“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Linguaggio

Video

Platone Repubblica libro VIII lettura completa


Genesis – The Lamb Lies Down On Broadway

Rael

Tieni le dita fuori dal mio occhio. Mentre scrivo mi piace dare un’occhiata alle farfalle in vetro che sono tutte intorno alle pareti. Le persone in memoria sono bloccate su eventi che non riesco a ricordare troppo bene, ma ne scrivo uno per vederlo spezzare, decomporre e nutrire un altro tipo di vita. Quello in questione è tutto materiale completamente biodegradabile e classificato come “Rael”. Rael mi odia, mi piace Rael, sì, anche gli struzzi hanno dei sentimenti, ma la nostra relazione è qualcosa con cui entrambi stiamo imparando a convivere. A Rael piace divertirsi, a me piace una buona rima, ma non mi vedrai più direttamente – odia il mio essere in giro. Quindi se la sua storia non regge, potrei dare una mano, capisci? (cioè la rima è pianificata, manichini).

 

L’ago tremolante salta in rosso. New York striscia fuori dal suo letto. Agli ospiti stanchi viene chiesto di lasciare il calore del teatro per tutta la notte, dopo aver dormito in immagini che altri sognano solo. Gli extra non pagati disturbano Sleeping Broadway. CAMMINARE a sinistra NON CAMMINARE a destra: a Broadway le indicazioni non sembrano così luminose. Gli fantasmi automatici mantengono il ritmo della prima gara mobile del tassista.

 

Basta questo: il nostro eroe sta salendo le scale della metropolitana alla luce del giorno. Sotto la sua giacca di pelle tiene una pistola a spruzzo che ha lasciato il messaggio RAEL a grandi lettere sul muro che porta sottoterra. Potrebbe non significare molto per te, ma per Rael fa parte del processo diretto a “farsi un nome per sè”. Quando non sei nemmeno un portoricano di razza pura, il gioco si fa duro e la crudezza avanza.

 

Con occhiate casuali lungo la strada bagnata, controlla il movimento nel vapore per cercare potenziali ostruzioni. Non vedendo nessuno, cammina lungo il marciapiede, oltre la farmacia con la protezione di ferro che viene rimossa per rivelare il sorriso della ragazza del dentifricio, oltre le signore della notte e il poliziotto Frank Leonowich (48 anni, sposato, due bambini) che si trova sulla soglia della parrucca -memorizzare. Il poliziotto Leonowich guarda Rael più o meno allo stesso modo in cui gli altri colleghi lo guardano, e Rael nasconde solo le sue intenzioni. Nel frattempo da una nuvola si cala un agnello. Questo agnello non ha nulla a che fare con Rael o con qualsiasi altro agnello: si sdraia a Broadway.

 

Il cielo è nuvoloso e quando Rael guarda indietro una nuvola scura sta scendendo come un pallone in Times Square. Si appoggia sul terreno e si modella in una superficie piana dai bordi duri, che si solidifica e si estende fino a est e ovest lungo la 47a strada e raggiungendo il cielo scuro. Man mano che il muro prende tensione diventa uno schermo che mostra ciò che era esistito in tre dimensioni, dall’altro lato solo un momento prima. L’immagine tremola e poi si incrina come l’argilla dipinta e il muro si muove silenziosamente in avanti, assorbendo tutto sul suo cammino. Gli ignari newyorkesi sono apparentemente ciechi rispetto a ciò che sta accadendo.

 

Rael inizia a scappare verso Columbus Circle. Ogni volta che osa dare un’occhiata, il muro ha spostato un altro blocco. Nel momento in cui pensa di mantenere la distanza dal muro, il vento soffia forte e il freddo rallenta la sua velocità. Il vento aumenta, asciuga la strada bagnata e raccoglie la polvere dalla superficie, gettandola in faccia a Rael. Sempre più sporco viene fatto esplodere e inizia a depositarsi sulla pelle e sui vestiti di Rael, creando un solido cappotto a strati che lo porta gradualmente a una calma terrorizzata. Un’anatra seduta.

 

Il momento dell’impatto esplode attraverso il silenzio e in un rombo di suoni, l’ultimo secondo si prolunga in un mondo di echi come se il cemento e l’argilla di Broadway stessi stessero rivivendo i suoi ricordi. L’ultima grande marcia passata. Newsman è inerte come un piagnucolio mentre il pubblico e l’evento sono bloccati come uno. Bing Crosby coos “Non devi provare dolore per cantare il blues, non devi holla – non senti nulla nel tuo colletto da un dollaro.” Martin Luther King piange “Tutti cantano!” e suona la grande vecchia campana della libertà. Leary, stanco della sua cella di prigione, cammina in paradiso, parla all’inferno. JFK dà l’OK per spararci, sorseggiando Orange Julius e Lemon Brutus. Mazzi double cowboy dal petto nudo il triplo campione. Chi ha bisogno di Medicare e della tariffa forfettaria 35c, quando Fred Astaire e Ginger Rogers stanno ballando per aria? Dagli stereotipi di Broadway Melody la band ritorna su “Stars and Stripes” portando una lacrima al chiaro di luna, che sta riversando il suo spirito dall’ancora illegale. Il mediatore di pegni cancella la cassa rumorosa e stringe la sua fortunata banconota da un dollaro. Quindi il blackout.

 

Rael riacquista conoscenza in una penombra muschiata. È caldamente avvolto in una specie di bozzolo. L’unico suono che riesce a sentire è l’acqua gocciolante che sembra essere la fonte di una pallida luce tremolante. Immagina di trovarsi in una specie di grotta – o tomba terrificante, o catacomba, o guscio d’uovo in attesa di cadere dall’osso dell’utero. Qualunque cosa sia, si sente sereno, molto pulito e contento come un manichino ben tenuto con acqua calda nella sua pancia, quindi perché preoccuparsi di cosa significhi? Rassegnandosi all’ignoto, si addormenta.

 

Si sveglia con un sudore freddo con un forte bisogno di vomitare. Non c’è traccia del bozzolo e può vedere più della caverna attorno a lui. C’è molta più acqua luminosa che gocciola dal tetto e stalattiti e stalagmiti si formano e si decompongono ad un ritmo allarmante intorno a lui. Mentre la paura e lo shock si registrano, si assicura che l’autocontrollo fornirà un po ‘di sicurezza, ma questo pensiero viene abbandonato mentre le stalattiti e le stalagmiti si bloccano in una posizione fissa, formando una gabbia le cui sbarre si muovono verso di lui. Ad un certo momento c’è un lampo di luce e vede un’infinita rete di gabbie legate tutte insieme da un materiale simile a una corda. Mentre le sbarre rocciose si spingono sul corpo di Rael, vede fuori suo fratello John, che lo guarda. La faccia di John è immobile nonostante le grida di aiuto, ma nella sua espressione vacua si forma una lacrima di sangue che gli scorre lungo la guancia. Quindi si allontana con calma lasciando Rael ad affrontare i dolori che stanno iniziando a spazzare attraverso il suo corpo. Tuttavia, proprio mentre John esce di vista, la gabbia si dissolve e Rael viene lasciato girare come una cima.

 

Quando tutta questa rivoluzione è finita, si siede su un pavimento molto lucido mentre le sue vertigini svaniscono. È un corridoio vuoto e moderno e la commessa dei sogni è seduta al banco della reception. Senza spingerla a fare il suo rap: “Questa è la Grand Parade of Lifeless Packaging, quelli che stai per vedere sono tutti disponibili per la manutenzione, tranne una piccola quantità del nostro nuovo prodotto, nella seconda galleria. È tutto lo stock necessario per coprire le disposizioni esistenti dell’impresa. Diversi lotti sono distribuiti agli operatori dell’area e ci sono molte opportunità per il grande investitore. Si estendono dalle costose cure condizionate al più ragionevole mal nutrito. Scopriamo qui che gli sguardi di tutti diventano loro. Tranne il mercato mal nutrito, a ciascuno viene fornita una garanzia per un parto di successo e un’infanzia senza problemi. Esiste tuttavia solo una piccola quantità di potenziale di scelta variabile, non troppo lontano dal differenziale medio. Vedete, il tetto ha predeterminato i limiti di azione di qualsiasi gruppo di pacchetti, ma gli individui possono spostarsi dal percorso se i loro diversivi sono controbilanciati da altri.

 

Mentre vaga lungo la fila di pacchi, Rael nota una familiarità in alcuni dei loro volti. Alla fine si imbatte in alcuni membri della sua vecchia banda e si preoccupa della propria sicurezza. Scappando attraverso il pavimento della fabbrica, vede suo fratello John con un numero 9 impresso sulla fronte.

 

Nessuno sembra intraprendere l’inseguimento, e con i volti familiari freschi nella sua mente si trasferisce in una ricostruzione della sua vecchia vita, fuori terra – Troppo tempo era una cosa di cui non aveva bisogno, quindi era solito tagliare con un po ‘di velocità. Era meglio morto, piuttosto che lento nella testa. Sua mamma e la sua poppa si erano fatte un giro sulla schiena, quindi se ne andò molto rapidamente per unirsi a The Pack. Solo dopo un incantesimo nel riformatorio di Pontiac gli fu dato alcun rispetto nella banda. Ora, tornando a casa dopo un’incursione, stava stringendo a sé un istrice addormentato. Quella notte immaginò la rimozione del suo cuore peloso e con l’accompagnamento di musica molto romantica lo vide rasato liscio da un anonimo rasoio di acciaio inossidabile. L’organo rosso ciliegia palpitante fu riportato al suo posto legittimo e cominciò a battere più veloce mentre guidava il nostro eroe, contando il tempo,

 

Ritorna dai suoi ricordi confusi al passaggio in cui era precedentemente bloccato. Questa volta scopre un lungo corridoio coperto da tappeti. Le pareti sono dipinte di rosso ocra e sono contrassegnate da strane insegne, alcune sembrano un occhio di bue, altre di uccelli e barche. Più in basso nel corridoio, può vedere alcune persone; tutti in ginocchio. Con sospiri e mormori rotti, lottano, al rallentatore, verso la fine di una porta di legno. Avendo visto solo i corpi inanimati nella Grand Parade of Lifeless Packaging, Rael si precipita a parlare con loro.

 

“Cosa sta succedendo?” chiede piangendo a un monaco borbottante, che nasconde uno sbadiglio e risponde “È ancora molto prima dell’alba.” Un cingolato simile a una sfinge chiama il suo nome dicendo: “Non chiederlo, il monaco è ubriaco. Ognuno di noi sta cercando di raggiungere la cima delle scale, una via d’uscita ci attenderà lì. ” Non chiedendo come può muoversi liberamente, il nostro eroe attraversa audacemente la porta. Dietro un tavolo carico di cibo c’è una scala a chiocciola che sale nel soffitto.

 

In cima alle scale trova una camera. È quasi un emisfero con moltissime porte tutt’intorno alla sua circonferenza. C’è una grande folla, rannicchiata in vari gruppi. Dalle urla, Rael scopre che ci sono 32 porte, ma solo una che conduce fuori. Le loro voci diventano sempre più forti fino a quando Rael urla “Stai zitto!” C’è un momento di silenzio e poi Rael si concentra mentre indirizzano i loro consigli e i loro comandi alla nuova recluta trovata. Alimentato con la spazzatura, alimentato con la cenere, il maestro del puzzle deve muoversi più velocemente. Rael vede un angolo tranquillo e vi si precipita. Sta accanto a una donna di mezza età, con una pelle molto pallida che parla tranquillamente con se stessa. Scopre che è cieca e chiede una guida. “A che serve una guida se non hai un posto dove andare” chiede Rael. “Ho un posto dove andare”, risponde “se mi porti attraverso il rumore, Ti mostrerò. Sono una creatura delle caverne e seguo il modo in cui soffiano le brezze. ”

 

La conduce dall’altra parte della stanza e lasciano la folla, che congedano la loro partenza per non riuscire. Quando attraverso la porta, la donna conduce Rael lungo il tunnel. La luce della camera presto svanisce e, nonostante il suo passo sicuro, Rael spesso inciampa nell’oscurità.

 

Dopo una lunga camminata arrivano in quella che Rael giudica una grande caverna rotonda, e lei parla una seconda volta chiedendogli di sedersi. Sembra un trono di pietra fredda.

 

“Rael, siediti qui. Verranno presto per te. Non aver paura. ” E non riuscendo più a spiegare se ne va. Affronta di nuovo la sua paura.

 

Un tunnel è illuminato alla sua sinistra e inizia a tremare. Man mano che diventa più luminoso, sente un ronzio non metallico. La luce sta diventando dolorosamente luminosa, riflettendo come bianco dalle pareti fino a quando la sua vista si perde in una sorta di cecità della neve. Si fa prendere dal panico, cerca una pietra e la lancia nel punto più luminoso. Il suono di vetri infranti risuona intorno alla caverna.

 

Man mano che la sua vista viene ripristinata, vede due guanti d’oro di circa un piede di diametro che si librano lungo il tunnel. Quando scompaiono, una crepa clamorosa si diffonde sul tetto e collassa intorno a lui. Il nostro eroe è di nuovo intrappolato.

 

“Eccolo” pensa, non riuscendo a muovere nessuna delle rocce cadute. Non c’è molto spettacolo per un creolo sotterraneo mentre cammina attraverso le porte di Sheol. “Avrei preferito essere cacciato in mille pezzi nello spazio, o riempito di elio e galleggiato sopra un mausoleo. Non è questo il modo di pagare le mie ultime quote di nostalgia sotterranea. Ad ogni modo, sono fuori dalle mani di qualsiasi imbalsamatore pervertito che fa la sua interpretazione di come dovrei apparire, infilandomi il suo batuffolo di cotone nelle guance. ”

 

Esausto da tutte queste congetture, il nostro eroe ha la possibilità in una vita di incontrare il suo eroe: la morte. La morte indossa un leggero travestimento, ha realizzato l’abito da solo. Lo chiama “Anestesista soprannaturale”. Alla morte piace incontrare persone e vuole viaggiare. La morte si avvicina a Rael con il suo speciale contenitore, rilascia un tiro e sembra allontanarsi contento nel muro.

 

Rael si tocca il viso per confermare che è ancora vivo. Scrive Morte come illusione, ma nota un denso profumo muschiato sospeso nell’aria. Si sposta nell’angolo in cui l’odore è più forte, scoprendo una fessura tra le macerie attraverso cui entra. Cerca di spostare le pietre e alla fine cancella un buco abbastanza grande da poter strisciare fuori. Il profumo è ancora più forte dall’altra parte e parte per trovare la sua fonte, con un’energia ritrovata.

 

Raggiunge finalmente una piscina di acqua rosa molto decorata. È sontuosamente decorato con rifiniture in oro. Le pareti intorno alla piscina sono ricoperte da un velluto marrone rossiccio su cui cresce il caprifoglio. Dalla nebbia sull’acqua arriva una serie di increspature. Tre creature simili a serpenti nuotano verso Rael. Ogni creatura rettiliana ha la testa e il seno minuscoli di una donna bellissima. Il suo orrore lascia il posto all’infatuazione mentre i loro morbidi occhi verdi mostrano il loro benvenuto. La Lamia lo invita ad assaggiare l’acqua dolce ed è veloce ad entrare in piscina. Non appena ingerisce del liquido, una luminescenza blu pallida gli scivola via dalla pelle. La Lamia lecca il liquido; molto delicatamente all’inizio, ad ogni nuovo tocco, sente il bisogno di dare sempre di più. Impastano la sua carne fino a quando le sue ossa sembrano sciogliersi, e in un momento in cui sente di non poter andare oltre, mordicchiano il suo corpo. Prendendo le prime gocce del suo sangue, i loro occhi si anneriscono e i loro corpi sono scossi. Sconvolto da una passione indifesa, osserva mentre i suoi amanti muoiono. Nel disperato tentativo di portare ciò che resta di loro nel suo essere, prende e mangia i loro corpi e lotta per lasciare il nido dei suoi amanti.

 

Uscendo dalla stessa porta da cui era entrato, trova una sorta di strano ghetto dall’altra parte. Quando lo vedono, l’intera strada di figure distorte scoppiò a ridere. Una delle colonie gli si avvicina. È grottesco in ogni aspetto, una miscela di brutti grumi e ceppi. Le sue labbra scivolano sul mento mentre sorride in segno di benvenuto e offre la sua stretta di mano scivolosa. Rael è un po ‘disilluso, quando lo Slipperman rivela che l’intera colonia è stata attraversata dalla stessa gloriosa tragedia romantica con le stesse tre Lamia, che si rigenerano ogni volta, e che ora Rael condivide il loro aspetto fisico e il loro destino oscuro .

 

Tra i volti contorti degli Slippermen, Rael riconosce ciò che resta di suo fratello John. Si abbracciano. John spiega amaramente che l’intera vita di Slipperman è dedicata a soddisfare la fame infinita dei sensi, che è stata ereditata dalla Lamia. C’è solo una via di fuga; una temuta visita al famigerato Doktor Dyper che rimuoverà la fonte dei problemi, o per dirla in modo meno educato, castrare.

 

Discutono a lungo della fuga ingannevolmente chiamata e decidono di andare insieme a visitare il Doktor. Sopravvivono al calvario e si presentano con le armi offensive in sterili tubi di plastica gialli, con catene d’oro. “La gente di solito li porta al collo”, ha detto il Doktor consegnandoli. “L’operazione non esclude necessariamente di nuovo l’uso della struttura, per brevi periodi, ma ovviamente quando lo si desidera è necessario fornire un preavviso considerevole.” Mentre i fratelli parlano da soli attraverso la loro nuova situazione, un grande corvo nero vola nella grotta, piomba verso il basso, prende il tubo di Rael dalle sue mani e lo porta in aria nel becco. Rael chiama John per accompagnarlo.

 

E lui risponde “Non inseguirò un corvo nero. Quaggiù devi leggere e obbedire ai presagi. C’è un disastro in cui vola il corvo. ” Quindi ancora una volta John deserta suo fratello. L’uccello conduce Rael in uno stretto tunnel, sembra consentirgli di tenersi a distanza chiusa. Ma mentre Rael pensa che potrebbe quasi afferrare l’uccello, il tunnel si apre e termina in un enorme burrone sotterraneo. Casualmente, il corvo fa cadere il suo prezioso carico nelle acque impetuose sul fondo. È abbastanza per far impazzire un povero ragazzo.

 

Vedendo i pericoli della ripida scogliera, il nostro coraggioso eroe si erge impotente e brilla. Segue un piccolo sentiero che corre lungo la cima e osserva il tubo che sale e scende nell’acqua mentre la corrente veloce lo porta via. Tuttavia, mentre cammina dietro un angolo, Rael vede una luce del cielo sopra di lui, apparentemente costruita sulla riva. Attraverso di essa può vedere l’erba verde di casa, beh non esattamente; può vedere Broadway. Il suo cuore, ora un po ‘ispido, è scosso da un’ondata di gioia e inizia a correre, a braccia aperte, verso l’uscita. In questo preciso momento le sue orecchie raccolgono una voce che chiede aiuto. Qualcuno sta lottando nelle rapide sottostanti. È John. Fa una pausa per un momento ricordando come suo fratello lo aveva abbandonato. Quindi la finestra inizia a svanire: è tempo di agire.

 

Si precipita sulla scogliera e si arrampica giù per le rocce. Gli ci vuole molto tempo per scendere in acqua, cercando di tenere il passo con la corrente allo stesso tempo. Mentre si avvicina al bordo dell’acqua vede John perdere forza. Si tuffa nell’acqua fredda. All’inizio viene gettato sulle rocce e tirato sott’acqua da un canale in rapido movimento, che lo porta proprio oltre John, lungo il fiume. Rael riesce ad afferrare una roccia, a tirarsi in superficie e riprendere fiato. Mentre John viene trascinato, Rael si getta di nuovo dentro e lo afferra per un braccio. Colpisce John incosciente e poi si blocca insieme, cavalca le rapide nell’acqua corrente lenta, dove può nuotare in salvo.

 

Ma mentre trascina il corpo inerte di suo fratello sulla riva, lo distende e si spera negli occhi per un segno di vita. Esita barcollando, indietreggiando, perché fissarlo con gli occhi ben aperti non è la faccia di John, ma la sua. Rael non può distogliere lo sguardo da quegli occhi, ipnotizzato dalla sua stessa immagine. Con un rapido movimento, la sua coscienza si sposta da una faccia all’altra, poi di nuovo indietro, fino a quando la sua presenza non è più solidamente contenuta nell’una o nell’altra. In questo stato fluido osserva entrambi i corpi delineati in giallo e lo scenario circostante si scioglie in una foschia viola. Con un’improvvisa ondata di energia su entrambe le colonne spinali, anche i loro corpi si dissolvono finalmente nella foschia. Tutto ciò avviene senza un solo tramonto, senza una sola campana che suona e senza un singolo fiore che cade dal cielo. Eppure riempie tutto con la sua misteriosa presenza inebriante. Dipende da te.

 


Video

Platone – Repubblica – Libro VII (lettura completa)


La nobiltà e la politica: Aristotele

Gli uccelli cinguettano una rivolta cosmica al mattino presto. Volano a loro piacimento. E gridano con gioia esplosiva. Nessuno dice loro quale strada dovrebbero prendere. Il loro volo senza scopo sembra avere un significato in sé. Finché l’uomo non interferisce con il loro movimento, la loro libertà è assoluta. Nessun re o regina ha potere sulla loro libertà.

 

Stavo guardando gki uccelli che popolano il mio giardino e fui colpita dal contrasto nella vita dell’uomo le cui le ali della libertà non avevano spazio per sbattere in questo assurdo periodo di #lockdown.

 

Gli uccelli in volo non sono uno spettacolo insolito e la loro libertà non ci è sconosciuta. Ma oggi il loro impatto è stato intenso.

 

Chi lamenta l’esistenza in gabbia dell’uomo e la sua decisione di creare uno stato – quello che ora viene chiamato governo – per la sua sicurezza a spese della sua libertà e potere.

 

Abbiamo formato uno stato per la nostra protezione, ma non siamo in grado di farlo tornare indietro quando non ci soddisfa,; scomodando e citando Thomas Hobbes aveva asserito che la nostra discesa nell’impotenza è volontaria

 

Questa impotenza fa molto male, spingendo a tentare una libertà politica. Cerca un dibattito sulla politica e sull’esistenza stessa del governo stesso. Qualcuno che ha assaporato il potere acconsentirà mai alle sue idee di deliberazione?

 

Conoscendo l’inutilità del suo pensiero, il senore C chiede perché sia ​​difficile dire qualcosa sulla politica al di fuori della politica.

 

Per sostenere la sua conclusione che non può esserci un discorso sulla politica che non sia essa stessa politica, cita il filosofo greco Aristotele come dicendo che l’uomo è un animale politico e che la politica è costruita nella natura umana.

 

Ma Aristotele considera la politica in modo diverso, non come pensiamo .

Secondo il filosofo greco la politica è qualcosa di nobile. È un’impresa che richiede una visione espansiva della vita. Oggi parliamo della versione deteriorata della politica che si è instaurata la realtà per secoli.

 

Come si infondi la nobiltà in politica? È mai possibile?

 

Porsi la domanda non è sbagliato. Il problema sorge solo quando cerchiamo una risposta, perché la risposta potrebbe non essere di nostro gradimento e mostrarsi quanto mai sgradevole.

 

Platone, che visse nel V secolo a.C., offre una soluzione più ampia ma in qualche modo imbarazzante per il nostro dilemma politico. Dice che se un filosofo non governa lo stato o il sovrano stesso diventa un filosofo, le agitazioni politiche continuerebbero ad agitarsi.

 

Ciò solleva un altro problema: quale politico leggerà la filosofia? E se leggessero veramente, invece di citare le Scritture, gli piacerebbe mai governare? Anche se decidessero di governare per il bene dello stato, ci sarebbero dei tiratori?

 

Sembra che la soluzione di Platone sia peggiore del problema. La mente che è abituata a testimoniare truffe e violenze può avere difficoltà ad accettare un governo che scorre senza intoppi di sensazioni.

 

Questa non è una condanna o un giudizio. La mente umana ha molti livelli. Ha uno strato consapevole, periferico, razionale. Ha anche una profondità subconscia contenente contenuti più scuri. A meno che non siano esposti e curati, i cambiamenti a livello politico e personale sono impossibili. La strada per la libertà è lunga e ardua – non è un dato di fatto. Né è un affare collettivo.

 

Per guadagnare una tale libertà, l’individuo potrebbe forse avere una vita contemplativa che Aristotele considera superiore alla vita politica positiva di cui ha parlato.

 

Al crepuscolo, uno stormo di uccelli viaggia in assoluto silenzio, creando un arco geometrico di ordine cosmico – senza un leader.

 


Video

Platone – Repubblica – Libro VI (lettura completa)


Video

Giovanni Lindo Ferretti – Mal’aria

L’eco di un tempo lontano, sospeso… una ballata con immagini intrise  di solitudine  e un coro simile all’evocativo oracolo. L’immagine della geolocalizzazione assente dell’autoctono intervento umano sospinge ad una radicale riflessione circa il neo-umanesimo ad assetto alveare in forma privata, intima e forzata. La dimora diventa un microcosmo ripartito nell’entroterra del microcosmo tecnologizzato, un habitus disumano in implosione. Un tempo di mediazione sui passi del pulsante e inquieto salotto, Le parole diventano soliloquio, vi può essere libertà oltre il selciato atropico del dialogo mancato?

L’essere migliori ci pone innanzi all’avveniristica scelta del criterio valido di un respiro soffocato.

L’era del silenzio si fa strada oltre lo spazio d’azione… chi opta per la caccia al suo simile trova il varco precluso.

 

 

 


Platone – Repubblica – Libro V (Lettura completa)


Video

Platone – Repubblica – libro IV – (lettura completa)


Abraxas

Abraxas è il nome dato da alcuni dei primi cristiani gnostici per indicare la forma incarnata di Dio. Nel linguaggio dello gnosticismo, Dio nel vero senso è chiamato “Pleroma”, che significa pienezza. Quindi Pleroma corrisponderebbe a Brahman nell’Induismo, Ein Sof nella Cabala ebraica e nel Tao del Taoismo ecc. Tutti questi termini si riferiscono a Dio in senso inconoscibile, il Dio è oltre il concetto e oltre l’immaginazione. Il Dio che è la fonte di tutto l’essere e il fondamento di tutta l’esistenza, quindi Dio nel vero significato della parola. Ora, se Dio dovesse manifestarsi nel regno temporale, avremo qualcosa che possiamo concettualizzare ed etichettare. Per gli gnostici l’etichetta per questo fenomeno era Abraxas.

Le origini del dio Abraxas sono misteriose anche se si ritiene che il concetto esistesse nell’antico Egitto. Si pensa che Abraxas sia stato poi adottato dai mistici ebrei e poi dai cristiani gnostici. Quindi Abraxas ha una lunga storia nei circoli esoterici del Mediterraneo e del Medio Oriente.

Abraxas è una concezione di Dio che incorpora sia il Bene che il Male in un’unica entità. Quindi in termini gnostici è sia Dio che Demiurgo. Rappresenta un Dio monoteista ma allo stesso tempo è abbastanza diverso dal Dio onnipotente trovato nel cristianesimo successivo. Nella sua rappresentazione ha la testa di Gallo, un busto maschile e due serpenti per le gambe. Inoltre viene spesso mostrato con uno scudo e una frusta. Lo scudo rappresenta la saggezza protettiva e la forza motrice della frusta. La testa del gallo simboleggia la attenzione vigile e l’annuncio di una nuova alba. I serpenti possono essere considerati simbolici della Dea, è un animale strettamente associato a Iside e Demetra, due importanti concezioni della Dea nell’antichità. Anche il serpente in India rappresenta la Shakti o energia femminile che è considerata un serpente addormentato che giace dormiente in tutti noi.

L’immagine di Abraxas veniva spesso usata per decorare portafortuna, sigilli e amuleti nell’antichità. Questi antichi manufatti di Abraxas erano abbastanza comuni e molti esistono ancora oggi in musei e collezioni private. Più avanti nella storia, l’ordine dei Cavalieri Templari mise l’immagine di Abraxas sui loro sigilli più importanti che fu usato per legare i documenti più segreti.

Collage di gemme IAW Abraxas

Ecco una selezione di gemme, amuleti e sigilli Abraxas. Nella maggior parte dei casi troviamo la classica rappresentazione di Abraxas, con una testa di galli, il busto dell’uomo e serpenti per le gambe. Va anche notato che in quasi tutti questi esempi, possiamo vedere le tre lettere “I”, “A” e “W” spiegate come una parola, cioè IAW e WAI, oppure posizionate separatamente sullo scudo portato da Abraxas e anche più ampiamente attorno alla figura. Uno dei motivi della giustapposizione di queste tre lettere deriva da un antico nome di dio ebraico / egizio “IAO”, che è pronunciato “iaho”. Si pensa che l’espressione comune per Dio, “Jah”, derivi dall’IAO. La variante di IAO, ovvero IAW ha anche un altro significato. Le lettere greche, “I” Iota, “A” Alpha e “W” Omega, possono essere interpretate come “

 

Nei tempi moderni il concetto e il nome di Abraxas appariranno di volta in volta. In modo indiretto, si ritiene che la parola “abracadabra” derivi dagli Abraxas. Nel mondo della psicoanalisi il famoso Carl Gustav Jung mostrò interesse per Abraxas e scrisse un’opera chiamata ” I sette sermoni dei morti “, e lo attribuì a un antico saggio gnostico chiamato Basilide di Alessandria, che era un forte sostenitore di Abraxas. Il romanziere vincitore del premio Nobel Herman Hesse usa Abraxas nel suo romanzo Demian, che esplora i temi del bene e del male. E il famoso chitarrista jazz Carlos Santana ha chiamato un album Abraxas negli anni ’70.

Ultimo ma non meno importante, alcuni pensano che Abraxas sia uno dei molti nomi divini della massoneria, che vengono lentamente introdotti ai massoni di grado superiore mentre avanzano di livello e gradi nascosti della società segreta. Si ritiene che nel cuore della massoneria vi sia una concezione di Dio che comprende il Bene e il Male. Ad un livello i massoni si riferiscono a Dio come GOATU o il Grande Architetto dell’Universo. A un livello più profondo un altro epiteto massonico per Dio è Jahbulon, che è una parola derivata dai nomi di Dio “Jah”, “Baal” e “Osiride”. Si pensa che Jahbulon rappresenti un divino amalgama di luce e oscurità in un modo non così dissimile dall’idea di Abraxas.

Quindi Abraxas è una reliquia storica, portafortuna, simbolo culturale e un’interessante concezione di Dio. Se il vero e genuino risveglio spirituale dei tempi presenti può essere visto come un ritorno allo gnosticismo e alle idee pagane, allora forse Abraxas può fornirci una definizione di Dio per il futuro. Sarà come se Abraxas, lungi dall’essere un’idea dimenticata del passato, fosse davvero una potente e corretta interpretazione di Dio, in attesa che emergesse il momento giusto e che fosse nuovamente conosciuto.

 


Video

Platone – Repubblica- libro III (lettura completa)


Guerra e pace nel pensiero politico di Platone

Nell’antica Grecia, il rapporto tra guerra e pace aveva un significato ambiguo. La guerra era considerata come uno stato normale e la pace era vista solo come un’eccezione o una tregua temporanea durante un conflitto duraturo. Ma anche la pace e la stabilità politica sono state valutate: lo scopo della guerra non è mai stato il totale annientamento dell’avversario. Oltre a questa opposizione, c’era un equilibrio tra guerra e pace in questi tempi e questa concezione, ereditata dai tempi eroici, è durata fino all’inizio della guerra del Peloponneso. Questo evento ha ridefinito il rapporto tra guerra e pace. Il significato del conflitto è passato da polemos, come conflitto codificato tra città, a stasi, come guerra civile. La guerra era meno percepita come qualcosa di positivo e più persone apprezzavano la pace e la stabilità. Il pensiero politico di Platone fu sviluppato in questo contesto come una potenziale risposta a questa ridefinizione del conflitto, nonché alla minaccia di una concezione eccessiva e radicale della guerra. Tuttavia, Platone ha dovuto affrontare una sfida esigente. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori.

introduzione

Platone nacque nel 428/427 a.C. circa e morì nel 348/347 a.C. circa. Era cittadino di Atene ed era un contemporaneo del declino politico e militare di questa città. La causa principale di questo declino fu la guerra del Peloponneso (431-404) tra Atene e i suoi alleati (Lega del Peloponneso) e Sparta e i suoi alleati (Lega Delian). Questo evento cambiò radicalmente la storia di Atene perché la guerra del Peloponneso aveva indebolito irrimediabilmente il potere di Atene causando, all’interno della città, una nuova forma di conflitto chiamata “stasi” (spesso tradotto, in inglese, come “guerra civile”). La principale caratteristica della stasi è la rottura dell’equilibrio tra le diverse parti della città e la porta alla violenza e all’ingiustizia.

Platone fu testimone di gran parte di questi tragici eventi e nelle sue opere (specialmente nella Repubblica e nella Settima Lettera ) è possibile trovare alcune profonde riflessioni sul problema del rapporto tra politica e conflitto. Questa correlazione tra la storia di Atene e la filosofia di Platone è così sorprendente e distintiva che mi porta a porre la seguente domanda: è possibile supporre che Platone abbia cercato, nella sua filosofia, di affrontare alcuni dei problemi più importanti e stimolanti causati dal problemi politici del suo tempo? In altre parole: la filosofia politica di Platone è stata influenzata dal problema della stasi?

Per cercare di rispondere a questa domanda, difenderò la seguente tesi: Platone ha capito che la stasi rappresenta una nuova concezione del conflitto per il sistema politico di Atene e ha sviluppato la sua filosofia politica principalmente per cercare di risolvere questo problema. Più precisamente, mostrerò che la risposta di Platone alla sfida sollevata dalla stasi consiste nell’elaborazione di un nuovo modello politico di città (chiamato kallipolis e descritto nella Repubblica) e nella creazione di una classe di guerrieri chiamati “guardiani” incaricati di impedire che la stasi si ripeta.

Per difendere questa tesi, procederò secondo tre fasi principali. In primo luogo, chiarirò quali erano i principali problemi politici e militari dovuti alla stasi ai tempi di Platone. Quindi, presenterò la risposta di Platone a questi problemi (specialmente nella Repubblica). Infine, mostrerò i limiti delle risposte di Platone al problema della stasi.

La visione di Platone sulla crisi politica di Atene

Il pensiero politico di Platone fu influenzato dai cambiamenti politici verificatisi nel mondo greco tra la fine del V secolo e l’inizio del IV secolo a.C. In questo primo passo, sottolineerò come questi cambiamenti abbiano influenzato profondamente Platone.

La crisi di Atene come preludio alla filosofia politica di Platone

La guerra del Peloponneso e le sue conseguenze ad Atene, regnano i Trenta tiranni, rappresentano un grande divario nella storia di Atene. Da questo punto in poi, la concezione della guerra e della pace nel mondo greco è radicalmente cambiata da quella antica, basata su “polemos” (guerra codificata tra città), a una nuova basata sulla “stasi” (guerra civile).

Nell’antica Grecia la polemos era uno stato normale. Anche se la pace è stata elogiata, è stata concepita come uno stato temporaneo. La guerra, al contrario, era un aspetto normale della vita politica delle città. Polemos permise alle città di guadagnare potere indebolendo altre città, ma seguì una rigida codificazione, avvenendo solo durante una certa parte dell’anno. Polemos non fu una guerra di conquista o di sottomissione perché nessuna città aveva il potere di distruggere totalmente le altre città. I guerrieri dovevano rispettare un certo codice d’onore impedendo loro di schiavizzare gli avversari o saccheggiare i santuari. Per riassumere, questo tipo di conflitto era usato per garantire stabilità tra le città impedendo a una di esse di diventare troppo potente e dominare le altre.

La guerra del Peloponneso sfidò completamente questo modello di polemos e stabilì la stasi come una nuova concezione del conflitto come guerra totale. La stasi non si preoccupa più di mostrare etica o onore militare. Al contrario, si concentra solo sull’annientamento dell’avversario. Questo spostamento è profondamente radicato nei cambiamenti politici avvenuti nel V secolo a.C. In quel momento, Atene sconfisse gli eserciti persiani e stabilì la sua egemonia sulle altre città greche creando la Lega Delian, una coalizione militare controllata da Atene per aumentare il suo potere sulle altre città. Vista la situazione, Sparta, come principale avversario di Atene, dichiarò guerra ad Atene nel 431. Questo fu l’inizio della guerra del Peloponneso, che si concluse nel 404 con la sconfitta di Atene.  Questa guerra fu cruciale nella storia dell’antica Grecia perché, per la prima volta, il conflitto non avvenne tra guerrieri greci e non greci, ma tra i greci. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia.

In solo mezzo secolo, la concezione del conflitto cambiò radicalmente. Il conflitto non riguardava più la lotta contro una minaccia aliena, ma la guerra civile, la guerra tra persone che condividevano la stessa cultura (o, peggio ancora, persone della stessa città). Questo contesto costituisce la base del pensiero politico di Platone e mostra quanto fosse urgente definire una nuova concezione di guerra e pace per Atene al fine di evitare una nuova era di conflitti.

La visione di Platone sulla situazione politica del suo tempo

Platone era un giovane uomo subito dopo la sconfitta ateniese e durante il dominio dei Trenta tiranni. Assistendo a questa tragica era, Platone si rese conto di quanto potesse essere pericolosa la stasi per la città. Da questo, ha iniziato a elaborare le proprie riflessioni su quello che dovrebbe essere il miglior sistema politico per Atene al fine di evitare che eventi così tragici si ripetano. Il nucleo delle sue riflessioni sulle profonde connessioni tra politica, stasi e filosofia si trova nella Settima Lettera. Questa lettera può essere considerata la biografia filosofica di Platone. All’inizio di questa lettera, Platone descrive la sua vita come un giovane nato ad Atene e ci racconta come fosse disgustato dalla successione di diversi regimi politici ad Atene e dal fatto che tutti questi regimi non erano in grado di combattere l’ingiustizia e violenza e, infine,

Quando ero giovane avevo la stessa ambizione di molti altri: pensavo di entrare nella vita pubblica non appena avevo raggiunto la maggiore età. E alcuni avvenimenti negli affari pubblici mi hanno favorito, come segue. La costituzione che allora avevamo, essendo un anatema per molti, fu rovesciata; e fu istituito un nuovo governo composto da cinquantuno uomini, due gruppi – uno su undici e l’altro su dieci – per sorvegliare il mercato e svolgere altri compiti necessari rispettivamente in città e nel Pireo, e sopra di loro trenta altri ufficiali con poteri assoluti. Alcuni di questi uomini erano miei parenti e conoscenti e mi hanno invitato a unirmi a loro in quella che sembrava un’impresa adeguata. Il mio atteggiamento nei loro confronti non è sorprendente, perché ero giovane. Pensavo che avrebbero condotto la città fuori dalla vita ingiusta che stava vivendo e l’avrebbero stabilita sulla strada della giustizia, così che li osservavo con impazienza di vedere cosa avrebbero fatto. Ma mentre li guardavo dimostrarono in breve tempo che la precedente costituzione era stata una cosa preziosa. Tra le altre loro azioni hanno chiamato Socrate, un mio vecchio amico che non dovrei esitare a chiamare l’uomo più giusto di quel tempo, come uno di un gruppo inviato ad arrestare un certo cittadino che doveva essere messo a morte illegalmente, pianificando così rendere Socrate, volenti o nolenti, parte delle loro azioni. Ma ha rifiutato, rischiando il massimo pericolo piuttosto che essere associato nelle loro azioni empie. Quando ho visto tutto questo e altri come cose di non poca conseguenza, sono rimasto sconvolto e mi sono ritirato da quel regno di ingiustizia. Non molto tempo dopo fu rovesciata la regola dei Trenta e con essa l’intera costituzione; e ancora una volta ho sentito il desiderio, sebbene questa volta meno fortemente, di prendere parte agli affari pubblici e politici. Ora, durante quei giorni travagliati accaddero molte cose deplorevoli, e non sorprende che sotto la copertura della rivoluzione si vendicassero troppe vecchie inimicizie; ma in generale quelli che tornarono dall’esilio agirono con grande moderazione. Per caso, tuttavia, alcune persone potenti hanno portato in tribunale questo stesso amico Socrate, preferendo contro di lui un’accusa più spudorata, e che lui, tra tutti gli uomini, meritava di meno. Poiché i pubblici ministeri lo accusarono di empietà, e la giuria lo condannò e mise a morte l’uomo stesso che, nel momento in cui i suoi accusatori erano essi stessi in disgrazia ed esilio, si era rifiutato di partecipare all’arresto ingiusto di uno dei loro amici. Più riflettevo su ciò che stava accadendo, su che tipo di uomini erano attivi in ​​politica, sullo stato delle nostre leggi e dei nostri costumi, e più crescevo, più mi rendevo conto di quanto fosse difficile gestire giustamente gli affari di una città. Perché vidi che era impossibile fare qualsiasi cosa senza amici e fedeli seguaci; e trovare uomini pronti a portata di mano sarebbe stato un vero colpo di fortuna, poiché la nostra città non era più guidata dalle usanze e dalle pratiche dei nostri padri, mentre addestrarne di nuovi era tutt’altro che facile. E la corruzione delle nostre leggi scritte e dei nostri costumi procedeva a una velocità così sorprendente che mentre all’inizio ero stato pieno di zelo per la vita pubblica, quando notai questi cambiamenti e vidi quanto tutto fosse instabile, alla fine divenni abbastanza stordito; e sebbene non smettessi di riflettere su come si potesse ottenere un miglioramento nelle nostre leggi e nell’intera costituzione, tuttavia mi sono trattenuto dall’azione, aspettando il momento giusto (kairos). Alla fine sono giunto alla conclusione che tutti gli stati esistenti sono mal governati e la condizione delle loro leggi praticamente incurabile, senza qualche rimedio miracoloso e l’assistenza della fortuna; e fui costretto a dire, in lode della vera filosofia, che solo dalla sua altezza era possibile discernere quale fosse la natura della giustizia, né nello stato né nell’individuo, e che i mali della razza umana non sarebbero mai finiti fino a quando quelli che sono sinceramente e sinceramente amanti della saggezza entrano nel potere politico, o i governanti delle nostre città, per grazia di Dio (théia moira), imparano la vera filosofia.

In questo estratto, Platone fornisce una chiara testimonianza dei tempi difficili dopo la sconfitta ateniese e di come la democrazia fu sostituita dai Trenta tiranni. Spiega quindi come, alla fine, la democrazia sia stata ripristinata. Ma è più di una semplice testimonianza storica. Invece di descrivere semplicemente i fatti, Platone riflette anche sul modo di trovare un nuovo e migliore sistema politico per Atene. La sua riflessione può essere descritta in base a tre aspetti principali.

Innanzitutto, il pensiero politico di Platone è collegato alla storia. Il suo pensiero non consiste in una riflessione astratta su quello che dovrebbe essere il miglior regime politico in teoria, ma piuttosto nella ricerca di quello che potrebbe essere il miglior regime per Atene in base al contesto storico, politico e militare del suo tempo. Questo spiega perché Platone era, all’inizio, a favore dei Trenta tiranni perché pensava che sarebbero stati migliori del regime democratico che ha portato Atene alla sua perdita. Spiega anche perché Platone si era opposto ai Trenta tiranni dopo aver realizzato che questo regime era molto peggio della democrazia diffondendo la stasi all’interno della città. Ma quando è stata ristabilita la democrazia, questo sistema ha condannato a morte Socrate, portando Platone a ritirarsi da qualsiasi ambizione politica e ad aspettare circostanze migliori.

Questo fatto è strettamente collegato alla definizione di un criterio per il suo progetto politico: la giustizia. Platone non è mosso dall’ambizione egoistica di opportunismo, piuttosto vuole davvero trovare un modo per porre fine ai conflitti che devastano la città. Ogni tentativo di rivoluzione politica dovrà basarsi sulla giustizia come principio normativo in grado di ristabilire la pace all’interno della città. Pertanto, questo principio dovrà essere chiaramente definito e spiegato da Platone.

Il terzo aspetto della riflessione di Platone consiste nell’elaborazione di una serie di concetti filosofici al fine di cercare di risolvere il problema della stasi. Ci sono due concetti principali qui: kairos e théia moira. Kairos può essere definito come l’arte della congiuntura per lo statista. Un’azione politica avrà successo solo se si realizza nel giusto contesto (ad esempio: avere abbastanza persone dalla tua parte per supportarti) e al momento giusto. Tuttavia, è molto difficile trovare tali condizioni perché Platone descrive Atene come “praticamente incurabile”. Gran parte degli statisti e dei cittadini era stata profondamente corrotta dai precedenti regimi politici. Pertanto, per riformare la città, Platone dovrà prima concepire un modello politico in grado di proteggere i cittadini dall’ingiustizia. Ma come può una città corrotta che produce persone corrotte salvarsi da sola senza uomini virtuosi e non corrotti in grado di riformarla? Per far fronte a questa sfida, Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. secondo Platone, grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia per porre fine alla stasi. secondo Platone, grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi.

Questa analisi dell’inizio della Settima Lettera mostra che Platone era completamente consapevole della sfida provocata dalla stasi di Atene e che ha cercato di trovare un modo per ristabilire la pace e la giustizia all’interno della città. Tuttavia, qual è l’esatta concezione di giustizia di Platone? Come può essere posta in atto  questa concezione della giustizia? Per riassumere: la filosofia di Platone è davvero in grado di affrontare la sfida presentata dalla crisi storica e politica del suo tempo?

La “Repubblica” di Platone come risposta al problema della stasi

Nella seconda fase di questo articolo, discuterò la risposta di Platone al problema della stasi nella Repubblica. In primo luogo, mostrerò come viene concepita la stasi nella Repubblica e come Platone intende combatterla. Quindi, sottolineerò alcuni problemi nella risposta di Platone alla stasi.

Stasi nella Repubblica

Nella Repubblica Platone definisce la stasi in opposizione a polemos nel seguente testo:

Mi sembra che dato che abbiamo due nomi, “guerra” (polemos) e “guerra civile” (stasi), quindi ci sono due cose e i nomi si applicano a due tipi di disaccordi che sorgono in esse. Le due cose a cui mi riferisco sono ciò che è proprio e affine, da un lato, e ciò che è estraneo e strano, dall’altro. Il nome “guerra civile” si applica alle ostilità con la propria, mentre la “guerra” si applica alle ostilità con estranei.

Questo è certamente il punto.

Quindi vedi se anche questo è importante: dico che la razza greca è propria e affine, ma è strana ed estranea ai barbari. Giusto.

Quindi quando i greci combattono con i barbari o i barbari con i greci, diremo che sono nemici naturali e che tali ostilità devono essere chiamate guerra. Ma quando i greci combattono con i greci, diremo che sono amici naturali e che in tali circostanze la Grecia è malata e divisa in fazioni e che tali ostilità devono essere chiamate guerra civile. Ad ogni modo, sono d’accordo a pensarla in questo modo.

La posizione di Platone è abbastanza chiara. È accettabile solo la polemica come conflitto tra greci e barbari. La stasi deve essere assolutamente evitata. Tuttavia, Platone non riscrive semplicemente ciò di cui ha già discusso nella settima lettera menzionata in precedenza. Questo testo mostra che l’obiettivo della Repubblica è di sbarazzarsi della stasi proponendo un nuovo modello per l’organizzazione della città. Questo nuovo modello sarebbe quindi in grado di stabilire la giustizia e riportare la pace come un equilibrio armonioso tra le diverse parti della città (perché, al contrario, la stasi è ciò che crea una sorta di disarmonia nella città). Pertanto, per sbarazzarsi della stasi, Platone dovrà determinare come stabilire la giustizia come un giusto equilibrio tra le diverse parti della città.

Platone ha cercato di affrontare questa sfida nella Repubblica (370c) sostenendo che la giustizia all’interno della città può avvenire solo se i cittadini svolgono il compito per cui sono più adatti. In effetti, la giustizia è, per Platone, l’istituzione di un’armonia tra tutte le parti della città. Di conseguenza, Platone divide la città in tre parti in base alle capacità naturali dei suoi cittadini: i sovrani, i guardiani e gli ausiliari. Questo modello si chiama kallipolis. Coloro che appartengono alla classe dei guardiani sono guerrieri e atleti ben addestrati, eccellenti nel padroneggiare le tecniche di combattimento e, soprattutto, completamente dediti a difendere la città dai nemici dall’esterno per garantire giustizia. In altre parole, praticheranno solo polemos e non stasi.

Nel contesto della Repubblica, la soluzione di Platone sembra ambigua. Innanzitutto, è sorprendente affermare di assicurare la pace creando una classe di guerrieri. Quindi, Platone sembra raffigurare questi guardiani secondo standard che non esistono più ai suoi tempi. Paragona anche questi guerrieri agli eroi dei tempi arcaici e omerici. In questo senso, Platone vuole davvero provare a risolvere i problemi politici e militari del suo tempo? O preferisce riutilizzare una vecchia e forse obsoleta concezione di guerra e guerrieri?

Le ambiguità della risposta di Platone alla stasi

L’ipotesi di Platone di evitare la stasi creando una classe di cittadini dedicata alla difesa della città è sconcertante perché è collegata a riferimenti e codici, che sembrano essere obsoleti all’inizio del IV secolo a.C. Per sostenere questa obiezione, diamo un’occhiata all’antica storia greca. Secondo Claude Mossé, il tempo di Platone era caratterizzato dall’estensione dei compiti militari alle classi inferiori di cittadini e dal crescente significato della guerra navale. In effetti, la guerra all’inizio del IV secolo a.C. non era più il privilegio di pochi cittadini o un modo per gli uomini di dimostrare le proprie capacità, ma piuttosto un modo per la città di stabilire il proprio dominio sui suoi nemici. Questo cambiamento coincide con l’ascesa della guerra navale nel mondo greco e la mobilitazione dei cittadini più poveri durante i conflitti (ad esempio, i cittadini più poveri furono incatenati nelle galere). Al contrario, non esiste tale fenomeno nella Repubblica di Platone. La guerra non è per tutti ma solo per i guardiani che dimostrano le migliori qualità per questo.

Inoltre, Platone si riferisce alla tradizione omerica per descrivere questi guardiani. Ad esempio, Platone confronta gli onori dati ai guardiani con quelli assegnati ad Achille nell’Iliade (VII, 321–322):

In effetti, anche secondo Omero, è giusto onorare in tal modo quei giovani che sono buoni, perché dice che l’Ajax, quando si è distinto nella battaglia, “è stato premiato con il lungo taglio della spina dorsale”. E questo è un onore appropriato per un giovane coraggioso, dal momento che lo onorerà e aumenterà la sua forza.

In effetti, è possibile pensare che Platone, invece di cercare di creare un nuovo modello di guerriero in grado di affrontare i problemi di stasi contemporanei, preferisca fare riferimento a vecchi modelli potenzialmente obsoleti nella guerra post-Peloponnesiana ad Atene.

Per riassumere, Platone, al fine di risolvere il problema della stasi, suggerisce una soluzione altamente discutibile perché è profondamente radicata nelle concezioni antiche e potenzialmente obsolete della guerra. Questo fatto è cruciale perché riguarda la capacità della filosofia di Platone di affrontare il problema della stasi. Platone ha fallito? O è possibile trovare un modo per spiegare la sua scelta nella Repubblica? Vediamo come è possibile difendere la posizione di Platone.

Forza e debolezza della posizione di Platone sulla stasi

Anche se Platone era davvero bravo a osservare e descrivere la situazione storica del suo tempo, il suo piano per riformare Atene è discutibile poiché usa modelli di un’epoca passata. Tuttavia, è possibile trovare un modo per spiegare la posizione di Platone?

Un’eredità omerica e arcaica fu identificata nella concezione della guerra di Platone nella Repubblica. Tuttavia, alcune parti di questo dialogo mostrano che Platone non è pienamente a favore di questo retaggio ed è per questo che la sua posizione deve essere attentamente analizzata. Ci sono alcuni indizi nel dialogo che mostrano che il riferimento di Platone alla tradizione omerica e arcaica non è incondizionato.

In primo luogo, Platone ha, soprattutto nel secondo e nel terzo libro della Repubblica, un atteggiamento molto critico nei confronti della tradizione omerica. Ad esempio, quando Socrate e i suoi compagni esaminano che tipo di modelli dovrebbero essere usati per l’educazione dei bambini, condannano la tradizione omerica perché mostra uomini che agiscono da codardi o mancano di coraggio (387d-388d). È facile capire che tali modelli non possono essere usati per crescere i bambini che diventeranno i guardiani della città. Pertanto, il riferimento di Platone alla tradizione omerica deve essere considerato attentamente. Certamente, i guardiani sono paragonati agli eroi omerici e condividono valori con i guerrieri dei tempi omerici, ma non sono essi stessi guerrieri omerici.

Quindi, c’è un altro indizio che mostra che Platone è piuttosto critico nei confronti della tradizione omerica e arcaica: gli eroi di Omero e i guardiani di Platone non condividono le stesse motivazioni. I guerrieri omerici sono motivati ​​dai kléos. Kléos è un elemento importante del codice eroico omerico. Rappresenta la reputazione di coraggio e coraggio che il guerriero mira a ottenere esponendo la sua vita al pericolo sul campo di battaglia.  È essenzialmente un fenomeno individuale. Kléos è l’onore supremo che un guerriero può ottenere. Il guerriero combatte per il proprio orgoglio, per se stesso e non per la comunità. Al contrario, nella Repubblica di Platone, i guardiani vivono in comunità e il loro compito è quello di mantenere l’equilibrio, la pace e la felicità all’interno delle diverse parti della città, come affermato da Socrate nel seguente estratto:

Nell’istituire la nostra città, non miriamo a rendere tutti i gruppi straordinariamente felici, ma a rendere l’intera città così, per quanto possibile. Pensavamo che avremmo trovato la giustizia più facilmente in una città del genere e un’ingiustizia, al contrario, in quella che è governata peggio e che, osservando entrambe le città, saremmo stati in grado di giudicare la domanda in cui ci eravamo posti per così tanto tempo. Ci prendiamo, quindi, di modellare la città felice, non di scegliere alcune persone felici e di inserirle, ma di rendere felice l’intera città.

Il progetto Platonico mira a stabilire la felicità nella città attraverso la giustizia e non a valorizzare l’orgoglio individuale o il kléos. Più in generale, Platone non si riferisce alla tradizione omerica in modo nostalgico o ingenuo. I guardiani si dedicano alla difesa della città contro il dissenso interno (stasi) e i nemici dall’esterno (polémos). Creando una tale classe militare, l’obiettivo di Platone non era quello di valorizzare la guerra e il conflitto per se stessi, ma solo di rispondere a un problema del suo tempo: il pericolo della stasi. Ma perché Platone ha scelto di fare riferimento alla tradizione omerica se è anche abbastanza critico nei suoi confronti? Secondo me, Platone si riferisce alla tradizione omerica più per rendere comprensibile la sua opinione al più vasto pubblico che per rendere un omaggio incondizionato e ingenuo a Omero. È un modo per mantenere un continuum tra i vecchi modelli e i nuovi modelli che vuole creare. Platone è consapevole che qualsiasi tentativo di brutale rivoluzione in città porterà al disastro proprio come hanno fatto i Trenta Tiranni. Ripristinare la pace e l’equilibrio all’interno della città è possibile solo attraverso le riforme, e non la guerra, poiché Platone avverte chiunque sia disposto a cambiare la città attraverso una rivoluzione Settima lettera :

Lascia che non usi la violenza sulla sua patria per provocare un cambio di costituzione. Se ciò che ritiene migliore può essere realizzato solo dall’esilio e dal massacro degli uomini, lascia che mantenga la sua pace e prega per il benessere di se stesso e della sua città.

La filosofia politica di Platone qui è profondamente connessa ai problemi del suo tempo. Sicuramente, la guerra del Peloponneso e le sue conseguenze, il regime dei Trenta Tiranni, furono catastrofiche per Atene. Tuttavia, forzare le persone a un cambio di regime, anche se questo regime è teoricamente migliore, porterà senza dubbio al disastro e al caos.

Conclusione

In questo documento, ho cercato di mostrare come Platone avesse preso in considerazione il problema della stasi e abbia cercato di risolverlo nella sua filosofia politica.

Per raggiungere questo obiettivo, Platone ha sviluppato un nuovo modello di città (la kallipolis) basato su una rigida divisione dei compiti tra tre principali categorie di cittadini che dovrebbero garantire giustizia all’interno della città. Una di queste categorie, i guardiani, era dedicata alla difesa della città e al mantenimento della pace e della giustizia.

Tuttavia, la definizione di questa classe di guardiani era ampiamente basata su una tradizione e un retaggio omerici e arcaici. Questo aspetto è problematico e contraddittorio. Come è possibile per Platone cercare di risolvere un problema causato dalle circostanze storiche del suo tempo riutilizzando valori ed esempi relativi a un’epoca passata? La chiave è che Platone si riferisce a una vecchia tradizione per discutere del suo progetto politico e non elogia incondizionatamente i valori obsoleti. Al contrario, cerca di stabilire un continuum tra i tempi antichi e contemporanei. Proporre tale soluzione altrove sarebbe stato fatale per il suo progetto di rinnovamento del sistema politico di Atene e sarebbe stato un fallimento per il suo desiderio di stabilire la pace e la felicità in città.


Video

Platone – Repubblica – libro II (lettura completa)


The Freewheelin ‘Bob Dylan

L’album The Freewheelin ‘Bob Dylan,  pubblicato nel 1963, servì da catalizzatore distinto per il cambiamento nel movimento per i diritti civili e il movimento contro la guerra contro il Vietnam. All’interno del disco, le canzoni “Blowin ‘in the Wind” e “Masters of War” sono diventati  inni rinomati per la pace e l’uguaglianza per il pianeta. Sfortunatamente, tra questi brani famosi una delle parti più importanti della registrazione LP ha ricevuto poca attenzione. The Freewheelin ‘Bob Dylan contiene non solo una raccolta di potenti canzoni di protesta, ma anche l’album di registrazione fisica e la copertina aggiungono significato e profondità all’opera grazie all’immagine ritratta  e alle descrizioni dettagliate di Bob Dylan sulla musica descritta sul retro.

La copertina anteriore offre una fotografia di Bob Dylan e della sua ragazza all’epoca, Suze Rotolo, rannicchiati insieme mentre camminano lungo una strada cittadina al freddo. Questa semplice e silenziosa immagine riflette le idee dei testi e nel suono di Dylan – una scossa urgente verso la pace e l’amore e lontano dalla guerra e dai conflitti – che prevalgono in questa raccolta di canzoni. L’immagine visiva di questa copertina dà il tono alla musica contenuta all’interno. La qualità e il significato dell’album e delle canzoni diventano più chiari e l’immagine migliora il messaggio di Dylan dando all’ascoltatore un’immagine visiva dello scrittore in pace con se stesso.

 

l dettaglio e il significato aggiuntivi forniti dal commento e dalle immagini sulla copertina di The Freewheelin ‘Bob Dylan danno una concretezza e un significato più profondo all’album.La copertina posteriore  offre una raccolta di informazioni dettagliate, con paragrafi che descrivono segmenti del testo di ogni canzone, il perché Dylan ha scritto la canzone, da dove proviene la sua ispirazione per la canzone, il quando ha scritto la canzone o ciò che intende esprimere nella canzone. La vera passione di Dylan per il movimento per i diritti civili e il suo odio per la guerra in Vietnam sono amplificati dal suo commento. Le sue canzoni protestano contro la guerra e sostengono i diritti civili in modo “onnipresente” e “inafferrabile”, quindi questa informazione rende più chiaro il lavoro .Ad esempio, Dylan descrive la sua canzone “Masters of War” come una “canzone di sciopero, una reazione all’ultima goccia, una sensazione di cosa puoi fare?” La prospettiva di Dylan consente al lettore di comprendere le proprie emozioni, motivazioni e reazioni agli eventi del suo tempo. Dichiara che generalmente “non canta canzoni che sperano che la gente muoia, ma non potrei farne a meno in questo.” La combinazione della sua descrizione dell’intenzione di “Masters of War” e la confessione della sua rabbia danno alla canzone uno sfondo che potrebbe non essere stato stabilito solo dai testi per l’ascoltatore. Inoltre, Dylan afferma sulla descrizione di “Blowin ‘In the Wind”, “Ho solo 21 anni e so che ci sono state troppe guerre”. Ciò consente all’ascoltatore di comprendere più profondamente le idee di Dylan a causa dell’espansione dei testi che dà. “Blowin ‘in the Wind” diventa un’affermazione personale con un’intenzione specifica piuttosto che una canzone popolare alla radio. Il disco è una parte preziosa della fonte primaria perché rende l’album più profondo di una semplice registrazione fornendo la prospettiva e l’intuizione che Dylan aveva scritto l’album.


Video

Platone – Repubblica Libro I (lettura completa)


Video

La dittatura Europea spiegata bene


George Harrison – All Things Must Pass

 “Il popolo indiano ha una straordinaria forza spirituale che non credo si trovi altrove. Lo spirito del popolo, la bellezza, la bontà – è quello che ho cercato di imparare “.

George Harrison

Ispirato alla poesia in “Preghiere psichedeliche dopo il Tao Te Ching” di Timothy Leary (1966), “All Things Must Pass” trae il suo potere dalla natura in contrapposizione con la natura fugace della nostra esistenza. Come canta Harrison, “L’alba non dura tutta la mattina / Lo scoppio di una nuvola non dura tutto il giorno”, ricordandoci delle qualità speranzose ed effimere della vita quasi nello stesso respiro. In questi giorni di confino e preoccupazione, è difficile immaginare una canzone più appropriata per condurci fuori dal nostro deserto contemporaneo. Il bello è che le canzoni vincono ancora il giorno. Gli strati di strumenti e riverbero li avvolgono in una nebbia atmosferica che è perfetta per i testi fortemente spirituali di Harrison.

Harrison aveva una grande affinità con l’India. Nel 1966, viaggiò in India per studiare il sitar con Pandit Ravi Shankar . Alla ricerca della liberazione sociale e personale, incontrò Maharishi Mahesh Yogi, che lo spinse a rinunciare all’LSD e ad iniziare la meditazione. Nell’estate del 1969, i Beatles produssero il singolo ” Hare Krishna Mantra “, interpretato da Harrison e dai devoti del Tempio di Radha-Krishna, a Londra, in cima alle 10 classifiche più vendute in Gran Bretagna, Europa e Asia. Lo stesso anno, lui e il collega Beatle John Lennon incontrarono Swami Prabhupada , il fondatore del movimento globale Hare Krishna, a Tittenhurst Park, in Inghilterra. Questa introduzione fu per Harrison “come una porta aperta da qualche parte nel mio subconscio, forse da una vita precedente”.

Poco dopo, Harrison abbracciò la tradizione di Hare Krishna e rimase un devoto in borghese

Il mantra Hare Krishna, che secondo Harrison non è altro che “energia mistica racchiusa in una struttura solida”, divenne parte integrante della sua vita. Harrison una volta disse: “Immagina tutti i lavoratori della catena di montaggio Ford a Detroit, tutti cantano Hare Krishna Hare Krishna mentre si scagliano sulle ruote …”

Harrison ha ricordato come lui e Lennon continuavano a cantare il mantra mentre navigavano attraverso le isole greche, “perché non potevi fermarti una volta che avessi iniziato … Era come appena ti fermi, era come se le luci si fossero spente”. Più tardi in un’intervista con il devoto di Krishna Mukunda Goswami ha spiegato come il canto aiuta a identificarsi con l’Onnipotente: “Tutta la felicità, tutta la beatitudine di Dio, e cantando i Suoi nomi ci colleghiamo con Lui. Quindi è davvero un processo per avere effettivamente una realizzazione di Dio , che diventa tutto chiaro con lo stato di coscienza espanso che si sviluppa quando canti. Diventò vegetariano. Come  disse: “In realtà, mi sono svegliato e mi sono assicurato di avere una zuppa di fagioli dal o qualcosa del giorno”.

Voleva incontrare Dio faccia a faccia

Nell’introduzione Harrison ha scritto per il libro di Swami Prabhupada  Krsna , dice: “Se c’è un Dio, voglio vederlo. È inutile credere in qualcosa senza prove, e la coscienza e la meditazione di Krishna sono metodi in cui puoi effettivamente ottenere la percezione di Dio. In questo modo, puoi vedere, ascoltare e giocare con Dio. Forse può sembrare strano, ma Dio è davvero lì vicino a te.”

Mentre affronta quello che chiama “uno dei nostri problemi perenni, se esiste effettivamente un Dio”, Harrison scrisse: “Dal punto di vista indù ogni anima è divina. Tutte le religioni sono rami di un grande albero. Non importa quale Lo chiami finché lo chiami. Proprio come le immagini cinematografiche sembrano essere reali ma sono solo combinazioni di luci e ombre, così la varietà universale è un delirio. Le sfere planetarie, con le loro innumerevoli forme di vita, non sono altro che figure in un film cosmico. I suoi valori sono profondamente cambiati quando è finalmente convinto che la creazione è solo un vasto film e che non è, ma al di là, la sua realtà ultima “.

Gli album di Harrison  The Hare Krishna Mantra ,  My Sweet Lord ,  All Things Must Pass ,  Living in the Material World  e  Chants of India  sono stati tutti influenzati in larga misura dalla filosofia Hare Krishna. La sua canzone “Awaiting on You All” parla di  japa -yoga. La canzone “Living in the Material World”, che termina con la frase “Devo uscire da questo posto per grazia del Signore Sri Krishna, la mia salvezza dal mondo materiale” è stata influenzata da Swami Prabhupada. “Quello che ho perso” dall’album  Somewhere in England  è direttamente ispirato alla  Bhagavad Gita .  (2000), Harrison ha ri-registrato il suo inno alla pace, all’amore e Hare Krishna, “My Sweet Lord”, che ha scalato le classifiche americana e britannica nel 1971. Qui, Harrison voleva dimostrare che “Alleluja”e Hare Krishna hanno contenuti  simili.”

L’eredità di Harrison

George Harrison morì il 29 novembre 2001, all’età di 58 anni. Le immagini di Lord Rama  e Lord  Krishna  erano accanto al suo letto mentre moriva in mezzo ai canti e alle preghiere. Harrison ha lasciato 20 milioni di sterline inglesi per la International Society for Krishna Consciousness ( ISKCON ). Harrison desiderava che il suo corpo terreno fosse cremato e le ceneri immerse nel Gange, vicino alla santa città indiana di  Varanasi .

Harrison credeva fermamente che “la vita sulla Terra non è che una fugace illusione contornata tra vite passate e future al di là della realtà fisica dei mortali”. Parlando della reincarnazione nel 1968, disse: ”  Continui a reincarnarti fino a raggiungere la Verità reale. Il  Paradiso e l’Inferno sono solo uno stato d’animo. Siamo tutti qui per diventare simili a Cristo. Il mondo reale è un’illusione”.


Audiolibro- George Orwell- La fattoria degli animali- Capitolo 10


Riflessioni sulla libertà e legislazione nelle leggi di Platone

Sviluppo e difendo una nuova interpretazione della legislazione nell’opera finale di Platone, le leggi. Platone sottolinea il libero status dei cittadini, affermando che l’ideale appropriato per una comunità politica composta da individui liberi è la deferenza volontaria alla legge. Esamino l’affermazione di Platone secondo cui, al fine di legiferare in conformità con questo libero status, il legislatore dovrebbe allegare preamboli alle leggi, spesso chiamati preludi legali. Critico due punti di vista importanti sullo scopo dei preludi: uno che sostiene che il loro scopo è quello di rendere saggi i singoli cittadini attraverso la persuasione razionale, e uno che sostiene che il loro obiettivo è quello di produrre conformità con mezzi non razionali. Sostengo che entrambi questi punti di vista hanno trascurato l’importante collegamento tra l’uso dei preludi e il loro scopo dichiarato, che è quello di considerare l’ascoltatore come libero. Anziché, Difendo la mia visione del loro scopo: i preludi promuovono la volontaria obbedienza alle leggi sulla base della loro saggezza, sebbene non influenzino la comprensione delle ragioni alla base della legge. Se interpretati in questo modo, i preludi legali dimostrano una preoccupazione per il tipo di libertà disponibile per i cittadini ai sensi della legge. Il valore di questa libertà non è riducibile all’obiettivo del legislatore di promuovere il benessere dei singoli cittadini attraverso una regola intelligente, sebbene il valore della libertà sia subordinato a una regola intelligente. L’interpretazione che difendo rappresenta quindi una nuova teoria di come un ordine giuridico coercitivo possa mirare sia alla felicità che alla libertà dei cittadini. Se interpretati in questo modo, i preludi legali dimostrano una preoccupazione per il tipo di libertà disponibile per i cittadini ai sensi della legge. Il valore di questa libertà non è riducibile all’obiettivo del legislatore di promuovere il benessere dei singoli cittadini attraverso una regola intelligente, sebbene il valore della libertà sia subordinato a una regola intelligente. L’interpretazione che difendo rappresenta quindi una nuova teoria di come un ordine giuridico coercitivo possa mirare sia alla felicità che alla libertà dei cittadini. Se interpretati in questo modo, i preludi legali dimostrano una preoccupazione per il tipo di libertà disponibile per i cittadini ai sensi della legge. Il valore di questa libertà non è riducibile all’obiettivo del legislatore di promuovere il benessere dei singoli cittadini attraverso una regola intelligente, sebbene il valore della libertà sia subordinato a una regola intelligente. L’interpretazione che difendo rappresenta quindi una nuova teoria di come un ordine giuridico coercitivo possa mirare sia alla felicità che alla libertà dei cittadini.

L’idea di Platone di democrazia che fu concettualizzata intorno al 300 a.C. è abbastanza diversa dalla comprensione attuale della democrazia. Secondo Platone, la democrazia ha origine “quando i poveri vincono, uccidono o esiliano i loro avversari e danno agli altri pari diritti civili e opportunità di carica, con la nomina a carica di regola a sorte” (Platone, p. 292). In altre parole, per Platone solo i re filosofi avevano il diritto di governare una società e a parte loro la gente comune veniva percepita come barbara e non degna di governare. La percezione di Platone della democrazia era modellata dal suo background aristocratico. Per lui solo l’élite che era descritta come “oro” aveva il diritto di governare le persone normali che secondo Platone erano destinate a essere governate. Nella parola Platone, l’elite è una persona che nasce con la capacità e l’abilità di essere “oro”.

Platone credeva che chiunque non avesse doni eccezionali non potesse diventare un uomo buono se non fosse stato educato fin dall’infanzia in un buon ambiente e addestrato in buone abitudini. Platone afferma che “la democrazia con un gesto complicato spazza via tutto questo” (Platone, p. 294) e non si preoccupa di quali siano le abitudini e il background del suo politico; purché si professino amici della gente, vengono debitamente elogiati.

Le ragioni principali per cui Platone non vuole che le persone siano al potere sono le seguenti: in primo luogo, afferma che “le persone sono libere, c’è libertà e libertà di parola in abbondanza e ogni individuo è libero di fare ciò che gli piace” (Platone , p 295). Pertanto, le persone abuseranno della massima libertà e questo porterà lo stato al caos e all’instabilità. Platone si riferisce alla democrazia come “una forma anarchica piacevole della società” (Platone, p. 294) con molta varietà, che considera tutte le persone uguali, siano o meno uguali. In una società anarchica non c’è protezione dei diritti fondamentali delle persone e del caos completo. In una tale società senza legge e ordine, la violenza dilagerebbe e porterebbe inevitabilmente all’oppressione e alla tirannia.

In secondo luogo, dal punto di vista di Platone, una società democratica è un luogo di “caccia alla costituzione” in cui sono disponibili una moltitudine di costituzioni basate sugli interessi degli individui. Platone dice “è un negozio in cui si trovano molti modelli da mostrare” (Platone, p. 293). Nella parola di Platone, modello significa costituzioni intendono le leggi che le persone hanno creato da sole e che usano in base ai propri interessi. Mette in guardia dal lasciare le persone con i propri interessi. Pertanto, possiamo concludere che secondo Platone alla fine porta all’anarchia e alla tirannia in uno stato. In una società anarchica non esiste una legge e la persona potente è il leader. Ha la sua legge e la accoglie sulle persone. Fa “ciò che gli piace di più” e diventa un tiranno. Per evitare che una società diventi anarchia, dovremmo avere una regolamentazione su quella società.

Penso che ci sia bisogno di regolamentazione all’interno dello stato di diritto in una società democratica, ma Platone lo definisce in modo diverso. Secondo me, ogni cittadino di uno stato ha uguali diritti e responsabilità nei confronti del suo paese, simili alla parte d’élite (re filosofo) della società. Nella democrazia contemporanea, a differenza del tempo di Platone, l’intero potere appartiene alle persone. Tuttavia, Platone vuole che lo stato sia governato solo dal “re filosofo”, quindi negando i diritti di altri cittadini dello stato; questo rappresenta il nodo sul quale pensare  in riferimento all’idea di democrazia contemporanea.


Audiolibro- George Orwell- La fattoria degli animali- capitolo 9


Audiolibro- George Orwell- La fattoria degli animali- Capitolo 8