“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Rael

Genesis – The Lamb Lies Down On Broadway

Rael

Tieni le dita fuori dal mio occhio. Mentre scrivo mi piace dare un’occhiata alle farfalle in vetro che sono tutte intorno alle pareti. Le persone in memoria sono bloccate su eventi che non riesco a ricordare troppo bene, ma ne scrivo uno per vederlo spezzare, decomporre e nutrire un altro tipo di vita. Quello in questione è tutto materiale completamente biodegradabile e classificato come “Rael”. Rael mi odia, mi piace Rael, sì, anche gli struzzi hanno dei sentimenti, ma la nostra relazione è qualcosa con cui entrambi stiamo imparando a convivere. A Rael piace divertirsi, a me piace una buona rima, ma non mi vedrai più direttamente – odia il mio essere in giro. Quindi se la sua storia non regge, potrei dare una mano, capisci? (cioè la rima è pianificata, manichini).

 

L’ago tremolante salta in rosso. New York striscia fuori dal suo letto. Agli ospiti stanchi viene chiesto di lasciare il calore del teatro per tutta la notte, dopo aver dormito in immagini che altri sognano solo. Gli extra non pagati disturbano Sleeping Broadway. CAMMINARE a sinistra NON CAMMINARE a destra: a Broadway le indicazioni non sembrano così luminose. Gli fantasmi automatici mantengono il ritmo della prima gara mobile del tassista.

 

Basta questo: il nostro eroe sta salendo le scale della metropolitana alla luce del giorno. Sotto la sua giacca di pelle tiene una pistola a spruzzo che ha lasciato il messaggio RAEL a grandi lettere sul muro che porta sottoterra. Potrebbe non significare molto per te, ma per Rael fa parte del processo diretto a “farsi un nome per sè”. Quando non sei nemmeno un portoricano di razza pura, il gioco si fa duro e la crudezza avanza.

 

Con occhiate casuali lungo la strada bagnata, controlla il movimento nel vapore per cercare potenziali ostruzioni. Non vedendo nessuno, cammina lungo il marciapiede, oltre la farmacia con la protezione di ferro che viene rimossa per rivelare il sorriso della ragazza del dentifricio, oltre le signore della notte e il poliziotto Frank Leonowich (48 anni, sposato, due bambini) che si trova sulla soglia della parrucca -memorizzare. Il poliziotto Leonowich guarda Rael più o meno allo stesso modo in cui gli altri colleghi lo guardano, e Rael nasconde solo le sue intenzioni. Nel frattempo da una nuvola si cala un agnello. Questo agnello non ha nulla a che fare con Rael o con qualsiasi altro agnello: si sdraia a Broadway.

 

Il cielo è nuvoloso e quando Rael guarda indietro una nuvola scura sta scendendo come un pallone in Times Square. Si appoggia sul terreno e si modella in una superficie piana dai bordi duri, che si solidifica e si estende fino a est e ovest lungo la 47a strada e raggiungendo il cielo scuro. Man mano che il muro prende tensione diventa uno schermo che mostra ciò che era esistito in tre dimensioni, dall’altro lato solo un momento prima. L’immagine tremola e poi si incrina come l’argilla dipinta e il muro si muove silenziosamente in avanti, assorbendo tutto sul suo cammino. Gli ignari newyorkesi sono apparentemente ciechi rispetto a ciò che sta accadendo.

 

Rael inizia a scappare verso Columbus Circle. Ogni volta che osa dare un’occhiata, il muro ha spostato un altro blocco. Nel momento in cui pensa di mantenere la distanza dal muro, il vento soffia forte e il freddo rallenta la sua velocità. Il vento aumenta, asciuga la strada bagnata e raccoglie la polvere dalla superficie, gettandola in faccia a Rael. Sempre più sporco viene fatto esplodere e inizia a depositarsi sulla pelle e sui vestiti di Rael, creando un solido cappotto a strati che lo porta gradualmente a una calma terrorizzata. Un’anatra seduta.

 

Il momento dell’impatto esplode attraverso il silenzio e in un rombo di suoni, l’ultimo secondo si prolunga in un mondo di echi come se il cemento e l’argilla di Broadway stessi stessero rivivendo i suoi ricordi. L’ultima grande marcia passata. Newsman è inerte come un piagnucolio mentre il pubblico e l’evento sono bloccati come uno. Bing Crosby coos “Non devi provare dolore per cantare il blues, non devi holla – non senti nulla nel tuo colletto da un dollaro.” Martin Luther King piange “Tutti cantano!” e suona la grande vecchia campana della libertà. Leary, stanco della sua cella di prigione, cammina in paradiso, parla all’inferno. JFK dà l’OK per spararci, sorseggiando Orange Julius e Lemon Brutus. Mazzi double cowboy dal petto nudo il triplo campione. Chi ha bisogno di Medicare e della tariffa forfettaria 35c, quando Fred Astaire e Ginger Rogers stanno ballando per aria? Dagli stereotipi di Broadway Melody la band ritorna su “Stars and Stripes” portando una lacrima al chiaro di luna, che sta riversando il suo spirito dall’ancora illegale. Il mediatore di pegni cancella la cassa rumorosa e stringe la sua fortunata banconota da un dollaro. Quindi il blackout.

 

Rael riacquista conoscenza in una penombra muschiata. È caldamente avvolto in una specie di bozzolo. L’unico suono che riesce a sentire è l’acqua gocciolante che sembra essere la fonte di una pallida luce tremolante. Immagina di trovarsi in una specie di grotta – o tomba terrificante, o catacomba, o guscio d’uovo in attesa di cadere dall’osso dell’utero. Qualunque cosa sia, si sente sereno, molto pulito e contento come un manichino ben tenuto con acqua calda nella sua pancia, quindi perché preoccuparsi di cosa significhi? Rassegnandosi all’ignoto, si addormenta.

 

Si sveglia con un sudore freddo con un forte bisogno di vomitare. Non c’è traccia del bozzolo e può vedere più della caverna attorno a lui. C’è molta più acqua luminosa che gocciola dal tetto e stalattiti e stalagmiti si formano e si decompongono ad un ritmo allarmante intorno a lui. Mentre la paura e lo shock si registrano, si assicura che l’autocontrollo fornirà un po ‘di sicurezza, ma questo pensiero viene abbandonato mentre le stalattiti e le stalagmiti si bloccano in una posizione fissa, formando una gabbia le cui sbarre si muovono verso di lui. Ad un certo momento c’è un lampo di luce e vede un’infinita rete di gabbie legate tutte insieme da un materiale simile a una corda. Mentre le sbarre rocciose si spingono sul corpo di Rael, vede fuori suo fratello John, che lo guarda. La faccia di John è immobile nonostante le grida di aiuto, ma nella sua espressione vacua si forma una lacrima di sangue che gli scorre lungo la guancia. Quindi si allontana con calma lasciando Rael ad affrontare i dolori che stanno iniziando a spazzare attraverso il suo corpo. Tuttavia, proprio mentre John esce di vista, la gabbia si dissolve e Rael viene lasciato girare come una cima.

 

Quando tutta questa rivoluzione è finita, si siede su un pavimento molto lucido mentre le sue vertigini svaniscono. È un corridoio vuoto e moderno e la commessa dei sogni è seduta al banco della reception. Senza spingerla a fare il suo rap: “Questa è la Grand Parade of Lifeless Packaging, quelli che stai per vedere sono tutti disponibili per la manutenzione, tranne una piccola quantità del nostro nuovo prodotto, nella seconda galleria. È tutto lo stock necessario per coprire le disposizioni esistenti dell’impresa. Diversi lotti sono distribuiti agli operatori dell’area e ci sono molte opportunità per il grande investitore. Si estendono dalle costose cure condizionate al più ragionevole mal nutrito. Scopriamo qui che gli sguardi di tutti diventano loro. Tranne il mercato mal nutrito, a ciascuno viene fornita una garanzia per un parto di successo e un’infanzia senza problemi. Esiste tuttavia solo una piccola quantità di potenziale di scelta variabile, non troppo lontano dal differenziale medio. Vedete, il tetto ha predeterminato i limiti di azione di qualsiasi gruppo di pacchetti, ma gli individui possono spostarsi dal percorso se i loro diversivi sono controbilanciati da altri.

 

Mentre vaga lungo la fila di pacchi, Rael nota una familiarità in alcuni dei loro volti. Alla fine si imbatte in alcuni membri della sua vecchia banda e si preoccupa della propria sicurezza. Scappando attraverso il pavimento della fabbrica, vede suo fratello John con un numero 9 impresso sulla fronte.

 

Nessuno sembra intraprendere l’inseguimento, e con i volti familiari freschi nella sua mente si trasferisce in una ricostruzione della sua vecchia vita, fuori terra – Troppo tempo era una cosa di cui non aveva bisogno, quindi era solito tagliare con un po ‘di velocità. Era meglio morto, piuttosto che lento nella testa. Sua mamma e la sua poppa si erano fatte un giro sulla schiena, quindi se ne andò molto rapidamente per unirsi a The Pack. Solo dopo un incantesimo nel riformatorio di Pontiac gli fu dato alcun rispetto nella banda. Ora, tornando a casa dopo un’incursione, stava stringendo a sé un istrice addormentato. Quella notte immaginò la rimozione del suo cuore peloso e con l’accompagnamento di musica molto romantica lo vide rasato liscio da un anonimo rasoio di acciaio inossidabile. L’organo rosso ciliegia palpitante fu riportato al suo posto legittimo e cominciò a battere più veloce mentre guidava il nostro eroe, contando il tempo,

 

Ritorna dai suoi ricordi confusi al passaggio in cui era precedentemente bloccato. Questa volta scopre un lungo corridoio coperto da tappeti. Le pareti sono dipinte di rosso ocra e sono contrassegnate da strane insegne, alcune sembrano un occhio di bue, altre di uccelli e barche. Più in basso nel corridoio, può vedere alcune persone; tutti in ginocchio. Con sospiri e mormori rotti, lottano, al rallentatore, verso la fine di una porta di legno. Avendo visto solo i corpi inanimati nella Grand Parade of Lifeless Packaging, Rael si precipita a parlare con loro.

 

“Cosa sta succedendo?” chiede piangendo a un monaco borbottante, che nasconde uno sbadiglio e risponde “È ancora molto prima dell’alba.” Un cingolato simile a una sfinge chiama il suo nome dicendo: “Non chiederlo, il monaco è ubriaco. Ognuno di noi sta cercando di raggiungere la cima delle scale, una via d’uscita ci attenderà lì. ” Non chiedendo come può muoversi liberamente, il nostro eroe attraversa audacemente la porta. Dietro un tavolo carico di cibo c’è una scala a chiocciola che sale nel soffitto.

 

In cima alle scale trova una camera. È quasi un emisfero con moltissime porte tutt’intorno alla sua circonferenza. C’è una grande folla, rannicchiata in vari gruppi. Dalle urla, Rael scopre che ci sono 32 porte, ma solo una che conduce fuori. Le loro voci diventano sempre più forti fino a quando Rael urla “Stai zitto!” C’è un momento di silenzio e poi Rael si concentra mentre indirizzano i loro consigli e i loro comandi alla nuova recluta trovata. Alimentato con la spazzatura, alimentato con la cenere, il maestro del puzzle deve muoversi più velocemente. Rael vede un angolo tranquillo e vi si precipita. Sta accanto a una donna di mezza età, con una pelle molto pallida che parla tranquillamente con se stessa. Scopre che è cieca e chiede una guida. “A che serve una guida se non hai un posto dove andare” chiede Rael. “Ho un posto dove andare”, risponde “se mi porti attraverso il rumore, Ti mostrerò. Sono una creatura delle caverne e seguo il modo in cui soffiano le brezze. ”

 

La conduce dall’altra parte della stanza e lasciano la folla, che congedano la loro partenza per non riuscire. Quando attraverso la porta, la donna conduce Rael lungo il tunnel. La luce della camera presto svanisce e, nonostante il suo passo sicuro, Rael spesso inciampa nell’oscurità.

 

Dopo una lunga camminata arrivano in quella che Rael giudica una grande caverna rotonda, e lei parla una seconda volta chiedendogli di sedersi. Sembra un trono di pietra fredda.

 

“Rael, siediti qui. Verranno presto per te. Non aver paura. ” E non riuscendo più a spiegare se ne va. Affronta di nuovo la sua paura.

 

Un tunnel è illuminato alla sua sinistra e inizia a tremare. Man mano che diventa più luminoso, sente un ronzio non metallico. La luce sta diventando dolorosamente luminosa, riflettendo come bianco dalle pareti fino a quando la sua vista si perde in una sorta di cecità della neve. Si fa prendere dal panico, cerca una pietra e la lancia nel punto più luminoso. Il suono di vetri infranti risuona intorno alla caverna.

 

Man mano che la sua vista viene ripristinata, vede due guanti d’oro di circa un piede di diametro che si librano lungo il tunnel. Quando scompaiono, una crepa clamorosa si diffonde sul tetto e collassa intorno a lui. Il nostro eroe è di nuovo intrappolato.

 

“Eccolo” pensa, non riuscendo a muovere nessuna delle rocce cadute. Non c’è molto spettacolo per un creolo sotterraneo mentre cammina attraverso le porte di Sheol. “Avrei preferito essere cacciato in mille pezzi nello spazio, o riempito di elio e galleggiato sopra un mausoleo. Non è questo il modo di pagare le mie ultime quote di nostalgia sotterranea. Ad ogni modo, sono fuori dalle mani di qualsiasi imbalsamatore pervertito che fa la sua interpretazione di come dovrei apparire, infilandomi il suo batuffolo di cotone nelle guance. ”

 

Esausto da tutte queste congetture, il nostro eroe ha la possibilità in una vita di incontrare il suo eroe: la morte. La morte indossa un leggero travestimento, ha realizzato l’abito da solo. Lo chiama “Anestesista soprannaturale”. Alla morte piace incontrare persone e vuole viaggiare. La morte si avvicina a Rael con il suo speciale contenitore, rilascia un tiro e sembra allontanarsi contento nel muro.

 

Rael si tocca il viso per confermare che è ancora vivo. Scrive Morte come illusione, ma nota un denso profumo muschiato sospeso nell’aria. Si sposta nell’angolo in cui l’odore è più forte, scoprendo una fessura tra le macerie attraverso cui entra. Cerca di spostare le pietre e alla fine cancella un buco abbastanza grande da poter strisciare fuori. Il profumo è ancora più forte dall’altra parte e parte per trovare la sua fonte, con un’energia ritrovata.

 

Raggiunge finalmente una piscina di acqua rosa molto decorata. È sontuosamente decorato con rifiniture in oro. Le pareti intorno alla piscina sono ricoperte da un velluto marrone rossiccio su cui cresce il caprifoglio. Dalla nebbia sull’acqua arriva una serie di increspature. Tre creature simili a serpenti nuotano verso Rael. Ogni creatura rettiliana ha la testa e il seno minuscoli di una donna bellissima. Il suo orrore lascia il posto all’infatuazione mentre i loro morbidi occhi verdi mostrano il loro benvenuto. La Lamia lo invita ad assaggiare l’acqua dolce ed è veloce ad entrare in piscina. Non appena ingerisce del liquido, una luminescenza blu pallida gli scivola via dalla pelle. La Lamia lecca il liquido; molto delicatamente all’inizio, ad ogni nuovo tocco, sente il bisogno di dare sempre di più. Impastano la sua carne fino a quando le sue ossa sembrano sciogliersi, e in un momento in cui sente di non poter andare oltre, mordicchiano il suo corpo. Prendendo le prime gocce del suo sangue, i loro occhi si anneriscono e i loro corpi sono scossi. Sconvolto da una passione indifesa, osserva mentre i suoi amanti muoiono. Nel disperato tentativo di portare ciò che resta di loro nel suo essere, prende e mangia i loro corpi e lotta per lasciare il nido dei suoi amanti.

 

Uscendo dalla stessa porta da cui era entrato, trova una sorta di strano ghetto dall’altra parte. Quando lo vedono, l’intera strada di figure distorte scoppiò a ridere. Una delle colonie gli si avvicina. È grottesco in ogni aspetto, una miscela di brutti grumi e ceppi. Le sue labbra scivolano sul mento mentre sorride in segno di benvenuto e offre la sua stretta di mano scivolosa. Rael è un po ‘disilluso, quando lo Slipperman rivela che l’intera colonia è stata attraversata dalla stessa gloriosa tragedia romantica con le stesse tre Lamia, che si rigenerano ogni volta, e che ora Rael condivide il loro aspetto fisico e il loro destino oscuro .

 

Tra i volti contorti degli Slippermen, Rael riconosce ciò che resta di suo fratello John. Si abbracciano. John spiega amaramente che l’intera vita di Slipperman è dedicata a soddisfare la fame infinita dei sensi, che è stata ereditata dalla Lamia. C’è solo una via di fuga; una temuta visita al famigerato Doktor Dyper che rimuoverà la fonte dei problemi, o per dirla in modo meno educato, castrare.

 

Discutono a lungo della fuga ingannevolmente chiamata e decidono di andare insieme a visitare il Doktor. Sopravvivono al calvario e si presentano con le armi offensive in sterili tubi di plastica gialli, con catene d’oro. “La gente di solito li porta al collo”, ha detto il Doktor consegnandoli. “L’operazione non esclude necessariamente di nuovo l’uso della struttura, per brevi periodi, ma ovviamente quando lo si desidera è necessario fornire un preavviso considerevole.” Mentre i fratelli parlano da soli attraverso la loro nuova situazione, un grande corvo nero vola nella grotta, piomba verso il basso, prende il tubo di Rael dalle sue mani e lo porta in aria nel becco. Rael chiama John per accompagnarlo.

 

E lui risponde “Non inseguirò un corvo nero. Quaggiù devi leggere e obbedire ai presagi. C’è un disastro in cui vola il corvo. ” Quindi ancora una volta John deserta suo fratello. L’uccello conduce Rael in uno stretto tunnel, sembra consentirgli di tenersi a distanza chiusa. Ma mentre Rael pensa che potrebbe quasi afferrare l’uccello, il tunnel si apre e termina in un enorme burrone sotterraneo. Casualmente, il corvo fa cadere il suo prezioso carico nelle acque impetuose sul fondo. È abbastanza per far impazzire un povero ragazzo.

 

Vedendo i pericoli della ripida scogliera, il nostro coraggioso eroe si erge impotente e brilla. Segue un piccolo sentiero che corre lungo la cima e osserva il tubo che sale e scende nell’acqua mentre la corrente veloce lo porta via. Tuttavia, mentre cammina dietro un angolo, Rael vede una luce del cielo sopra di lui, apparentemente costruita sulla riva. Attraverso di essa può vedere l’erba verde di casa, beh non esattamente; può vedere Broadway. Il suo cuore, ora un po ‘ispido, è scosso da un’ondata di gioia e inizia a correre, a braccia aperte, verso l’uscita. In questo preciso momento le sue orecchie raccolgono una voce che chiede aiuto. Qualcuno sta lottando nelle rapide sottostanti. È John. Fa una pausa per un momento ricordando come suo fratello lo aveva abbandonato. Quindi la finestra inizia a svanire: è tempo di agire.

 

Si precipita sulla scogliera e si arrampica giù per le rocce. Gli ci vuole molto tempo per scendere in acqua, cercando di tenere il passo con la corrente allo stesso tempo. Mentre si avvicina al bordo dell’acqua vede John perdere forza. Si tuffa nell’acqua fredda. All’inizio viene gettato sulle rocce e tirato sott’acqua da un canale in rapido movimento, che lo porta proprio oltre John, lungo il fiume. Rael riesce ad afferrare una roccia, a tirarsi in superficie e riprendere fiato. Mentre John viene trascinato, Rael si getta di nuovo dentro e lo afferra per un braccio. Colpisce John incosciente e poi si blocca insieme, cavalca le rapide nell’acqua corrente lenta, dove può nuotare in salvo.

 

Ma mentre trascina il corpo inerte di suo fratello sulla riva, lo distende e si spera negli occhi per un segno di vita. Esita barcollando, indietreggiando, perché fissarlo con gli occhi ben aperti non è la faccia di John, ma la sua. Rael non può distogliere lo sguardo da quegli occhi, ipnotizzato dalla sua stessa immagine. Con un rapido movimento, la sua coscienza si sposta da una faccia all’altra, poi di nuovo indietro, fino a quando la sua presenza non è più solidamente contenuta nell’una o nell’altra. In questo stato fluido osserva entrambi i corpi delineati in giallo e lo scenario circostante si scioglie in una foschia viola. Con un’improvvisa ondata di energia su entrambe le colonne spinali, anche i loro corpi si dissolvono finalmente nella foschia. Tutto ciò avviene senza un solo tramonto, senza una sola campana che suona e senza un singolo fiore che cade dal cielo. Eppure riempie tutto con la sua misteriosa presenza inebriante. Dipende da te.