“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Opera

Tutto brucia: la figura di Jocker. La psicologia e la filosofia del burlone

Joker-tutto-ustioni
(immagine: Anthony Nowicke / foto sorgente: Warner Bros.)

Di tutti i cattivi nella storia della cultura pop, il Joker è senza dubbio uno dei più duraturi e iconici, condividendo ranghi con personaggi del calibro di immortali demoni come Darth Vader e Hannibal Lecter. E sebbene sia sempre stato popolare, è l’ interpretazione ipnotizzante di Christopher Nolan e Heath Ledger in The Dark Knight del 2008 che ha indelebilmente impresso il personaggio sulla nostra coscienza per sempre.

Ma perché, nonostante sia un assassino psicopatico e nichilista, il personaggio è così popolare – persino così amato? Perché vediamo quella strana cicatrice rossa di un sorriso su così tante magliette, poster e meme fino ad oggi, anni dopo il film? Perché la gente dice che The Dark Knight è uno dei pochi film che fa il tifo per il cattivo?

Per comprendere appieno i motivi, dobbiamo approfondire quanto hanno fatto Nolan, Ledger e lo scrittore David S. Goyer mentre ripensano il personaggio. Dobbiamo trovare e riconoscere quella parte oscura e nascosta della nostra psiche che suscitano le parole e le azioni del Joker, una parte così profondamente radicata che ci è voluto un rinomato psicologo per scoprire. Dobbiamo studiare la psicologia e la filosofia del Joker.

AGENTE DEL CAOS

“Quando le patatine sono in calo, queste persone civili … si mangiano a vicenda.”

psicologia-filosofia-joker
(Warner Bros. / DC Entertainment)

Le persone pensano troppo a se stesse a volte. Hai notato? Non sto dicendo che sia cattivo o sbagliato. Non sto nemmeno chiamando le persone stupide. È molto comprensibile

Ci piace pensare a noi stessi come nobili, onesti e buoni, soprattutto rispetto ad altre persone. Ci piace credere che non avremmo mai fatto del male a qualcuno o causato danni di qualsiasi tipo. Gli psicologi ci raccontano di ciò che viene chiamato “superiorità illusoria”, il pregiudizio cognitivo in noi tutto ciò che induce una persona a pensare in modo troppo alto delle sue qualità positive e troppo poco di quelle negative. Nella loro testa, sono persone di gran lunga migliori di quanto effettivamente  siano onesti in realtà.

Ancora una volta, questo non ci rende cattivi o sbagliati. È solo qualcosa che le nostre menti devono fare per superare la giornata.

Durante la guerra civile inglese del 1600, un ragazzo di nome Thomas Hobbes era un po ‘avanti rispetto alla prospettiva in termini di questa “illusoria superiorità”, anche se non l’aveva mai riconosciuto esattamente come tale. Non era d’accordo con l’idea della maggior parte delle persone che fossero intrinsecamente morali e giusti. Invece, ha teorizzato che senza regole applicate, l’umanità sarebbe tornata a un incubo brutale e immorale di una società – una caotica, infernale e ardente. Uno in cui faresti saltare in aria un traghetto pieno di innocenti per rimanere in vita.

Oggi, Hobbes è riconosciuto principalmente per le sue teorie sulla filosofia politica, le cui idee hanno posto praticamente l’intero fondamento della civiltà occidentale. La sua opera più famosa era un tomo orribilmente denso chiamato Leviatano . Contiene forse la sua citazione più famosa di tutte, ciò che equivale alla sua giustificazione per l’esistenza del governo:

“… nessuna società; e che è la cosa peggiore di tutte, il continuo funzionamento e il pericolo di morte violenta; E la vita dell’uomo, solitaria, povera, cattiva, brutale e breve. “

Hobbes afferma che senza il controllo strutturato del governo (ciò che il Joker chiama “gli schemi”), le persone diventano animali. Assassini. Ladri. Nel 17 ° secolo, questo fu particolarmente influente, e fu la ragione principale per cui Hobbes e ragazzi come lui presero piede: governo, legge e ordine erano assolutamente necessari.

Fondamentalmente, gran parte della tua vita è quella che è ora perché Thomas Hobbes ha scritto alcune cose. Non è un’esagerazione.

Ora, se questo fosse etico, Hobbes e il Joker sarebbero seduti uno di fianco all’altro, passandosi appunti e ridacchiando. Sono d’accordo l’uno con l’altro su una cosa: quando le patatine sono basse, le persone “civili” si mangiano a vicenda.

Riguardo la scienza politica, tuttavia, Joker e Hobbes sarebbero stati i ragazzi che avrebbero  litigavato sempre l’uno con l’altro. Se Hobbes potesse in qualche modo possedere la tecnologia di Bruce Wayne, TDK sarebbe più o meno lo stesso film, tranne per il fatto che avremmo un Batman dalla barba bianca.

Hobbes ha sostenuto il governo per paura del caos immorale. Il Joker, d’altra parte, perché è un vero e proprio psicopatico anarchico (o anarchico psicopatico), non amerebbe altro che veder porre in essere lo sfascio.

È per questo che mette bombe sui traghetti. È per questo che uccide i funzionari del governo. È per questo che cerca di corrompere l’unica persona che è un simbolo del fatto che non dobbiamo avere paura di persone come lui (anche se lo facciamo davvero). Il Joker vuole spingere un’intera città nella malvagia gravità della follia e dell’anarchia.

Ma non commettere errori: c’è un metodo dietro la sua follia. Mi dà fastidio che il Joker ottenga il merito solo di essere “un agente del caos” o di uno psicotico delirante che infligge crudeltà casuale. Corrompere la città (quel grande simbolo della civiltà) portandola in uno stato primordiale, privo di qualsiasi significato o regola, è ciò che il Joker sta cercando. Ma il suo “non piano” è opera di una mente. È tutt’altro che caotico o insignificante. È logico, chiaro e ha uno scopo preciso (non importa cosa possa dire Alfred). Accade così che impieghi un elemento di casualità. Il risultato finale è che il Joker diventa la personificazione di un argomento filosofico portato all’estremo, supportando la sua tesi nichilista con il caos che risulta dalle sue azioni.

Sebbene alla fine sia stato sconfitto da Batman, sembra che il Joker dimostri davvero il suo punto. Harvey Dent era il cavaliere bianco di Gotham City, l’epitome ambulante di giustizia, ordine e nobiltà. Ma il Joker lo trasforma in Two Face che poi uccide cinque persone, due dei quali poliziotti, usando un metodo caotico e assurdamente insignificante per lanciare una moneta per determinare il loro destino. Questo da solo simboleggia la filosofia e la missione del Joker di sconvolgere il senso di “illusoria superiorità” della società civile e di umiliarlo riportandolo alle sue radici selvagge.

HO AVUTO UNA VISIONE

“Sembro davvero un ragazzo con un piano?”

nolan-heath ledger--dark-Kni

Ora andiamo ancora più in profondità. Per capire davvero la versione del Joker di The Dark Knight è necessario esaminare uno dei suoi creatori, Christopher Nolan.

Christopher Nolan ha diretto il seguito . E ricordo . C’era anche quel film di Inception . Ha iniziato indie e suoi film esplorazioni ben ponderate dell’esistenzialismo, riferimenti palesi a  Nietzsche, Sartre e Camus.

L’esistenzialismo, come spiegherò di più tra un minuto, afferma la totale assenza di regole, morale e codici – tranne quelli che inventiamo nella nostra testa per sentirci meglio su un’esistenza senza alcuno scopo, punto. Un’idea terrificante.

Di questi tempi potrebbe essere più hollywoodiano, ma continua a scivolare nella roba pesante qua e là – lo fa sicuramente con il Joker, la sua creazione più famosa di sempre. Ha visto nel personaggio un’opportunità di giocare con materiale esistenziale significativo, un’angolazione rischiosa su un cattivo classico che ha dato i suoi frutti.

Per lo meno, dimostra come le filosofie fondamentali di una società riescano a farsi strada in tutte le sue varie forme di cultura pop. La filosofia descrive i modi di guardare il mondo. Apparentemente, Nolan ha scavato esistenzialismo , e ha senso che le sue convinzioni e i suoi valori informerebbero le scelte che ha operato come regista, anche se inconsciamente.

UN MONDO DIVERTENTE IN CUI VIVIAMO

“Credo che qualunque cosa non ti uccida semplicemente ti rende … estraneo.”

psicologia-filosofia-joker
(Warner Bros. / DC Entertainment)

C’è di più in questa roba dell’esistenzialismo nella misura in cui riguarda il Joker.

Non sorprende che la citazione sopra sia davvero la prima cosa sostanziale che senti dire il Joker in TDK . Si potrebbe dire che è la sua tesi e che il resto del film diventa il suo modo di sostenerlo. Con alcune prove piuttosto estreme.

In effetti, proprio quello che fa il Joker credere? La cosa interessante è da dove proviene la citazione. È una svolta di una lettera su una frase che hai sicuramente sentito prima. Non ho nemmeno bisogno di ripeterlo. Il responsabile di quella versione originale si chiamava Friedrich Nietzsche .

Nietzsche e i suoi ragazzi, come Albert Camus , Jean-Paul Sartre e il romanziere Fyodor Dostoevskij , alla fine del secolo scorso hanno presentato molte idee bizzarre. Quelle idee si opposero dannatamente a tutto ciò che li precedeva e spaventarono alcune persone a metà.

Ciò che li aveva spaventati così tanto era l’apparente disperazione dell’esistenzialismo. Mentre “senza speranza” può essere una parola troppo forte per questo, sembra deprimente. (Non programmare una data dopo la lezione di Esistenzialismo; non ti divertiresti affatto.)

Ed ecco il vero kicker di tutto ciò su cui ho vagato: l’ esistenzialismo ha preso piede . Lo noti ultimamente, indirettamente, in tendenze come laicità, scetticismo e alfabetizzazione scientifica. Quei blog sono ovunque. Abbracciano l’idea di un universo senza alcun valore preordinato (come assegnato da un dio, diciamo); abbracciano l’opportunità di inseguire i propri valori di scienza ed esplorazione. Non mettere in dubbio che la maggior parte delle persone scelga ciò che chiamiamo valori “buoni”, ma molti lo fanno con la consapevolezza di aver scelto questo o quello per se stessi, non perché qualcuno o qualcosa gli abbia detto di farlo.

Le persone di questi tempi, che lo sappiano o no, basano molte delle loro opinioni e credenze su idee esistenziali – o almeno in risposta ad esse. Questo è ciò con cui sono cresciute le loro menti inconsce, che se ne siano rese conto o meno. Quasi non riescono a evitarlo, poiché molti dei film che vengono visti guardare in questi giorni si basano anche sull’esistenzialismo. (Se non mi credete, guardare Fight Club , The Matrix , Monty Python ,Il senso della vita , Taxi Driver , Qualcuno volò sul nido del cuculo , Groundhog Day , Apocalypse Now , e anche Toy Story .)

Senti un sacco di persone in questi giorni in discussione “regole”. Ribellione e scetticismo alla moda per alcuni, ironicamente. Altezzosi critici in 2043 scriveranno della prevalenza di temi esistenziali in tutte le pellicole della fine del 20 ° e l’inizio degli 21° secolo.

Il Joker è così popolare oggi perché esprime valori esistenziali e ideali in un modo così divertente. E esistenziale  sembra essere proprio in questo momento, quindi non sorprende che abbia capito come ha fatto. Ecco come funziona la cultura pop – molte persone, in fondo, credono in ciò che dice – almeno in parte. Una parte di loro vorrebbe poter essere d’accordo con lui fino al punto di fare il tifo per lui, a colpi di fucile in faccia e tutto il resto.

PERCHÉ COSÌ SERIO?

“L’unico modo sensato per vivere in questo mondo è senza regole.”

Nietzsche
Nietzsche

Ora che abbiamo esaminato cos’è l’Esistenzialismo, qui ci sono solo un paio di esempi specifici di principi esistenziali e come TDK li dimostra, in particolare attraverso il Joker:

La volontà di potenza:

L’uomo di grossi baffi , Nietzsche ha scritto molto sui concetti chiamati ” ubermensch ” e “volontà di potenza”. Nell’esistenzialismo non ci sono regole. Quindi, come può vivere una persona? Se l’Assurdo è vero (ci arriveremo), allora è dannatamente spaventoso. Potremmo non sapere più cosa fare della nostra vita, eh, pipistrelli?

L’ Ubermensch è un individuo che supera quella paura, quel terrore ed è in grado di definire i propri valori, significato e scopo. Decide il corso della propria vita, in alcun modo influenzato da qualcosa al di fuori di se stesso.

Batman, ovviamente, è anche il potere disposto e preordinato intessuto di creatività , ma mentre a volte lotta con questo, il Joker si è tuffato dentro. Ha abbracciato la sua volontà di potere nel mondo (cosa fa un Ubermensch ) e ha cercato di affermare il potere e cambiare in il mondo che lo circonda.

Il Joker affronta Batman in sfide che lo costringono a mettere in discussione ciò in cui crede, a barcollare sulla violazione dell””unica regola” a cui si aggrappa, ed è uno dei motivi per cui le persone guardano ripetutamente così tanto questo film. Siamo sospesi su quale decisione prenderà Bruce Wayne: uccidere e abbandonare le regole che tengono insieme la sua anima … o no?

Batman, infatti, ottiene lo status di Ubermensch quando si rivela davvero incorruttibile. Resta fedele ai valori e ai codici che onora in se stesso come cavaliere.

Questo è il motivo per cui, in qualche modo, questo film è rimasto (e vi rimarrà) popolare per così tanto tempo. Attenersi ai nostri valori, indipendentemente da cosa, è qualcosa in cui ci piacerebbe credere. Che si tratti dell’idealismo di Batman o del nichilismo di Joker, TDK ci fa sperimentare entrambe le parti in modo vicario.

L’assurdo:

Il Joker è tutto sull’Assurdo. Non sorprende per un clown, quando ci si pensa. L’assurdo rifiuta l’idea che esista un valore, un significato o uno scopo nell’universo. Il Joker ovviamente è d’accordo con questo, e lo dice chiaramente più volte. È spaventoso pensare, no? Che non c’è letteralmente uno scopo per noi essere qui? La maggior parte degli esistenzialisti in realtà gode di questo in una certa misura. Per loro, è la possibilità di definire i nostri valori per noi stessi e possiamo scegliere di essere qualsiasi tipo di umano che intendiamo essere.

Ciò che fa paura del Joker, e ciò che lo rende un criminale così orribile ed efficace, è che non solo abbraccia pienamente Assurdità, ma gli piace anche il caos e la violenza . È un ragazzo di gusto semplice, che gode di dinamite, polvere da sparo e benzina. Queste sono le cose che apprezza. Queste sono le cose che vuole.

UN RAGAZZO COME ME

“Vedi, non sono un mostro. Sono solo davanti alla  massa. “

Carl-Jung
“Affrontare una persona con la sua ombra è mostrargli la propria luce.” Jung

Abbiamo visto la matrice filosofico in cui il personaggio preesistente del Joker è stato rifuso da Nolan e collaboratori. Successivamente, spiegherò precisamente perché siamo così affascinati da lui e perché, inoltre, è salutare per noi (in una certa misura).

Carl Jung era uno psicologo e psicoterapeuta degli inizi del XX secolo, fortemente influenzato da Sigmund Freud . Mentre la controversia circonda le sue teorie oggi , un’idea di lui è rimasta bloccata da ciò che la maggior parte delle persone considera vera: ogni tanto ci rompiamo male.

Jung ha spiegato questo fenomeno con un concetto chiamato “Ombra”. L’Ombra è la parte oscura della psiche di una persona che rifiutano di riconoscere. È la parte di te che vorrebbe poter picchiare il tuo capo e poi rubare il suo portafoglio. È la parte di te che vorrebbe poter rapinare una banca con una maschera da clown o scagliare una strada pubblica in un semi-lancio di lanciarazzi.

È la parte di te che vuole abbandonare le regole, come ha fatto Joker.

Secondo Jung, una persona deve riconoscere quegli impulsi negativi per mantenere la salute mentale. Dobbiamo riconoscere l’oscurità dentro di noi ma non identificarci con essa. Quando non riconosci l’Ombra, ciò che accade è che si libera, prende una vita e vince per terrorizzarti e distruggere la tua “illusoria superiorità”.

Jung the Shadow
(Artista: Ron Pyatt)

Un modo in cui lo facciamo è attraverso film, fumetti e giochi. Famosi e amati criminali si mescolano con le nostre Ombre, i nostri stati primordiali e lo fanno in un modo divertente che non ha conseguenze indesiderabili nella vita reale (purché lo si mantenga nel regno della finzione). Ammettilo: hai ucciso la prostituta e poi hai rubato i tuoi soldi in Grand Theft Auto . Abbiamo ucciso tutti un pollo a Hyrule.

Il Joker è semplicemente uno sbocco per l’Ombra, e così avvincente che milioni di persone sono state catturate da lui e hanno vissuto per vicenda le depravazioni dell’Ombra della loro psiche. È proprio perché il Joker bombarda e uccide e corrompe che così tanti spettatori si divertono a guardarlo. Agisce in modi che a volte vorremmo poter fare, in profondità, e ci precipitiamo fuori dal vederlo indulgere in un simile comportamento, senza che nessuno si faccia davvero male.

ORA STIAMO PARLANDO

“Non si tratta di soldi. Si tratta di inviare un messaggio. “

psicologia-filosofia-joker
(Warner Bros. / DC Entertainment)

Così il gioco è fatto. Ti ho fatto un breve tour delle idee e delle influenze filosofiche che sono state introdotte nella creazione del Joker, idee in cui il Joker stesso crede in tutto il cuore e metodicamente cerca di portare alla realtà.

Abbiamo anche visto il motivo psicologico per cui un personaggio come questo può suscitare un fascino così diffuso e perché, nonostante la sua natura malvagia, c’è una parte di noi che è irrimediabilmente innamorata di lui.

La versione del Joker che appare in The Dark Knight è diventata un’icona della cultura pop, in parte perché rappresenta una domanda filosofica che taglia al cuore stesso di chi e cosa siamo. Siamo animali morali? O solo animali? L’idealista in noi vuole schierarsi con Batman e credere che l’umanità, quando messa alla prova, passerà a pieni voti. Il cinico in noi vuole dire “fottute persone” e schierarsi con il Joker mentre si scatena l’inferno.

Ecco perché il Joker è essenziale per il mito di Batman come lo stesso Batman. I due sono chiusi in un abbraccio perpetuo di yin e yang che rappresentano numerose dicotomie umane : ordine e caos, significato e assurdità, luce e ombra. E proprio come Jung dichiarò che riconoscere l’Ombra era essenziale per una psiche veramente equilibrata, amiamo il Joker per ricordarci delle nostre nature più basse, per umiliare le nostre fantasie più alte con una dose di brutale realtà e per perforare il nostro senso di “illusoria superiorità “Quando sfugge di mano.

Davanti alla massa davvero.


Audiolibro – L’Arte di sedurre gli uomini


Antico Testamento – Audiolibro – Cantico dei Cantici


Video

Platone – Repubblica – Libro X (Lettura completa)


Genesis – The Lamb Lies Down On Broadway

Rael

Tieni le dita fuori dal mio occhio. Mentre scrivo mi piace dare un’occhiata alle farfalle in vetro che sono tutte intorno alle pareti. Le persone in memoria sono bloccate su eventi che non riesco a ricordare troppo bene, ma ne scrivo uno per vederlo spezzare, decomporre e nutrire un altro tipo di vita. Quello in questione è tutto materiale completamente biodegradabile e classificato come “Rael”. Rael mi odia, mi piace Rael, sì, anche gli struzzi hanno dei sentimenti, ma la nostra relazione è qualcosa con cui entrambi stiamo imparando a convivere. A Rael piace divertirsi, a me piace una buona rima, ma non mi vedrai più direttamente – odia il mio essere in giro. Quindi se la sua storia non regge, potrei dare una mano, capisci? (cioè la rima è pianificata, manichini).

 

L’ago tremolante salta in rosso. New York striscia fuori dal suo letto. Agli ospiti stanchi viene chiesto di lasciare il calore del teatro per tutta la notte, dopo aver dormito in immagini che altri sognano solo. Gli extra non pagati disturbano Sleeping Broadway. CAMMINARE a sinistra NON CAMMINARE a destra: a Broadway le indicazioni non sembrano così luminose. Gli fantasmi automatici mantengono il ritmo della prima gara mobile del tassista.

 

Basta questo: il nostro eroe sta salendo le scale della metropolitana alla luce del giorno. Sotto la sua giacca di pelle tiene una pistola a spruzzo che ha lasciato il messaggio RAEL a grandi lettere sul muro che porta sottoterra. Potrebbe non significare molto per te, ma per Rael fa parte del processo diretto a “farsi un nome per sè”. Quando non sei nemmeno un portoricano di razza pura, il gioco si fa duro e la crudezza avanza.

 

Con occhiate casuali lungo la strada bagnata, controlla il movimento nel vapore per cercare potenziali ostruzioni. Non vedendo nessuno, cammina lungo il marciapiede, oltre la farmacia con la protezione di ferro che viene rimossa per rivelare il sorriso della ragazza del dentifricio, oltre le signore della notte e il poliziotto Frank Leonowich (48 anni, sposato, due bambini) che si trova sulla soglia della parrucca -memorizzare. Il poliziotto Leonowich guarda Rael più o meno allo stesso modo in cui gli altri colleghi lo guardano, e Rael nasconde solo le sue intenzioni. Nel frattempo da una nuvola si cala un agnello. Questo agnello non ha nulla a che fare con Rael o con qualsiasi altro agnello: si sdraia a Broadway.

 

Il cielo è nuvoloso e quando Rael guarda indietro una nuvola scura sta scendendo come un pallone in Times Square. Si appoggia sul terreno e si modella in una superficie piana dai bordi duri, che si solidifica e si estende fino a est e ovest lungo la 47a strada e raggiungendo il cielo scuro. Man mano che il muro prende tensione diventa uno schermo che mostra ciò che era esistito in tre dimensioni, dall’altro lato solo un momento prima. L’immagine tremola e poi si incrina come l’argilla dipinta e il muro si muove silenziosamente in avanti, assorbendo tutto sul suo cammino. Gli ignari newyorkesi sono apparentemente ciechi rispetto a ciò che sta accadendo.

 

Rael inizia a scappare verso Columbus Circle. Ogni volta che osa dare un’occhiata, il muro ha spostato un altro blocco. Nel momento in cui pensa di mantenere la distanza dal muro, il vento soffia forte e il freddo rallenta la sua velocità. Il vento aumenta, asciuga la strada bagnata e raccoglie la polvere dalla superficie, gettandola in faccia a Rael. Sempre più sporco viene fatto esplodere e inizia a depositarsi sulla pelle e sui vestiti di Rael, creando un solido cappotto a strati che lo porta gradualmente a una calma terrorizzata. Un’anatra seduta.

 

Il momento dell’impatto esplode attraverso il silenzio e in un rombo di suoni, l’ultimo secondo si prolunga in un mondo di echi come se il cemento e l’argilla di Broadway stessi stessero rivivendo i suoi ricordi. L’ultima grande marcia passata. Newsman è inerte come un piagnucolio mentre il pubblico e l’evento sono bloccati come uno. Bing Crosby coos “Non devi provare dolore per cantare il blues, non devi holla – non senti nulla nel tuo colletto da un dollaro.” Martin Luther King piange “Tutti cantano!” e suona la grande vecchia campana della libertà. Leary, stanco della sua cella di prigione, cammina in paradiso, parla all’inferno. JFK dà l’OK per spararci, sorseggiando Orange Julius e Lemon Brutus. Mazzi double cowboy dal petto nudo il triplo campione. Chi ha bisogno di Medicare e della tariffa forfettaria 35c, quando Fred Astaire e Ginger Rogers stanno ballando per aria? Dagli stereotipi di Broadway Melody la band ritorna su “Stars and Stripes” portando una lacrima al chiaro di luna, che sta riversando il suo spirito dall’ancora illegale. Il mediatore di pegni cancella la cassa rumorosa e stringe la sua fortunata banconota da un dollaro. Quindi il blackout.

 

Rael riacquista conoscenza in una penombra muschiata. È caldamente avvolto in una specie di bozzolo. L’unico suono che riesce a sentire è l’acqua gocciolante che sembra essere la fonte di una pallida luce tremolante. Immagina di trovarsi in una specie di grotta – o tomba terrificante, o catacomba, o guscio d’uovo in attesa di cadere dall’osso dell’utero. Qualunque cosa sia, si sente sereno, molto pulito e contento come un manichino ben tenuto con acqua calda nella sua pancia, quindi perché preoccuparsi di cosa significhi? Rassegnandosi all’ignoto, si addormenta.

 

Si sveglia con un sudore freddo con un forte bisogno di vomitare. Non c’è traccia del bozzolo e può vedere più della caverna attorno a lui. C’è molta più acqua luminosa che gocciola dal tetto e stalattiti e stalagmiti si formano e si decompongono ad un ritmo allarmante intorno a lui. Mentre la paura e lo shock si registrano, si assicura che l’autocontrollo fornirà un po ‘di sicurezza, ma questo pensiero viene abbandonato mentre le stalattiti e le stalagmiti si bloccano in una posizione fissa, formando una gabbia le cui sbarre si muovono verso di lui. Ad un certo momento c’è un lampo di luce e vede un’infinita rete di gabbie legate tutte insieme da un materiale simile a una corda. Mentre le sbarre rocciose si spingono sul corpo di Rael, vede fuori suo fratello John, che lo guarda. La faccia di John è immobile nonostante le grida di aiuto, ma nella sua espressione vacua si forma una lacrima di sangue che gli scorre lungo la guancia. Quindi si allontana con calma lasciando Rael ad affrontare i dolori che stanno iniziando a spazzare attraverso il suo corpo. Tuttavia, proprio mentre John esce di vista, la gabbia si dissolve e Rael viene lasciato girare come una cima.

 

Quando tutta questa rivoluzione è finita, si siede su un pavimento molto lucido mentre le sue vertigini svaniscono. È un corridoio vuoto e moderno e la commessa dei sogni è seduta al banco della reception. Senza spingerla a fare il suo rap: “Questa è la Grand Parade of Lifeless Packaging, quelli che stai per vedere sono tutti disponibili per la manutenzione, tranne una piccola quantità del nostro nuovo prodotto, nella seconda galleria. È tutto lo stock necessario per coprire le disposizioni esistenti dell’impresa. Diversi lotti sono distribuiti agli operatori dell’area e ci sono molte opportunità per il grande investitore. Si estendono dalle costose cure condizionate al più ragionevole mal nutrito. Scopriamo qui che gli sguardi di tutti diventano loro. Tranne il mercato mal nutrito, a ciascuno viene fornita una garanzia per un parto di successo e un’infanzia senza problemi. Esiste tuttavia solo una piccola quantità di potenziale di scelta variabile, non troppo lontano dal differenziale medio. Vedete, il tetto ha predeterminato i limiti di azione di qualsiasi gruppo di pacchetti, ma gli individui possono spostarsi dal percorso se i loro diversivi sono controbilanciati da altri.

 

Mentre vaga lungo la fila di pacchi, Rael nota una familiarità in alcuni dei loro volti. Alla fine si imbatte in alcuni membri della sua vecchia banda e si preoccupa della propria sicurezza. Scappando attraverso il pavimento della fabbrica, vede suo fratello John con un numero 9 impresso sulla fronte.

 

Nessuno sembra intraprendere l’inseguimento, e con i volti familiari freschi nella sua mente si trasferisce in una ricostruzione della sua vecchia vita, fuori terra – Troppo tempo era una cosa di cui non aveva bisogno, quindi era solito tagliare con un po ‘di velocità. Era meglio morto, piuttosto che lento nella testa. Sua mamma e la sua poppa si erano fatte un giro sulla schiena, quindi se ne andò molto rapidamente per unirsi a The Pack. Solo dopo un incantesimo nel riformatorio di Pontiac gli fu dato alcun rispetto nella banda. Ora, tornando a casa dopo un’incursione, stava stringendo a sé un istrice addormentato. Quella notte immaginò la rimozione del suo cuore peloso e con l’accompagnamento di musica molto romantica lo vide rasato liscio da un anonimo rasoio di acciaio inossidabile. L’organo rosso ciliegia palpitante fu riportato al suo posto legittimo e cominciò a battere più veloce mentre guidava il nostro eroe, contando il tempo,

 

Ritorna dai suoi ricordi confusi al passaggio in cui era precedentemente bloccato. Questa volta scopre un lungo corridoio coperto da tappeti. Le pareti sono dipinte di rosso ocra e sono contrassegnate da strane insegne, alcune sembrano un occhio di bue, altre di uccelli e barche. Più in basso nel corridoio, può vedere alcune persone; tutti in ginocchio. Con sospiri e mormori rotti, lottano, al rallentatore, verso la fine di una porta di legno. Avendo visto solo i corpi inanimati nella Grand Parade of Lifeless Packaging, Rael si precipita a parlare con loro.

 

“Cosa sta succedendo?” chiede piangendo a un monaco borbottante, che nasconde uno sbadiglio e risponde “È ancora molto prima dell’alba.” Un cingolato simile a una sfinge chiama il suo nome dicendo: “Non chiederlo, il monaco è ubriaco. Ognuno di noi sta cercando di raggiungere la cima delle scale, una via d’uscita ci attenderà lì. ” Non chiedendo come può muoversi liberamente, il nostro eroe attraversa audacemente la porta. Dietro un tavolo carico di cibo c’è una scala a chiocciola che sale nel soffitto.

 

In cima alle scale trova una camera. È quasi un emisfero con moltissime porte tutt’intorno alla sua circonferenza. C’è una grande folla, rannicchiata in vari gruppi. Dalle urla, Rael scopre che ci sono 32 porte, ma solo una che conduce fuori. Le loro voci diventano sempre più forti fino a quando Rael urla “Stai zitto!” C’è un momento di silenzio e poi Rael si concentra mentre indirizzano i loro consigli e i loro comandi alla nuova recluta trovata. Alimentato con la spazzatura, alimentato con la cenere, il maestro del puzzle deve muoversi più velocemente. Rael vede un angolo tranquillo e vi si precipita. Sta accanto a una donna di mezza età, con una pelle molto pallida che parla tranquillamente con se stessa. Scopre che è cieca e chiede una guida. “A che serve una guida se non hai un posto dove andare” chiede Rael. “Ho un posto dove andare”, risponde “se mi porti attraverso il rumore, Ti mostrerò. Sono una creatura delle caverne e seguo il modo in cui soffiano le brezze. ”

 

La conduce dall’altra parte della stanza e lasciano la folla, che congedano la loro partenza per non riuscire. Quando attraverso la porta, la donna conduce Rael lungo il tunnel. La luce della camera presto svanisce e, nonostante il suo passo sicuro, Rael spesso inciampa nell’oscurità.

 

Dopo una lunga camminata arrivano in quella che Rael giudica una grande caverna rotonda, e lei parla una seconda volta chiedendogli di sedersi. Sembra un trono di pietra fredda.

 

“Rael, siediti qui. Verranno presto per te. Non aver paura. ” E non riuscendo più a spiegare se ne va. Affronta di nuovo la sua paura.

 

Un tunnel è illuminato alla sua sinistra e inizia a tremare. Man mano che diventa più luminoso, sente un ronzio non metallico. La luce sta diventando dolorosamente luminosa, riflettendo come bianco dalle pareti fino a quando la sua vista si perde in una sorta di cecità della neve. Si fa prendere dal panico, cerca una pietra e la lancia nel punto più luminoso. Il suono di vetri infranti risuona intorno alla caverna.

 

Man mano che la sua vista viene ripristinata, vede due guanti d’oro di circa un piede di diametro che si librano lungo il tunnel. Quando scompaiono, una crepa clamorosa si diffonde sul tetto e collassa intorno a lui. Il nostro eroe è di nuovo intrappolato.

 

“Eccolo” pensa, non riuscendo a muovere nessuna delle rocce cadute. Non c’è molto spettacolo per un creolo sotterraneo mentre cammina attraverso le porte di Sheol. “Avrei preferito essere cacciato in mille pezzi nello spazio, o riempito di elio e galleggiato sopra un mausoleo. Non è questo il modo di pagare le mie ultime quote di nostalgia sotterranea. Ad ogni modo, sono fuori dalle mani di qualsiasi imbalsamatore pervertito che fa la sua interpretazione di come dovrei apparire, infilandomi il suo batuffolo di cotone nelle guance. ”

 

Esausto da tutte queste congetture, il nostro eroe ha la possibilità in una vita di incontrare il suo eroe: la morte. La morte indossa un leggero travestimento, ha realizzato l’abito da solo. Lo chiama “Anestesista soprannaturale”. Alla morte piace incontrare persone e vuole viaggiare. La morte si avvicina a Rael con il suo speciale contenitore, rilascia un tiro e sembra allontanarsi contento nel muro.

 

Rael si tocca il viso per confermare che è ancora vivo. Scrive Morte come illusione, ma nota un denso profumo muschiato sospeso nell’aria. Si sposta nell’angolo in cui l’odore è più forte, scoprendo una fessura tra le macerie attraverso cui entra. Cerca di spostare le pietre e alla fine cancella un buco abbastanza grande da poter strisciare fuori. Il profumo è ancora più forte dall’altra parte e parte per trovare la sua fonte, con un’energia ritrovata.

 

Raggiunge finalmente una piscina di acqua rosa molto decorata. È sontuosamente decorato con rifiniture in oro. Le pareti intorno alla piscina sono ricoperte da un velluto marrone rossiccio su cui cresce il caprifoglio. Dalla nebbia sull’acqua arriva una serie di increspature. Tre creature simili a serpenti nuotano verso Rael. Ogni creatura rettiliana ha la testa e il seno minuscoli di una donna bellissima. Il suo orrore lascia il posto all’infatuazione mentre i loro morbidi occhi verdi mostrano il loro benvenuto. La Lamia lo invita ad assaggiare l’acqua dolce ed è veloce ad entrare in piscina. Non appena ingerisce del liquido, una luminescenza blu pallida gli scivola via dalla pelle. La Lamia lecca il liquido; molto delicatamente all’inizio, ad ogni nuovo tocco, sente il bisogno di dare sempre di più. Impastano la sua carne fino a quando le sue ossa sembrano sciogliersi, e in un momento in cui sente di non poter andare oltre, mordicchiano il suo corpo. Prendendo le prime gocce del suo sangue, i loro occhi si anneriscono e i loro corpi sono scossi. Sconvolto da una passione indifesa, osserva mentre i suoi amanti muoiono. Nel disperato tentativo di portare ciò che resta di loro nel suo essere, prende e mangia i loro corpi e lotta per lasciare il nido dei suoi amanti.

 

Uscendo dalla stessa porta da cui era entrato, trova una sorta di strano ghetto dall’altra parte. Quando lo vedono, l’intera strada di figure distorte scoppiò a ridere. Una delle colonie gli si avvicina. È grottesco in ogni aspetto, una miscela di brutti grumi e ceppi. Le sue labbra scivolano sul mento mentre sorride in segno di benvenuto e offre la sua stretta di mano scivolosa. Rael è un po ‘disilluso, quando lo Slipperman rivela che l’intera colonia è stata attraversata dalla stessa gloriosa tragedia romantica con le stesse tre Lamia, che si rigenerano ogni volta, e che ora Rael condivide il loro aspetto fisico e il loro destino oscuro .

 

Tra i volti contorti degli Slippermen, Rael riconosce ciò che resta di suo fratello John. Si abbracciano. John spiega amaramente che l’intera vita di Slipperman è dedicata a soddisfare la fame infinita dei sensi, che è stata ereditata dalla Lamia. C’è solo una via di fuga; una temuta visita al famigerato Doktor Dyper che rimuoverà la fonte dei problemi, o per dirla in modo meno educato, castrare.

 

Discutono a lungo della fuga ingannevolmente chiamata e decidono di andare insieme a visitare il Doktor. Sopravvivono al calvario e si presentano con le armi offensive in sterili tubi di plastica gialli, con catene d’oro. “La gente di solito li porta al collo”, ha detto il Doktor consegnandoli. “L’operazione non esclude necessariamente di nuovo l’uso della struttura, per brevi periodi, ma ovviamente quando lo si desidera è necessario fornire un preavviso considerevole.” Mentre i fratelli parlano da soli attraverso la loro nuova situazione, un grande corvo nero vola nella grotta, piomba verso il basso, prende il tubo di Rael dalle sue mani e lo porta in aria nel becco. Rael chiama John per accompagnarlo.

 

E lui risponde “Non inseguirò un corvo nero. Quaggiù devi leggere e obbedire ai presagi. C’è un disastro in cui vola il corvo. ” Quindi ancora una volta John deserta suo fratello. L’uccello conduce Rael in uno stretto tunnel, sembra consentirgli di tenersi a distanza chiusa. Ma mentre Rael pensa che potrebbe quasi afferrare l’uccello, il tunnel si apre e termina in un enorme burrone sotterraneo. Casualmente, il corvo fa cadere il suo prezioso carico nelle acque impetuose sul fondo. È abbastanza per far impazzire un povero ragazzo.

 

Vedendo i pericoli della ripida scogliera, il nostro coraggioso eroe si erge impotente e brilla. Segue un piccolo sentiero che corre lungo la cima e osserva il tubo che sale e scende nell’acqua mentre la corrente veloce lo porta via. Tuttavia, mentre cammina dietro un angolo, Rael vede una luce del cielo sopra di lui, apparentemente costruita sulla riva. Attraverso di essa può vedere l’erba verde di casa, beh non esattamente; può vedere Broadway. Il suo cuore, ora un po ‘ispido, è scosso da un’ondata di gioia e inizia a correre, a braccia aperte, verso l’uscita. In questo preciso momento le sue orecchie raccolgono una voce che chiede aiuto. Qualcuno sta lottando nelle rapide sottostanti. È John. Fa una pausa per un momento ricordando come suo fratello lo aveva abbandonato. Quindi la finestra inizia a svanire: è tempo di agire.

 

Si precipita sulla scogliera e si arrampica giù per le rocce. Gli ci vuole molto tempo per scendere in acqua, cercando di tenere il passo con la corrente allo stesso tempo. Mentre si avvicina al bordo dell’acqua vede John perdere forza. Si tuffa nell’acqua fredda. All’inizio viene gettato sulle rocce e tirato sott’acqua da un canale in rapido movimento, che lo porta proprio oltre John, lungo il fiume. Rael riesce ad afferrare una roccia, a tirarsi in superficie e riprendere fiato. Mentre John viene trascinato, Rael si getta di nuovo dentro e lo afferra per un braccio. Colpisce John incosciente e poi si blocca insieme, cavalca le rapide nell’acqua corrente lenta, dove può nuotare in salvo.

 

Ma mentre trascina il corpo inerte di suo fratello sulla riva, lo distende e si spera negli occhi per un segno di vita. Esita barcollando, indietreggiando, perché fissarlo con gli occhi ben aperti non è la faccia di John, ma la sua. Rael non può distogliere lo sguardo da quegli occhi, ipnotizzato dalla sua stessa immagine. Con un rapido movimento, la sua coscienza si sposta da una faccia all’altra, poi di nuovo indietro, fino a quando la sua presenza non è più solidamente contenuta nell’una o nell’altra. In questo stato fluido osserva entrambi i corpi delineati in giallo e lo scenario circostante si scioglie in una foschia viola. Con un’improvvisa ondata di energia su entrambe le colonne spinali, anche i loro corpi si dissolvono finalmente nella foschia. Tutto ciò avviene senza un solo tramonto, senza una sola campana che suona e senza un singolo fiore che cade dal cielo. Eppure riempie tutto con la sua misteriosa presenza inebriante. Dipende da te.

 


Guerra e pace nel pensiero politico di Platone

Nell’antica Grecia, il rapporto tra guerra e pace aveva un significato ambiguo. La guerra era considerata come uno stato normale e la pace era vista solo come un’eccezione o una tregua temporanea durante un conflitto duraturo. Ma anche la pace e la stabilità politica sono state valutate: lo scopo della guerra non è mai stato il totale annientamento dell’avversario. Oltre a questa opposizione, c’era un equilibrio tra guerra e pace in questi tempi e questa concezione, ereditata dai tempi eroici, è durata fino all’inizio della guerra del Peloponneso. Questo evento ha ridefinito il rapporto tra guerra e pace. Il significato del conflitto è passato da polemos, come conflitto codificato tra città, a stasi, come guerra civile. La guerra era meno percepita come qualcosa di positivo e più persone apprezzavano la pace e la stabilità. Il pensiero politico di Platone fu sviluppato in questo contesto come una potenziale risposta a questa ridefinizione del conflitto, nonché alla minaccia di una concezione eccessiva e radicale della guerra. Tuttavia, Platone ha dovuto affrontare una sfida esigente. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori. Nessun regime politico era più in grado di stabilire la pace, quindi Platone aveva bisogno di creare un nuovissimo sistema politico per risolvere i problemi sollevati dalla guerra del Peloponneso. L’obiettivo di questo documento sarà quello di presentare la risposta di Platone a queste sfide politiche dimostrando che la sua risposta è profondamente innovativa per il suo tempo ma anche profondamente radicata in una concezione tradizionale di conflitto che era già obsoleta quando scrisse i suoi capolavori.

introduzione

Platone nacque nel 428/427 a.C. circa e morì nel 348/347 a.C. circa. Era cittadino di Atene ed era un contemporaneo del declino politico e militare di questa città. La causa principale di questo declino fu la guerra del Peloponneso (431-404) tra Atene e i suoi alleati (Lega del Peloponneso) e Sparta e i suoi alleati (Lega Delian). Questo evento cambiò radicalmente la storia di Atene perché la guerra del Peloponneso aveva indebolito irrimediabilmente il potere di Atene causando, all’interno della città, una nuova forma di conflitto chiamata “stasi” (spesso tradotto, in inglese, come “guerra civile”). La principale caratteristica della stasi è la rottura dell’equilibrio tra le diverse parti della città e la porta alla violenza e all’ingiustizia.

Platone fu testimone di gran parte di questi tragici eventi e nelle sue opere (specialmente nella Repubblica e nella Settima Lettera ) è possibile trovare alcune profonde riflessioni sul problema del rapporto tra politica e conflitto. Questa correlazione tra la storia di Atene e la filosofia di Platone è così sorprendente e distintiva che mi porta a porre la seguente domanda: è possibile supporre che Platone abbia cercato, nella sua filosofia, di affrontare alcuni dei problemi più importanti e stimolanti causati dal problemi politici del suo tempo? In altre parole: la filosofia politica di Platone è stata influenzata dal problema della stasi?

Per cercare di rispondere a questa domanda, difenderò la seguente tesi: Platone ha capito che la stasi rappresenta una nuova concezione del conflitto per il sistema politico di Atene e ha sviluppato la sua filosofia politica principalmente per cercare di risolvere questo problema. Più precisamente, mostrerò che la risposta di Platone alla sfida sollevata dalla stasi consiste nell’elaborazione di un nuovo modello politico di città (chiamato kallipolis e descritto nella Repubblica) e nella creazione di una classe di guerrieri chiamati “guardiani” incaricati di impedire che la stasi si ripeta.

Per difendere questa tesi, procederò secondo tre fasi principali. In primo luogo, chiarirò quali erano i principali problemi politici e militari dovuti alla stasi ai tempi di Platone. Quindi, presenterò la risposta di Platone a questi problemi (specialmente nella Repubblica). Infine, mostrerò i limiti delle risposte di Platone al problema della stasi.

La visione di Platone sulla crisi politica di Atene

Il pensiero politico di Platone fu influenzato dai cambiamenti politici verificatisi nel mondo greco tra la fine del V secolo e l’inizio del IV secolo a.C. In questo primo passo, sottolineerò come questi cambiamenti abbiano influenzato profondamente Platone.

La crisi di Atene come preludio alla filosofia politica di Platone

La guerra del Peloponneso e le sue conseguenze ad Atene, regnano i Trenta tiranni, rappresentano un grande divario nella storia di Atene. Da questo punto in poi, la concezione della guerra e della pace nel mondo greco è radicalmente cambiata da quella antica, basata su “polemos” (guerra codificata tra città), a una nuova basata sulla “stasi” (guerra civile).

Nell’antica Grecia la polemos era uno stato normale. Anche se la pace è stata elogiata, è stata concepita come uno stato temporaneo. La guerra, al contrario, era un aspetto normale della vita politica delle città. Polemos permise alle città di guadagnare potere indebolendo altre città, ma seguì una rigida codificazione, avvenendo solo durante una certa parte dell’anno. Polemos non fu una guerra di conquista o di sottomissione perché nessuna città aveva il potere di distruggere totalmente le altre città. I guerrieri dovevano rispettare un certo codice d’onore impedendo loro di schiavizzare gli avversari o saccheggiare i santuari. Per riassumere, questo tipo di conflitto era usato per garantire stabilità tra le città impedendo a una di esse di diventare troppo potente e dominare le altre.

La guerra del Peloponneso sfidò completamente questo modello di polemos e stabilì la stasi come una nuova concezione del conflitto come guerra totale. La stasi non si preoccupa più di mostrare etica o onore militare. Al contrario, si concentra solo sull’annientamento dell’avversario. Questo spostamento è profondamente radicato nei cambiamenti politici avvenuti nel V secolo a.C. In quel momento, Atene sconfisse gli eserciti persiani e stabilì la sua egemonia sulle altre città greche creando la Lega Delian, una coalizione militare controllata da Atene per aumentare il suo potere sulle altre città. Vista la situazione, Sparta, come principale avversario di Atene, dichiarò guerra ad Atene nel 431. Questo fu l’inizio della guerra del Peloponneso, che si concluse nel 404 con la sconfitta di Atene.  Questa guerra fu cruciale nella storia dell’antica Grecia perché, per la prima volta, il conflitto non avvenne tra guerrieri greci e non greci, ma tra i greci. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia. È un passaggio radicale da un vecchio sistema di conflitto incentrato su un nemico esterno (polemos) a un nuovo tipo incentrato sulla lotta per la supremazia tra le città greche. Questo spostamento causò un vero trauma per Atene, che fu ancora più significativo da quando gli eserciti ateniesi furono sconfitti da Sparta nel 404 e un nuovo regime politico, i Trenta tiranni, fu istituito in sostituzione della democrazia. I trenta tiranni presero il potere, uccisero i partigiani della democrazia e diffusero la guerra civile in tutta Atene fino al 403, quando fu ristabilita la democrazia.

In solo mezzo secolo, la concezione del conflitto cambiò radicalmente. Il conflitto non riguardava più la lotta contro una minaccia aliena, ma la guerra civile, la guerra tra persone che condividevano la stessa cultura (o, peggio ancora, persone della stessa città). Questo contesto costituisce la base del pensiero politico di Platone e mostra quanto fosse urgente definire una nuova concezione di guerra e pace per Atene al fine di evitare una nuova era di conflitti.

La visione di Platone sulla situazione politica del suo tempo

Platone era un giovane uomo subito dopo la sconfitta ateniese e durante il dominio dei Trenta tiranni. Assistendo a questa tragica era, Platone si rese conto di quanto potesse essere pericolosa la stasi per la città. Da questo, ha iniziato a elaborare le proprie riflessioni su quello che dovrebbe essere il miglior sistema politico per Atene al fine di evitare che eventi così tragici si ripetano. Il nucleo delle sue riflessioni sulle profonde connessioni tra politica, stasi e filosofia si trova nella Settima Lettera. Questa lettera può essere considerata la biografia filosofica di Platone. All’inizio di questa lettera, Platone descrive la sua vita come un giovane nato ad Atene e ci racconta come fosse disgustato dalla successione di diversi regimi politici ad Atene e dal fatto che tutti questi regimi non erano in grado di combattere l’ingiustizia e violenza e, infine,

Quando ero giovane avevo la stessa ambizione di molti altri: pensavo di entrare nella vita pubblica non appena avevo raggiunto la maggiore età. E alcuni avvenimenti negli affari pubblici mi hanno favorito, come segue. La costituzione che allora avevamo, essendo un anatema per molti, fu rovesciata; e fu istituito un nuovo governo composto da cinquantuno uomini, due gruppi – uno su undici e l’altro su dieci – per sorvegliare il mercato e svolgere altri compiti necessari rispettivamente in città e nel Pireo, e sopra di loro trenta altri ufficiali con poteri assoluti. Alcuni di questi uomini erano miei parenti e conoscenti e mi hanno invitato a unirmi a loro in quella che sembrava un’impresa adeguata. Il mio atteggiamento nei loro confronti non è sorprendente, perché ero giovane. Pensavo che avrebbero condotto la città fuori dalla vita ingiusta che stava vivendo e l’avrebbero stabilita sulla strada della giustizia, così che li osservavo con impazienza di vedere cosa avrebbero fatto. Ma mentre li guardavo dimostrarono in breve tempo che la precedente costituzione era stata una cosa preziosa. Tra le altre loro azioni hanno chiamato Socrate, un mio vecchio amico che non dovrei esitare a chiamare l’uomo più giusto di quel tempo, come uno di un gruppo inviato ad arrestare un certo cittadino che doveva essere messo a morte illegalmente, pianificando così rendere Socrate, volenti o nolenti, parte delle loro azioni. Ma ha rifiutato, rischiando il massimo pericolo piuttosto che essere associato nelle loro azioni empie. Quando ho visto tutto questo e altri come cose di non poca conseguenza, sono rimasto sconvolto e mi sono ritirato da quel regno di ingiustizia. Non molto tempo dopo fu rovesciata la regola dei Trenta e con essa l’intera costituzione; e ancora una volta ho sentito il desiderio, sebbene questa volta meno fortemente, di prendere parte agli affari pubblici e politici. Ora, durante quei giorni travagliati accaddero molte cose deplorevoli, e non sorprende che sotto la copertura della rivoluzione si vendicassero troppe vecchie inimicizie; ma in generale quelli che tornarono dall’esilio agirono con grande moderazione. Per caso, tuttavia, alcune persone potenti hanno portato in tribunale questo stesso amico Socrate, preferendo contro di lui un’accusa più spudorata, e che lui, tra tutti gli uomini, meritava di meno. Poiché i pubblici ministeri lo accusarono di empietà, e la giuria lo condannò e mise a morte l’uomo stesso che, nel momento in cui i suoi accusatori erano essi stessi in disgrazia ed esilio, si era rifiutato di partecipare all’arresto ingiusto di uno dei loro amici. Più riflettevo su ciò che stava accadendo, su che tipo di uomini erano attivi in ​​politica, sullo stato delle nostre leggi e dei nostri costumi, e più crescevo, più mi rendevo conto di quanto fosse difficile gestire giustamente gli affari di una città. Perché vidi che era impossibile fare qualsiasi cosa senza amici e fedeli seguaci; e trovare uomini pronti a portata di mano sarebbe stato un vero colpo di fortuna, poiché la nostra città non era più guidata dalle usanze e dalle pratiche dei nostri padri, mentre addestrarne di nuovi era tutt’altro che facile. E la corruzione delle nostre leggi scritte e dei nostri costumi procedeva a una velocità così sorprendente che mentre all’inizio ero stato pieno di zelo per la vita pubblica, quando notai questi cambiamenti e vidi quanto tutto fosse instabile, alla fine divenni abbastanza stordito; e sebbene non smettessi di riflettere su come si potesse ottenere un miglioramento nelle nostre leggi e nell’intera costituzione, tuttavia mi sono trattenuto dall’azione, aspettando il momento giusto (kairos). Alla fine sono giunto alla conclusione che tutti gli stati esistenti sono mal governati e la condizione delle loro leggi praticamente incurabile, senza qualche rimedio miracoloso e l’assistenza della fortuna; e fui costretto a dire, in lode della vera filosofia, che solo dalla sua altezza era possibile discernere quale fosse la natura della giustizia, né nello stato né nell’individuo, e che i mali della razza umana non sarebbero mai finiti fino a quando quelli che sono sinceramente e sinceramente amanti della saggezza entrano nel potere politico, o i governanti delle nostre città, per grazia di Dio (théia moira), imparano la vera filosofia.

In questo estratto, Platone fornisce una chiara testimonianza dei tempi difficili dopo la sconfitta ateniese e di come la democrazia fu sostituita dai Trenta tiranni. Spiega quindi come, alla fine, la democrazia sia stata ripristinata. Ma è più di una semplice testimonianza storica. Invece di descrivere semplicemente i fatti, Platone riflette anche sul modo di trovare un nuovo e migliore sistema politico per Atene. La sua riflessione può essere descritta in base a tre aspetti principali.

Innanzitutto, il pensiero politico di Platone è collegato alla storia. Il suo pensiero non consiste in una riflessione astratta su quello che dovrebbe essere il miglior regime politico in teoria, ma piuttosto nella ricerca di quello che potrebbe essere il miglior regime per Atene in base al contesto storico, politico e militare del suo tempo. Questo spiega perché Platone era, all’inizio, a favore dei Trenta tiranni perché pensava che sarebbero stati migliori del regime democratico che ha portato Atene alla sua perdita. Spiega anche perché Platone si era opposto ai Trenta tiranni dopo aver realizzato che questo regime era molto peggio della democrazia diffondendo la stasi all’interno della città. Ma quando è stata ristabilita la democrazia, questo sistema ha condannato a morte Socrate, portando Platone a ritirarsi da qualsiasi ambizione politica e ad aspettare circostanze migliori.

Questo fatto è strettamente collegato alla definizione di un criterio per il suo progetto politico: la giustizia. Platone non è mosso dall’ambizione egoistica di opportunismo, piuttosto vuole davvero trovare un modo per porre fine ai conflitti che devastano la città. Ogni tentativo di rivoluzione politica dovrà basarsi sulla giustizia come principio normativo in grado di ristabilire la pace all’interno della città. Pertanto, questo principio dovrà essere chiaramente definito e spiegato da Platone.

Il terzo aspetto della riflessione di Platone consiste nell’elaborazione di una serie di concetti filosofici al fine di cercare di risolvere il problema della stasi. Ci sono due concetti principali qui: kairos e théia moira. Kairos può essere definito come l’arte della congiuntura per lo statista. Un’azione politica avrà successo solo se si realizza nel giusto contesto (ad esempio: avere abbastanza persone dalla tua parte per supportarti) e al momento giusto. Tuttavia, è molto difficile trovare tali condizioni perché Platone descrive Atene come “praticamente incurabile”. Gran parte degli statisti e dei cittadini era stata profondamente corrotta dai precedenti regimi politici. Pertanto, per riformare la città, Platone dovrà prima concepire un modello politico in grado di proteggere i cittadini dall’ingiustizia. Ma come può una città corrotta che produce persone corrotte salvarsi da sola senza uomini virtuosi e non corrotti in grado di riformarla? Per far fronte a questa sfida, Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. Platone propone l’ipotesi dei re filosofi alla fine del testo. Secondo questa ipotesi, un governo virtuoso in grado di ristabilire la giustizia all’interno della città può apparire solo se i filosofi diventano statisti o se gli statisti diventano filosofi. Questo cambiamento radicale è possibile, secondo Platone, solo grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi. secondo Platone, grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia per porre fine alla stasi. secondo Platone, grazie alla “grazia di Dio” (“théia moira”) come aiuto divino. Questo intervento divino consente agli uomini dotati di resistere alla corruzione ambientale della città storica e rendersi conto che la città deve essere governata secondo la giustizia e la filosofia al fine di porre fine alla stasi.

Questa analisi dell’inizio della Settima Lettera mostra che Platone era completamente consapevole della sfida provocata dalla stasi di Atene e che ha cercato di trovare un modo per ristabilire la pace e la giustizia all’interno della città. Tuttavia, qual è l’esatta concezione di giustizia di Platone? Come può essere posta in atto  questa concezione della giustizia? Per riassumere: la filosofia di Platone è davvero in grado di affrontare la sfida presentata dalla crisi storica e politica del suo tempo?

La “Repubblica” di Platone come risposta al problema della stasi

Nella seconda fase di questo articolo, discuterò la risposta di Platone al problema della stasi nella Repubblica. In primo luogo, mostrerò come viene concepita la stasi nella Repubblica e come Platone intende combatterla. Quindi, sottolineerò alcuni problemi nella risposta di Platone alla stasi.

Stasi nella Repubblica

Nella Repubblica Platone definisce la stasi in opposizione a polemos nel seguente testo:

Mi sembra che dato che abbiamo due nomi, “guerra” (polemos) e “guerra civile” (stasi), quindi ci sono due cose e i nomi si applicano a due tipi di disaccordi che sorgono in esse. Le due cose a cui mi riferisco sono ciò che è proprio e affine, da un lato, e ciò che è estraneo e strano, dall’altro. Il nome “guerra civile” si applica alle ostilità con la propria, mentre la “guerra” si applica alle ostilità con estranei.

Questo è certamente il punto.

Quindi vedi se anche questo è importante: dico che la razza greca è propria e affine, ma è strana ed estranea ai barbari. Giusto.

Quindi quando i greci combattono con i barbari o i barbari con i greci, diremo che sono nemici naturali e che tali ostilità devono essere chiamate guerra. Ma quando i greci combattono con i greci, diremo che sono amici naturali e che in tali circostanze la Grecia è malata e divisa in fazioni e che tali ostilità devono essere chiamate guerra civile. Ad ogni modo, sono d’accordo a pensarla in questo modo.

La posizione di Platone è abbastanza chiara. È accettabile solo la polemica come conflitto tra greci e barbari. La stasi deve essere assolutamente evitata. Tuttavia, Platone non riscrive semplicemente ciò di cui ha già discusso nella settima lettera menzionata in precedenza. Questo testo mostra che l’obiettivo della Repubblica è di sbarazzarsi della stasi proponendo un nuovo modello per l’organizzazione della città. Questo nuovo modello sarebbe quindi in grado di stabilire la giustizia e riportare la pace come un equilibrio armonioso tra le diverse parti della città (perché, al contrario, la stasi è ciò che crea una sorta di disarmonia nella città). Pertanto, per sbarazzarsi della stasi, Platone dovrà determinare come stabilire la giustizia come un giusto equilibrio tra le diverse parti della città.

Platone ha cercato di affrontare questa sfida nella Repubblica (370c) sostenendo che la giustizia all’interno della città può avvenire solo se i cittadini svolgono il compito per cui sono più adatti. In effetti, la giustizia è, per Platone, l’istituzione di un’armonia tra tutte le parti della città. Di conseguenza, Platone divide la città in tre parti in base alle capacità naturali dei suoi cittadini: i sovrani, i guardiani e gli ausiliari. Questo modello si chiama kallipolis. Coloro che appartengono alla classe dei guardiani sono guerrieri e atleti ben addestrati, eccellenti nel padroneggiare le tecniche di combattimento e, soprattutto, completamente dediti a difendere la città dai nemici dall’esterno per garantire giustizia. In altre parole, praticheranno solo polemos e non stasi.

Nel contesto della Repubblica, la soluzione di Platone sembra ambigua. Innanzitutto, è sorprendente affermare di assicurare la pace creando una classe di guerrieri. Quindi, Platone sembra raffigurare questi guardiani secondo standard che non esistono più ai suoi tempi. Paragona anche questi guerrieri agli eroi dei tempi arcaici e omerici. In questo senso, Platone vuole davvero provare a risolvere i problemi politici e militari del suo tempo? O preferisce riutilizzare una vecchia e forse obsoleta concezione di guerra e guerrieri?

Le ambiguità della risposta di Platone alla stasi

L’ipotesi di Platone di evitare la stasi creando una classe di cittadini dedicata alla difesa della città è sconcertante perché è collegata a riferimenti e codici, che sembrano essere obsoleti all’inizio del IV secolo a.C. Per sostenere questa obiezione, diamo un’occhiata all’antica storia greca. Secondo Claude Mossé, il tempo di Platone era caratterizzato dall’estensione dei compiti militari alle classi inferiori di cittadini e dal crescente significato della guerra navale. In effetti, la guerra all’inizio del IV secolo a.C. non era più il privilegio di pochi cittadini o un modo per gli uomini di dimostrare le proprie capacità, ma piuttosto un modo per la città di stabilire il proprio dominio sui suoi nemici. Questo cambiamento coincide con l’ascesa della guerra navale nel mondo greco e la mobilitazione dei cittadini più poveri durante i conflitti (ad esempio, i cittadini più poveri furono incatenati nelle galere). Al contrario, non esiste tale fenomeno nella Repubblica di Platone. La guerra non è per tutti ma solo per i guardiani che dimostrano le migliori qualità per questo.

Inoltre, Platone si riferisce alla tradizione omerica per descrivere questi guardiani. Ad esempio, Platone confronta gli onori dati ai guardiani con quelli assegnati ad Achille nell’Iliade (VII, 321–322):

In effetti, anche secondo Omero, è giusto onorare in tal modo quei giovani che sono buoni, perché dice che l’Ajax, quando si è distinto nella battaglia, “è stato premiato con il lungo taglio della spina dorsale”. E questo è un onore appropriato per un giovane coraggioso, dal momento che lo onorerà e aumenterà la sua forza.

In effetti, è possibile pensare che Platone, invece di cercare di creare un nuovo modello di guerriero in grado di affrontare i problemi di stasi contemporanei, preferisca fare riferimento a vecchi modelli potenzialmente obsoleti nella guerra post-Peloponnesiana ad Atene.

Per riassumere, Platone, al fine di risolvere il problema della stasi, suggerisce una soluzione altamente discutibile perché è profondamente radicata nelle concezioni antiche e potenzialmente obsolete della guerra. Questo fatto è cruciale perché riguarda la capacità della filosofia di Platone di affrontare il problema della stasi. Platone ha fallito? O è possibile trovare un modo per spiegare la sua scelta nella Repubblica? Vediamo come è possibile difendere la posizione di Platone.

Forza e debolezza della posizione di Platone sulla stasi

Anche se Platone era davvero bravo a osservare e descrivere la situazione storica del suo tempo, il suo piano per riformare Atene è discutibile poiché usa modelli di un’epoca passata. Tuttavia, è possibile trovare un modo per spiegare la posizione di Platone?

Un’eredità omerica e arcaica fu identificata nella concezione della guerra di Platone nella Repubblica. Tuttavia, alcune parti di questo dialogo mostrano che Platone non è pienamente a favore di questo retaggio ed è per questo che la sua posizione deve essere attentamente analizzata. Ci sono alcuni indizi nel dialogo che mostrano che il riferimento di Platone alla tradizione omerica e arcaica non è incondizionato.

In primo luogo, Platone ha, soprattutto nel secondo e nel terzo libro della Repubblica, un atteggiamento molto critico nei confronti della tradizione omerica. Ad esempio, quando Socrate e i suoi compagni esaminano che tipo di modelli dovrebbero essere usati per l’educazione dei bambini, condannano la tradizione omerica perché mostra uomini che agiscono da codardi o mancano di coraggio (387d-388d). È facile capire che tali modelli non possono essere usati per crescere i bambini che diventeranno i guardiani della città. Pertanto, il riferimento di Platone alla tradizione omerica deve essere considerato attentamente. Certamente, i guardiani sono paragonati agli eroi omerici e condividono valori con i guerrieri dei tempi omerici, ma non sono essi stessi guerrieri omerici.

Quindi, c’è un altro indizio che mostra che Platone è piuttosto critico nei confronti della tradizione omerica e arcaica: gli eroi di Omero e i guardiani di Platone non condividono le stesse motivazioni. I guerrieri omerici sono motivati ​​dai kléos. Kléos è un elemento importante del codice eroico omerico. Rappresenta la reputazione di coraggio e coraggio che il guerriero mira a ottenere esponendo la sua vita al pericolo sul campo di battaglia.  È essenzialmente un fenomeno individuale. Kléos è l’onore supremo che un guerriero può ottenere. Il guerriero combatte per il proprio orgoglio, per se stesso e non per la comunità. Al contrario, nella Repubblica di Platone, i guardiani vivono in comunità e il loro compito è quello di mantenere l’equilibrio, la pace e la felicità all’interno delle diverse parti della città, come affermato da Socrate nel seguente estratto:

Nell’istituire la nostra città, non miriamo a rendere tutti i gruppi straordinariamente felici, ma a rendere l’intera città così, per quanto possibile. Pensavamo che avremmo trovato la giustizia più facilmente in una città del genere e un’ingiustizia, al contrario, in quella che è governata peggio e che, osservando entrambe le città, saremmo stati in grado di giudicare la domanda in cui ci eravamo posti per così tanto tempo. Ci prendiamo, quindi, di modellare la città felice, non di scegliere alcune persone felici e di inserirle, ma di rendere felice l’intera città.

Il progetto Platonico mira a stabilire la felicità nella città attraverso la giustizia e non a valorizzare l’orgoglio individuale o il kléos. Più in generale, Platone non si riferisce alla tradizione omerica in modo nostalgico o ingenuo. I guardiani si dedicano alla difesa della città contro il dissenso interno (stasi) e i nemici dall’esterno (polémos). Creando una tale classe militare, l’obiettivo di Platone non era quello di valorizzare la guerra e il conflitto per se stessi, ma solo di rispondere a un problema del suo tempo: il pericolo della stasi. Ma perché Platone ha scelto di fare riferimento alla tradizione omerica se è anche abbastanza critico nei suoi confronti? Secondo me, Platone si riferisce alla tradizione omerica più per rendere comprensibile la sua opinione al più vasto pubblico che per rendere un omaggio incondizionato e ingenuo a Omero. È un modo per mantenere un continuum tra i vecchi modelli e i nuovi modelli che vuole creare. Platone è consapevole che qualsiasi tentativo di brutale rivoluzione in città porterà al disastro proprio come hanno fatto i Trenta Tiranni. Ripristinare la pace e l’equilibrio all’interno della città è possibile solo attraverso le riforme, e non la guerra, poiché Platone avverte chiunque sia disposto a cambiare la città attraverso una rivoluzione Settima lettera :

Lascia che non usi la violenza sulla sua patria per provocare un cambio di costituzione. Se ciò che ritiene migliore può essere realizzato solo dall’esilio e dal massacro degli uomini, lascia che mantenga la sua pace e prega per il benessere di se stesso e della sua città.

La filosofia politica di Platone qui è profondamente connessa ai problemi del suo tempo. Sicuramente, la guerra del Peloponneso e le sue conseguenze, il regime dei Trenta Tiranni, furono catastrofiche per Atene. Tuttavia, forzare le persone a un cambio di regime, anche se questo regime è teoricamente migliore, porterà senza dubbio al disastro e al caos.

Conclusione

In questo documento, ho cercato di mostrare come Platone avesse preso in considerazione il problema della stasi e abbia cercato di risolverlo nella sua filosofia politica.

Per raggiungere questo obiettivo, Platone ha sviluppato un nuovo modello di città (la kallipolis) basato su una rigida divisione dei compiti tra tre principali categorie di cittadini che dovrebbero garantire giustizia all’interno della città. Una di queste categorie, i guardiani, era dedicata alla difesa della città e al mantenimento della pace e della giustizia.

Tuttavia, la definizione di questa classe di guardiani era ampiamente basata su una tradizione e un retaggio omerici e arcaici. Questo aspetto è problematico e contraddittorio. Come è possibile per Platone cercare di risolvere un problema causato dalle circostanze storiche del suo tempo riutilizzando valori ed esempi relativi a un’epoca passata? La chiave è che Platone si riferisce a una vecchia tradizione per discutere del suo progetto politico e non elogia incondizionatamente i valori obsoleti. Al contrario, cerca di stabilire un continuum tra i tempi antichi e contemporanei. Proporre tale soluzione altrove sarebbe stato fatale per il suo progetto di rinnovamento del sistema politico di Atene e sarebbe stato un fallimento per il suo desiderio di stabilire la pace e la felicità in città.


The Freewheelin ‘Bob Dylan

L’album The Freewheelin ‘Bob Dylan,  pubblicato nel 1963, servì da catalizzatore distinto per il cambiamento nel movimento per i diritti civili e il movimento contro la guerra contro il Vietnam. All’interno del disco, le canzoni “Blowin ‘in the Wind” e “Masters of War” sono diventati  inni rinomati per la pace e l’uguaglianza per il pianeta. Sfortunatamente, tra questi brani famosi una delle parti più importanti della registrazione LP ha ricevuto poca attenzione. The Freewheelin ‘Bob Dylan contiene non solo una raccolta di potenti canzoni di protesta, ma anche l’album di registrazione fisica e la copertina aggiungono significato e profondità all’opera grazie all’immagine ritratta  e alle descrizioni dettagliate di Bob Dylan sulla musica descritta sul retro.

La copertina anteriore offre una fotografia di Bob Dylan e della sua ragazza all’epoca, Suze Rotolo, rannicchiati insieme mentre camminano lungo una strada cittadina al freddo. Questa semplice e silenziosa immagine riflette le idee dei testi e nel suono di Dylan – una scossa urgente verso la pace e l’amore e lontano dalla guerra e dai conflitti – che prevalgono in questa raccolta di canzoni. L’immagine visiva di questa copertina dà il tono alla musica contenuta all’interno. La qualità e il significato dell’album e delle canzoni diventano più chiari e l’immagine migliora il messaggio di Dylan dando all’ascoltatore un’immagine visiva dello scrittore in pace con se stesso.

 

l dettaglio e il significato aggiuntivi forniti dal commento e dalle immagini sulla copertina di The Freewheelin ‘Bob Dylan danno una concretezza e un significato più profondo all’album.La copertina posteriore  offre una raccolta di informazioni dettagliate, con paragrafi che descrivono segmenti del testo di ogni canzone, il perché Dylan ha scritto la canzone, da dove proviene la sua ispirazione per la canzone, il quando ha scritto la canzone o ciò che intende esprimere nella canzone. La vera passione di Dylan per il movimento per i diritti civili e il suo odio per la guerra in Vietnam sono amplificati dal suo commento. Le sue canzoni protestano contro la guerra e sostengono i diritti civili in modo “onnipresente” e “inafferrabile”, quindi questa informazione rende più chiaro il lavoro .Ad esempio, Dylan descrive la sua canzone “Masters of War” come una “canzone di sciopero, una reazione all’ultima goccia, una sensazione di cosa puoi fare?” La prospettiva di Dylan consente al lettore di comprendere le proprie emozioni, motivazioni e reazioni agli eventi del suo tempo. Dichiara che generalmente “non canta canzoni che sperano che la gente muoia, ma non potrei farne a meno in questo.” La combinazione della sua descrizione dell’intenzione di “Masters of War” e la confessione della sua rabbia danno alla canzone uno sfondo che potrebbe non essere stato stabilito solo dai testi per l’ascoltatore. Inoltre, Dylan afferma sulla descrizione di “Blowin ‘In the Wind”, “Ho solo 21 anni e so che ci sono state troppe guerre”. Ciò consente all’ascoltatore di comprendere più profondamente le idee di Dylan a causa dell’espansione dei testi che dà. “Blowin ‘in the Wind” diventa un’affermazione personale con un’intenzione specifica piuttosto che una canzone popolare alla radio. Il disco è una parte preziosa della fonte primaria perché rende l’album più profondo di una semplice registrazione fornendo la prospettiva e l’intuizione che Dylan aveva scritto l’album.


Video

Platone – Parmenide


Riflessioni sulla libertà e legislazione nelle leggi di Platone

Sviluppo e difendo una nuova interpretazione della legislazione nell’opera finale di Platone, le leggi. Platone sottolinea il libero status dei cittadini, affermando che l’ideale appropriato per una comunità politica composta da individui liberi è la deferenza volontaria alla legge. Esamino l’affermazione di Platone secondo cui, al fine di legiferare in conformità con questo libero status, il legislatore dovrebbe allegare preamboli alle leggi, spesso chiamati preludi legali. Critico due punti di vista importanti sullo scopo dei preludi: uno che sostiene che il loro scopo è quello di rendere saggi i singoli cittadini attraverso la persuasione razionale, e uno che sostiene che il loro obiettivo è quello di produrre conformità con mezzi non razionali. Sostengo che entrambi questi punti di vista hanno trascurato l’importante collegamento tra l’uso dei preludi e il loro scopo dichiarato, che è quello di considerare l’ascoltatore come libero. Anziché, Difendo la mia visione del loro scopo: i preludi promuovono la volontaria obbedienza alle leggi sulla base della loro saggezza, sebbene non influenzino la comprensione delle ragioni alla base della legge. Se interpretati in questo modo, i preludi legali dimostrano una preoccupazione per il tipo di libertà disponibile per i cittadini ai sensi della legge. Il valore di questa libertà non è riducibile all’obiettivo del legislatore di promuovere il benessere dei singoli cittadini attraverso una regola intelligente, sebbene il valore della libertà sia subordinato a una regola intelligente. L’interpretazione che difendo rappresenta quindi una nuova teoria di come un ordine giuridico coercitivo possa mirare sia alla felicità che alla libertà dei cittadini. Se interpretati in questo modo, i preludi legali dimostrano una preoccupazione per il tipo di libertà disponibile per i cittadini ai sensi della legge. Il valore di questa libertà non è riducibile all’obiettivo del legislatore di promuovere il benessere dei singoli cittadini attraverso una regola intelligente, sebbene il valore della libertà sia subordinato a una regola intelligente. L’interpretazione che difendo rappresenta quindi una nuova teoria di come un ordine giuridico coercitivo possa mirare sia alla felicità che alla libertà dei cittadini. Se interpretati in questo modo, i preludi legali dimostrano una preoccupazione per il tipo di libertà disponibile per i cittadini ai sensi della legge. Il valore di questa libertà non è riducibile all’obiettivo del legislatore di promuovere il benessere dei singoli cittadini attraverso una regola intelligente, sebbene il valore della libertà sia subordinato a una regola intelligente. L’interpretazione che difendo rappresenta quindi una nuova teoria di come un ordine giuridico coercitivo possa mirare sia alla felicità che alla libertà dei cittadini.

L’idea di Platone di democrazia che fu concettualizzata intorno al 300 a.C. è abbastanza diversa dalla comprensione attuale della democrazia. Secondo Platone, la democrazia ha origine “quando i poveri vincono, uccidono o esiliano i loro avversari e danno agli altri pari diritti civili e opportunità di carica, con la nomina a carica di regola a sorte” (Platone, p. 292). In altre parole, per Platone solo i re filosofi avevano il diritto di governare una società e a parte loro la gente comune veniva percepita come barbara e non degna di governare. La percezione di Platone della democrazia era modellata dal suo background aristocratico. Per lui solo l’élite che era descritta come “oro” aveva il diritto di governare le persone normali che secondo Platone erano destinate a essere governate. Nella parola Platone, l’elite è una persona che nasce con la capacità e l’abilità di essere “oro”.

Platone credeva che chiunque non avesse doni eccezionali non potesse diventare un uomo buono se non fosse stato educato fin dall’infanzia in un buon ambiente e addestrato in buone abitudini. Platone afferma che “la democrazia con un gesto complicato spazza via tutto questo” (Platone, p. 294) e non si preoccupa di quali siano le abitudini e il background del suo politico; purché si professino amici della gente, vengono debitamente elogiati.

Le ragioni principali per cui Platone non vuole che le persone siano al potere sono le seguenti: in primo luogo, afferma che “le persone sono libere, c’è libertà e libertà di parola in abbondanza e ogni individuo è libero di fare ciò che gli piace” (Platone , p 295). Pertanto, le persone abuseranno della massima libertà e questo porterà lo stato al caos e all’instabilità. Platone si riferisce alla democrazia come “una forma anarchica piacevole della società” (Platone, p. 294) con molta varietà, che considera tutte le persone uguali, siano o meno uguali. In una società anarchica non c’è protezione dei diritti fondamentali delle persone e del caos completo. In una tale società senza legge e ordine, la violenza dilagerebbe e porterebbe inevitabilmente all’oppressione e alla tirannia.

In secondo luogo, dal punto di vista di Platone, una società democratica è un luogo di “caccia alla costituzione” in cui sono disponibili una moltitudine di costituzioni basate sugli interessi degli individui. Platone dice “è un negozio in cui si trovano molti modelli da mostrare” (Platone, p. 293). Nella parola di Platone, modello significa costituzioni intendono le leggi che le persone hanno creato da sole e che usano in base ai propri interessi. Mette in guardia dal lasciare le persone con i propri interessi. Pertanto, possiamo concludere che secondo Platone alla fine porta all’anarchia e alla tirannia in uno stato. In una società anarchica non esiste una legge e la persona potente è il leader. Ha la sua legge e la accoglie sulle persone. Fa “ciò che gli piace di più” e diventa un tiranno. Per evitare che una società diventi anarchia, dovremmo avere una regolamentazione su quella società.

Penso che ci sia bisogno di regolamentazione all’interno dello stato di diritto in una società democratica, ma Platone lo definisce in modo diverso. Secondo me, ogni cittadino di uno stato ha uguali diritti e responsabilità nei confronti del suo paese, simili alla parte d’élite (re filosofo) della società. Nella democrazia contemporanea, a differenza del tempo di Platone, l’intero potere appartiene alle persone. Tuttavia, Platone vuole che lo stato sia governato solo dal “re filosofo”, quindi negando i diritti di altri cittadini dello stato; questo rappresenta il nodo sul quale pensare  in riferimento all’idea di democrazia contemporanea.


Noam Chomsky & Michel Foucault – Sulla natura umana (On human nature)

Qual è il nostro ruolo nella giustizia sociale come sociologi applicati? In questo grande dibattito del 1971, Michel Foucault e Noam Chomsky non sono d’accordo sulle qualità fondamentali della “natura umana” e sul compito chiave delle scienze sociali nell’aiutare l’umanità a raggiungere il suo potenziale collettivo. Chomsky ritiene che le scienze sociali dovrebbero elaborare un quadro per una società ideale in cui fioriranno creatività, libertà e scoperta scientifica. Vede che è nostro compito aiutare a mettere in atto questo piano.

Foucault sostiene che non esiste un concetto ideale di giustizia sociale che possa essere applicato universalmente. Invece, nota che gli scienziati sociali hanno il compito di criticare le istituzioni sociali e le relazioni di potere in diverse società.

È interessante notare che la prospettiva di Foucault riflette la sociologia accademica (con un’enfasi sulla critica delle istituzioni sociali), mentre l’argomento di Chomsky è più vicino alla sociologia applicata! I sociologi applicati lavorano con le organizzazioni politiche e comunitarie per influenzare le organizzazioni e le pratiche della giustizia.

Foucault dice:

… uno dei compiti che mi sembrano immediati e urgenti, al di là di ogni altra cosa, è questo: che dovremmo indicare e mostrare, anche dove sono nascosti, tutte le relazioni del potere politico che controllano effettivamente il corpo sociale e opprimono o reprimilo. Quello che voglio dire è questo: è consuetudine, almeno nella società europea, considerare che il potere è localizzato nelle mani del governo e che viene esercitato attraverso un certo numero di istituzioni particolari, come l’amministrazione, il polizia, esercito e apparato dello stato … Ma credo che il potere politico si eserciti anche attraverso la mediazione di un certo numero di istituzioni che sembrano non avere nulla in comune con il potere politico e come se fossero indipendenti da esso, mentre non lo sono.

Uno lo sa in relazione alla famiglia; e si sa che l’università e in generale tutti i sistemi di insegnamento, che sembrano semplicemente diffondere la conoscenza, sono fatti per mantenere una certa classe sociale al potere; ed escludere gli strumenti di potere di un’altra classe sociale. Anche le istituzioni di conoscenza, lungimiranza e cura, come la medicina, aiutano a sostenere il potere politico. È anche ovvio, fino allo scandalo, in alcuni casi legati alla psichiatria.

Mi sembra che il vero compito politico in una società come la nostra sia quello di criticare il funzionamento delle istituzioni, che sembrano essere sia neutre che indipendenti; criticarli e attaccarli in modo tale che la violenza politica che si è sempre esercitata in modo oscuro attraverso di loro sarà smascherata, in modo che si possa combattere contro di loro.”

 

 


Pasqua 2020 -JESUS ​​CHRIST SUPERSTAR. Una rilettura a-tipica

GESÙ CRISTO SUPERSTAR consente alle persone di vedere Gesù come un essere umano, come loro, che deve affrontare le prove dell’umanità. Il pubblico vede Gesù come emblema di perfezione, ma in grado di leggere  la sofferenza di ogni evento che sfocia  al suo tradimento e alla sua morte.
I messaggi di questa opera rock risuonano per i credenti e i non credenti: la Bibbia offre nelle sue pagine racconti  incredibili di persone che vivono eventi  che cambiano inesorabilmente il mondo. JESUS ​​CHRIST SUPERSTAR è una delle diverse traspsizioni bibliche che narrano il retroscena interpretativo di queste storie. I creatori, Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, esprimono la loro interpretazione di ciò che questa storia significa per le nostre vite. In una nazione divisa, come ci avviciniamo l’un l’altro? Urliamo “crocifiggilo” contro coloro con cui non siamo d’accordo o non comprendiamo, o stiamo al loro fianco e vediamo il mondo attraverso i loro occhi?
Mentre lottiamo con il conflitto del nostro mondo attuale, JESUS ​​CHRIST SUPERSTAR offre l’opportunità di vederci specchiati nell’emozione della storia. Le persone possono relazionarsi con gli apostoli, chiedendosi cosa accadrà a loro se difenderanno ciò in cui credono, o Gesù, sentendosi tradito da coloro che lo circondano, o Giuda, provando rimorso per le sue azioni e lottando per essere visto come un cattivo per stare in piedi per quello che pensava fosse giusto. Entrambi questi personaggi chiedono “perché io?”
” Perchè io? “ e “Perché non io?” … Il tumulto interiore e l’accettazione di una “chiamata” possono essere grandiosi e sconfortanti allo stesso tempo. Questa meditazione incessantemente ripetuta rappresenta una delle più grandi lotte umane di tutti i tempi. 
Il teatro ci offre la capacità di sentire e sperimentare profondamente. Questa storia aggiunge un’esperienza profonda e completa a questa nostra attuale Pasqua 2020. Eric dice: C’è la responsabilità di raccontare una storia così maestosa e importante con grazia, rispetto e cuore”. Lo spettacolo fornisce un’interpretazione all’ignoto retroscena psichico e personale che si verifica durante questi eventi, includendo ipotesi su quanto possa  essere stato difficile per ogni personaggio affrontare questa intensa esperienza in qualità di semplici esseri umani che agiscono ed interagiscono un evento enorme, rivoluzionario e divino.
L’incredibile opera rock e il testo quanto mai  contemporaneo consentono al pubblico di oggi di rispecchiare se stesso in questa storia, incoraggiando ciascuno di noi a porsi domande più ampie di fede, leadership e convinzione … il tutto canticchiando insieme ad alcune delle più grandi canzoni mai scritte.

Il chiaroscuro dell’humatitas e suoi principi.

Homo faber fortunae suae.

Appio Claudio Cieco (350–271 a.C.), Sententiae,

 

Ogni mossa intrisa di consapevolezza è un atto straordinario quando sapienza conduce a saper comprendere e distinguere.

Qualunque azione sortisce un buon effetto allorchè si conforma al principio evidente  oltre la logica senza dimostrazione perchè perspicace.

Qualsivoglia insuccesso prova che uno o più qualità necessarie e richieste per uno scopo determinato sono stati considerati con occhio fisico e mentale in modo erroneo.

Il primo requisito per causare un qualunque cambiamento è la completa comprensione sia in riferimento alla classificazione e sia in riferimento a aspetti, caratteri, dati, valori, o al modo di essere delle condizioni.

Il secondo requisito per causare qualunque cambiamento è la capacità pratica di mettere in moto nel modo esatto le forze necessarie, negoziazione e esperienza competente nell’agito

L’essere umano è una stella, Pensiero fulmineo e vettore sociale

Il genere umano ha una rotta, che dipende in parte dalle scelte operate dall’individuo, in parte dall’ambiente che gli è naturale e necessario. Chiunque sia costretto a deviare dalla propria rotta  verso un fine uno scopo, sia perché non comprende se stesso, sia a causa di un superamento, senza confronto efficace e costruttivo perchè unicamente urlato o imposto, entra in conflitto con l’ordine universale, e di conseguenza ne soffre.

La volontà cosciente dell’essere umano allorchè è in contrasto con la sua volontà vera, spreca la propria forza. Non si può sperare di influenzare in modo efficace il suo ambiente; la scelta deve essere congruente al desiderio soppesato secondo criteri di giustizia e temperanza.

L’umano,quando opera secondo la sua vera volontà ha dalla sua l’inerzia dell’universo che lo assiste in ologramma esistenziale.

La Natura è un fenomeno continuo, anche se non sempre sappiamo in che modo le cose sono connesse tra loro; poiché θαυμάζειν rappresenta il nesso essenziale tra modo critico, libero e razionale  per indagare in curiosità la totalità delle cose e di studio tutta la realtà.

La scienza ci consente di approfittare della continuità della Natura mediante l’applicazione empirica di inconfutabili princìpi la cui interazione comporta differenti ordini di idee, connessi l’uno con l’altro in un modo che sta al di là della nostra attuale capacità di comprensione, il stile in gerarchia di dominio sistemico del mondo.

L’essere umano ignora la natura del suo stesso essere e dei suoi poteri. Persino l’idea che ha delle proprie limitazioni è fondata sull’esperienza pregresse, e ogni nuovo passo in avanti nel progresso ingrandisce la sua sfera di dominio circostante. Non v’è quindi ragione di assegnare limiti teorici a ciò che egli può essere o a ciò che può fare;  facoltà che stabilisce autorità e ordine anche in forza di diritto.

Ciascun essere umano è pressochè consapevole che la sua individualità agisce ed influenza parecchi ordini di esistenza, anche quando egli afferma che i suoi princìpi più impercettibili sono solo sintomatici dei cambiamenti che avvengono nel suo veicolo corporale grossolano. Si può dedurre che un ordine identico si estenda in tutta la natura; necessitiamo di un richiamo all’uomo vitruviano e all’humanitas , cognizione che sta minando il senso del vivere

Il genere umano è capace di essere e di usare tutto ciò che percepisce, perché tutto ciò che percepisce è, in un certo senso, una parte del suo essere. Egli può quindi soggiogare l’intero Universo che conosce e nel quale interagisce, sottomettendolo alla sua volontà individuale mediante processi di conoscenza e azione sulle sfere di interesse circostanti Ogni forza dell’Universo può venir trasformata in un’altra specie di sorveglianza ricorrendo a mezzi adatti. Vi è quindi una scorta inesauribile di ogni particolare specie di forza di cui disporre.

L’attuazione di ogni data forza influisce su tutti gli ordini dell’essere che esistono nell’oggetto al quale viene applicata, quale che sia l’ordine direttamente influenzato dal principio personalistico e sussidiarietà

L’umano può apprendere l’uso di qualunque forza in modo da realizzare qualsiasi scopo, servendosi dei teoremi precedentemente esposti in forza di potenza dell’essente

Egli può attrarre a sé ogni forza dell’Universo facendo di se stesso un ambiente naturale o artificiale atto a ricevere o contenere qualcosa adatto, stabilendo con essa una connessione, e disponendo le condizioni in modo che la natura stessa della forza la costringa a fluire verso di lui, esprimendone capacità potenziale dell’essere sensiente

La percezione interna e/o esterna che l’essere umano ha di sé stesso quale forma separata dall’universo e ad esso opposta è un impedimento consistente allo sfruttamento delle sue energie: finisce per imprigionarlo; allora può attirare e utilizzare solo le forze per le quali è davvero adeguatamente preparato ad agire.

Non esistono limiti alla portata delle relazioni tra ogni umano e l’Universo in essenza. Infatti, non appena l’umano si identifica con un’idea, cessano di esistere le misure. Ma il suo potere di utillizzare tale forza è limitato dal suo potere mentale e dalla sua capacità, e dalle circostanze del suo ambiente sociale;

Il genere umano è essenzialmente autosufficiente. Ma è insoddisfacente per se stesso fino a quando non si è posto in antitesi con l’universo di cui è elemento.


Ma’at – Dea del Pantheon Egizio

Dea Ma'at

Ma’at, dea antropomorfa, è forse meglio intesa come idea, ed era centrale nelle concezioni dell’universo, l’equilibrio e ordine divino in Egitto . Il nome Ma’at viene generalmente tradotto come “ciò che è diritto” o “verità”, ma implica anche “ordine”, “equilibrio” e “giustizia”. Così Ma’at personifica perfezione, ordine e armonia. È nata quando Ra è salito dalle acque del Nun (Caos) e così è stata spesso descritta come una figlia di Ra. E ‘stata a volte considerata la moglie di Thoth perché era il dio della saggezza.

Ma'at

Gli antichi Egizi credevano che l’universo fosse ordinato e razionale. Il sorgere e il tramontare del sole, l’inondazione del Nilo e il corso prevedibile delle stelle nel cielo li rassicurò che non ci fosse la permanenza di esistenza stato fondamentale per la natura di tutte le cose. Tuttavia, le forze del caos erano immanenti e minacciavano l’equilibrio di Ma’at. Ogni persona ha il dovere di conservare e difendere Ma’at e il Faraone era identificato come il guardiano di Ma’at. Senza Ma’at, Nun conquisterebbe l’universo e il caos regnerebbe sovrano.

Gli egiziani avevano anche un forte senso di moralità e di giustizia. Ritenevano che il bene dovesse prosperare, e che chiunque fosse colpevole del procurato disequilibrio sarebbe poi stato punito. Elogiavano coloro che difendevano i deboli e i poveri e attribuivano un alto valore alla fedeltà soprattutto in ambito familiare. Ma’at trascendeva norme etiche specifiche (che differivano secondo i diversi tempi e popolazioni diversi) e si concentrava sull’ordine naturale delle cose. Detto questo, certe azioni erano chiaramente contro Ma’at come hanno incrementato l’effetto del caos e ha avuto un effetto puramente negativo sul mondo.

 

Ma'at raffigurato come la bilancia nelle sale del Giudizio Universale

Gli egiziani avevano anche un forte senso di moralità e di giustizia. Ritenevano che il bene dovesse prosperare, e che chiunque fosse colpevole del procurato disequilibrio sarebbe poi stato punito. Elogiavano coloro che difendevano i deboli e i poveri e attribuivano un alto valore alla fedeltà soprattutto in ambito familiare. Ma’at trascendeva norme etiche specifiche (che differivano secondo i diversi tempi e popolazioni diversi) e si concentrava sull’ordine naturale delle cose. Detto questo, certe azioni erano chiaramente contro Ma’at come hanno incrementato l’effetto del caos e ha avuto un effetto puramente negativo sul mondo.

 

L’anima di ogni egiziano dopo la morte veniva giudicata nella Sala di Ma’at (raffigurata nel libro dei morti e nel quinto libro dei cancelli ). Il loro cuore (coscienza) era pesata in confronto con la piuma di Maat (una piuma di struzzo), su una bilancia che rappresenta l’equilibrio e la giustizia. Se il loro cuore fosse stato più pesante della piuma, perché non erano riusciti a vivere una vita equilibrata dai principi di Ma’at, il loro cuore veniva gettato in un lago di fuoco e divorato da una divinità temibile noto come Ammit . Se, invece, il cuore fosse stato in equilibrio con la piuma di Maat, avrebbero superato la prova e ottenevano la vita eterna. In alcuni momenti era Osiride che sedeva come giudice nel rituale, e molte altre divinità furono coinvolte nella cerimonia, ma la bilancia era sempre rappresentato da Ma’at.

Gli antichi egizi avevano anche un sistema legale ben sviluppato in modo da garantire che Ma’at fosse rispettata nella vita quotidiana. Si pensa che i sacerdoti di Ma’at fossero coinvolti nel sistema della giustizia, nonché pronti a soddisfare le esigenze della dea, e i Faraoni fossero stati regolarmente raffigurati “presentando Ma’at” (che dà una piccola statua della dea) per ribadire il loro impegno a sostenere l’ordine e la giustizia.

 

Tutti i governanti rispettavano Ma’at, ma Akhenaton in particolare sottolineò la sua adesione a Ma’at, nonostante (o forse proprio per) il suo approccio non convenzionale agli dei. Hatshepsut inoltre sottolineò la sua venerazione per Ma’at prendendo il nome del trono Ma’atkare (la giustizia è l’anima del re), di nuovo forse perché come misura femminile aveva bisogno di dimostrare che la sua posizione era in linea Ma’at. Ha anche costruito un piccolo tempio dedicato Ma’at all’interno della zona tra Montu a Karnak.

 

Ma’at è stata raffigurata come una donna che indossa una corona con una sola piuma di struzzo che sporge da esso. E ‘occasionalmente rappresentata come una dea alata. Il suo totem aveva una piattaforma di pietra che rappresenta il fondamento stabile su cui è stato costruito l’ordine e il tumulo primordiale emerso dalle acque del Nun (caos).

 

Dea Ma'at


Linea d’ombra e ricerca della luce – The Rolling Stones – Their Satanic Majesties Request

Riflessioni in quarantena sul capolavoro  “Their Satanic Majesties Request” dei Rolling Stones, uno sguardo a 360°.

 

Ogni essere vivente ha la capacità di deviare inconsciamente o inconsciamente il potere, continua quindi ad avvertirci che i poteri dell’oscurità funzionano allo stesso modo attraverso gli sconsiderati e gli sciocchi e l’arrogante e ipocrita . Inoltre, ogni pensiero ed emozione degradati dell’uomo aiutano a costruire queste creature tormentate e laceranti, le cui qualità innate diventano, nelle mani di coloro che conoscono, agenzie per la distruzione delle virtù della luce.

 

Nel suo best-seller del 2008, “La storia segreta del mondo”, Jonathan Black, un appassionato dell’antica conoscenza esoterica che afferma

“Satana, l’Oscuro Signore, l’agente del materialismo, deve essere identificato con il dio del pianeta Saturno nella mitologia greca e romana. ”

Ha anche fatto luce sul ruolo del pianeta inanellato in La creazione dell’universo, come raccontato nella Bibbia e basato sulle credenze degli ordini fraterni, ma nascosto all’occhio del non iniziato sotto un mantello di allegorie. Inutile dire che le cosiddette “élite al potere” sono accusate di mantenere questa conoscenza segreta dal resto di noi, alimentandoci invece con le falsità della religione organizzata e bloccando l’umanità in un mondo di ignoranza, paura e Di conseguenza intolleranza razziale / culturale.

 

Scienza e religione concordano sul fatto che all’inizio il cosmo passò da uno stato di nulla all’esistenza della materia. Ma la scienza ha ben poco da dire su questa misteriosa transizione, tutta altamente speculativa. Al contrario, c’era una notevole unanimità tra i sacerdoti iniziati del mondo antico. I loro insegnamenti segreti sono codificati nei testi sacri delle grandi religioni del mondo … Una storia segreta della creazione è codificata nel più familiare di questi testi, la Genesi … le sue frasi possono essere aperte per rivelare nuovi straordinari mondi di pensiero, possenti vedute del immaginazione.

All’inizio precipitò fuori dalla materia vuota che era più fine e più sottile della luce. Poi è arrivato un gas eccezionalmente raffinato. Se un occhio umano avesse osservato l’alba della storia, avrebbe visto una vasta nebbia cosmica. Questo gas o nebbia si identifica con la Madre di tutti i viventi, che trasportava tutto il necessario per la creazione della vita … all’inizio “la Terra era senza forma e vi albergava il nulla”.

La narrazione biblica continua: “L’oscurità aleggiava sulla vastità della Terra”. Secondo i commentatori biblici questo è il modo in cui la Bibbia dice che la Dea Madre fu attaccata da un forte vento secco che ha quasi estinto del tutto il potenziale della vita. Ancora una volta, all’occhio umano sarebbe sembrato che le nebbie che si intrecciavano dolcemente che erano emerse per la prima volta dalla mente di Dio fossero state improvvisamente superate da una seconda emanazione. Ci fu una tempesta violenta come un fenomeno raro e spettacolare osservato dagli astronomi – la morte di una stella, forse – tranne per il fatto che lì all’inizio sarebbe stata su una scala completamente schiacciante che riempiva l’intero universo. Quindi è così che sarebbe sembrato ad un occhio fisico, ma all’occhio dell’immaginazione questa grande nuvola di nebbia e la terribile tempesta che l’ha attaccata possono essere visti per mascherare due giganteschi fantasmi. La Dea Madre veniva spesso ricordata come una figura amorevole, vitale e nutriente, confortantemente rotonda e dall’aspetto morbido, ma aveva anche un aspetto terrificante. Era guerriera quando necessario. Il suo avversario era, se non altro, più spaventoso. Lunga e ossuta, la sua pelle era di un bianco squamoso e aveva gli occhi rossi e luminosi. In picchiata su Madre Terra, il Signore Oscuro era armato di una falce mortale. Se la prima emanazione dalla mente di Dio si trasformasse nella dea della Terra, la seconda emanazione sarebbe diventata il dio di Saturno. Con Maestà sataniche, Saturno avrebbe tracciato i limiti del sistema solare. In realtà era il principale responsabile della limitazione. Ciò che l’intervento di Saturno introdusse nella creazione era il potenziale per l’esistenza di singoli oggetti – e quindi il passaggio dall’assenza di forma alla forma. In altre parole, a causa di Saturno esiste una legge di identità nell’universo in base alla quale qualcosa esiste e non è nient’altro e nient’altro. Se una singola entità può esistere nel tempo, allora implicitamente può anche cessare di esistere. Ecco perché Saturno è il dio della distruzione. Saturno mangia i suoi figli. A volte è ritratto come il Vecchio del Tempo e talvolta con la Morte stessa.

 

A causa di Saturno ogni spada ha un doppio taglio e ogni corona una corona di spine. Se a volte sentiamo la nostra vita quasi troppo dura da sopportare, se ci reprimiamo e se gridiamo disperatamente alle stelle, è perché Saturno ci spinge ai nostri limiti. In Genesi il tentativo di annullare i piani di Dio alla nascita, questo primo atto di ribellione di un Essere-Pensiero contro la Mente che lo ha emanato, è trattato in una breve frase.

La tirannia di Saturno sulla Madre Terra, il suo tentativo omicida di spremere tutto il potenziale per la vita fuori dal cosmo, continuò per vasti periodi incommensurabili per la mente umana. La sua tirannia alla fine fu rovesciata e Saturno, se non del tutto sconfitto, fu tenuto sotto controllo e confinato nella sfera appropriata. Ancora una volta, la Genesi ci dice come ciò avvenne: “E Dio disse: Lascia che ci sia luce e che ci sia luce”. La luce stava respingendo l’oscurità che era rimuginata sulle acque.

Il secondo grande atto nel dramma della creazione arriva quando il dio del sole arriva per salvare la Madre Terra da Saturno. Nell’occhio dell’immaginazione il sole è un giovane bello e radioso con una criniera leonina. Cavalca un carro ed è un musicista. Ha molti nomi: Krishna in India, Apollo in Grecia. Sorgendo nello splendore nel mezzo della tempesta, respinge l’oscurità di Saturno fino a quando non diventa come un drago o serpente gigante che circonda il cosmo. Il sole riscalda quindi la Madre Terra in una nuova vita e, mentre lo fa, dà sfogo a un grande ruggito trionfale che riverbera ai limiti esterni del cosmo. Il ruggito fa vibrare la materia nell’utero cosmico, danza e forma schemi. Dopo un po ‘fa sì che la materia si coaguli in una varietà di forme strane. Quello che stiamo vedendo qui, quindi, è il sole che canta il mondo in esistenza armonica.

 

L’intera Bibbia, dall’inizio alla fine non è altro che osservanze planetarie, solari, lunari e stellari secondo gli antichi ma nascoste dietro una maschera di allegorie e personaggi immaginari. Nel Nuovo Testamento, ad esempio, il ciclo delle stagioni e le ore del giorno sono rappresentati attraverso i movimenti del figlio di Dio (sole), Gesù “il portatore leggero”, tutti potenti in estate ma in costante opposizione con il suo nemico, Satana – Saturno, il sovrano degli inferi dove prevale l’inverno e l’oscurità. Il grafico seguente si è adattato dal simbolo astronomico per la Terra (rappresentato da un cerchio e – proprio come accade – una croce): illustra come funziona. Bonacci afferma che è “il ciclo che permea ai Vangeli” ci permette di scrutare nell’intimo spirituale”.

 

 

Il 21 marzo è data peculiare: “la maggior parte dei cicli inizia nell’anno” dice Santos, ed è lì che si trova in prossimità della festa religiosa ebraica della Pasqua ebraica che presumibilmente commemora l’emancipazione degli israeliti dalla schiavitù nell’antico Egitto durante il periodo di Mosé. In realtà, secondo Jordan Maxwell, “gli antichi popoli mille anni prima che esistessero gli ebrei, celebrarono la prima settimana di primavera e la chiamarono” Pasqua ebraica “. La Pasqua ebraica è il sole che passa sopra l’equatore sulla via del ritorno nell’emisfero settentrionale … La prima settimana di primavera è stata chiamata la “Pasqua ebraica” perché il sole che era morto e l’inverno sta ora passando a una nuova vita in primavera. Ma, naturalmente, i cristiani non potevano avere nulla a che fare con la Pasqua ebraica perché ovviamente è ebreo e non vorremmo avere nulla a che fare con quello. Quindi di conseguenza diciamo che il figlio di Dio è “resuscitato”. Non importa se lo chiami “resuscitato”, “passato” o “tornato in vita”, è ancora il sole che passa . È risorto, sta tornando. ” Santos Bonacci dice: “il sole è nel suo apice in Cancro. È molto influente. Questo è il punto occupato dalla gloria – gloria del sole. È una posizione gloriosa. È Gesù che viene a Gerusalemme ed è in trono come re ”. Il sole quindi scende attraverso Leone e Vergine e “scende sotto l’equatore. Quindi il sole passa ciao per sei mesi e al nord arrivano i mesi invernali. ” Durante questo periodo in cui “c’è più oscurità che luce”, è “ostruito nella sua vitalità e nella sua capacità di darci quell’energia estiva, di rivitalizzare la stagione in modo che possiamo mangiare e vivere”. E così, sostiene Bonacci, “vedi come il sole è il nostro salvatore, come Gesù è il nostro salvatore?” Certo, Saturno / Satana è “sempre lì” pronto “ad uccidere la luce del sole” in basso in ciò che Santos chiama, “le regioni inferiori. In effetti “, aggiunge,” “inferiore” è il modo in cui i latini chiamano inverno: “Inverno”. E infatti “infernale” – “inferno” – è “inferno”. Basta sostituire la “V” per una “F.” “Infernale” – l’inferno – dovrebbe essere caldo, in realtà è un’altra parola per “inverno”, che è “inverno”. “In effetti, secondo Bonacci, il sole incontra la sua morte il 21 dicembre, che coincide proprio con il Solstizio d’inverno – il giorno più corto dell’anno. In questa data “abbiamo i santi Saturnali e il periodo natalizio”. Nell’antica Roma, i Saturnali erano “una delle più famose orge bacchiche della storia. Gozzoviglie. Tempo di baldoria assoluta. ” L’associazione di Saturno con la baldoria sembra sopravvivere. Bonacci dice: “il settimo giorno della settimana è associato a Saturno, si chiama Saturno-giorno, giusto? Sabato. E cosa succede di solito quel giorno? Quello sarebbe il fine settimana? Il giorno delle revorie? … Sai? … La febbre del sabato sera e ‘uscita sabato sera, ragazzi. Usciamo, ‘giusto? ”

 

 

Continua, “È sempre ‘Saturno il cattivo ragazzo’. Ariete regna dalle sei alle otto. Toro, dalle otto alle dieci. I Gemelli governano dalle dieci alle dodici. Il cancro governa dalle dodici alle due. Proprio su indicazione abbiamo Saturno che si presenta a mezzanotte. E cosa succede dopo mezzanotte? … Arriva dalle dodici alle quattro. Questo è … un momento di baldoria dove accadono le cose … i ladri fanno il loro lavoro di notte … Saturno governa la notte. ” Tuttavia, come sottolinea Bonacci, insieme a sole, luna, Venere, Marte, Mercurio e Giove, Saturno è vitale per la vita sulla Terra per “tutto ciò che vedi – tutto – ogni forma materiale che è nella tua vista è manifestata da quei sette. Quelle sette sfere nel nostro sistema solare. Senza di loro – nessuna manifestazione. Portare via il sole? Siamo andati. Portare via la luna? Giove? Qualcuno di loro. Siamo andati.” Ma il pianeta inanellato è Satana. È l’epitome del male, la polena dei rituali di magia nera e del sacrificio di spargimento di sangue, giusto? Bene, per una visione più approfondita di ciò, c’è l’opuscolo del 1960, “Magia. Un trattato di etica esoterica ‘scritto dal massone di 33 ° grado e noto studioso dell’occulto, Manly Palmer Hall. In questo saggio prende anche nota di Lucifero che nella tradizione cristiana è identificato il diavolo:

 

Per secoli, l’Uomo ha lavorato sotto incomprensione. Ha chiamato la perversione del potere occulto la magia nera . Questo è un uso improprio del mondo nero , poiché il nero non significa male. Il nero è il non colore di base di tutte le cose; è la fonte di tutto l’essere e rappresenta il corpo dell’Intelligenza Assoluta. Tutta la coscienza e la luce nascono dall’oscurità caotica e la Notte Vosmica, con il suo oscuro pralaya, è il Padre-Madre della creazione. L’oscurità nera deve sempre avvolgere il funzionamento dell’Infinito, e non importa quanta luce ci sia nell’anima umana, è per sempre circondata dalle oscure sostanze ribollenti del caos. Tutta la manifestazione è una concrezione di possibilità oscure e non misurate. I bambini della nascita oscura che lavorano nell’oscurità di questa sostanza, modellandola in miriadi di forme invisibili e non misurate, non sono cattivi. Sono i figli di Saturno (Satana), il Padre Nero, che, come la stessa oscurità del caos stesso, nel tempo devono ingoiare tutte le sue creazioni e, così facendo, riportarle in vita dalla morte che gli uomini chiamano creazione. Siamo tutti nati da questo oscuro abisso e non abbiamo il diritto di chiamarlo male. È il genitore degli dei e degli uomini – e per sempre avvolto nelle vesti inesplorabili del suo stesso mistero. Da questa oscurità, la casa del tesoro insondata della natura, l’uomo deve riesumare la pietra della propria anima nello stesso modo in cui il minatore rimuove il diamante dalla sua guaina di carbonio nero. Gli oscuri Signori di Saturno sono i costruttori della prima alba, la mattina dell’oscurità, e dall’attrito dei loro sforzi sono nate le prime scintille fiammeggianti della coscienza nascente.

C’è una falsa oscurità e una vera oscurità. La vera oscurità è l’utero della Luce; la falsa oscurità, la perversione della luce che fuoriesce dalla vera oscurità. L’oscurità naturale è il principio base delle cose, mentre la falsa oscurità è il risultato del degrado del potere degli angeli di Satana. Il diavolo, l’archetipo dell’abuso, non è un figlio di Saturno, ma un figlio dell’uomo e della falsa oscurità della Terra. L’uomo è l’incarnazione del germe dell’intelligenza mentale e la magia nera è possibile solo per gli esseri intelligenti. L’oscurità naturale è possibilità non risvegliata; la falsa oscurità è un’opportunità perversa.

Il male è un abuso o un disordine di potere. È l’attraversamento di correnti o un’interferenza con il piano. Potremmo dire, come una definizione di male, che è la cosa giusta nel posto sbagliato. Il peggior male in natura può essere trasformato in buono con il semplice processo di adattamento. L’intelligenza media dell’uomo che funziona coscientemente è sufficiente per far uscire un dio da qualsiasi demone con il semplice processo di inversione; allo stesso modo, è in grado di trasformare un demone o una cosa cattiva da qualsiasi cosa buona o divina mettendola in una relazione impropria con altre cose.

I due Grandi Demoni della Creazione sono: Satana – Saturno e Lucifero – Marte (Secondo i Greci) .

Satana è lo spirito di cautela, prudenza e, quando pervertito, negazione. Alla sua porta sono posti i peccati dell’omissione. Pochi si rendono conto che l’uomo è responsabile delle cose che non ha fatto. Questo fa parte della legge. È altrettanto sbagliato non fare le cose giuste come fare le cose sbagliate. Satana inibisce, si tira indietro, tiene in disparte. È in chiave di cristallizzazione e il suo regno privo di ostacoli si tradurrebbe in inerzia cosmica, poiché distrugge l’azione. È simbolizzato come lo scheletro della mietitura, poiché governa le ossa dell’Uomo e dei pianeti … È il freddo demone del ghiaccio che congela lo spirito nel sangue e gli viene dato il dominio sulla tomba di speranze non realizzate. Lucifero, d’altra parte, è lo spirito dell’eccesso, il figlio fiammeggiante della volgarità e il sovrano della gratificazione dei sensi, su cui esercita il dominio con uno scettro di serpenti. Coloro che cadono vittime del suo potere compiono azioni di violenza, non perché sia loro desiderio, ma perché invasi da questo spirito di energia e lo pervertono da soli. Lucifero è il portatore di luce; viene trasmutato dall’Uomo come ispirazione della lussuria e della passione – mentre lo avrebbe usato solo per il raggiungimento dell’ideale. Indisturbati, coloro che cadono sotto il dominio della sua influenza, si precipitano follemente verso la propria distruzione. Si oppone sempre a Satana, cercando di strappare l’anima dell’Uomo dal freddo abbraccio di Saturno. È il calore che incuba l’anima, ma l’uomo lo usa come una fiamma per bruciare la ragione. Tutti i poteri in natura servono naturalmente al bene, ma poiché sono i servitori di coloro che sono in grado di esercitare l’autorità, l’Uomo fa uscire da questi spiriti barbari che dannano il suo mondo. Tra questi due ladri di eccesso – Satana (assoluta freddezza) e Lucifero (calore ardente) – pende lo spirito dell’Uomo. Ecco la grande verità. Supponiamo che una di queste forze che l’Uomo ha trasformato in demoni dovesse ritirare, vediamo cosa accadrebbe sul Piano dell’Essere.

Se Satana dovesse uscire dal piano, l’Uomo sarebbe bruciato dalle passioni infuocate di Marte e degli angeli di Lucifero. Senza il freddo, la cautela e il freno di Saturno, la sua anima si sarebbe rapidamente persa nella totale dissolutezza e licenziosità. Se d’altra parte, Lucifero dovesse ritirarsi, l’Uomo sarebbe presto di nuovo una pietra, incapace di incentivare, di movimento o di emozione, e incatenato, come i dannati nell’Inferno di Dante, dalle gelide dita della morte.

Satana e Lucifero non sono malvagi, ma due dei più grandi poteri di tutta la creazione. Senza di loro, l’universo non potrebbe nascere: per Marte, con gli angeli di Lucifero, è la dynamis del nostro sistema solare e senza di loro i pianeti non potrebbero continuare la loro marcia senza fine. D’altra parte, Satana costruisce la Terra e i mondi mediante la cristallizzazione, senza la quale non avremmo sostanze solide per formare i corpi. Non è la forza o il potere, ma la perversione della forza che costituisce il male. Potremmo dire: “Il Demone è il potere pervertito”. Perciò l’uomo, il pervertito del potere, è il creatore dei demoni, perché è la creatura più bassa in grado di esercitare l’autorità all’interno del proprio essere.

 

Per quanto riguarda Lucifero, afferma Santos Bonacci, “Venere è fosforo. È la brillante stella del mattino. Ed è una delle sfere più luminose – in realtà, è la terza sfera più luminosa nel cielo. Venere – il sovrano del Toro e lo spettacolo più brillante della sera e del cielo mattutino dopo la luna – fu chiamato dai Greci, “Phos” … che significa “luce”, e dai Romani, “Lucifero – il Portatore di Luce”. “Inoltre,” per gli antichi occultisti, Venere era il pianeta della luce interiore – illuminazione “.

Noi possiamo sfruttare la forza di Lucifero come strumento per il bene o il male, proprio come potremmo (per esempio) con un coltello, che può essere usato tagliare il pane e fornire sostentamento, o uccidere e mutilare. Non è la colpa del coltello, ma della persona.

“Lucifero”, la parola, si basa sulla luce. “Lux” in latino significa “luce”. E “Fero” … in latino significa “portare, trasportare”. Quindi “Lucifero” significa “portare o trasportare la luce”. È un portatore di luce. Questo è tutto ciò che significa davvero. E questo è un simbolo, perché la luce rappresenta la conoscenza. Rappresenta la capacità … di accogliere, elaborare e utilizzare le informazioni con precisione … e gli occultisti oscuri che sono i Luciferiani di livello superiore hanno questa conoscenza. Hanno questa luce e la stanno usando per i propri scopi. Bene, quell’informazione e la conoscenza possono essere usate per scopi trasformativi e anche per risvegliare le persone. Sono le stesse informazioni. Sono le informazioni che sono state nascoste. ” Secondo Passio, la Chiesa di Satana è molto allineata al “buio”. Parlando durante un’intervista con “Red Ice Radio” nel 2012, ha definito l’organizzazione un “sistema di filtrazione psicopatico” che ha funzionato “con enormi organizzazioni internazionali, gruppi di riflessione e istituzioni globali che stavano cercando di sradicare davvero la libertà umana in tutta la Terra.” Lo ha descritto come “una guerra alla vita umana”.

 

Sia che tu stesso creda che Lucifero sia una creatura malvagia che si è ribellata a Dio o, in alternativa, una forza planetaria illuminante e necessaria nell’universo, dipende ovviamente da te.. Dopotutto, Satana / il Diavolo apparirà molto nella storia dei Rolling Stones in una forma o forma da qui in poi, quindi forse dovremmo riconoscere alcune delle conoscenze esoteriche che sono disponibili per noi, conoscenza che particolari membri del gruppo potrebbero avere conoscevo e in effetti mi ispiravo negli anni ’60 e nei primi anni ’70.

Jagger ha anche “letto ‘Il ramo d’oro”, saggio Scritto dall’antropologo e folklorista britannico Sir James Frazer, The Golden Bough ‘è uno studio di magia, miti e leggende di molte culture diverse nel corso della storia. Pubblicato per la prima volta in due volumi nel 1890 con altri tre nel 1900 seguiti da altri dodici tra il 1906 e il 1515, oltre a un supplemento negli anni ’30, questo enorme lavoro fornisce informazioni su vari rituali esoterici, sacrifici e celebrazioni da tutto il mondo. torna agli antichi e richiama l’attenzione sulle somiglianze nei loro temi chiave che sono riemerse nel corso dei secoli e attraverso divisioni geografiche e culturali. Questi elementi comuni, ad esempio, possono essere trovati nel cristianesimo quando si analizzano i parallelismi tra Natale e Mitra, l’antica divinità persiana. Per enfatizzare il suo punto, Frazer rivolge la sua attenzione a un periodo durante i giorni dell’impero romano in cui la religione mitraica era in competizione per la ribalta nel mondo occidentale. Afferma che “si è rivelato un formidabile rivale del cristianesimo … Una reliquia istruttiva della lunga lotta è conservata nella nostra festa di Natale, che la Chiesa sembra aver preso in prestito direttamente dal suo … rivale”. L’autore continua quindi a evidenziare i legami tra cristianesimo e sole (figlio). In effetti, Mitra è associata all’adorazione solare e, secondo molti ricercatori, è nata da una vergine il 25 dicembre. Scrive Frazer, “nel calendario giuliano il 25 dicembre veniva considerato il solstizio d’inverno, ed era considerato la Natività del Sole, perché il giorno inizia ad allungarsi e il potere del sole aumenta da quel punto di svolta dell’anno . Il rito della natività, come sembra essere stato celebrato in Siria e in Egitto, è stato notevole. I celebranti si ritirarono in alcuni santuari interni, dai quali a mezzanotte emisero un forte grido: “la Vergine ha generato! La luce sta crescendo! ‘ Gli egiziani rappresentavano persino il sole appena nato dall’immagine di un bambino che nel giorno del suo compleanno, il solstizio d’inverno, producevano ed esibivano ai suoi adoratori. Senza dubbio la Vergine che così concepì e partorì un figlio il 25 dicembre era la grande … dea che i Semiti chiamavano la Vergine celeste o semplicemente la Dea celeste … Ora Mithra era regolarmente identificato dai suoi adoratori con il Sole; quindi anche la sua natività è caduta il 25 dicembre. ” In un altro capitolo, Frazer scrive a lungo sui Saturnali. “Questo famoso festival è caduto a dicembre, l’ultimo mese dell’anno romano”, afferma, “e doveva celebrare popolarmente il allegro regno di Saturno, il dio della semina e dell’allevamento, che visse sulla terra molto tempo fa come un giusto e benefico re d’Italia, radunò gli abitanti maleducati e dispersi sulle montagne, insegnò loro a coltivare il terreno, diede loro le leggi e regnò in pace. Alla fine il buon dio, il gentile re, svanì all’improvviso; ma la sua memoria fu amata da epoche lontane, i santuari furono eretti in suo onore e molte colline e alti luoghi in Italia portavano il suo nome. Eppure la brillante tradizione del suo regno fu attraversata da un’ombra scura: si dice che i suoi altari fossero stati macchiati con il sangue delle vittime umane, per le quali un’età più misericordiosa sostituì in seguito effigi ”.

 

 

Secondo Frazer “nessuna caratteristica” dei Saturnalia “è più notevole … della licenza concessa agli schiavi in ​​questo momento. La distinzione tra le classi libere e servili fu temporaneamente abolita. Lo schiavo poteva inseguire il suo padrone, intossicarsi come i suoi scommettitori, sedersi al tavolo con loro, e nemmeno una parola di rimprovero gli sarebbe stata somministrata per condotta che in qualsiasi altra stagione avrebbe potuto essere punito con strisce, prigione o Morte. Anzi, i maestri in realtà cambiarono posto con i loro schiavi e li aspettarono a tavola; e non prima che il servo avesse finito di mangiare e bere la tavola fu cancellata e la cena preparata per il suo padrone. Finora fu portata questa inversione di ranghi, che ogni famiglia divenne per un certo tempo una repubblica mimica in cui gli alti uffici di stato furono scaricati dagli schiavi, che impartirono i loro ordini e stabilirono la legge come se fossero effettivamente investiti con tutti i dignità del consolato, del pretorio e della panchina. La persona su cui cadde la sorte godette del titolo di re e impartì ai suoi soggetti temporanei comandi di natura giocosa e ridicola. Ora, quando ricordiamo che la libertà consentita agli schiavi in ​​questa stagione festiva doveva essere un’imitazione dello stato della società ai tempi di Saturno, e che in generale i Saturnali passarono per niente più o meno di un risveglio temporaneo o ripristino del regno di quel monarca allegro, siamo tentati di supporre che il finto re che presiedeva ai festeggiamenti potesse aver originariamente rappresentato lo stesso Saturno. La congettura è fortemente confermata, se non stabilita, da un resoconto molto curioso e interessante del modo in cui i Saturnali furono celebrati dai soldati romani di stanza sul Danubio durante il regno di Massimiano e Diocleziano. “Secondo il racconto,” il I soldati romani a Durostorum nella Bassa Mesia celebravano i Saturnali anno dopo anno nel modo seguente. Trenta giorni prima del festival hanno scelto a sorte tra loro un uomo giovane e bello, che è stato poi vestito in abiti reali per assomigliare a Saturno. Così schierato e frequentato da una moltitudine di soldati, andava in giro in pubblico con la piena licenza di indulgere alle sue passioni e di gustare ogni piacere, per quanto basso e vergognoso. Ma se il suo regno era allegro, fu breve e si concluse tragicamente; poiché quando furono trascorsi i trenta giorni e fu giunta la festa di Saturno, si tagliò la gola sull’altare del dio che egli impersonava. Nel 303 d.C. il lotto cadde sul soldato cristiano Dasius, ma si rifiutò di recitare la parte del dio pagano e di sporcare i suoi ultimi giorni con dissolutezza. Le minacce e gli argomenti del suo ufficiale comandante Bassus non sono riusciti a scuotere la sua costanza, e di conseguenza è stato decapitato. ” Disegnando di nuovo parallelismi con la storia di Gesù e il culto solare / planetario, Frazer crede che ci sia una “notevole somiglianza … tra il trattamento del finto re dei Saturnali da parte dei soldati romani a Durostorum … e il trattamento di Cristo da parte dei soldati romani a Jersualem “prima della sua crocifissione quando fu spogliato e vestito di nuovo con una veste scarlatta e una corona di spine.

Ci si potrebbe chiedere se la “notevole somiglianza” che Frazer identifica tra il finto re di Saturnalia e la storia della crocifissione sia in realtà l’ispirazione dietro il desiderio di Mick Jagger di apparire nuda su una croce tra le immagini di Saturno su “Satanic Majesties” – supponendo ovviamente che abbia effettivamente richiamato “Il ramo d’oro” all’inizio del 1967 .


Citazione

Lascia che il tuo cuore trabocchi

Lascia che il tuo cuore trabocchi e riversi all’esterno ogni suo sentimento, ogni sua emozione…
Lascia che il tuo cuore trabocchi e ti mostri tutto di te così da poterlo mostrare nel mondo.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e ti mostri le luci e le ombre e fai spazio a tutto, ma proprio a tutto…
Sei sia il caldo che il gelo, sia la lotta che la resa, sia l’accoglienza che l’indifferenza.
Sei la notte ed il giorno e anche tutte le sfumature in mezzo.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e riveli i segreti che ha tenuto nascosti, e se ritieni sia il caso, con amore e cura condividi.
Non sei mai solo, ma puoi essere solo anche in mezzo ad un fiume di gente, se trattieni dentro di te la tua ricchezza e hai timore che ti venga rubata o sporcata o infangata dagli altri.
Impara a discernere con chi camminare e a chi non avvicinarti per strada ma lascia fare al tuo cuore, lui sa.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e che doni e che chieda l’amore che serve, non sei qui per vivere da solo nell’ascesi del tuo cammino, a meno che certo questa non sia la scelta della tua anima.
Perciò lascia, ti prego che il tuo cuore trabocchi, che ti porti davanti alla verità su te stesso, che ti mostri anche ombre e bisogni e prove ed errori e le pietre di inciampo che non sai come togliere, e magari spolverale o sieditici sopra per un po’.
Lascia che il tuo cuore trabocchi e se ti confonde quello che arriva fai un bel respiro e stai certo, che non deve andare tutto in ordine oggi, che puoi anche restare confuso e orientarti fra un po’…
Lascia, ti prego che il tuo cuore trabocchi e che in esso possa trovare rifugio ogni singolo aspetto di te…
Lascia, ti prego che il tuo cuore trabocchi e ti doni chi Sei.
(Virna Trivellato)

 


La Befana, la strega di Natale

La Befana è l’antica figura folcloristica italiana / siciliana di “la vecchia” che ha preceduto San Nicola o Babbo Natale nel consegnare regali ai bambini in tutta Italia e Sicilia alla vigilia dell’Epifania (5 gennaio).

Per quanto riguarda la relazione della Befana con “Epifania” (“manifestazione della divinità;” Epifania è una parola latina di origini greche), la credenza popolare è che il suo nome derivi dall’italiana La Festa dell’Epifania (Festa dell’Epifania, 6 gennaio).

Nel popolare folklore italiano / siciliano, la Befana visita tutti i bambini alla vigilia della Festa dell’Epifania per riempire le calze di caramelle e regali se sono buoni, o un pezzo di carbone o caramelle scure se sono cattivi. È popolarmente conosciuta come una donna saggia e magica che arriva volando su una scopa o talvolta anche su un asino, portando regali ai bambini, lasciando fichi, datteri, noci e caramelle alla vigilia dell’Epifania. Alcuni credono che la sua funzione principale sia quella di riaffermare il legame tra famiglia e antenati attraverso lo scambio di doni. In alcune regioni, il suo aspetto è associato al culto e alla divinazione degli antenati.

La leggenda cristiana narra (almeno una versione) che la Befana fu avvicinata dai Re Magi pochi giorni prima della nascita di Gesù Bambino, chiedendo indicazioni su dove fosse il Figlio di Dio. Non lo sapeva, ma fornì loro un riparo per una notte. Ha rifiutato l’invito dei Magi ad unirsi al loro nel viaggio per trovare il bambino Gesù, ma in seguito ha avuto un cambiamento di cuore e ha cercato di cercare gli astrologi e Gesù. Quella notte non è stata in grado di trovarli, quindi fino ad oggi si ritiene che stia cercando il bambino mentre visita tutti i bambini alla vigilia della Festa dell’Epifania.

Tuttavia, va notato che l’origine del nome “Befana” non è affatto chiara. Molti folcloristi credono che il nome Befana derivi dall’errata pronuncia italiana della parola greca epifania o epifania (greco, επιφάνεια = aspetto, superficie; in inglese: “epifania”). Altri indicano che il nome è un derivato di Bastrina, “i doni associati alla dea Strina”.

Questa seconda derivazione per la Befana è molto interessante e intrigante per quelli (come lo studioso zingaro) che sono in

(a) la tradizione del “sacro femminile”,

(b) la rinascita delle dee antiche pagane (cioè precristiane) e

(c) la riscoperta delle antiche feste pagane , che sono state sovrapposte alle feste cristiane, come il solstizio d’inverno a Natale.

La dea Strina è più propriamente Strenia (o Strenua), la dea Sabina / romana del nuovo anno, purificazione e benessere. È questa dea da cui alcuni autorevoli studiosi suggeriscono che la Befana sia diretta discendente. Ad esempio, Mary E. Rogers, scrivendo nel XIX sec (Vita domestica in Palestina), dichiarò di credere nell’usanza di scambiarsi regali a Natale:

“ È una reliquia del culto pagano e che la parola ‘Bastrina’ si riferisce alle offerte che venivano fatte alla dea Strenia. Non possiamo aspettarci che i pagani che hanno abbracciato il cristianesimo possano aver abbandonare del tutto i loro precedenti credi e costumi. Macaulay afferma: “Il cristianesimo ha vinto il paganesimo, ma il paganesimo ha infettato il cristianesimo; i riti del Pantheon passarono nel suo culto e le sottigliezze dell’Accademia nel suo credo. Molti costumi pagani furono adottati dalla nuova Chiesa. ” T. Hope, nel suo “Saggio sull’architettura”, afferma: “I Saturnalia continuarono nel Carnevale, e il festival con offerte alla dea Strenia fu continuato in quello del nuovo anno …” “

Un altro autore del XIX secolo, Rev. John J. Blunt (Vestigia di antiche maniere e costumi, rintracciabile nell’Italia moderna e in Sicilia), afferma:

“Questa Befana sembra essere l’erede della legge di una certa dea pagana chiamata Strenia, che presiedette i doni del nuovo anno, ‘Strenae’, da cui, in effetti, deriva il suo nome. I suoi regali avevano la stessa descrizione di quelli della Befana: fichi, datteri e miele. Inoltre le sue solennità sono state fortemente contrastate dai primi cristiani a causa del loro carattere rumoroso, tumultuoso e licenzioso ”.

Questi autori sottoscrivono la teoria che collega la tradizione dello scambio di regali a Natale con un’antica festa romana in onore del dio Giano (dio di gennaio) e della dea Strenia (in italiano, un regalo di Natale che si chiamava strenna ), celebrato all’inizio dell’anno, quando i romani si scambiavano regali. La tradizionale festa di questa dea in Italia è stata il 1 ° gennaio, quando in quel momento fu acceso in processione dalla cittadella romana il sacro boschetto di Strenua in cima alla Via Sacra. Quindi, sembra che la tradizione italiano / siciliana della Befana incorpori anche “altri elementi popolari precristiani, adattati alla cultura cristiana e legati alla celebrazione del nuovo anno”. In questo ruolo, La Befana è una dea del stagione delle vacanze invernali. Ancora una volta, la notte della Befana viene celebrata il 5 gennaio, la sera prima dell’Epifania, che è anche chiamata “Dodicesima notte” o “Notte magica”.

C’è anche una connessione italo-celtica qui. Tra gli autori contemporanei, l’eminente storico e folclorista Carlo Ginzburg collega La Befana a Nicevenn , una regina delle fate del folklore scozzese (il cui nome deriva da un cognome gaelico scozzese, Neachneohain che significa “figlia del divino” e / o ” figlia / e di Scathach “, la donna guerriera archetipica). Nel contesto del capodanno celtico ( Samhain , 31 ottobre), ciò ha a che fare con la “vecchia signora” (“la divina strega”, “crone” o ” Cailleach ” della mitologia irlandese, che fa anche parte di la sequenza celtica della tripla dea “fanciulla-madre-crone”, che rappresenta il vecchio anno appena trascorso, pronto per essere bruciato per dare il posto a quello nuovo. Si ritiene che il suo culto sia stato introdotto da Tito Tazio , che governava come concittadino con Romolo . Il re Tazio fu il primo a considerare i rami santi ( verbene ) di un albero fertile (pergolato felix ) nel bosco di Strenia come segni di buon auspicio per il nuovo anno. Si dice che Strenia sia associata al giorno di Capodanno, quando presiede parole di incoraggiamento, così come doni di buoni presagi profumati sotto forma di rami di Verbena.

In molte storie leggendarie, l’arrivo della Befana segna una sorta di finale stagionale e usa la sua iconica scopa per spazzare via il vecchio per fare spazio al nuovo. Questa tradizione continua ancora in molti paesi europei, che consiste nel bruciare una marionetta di una vecchia signora all’inizio del nuovo anno, chiamata ” Giubiana ” nel nord Italia. Questo ha chiare origini celtiche. Qui, la Befana è anche legata ai misteriosi riti delle popolazioni celtiche che un tempo abitavano l’intera Pianura Padana e parte delle Alpi, quando i burattini di vimini furono incendiati in onore degli antichi dei. La strega, o la maga donna (cioè la sacerdotessa dell’antica cultura celtica che conosceva i segreti della natura), prese la forma della Befana, “la vecchia”.

A mio avviso, ciò che è particolarmente intrigante nel personaggio di “La Befana” non è solo la sua associazione con l’antica dea Strenia e il nuovo anno, ma anche la sua associazione con la vibrante tradizione italiana / siciliana di stregoneria ( Stregheria ).  

La Befana è anche definita la “strega di Natale”. Secondo la leggenda, trascorre le sue giornate a pulire e spazzare. Spesso sorride e porta una borsa o un cesto pieno di caramelle, regali o entrambi. Nelle rappresentazioni pittoriche a volte porta un manico di scopa. La tradizione popolare dice che se uno vede La Befana riceverà un tonfo dal suo manico di scopa, poiché non desidera essere vista. Tuttavia, il suo manico di scopa ha altre funzioni (cioè magiche). Di solito è rappresentata come una strega che cavalca in aria una scopa, con uno scialle nero e coperta di fuliggine perché entra nelle case dei bambini attraverso il camino. (La Befana, come Babbo Natale, è una sopravvivenza moderna dello sciamano settentrionale, che ritorna giù nel cuore o nel palo della yurta – l’ asse mundi – portando doni dal suo viaggio nel mondo degli spiriti?) Nelle più moderne narrazioni moderne del Racconto italiano, il famoso giro di mezzanotte di La Befana è fatto su un manico di scopa (un altro esempio della “caccia selvaggia” della strega della stagione invernale ), che è un elemento iconico sia della strega che della fattoria. Nel corso di secoli di narrazione, il manico di scopa è diventato uno dei comuni significanti culturali sia per la vecchia che per la strega. (Entro il XV secolo, il concetto di “strega” come una strega che vola su una scopa era già ben consolidato nel folklore europeo popolare, come dimostrato dall’arte e dalla letteratura.

Judika Illes , autore di best seller sulla stregoneria e altri argomenti occulti, ha scritto: “La Befana può essere antecedente al cristianesimo e può essere originariamente una dea di spiriti ancestrali, foreste e il passare del tempo. Alcuni identificano questa vagabonda vagabonda notte con Hecate . ”Ancora una volta, alcuni studiosi ritengono che“ Strenua ”sia la dea originale conosciuta oggi come Befana, che la tradizione Befana sia derivata dal successivo culto delle streghe di Strenua (che è molto popolare in Sicilia) .

Pertanto, due importanti osservazioni possono essere prese in considerazione in relazione al folklore di La Befana:

(1) Fa parte della tradizione europea della stregoneria (così meravigliosamente messa in evidenza per la borsa di studio moderna da Carlo Ginzburg , che vede l’intero fenomeno della stregoneria come della natura di “estasi”).

(2) Le sue origini risalgono al tempo delle pre-patriarcali, neolitiche “culture della dea” (documentate anche da Marija Gimbutas e Raine Eisler ). Così (in linea con il lavoro di Gimbutas ed Eisler ), gli antropologi italiani Claudia e Luigi Manciocco (nel loro libro A House Without Doors) fanno risalire le origini di Befana alle credenze e alle pratiche neolitiche e la vedono come una figura che si è evoluta in una dea associato a fertilità e agricoltura. La Befana è stata anche legata in modo specifico alle tradizioni legate al ciclo agricolo italiano. Quindi, un’altra teoria sulle antiche origini della Befana fa credere ai romani che nella dodicesima notte dopo Natali Sol Invictus (la festa romana del “Compleanno del Sole invincibile”, celebrata nella data del solstizio del 25 dicembre), una donna volò sopra i campi coltivati ​​per dare fertilità per il raccolto futuro. (Va notato che la Chiesa cattolica proibì rituali rurali di questo tipo perché in odore di “paganesimo”. Ecco perché Blunt osservò che le “solennità della Befana erano fortemente contrastate dai primi cristiani a causa del loro carattere rumoroso, tumultuoso e licenzioso “. E qui, sotto” carattere rumoroso, tumultuoso, licenzioso “, possiamo includere un altro festival invernale romano che la Chiesa ha represso e sostituito con la sua osservanza liturgica natalizia: i Saturnalia, sul calendario giuliano dal 17 al 23 dicembre. , come ha osservato Rogers, “I Saturnalia erano continuati nel Carnevale”. Ciò si collega alle indagini sul rapporto tra l’antica Cintura celtica e le celebrazioni di inversione sociale di Samhain – “capovolgendo il mondo” – e in seguito, -moderno Carnevale o ” carnevale “, che si è manifestato sia come fenomeno sociale che politico.)

Detto questo, non è troppo supporre che ciò che abbiamo nella figura folcloristica italiana / siciliana di La Befana sia una sopravvivenza dell’era della Grande Dea . Queste dee pagane furono, con la vittoria del patriarcato, represse, degradate in divinità minori o trasformate in forze demoniache. Tuttavia, per il Gypsy Scholar e per i neopagani, la figura folcloristica di La Befana trasforma magicamente la stagione invernale in The Season of the Witch!

“La Befana vien di notte

Con le scarpe tutte rotte

Col vestito alla romana

Viva, Viva La Befana! ”

(Una canzone tradizionale italiana)

 


Almamegretta-Nun te scurdà

NON DIMENTICARTI

Le sentivo quando ero ragazza, lo chiamavano amore
quel fuoco che ti nasce in petto e che mai se ne muore
le compagne parlavano sottovoce di questa cosa imbarazzante, intima,
che una donna fa solamente nel momento in cui si sposa

E se pure sposa non sono mai stata
so come ribolle il sangue e il cuore sbatte assai forte
quando la voce della passione chiama te
quando silenziosamente nell’orecchio tu ti senti mormorare

Non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché questa vita se ne va
non dimenticarti mai di te
non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
non dimenticarti di te, mai

Ed è tanto l’amore che la sorte mi ha messo nelle mani
che lo vendo e la gente per questo mi chiama puttana
non ho mai saputo stare carcerata in una casa
e un uomo che capisse questo, non l’ho mai trovato

A chi mi schifa dico non vuoi vedere
che il tuo corpo tu lo vendi come me
non mi sopporti e questo già lo so
io sono lo specchio dove non vorresti mai guardarti

Non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché questa vita se ne va
non dimenticarti mai di te
non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
non dimenticarti di te, mai

Mamma, puttana o brutta copia di uomo
è questa la donna in questa parte del mondo
che quando nasce a questo è destinata
e se si fa comandare dal cuore della gente, è condannata

Mamma, puttana o brutta copia di uomo
vrei voluto di più, da questa parte del mondo
non solo apprezzata per i maschi partoriti e non per questo bel corpo
e non per le botte che ho dato,

Solo perché sono stata una donna
e con un catenaccio il mio cuore non l’ho mai chiuso
solo perché sono stata una donna
solamente una donna…

Non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché questa vita se ne va
non dimenticarti mai di te
non dimenticarti, non dimenticarti
non dimenticarti perché sennò che vivi a fare
non dimenticarti di te, mai


Il Tao, il Logos e il Cristo

In principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio. La Parola era con Dio all’inizio. Tutte le cose sono state create attraverso di lui e, a parte lui, non è stata creata una cosa creata. In lui c’era la vita, e la vita era la luce dell’umanità. E la luce risplende nell’oscurità, ma l’oscurità non l’ha dominato. – Giovanni 1: 1-5

C’è una cosa inerente e naturale, che esisteva prima del cielo e della terra. Immobile e insondabile, si regge da solo e non cambia mai; Si pervade ovunque e non si esaurisce mai. Può essere considerato come la Madre dell’Universo. Non so come si chiama. Se sono costretto a dargli un nome, lo chiamo Tao e lo nomino come supremo. – Lao Tzu

Ascoltando il Logos piuttosto che a me, è saggio essere d’accordo sul fatto che tutte le cose sono in realtà una cosa e solo una cosa. – Ippolito

Sia in Oriente che in Occidente filosofi, mistici e studiosi hanno un concetto dietro l’intero universo. Questo concetto rappresenta ciò che muove, governa e tiene insieme tutta l’esistenza. In Oriente chiamarono questo concetto il “Tao” che significa “La Via”. In Occidente chiamavano questo concetto “Logos” che significa “mente divina” (liberamente tradotto). Quando Gesù Cristo disse “Io sono la Via, la Verità e la Vita” (Giovanni 14: 6), non rivendicava la supremazia religiosa come sostengono molti fondamentalisti, si identificava come la “verità divina” o “la verità ultima”. il mondo stava già cercando.

Molte Bibbie in Asia traducono “Parola” in Giovanni 1: 1-5 come “Tao”. In realtà, ciò che noi traduciamo come “Parola” deriva dalla parola greca “Logos”, quindi tradurre “Logos” in “Tao” nelle Bibbie orientali è molto appropriato. Come mistico cristiano, i concetti del Tao e del Logos sono molto importanti in quanto illustrano la natura eterna di Gesù Cristo.

Un mistico cristiano non considera Gesù Cristo come un uomo che è nato, vissuto, morto e risorto oltre 2000 anni fa. Piuttosto, guardiamo a Cristo come l’essenza di tutte le cose. Tutta la verità, ogni bontà, ogni virtù vissuta in questo mondo è la presenza di Cristo. La vita di Cristo come uomo, quando “il Verbo si fece carne”, fu un’inevitabilità poiché la massima espressione del Tao / Logos si manifesta attraverso le vite dell’umanità.

Cristo che si proclama come Tao e Logos dà anche credibilità al suo posto di Messia. Gesù Cristo non fu solo l’adempimento della profezia ebraica, ma anche la manifestazione della verità identificata dall’antico maestro dell’Oriente e dell’Occidente.

La differenza tra il modo in cui i concetti del Tao e del Logos si sono formati molto illustra le differenze tra il pensiero orientale e quello occidentale. Il Tao, che è “la Via”, ruota intorno alle nostre emozioni e azioni. Scritti sul Tao, come il Tao Te Ching, passano molto tempo a parlare di come controllare e disciplinare le nostre emozioni e come agire in accordo con il Tao. Una persona unita al Tao sarebbe in completa pace con se stesso, gli altri e il mondo che lo circonda.

Il Logos, che è la “mente divina”, ruota attorno alla ricerca della ragione e della chiarezza della mente. Il Logos descriveva uno stato mentale in cui una persona può vedere se stesso e tutta la realtà senza alcuna perversione o illusione. I filosofi greci dell’antichità avrebbero cercato di governare le loro discussioni con Logos mentre si affinavano e sviluppavano le loro abilità della ragione attraverso discussioni e dibattiti. Una persona con Logos sarebbe pensata, non per sapere tutto, ma per comprendere chiaramente tutto ciò che sperimenta.

Anche se c’è una differenza nello sviluppo del Tao e del Logos, entrambi rappresentano la ricerca della “verità ultima”, e entrambi perseguono la stessa pura comprensione della realtà. La maggior parte delle persone oggi non si rende conto che le affermazioni di Gesù di essere la “Verità” e la “Via” erano così drammatiche per i Greci come le sue pretese di essere il “Messia” erano per gli ebrei del tempo.

Mentre la prova dell’autenticità di Gesù Cristo agli ebrei è per profezia. L’evidenza di Cristo alle genti era attraverso i suoi insegnamenti, che dimostravano la “mente divina” del Logos. L’evidenza di Cristo in Oriente è stata attraverso la sua stessa vita, che è stata vissuta come pura manifestazione del Tao.

L’implicazione filosofica di Cristo che è il Tao / Logos è che la “verità ultima” dell’Universo è anche un’entità di coscienza. Significa che il Tao / Logos dell’ Universo interagisce e reagisce con noi a livello personale. Ogni volta che un cristiano compie un atto di carità, compassione o sacrificio di sé, lo fa direttamente con la persona di Cristo.

La mistica cristiana riguarda l’esperienza di Cristo qui e ora nella vita di tutti i giorni. Non aspettiamo che il Cielo o l’aldilà comincino la comunione con Dio, iniziamo qui e che la comunione si estende dopo la morte.

 


#NotreDame

L’uomo può esperire il divino immanente e la stupida brutalità. I simboli sono stelle polari… la cristianità un collante .
L’arte rappresenta il linguaggio universale e il respiro dell’arte può solo traslarsi.
Forse il dolore di questa tragedia spingerà alla riflessione verso l’altro in vista dell’accoglienza.
Ne abbiamo davvero bisogno.
Cultura significa anche trasformazione.

 


Onna-bugeisha: la donna samurai

Tra i più potenti e temibili guerrieri giapponesi vi erano donne: le Onna-bugeisha. Il loro background familiare differisce dalle nobildonne e dalle contadine. Erano membri della classe bushi (samurai) nel Giappone feudale e venivano addestrate all’uso delle armi per proteggere la comunità, la famiglia e l’onore in tempo di guerra. In otto secoli conosciamo alcune delle più famose e abili guerriere femminili, tra cui citiamo Tomoe Gozen, Nakano Takeko e Hōjō Masako, solo per citarne alcune. La naginata era la loro arma preferita.

Intorno al XII secolo le donne giapponesi erano responsabili di allevare i loro figli con un’adeguata educazione samurai, avevano anche il diritto di ereditare e di lasciare in eredità la proprietà. Controllavano le finanze della famiglia e gestivano il denaro  personale. Ci si aspettava anche che le donne difendessero le loro case in tempo di guerra. Molte donne sono impegnate in battaglia, comunemente insieme agli uomini samurai. Le donne impararono ad usare  la naginata, kaiken e l’arte jutsu in battaglia.

A causa dall’influenza della filosofia neoconfuciana e del consolidato mercato matrimoniale del periodo Edo (1600-1868), lo status della onna-bugeisha andò  significativamente scemando. I samurai non erano più interessati alle battaglie e alla guerra, diventarono burocrati. Le donne, in particolare le figlie della maggior parte delle famiglie delle classi nobili, furono presto considerate più preziose come pedine politiche (principalmente per scopi matrimoniali). Viaggiare in questo periodo è stato anche difficile per molte donne samurai. Dovevano sempre essere accompagnate da un uomo, dato che non potevano viaggiare da sole. Dovevano anche possedere permessi specifici, stabilire i loro affari e le loro motivazioni. Molti samurai consideravano le donne puramente come procreatrici di bambini; si diffuse il concetto che una donna non  fosse un compagno adatto per la guerra.

Il Samurai  maschio utilizzava  la katana, la  donna  samurai utilizzava la naginata, che è un’arma  versatile e convenzionale con una lama curva in punta. La naginata è principalmente adatta alla donna  per la sua lunghezza, che può compensare la forza e il vantaggio delle dimensioni del corpo degli avversari maschi. Inoltre, la naginata ha una nicchia giusta tra la katana e lo yari, che è piuttosto efficace in confronto  ravvicinato quando l’avversario è tenuto a bada ed è anche relativamente efficace contro la cavalleria.  Le samurai erano abili anche con le armi a distanza come archi e frecce.

Immagine

Guerriere

Molti filologi  sostengono che l’assenza di  termini che declinino il “samurai al  femminile” perché il termine “samurai” è  parola maschile. Tuttavia, per migliaia di anni, alcune donne giapponesi di classe nobile hanno imparato le arti marziali e hanno partecipato a combattimenti. 

“Tra il XII e il XIX  secolo, molte donne della classe  samurai impararono a maneggiare la spada e la Naginata (una lama su un lungo bastone) principalmente per difendere se stesse e le loro case. Nel caso in cui il loro castello fosse stato invaso da guerrieri nemici, le donne dovevano combattere fino alla fine e morire con onore, armi in mano. “(Candide Media Works). Alcune giovani donne erano talmente  abili  nei combattenti che cavalcavano in guerra accanto agli uomini, piuttosto che starsene a casa ad  aspettare.

“Accanto ai loro mariti in combattimento quasi continuamente, le donne samurai del XVI secolo provvedevano alla difesa delle loro case e dei loro bambini. I loro ruoli in tempo di guerra includevano lavare e preparare le teste sanguinanti decapitate del nemico, che venivano presentate ai generali vittoriosi. Come i loro mariti samurai, l’onore personale era fondamentale per le donne samurai.Portavano dei piccoli pugnali e erano sempre pronte a morire per mantenere il loro onore e il loro cognome.

Dopo che Tokugawa Ieyasu unificò il Giappone, il ruolo delle donne cambiò. I loro mariti samurai, che non combattevano più guerre,  diventarono burocrati. Le donne furono ora relegate a supervisionare l’educazione dei loro figli e a gestire la casa.

Il viaggio era fortemente limitato per le donne samurai durante gli anni dello shogunato Tokugawa. Era loro vietato  viaggiare da sole, fu loro richiesto di portare con sé i permessi di viaggio e di solito erano accompagnate da un uomo. Le donne samurai venivano spesso molestate dalle autorità quando passavano attraverso i posti d’ispezione del governo. “(Candide Media Works).

Un altro nome per le samurai giapponesi era  onna-bugeisha. Il “onna-bugeisha era un tipo di guerriera appartenente alla classe superiore giapponese. Molte mogli, vedove, figlie, dei ribelli rispondevano alla chiamata del dovere impegnandosi in battaglia, comunemente accanto agli uomini samurai. Erano membri del bushi (samurai) classe nel Giappone feudale e sono statie addestrate all’uso delle armi per proteggere la comunità, la famiglia e l’onore in tempo di guerra. Rappresentavano anche una divergenza dal tradizionale ruolo di “casalinga” della donna giapponese. A volte vengono definiti samurai femminili. Icone importanti come l’imperatrice Jingu, Tomoe Gozen, Nakano Takeko e Hōjō Masako sono famosi esempi di onna-bugeisha. “(Onna-bugeisha).

Immagine

Imperatrici del Giappone

L’imperatrice Pimiko

Nell’antica  storia del Giappone e della Cina ci sono i primi resoconti storici redatti da viaggiatori cinesi che descrivono la regina del Land of WA (Giappone antico). Il suo nome era Pimiko “figlia del sole”,  iniziò il suo governo intorno al 183 . Secondo i resoconti storici era una donna anziana che non si sposò mai . Fonti storiche cinesi raccontano come arrivò  a governare:

“Un tempo il paese aveva uomini come governanti. Tuttavia, per settanta o ottanta anni dopo che il paese era costantemente scosso da disordini e guerre, alla fine lil popolo accettò una donna come loro imperatrice e la chiamarono Pimiko (Himiko). Era abile nelle pratiche dello  sciamanesimo, [usando i poteri soprannaturali] e poteva stregare le persone. Nei suoi anni maturi, non era ancora sposata e il fratello minore l’aveva aiutata a governare il paese. Dopo essere diventata l’imperatrice, c’erano solo alcuni cui era concesso  vederla. Aveva mille schiave, ma c’era un solo servitore che la frequentava. Le sue funzioni erano di servire il cibo e le bevande, comunicare messaggi, entrare e uscire dai suoi alloggi. La regina risiedeva in un palazzo circondato da torri e barricate, con guardie che controllavano costantemente … “1 (antiche imperatrici giapponesi).

L’imperatrice Pimiko era una donna intelligente che costruì scambi e relazioni diplomatiche tra Cina e Giappone. Lo ha realizzato inviando messaggeri, doni di schiavi e stoffe pregiate all’Imperatore della Cina. Questo era il suo modo di mostrare rispetto per un vicino e un altro governantee. Le prime imperatrici come Pimiko erano probabilmente anche sciamane. “Si pensava che gli sciamani avessero poteri soprannaturali ed agivano da intermediari tra gli umani e gli dei. La parola giapponese per gli sciamani è la donna ‘letteralmente divina’,  Miko. Non esiste una parola giapponese per uno sciamano maschio. Ciò suggerisce che una fonte del potere di questi primi governanti era il loro status di Miko. “1 (Ancient Japanese Empresses).

Imperatrice Jingu

Immagine

Molto prima che venisse usato il termine “samurai”, i combattenti giapponesi erano abili con la spada e la lancia. Tra questi guerrieri vi erano includese alcune donne, come la leggendaria imperatrice Jingu (circa 169-269 ), qui raffigurata mentre guida un’invasione in Corea.

“Una successiva imperatrice, Jingū (o Jingō), che regnò nel III secolo DC, divenne seconda solo alla dia Amaterasu nella riverenza mostrata dal popolo giapponese. La sua storia è una combinazione di leggenda e fatti storici ma, anche sebbene sia difficile distinguere i fatti dalla leggenda, uno storico giapponese ha descritto il suo importante ruolo nella storia giapponese: “L’imperatrice Jingū era la nostra Giovanna d’Arco. Infiammata dall’ispirazione divina, mostrò un valore militare che era di incalcolabile servizio al suo paese nella crisi delle vicende. (antiche imperatrici giapponesi).
“I resoconti delle attività dell’imperatrice Jingū differiscono, ma sembra essere diventata imperatrice dopo la morte di suo marito, l’Imperatore Chūai. La sua morte è avvenuta dopo aver  rifiutato di p invadere Silla (ora Corea). In autunno, Chūai convocò i suoi generali per un consiglio di guerra e pianificare un attacco a un gruppo di ribelli. “Quella notte Jingu fu rapita da un sogno, o cadde in trance. Una divinità le apparve e disse: “Perché l’imperatore dovrebbe preoccuparsi che i Kumaso [i ribelli] non si arrendano a lui? I Kumaso hanno poco da offrire. Non vale la pena preparare un esercito contro di loro. C’è una terra migliore chiamata Silla, che si trova su Mukatsu (l’altro lato dell’oceano). Lì puoi trovare un tesoro in abbondanza, perché Silla è un paese ricco di cose meravigliose abbaglianti: oro, argento e gioielli dai colori vivaci. . . . Se mi adori con le offerte giuste, farò in modo che Silla ceda. I tuoi soldati non dovranno neppure estrarre le spade. La vittoria è tua. In cambio, rivendico semplicemente come offerta la nave di tuo marito e il campo di riso che ha acquisito da un capo di Anato. ” Chūai non poteva credere a quello che aveva sentito da sua moglie. All’inizio liquidò la sua storia come un sogno fantastico. Ma ripensandoci, salì in cima a una collina vicina per dare un’occhiata. Anche da quel punto di osservazione, non riusciva a vedere nulla nei grandi mari. Quindi concluse che se sua moglie avesse davvero sentito la voce di un dio che gli suggeriva di persuaderlo a lasciare la sua nave e il campo di riso, doveva essere un dio traditore.  La spedizione dell’imperatore Chūai contro il Kumaso non ebbe successo e subito dopo morì.  (antiche imperatrici giapponesi). Per un po ‘Jingū riuscì a mantenere segreta la sua morte e a reprimere rivolte all’interno del regno agendo nel suo nome. Sebbene fosse incinta del futuro imperatore, indossò abiti da uomo e andò in battaglia. Usando i suoi poteri di sciamana, affermò di sentire la volontà di Dio dirle che i giapponesi avrebbero dovuto invadere Silla. Ha detto al suo ministro:”Ascoltare la volontà di Dio, spostare il popolo di guerra, è motivo di grande preoccupazione per il Paese. Dall’alto, riceverò il sostegno degli spiriti degli Dei del Cielo e della Terra, mentre, sotto, mi avvarrò dell’assistenza di voi, miei ministri. Brandendo le nostre armi, attraverseremo i giganteschi flutti: preparando una flotta di navi, prenderemo possesso della Terra del tesoro. Se questa spedizione avrà successo, sarà merito tuo, miei ministri; e se no, sono solo io da incolpare “.11 La spedizione dell’imperatrice Jingū in Corea è riuscita, ma al suo ritorno ha affrontato rivolte a casa. Con queste ribellioni sottomesse, si dice che governò per settanta anni, morendo all’età di cento anni. “1 (Antiche imperatrici giapponesi).”Non c’è modo di verificare l’esistenza di una determinata imperatrice di nome Jingū, ma si ritiene che una società matriarcale sia esistita nel Giappone occidentale durante questo periodo. I documenti cinesi e coreani, considerati più accurati dei conti giapponesi contemporanei, si riferiscono al paese giapponese di WA come il Paese dei Queen e lo mettono in stretto contatto con la Cina e la Corea. “3 (Jingu).

Samurai e Mogli Bushi

“Fino alla fine del periodo Edo, ci si aspettava che le mogli di Samurai e bushi (guerrieri) fossero entrambe domestiche (madri, capifamiglia e insegnanti di bambini) durante la guerra quando gli uomini andarono a combattere, le donne divennero i difensori dei bambini e della proprietà familiare. Durante la sanguinosa guerra  del periodo Sengoku-Jidai, il compito di difendere intere città spesso ricadeva sulle donne. Durante questo periodo, ci sono resoconti “delle mogli dei signori della guerra, vestiti con armature sgargianti, che portano bande di donne armate di naginata” (un’arma da palo con una lama curva all’estremità). Tra i loro altri doveri marziali, l’incarico ricade anche sulle mogli samurai e bushi per pulire e preparare le teste mozzate di nemici come regali per i generali vittoriosi.

Queste mogli samurai e bushi dovevano portare sempre kaiken (piccoli pugnali). Queste armi non erano usate tipicamente per la difesa, ma venivano portate nel caso in cui fosse necessario per eseguire il jigai (suicidio rituale che prevedeva il taglio della propria gola aperto-hara-kiri riservato agli uomini). Era considerato più onorevole eseguire il jigai piuttosto che essere catturato e diventare una vittima dello stupro, il che avrebbe portato disonore al nome di famiglia. Nei rari casi in cui il kaiken veniva usato per autodifesa, la donna avrebbe afferrato l’elsa con entrambe le mani, piantando saldamente il calcio dell’elsa contro il suo stomaco e avventandosi in avanti, gettando tutto il suo peso corporeo nel colpo. Se avesse avuto l’elemento sorpresa, questa manovra sarebbe stata probabilmente fatale per il suo avversario.

Le mogli Bushi e Samurai erano addestrate principalmente all’uso della naginata per la sua versatilità e utilità nel difendere un castello dai cavalieri. Le donne sarebbero in genere svantaggiate combattendo contro samurai armati da vicino, dove gli uomini avrebbero il vantaggio in termini di peso e forza, ma la naginata  permetteva loro di colpire a distanza di un palo: una donna armata e addestrata a usare una naginata poteva sconfiggere tutti tranne il  più grande dei guerrieri.

Sebbene fossero addestrate alle arti marziali, le mogli che si portavano sul campo di battaglia costituivano l’eccezione – la maggior parte delle donne non si impegnava in combattimento. Ma sebbene tradizionalmente percepite come delicate e femminili queste donne erano tutt’altro che impotenti, erano pioniere, aiutando i loro clan a colonizzare nuovi territori. Alcuni clan potrebbero persino essere stati guidati da donne che avevano il diritto legale di agire come jito (steward) della terra. “(Amdur).

Tomoe Gozen

Immagine

Immagine

I tre dipinti sopra raffigurano Tome Gozen che indossa nla sua armatura da samurai.

“Tomoe Gozen è uno dei pochi esempi di una vera donna guerriera vissuta nella prima parte della storia moderna giapponese, anche se alcuni stidiosi  si siano chiesti se  fosse veramente vissuta, o fosse semplicemente fosse una figura inventata nell’Heike Monogatari. Mentre innumerevoli altre donne erano a volte costrette a prendere le armi (in difesa del loro castello, per esempio), Tomoe viene descritta come una guerriera consumata. 

Sebbene gli  studio per la maggior parte indichino Tomoe probabilmente come un personaggio puramente immaginario, è tuttavia descritta in alcune fonti come la figlia di Nakahara no Kanetô (il marito di Minamoto assistente di Yoshinaka), e la sorella di Imai Kaneshiro, a fianco con cui combatte nella battaglia di Awazu. “(Samurai-Archives).

Tomoe Gozen ( Gozenè un titolo che significa “signora”) era famosa come una spadaccina, un abile cavallerizza e un superba arciere; fu il primo comandante di Minamoto, e conquistò almeno una testa nemica durante la battaglia di Awazu nel 1184.

“Secondo alcune fonti, era sposata con Kiso (Minamoto) Yoshinaka (sebbene la Heike Monogatari la descriva come un’inserviente , e altre fonti la descrivono come una consorte, o addirittura una prostituta , che  oppose al Taira e nel 1184 prese Kyoto dopo aver vinto la battaglia di Kurikara. Con il Taira costretto nelle province occidentali, Yoshinaka iniziò a insinuare che doveva guidare in guerra il clan Minamoto – un suggerimento che provocò attacchi di Minamoto no Yoritomo. Fuggendo dopo una grave sconfitta, Yoshinaka, insieme a Tomoe, affrontò guerrieri alleati con Yoritomo ad Awazu, una battagliaa disperata in cui Tomoe prese almeno una testa, quella di Onda Hachirô Moroshige. “(Samurai-Archives).

L’Heike Monogatari descrive quindi Tomoe:

“… Tomoe era una donna particolarmente bella, con pelle bianca, capelli lunghi e lineamenti affascinanti, era anche un arciere straordinariamente forte, e come spadaccina era una guerriera del valore di mille, pronta ad affrontare un demone o un dio, montato A cavallo si muovevano i cavalli ininterrotti con abilità superba, cavalcava incolume per discese pericolose.Quando una battaglia era imminente, Yoshinaka la mandò fuori come suo primo capitano, equipaggiata da una forte armatura, una spada di grandi dimensioni e un arco possente; ha compiuto più atti di valore di qualsiasi altro dei suoi guerrieri. ” (Samurai-Archives).

“L’Heike Monogatari continua dicendo che Tomoe era uno degli ultimi cinque guerrieri di Yoshinaka che si trovava alla fine della battaglia di Awazu, e che Yoshinaka, sapendo che la morte era vicina, la spinse a fuggire. Sebbene riluttante, si precipitò contro un guerriero Minamoto di nome Onda no Hachirô Moroshige, gli tagliò la testa e fuggì verso le province orientali.

Alcuni hanno scritto che Tomoe infatti morì in battaglia con suo marito, mentre altri affermano che sopravvisse e si dedicò alla contemplazione. È una delle figure femminili più popolari e conosciute nella storia / leggenda giapponesi e appare come protagonista in almeno una commedia kabuki, Onna Shibaraku. “(Samurai-Archives).


Oblio d’amore… – Silvana Stremiz

Una notte di pura follia
un gioco erotico fatto di sguardi
di silenzi, di parole, trasgressione
e sussurri dell’anima.
Il donarsi è totale
in quella danza senza ipocrisia.
Parlano i silenzi ballano i SENSI.
In una solo una notte
dove tutto è lecito
senza inibizioni.

Il proibito è dei codardi
che non sanno amare
che non sanno vivere
ogni battito dell’essere vivi.

Gli abiti cadono a terra spogli di tutto.
Le labbra percorrono antichi sentieri
segnati dal tempo ma vivi d’amore dentro.
Il brivido profondo l’uno dentro l’altro
una sola entità.
Respiri di me respiro di te
per quell’ATTIMO ETERNO
che ci compone.

Una forte stretta
uno struggente abbraccio
l’uno dell’altro.
Prima di riprenderci i corpi
e andarcene via
così…. con un addio
Io eternamente parte di te
Tu eternamente parte di me.

Silvana Stremiz

 


Aforisma per riflettere e pensare: un pensiero del Prof. Tittarelli

Coloro che si avventurano a scorrere queste pagine si rivelano dei curiosi. Muovono passi intrepidi e percorrono sentieri di frontiera. Condivido questo pensiero del Prof. Tittarelli,  che seguo da anni sui social, instancabile promotore  del benessere tout court, sempre disponibile al confronto e all’ascolto, virtù rara oggigiorno.

“L’arte e la scienza hanno bisogno dell’Umorismo per tornare ad essere strumenti di pace, umanità, buon umore e quindi di Fantasia ed Armonia: facciamo spazio alle Ninfe, alle Fate, alle Muse, ai Satiri, al Teatro, alla Commedia, alla Tragedia, alla Poesia ed apprendiamo la lezione che serve per aprire i cuori e le menti all’Imprevisto, all’Improbabile, all’Impercettibile e quindi alla Sacralità e al Mistero della Vita.”

Prof. Renato Tittarelli


Epicuro : il piacere e la felicità.

L’attualità del pensiero di Epicuro è innegabile.

” Non aspetti il giovane a filosofare, né il vecchio di filosofare si stanchi: nessuno è troppo giovane o troppo vecchio per la salute dell’anima. Chi dice che non è ancora giunta l’età di filosofare o che è già trascorsa, è come se dicesse che non è ancora o non è più l’età per essere felici”.

Ecco il fulgido movente che il famoso filosofo indica all’uomo oggi.

Epicuro, busto marmoreo, copia romana dell’originale greco (III secolo-II secolo a.C.), Londra, British Museum

Epicuro è considerato  figura importante nella storia della scienza e della filosofia. Sosteneva che dovremmo proporzionalmente credere alle prove empiriche e alla logica, e ha proposto la visione scientifica dell’atomismo , secondo cui tutti i fenomeni nel mondo macroscopico sono causati dalla configurazione di atomi o elementi indivisibili nel mondo microscopico. Nell’etica è famoso per aver proposto la teoria dell’edonismo , sostenendo che il piacere è unico valore intrinseco. Come vedremo, tuttavia, la sua visione del piacere è lontana da quella stereotipata e inflazionata. Per Epicuro, la vita più piacevole è quella in cui ci asteniamo da desideri non necessari e raggiungiamo una tranquillità interiore ( atarassia) accontentandosi di cose semplici e scegliendo il piacere della conversazione filosofica con gli amici per la ricerca di piaceri fisici come cibo, bevande e sesso.

Immagina di avere un giardino rigoglioso pieno di frutta e verdura fresca. Figure umane vestite passeggiano in lungo e in largo lungo i sentieri, fermandosi di tanto in tanto per impegnarsi l’un l’altro in piacevoli conversazioni riguardo  scienza, filosofia e arte. In un angolo un servo suona armoniosi accordi con sua lira. In un altro si assiste ad  una discussione sul libero arbitrio: l’insegnante spiega che non c’è motivo di temere gli dei e che gli esseri umani hanno completa libertà di scegliere il proprio percorso nella vita e di ottenere felicità nel qui e ora. Un vento rigerenante e fresco soffia in sintonia con il  respiro del Mediterraneo, brezza tra bellezza della natura e  comunione di amici e familiari. Se hai immaginato tutto questo, hai immaginato il “il giardino dei piaceri” di Epicuro, un luogo in cui il filosofo e i suoi studenti si riunivano per realizzare la vita più piacevole possibile in questo mondo.

Epicuro trascorse gran parte della sua vita sull’isola di Samo, un insediamento ateniese ampio della penisola egea. Studiò ad Atene e dopo aver assimilato gli insegnamenti di Platone, Aristotele e Democrito, ritornò lì per fondare la sua scuola, il Giardino, che  attrasse molti seguaci. Fedele alla sua filosofia, Epicuro sosteneva di trascorrere gli ultimi giorni di vita nel piacere, nonostante tutto il dolore fisico che provava. Come scrive nella sua Lettera a Idomeneo:

“Ti ho scritto questa lettera in un giorno felice per me, che è anche l’ultimo giorno della mia vita. Perché sono stato attaccato da una dolorosa incapacità di urinare e anche di dissenteria, così violento che nulla può essere aggiunto alla violenza delle mie sofferenze. Ma l’allegria della mia mente, che deriva dal ricordo di tutta la mia contemplazione filosofica, controbilancia tutte queste afflizioni. E ti prego di prenderti cura dei figli di Metrodoro, in un modo degno della devozione mostrata dal giovane a me e alla filosofia.”

Qui vediamo una delle tecniche di Epicuro per ottenere la felicità anche nella situazione più complicata: invece di soffermarsi sul dolore, ricorda uno di quei momenti passati in cui era più felice. Attraverso un adeguato addestramento della mente, sarete in grado di raggiungere una tale vividezza di immaginazione che potrete rivivere queste esperienze e quella felicità. Questa idea è ben illustrata da Victor Frankl, lo psichiatra viennese che ha sofferto per quattro anni in vari campi di concentramento, tra cui Auschwitz. Frankl scrive che una delle poche cose che era in grado di dargli una sensazione di felicità era l’evocazione di un’immagine della sua amata moglie e impegnandosi in una conversazione immaginaria con lei. Mentre scriveva: “La mia mente si aggrappa all’immagine di mia moglie, immaginandola con una strana acutezza, l’ho sentita rispondermi, ho visto il suo sorriso, il suo sguardo schietto e incoraggiante. Reale o no, il suo sguardo era allora più luminoso del sole che sorgeva “. (Frankl 1984, pagina 57).

La felicità è piacere
Mentre abbiamo perso la maggior parte dei trattati di Epicuro sull’etica e la felicità, le sue idee di base sono delineate molto chiaramente nella sua giustamente famosa Lettera a Meneceo . Inizia con un’affermazione comune  di Platone e Aristotele :  tutti desideriamo la felicità  fine a se stessa e tutte le altre cose sono desiderate come mezzo per produrre felicità. Ma cos’è la felicità? Epicuro dà una definizione semplice, influenzata da Aristippo, un discepolo di Socrate e fondatore della scuola filosofica cirenaica:

“Il piacere è il nostro bene primo e affine, è il punto di partenza di ogni scelta e di ogni avversione, e ad esso torniamo sempre, in quanto sentiamo la regola per giudicare ogni cosa buona”.

Epicuro afferma poi che ci sono due credenze autoimposte che fanno di più per rendere le nostre vite infelici o piene di dolore.  In primis, la convinzione che saremo puniti dagli dei per le nostre cattive azioni, e in secondis, che la morte è qualcosa da temere. Entrambe queste credenze producono paura e ansia e sono completamente inutili dal momento che si basano su congetture. Mentre gli dei esistono davvero, essendo perfetti ed eterni non si occupano direttamente delle vicende umane. Come tale, non abbiamo alcun bisogno di temere alcuna punizione da parte loro, né abbiamo bisogno di trascorrere del tempo in atti laboriosi di devozione religiosa. Per quanto riguarda la morte, sottolinea che una volta che l’esperienza senziente arriverà alla fine, non vi sarà alcuna sensazione di dolore. In quanto tale, la paura della morte è completamente infondata. Infatti, Epicuro distingue tra desideri necessari e non necessari. I desideri necessari sono quelli che sono essenziali per produrre felicità, come il desiderio di liberarsi dal dolore fisico o desiderare uno stato di tranquillità interiore. Scrive che “la fine di tutte le nostre azioni è di essere liberi dal dolore e dalla paura, e una volta vinta la tempesta dell’anima viene sedata”. Solo quando siamo nel dolore sentiamo il bisogno di cercare il piacere, un bisogno che inevitabilmente produce solo dolore maggiore. Per liberarci da questo ciclo dolore-piacere-dolore, abbiamo bisogno di coltivare una mentalità in cui sia assente il dolore. Quindi l’obiettivo non è la ricerca positiva del piacere, come lo fu per Aristippo. L’obiettivo è piuttosto il raggiungimento di uno stato neutrale che è meglio descritto come “pace della mente” o anche “vuoto”, per usare un’espressione buddista, atarassia , che letteralmente significa “libertà dalle preoccupazioni”.

Epicuro osserva inoltre che abbiamo bisogno della saggezza per vedere quali piaceri sono veramente soddisfacenti e quali dolori sono necessari per produrre piacere. Alcuni piaceri portano a un dolore maggiore, come ad assimilare quantità abbondanti di alcol, e così la persona saggia li eviterà. D’altra parte, alcuni dolori, come la tristezza, possono portare ad apprezzare la vita o la compassione, che sono stati molto piacevoli. Pertanto non dovremmo sbarazzarci di tutte le emozioni negative ma solo di quelle che portano a dolori inutili. Questo, tra l’altro, è anche una delle principali conclusioni che lo psicologo positivo Ed Diener delinea nelle sue ultime ricerche circa la  base empirica della felicità.

Un’altra delle principali conclusioni della recente ricerca sulla felicità riguarda il ruolo limitato che le condizioni esterne giocano nel renderci felici. È stato scoperto che reddito, matrimonio, bellezza, persino vincere la lotteria hanno solo un piccolo impatto esiguo sulla felicità duratura. Epicuro lo anticipa con la sua affermazione che il più grande segreto della felicità è di essere il più indipendente possibile dalle cose esterne. Essere contenti con le cose semplici della vita assicura l’effettivo allontamento dalla  delusione. Se ci si impegna  in piaceri inutili come lussi e cibo costosi, sarai 1) sconvolto quando perdi queste cose, 2) ansioso di ottenerle, e 3) continuamente spinto verso lussi più grandi e quindi attrarrai maggiore ansia e delusione.

In armonia con questo sentimento, Epicuro scredita il “grossolano edonismo” che enfatizza il piacere fisico e sostiene invece che la ricerca filosofica della saggezza con amici intimi è il più grande dei piaceri;

“Quando diciamo, quindi, che il piacere è il fine e lo scopo, non intendiamo i piaceri del prodigo o dei piaceri della sensualità, come intendiamo fare attraverso l’ignoranza, il pregiudizio o la falsa rappresentazione intenzionale. L’assenza di dolore nel corpo e problemi nell’anima non rappresenta  una successione ininterrotta di incontri di bevute e di baldoria, non lussuria sessuale, non il godimento del pesce e altre prelibatezze di un tavolo lussuoso; ciò che produce  una vita piacevole è un ragionamento piuttosto sobrio, che cerca i motivi della scelta e dell’evitamento e bandisce quelle credenze che portano al tumulto dell’anima “.

Basato su questa concezione della felicità, è il filosofo che è il più felice di tutte le persone, poiché sceglie i piaceri stabili della conoscenza sui piaceri temporanei e sublimabili  del corpo. Epicuro conclude la sua lettera dicendo che si praticano questi precetti, si diventerà un “dio tra gli uomini”, poiché si raggiunge uno stato immortale anche mentre ci si trovava in un corpo. Così scrive:

“Esercitati in questi precetti giorno e notte, sia da solo che con qualcuno:  la mente, poi mai, né nel risveglio né nei sogni, sarai turbato, ma vivrai come un dio tra gli uomini, perché l’uomo perde ogni parvenza di mortalità vivendo nel mezzo di benedizioni immortali. “

Notate l’enfasi che Epicuro pone sulla pratica dei precetti  in riferiemnto all’unione delle mente . In armonia con Aristotele, Epicuro vede il valore indispensabile dell’amicizia come motivatore cruciale verso la propria vera felicità. Il problema è che il più delle volte le altre persone sono un danno per la nostra felicità, creando una falsa competizione per i piaceri non necessari. La soluzione a questo problema  è di allontanare  se stessi dalla società ordinaria e di creare una comunità scelta in cui interagisci solo con  compagni amanti della saggezza che condividono in ugual maniera . Nel creare questa visione, Epicuro ha indubbiamente influenzato molti pensatori utopici da More a Marx che radunano le loro speranze di felicità in un completo cambiamento delle relazioni sociali che formano il tessuto di chi siamo come esseri umani.

Epicuro indica  le seguenti affermazioni sulla felicità umana:

La felicità è piacere; tutte le cose devono essere fatte per il bene delle sensazioni piacevoli associate a loro.
La felicità non è un affare privato: può essere raggiunta più facilmente in una società in cui individui con una mentalità simile si uniscono per aiutare a ispirarsi l’un l’altro alla ricerca della felicità


Video

Stanotte a Pompei – Alberto Angela

Lo straordinario documentario di Alberto Angela, andato in onda il 22 settembre 2018, un’occasione per conoscere ed immergersi nella Pompei Antica, con contributi di altissimo livello di Eva Cantarella e Vittorio Storaro. Buona visione il link disponibile qui

 

 

alberto-angela