“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “rituale

13 Dicembre – Santa Lucia

Santa Lucia è una festa cristiana celebrata il 13 dicembre, in ricordo della martire  di origini siciliane del 3 ° secolo.

Santa Lucia è festa molto popolare in Scandinavia: devozioni speciali per lei si svolgono su e giù per la penisola in particolare nel nord, ma anche nella sua regione natale della Sicilia.

Patrona dei non vedenti

Lucia fu perseguitata per la sua fede intorno al 300 d.C., rendendola una dei primi martiri cristiani registrati. Varie leggende narrano che avrebbe indossato sul capo una ghirlanda illuminata da candele mentre portava cibo e aiuti ai cristiani che si nascondevano nelle catacombe. Secondo la tradizione, la santa vergine si rifiutò di sposare un potente uomo pagano, che si innamorò dei suoi occhi leggendari. Infuriato dal rifiuto, questi mandò i soldati ad accecarla, ma i suoi occhi furono miracolosamente salvati. In un’altra versione, si racconta che se li sia strappati da sola e li abbia inviati in dono  al suo pretendente su un piatto. Le autorità romane ordinarono quindi a Lucia di lavorare in un bordello, ma lei si rifiutò di recarvisici. Dato che nemmeno un fuoco acceso sotto i suoi piedi poteva farla muovere, uno dei suoi persecutori alla fine la uccise pugnalandola alla gola con una spada.

È venerata come la patrona dei non vedenti e viene spesso raffigurata tenendo gli occhi su un piatto d’oro. Forse non a caso, il nome di Lucia deriva dal latino lux o lucis che significa  luce ( luce in italiano). La sua festa un tempo coincideva con il solstizio d’inverno, il giorno più corto e più buio dell’anno prima delle riforme del calendario, e di conseguenza è diventata una festa della luce. Poiché rientra nel periodo dell’Avvento appena 12 giorni prima di Natale, il giorno di Santa Lucia indica anche l’arrivo di Cristo, la luce del mondo.

Carestia a Siracusa, Sicilia

Lucia è anche la patrona della sua città natale, Siracusa,  in Sicilia . In effetti, ottenne maggiore fama qui quando la grande carestia siciliana del 1582  terminò il giorno della sua festa, grazie all’ingresso  in porto di una  nave carica di grano. Invece di trasformare il grano in farina, le persone affamate semplicemente lo bollirono e lo mangiarono. Ora, i siciliani onorano la sua memoria astenendosi da tutto ciò che è fatto di farina di grano nella data del 13 dicembre. Tradizionalmente, mangiano cereali integrali, che di solito assumono la forma di cuccia, un dessert di bacche di grano bollito dolcificate con ricotta e miele.

Celebrazioni di oggi

In genere in questo giorno, gli italiani si riuniscono, bruciano candele e torce e condividono in abbondanza  cibi e bevande. Tuttavia, le celebrazioni tradizionali di Santa Lucia variano a seconda della regione.

Nel nord Italia, in particolare in Trentino-Alto Adige, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna, Santa Lucia è celebrata in modo simile alla tradizione di San Nicola. Ma invece di viaggiare su una slitta, cavalca il suo asino e visita le case alla vigilia della sua festa, portando regali ai bravi bambini. E piuttosto che latte e biscotti, le famiglie preparano caffè e torte – a volte anche biscotti e arance – per la  santa, acqua e fieno per l’asino. Tuttavia, i bambini non possono guardare la sua visita, o lei cospargerà di cenere i loro occhi, accecandoli temporaneamente.

A Milano, in particolare, vedrai Santa Lucia rappresentata nella Cattedrale, poiché è considerata la protettrice degli scultori della Veneranda Fabbrica del Duomo, che lavoravano il marmo ogni giorno, continuamente a rischio di essere colpiti negli occhi da schegge o accecati dalla polvere. Dei numerosi eventi importanti che si svolgono in suo onore nella zona, ogni anno la Chiesa di Santa Maria Annunciata a Camposanto dedica una messa per ringraziarla e distribuire “il pane di Santa Lucia”.

Nel sud Italia, Santa Lucia è onorata con processioni e feste religiose più tradizionali. La celebrazione più importante si svolge a Siracusa, ovviamente. I festeggiamenti iniziano la sera prima quando spostano la sua statua d’argento dalla sua cappella all’altare maggiore della sua cattedrale a lume di candela. Il mattino seguente, una processione di 60 uomini con berretti verdi trasporta la sua statua d’argento in tutta la città, facendo tappa nelle cattedrali più importanti e nel Mar Ionio.


Il Malleus Maleficarum (Il martello delle streghe). Parte 1

La più grande nemica della stregoneria è sempre stata la Chiesa Cattolica, che ha contrastato duramente qualsivoglia impiego della magia, anche quello rivolto a fini positivi: non esiste, per la Chiesa, una “magia bianca” che possa essere accettata e considerata con tolleranza. Non è stata una battaglia facile. Al contrario dei preti, comparsi tra noi piuttosto recentemente, i maghi sono sempre esistiti e l’uomo ha sempre fatto ricorso al loro aiuto per cercare scorciatoie utili e per realizzare i propri desideri. Molte pitture trovate nelle caverne e risalenti al paleolitico, avevano probabilmente significati magici: dipingere una caccia al bisonte non aveva tanto il significato di fissare un evento fortunato, quanto quello di impegnare la magia a far sì che quell’evento si ripetesse. Per secoli e secoli coloro che erano considerati detentori di poteri magici sono stati rispettati e implorati, ed è evidente quanto tutto ciò sia contrario ai principi della religione cattolica, che insegnano che è il volere di Dio – e non l’intervento dell’uomo – a far sì che le cose accadano. Ma il rapporto tra il cristianesimo e i poteri occulti, le forze della magia e della stregoneria, sono stati particolarmente complessi. Sul fatto che gli uomini abbiano creduto in misteriose e occulte forze capaci di rappresentare o di impersonare l’essenza stessa del male fin dai tempi più antichi, penso che esista un accordo generale tra gli studiosi, ed è del resto molto difficile immaginare che fantasie, paure e superstizioni abbiano costruito soltanto ipotetiche forze del bene senza mai immaginare qualcosa che le contrastasse.  Il male oscuro e corrotto – ma anche in qualche modo affascinante – che nutre e ispira la magia nera era ben noto ai Greci e ai Romani, che dedicavano orribili riti a un grande numero di demoni e di dei del sotterra. Alcune di queste divinità avevano un nome e venivano onorate, anche se non sempre in modo palese; molte di esse erano di sesso femminile e il loro nome non poteva essere pronunciato, così che di esse conosciamo solo il cognomen, quello che poteva essere invocato  nelle preghiere e nei riti propiziatori. Non mancavano divinità malevole di sesso maschile: Summano, ad esempio, che scagliava i fulmini notturni (di giorno il privilegio apparteneva a Giove ) e Mormo, il vampiro servo di Ecate, spesso presente nella mitologia greca. Ecate era invece una divinità sessualmente ambigua, che possedeva entrambi i principi della generazione: con il trascorrere dei secoli prevalse l’idea che si trattasse di una divinità essenzialmente femminile   tanto che fu considerata la dea degli spettri, degli incantesimi e delle streghe e i suoi simulacri erano spesso collocati nei quadrivi  per proteggere i viandanti da queste forze del male. Impenetrabili, persino più di Ecate, erano le divinità trine, come le Erinni,le Gorgoni, le Esperidi e la stessa Diana triforme, e altrettanto indecifrabile era Proserpina della quale Apuleio, nelle Metamorfosi, scriveva:

 Seu nocturnis ululatibus

Horrenda Proserpina

Triformi facie larvales  impetus

Comprimens terraeque  claustra

Cohibens lucos diversos

Inerrans vario cultu propitiaris

 

 (O terribile Proserpina/ dai tre volti/ che respingi gli assalti degli spettri/ sia con ululati notturni / sia frapponendo ostacoli sul terreno/ mentre ti aggiri in diversi boschi sacri/ lasciati placare da un rituale mutevole).