“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “religioni antiche precristiane

La Dea Inanna / Ishtar

Inana (sumero) / Ištar (accadico) è tra le divinità più importanti e la dea più importante del pantheon mesopotamico. È conosciuta principalmente come la dea dell’amore sessuale, ma è altrettanto importante quanto la dea della guerra. Nel suo aspetto astrale, Inana / Ištar è il pianeta Venere, la stella del mattino e della sera.

babylone23b

 

 

Funzioni

Inana / Ištar è di gran lunga la più complessa di tutte le divinità mesopotamiche, mostrando tratti contraddittori, persino paradossali ( Harris 1991 ; vedi anche Bahrani 2000 ). Nella poesia sumera, a volte è ritratta come una ragazza timida sotto l’autorità patriarcale (sebbene altre volte come una dea ambiziosa che cerca di espandere la sua influenza, ad esempio, nel mito parzialmente frammentario Inana ed Enki ,  e nel mito Inana’s Descent to the Netherworld  ). Il suo matrimonio con Dumuzi è organizzato a sua insaputa, dai suoi genitori o da suo fratello Utu ( Jacobsen 1987: 3). Anche quando le viene dato un libero arbitrio, è consapevole dei limiti: invece di mentire a sua madre e andare a letto con Dumuzi , lo convince a proporle la proposta nel modo giusto ( Jacobsen 1987 : 10). Queste azioni sono in netto contrasto con la rappresentazione di Inana / Ištar come femme fatale nel Epopea di Gilgameš . Preso dal bel Gilgameš, Inana / Ištar lo invita ad essere il suo amante. Le sue avances, tuttavia, vengono rifiutate dall’eroe che racconta in modo accusatorio una serie di amanti del passato che ha messo da parte e distrutto ( Dalley 2000 : 77ss).

C’è, probabilmente, una persistente comunanza tra queste due nature di Inana / Ištar: la sua sessualità. La giovane Inana della poesia sumera, che dice “Aratro la mia vulva, uomo del mio cuore” Leick 1994 : 91) non è meno desiderosa dell’Inana / Ištar ritratta in Gilgameš: “Godiamoci la tua forza, quindi metti la mano e tocca la nostra vulva! ” ( Dalley 2000 : 79). Di conseguenza, Inana / Ištar era il destinatario di preghiere riguardanti la (im) potenza o l’amore non corrisposto ( Biggs 1967 : 115; Leick 1994 : 193ss). Inana / Ištar era anche la dea protettrice delle prostitute. ( Abusch 2000 : 23).

Inana / Ištar piace tanto fare la guerra quanto fare l’amore: “La battaglia è una festa per lei” Harris 1991 : 269). L’aspetto bellicoso della dea tende ad essere espresso in contesti politicamente carichi ( Leick 1994 : 7) in cui la dea è elogiata in relazione al potere reale e militare. Questo è già visibile nel periodo antico accadico, quando Naram-Sin invoca frequentemente il “bellicoso Ištar” ( aštar annunītum ) nelle sue iscrizioni ( A. Westenholz 1999 : 49) e diventa più prominente nella venerazione neo-assira di Inana / Ištar , i cui due aspetti più importanti in questo periodo, cioè Ištar di Ninive e Ištar di Arbela, erano intimamente legati alla persona del re ( Porter 2004: 42). L’aspetto guerriero di Inana / Ištar, che non compare prima del periodo antico accadico ( Selz 2000 : 34), enfatizza le sue caratteristiche maschili, mentre la sua sessualità è femminile.

Il ruolo della dea nel legittimare il potere politico non era, tuttavia, limitato al suo aspetto maschile come il guerriero Ištar, ma è attestato anche per l’Inana sessuale nel suo aspetto femminile. Attribuita alla prima storia sumera, la cosiddetta cerimonia del “matrimonio sacro” celebrava il matrimonio di Inana (rappresentata dalla sua alta sacerdotessa) e Dumuzi (rappresentata dal sovrano) durante la festa di Capodanno per garantire prosperità e abbondanza ( Szarzyńska 2000 : 63 ). Praticato tra la fine del terzo e l’inizio del secondo millennio a.C., il sacro rito del matrimonio, che potrebbe essere stato “solo un costrutto intellettuale, piuttosto che un evento nella vita reale”, nondimeno serviva a esprimere la relazione tra il re e il mondo divino ( Jones 2003: 291). Di conseguenza, il fatto che molti governanti del terzo millennio si siano descritti come suo coniuge, indica la significativa capacità di Inana di esercitare il potere politico ( Westenholz 2000 : 75).

Alcune narrazioni mitologiche si soffermano sull’aspetto astrale di Inana / Ištar, anche se indirettamente. Nel mito Inana e Šu-kale-tuda ( ETCSL 1.3.3 ), il goffo giardiniere Šu-kale-tuda ha rapporti con la dea mentre dorme sotto un albero. Infuriata per quello che è successo, Inana / Ištar va alla ricerca del ragazzo nascosto. Il corso che segue nella ricerca del suo violatore è stato suggerito per imitare quello del corso astrale della stella di Venere ( Cooley 2008 ). Allo stesso modo, i suoi movimenti nel mito di Inana ed Enki ( ETCSL 1.3.1 ), in cui la dea viaggia prima da Enki La città di Eridu parte da Uruk e torna indietro, ricorda il ciclo di Venere. Presumibilmente lo stesso viaggio è stato effettuato terrestre nei festival ( Alster 1975 : 27-9).

Un ruolo liminale, cioè intermedio, può anche essere attribuito a Inana / Ištar in virtù del viaggio di andata e ritorno dagli inferi ( Barret 2007) . Nella sua discesa mitologica negli inferi, siede sul trono di sua sorella Ereškigal , suscita l’ira degli Anunnaki e si trasforma in un cadavere. Solo attraverso l’agenzia del suo ministro Ninšubur, che si assicura l’aiuto di Enki / Ea, Inana / Ištar è in grado di tornare in vita e tornare nel mondo di sopra ( Dalley 2000 ). In particolare, in un altro mito, tra i MEs  TT  prende da Enki/ Ea sono quelli associati a “scendere negli inferi” e “risalire dagli inferi”. È stato sostenuto da Barret 2007 : 19-20 che i corredi funerari mesopotamici riflettono l’iconografia di Inana / Ištar più di quella di qualsiasi altra divinità a causa di questa associazione intrinseca con la transizione tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

 

Genealogia divina e sincretismi

L’albero genealogico di Inana / Ištar differisce a seconda delle diverse tradizioni. È variamente la figlia di Anu o la figlia di Nanna / Sin e sua moglie Ningal; e sorella di Utu / Šamaš ( Abusch 2000 : 23); oppure la figlia di Enki / Ea. Sua sorella è Ereškigal . Inana / Ištar non ha un coniuge permanente di per sé, ma ha una relazione ambivalente con il suo amante Dumuzi / Tammuz che alla fine condanna a morte. È anche in coppia con il dio della guerra Zababa .

Nell’impero assiro , Ištar di Ninive e Ištar di Arbela erano trattati come due divinità distinte nelle iscrizioni reali e nei trattati di Assurbanipal. Anche durante questo periodo Ištar è stata resa la sposa di Aššur e conosciuta con il nome alternativo di Mulliltu in questo particolare ruolo ( Porter 2004 : 42).

 

Luoghi di culto

La città principale di Inana / Ištar è Uruk . Essendo una delle principali divinità mesopotamiche, aveva templi in tutte le città importanti: Adab , Akkade , Babylon , Badtibira , Girsu , Isin , Kazallu, Kiš , Larsa , Nippur , Sippar , Šuruppak , Umma , Ur ( Wilcke 1976-80 : 78 ; vedi anche George 1993 per un elenco completo).

Periodi di tempo attestati

Inana è elencata al terzo posto dopo An ed Enlil nella lista degli dei Fara della prima dinastia dinastica ( Litke 1998 ). Inana / Ištar rimane nella crosta superiore del pantheon mesopotamico attraverso il terzo, secondo e primo millennio. È particolarmente significativa come divinità nazionale assira, in particolare nel primo millennio.

 

Iconografia

L’iconografia di Inana / Ištar è tanto varia quanto le sue caratteristiche. Nella prima iconografia è rappresentata da un fascio di canne / paletto Frankfort 1939 : 15; Szarzyńska 2000 : 71, Figg. 4-5), che è anche la forma scritta del suo nome nei primi testi ( Black and Green 1998: 108 ). Il registro più in alto del famoso vaso Uruk mostra la dea in forma antropomorfa, in piedi davanti a due di tali cancelli ( Black and Green 1998: 150, Fig.122). In forma umana come la dea dell’amore sessuale, Inana / Ištar è spesso raffigurata completamente nuda. Nell’iconografia siriana, si rivela spesso tenendo aperto un mantello. La donna nuda è un tema estremamente comune nell’antica arte del Vicino Oriente, tuttavia, e sebbene variamente attribuita alla sfera di Inana / Ištar (come accoliti o statuette di culto), probabilmente non tutti rappresentano la dea stessa. Una buona indicazione dello status divino è la presenza del berretto con le corna. Nel suo aspetto da guerriera, Inana / Ištar è mostrata vestita con una veste a balze con le armi che escono dalla sua spalla, spesso con almeno un’altra arma in mano e talvolta con la barba, per enfatizzare il suo lato maschile. Il suo animale attributo come dea della guerra è il leone, sul dorso del quale spesso ha un piede o sta completamente in piedi. Elogio delle sue qualità bellicose, è paragonata a un leone ruggente e spaventoso (vedi Inana ed Ebih , ETCSL 1.3.2). Nel suo aspetto astrale, Inana / Ištar è simboleggiata dalla stella a otto punte. I colori rosso e corniola, e il blu più freddo e il lapislazzuli, sono stati usati anche per simboleggiare la dea, forse per evidenziare rispettivamente i suoi aspetti femminili e maschili ( Barret 2007 : 27).

iishtdr001p1

 

Nome e ortografia

Inana / Inanna è il nome sumero di questa dea. È più spesso etimologicamente interpretato come nin.an.a (k), letteralmente “Signora dei cieli” ( Selz 2000 : 29). Una diversa interpretazione ( Jacobsen 1976 : 36) traduce il suo nome come “Lady of the date grappoli”.

Il nome semitico Ištar apparteneva originariamente a una dea indipendente che in seguito fu fusa e identificata con il sumero Inana ( Abusch 2000 : 23). Anche il significato del suo nome non è chiaro (per ulteriori informazioni vedere Westenholz 2000 : 345).

Moduli scritti:
Inana: d INNIN, d in-nin, d in-ni-na, i-ni-en-na, en-nin, d en-ni-na, d in-na-na, in-na-na, in -na-an-na, na-na, ni-in, nin, ni-in-ni, d nin -ni-na, d nin-an-na, ni-in-na-na, d ir-ni-na ( Gelb 1960 ).
Ištar: eš 4 -tár, d eš 4 -tár, (d) IŠTÁR, d iš-tar, d 15 (= IŠTÀR) ( Wilcke 1976-80 : 75).
Forme normalizzate:
Inana: Inana, Inanna
Ištar: Ištar, Eštar, ‘Aštar, Ištar, Ashtar

Inana in Online Corpora

Ištar in Online Corpora

Ulteriori letture

  • Abusch 1986 , “La proposta di Ištar e il rifiuto di Gilgamesh”.
  • Abusch 2000 , “Ištar”.
  • Alster 1975 , “Sull’interpretazione del mito ‘Inana ed Enki'”.
  • Bahrani 2000 , “La prostituta di Babilonia”.
  • Barrelet 1955 , “La déesses armées et ailées”.
  • Barret 2007 , “La polvere era il loro cibo e l’argilla il loro pane?”.
  • Beckman 1998 , “Ištar of Nineveh riconsiderato”.
  • Böck 2004 , “Überlegungen zu einem Kultfest”.
  • Biggs 1967 , ŠA.ZI.GA .
  • Colbow 1991 , Kriegerische Ištar .
  • Cooley 2008 , “Early Mesopotamian astral sciences”.
  • Farber 1997 , Beschwörungsrituale an Ischtar .
  • Gelb 1960 , “Il nome della dea Innin”.
  • Glassner 1992 , “Inana et les me “.
  • Groneberg 1986 , “Die sumerische-akkadische Inana / Ištar”.
  • Groneberg 1997 , Lob der Ištar .
  • Harris 1991 , “Inana-Ištar come paradosso”.
  • Jacobsen e Kramer 1953 , “Il mito di Inana e Bilulu”.
  • Jones 2003 , “Embracing Inana”.
  • Karahashi 2004 , “Fighting the mountain”.
  • Kramer 1969 , “Inana e Šulgi”.
  • Lambert 2004 , “Ištar of Nineveh”.
  • Leick 1994 , Sex and Eroticism .
  • Porter 2004 , “Ištar of Nineveh”.
  • Pinker 2005 , “Discesa della dea Ištar”.
  • Reade 2005 , “Il tempio di Ištar a Ninive”.
  • Szarzyńska 2000 , “Il culto della dea Inana”.
  • Selz 2000 , “Five divine ladies”.
  • Sjöberg 1975 , “in-nin šà-gur 4 -ra”.
  • Sweet 1994 , “Un nuovo sguardo al ‘sacro matrimonio'”.
  • Van Driel 1995 , “Nippur e il tempio di Inana”.
  • Vanstiphout 1984 , “Inana / Ištar come figura controversa”.
  • Westenholz 2000 , “King by love of Inana”.
  • Wilcke 1976-80 , “Inana / Ištar (Mesopotamien)”.


“Eva” di Mina e Celentano

“Ora che il mandorlo è in fiore il mio fiore non c’è
qui nel giardino incantato il mio posto qual è
in rovina i miei giorni migliori
sono morsi i tuoi baci di ieri
indelebile il tempo speso insieme a te

[…]

Amaro il pensiero che porta a voltarti le spalle
congelo le voglie giù in fondo per celarle a te
guardo l’amore che è stato un incubo acceso
scendi o diva dal pulpito che ho creato per te

Benvenuta Primavera,

quest’anno ti accolgo  con questo testo, segnando alcuni sputi di riflessione sull’origine della parola “Eva”, con la speranza e la fiducia che sia l’humus di riflessione e costruzione di percorsi perfettibili alla luce di una forma di umanesimo a noi oggi più che mai sconosciuto.

 

Eva

Dalla radice semitica hyw, il cui significato è “vivere”, “fonte di vita” o “Madre dei viventi”

Dall’antico aramaico Chiva, il cui significato è “serpente”

Dall’aramaico Hawwah, a sua volta proveniente da Asherah, la Dea Madre semitica, moglie di El e Yahweh. In seguito questo dio ordinerà la distruzione dei suoi templi per assicurarsi che tutto il culto converga su di lui.

Kheba, la Dea Madre degli Hurriti, in seguito associata alla frigia Cibele

Secondo un’antica leggenda ebraica, la quale la prima donna a essere creata non fu Eva, bensì Lilith, originariamente uno spirito giudaico del vento e della notte, in seguito demonizzato come Madre dei demoni per non essersi sottomessa al dominio patriarcale.

 


La Befana, la strega di Natale

La Befana è l’antica figura folcloristica italiana / siciliana di “la vecchia” che ha preceduto San Nicola o Babbo Natale nel consegnare regali ai bambini in tutta Italia e Sicilia alla vigilia dell’Epifania (5 gennaio).

Per quanto riguarda la relazione della Befana con “Epifania” (“manifestazione della divinità;” Epifania è una parola latina di origini greche), la credenza popolare è che il suo nome derivi dall’italiana La Festa dell’Epifania (Festa dell’Epifania, 6 gennaio).

Nel popolare folklore italiano / siciliano, la Befana visita tutti i bambini alla vigilia della Festa dell’Epifania per riempire le calze di caramelle e regali se sono buoni, o un pezzo di carbone o caramelle scure se sono cattivi. È popolarmente conosciuta come una donna saggia e magica che arriva volando su una scopa o talvolta anche su un asino, portando regali ai bambini, lasciando fichi, datteri, noci e caramelle alla vigilia dell’Epifania. Alcuni credono che la sua funzione principale sia quella di riaffermare il legame tra famiglia e antenati attraverso lo scambio di doni. In alcune regioni, il suo aspetto è associato al culto e alla divinazione degli antenati.

La leggenda cristiana narra (almeno una versione) che la Befana fu avvicinata dai Re Magi pochi giorni prima della nascita di Gesù Bambino, chiedendo indicazioni su dove fosse il Figlio di Dio. Non lo sapeva, ma fornì loro un riparo per una notte. Ha rifiutato l’invito dei Magi ad unirsi al loro nel viaggio per trovare il bambino Gesù, ma in seguito ha avuto un cambiamento di cuore e ha cercato di cercare gli astrologi e Gesù. Quella notte non è stata in grado di trovarli, quindi fino ad oggi si ritiene che stia cercando il bambino mentre visita tutti i bambini alla vigilia della Festa dell’Epifania.

Tuttavia, va notato che l’origine del nome “Befana” non è affatto chiara. Molti folcloristi credono che il nome Befana derivi dall’errata pronuncia italiana della parola greca epifania o epifania (greco, επιφάνεια = aspetto, superficie; in inglese: “epifania”). Altri indicano che il nome è un derivato di Bastrina, “i doni associati alla dea Strina”.

Questa seconda derivazione per la Befana è molto interessante e intrigante per quelli (come lo studioso zingaro) che sono in

(a) la tradizione del “sacro femminile”,

(b) la rinascita delle dee antiche pagane (cioè precristiane) e

(c) la riscoperta delle antiche feste pagane , che sono state sovrapposte alle feste cristiane, come il solstizio d’inverno a Natale.

La dea Strina è più propriamente Strenia (o Strenua), la dea Sabina / romana del nuovo anno, purificazione e benessere. È questa dea da cui alcuni autorevoli studiosi suggeriscono che la Befana sia diretta discendente. Ad esempio, Mary E. Rogers, scrivendo nel XIX sec (Vita domestica in Palestina), dichiarò di credere nell’usanza di scambiarsi regali a Natale:

“ È una reliquia del culto pagano e che la parola ‘Bastrina’ si riferisce alle offerte che venivano fatte alla dea Strenia. Non possiamo aspettarci che i pagani che hanno abbracciato il cristianesimo possano aver abbandonare del tutto i loro precedenti credi e costumi. Macaulay afferma: “Il cristianesimo ha vinto il paganesimo, ma il paganesimo ha infettato il cristianesimo; i riti del Pantheon passarono nel suo culto e le sottigliezze dell’Accademia nel suo credo. Molti costumi pagani furono adottati dalla nuova Chiesa. ” T. Hope, nel suo “Saggio sull’architettura”, afferma: “I Saturnalia continuarono nel Carnevale, e il festival con offerte alla dea Strenia fu continuato in quello del nuovo anno …” “

Un altro autore del XIX secolo, Rev. John J. Blunt (Vestigia di antiche maniere e costumi, rintracciabile nell’Italia moderna e in Sicilia), afferma:

“Questa Befana sembra essere l’erede della legge di una certa dea pagana chiamata Strenia, che presiedette i doni del nuovo anno, ‘Strenae’, da cui, in effetti, deriva il suo nome. I suoi regali avevano la stessa descrizione di quelli della Befana: fichi, datteri e miele. Inoltre le sue solennità sono state fortemente contrastate dai primi cristiani a causa del loro carattere rumoroso, tumultuoso e licenzioso ”.

Questi autori sottoscrivono la teoria che collega la tradizione dello scambio di regali a Natale con un’antica festa romana in onore del dio Giano (dio di gennaio) e della dea Strenia (in italiano, un regalo di Natale che si chiamava strenna ), celebrato all’inizio dell’anno, quando i romani si scambiavano regali. La tradizionale festa di questa dea in Italia è stata il 1 ° gennaio, quando in quel momento fu acceso in processione dalla cittadella romana il sacro boschetto di Strenua in cima alla Via Sacra. Quindi, sembra che la tradizione italiano / siciliana della Befana incorpori anche “altri elementi popolari precristiani, adattati alla cultura cristiana e legati alla celebrazione del nuovo anno”. In questo ruolo, La Befana è una dea del stagione delle vacanze invernali. Ancora una volta, la notte della Befana viene celebrata il 5 gennaio, la sera prima dell’Epifania, che è anche chiamata “Dodicesima notte” o “Notte magica”.

C’è anche una connessione italo-celtica qui. Tra gli autori contemporanei, l’eminente storico e folclorista Carlo Ginzburg collega La Befana a Nicevenn , una regina delle fate del folklore scozzese (il cui nome deriva da un cognome gaelico scozzese, Neachneohain che significa “figlia del divino” e / o ” figlia / e di Scathach “, la donna guerriera archetipica). Nel contesto del capodanno celtico ( Samhain , 31 ottobre), ciò ha a che fare con la “vecchia signora” (“la divina strega”, “crone” o ” Cailleach ” della mitologia irlandese, che fa anche parte di la sequenza celtica della tripla dea “fanciulla-madre-crone”, che rappresenta il vecchio anno appena trascorso, pronto per essere bruciato per dare il posto a quello nuovo. Si ritiene che il suo culto sia stato introdotto da Tito Tazio , che governava come concittadino con Romolo . Il re Tazio fu il primo a considerare i rami santi ( verbene ) di un albero fertile (pergolato felix ) nel bosco di Strenia come segni di buon auspicio per il nuovo anno. Si dice che Strenia sia associata al giorno di Capodanno, quando presiede parole di incoraggiamento, così come doni di buoni presagi profumati sotto forma di rami di Verbena.

In molte storie leggendarie, l’arrivo della Befana segna una sorta di finale stagionale e usa la sua iconica scopa per spazzare via il vecchio per fare spazio al nuovo. Questa tradizione continua ancora in molti paesi europei, che consiste nel bruciare una marionetta di una vecchia signora all’inizio del nuovo anno, chiamata ” Giubiana ” nel nord Italia. Questo ha chiare origini celtiche. Qui, la Befana è anche legata ai misteriosi riti delle popolazioni celtiche che un tempo abitavano l’intera Pianura Padana e parte delle Alpi, quando i burattini di vimini furono incendiati in onore degli antichi dei. La strega, o la maga donna (cioè la sacerdotessa dell’antica cultura celtica che conosceva i segreti della natura), prese la forma della Befana, “la vecchia”.

A mio avviso, ciò che è particolarmente intrigante nel personaggio di “La Befana” non è solo la sua associazione con l’antica dea Strenia e il nuovo anno, ma anche la sua associazione con la vibrante tradizione italiana / siciliana di stregoneria ( Stregheria ).  

La Befana è anche definita la “strega di Natale”. Secondo la leggenda, trascorre le sue giornate a pulire e spazzare. Spesso sorride e porta una borsa o un cesto pieno di caramelle, regali o entrambi. Nelle rappresentazioni pittoriche a volte porta un manico di scopa. La tradizione popolare dice che se uno vede La Befana riceverà un tonfo dal suo manico di scopa, poiché non desidera essere vista. Tuttavia, il suo manico di scopa ha altre funzioni (cioè magiche). Di solito è rappresentata come una strega che cavalca in aria una scopa, con uno scialle nero e coperta di fuliggine perché entra nelle case dei bambini attraverso il camino. (La Befana, come Babbo Natale, è una sopravvivenza moderna dello sciamano settentrionale, che ritorna giù nel cuore o nel palo della yurta – l’ asse mundi – portando doni dal suo viaggio nel mondo degli spiriti?) Nelle più moderne narrazioni moderne del Racconto italiano, il famoso giro di mezzanotte di La Befana è fatto su un manico di scopa (un altro esempio della “caccia selvaggia” della strega della stagione invernale ), che è un elemento iconico sia della strega che della fattoria. Nel corso di secoli di narrazione, il manico di scopa è diventato uno dei comuni significanti culturali sia per la vecchia che per la strega. (Entro il XV secolo, il concetto di “strega” come una strega che vola su una scopa era già ben consolidato nel folklore europeo popolare, come dimostrato dall’arte e dalla letteratura.

Judika Illes , autore di best seller sulla stregoneria e altri argomenti occulti, ha scritto: “La Befana può essere antecedente al cristianesimo e può essere originariamente una dea di spiriti ancestrali, foreste e il passare del tempo. Alcuni identificano questa vagabonda vagabonda notte con Hecate . ”Ancora una volta, alcuni studiosi ritengono che“ Strenua ”sia la dea originale conosciuta oggi come Befana, che la tradizione Befana sia derivata dal successivo culto delle streghe di Strenua (che è molto popolare in Sicilia) .

Pertanto, due importanti osservazioni possono essere prese in considerazione in relazione al folklore di La Befana:

(1) Fa parte della tradizione europea della stregoneria (così meravigliosamente messa in evidenza per la borsa di studio moderna da Carlo Ginzburg , che vede l’intero fenomeno della stregoneria come della natura di “estasi”).

(2) Le sue origini risalgono al tempo delle pre-patriarcali, neolitiche “culture della dea” (documentate anche da Marija Gimbutas e Raine Eisler ). Così (in linea con il lavoro di Gimbutas ed Eisler ), gli antropologi italiani Claudia e Luigi Manciocco (nel loro libro A House Without Doors) fanno risalire le origini di Befana alle credenze e alle pratiche neolitiche e la vedono come una figura che si è evoluta in una dea associato a fertilità e agricoltura. La Befana è stata anche legata in modo specifico alle tradizioni legate al ciclo agricolo italiano. Quindi, un’altra teoria sulle antiche origini della Befana fa credere ai romani che nella dodicesima notte dopo Natali Sol Invictus (la festa romana del “Compleanno del Sole invincibile”, celebrata nella data del solstizio del 25 dicembre), una donna volò sopra i campi coltivati ​​per dare fertilità per il raccolto futuro. (Va notato che la Chiesa cattolica proibì rituali rurali di questo tipo perché in odore di “paganesimo”. Ecco perché Blunt osservò che le “solennità della Befana erano fortemente contrastate dai primi cristiani a causa del loro carattere rumoroso, tumultuoso e licenzioso “. E qui, sotto” carattere rumoroso, tumultuoso, licenzioso “, possiamo includere un altro festival invernale romano che la Chiesa ha represso e sostituito con la sua osservanza liturgica natalizia: i Saturnalia, sul calendario giuliano dal 17 al 23 dicembre. , come ha osservato Rogers, “I Saturnalia erano continuati nel Carnevale”. Ciò si collega alle indagini sul rapporto tra l’antica Cintura celtica e le celebrazioni di inversione sociale di Samhain – “capovolgendo il mondo” – e in seguito, -moderno Carnevale o ” carnevale “, che si è manifestato sia come fenomeno sociale che politico.)

Detto questo, non è troppo supporre che ciò che abbiamo nella figura folcloristica italiana / siciliana di La Befana sia una sopravvivenza dell’era della Grande Dea . Queste dee pagane furono, con la vittoria del patriarcato, represse, degradate in divinità minori o trasformate in forze demoniache. Tuttavia, per il Gypsy Scholar e per i neopagani, la figura folcloristica di La Befana trasforma magicamente la stagione invernale in The Season of the Witch!

“La Befana vien di notte

Con le scarpe tutte rotte

Col vestito alla romana

Viva, Viva La Befana! ”

(Una canzone tradizionale italiana)