ci si aspettava anche che le donne difendessero le loro case in tempo di guerra. Molte donne sono impegnate in battaglia, comunemente insieme agli uomini samurai. Le donne impararono ad usare  la naginata, kaiken e l’arte jutsu in battaglia.

A causa dall’influenza della filosofia neoconfuciana e del consolidato mercato matrimoniale del periodo Edo (1600-1868), lo status della onna-bugeisha andò  significativamente scemando. I samurai non erano più interessati alle battaglie e alla guerra, diventarono burocrati. Le donne, in particolare le figlie della maggior parte delle famiglie delle classi nobili, furono presto considerate più preziose come pedine politiche (principalmente per scopi matrimoniali). Viaggiare in questo periodo è stato anche difficile per molte donne samurai. Dovevano sempre essere accompagnate da un uomo, dato che non potevano viaggiare da sole. Dovevano anche possedere permessi specifici, stabilire i loro affari e le loro motivazioni. Molti samurai consideravano le donne puramente come procreatrici di bambini; si diffuse il concetto che una donna non  fosse un compagno adatto per la guerra.

Il Samurai  maschio utilizzava  la katana, la  donna  samurai utilizzava la naginata, che è un’arma  versatile e convenzionale con una lama curva in punta. La naginata è principalmente adatta alla donna  per la sua lunghezza, che può compensare la forza e il vantaggio delle dimensioni del corpo degli avversari maschi. Inoltre, la naginata ha una nicchia giusta tra la katana e lo yari, che è piuttosto efficace in confronto  ravvicinato quando l’avversario è tenuto a bada ed è anche relativamente efficace contro la cavalleria.  Le samurai erano abili anche con le armi a distanza come archi e frecce.

Immagine

Guerriere

Molti filologi  sostengono che l’assenza di  termini che declinino il “samurai al  femminile” perché il termine “samurai” è  parola maschile. Tuttavia, per migliaia di anni, alcune donne giapponesi di classe nobile hanno imparato le arti marziali e hanno partecipato a combattimenti. 

“Tra il XII e il XIX  secolo, molte donne della classe  samurai impararono a maneggiare la spada e la Naginata (una lama su un lungo bastone) principalmente per difendere se stesse e le loro case. Nel caso in cui il loro castello fosse stato invaso da guerrieri nemici, le donne dovevano combattere fino alla fine e morire con onore, armi in mano. “(Candide Media Works). Alcune giovani donne erano talmente  abili  nei combattenti che cavalcavano in guerra accanto agli uomini, piuttosto che starsene a casa ad  aspettare.

“Accanto ai loro mariti in combattimento quasi continuamente, le donne samurai del XVI secolo provvedevano alla difesa delle loro case e dei loro bambini. I loro ruoli in tempo di guerra includevano lavare e preparare le teste sanguinanti decapitate del nemico, che venivano presentate ai generali vittoriosi. Come i loro mariti samurai, l’onore personale era fondamentale per le donne samurai.Portavano dei piccoli pugnali e erano sempre pronte a morire per mantenere il loro onore e il loro cognome.

Dopo che Tokugawa Ieyasu unificò il Giappone, il ruolo delle donne cambiò. I loro mariti samurai, che non combattevano più guerre,  diventarono burocrati. Le donne furono ora relegate a supervisionare l’educazione dei loro figli e a gestire la casa.

Il viaggio era fortemente limitato per le donne samurai durante gli anni dello shogunato Tokugawa. Era loro vietato  viaggiare da sole, fu loro richiesto di portare con sé i permessi di viaggio e di solito erano accompagnate da un uomo. Le donne samurai venivano spesso molestate dalle autorità quando passavano attraverso i posti d’ispezione del governo. “(Candide Media Works).

Un altro nome per le samurai giapponesi era  onna-bugeisha. Il “onna-bugeisha era un tipo di guerriera appartenente alla classe superiore giapponese. Molte mogli, vedove, figlie, dei ribelli rispondevano alla chiamata del dovere impegnandosi in battaglia, comunemente accanto agli uomini samurai. Erano membri del bushi (samurai) classe nel Giappone feudale e sono statie addestrate all’uso delle armi per proteggere la comunità, la famiglia e l’onore in tempo di guerra. Rappresentavano anche una divergenza dal tradizionale ruolo di “casalinga” della donna giapponese. A volte vengono definiti samurai femminili. Icone importanti come l’imperatrice Jingu, Tomoe Gozen, Nakano Takeko e Hōjō Masako sono famosi esempi di onna-bugeisha. “(Onna-bugeisha).

Immagine

Imperatrici del Giappone

L’imperatrice Pimiko

Nell’antica  storia del Giappone e della Cina ci sono i primi resoconti storici redatti da viaggiatori cinesi che descrivono la regina del Land of WA (Giappone antico). Il suo nome era Pimiko “figlia del sole”,  iniziò il suo governo intorno al 183 . Secondo i resoconti storici era una donna anziana che non si sposò mai . Fonti storiche cinesi raccontano come arrivò  a governare:

“Un tempo il paese aveva uomini come governanti. Tuttavia, per settanta o ottanta anni dopo che il paese era costantemente scosso da disordini e guerre, alla fine lil popolo accettò una donna come loro imperatrice e la chiamarono Pimiko (Himiko). Era abile nelle pratiche dello  sciamanesimo, [usando i poteri soprannaturali] e poteva stregare le persone. Nei suoi anni maturi, non era ancora sposata e il fratello minore l’aveva aiutata a governare il paese. Dopo essere diventata l’imperatrice, c’erano solo alcuni cui era concesso  vederla. Aveva mille schiave, ma c’era un solo servitore che la frequentava. Le sue funzioni erano di servire il cibo e le bevande, comunicare messaggi, entrare e uscire dai suoi alloggi. La regina risiedeva in un palazzo circondato da torri e barricate, con guardie che controllavano costantemente … “1 (antiche imperatrici giapponesi).

L’imperatrice Pimiko era una donna intelligente che costruì scambi e relazioni diplomatiche tra Cina e Giappone. Lo ha realizzato inviando messaggeri, doni di schiavi e stoffe pregiate all’Imperatore della Cina. Questo era il suo modo di mostrare rispetto per un vicino e un altro governantee. Le prime imperatrici come Pimiko erano probabilmente anche sciamane. “Si pensava che gli sciamani avessero poteri soprannaturali ed agivano da intermediari tra gli umani e gli dei. La parola giapponese per gli sciamani è la donna ‘letteralmente divina’,  Miko. Non esiste una parola giapponese per uno sciamano maschio. Ciò suggerisce che una fonte del potere di questi primi governanti era il loro status di Miko. “1 (Ancient Japanese Empresses).

Imperatrice Jingu

Immagine

Molto prima che venisse usato il termine “samurai”, i combattenti giapponesi erano abili con la spada e la lancia. Tra questi guerrieri vi erano includese alcune donne, come la leggendaria imperatrice Jingu (circa 169-269 ), qui raffigurata mentre guida un’invasione in Corea.

“Una successiva imperatrice, Jingū (o Jingō), che regnò nel III secolo DC, divenne seconda solo alla dia Amaterasu nella riverenza mostrata dal popolo giapponese. La sua storia è una combinazione di leggenda e fatti storici ma, anche sebbene sia difficile distinguere i fatti dalla leggenda, uno storico giapponese ha descritto il suo importante ruolo nella storia giapponese: “L’imperatrice Jingū era la nostra Giovanna d’Arco. Infiammata dall’ispirazione divina, mostrò un valore militare che era di incalcolabile servizio al suo paese nella crisi delle vicende. (antiche imperatrici giapponesi).
“I resoconti delle attività dell’imperatrice Jingū differiscono, ma sembra essere diventata imperatrice dopo la morte di suo marito, l’Imperatore Chūai. La sua morte è avvenuta dopo aver  rifiutato di p invadere Silla (ora Corea). In autunno, Chūai convocò i suoi generali per un consiglio di guerra e pianificare un attacco a un gruppo di ribelli. “Quella notte Jingu fu rapita da un sogno, o cadde in trance. Una divinità le apparve e disse: “Perché l’imperatore dovrebbe preoccuparsi che i Kumaso [i ribelli] non si arrendano a lui? I Kumaso hanno poco da offrire. Non vale la pena preparare un esercito contro di loro. C’è una terra migliore chiamata Silla, che si trova su Mukatsu (l’altro lato dell’oceano). Lì puoi trovare un tesoro in abbondanza, perché Silla è un paese ricco di cose meravigliose abbaglianti: oro, argento e gioielli dai colori vivaci. . . . Se mi adori con le offerte giuste, farò in modo che Silla ceda. I tuoi soldati non dovranno neppure estrarre le spade. La vittoria è tua. In cambio, rivendico semplicemente come offerta la nave di tuo marito e il campo di riso che ha acquisito da un capo di Anato. ” Chūai non poteva credere a quello che aveva sentito da sua moglie. All’inizio liquidò la sua storia come un sogno fantastico. Ma ripensandoci, salì in cima a una collina vicina per dare un’occhiata. Anche da quel punto di osservazione, non riusciva a vedere nulla nei grandi mari. Quindi concluse che se sua moglie avesse davvero sentito la voce di un dio che gli suggeriva di persuaderlo a lasciare la sua nave e il campo di riso, doveva essere un dio traditore.  La spedizione dell’imperatore Chūai contro il Kumaso non ebbe successo e subito dopo morì.  (antiche imperatrici giapponesi). Per un po ‘Jingū riuscì a mantenere segreta la sua morte e a reprimere rivolte all’interno del regno agendo nel suo nome. Sebbene fosse incinta del futuro imperatore, indossò abiti da uomo e andò in battaglia. Usando i suoi poteri di sciamana, affermò di sentire la volontà di Dio dirle che i giapponesi avrebbero dovuto invadere Silla. Ha detto al suo ministro:”Ascoltare la volontà di Dio, spostare il popolo di guerra, è motivo di grande preoccupazione per il Paese. Dall’alto, riceverò il sostegno degli spiriti degli Dei del Cielo e della Terra, mentre, sotto, mi avvarrò dell’assistenza di voi, miei ministri. Brandendo le nostre armi, attraverseremo i giganteschi flutti: preparando una flotta di navi, prenderemo possesso della Terra del tesoro. Se questa spedizione avrà successo, sarà merito tuo, miei ministri; e se no, sono solo io da incolpare “.11 La spedizione dell’imperatrice Jingū in Corea è riuscita, ma al suo ritorno ha affrontato rivolte a casa. Con queste ribellioni sottomesse, si dice che governò per settanta anni, morendo all’età di cento anni. “1 (Antiche imperatrici giapponesi).”Non c’è modo di verificare l’esistenza di una determinata imperatrice di nome Jingū, ma si ritiene che una società matriarcale sia esistita nel Giappone occidentale durante questo periodo. I documenti cinesi e coreani, considerati più accurati dei conti giapponesi contemporanei, si riferiscono al paese giapponese di WA come il Paese dei Queen e lo mettono in stretto contatto con la Cina e la Corea. “3 (Jingu).

Samurai e Mogli Bushi

“Fino alla fine del periodo Edo, ci si aspettava che le mogli di Samurai e bushi (guerrieri) fossero entrambe domestiche (madri, capifamiglia e insegnanti di bambini) durante la guerra quando gli uomini andarono a combattere, le donne divennero i difensori dei bambini e della proprietà familiare. Durante la sanguinosa guerra  del periodo Sengoku-Jidai, il compito di difendere intere città spesso ricadeva sulle donne. Durante questo periodo, ci sono resoconti “delle mogli dei signori della guerra, vestiti con armature sgargianti, che portano bande di donne armate di naginata” (un’arma da palo con una lama curva all’estremità). Tra i loro altri doveri marziali, l’incarico ricade anche sulle mogli samurai e bushi per pulire e preparare le teste mozzate di nemici come regali per i generali vittoriosi.

Queste mogli samurai e bushi dovevano portare sempre kaiken (piccoli pugnali). Queste armi non erano usate tipicamente per la difesa, ma venivano portate nel caso in cui fosse necessario per eseguire il jigai (suicidio rituale che prevedeva il taglio della propria gola aperto-hara-kiri riservato agli uomini). Era considerato più onorevole eseguire il jigai piuttosto che essere catturato e diventare una vittima dello stupro, il che avrebbe portato disonore al nome di famiglia. Nei rari casi in cui il kaiken veniva usato per autodifesa, la donna avrebbe afferrato l’elsa con entrambe le mani, piantando saldamente il calcio dell’elsa contro il suo stomaco e avventandosi in avanti, gettando tutto il suo peso corporeo nel colpo. Se avesse avuto l’elemento sorpresa, questa manovra sarebbe stata probabilmente fatale per il suo avversario.

Le mogli Bushi e Samurai erano addestrate principalmente all’uso della naginata per la sua versatilità e utilità nel difendere un castello dai cavalieri. Le donne sarebbero in genere svantaggiate combattendo contro samurai armati da vicino, dove gli uomini avrebbero il vantaggio in termini di peso e forza, ma la naginata  permetteva loro di colpire a distanza di un palo: una donna armata e addestrata a usare una naginata poteva sconfiggere tutti tranne il  più grande dei guerrieri.

Sebbene fossero addestrate alle arti marziali, le mogli che si portavano sul campo di battaglia costituivano l’eccezione – la maggior parte delle donne non si impegnava in combattimento. Ma sebbene tradizionalmente percepite come delicate e femminili queste donne erano tutt’altro che impotenti, erano pioniere, aiutando i loro clan a colonizzare nuovi territori. Alcuni clan potrebbero persino essere stati guidati da donne che avevano il diritto legale di agire come jito (steward) della terra. “(Amdur).

Tomoe Gozen

Immagine

Immagine

I tre dipinti sopra raffigurano Tome Gozen che indossa nla sua armatura da samurai.

“Tomoe Gozen è uno dei pochi esempi di una vera donna guerriera vissuta nella prima parte della storia moderna giapponese, anche se alcuni stidiosi  si siano chiesti se  fosse veramente vissuta, o fosse semplicemente fosse una figura inventata nell’Heike Monogatari. Mentre innumerevoli altre donne erano a volte costrette a prendere le armi (in difesa del loro castello, per esempio), Tomoe viene descritta come una guerriera consumata. 

Sebbene gli  studio per la maggior parte indichino Tomoe probabilmente come un personaggio puramente immaginario, è tuttavia descritta in alcune fonti come la figlia di Nakahara no Kanetô (il marito di Minamoto assistente di Yoshinaka), e la sorella di Imai Kaneshiro, a fianco con cui combatte nella battaglia di Awazu. “(Samurai-Archives).

Tomoe Gozen ( Gozenè un titolo che significa “signora”) era famosa come una spadaccina, un abile cavallerizza e un superba arciere; fu il primo comandante di Minamoto, e conquistò almeno una testa nemica durante la battaglia di Awazu nel 1184.

“Secondo alcune fonti, era sposata con Kiso (Minamoto) Yoshinaka (sebbene la Heike Monogatari la descriva come un’inserviente , e altre fonti la descrivono come una consorte, o addirittura una prostituta , che  oppose al Taira e nel 1184 prese Kyoto dopo aver vinto la battaglia di Kurikara. Con il Taira costretto nelle province occidentali, Yoshinaka iniziò a insinuare che doveva guidare in guerra il clan Minamoto – un suggerimento che provocò attacchi di Minamoto no Yoritomo. Fuggendo dopo una grave sconfitta, Yoshinaka, insieme a Tomoe, affrontò guerrieri alleati con Yoritomo ad Awazu, una battagliaa disperata in cui Tomoe prese almeno una testa, quella di Onda Hachirô Moroshige. “(Samurai-Archives).

L’Heike Monogatari descrive quindi Tomoe:

“… Tomoe era una donna particolarmente bella, con pelle bianca, capelli lunghi e lineamenti affascinanti, era anche un arciere straordinariamente forte, e come spadaccina era una guerriera del valore di mille, pronta ad affrontare un demone o un dio, montato A cavallo si muovevano i cavalli ininterrotti con abilità superba, cavalcava incolume per discese pericolose.Quando una battaglia era imminente, Yoshinaka la mandò fuori come suo primo capitano, equipaggiata da una forte armatura, una spada di grandi dimensioni e un arco possente; ha compiuto più atti di valore di qualsiasi altro dei suoi guerrieri. ” (Samurai-Archives).

“L’Heike Monogatari continua dicendo che Tomoe era uno degli ultimi cinque guerrieri di Yoshinaka che si trovava alla fine della battaglia di Awazu, e che Yoshinaka, sapendo che la morte era vicina, la spinse a fuggire. Sebbene riluttante, si precipitò contro un guerriero Minamoto di nome Onda no Hachirô Moroshige, gli tagliò la testa e fuggì verso le province orientali.

Alcuni hanno scritto che Tomoe infatti morì in battaglia con suo marito, mentre altri affermano che sopravvisse e si dedicò alla contemplazione. È una delle figure femminili più popolari e conosciute nella storia / leggenda giapponesi e appare come protagonista in almeno una commedia kabuki, Onna Shibaraku. “(Samurai-Archives).