“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “New York

Genesis – The Lamb Lies Down On Broadway

Rael

Tieni le dita fuori dal mio occhio. Mentre scrivo mi piace dare un’occhiata alle farfalle in vetro che sono tutte intorno alle pareti. Le persone in memoria sono bloccate su eventi che non riesco a ricordare troppo bene, ma ne scrivo uno per vederlo spezzare, decomporre e nutrire un altro tipo di vita. Quello in questione è tutto materiale completamente biodegradabile e classificato come “Rael”. Rael mi odia, mi piace Rael, sì, anche gli struzzi hanno dei sentimenti, ma la nostra relazione è qualcosa con cui entrambi stiamo imparando a convivere. A Rael piace divertirsi, a me piace una buona rima, ma non mi vedrai più direttamente – odia il mio essere in giro. Quindi se la sua storia non regge, potrei dare una mano, capisci? (cioè la rima è pianificata, manichini).

 

L’ago tremolante salta in rosso. New York striscia fuori dal suo letto. Agli ospiti stanchi viene chiesto di lasciare il calore del teatro per tutta la notte, dopo aver dormito in immagini che altri sognano solo. Gli extra non pagati disturbano Sleeping Broadway. CAMMINARE a sinistra NON CAMMINARE a destra: a Broadway le indicazioni non sembrano così luminose. Gli fantasmi automatici mantengono il ritmo della prima gara mobile del tassista.

 

Basta questo: il nostro eroe sta salendo le scale della metropolitana alla luce del giorno. Sotto la sua giacca di pelle tiene una pistola a spruzzo che ha lasciato il messaggio RAEL a grandi lettere sul muro che porta sottoterra. Potrebbe non significare molto per te, ma per Rael fa parte del processo diretto a “farsi un nome per sè”. Quando non sei nemmeno un portoricano di razza pura, il gioco si fa duro e la crudezza avanza.

 

Con occhiate casuali lungo la strada bagnata, controlla il movimento nel vapore per cercare potenziali ostruzioni. Non vedendo nessuno, cammina lungo il marciapiede, oltre la farmacia con la protezione di ferro che viene rimossa per rivelare il sorriso della ragazza del dentifricio, oltre le signore della notte e il poliziotto Frank Leonowich (48 anni, sposato, due bambini) che si trova sulla soglia della parrucca -memorizzare. Il poliziotto Leonowich guarda Rael più o meno allo stesso modo in cui gli altri colleghi lo guardano, e Rael nasconde solo le sue intenzioni. Nel frattempo da una nuvola si cala un agnello. Questo agnello non ha nulla a che fare con Rael o con qualsiasi altro agnello: si sdraia a Broadway.

 

Il cielo è nuvoloso e quando Rael guarda indietro una nuvola scura sta scendendo come un pallone in Times Square. Si appoggia sul terreno e si modella in una superficie piana dai bordi duri, che si solidifica e si estende fino a est e ovest lungo la 47a strada e raggiungendo il cielo scuro. Man mano che il muro prende tensione diventa uno schermo che mostra ciò che era esistito in tre dimensioni, dall’altro lato solo un momento prima. L’immagine tremola e poi si incrina come l’argilla dipinta e il muro si muove silenziosamente in avanti, assorbendo tutto sul suo cammino. Gli ignari newyorkesi sono apparentemente ciechi rispetto a ciò che sta accadendo.

 

Rael inizia a scappare verso Columbus Circle. Ogni volta che osa dare un’occhiata, il muro ha spostato un altro blocco. Nel momento in cui pensa di mantenere la distanza dal muro, il vento soffia forte e il freddo rallenta la sua velocità. Il vento aumenta, asciuga la strada bagnata e raccoglie la polvere dalla superficie, gettandola in faccia a Rael. Sempre più sporco viene fatto esplodere e inizia a depositarsi sulla pelle e sui vestiti di Rael, creando un solido cappotto a strati che lo porta gradualmente a una calma terrorizzata. Un’anatra seduta.

 

Il momento dell’impatto esplode attraverso il silenzio e in un rombo di suoni, l’ultimo secondo si prolunga in un mondo di echi come se il cemento e l’argilla di Broadway stessi stessero rivivendo i suoi ricordi. L’ultima grande marcia passata. Newsman è inerte come un piagnucolio mentre il pubblico e l’evento sono bloccati come uno. Bing Crosby coos “Non devi provare dolore per cantare il blues, non devi holla – non senti nulla nel tuo colletto da un dollaro.” Martin Luther King piange “Tutti cantano!” e suona la grande vecchia campana della libertà. Leary, stanco della sua cella di prigione, cammina in paradiso, parla all’inferno. JFK dà l’OK per spararci, sorseggiando Orange Julius e Lemon Brutus. Mazzi double cowboy dal petto nudo il triplo campione. Chi ha bisogno di Medicare e della tariffa forfettaria 35c, quando Fred Astaire e Ginger Rogers stanno ballando per aria? Dagli stereotipi di Broadway Melody la band ritorna su “Stars and Stripes” portando una lacrima al chiaro di luna, che sta riversando il suo spirito dall’ancora illegale. Il mediatore di pegni cancella la cassa rumorosa e stringe la sua fortunata banconota da un dollaro. Quindi il blackout.

 

Rael riacquista conoscenza in una penombra muschiata. È caldamente avvolto in una specie di bozzolo. L’unico suono che riesce a sentire è l’acqua gocciolante che sembra essere la fonte di una pallida luce tremolante. Immagina di trovarsi in una specie di grotta – o tomba terrificante, o catacomba, o guscio d’uovo in attesa di cadere dall’osso dell’utero. Qualunque cosa sia, si sente sereno, molto pulito e contento come un manichino ben tenuto con acqua calda nella sua pancia, quindi perché preoccuparsi di cosa significhi? Rassegnandosi all’ignoto, si addormenta.

 

Si sveglia con un sudore freddo con un forte bisogno di vomitare. Non c’è traccia del bozzolo e può vedere più della caverna attorno a lui. C’è molta più acqua luminosa che gocciola dal tetto e stalattiti e stalagmiti si formano e si decompongono ad un ritmo allarmante intorno a lui. Mentre la paura e lo shock si registrano, si assicura che l’autocontrollo fornirà un po ‘di sicurezza, ma questo pensiero viene abbandonato mentre le stalattiti e le stalagmiti si bloccano in una posizione fissa, formando una gabbia le cui sbarre si muovono verso di lui. Ad un certo momento c’è un lampo di luce e vede un’infinita rete di gabbie legate tutte insieme da un materiale simile a una corda. Mentre le sbarre rocciose si spingono sul corpo di Rael, vede fuori suo fratello John, che lo guarda. La faccia di John è immobile nonostante le grida di aiuto, ma nella sua espressione vacua si forma una lacrima di sangue che gli scorre lungo la guancia. Quindi si allontana con calma lasciando Rael ad affrontare i dolori che stanno iniziando a spazzare attraverso il suo corpo. Tuttavia, proprio mentre John esce di vista, la gabbia si dissolve e Rael viene lasciato girare come una cima.

 

Quando tutta questa rivoluzione è finita, si siede su un pavimento molto lucido mentre le sue vertigini svaniscono. È un corridoio vuoto e moderno e la commessa dei sogni è seduta al banco della reception. Senza spingerla a fare il suo rap: “Questa è la Grand Parade of Lifeless Packaging, quelli che stai per vedere sono tutti disponibili per la manutenzione, tranne una piccola quantità del nostro nuovo prodotto, nella seconda galleria. È tutto lo stock necessario per coprire le disposizioni esistenti dell’impresa. Diversi lotti sono distribuiti agli operatori dell’area e ci sono molte opportunità per il grande investitore. Si estendono dalle costose cure condizionate al più ragionevole mal nutrito. Scopriamo qui che gli sguardi di tutti diventano loro. Tranne il mercato mal nutrito, a ciascuno viene fornita una garanzia per un parto di successo e un’infanzia senza problemi. Esiste tuttavia solo una piccola quantità di potenziale di scelta variabile, non troppo lontano dal differenziale medio. Vedete, il tetto ha predeterminato i limiti di azione di qualsiasi gruppo di pacchetti, ma gli individui possono spostarsi dal percorso se i loro diversivi sono controbilanciati da altri.

 

Mentre vaga lungo la fila di pacchi, Rael nota una familiarità in alcuni dei loro volti. Alla fine si imbatte in alcuni membri della sua vecchia banda e si preoccupa della propria sicurezza. Scappando attraverso il pavimento della fabbrica, vede suo fratello John con un numero 9 impresso sulla fronte.

 

Nessuno sembra intraprendere l’inseguimento, e con i volti familiari freschi nella sua mente si trasferisce in una ricostruzione della sua vecchia vita, fuori terra – Troppo tempo era una cosa di cui non aveva bisogno, quindi era solito tagliare con un po ‘di velocità. Era meglio morto, piuttosto che lento nella testa. Sua mamma e la sua poppa si erano fatte un giro sulla schiena, quindi se ne andò molto rapidamente per unirsi a The Pack. Solo dopo un incantesimo nel riformatorio di Pontiac gli fu dato alcun rispetto nella banda. Ora, tornando a casa dopo un’incursione, stava stringendo a sé un istrice addormentato. Quella notte immaginò la rimozione del suo cuore peloso e con l’accompagnamento di musica molto romantica lo vide rasato liscio da un anonimo rasoio di acciaio inossidabile. L’organo rosso ciliegia palpitante fu riportato al suo posto legittimo e cominciò a battere più veloce mentre guidava il nostro eroe, contando il tempo,

 

Ritorna dai suoi ricordi confusi al passaggio in cui era precedentemente bloccato. Questa volta scopre un lungo corridoio coperto da tappeti. Le pareti sono dipinte di rosso ocra e sono contrassegnate da strane insegne, alcune sembrano un occhio di bue, altre di uccelli e barche. Più in basso nel corridoio, può vedere alcune persone; tutti in ginocchio. Con sospiri e mormori rotti, lottano, al rallentatore, verso la fine di una porta di legno. Avendo visto solo i corpi inanimati nella Grand Parade of Lifeless Packaging, Rael si precipita a parlare con loro.

 

“Cosa sta succedendo?” chiede piangendo a un monaco borbottante, che nasconde uno sbadiglio e risponde “È ancora molto prima dell’alba.” Un cingolato simile a una sfinge chiama il suo nome dicendo: “Non chiederlo, il monaco è ubriaco. Ognuno di noi sta cercando di raggiungere la cima delle scale, una via d’uscita ci attenderà lì. ” Non chiedendo come può muoversi liberamente, il nostro eroe attraversa audacemente la porta. Dietro un tavolo carico di cibo c’è una scala a chiocciola che sale nel soffitto.

 

In cima alle scale trova una camera. È quasi un emisfero con moltissime porte tutt’intorno alla sua circonferenza. C’è una grande folla, rannicchiata in vari gruppi. Dalle urla, Rael scopre che ci sono 32 porte, ma solo una che conduce fuori. Le loro voci diventano sempre più forti fino a quando Rael urla “Stai zitto!” C’è un momento di silenzio e poi Rael si concentra mentre indirizzano i loro consigli e i loro comandi alla nuova recluta trovata. Alimentato con la spazzatura, alimentato con la cenere, il maestro del puzzle deve muoversi più velocemente. Rael vede un angolo tranquillo e vi si precipita. Sta accanto a una donna di mezza età, con una pelle molto pallida che parla tranquillamente con se stessa. Scopre che è cieca e chiede una guida. “A che serve una guida se non hai un posto dove andare” chiede Rael. “Ho un posto dove andare”, risponde “se mi porti attraverso il rumore, Ti mostrerò. Sono una creatura delle caverne e seguo il modo in cui soffiano le brezze. ”

 

La conduce dall’altra parte della stanza e lasciano la folla, che congedano la loro partenza per non riuscire. Quando attraverso la porta, la donna conduce Rael lungo il tunnel. La luce della camera presto svanisce e, nonostante il suo passo sicuro, Rael spesso inciampa nell’oscurità.

 

Dopo una lunga camminata arrivano in quella che Rael giudica una grande caverna rotonda, e lei parla una seconda volta chiedendogli di sedersi. Sembra un trono di pietra fredda.

 

“Rael, siediti qui. Verranno presto per te. Non aver paura. ” E non riuscendo più a spiegare se ne va. Affronta di nuovo la sua paura.

 

Un tunnel è illuminato alla sua sinistra e inizia a tremare. Man mano che diventa più luminoso, sente un ronzio non metallico. La luce sta diventando dolorosamente luminosa, riflettendo come bianco dalle pareti fino a quando la sua vista si perde in una sorta di cecità della neve. Si fa prendere dal panico, cerca una pietra e la lancia nel punto più luminoso. Il suono di vetri infranti risuona intorno alla caverna.

 

Man mano che la sua vista viene ripristinata, vede due guanti d’oro di circa un piede di diametro che si librano lungo il tunnel. Quando scompaiono, una crepa clamorosa si diffonde sul tetto e collassa intorno a lui. Il nostro eroe è di nuovo intrappolato.

 

“Eccolo” pensa, non riuscendo a muovere nessuna delle rocce cadute. Non c’è molto spettacolo per un creolo sotterraneo mentre cammina attraverso le porte di Sheol. “Avrei preferito essere cacciato in mille pezzi nello spazio, o riempito di elio e galleggiato sopra un mausoleo. Non è questo il modo di pagare le mie ultime quote di nostalgia sotterranea. Ad ogni modo, sono fuori dalle mani di qualsiasi imbalsamatore pervertito che fa la sua interpretazione di come dovrei apparire, infilandomi il suo batuffolo di cotone nelle guance. ”

 

Esausto da tutte queste congetture, il nostro eroe ha la possibilità in una vita di incontrare il suo eroe: la morte. La morte indossa un leggero travestimento, ha realizzato l’abito da solo. Lo chiama “Anestesista soprannaturale”. Alla morte piace incontrare persone e vuole viaggiare. La morte si avvicina a Rael con il suo speciale contenitore, rilascia un tiro e sembra allontanarsi contento nel muro.

 

Rael si tocca il viso per confermare che è ancora vivo. Scrive Morte come illusione, ma nota un denso profumo muschiato sospeso nell’aria. Si sposta nell’angolo in cui l’odore è più forte, scoprendo una fessura tra le macerie attraverso cui entra. Cerca di spostare le pietre e alla fine cancella un buco abbastanza grande da poter strisciare fuori. Il profumo è ancora più forte dall’altra parte e parte per trovare la sua fonte, con un’energia ritrovata.

 

Raggiunge finalmente una piscina di acqua rosa molto decorata. È sontuosamente decorato con rifiniture in oro. Le pareti intorno alla piscina sono ricoperte da un velluto marrone rossiccio su cui cresce il caprifoglio. Dalla nebbia sull’acqua arriva una serie di increspature. Tre creature simili a serpenti nuotano verso Rael. Ogni creatura rettiliana ha la testa e il seno minuscoli di una donna bellissima. Il suo orrore lascia il posto all’infatuazione mentre i loro morbidi occhi verdi mostrano il loro benvenuto. La Lamia lo invita ad assaggiare l’acqua dolce ed è veloce ad entrare in piscina. Non appena ingerisce del liquido, una luminescenza blu pallida gli scivola via dalla pelle. La Lamia lecca il liquido; molto delicatamente all’inizio, ad ogni nuovo tocco, sente il bisogno di dare sempre di più. Impastano la sua carne fino a quando le sue ossa sembrano sciogliersi, e in un momento in cui sente di non poter andare oltre, mordicchiano il suo corpo. Prendendo le prime gocce del suo sangue, i loro occhi si anneriscono e i loro corpi sono scossi. Sconvolto da una passione indifesa, osserva mentre i suoi amanti muoiono. Nel disperato tentativo di portare ciò che resta di loro nel suo essere, prende e mangia i loro corpi e lotta per lasciare il nido dei suoi amanti.

 

Uscendo dalla stessa porta da cui era entrato, trova una sorta di strano ghetto dall’altra parte. Quando lo vedono, l’intera strada di figure distorte scoppiò a ridere. Una delle colonie gli si avvicina. È grottesco in ogni aspetto, una miscela di brutti grumi e ceppi. Le sue labbra scivolano sul mento mentre sorride in segno di benvenuto e offre la sua stretta di mano scivolosa. Rael è un po ‘disilluso, quando lo Slipperman rivela che l’intera colonia è stata attraversata dalla stessa gloriosa tragedia romantica con le stesse tre Lamia, che si rigenerano ogni volta, e che ora Rael condivide il loro aspetto fisico e il loro destino oscuro .

 

Tra i volti contorti degli Slippermen, Rael riconosce ciò che resta di suo fratello John. Si abbracciano. John spiega amaramente che l’intera vita di Slipperman è dedicata a soddisfare la fame infinita dei sensi, che è stata ereditata dalla Lamia. C’è solo una via di fuga; una temuta visita al famigerato Doktor Dyper che rimuoverà la fonte dei problemi, o per dirla in modo meno educato, castrare.

 

Discutono a lungo della fuga ingannevolmente chiamata e decidono di andare insieme a visitare il Doktor. Sopravvivono al calvario e si presentano con le armi offensive in sterili tubi di plastica gialli, con catene d’oro. “La gente di solito li porta al collo”, ha detto il Doktor consegnandoli. “L’operazione non esclude necessariamente di nuovo l’uso della struttura, per brevi periodi, ma ovviamente quando lo si desidera è necessario fornire un preavviso considerevole.” Mentre i fratelli parlano da soli attraverso la loro nuova situazione, un grande corvo nero vola nella grotta, piomba verso il basso, prende il tubo di Rael dalle sue mani e lo porta in aria nel becco. Rael chiama John per accompagnarlo.

 

E lui risponde “Non inseguirò un corvo nero. Quaggiù devi leggere e obbedire ai presagi. C’è un disastro in cui vola il corvo. ” Quindi ancora una volta John deserta suo fratello. L’uccello conduce Rael in uno stretto tunnel, sembra consentirgli di tenersi a distanza chiusa. Ma mentre Rael pensa che potrebbe quasi afferrare l’uccello, il tunnel si apre e termina in un enorme burrone sotterraneo. Casualmente, il corvo fa cadere il suo prezioso carico nelle acque impetuose sul fondo. È abbastanza per far impazzire un povero ragazzo.

 

Vedendo i pericoli della ripida scogliera, il nostro coraggioso eroe si erge impotente e brilla. Segue un piccolo sentiero che corre lungo la cima e osserva il tubo che sale e scende nell’acqua mentre la corrente veloce lo porta via. Tuttavia, mentre cammina dietro un angolo, Rael vede una luce del cielo sopra di lui, apparentemente costruita sulla riva. Attraverso di essa può vedere l’erba verde di casa, beh non esattamente; può vedere Broadway. Il suo cuore, ora un po ‘ispido, è scosso da un’ondata di gioia e inizia a correre, a braccia aperte, verso l’uscita. In questo preciso momento le sue orecchie raccolgono una voce che chiede aiuto. Qualcuno sta lottando nelle rapide sottostanti. È John. Fa una pausa per un momento ricordando come suo fratello lo aveva abbandonato. Quindi la finestra inizia a svanire: è tempo di agire.

 

Si precipita sulla scogliera e si arrampica giù per le rocce. Gli ci vuole molto tempo per scendere in acqua, cercando di tenere il passo con la corrente allo stesso tempo. Mentre si avvicina al bordo dell’acqua vede John perdere forza. Si tuffa nell’acqua fredda. All’inizio viene gettato sulle rocce e tirato sott’acqua da un canale in rapido movimento, che lo porta proprio oltre John, lungo il fiume. Rael riesce ad afferrare una roccia, a tirarsi in superficie e riprendere fiato. Mentre John viene trascinato, Rael si getta di nuovo dentro e lo afferra per un braccio. Colpisce John incosciente e poi si blocca insieme, cavalca le rapide nell’acqua corrente lenta, dove può nuotare in salvo.

 

Ma mentre trascina il corpo inerte di suo fratello sulla riva, lo distende e si spera negli occhi per un segno di vita. Esita barcollando, indietreggiando, perché fissarlo con gli occhi ben aperti non è la faccia di John, ma la sua. Rael non può distogliere lo sguardo da quegli occhi, ipnotizzato dalla sua stessa immagine. Con un rapido movimento, la sua coscienza si sposta da una faccia all’altra, poi di nuovo indietro, fino a quando la sua presenza non è più solidamente contenuta nell’una o nell’altra. In questo stato fluido osserva entrambi i corpi delineati in giallo e lo scenario circostante si scioglie in una foschia viola. Con un’improvvisa ondata di energia su entrambe le colonne spinali, anche i loro corpi si dissolvono finalmente nella foschia. Tutto ciò avviene senza un solo tramonto, senza una sola campana che suona e senza un singolo fiore che cade dal cielo. Eppure riempie tutto con la sua misteriosa presenza inebriante. Dipende da te.

 


Loie Fuller, la donna orchidea

Se è vero che Loie Fuller non fu una danzatrice in senso stretto (come lo furono, invece, sia Isadora sia Ruth St. Denis), è altrettanto vero che il suo contributo allo sviluppo della danza contemporanea fu d’importanza fondamentale.

La rivoluzione estetica che alla Fuller fa capo si riferisce essenzialmente alle particolari realizzazioni sceniche da lei ideate: la Fuller, infatti, è la rivelatrice di soluzioni del tutto inedite da un punto di vista teatrale.

Lolie Fuller

Il tutto avviene non tanto attraverso lo sviluppo di una morfologia specifica di espressione corporea, quanto, piuttosto, mediante gli effetti della luce (utilizzati in funzione di un nuovo senso del trasformismo della gestualità) e gli effetti visuali di illusionismo provocati per mezzo di accessori applicati al corpo, atti a intervenire sulle forme naturali.

L’assetto scenico di tipo «mimetico», inaugurato in questo modo da Loie Fuller, precorre, con straordinaria originalità creativa, soluzioni tipiche di alcuni coreografi di generazioni molto successive alla sua.

Nata nel 1862 a Fullersburg nei pressi di Chicago, Loie Fuller, a vent’anni, lavora già come attrice (nel 1883 compie una tournée per gli Stati Uniti con la troupe di Buffalo Bill), esibendosi in teatro. Nel 1889, a New York, decide, quasi per caso, di utilizzare durante uno spettacolo un’ampia gonna di seta bianca per produrre effetti spettacolari, sottolineati da uno speciale tipo di luce colorata: «Il mio vestito era talmente lungo, che io vi camminavo continuamente sopra, e automaticamente sorreggevo la veste con entrambe le mani tenendo le braccia sollevate in aria, e in questo modo continuavo a volteggiare attorno alla scena come uno spirito alato. Qualcuno, dalla sala, lanciò un grido: una farfalla, una farfalla. Io cominciai a girare su me stessa correndo da un capo all’ altro della scena, e un secondo grido si levò dalla platea: un’orchidea». Da questo momento Loie Fuller decide di concentrare la sua ricerca sull’utilizzazione in senso spettacolare dei possibili effetti provocati da fonti complesse di luci colorate sui drappi di stoffa lunghi vari metri da lei indossati, opportunamente fatti volteggiare a suon di musica. È con tale procedimento che, nel 1891, la Fuller crea, con grande successo, la sua celebre, caleidoscopica Danse Serpentine.

Nel 1892 l’autodidatta sbarca in Europa e, dopo una tournée in Germania, viene accolta, a Parigi, da un trionfo senza precedenti. Le sue realizzazioni, intanto, diventano sempre più raffinate e seduttive: lavora sul trasformismo delle linee dinamiche e sui contrasti luce-ombra in rapporto al dinamismo fluido e cangiante della libera composizione di danza. Sperimenta l’adozione di fonti di luce collocate non soltanto in posizioni laterali, secondo le più diffuse convenzioni teatrali, ma situate sul palcoscenico direttamente sotto i suoi piedi (come nella Danse de feu). Giunge a collegare alle braccia bastoni che ne prolungano l’estensione, aste coperte di ampi drappeggi che le consentono di creare, nella fusione con luce e movimento, forme imprevedibili e fantastiche, secondo una concezione dello spettacolo di danza già del tutto antinarrativa ed estranea a qualsiasi proposizione realistica. Le sue danze, sempre grandiosamente immaginifiche, e sempre rivolte a una proiezione trasfigurante dei ritmi e degli elementi della natura (Danse blanche, Danse fleur, Papillon, Nuages, Bon soir), la trasformano in uno dei simboli eletti dell’epoca del figurativismo floreale.

Isadora Duncan incontra la Fuller a Parigi nel 1902: decide di seguirla in una tournée europea, e anni dopo, nella sua autobiografia, scriverà di essere rimasta letteralmente affascinata dalle danze della Fuller, «che personificava i colori innumerevoli e le forme fluttuanti della libera fantasia. Quella straordinaria creatura diveniva fluida, diveniva luce, colore, fiamma, e finiva in una meravigliosa spirale di fuoco che si elevava alta, verso I’infinito». Sono gli stessi anni in cui Loie Fuller, che a Parigi danza alle Folies-Bergère, è l’idolo di artisti e intellettuali parigini: Toulouse- Lautrec la ritrae in un vortice di veli, Debussy e Mallarmé sono suoi ferventi ammiratori, Rodin la definisce una donna  geniale, Alexandre Dumas figlio e Anatole France si dichiarano sedotti dal suo talento, e i coniugi Pierre e Marie Curie seguono appassionatamente ogni sua esibizione. Creatura inimitabile dell’ Art Nouveau, Loie Fuller, con la sua estetica interamente fondata sul rapporto articolato tra luce e danza, influenza fortemente gli sviluppi espressivi di molti dei suoi contemporanei: direttamente dalla Fuller, infatti, Isadora assume idee e stimoli creativi, mentre nella compagnia dei Ballets Russes di Diaghilev si adottano soluzioni d’illuminazione che dalla Fuller – dichiaratamente – traggono spunto.

Più volte la Fuller fa ritorno negli Stati Uniti (si esibisce a New York nel 1896, e nel 1910 a San Francisco), ma il suo pubblico più fervente resta quello europeo. L’architetto Henri Sauvage allestisce appositamente per lei un piccolo teatro all’Esposizione internazionale di Parigi del 1900, e in questo stesso teatro, nel 1906, Loie Fuller invita a esibirsi la sua compatriota Ruth St. Denis.

La Fuller appare per l’ultima volta sulla scena a Londra, nel 1927, in Shadow Ballet.

Muore a Parigi nel 1928, senza lasciare in eredità ai suoi seguaci nessuna particolare tecnica corporea: soltanto una pratica illuminotecnica di estremo valore teatrale; una pratica che, negli anni successivi alla sua morte, continuerà a svilupparsi in senso multiplo e complesso, fino a sostituirsi progressivamente agli elementi scenografici. È soprattutto in questo senso che Loie Fuller va considerata un’ autentica pioniera della danza contemporanea: con lei, infatti, lo spettacolo di danza abolisce per la prima volta le scenografie decorative (la Fuller adotta esclusivamente fondali uniformi, e non esita a danzare anche al di fuori dei teatri, all’aperto, preferibilmente al chiaro di luna, col vento che le solleva le vesti). Ed è a partire dalla Fuller che si inaugura, nel teatro di danza, l’uso di proiettori di luce situati direttamente sul palcoscenico.

Sul piano della drammaturgia coreografica, poi, la sua capacità di isolare il movimento, scomponendolo in sezioni secondo gli effetti di illuminazione adottati, e attribuendo quindi autonomia di significato all’elemento dinamico di per sé, senza l’attribuzione di alcuna urgenza contenutistica o narrativa, è un’intuizione che precorre, con parecchi anni d’anticipo, molti degli sviluppi coreografici del Novecento.

 


Édith Piaf, il Passerotto di Parigi

Édith Piaf, pseudonimo di Édith Giovanna Gassion (Parigi, 19 dicembre 1915 – Grasse, 11 ottobre 1963), è stata una cantante francese.

È stata una grande interprete del filone realista (chanteuse réaliste). Nota anche come “Passerotto”, come veniva amorevolmente chiamata (passerotto infatti nell’argot di Parigi si dice piaf), ha deliziato le folle tra gli anni trenta e sessanta.

La sua voce, caratterizzata da mille sfumature, era in grado di passare improvvisamente da toni aspri e aggressivi a toni dolcissimi; inoltre sapeva far percepire in modo unico la gioia con il suono della sua voce. È la cantante che con le sue canzoni ha anticipato il senso di ribellione tipico dell’inquietudine che contraddistinse diversi intellettuali della rive gauche del tempo come: Juliette Greco, Roger Vadim, Boris Vian, Albert Camus ecc. In molti casi era lei stessa l’autrice dei testi delle canzoni che tanto magistralmente interpretava.

166248.piaf

La vita di Édith Piaf fu sfortunata e costellata da una miriade di fatti negativi: incidenti stradali, coma epatici, interventi chirurgici, delirium tremens e anche un tentativo di suicidio. In una delle sue ultime apparizioni pubbliche la si ricorda piccola e ricurva, con le mani deformate dall’artrite, e con radi capelli; solo la sua voce era inalterata e splendida come sempre.

Un asteroide scoperto nel 1982 porta il suo nome: 3772 Piaf.

Nacque col nome di Édith Giovanna Gassion da una famiglia di umili origini: il padre Louis faceva l’artista di circo e la madre, Annetta Maillard, chiamata Lina Marsa, nativa di Livorno, era una cantante di strada. Appunto per strada (davanti al numero 72 di rue de Belleville) pare abbia partorito Édith, aiutata da un poliziotto. Il lavoro dei genitori non permetteva loro di allevare un figlio per cui la piccola visse inizialmente la sua infanzia dalla nonna materna, a cui non importava assolutamente della piccola Édith, poi portata dal padre dalla nonna paterna, una prostituta che comunque si prese molta cura di lei.

Édith inizia a cantare per strada per rimediare qualche moneta e dar da mangiare a se stessa e al padre, che nel frattempo le si era riavvicinato; canta La Marsigliese con quella sua voce già piena di rabbia e ruvidezza ma che inizia a prendere forma. Costituisce poi un duo con Simone Berteaut esibendosi per le strade e anche nelle caserme.

A 17 anni ha una figlia dal muratore Louis Dupont, Marcelle, ma la bimba morirà a causa di una meningite a soli due anni; già duramente provata dalla vita, incontra l’impresario Louis Leplée (che morirà qualche anno dopo misteriosamente) e, dopo un’audizione al “Le Gerny’s”, piccolo locale dove si faceva cabaret, debutta nel 1935. Molti i personaggi famosi che accorrono per ascoltare la sua voce: uno fra tutti, Maurice Chevalier.

A questo punto Édith ottiene un contratto con la casa discografica Polydor. Leplée le cambia il nome in Piaf, ed ha così inizio il suo successo. Ma è nel 1937 che ha inizio la sua ascesa che la porta ad ottenere un contratto con il teatro ABC.

Dopo la morte di Leplée, molti furono i suoi impresari: Raymond Asso, Michel Emer, Paul Meurisse, Norbert Glanzberg, Lou Barrier; qualcuno di loro le fu vicino non solo professionalmente, ma anche sentimentalmente. La fama di Édith Piaf continuava a crescere: conosce Jean Cocteau, che si ispirerà a lei per un lavoro teatrale, Le bel indifférent.

Durante la seconda guerra mondiale Piaf era contro l’invasione tedesca e si esibì nei campi militari e nei campi di concentramento per prigionieri di guerra. È in quel periodo (1944) che conosce e si innamora di Yves Montand, canta con lui al Moulin Rouge, ma appena lo chansonnier inizia a diventare famoso i due si lasciano. Nel 1945 cambia casa discografica ed entra a far parte della Pathé. Nel 1946 scrive le parole della canzone che, nel dopoguerra, diventerà per i francesi l’inno del ritorno alla vita: La vie en rose, che interpreta in collaborazione con Les compagnons de rodrigue.

Il titolo di questa leggendaria canzone è talmente legato alla figura di Édith Piaf, che il regista Olivier Dahan, autore della pellicola, vincitore del premio Oscar, sulla tormentata vita della cantante (interpretata da Marion Cotillard), acconsente a modificare, per la versione italiana, il titolo del film da La môme a La vie en rose. Il tutto appena prima dell’uscita del film (2007) che è uscito in Francia ed è riportato negli archivi con il nome originale.

Édith Piaf realizzò una tournée nel 1946 negli Stati Uniti esibendosi alla Constitution Hall; ritornò un anno dopo, sempre con i suoi fedeli Compagnons de la chanson, per cantare alla Play House e al Versailles di New York, dove ad applaudirla tra il pubblico vi erano, tra gli altri, Marlene Dietrich, Charles Boyer e Orson Welles.

Nel 1948 conosce il pugile Marcel Cerdan ed è la prima volta che Édith si innamora di qualcuno che non faccia parte del mondo della musica: sono felici e innamorati ma la felicità dura poco; infatti, mentre sta volando da lei per raggiungerla negli Stati Uniti, l’aereo cade e Cerdan muore. Completamente distrutta dalla morte del compagno, Piaf inizia a bere e a far uso di droghe. Dedica una canzone al suo amore perduto, la splendida Hymne à l’amour che la porta al successo a livello mondiale e che lei stessa compone assieme a Marguerite Monnot (con cui scriverà nel 1959 anche il testo di Milord).

Piaf continua a deliziare i francesi con molte altre canzoni destinate a diventare dei classici come Le vagabond, Les amants, Les histoires du coeur, La foule, Non, je ne regrette rien, ecc.

Non si sa quanti soldi riesca a guadagnare, ma è certo che non la si è mai vista sfoggiare ricchezza; in effetti, continua ad essere una donna minuta che canta l’amore e che ha bisogno di amore come dell’aria che respira; la sua casa e i suoi camerini sono frequentati da diversi uomini che contribuirà a lanciare come artisti nel mondo della canzone francese e mondiale. Alcuni nomi: Gilbert Bécaud, Charles Aznavour, Leo Ferré, Eddie Constantine; alcuni stringeranno con lei un sodalizio artistico e umano per più tempo, mentre altri se ne andranno prima; tutti però le lasceranno delle bellissime canzoni: fra gli altri, Georges Moustaki scriverà per lei la musica della famosa canzone Milord, Charles Aznavour Jezebel.

Nel 1952 sposa il compositore Jacques Pills, ma il matrimonio dura solo pochi giorni. Siamo nel 1955, Piaf ha quarant’anni e approda finalmente all’Olympia, il tempio parigino della musica; poi, riparte per l’America per esibirsi alla Carnegie Hall di New York, dove la saluteranno ben sette minuti di applausi in standing ovation. Verrà invitata comunque ad esibirsi ancora all’Olympia e le repliche dureranno quattro mesi, cioè fino alla primavera del 1961.

piaf

In quell’anno sposò Theophanis Lamboukas, in arte Théo Sarapo, che lei aveva lanciato nel mondo della canzone e con cui aveva inciso la canzone A quoi ça sert l’amour. Dopo una broncopolmonite, Piaf andò col marito nel sud della Francia a Grasse per passarvi la convalescenza, ma una ricaduta le fu fatale. Si spense l’11 ottobre del 1963 durante un triste e vano viaggio di ritorno verso Parigi. Le cause del decesso furono attribuite a una cirrosi epatica, sviluppatasi a causa del massiccio uso di droga che prendeva Édith, i medici più volte l’avevano avvertita ma lei se n’era sempre fregata. Il suo esile corpo (dimostrava molto più dei suoi 48 anni) venne caricato sul sedile posteriore della macchina dal marito Theo che, per esaudire il suo ultimo desiderio, la riportò nella capitale francese.

Al suo funerale presero parte migliaia di persone. Il suo corpo riposa nel cimitero parigino delle celebrità Père Lachaise: l’elogio funebre venne scritto da Jean Cocteau che però morì d’infarto poche ore dopo aver appreso la notizia della morte della cantante. Nella tomba della “Famille GAISSION-PIAF” riposano con lei anche il padre Louis Alphonse Gaission, la figlia Marcelle ed il marito Théophanis Lamboukas. Sulla tomba c’è scritto: “Madame LAMBOUKAS dite EDITH PIAF 1915 – 1963”.

La città di Parigi le ha dedicato una piazza e recentemente anche una statua, nel 20.mo arrondissement.