“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Roger Waters

Pink Floyd: adattamento de “La fattoria degli animali” di George Orwell nel loro concept album del 1977, “Animals”. Una critica del tardo capitalismo.

I Pink Floyd saranno sempre noti per i loro concept album di grande successo, e il tempo teso di David Gilmour e Roger Waters, e personalmente esplosivo, dinamico su album come “Dark Side of the Moon” sembra ricordare un altro duo magistrale di cantautori abili e noti  per gli altisonanti concetti espressi in musica.
“Animals” del 1977 racchiude in uno scrigno canzoni epiche, in forte espansione, cupe con testi completamente disinteressati nell’affascinare i loro ascoltatori. “Sheeps”, ad esempio, contiene una versione modificata del 23 ° Salmo: “Il Signore è il mio pastore. Mi fa appendere ai ganci in luoghi alti e mi converte in costolette di agnello. “
Come il brutale titolo ci avvisa, Animals è un adattamento della fattoria degli animali di George Orwell (e l’origine del maiale gonfiabile gigante di Pink Floyd ). L’allegoria schematica del libro di Orwell conferisce un alto grado di coerenza alle canzoni estese di Waters, solo cinque in totale. Laddove il romanzo di Orwell è un attacco trasparente allo stalinismo, Waters adatta la sua critica ai “sistemi economici e ideologici all’interno delle democrazie liberali della fine del XX secolo”. La preoccupazione principale … dell’album è quella di rivelare gli effetti che le relazioni capitalistiche tecnocratiche hanno sulla natura degli esseri umani e le evidenti divisioni che strutture di potere antidemocratiche creano tra noi come individui”.
Orwell mostrò gli effetti di “strutture non democratiche” riducendo gli individui a tipi di animali, e così anche Waters, semplificando ulteriormente le classi in tre (e tralasciando completamente gli umani): i maiali al potere, pretoriano e aspiranti cani capitalisti, e le pecore, il masse senza cervello. L’incipit, “Pigs on the Wing (Part One)” , un urgente strummer acustico che viene raccolto alla fine dell’album in una ripresa stranamente ottimista, imposta un tono distopico con immagini che ora possono sembrare vecchio cappello ( tenere presente che Animali ha debuttato cinque anni prima di Blade Runner ).
Se non ti importava di quello che mi è successo,
e non mi importava di te,
ci faremmo zigzagare attraverso la noia e il dolore
Occasionalmente alzando lo sguardo sotto la pioggia.
Chiedendosi a quale dei coglioni la colpa
e guardando i maiali sull’ala.
[…]
Devi tenere un occhio guardando sopra la spalla.
Sai che diventerà sempre più difficile, e sempre più difficile man mano che invecchi.
E alla fine farai le valigie e volerai giù a sud,
nascondi la testa nella sabbia,
solo un altro vecchio triste,
tutto solo e morente di cancro.
Potrebbe non esserci un’antitesi più acuta su “When I’m 64.” L’immagine è resa ancora più devastante dalla paranoia omicida che la circonda. Non tutte le metafore di Orwell funzionano così bene, ma quando lo fanno lo fanno con una forza devastante. Considera queste righe di “Sheeps”, terrificanti come qualsiasi scena del giudizio tardo medievale e più efficaci per un’età che potrebbe non credere all’inferno ma ha visto i macelli:
Cosa ottieni facendo finta che il pericolo non sia reale.
Mite e obbediente segui il capo
Giù per i corridoi calpestati nella valle d’acciaio.
Che sorpresa!
Uno sguardo di shock terminale nei tuoi occhi.
Ora le cose sono davvero come sembrano.
I Pink Floyd hanno fortemente ispirato gran parte della musica impegnata a seguire, facendo altrettanto quanto i Black Sabbath o i Led Zeppelin, direi, per coinvolgere l’immaginazione dei metalhead e dei narratori del prog-rock. Gran parte della musica che li ha seguiti suona molto datata, ma a quarant’anni dalla sua uscita, il loro disco più cupo — che sta dicendo molto — sembra più rilevante che mai. Gli animali si concludono in modo ambivalente, pieno di speranza ma diffidente. I maiali sono ancora all’ala, e l’unico rimedio a portata di mano, suggerisce Waters nelle ultime righe, potrebbe essere quello di “sapere che mi importa cosa ti succede / e so che ti importa di me”.
Mentre ci troviamo in mezzo al tumulto politico all’inizio di un nuovo decennio, con gli oppressi che scendono letteralmente in piazza in opposizione al loro leader, è difficile non trovare somiglianze tra il messaggio di Pink Floyd e gli eventi attuali di oggi. Sebbene gli animali rappresentino certamente una realtà più oscura, i parallelismi sono quasi schiaccianti. Speriamo di poter finalmente lavorare insieme per creare un futuro più forte per tutti.