“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Articoli con tag “Satana

Linea d’ombra e ricerca della luce – The Rolling Stones – Their Satanic Majesties Request

Riflessioni in quarantena sul capolavoro  “Their Satanic Majesties Request” dei Rolling Stones, uno sguardo a 360°.

 

Ogni essere vivente ha la capacità di deviare inconsciamente o inconsciamente il potere, continua quindi ad avvertirci che i poteri dell’oscurità funzionano allo stesso modo attraverso gli sconsiderati e gli sciocchi e l’arrogante e ipocrita . Inoltre, ogni pensiero ed emozione degradati dell’uomo aiutano a costruire queste creature tormentate e laceranti, le cui qualità innate diventano, nelle mani di coloro che conoscono, agenzie per la distruzione delle virtù della luce.

 

Nel suo best-seller del 2008, “La storia segreta del mondo”, Jonathan Black, un appassionato dell’antica conoscenza esoterica che afferma

“Satana, l’Oscuro Signore, l’agente del materialismo, deve essere identificato con il dio del pianeta Saturno nella mitologia greca e romana. ”

Ha anche fatto luce sul ruolo del pianeta inanellato in La creazione dell’universo, come raccontato nella Bibbia e basato sulle credenze degli ordini fraterni, ma nascosto all’occhio del non iniziato sotto un mantello di allegorie. Inutile dire che le cosiddette “élite al potere” sono accusate di mantenere questa conoscenza segreta dal resto di noi, alimentandoci invece con le falsità della religione organizzata e bloccando l’umanità in un mondo di ignoranza, paura e Di conseguenza intolleranza razziale / culturale.

 

Scienza e religione concordano sul fatto che all’inizio il cosmo passò da uno stato di nulla all’esistenza della materia. Ma la scienza ha ben poco da dire su questa misteriosa transizione, tutta altamente speculativa. Al contrario, c’era una notevole unanimità tra i sacerdoti iniziati del mondo antico. I loro insegnamenti segreti sono codificati nei testi sacri delle grandi religioni del mondo … Una storia segreta della creazione è codificata nel più familiare di questi testi, la Genesi … le sue frasi possono essere aperte per rivelare nuovi straordinari mondi di pensiero, possenti vedute del immaginazione.

All’inizio precipitò fuori dalla materia vuota che era più fine e più sottile della luce. Poi è arrivato un gas eccezionalmente raffinato. Se un occhio umano avesse osservato l’alba della storia, avrebbe visto una vasta nebbia cosmica. Questo gas o nebbia si identifica con la Madre di tutti i viventi, che trasportava tutto il necessario per la creazione della vita … all’inizio “la Terra era senza forma e vi albergava il nulla”.

La narrazione biblica continua: “L’oscurità aleggiava sulla vastità della Terra”. Secondo i commentatori biblici questo è il modo in cui la Bibbia dice che la Dea Madre fu attaccata da un forte vento secco che ha quasi estinto del tutto il potenziale della vita. Ancora una volta, all’occhio umano sarebbe sembrato che le nebbie che si intrecciavano dolcemente che erano emerse per la prima volta dalla mente di Dio fossero state improvvisamente superate da una seconda emanazione. Ci fu una tempesta violenta come un fenomeno raro e spettacolare osservato dagli astronomi – la morte di una stella, forse – tranne per il fatto che lì all’inizio sarebbe stata su una scala completamente schiacciante che riempiva l’intero universo. Quindi è così che sarebbe sembrato ad un occhio fisico, ma all’occhio dell’immaginazione questa grande nuvola di nebbia e la terribile tempesta che l’ha attaccata possono essere visti per mascherare due giganteschi fantasmi. La Dea Madre veniva spesso ricordata come una figura amorevole, vitale e nutriente, confortantemente rotonda e dall’aspetto morbido, ma aveva anche un aspetto terrificante. Era guerriera quando necessario. Il suo avversario era, se non altro, più spaventoso. Lunga e ossuta, la sua pelle era di un bianco squamoso e aveva gli occhi rossi e luminosi. In picchiata su Madre Terra, il Signore Oscuro era armato di una falce mortale. Se la prima emanazione dalla mente di Dio si trasformasse nella dea della Terra, la seconda emanazione sarebbe diventata il dio di Saturno. Con Maestà sataniche, Saturno avrebbe tracciato i limiti del sistema solare. In realtà era il principale responsabile della limitazione. Ciò che l’intervento di Saturno introdusse nella creazione era il potenziale per l’esistenza di singoli oggetti – e quindi il passaggio dall’assenza di forma alla forma. In altre parole, a causa di Saturno esiste una legge di identità nell’universo in base alla quale qualcosa esiste e non è nient’altro e nient’altro. Se una singola entità può esistere nel tempo, allora implicitamente può anche cessare di esistere. Ecco perché Saturno è il dio della distruzione. Saturno mangia i suoi figli. A volte è ritratto come il Vecchio del Tempo e talvolta con la Morte stessa.

 

A causa di Saturno ogni spada ha un doppio taglio e ogni corona una corona di spine. Se a volte sentiamo la nostra vita quasi troppo dura da sopportare, se ci reprimiamo e se gridiamo disperatamente alle stelle, è perché Saturno ci spinge ai nostri limiti. In Genesi il tentativo di annullare i piani di Dio alla nascita, questo primo atto di ribellione di un Essere-Pensiero contro la Mente che lo ha emanato, è trattato in una breve frase.

La tirannia di Saturno sulla Madre Terra, il suo tentativo omicida di spremere tutto il potenziale per la vita fuori dal cosmo, continuò per vasti periodi incommensurabili per la mente umana. La sua tirannia alla fine fu rovesciata e Saturno, se non del tutto sconfitto, fu tenuto sotto controllo e confinato nella sfera appropriata. Ancora una volta, la Genesi ci dice come ciò avvenne: “E Dio disse: Lascia che ci sia luce e che ci sia luce”. La luce stava respingendo l’oscurità che era rimuginata sulle acque.

Il secondo grande atto nel dramma della creazione arriva quando il dio del sole arriva per salvare la Madre Terra da Saturno. Nell’occhio dell’immaginazione il sole è un giovane bello e radioso con una criniera leonina. Cavalca un carro ed è un musicista. Ha molti nomi: Krishna in India, Apollo in Grecia. Sorgendo nello splendore nel mezzo della tempesta, respinge l’oscurità di Saturno fino a quando non diventa come un drago o serpente gigante che circonda il cosmo. Il sole riscalda quindi la Madre Terra in una nuova vita e, mentre lo fa, dà sfogo a un grande ruggito trionfale che riverbera ai limiti esterni del cosmo. Il ruggito fa vibrare la materia nell’utero cosmico, danza e forma schemi. Dopo un po ‘fa sì che la materia si coaguli in una varietà di forme strane. Quello che stiamo vedendo qui, quindi, è il sole che canta il mondo in esistenza armonica.

 

L’intera Bibbia, dall’inizio alla fine non è altro che osservanze planetarie, solari, lunari e stellari secondo gli antichi ma nascoste dietro una maschera di allegorie e personaggi immaginari. Nel Nuovo Testamento, ad esempio, il ciclo delle stagioni e le ore del giorno sono rappresentati attraverso i movimenti del figlio di Dio (sole), Gesù “il portatore leggero”, tutti potenti in estate ma in costante opposizione con il suo nemico, Satana – Saturno, il sovrano degli inferi dove prevale l’inverno e l’oscurità. Il grafico seguente si è adattato dal simbolo astronomico per la Terra (rappresentato da un cerchio e – proprio come accade – una croce): illustra come funziona. Bonacci afferma che è “il ciclo che permea ai Vangeli” ci permette di scrutare nell’intimo spirituale”.

 

 

Il 21 marzo è data peculiare: “la maggior parte dei cicli inizia nell’anno” dice Santos, ed è lì che si trova in prossimità della festa religiosa ebraica della Pasqua ebraica che presumibilmente commemora l’emancipazione degli israeliti dalla schiavitù nell’antico Egitto durante il periodo di Mosé. In realtà, secondo Jordan Maxwell, “gli antichi popoli mille anni prima che esistessero gli ebrei, celebrarono la prima settimana di primavera e la chiamarono” Pasqua ebraica “. La Pasqua ebraica è il sole che passa sopra l’equatore sulla via del ritorno nell’emisfero settentrionale … La prima settimana di primavera è stata chiamata la “Pasqua ebraica” perché il sole che era morto e l’inverno sta ora passando a una nuova vita in primavera. Ma, naturalmente, i cristiani non potevano avere nulla a che fare con la Pasqua ebraica perché ovviamente è ebreo e non vorremmo avere nulla a che fare con quello. Quindi di conseguenza diciamo che il figlio di Dio è “resuscitato”. Non importa se lo chiami “resuscitato”, “passato” o “tornato in vita”, è ancora il sole che passa . È risorto, sta tornando. ” Santos Bonacci dice: “il sole è nel suo apice in Cancro. È molto influente. Questo è il punto occupato dalla gloria – gloria del sole. È una posizione gloriosa. È Gesù che viene a Gerusalemme ed è in trono come re ”. Il sole quindi scende attraverso Leone e Vergine e “scende sotto l’equatore. Quindi il sole passa ciao per sei mesi e al nord arrivano i mesi invernali. ” Durante questo periodo in cui “c’è più oscurità che luce”, è “ostruito nella sua vitalità e nella sua capacità di darci quell’energia estiva, di rivitalizzare la stagione in modo che possiamo mangiare e vivere”. E così, sostiene Bonacci, “vedi come il sole è il nostro salvatore, come Gesù è il nostro salvatore?” Certo, Saturno / Satana è “sempre lì” pronto “ad uccidere la luce del sole” in basso in ciò che Santos chiama, “le regioni inferiori. In effetti “, aggiunge,” “inferiore” è il modo in cui i latini chiamano inverno: “Inverno”. E infatti “infernale” – “inferno” – è “inferno”. Basta sostituire la “V” per una “F.” “Infernale” – l’inferno – dovrebbe essere caldo, in realtà è un’altra parola per “inverno”, che è “inverno”. “In effetti, secondo Bonacci, il sole incontra la sua morte il 21 dicembre, che coincide proprio con il Solstizio d’inverno – il giorno più corto dell’anno. In questa data “abbiamo i santi Saturnali e il periodo natalizio”. Nell’antica Roma, i Saturnali erano “una delle più famose orge bacchiche della storia. Gozzoviglie. Tempo di baldoria assoluta. ” L’associazione di Saturno con la baldoria sembra sopravvivere. Bonacci dice: “il settimo giorno della settimana è associato a Saturno, si chiama Saturno-giorno, giusto? Sabato. E cosa succede di solito quel giorno? Quello sarebbe il fine settimana? Il giorno delle revorie? … Sai? … La febbre del sabato sera e ‘uscita sabato sera, ragazzi. Usciamo, ‘giusto? ”

 

 

Continua, “È sempre ‘Saturno il cattivo ragazzo’. Ariete regna dalle sei alle otto. Toro, dalle otto alle dieci. I Gemelli governano dalle dieci alle dodici. Il cancro governa dalle dodici alle due. Proprio su indicazione abbiamo Saturno che si presenta a mezzanotte. E cosa succede dopo mezzanotte? … Arriva dalle dodici alle quattro. Questo è … un momento di baldoria dove accadono le cose … i ladri fanno il loro lavoro di notte … Saturno governa la notte. ” Tuttavia, come sottolinea Bonacci, insieme a sole, luna, Venere, Marte, Mercurio e Giove, Saturno è vitale per la vita sulla Terra per “tutto ciò che vedi – tutto – ogni forma materiale che è nella tua vista è manifestata da quei sette. Quelle sette sfere nel nostro sistema solare. Senza di loro – nessuna manifestazione. Portare via il sole? Siamo andati. Portare via la luna? Giove? Qualcuno di loro. Siamo andati.” Ma il pianeta inanellato è Satana. È l’epitome del male, la polena dei rituali di magia nera e del sacrificio di spargimento di sangue, giusto? Bene, per una visione più approfondita di ciò, c’è l’opuscolo del 1960, “Magia. Un trattato di etica esoterica ‘scritto dal massone di 33 ° grado e noto studioso dell’occulto, Manly Palmer Hall. In questo saggio prende anche nota di Lucifero che nella tradizione cristiana è identificato il diavolo:

 

Per secoli, l’Uomo ha lavorato sotto incomprensione. Ha chiamato la perversione del potere occulto la magia nera . Questo è un uso improprio del mondo nero , poiché il nero non significa male. Il nero è il non colore di base di tutte le cose; è la fonte di tutto l’essere e rappresenta il corpo dell’Intelligenza Assoluta. Tutta la coscienza e la luce nascono dall’oscurità caotica e la Notte Vosmica, con il suo oscuro pralaya, è il Padre-Madre della creazione. L’oscurità nera deve sempre avvolgere il funzionamento dell’Infinito, e non importa quanta luce ci sia nell’anima umana, è per sempre circondata dalle oscure sostanze ribollenti del caos. Tutta la manifestazione è una concrezione di possibilità oscure e non misurate. I bambini della nascita oscura che lavorano nell’oscurità di questa sostanza, modellandola in miriadi di forme invisibili e non misurate, non sono cattivi. Sono i figli di Saturno (Satana), il Padre Nero, che, come la stessa oscurità del caos stesso, nel tempo devono ingoiare tutte le sue creazioni e, così facendo, riportarle in vita dalla morte che gli uomini chiamano creazione. Siamo tutti nati da questo oscuro abisso e non abbiamo il diritto di chiamarlo male. È il genitore degli dei e degli uomini – e per sempre avvolto nelle vesti inesplorabili del suo stesso mistero. Da questa oscurità, la casa del tesoro insondata della natura, l’uomo deve riesumare la pietra della propria anima nello stesso modo in cui il minatore rimuove il diamante dalla sua guaina di carbonio nero. Gli oscuri Signori di Saturno sono i costruttori della prima alba, la mattina dell’oscurità, e dall’attrito dei loro sforzi sono nate le prime scintille fiammeggianti della coscienza nascente.

C’è una falsa oscurità e una vera oscurità. La vera oscurità è l’utero della Luce; la falsa oscurità, la perversione della luce che fuoriesce dalla vera oscurità. L’oscurità naturale è il principio base delle cose, mentre la falsa oscurità è il risultato del degrado del potere degli angeli di Satana. Il diavolo, l’archetipo dell’abuso, non è un figlio di Saturno, ma un figlio dell’uomo e della falsa oscurità della Terra. L’uomo è l’incarnazione del germe dell’intelligenza mentale e la magia nera è possibile solo per gli esseri intelligenti. L’oscurità naturale è possibilità non risvegliata; la falsa oscurità è un’opportunità perversa.

Il male è un abuso o un disordine di potere. È l’attraversamento di correnti o un’interferenza con il piano. Potremmo dire, come una definizione di male, che è la cosa giusta nel posto sbagliato. Il peggior male in natura può essere trasformato in buono con il semplice processo di adattamento. L’intelligenza media dell’uomo che funziona coscientemente è sufficiente per far uscire un dio da qualsiasi demone con il semplice processo di inversione; allo stesso modo, è in grado di trasformare un demone o una cosa cattiva da qualsiasi cosa buona o divina mettendola in una relazione impropria con altre cose.

I due Grandi Demoni della Creazione sono: Satana – Saturno e Lucifero – Marte (Secondo i Greci) .

Satana è lo spirito di cautela, prudenza e, quando pervertito, negazione. Alla sua porta sono posti i peccati dell’omissione. Pochi si rendono conto che l’uomo è responsabile delle cose che non ha fatto. Questo fa parte della legge. È altrettanto sbagliato non fare le cose giuste come fare le cose sbagliate. Satana inibisce, si tira indietro, tiene in disparte. È in chiave di cristallizzazione e il suo regno privo di ostacoli si tradurrebbe in inerzia cosmica, poiché distrugge l’azione. È simbolizzato come lo scheletro della mietitura, poiché governa le ossa dell’Uomo e dei pianeti … È il freddo demone del ghiaccio che congela lo spirito nel sangue e gli viene dato il dominio sulla tomba di speranze non realizzate. Lucifero, d’altra parte, è lo spirito dell’eccesso, il figlio fiammeggiante della volgarità e il sovrano della gratificazione dei sensi, su cui esercita il dominio con uno scettro di serpenti. Coloro che cadono vittime del suo potere compiono azioni di violenza, non perché sia loro desiderio, ma perché invasi da questo spirito di energia e lo pervertono da soli. Lucifero è il portatore di luce; viene trasmutato dall’Uomo come ispirazione della lussuria e della passione – mentre lo avrebbe usato solo per il raggiungimento dell’ideale. Indisturbati, coloro che cadono sotto il dominio della sua influenza, si precipitano follemente verso la propria distruzione. Si oppone sempre a Satana, cercando di strappare l’anima dell’Uomo dal freddo abbraccio di Saturno. È il calore che incuba l’anima, ma l’uomo lo usa come una fiamma per bruciare la ragione. Tutti i poteri in natura servono naturalmente al bene, ma poiché sono i servitori di coloro che sono in grado di esercitare l’autorità, l’Uomo fa uscire da questi spiriti barbari che dannano il suo mondo. Tra questi due ladri di eccesso – Satana (assoluta freddezza) e Lucifero (calore ardente) – pende lo spirito dell’Uomo. Ecco la grande verità. Supponiamo che una di queste forze che l’Uomo ha trasformato in demoni dovesse ritirare, vediamo cosa accadrebbe sul Piano dell’Essere.

Se Satana dovesse uscire dal piano, l’Uomo sarebbe bruciato dalle passioni infuocate di Marte e degli angeli di Lucifero. Senza il freddo, la cautela e il freno di Saturno, la sua anima si sarebbe rapidamente persa nella totale dissolutezza e licenziosità. Se d’altra parte, Lucifero dovesse ritirarsi, l’Uomo sarebbe presto di nuovo una pietra, incapace di incentivare, di movimento o di emozione, e incatenato, come i dannati nell’Inferno di Dante, dalle gelide dita della morte.

Satana e Lucifero non sono malvagi, ma due dei più grandi poteri di tutta la creazione. Senza di loro, l’universo non potrebbe nascere: per Marte, con gli angeli di Lucifero, è la dynamis del nostro sistema solare e senza di loro i pianeti non potrebbero continuare la loro marcia senza fine. D’altra parte, Satana costruisce la Terra e i mondi mediante la cristallizzazione, senza la quale non avremmo sostanze solide per formare i corpi. Non è la forza o il potere, ma la perversione della forza che costituisce il male. Potremmo dire: “Il Demone è il potere pervertito”. Perciò l’uomo, il pervertito del potere, è il creatore dei demoni, perché è la creatura più bassa in grado di esercitare l’autorità all’interno del proprio essere.

 

Per quanto riguarda Lucifero, afferma Santos Bonacci, “Venere è fosforo. È la brillante stella del mattino. Ed è una delle sfere più luminose – in realtà, è la terza sfera più luminosa nel cielo. Venere – il sovrano del Toro e lo spettacolo più brillante della sera e del cielo mattutino dopo la luna – fu chiamato dai Greci, “Phos” … che significa “luce”, e dai Romani, “Lucifero – il Portatore di Luce”. “Inoltre,” per gli antichi occultisti, Venere era il pianeta della luce interiore – illuminazione “.

Noi possiamo sfruttare la forza di Lucifero come strumento per il bene o il male, proprio come potremmo (per esempio) con un coltello, che può essere usato tagliare il pane e fornire sostentamento, o uccidere e mutilare. Non è la colpa del coltello, ma della persona.

“Lucifero”, la parola, si basa sulla luce. “Lux” in latino significa “luce”. E “Fero” … in latino significa “portare, trasportare”. Quindi “Lucifero” significa “portare o trasportare la luce”. È un portatore di luce. Questo è tutto ciò che significa davvero. E questo è un simbolo, perché la luce rappresenta la conoscenza. Rappresenta la capacità … di accogliere, elaborare e utilizzare le informazioni con precisione … e gli occultisti oscuri che sono i Luciferiani di livello superiore hanno questa conoscenza. Hanno questa luce e la stanno usando per i propri scopi. Bene, quell’informazione e la conoscenza possono essere usate per scopi trasformativi e anche per risvegliare le persone. Sono le stesse informazioni. Sono le informazioni che sono state nascoste. ” Secondo Passio, la Chiesa di Satana è molto allineata al “buio”. Parlando durante un’intervista con “Red Ice Radio” nel 2012, ha definito l’organizzazione un “sistema di filtrazione psicopatico” che ha funzionato “con enormi organizzazioni internazionali, gruppi di riflessione e istituzioni globali che stavano cercando di sradicare davvero la libertà umana in tutta la Terra.” Lo ha descritto come “una guerra alla vita umana”.

 

Sia che tu stesso creda che Lucifero sia una creatura malvagia che si è ribellata a Dio o, in alternativa, una forza planetaria illuminante e necessaria nell’universo, dipende ovviamente da te.. Dopotutto, Satana / il Diavolo apparirà molto nella storia dei Rolling Stones in una forma o forma da qui in poi, quindi forse dovremmo riconoscere alcune delle conoscenze esoteriche che sono disponibili per noi, conoscenza che particolari membri del gruppo potrebbero avere conoscevo e in effetti mi ispiravo negli anni ’60 e nei primi anni ’70.

Jagger ha anche “letto ‘Il ramo d’oro”, saggio Scritto dall’antropologo e folklorista britannico Sir James Frazer, The Golden Bough ‘è uno studio di magia, miti e leggende di molte culture diverse nel corso della storia. Pubblicato per la prima volta in due volumi nel 1890 con altri tre nel 1900 seguiti da altri dodici tra il 1906 e il 1515, oltre a un supplemento negli anni ’30, questo enorme lavoro fornisce informazioni su vari rituali esoterici, sacrifici e celebrazioni da tutto il mondo. torna agli antichi e richiama l’attenzione sulle somiglianze nei loro temi chiave che sono riemerse nel corso dei secoli e attraverso divisioni geografiche e culturali. Questi elementi comuni, ad esempio, possono essere trovati nel cristianesimo quando si analizzano i parallelismi tra Natale e Mitra, l’antica divinità persiana. Per enfatizzare il suo punto, Frazer rivolge la sua attenzione a un periodo durante i giorni dell’impero romano in cui la religione mitraica era in competizione per la ribalta nel mondo occidentale. Afferma che “si è rivelato un formidabile rivale del cristianesimo … Una reliquia istruttiva della lunga lotta è conservata nella nostra festa di Natale, che la Chiesa sembra aver preso in prestito direttamente dal suo … rivale”. L’autore continua quindi a evidenziare i legami tra cristianesimo e sole (figlio). In effetti, Mitra è associata all’adorazione solare e, secondo molti ricercatori, è nata da una vergine il 25 dicembre. Scrive Frazer, “nel calendario giuliano il 25 dicembre veniva considerato il solstizio d’inverno, ed era considerato la Natività del Sole, perché il giorno inizia ad allungarsi e il potere del sole aumenta da quel punto di svolta dell’anno . Il rito della natività, come sembra essere stato celebrato in Siria e in Egitto, è stato notevole. I celebranti si ritirarono in alcuni santuari interni, dai quali a mezzanotte emisero un forte grido: “la Vergine ha generato! La luce sta crescendo! ‘ Gli egiziani rappresentavano persino il sole appena nato dall’immagine di un bambino che nel giorno del suo compleanno, il solstizio d’inverno, producevano ed esibivano ai suoi adoratori. Senza dubbio la Vergine che così concepì e partorì un figlio il 25 dicembre era la grande … dea che i Semiti chiamavano la Vergine celeste o semplicemente la Dea celeste … Ora Mithra era regolarmente identificato dai suoi adoratori con il Sole; quindi anche la sua natività è caduta il 25 dicembre. ” In un altro capitolo, Frazer scrive a lungo sui Saturnali. “Questo famoso festival è caduto a dicembre, l’ultimo mese dell’anno romano”, afferma, “e doveva celebrare popolarmente il allegro regno di Saturno, il dio della semina e dell’allevamento, che visse sulla terra molto tempo fa come un giusto e benefico re d’Italia, radunò gli abitanti maleducati e dispersi sulle montagne, insegnò loro a coltivare il terreno, diede loro le leggi e regnò in pace. Alla fine il buon dio, il gentile re, svanì all’improvviso; ma la sua memoria fu amata da epoche lontane, i santuari furono eretti in suo onore e molte colline e alti luoghi in Italia portavano il suo nome. Eppure la brillante tradizione del suo regno fu attraversata da un’ombra scura: si dice che i suoi altari fossero stati macchiati con il sangue delle vittime umane, per le quali un’età più misericordiosa sostituì in seguito effigi ”.

 

 

Secondo Frazer “nessuna caratteristica” dei Saturnalia “è più notevole … della licenza concessa agli schiavi in ​​questo momento. La distinzione tra le classi libere e servili fu temporaneamente abolita. Lo schiavo poteva inseguire il suo padrone, intossicarsi come i suoi scommettitori, sedersi al tavolo con loro, e nemmeno una parola di rimprovero gli sarebbe stata somministrata per condotta che in qualsiasi altra stagione avrebbe potuto essere punito con strisce, prigione o Morte. Anzi, i maestri in realtà cambiarono posto con i loro schiavi e li aspettarono a tavola; e non prima che il servo avesse finito di mangiare e bere la tavola fu cancellata e la cena preparata per il suo padrone. Finora fu portata questa inversione di ranghi, che ogni famiglia divenne per un certo tempo una repubblica mimica in cui gli alti uffici di stato furono scaricati dagli schiavi, che impartirono i loro ordini e stabilirono la legge come se fossero effettivamente investiti con tutti i dignità del consolato, del pretorio e della panchina. La persona su cui cadde la sorte godette del titolo di re e impartì ai suoi soggetti temporanei comandi di natura giocosa e ridicola. Ora, quando ricordiamo che la libertà consentita agli schiavi in ​​questa stagione festiva doveva essere un’imitazione dello stato della società ai tempi di Saturno, e che in generale i Saturnali passarono per niente più o meno di un risveglio temporaneo o ripristino del regno di quel monarca allegro, siamo tentati di supporre che il finto re che presiedeva ai festeggiamenti potesse aver originariamente rappresentato lo stesso Saturno. La congettura è fortemente confermata, se non stabilita, da un resoconto molto curioso e interessante del modo in cui i Saturnali furono celebrati dai soldati romani di stanza sul Danubio durante il regno di Massimiano e Diocleziano. “Secondo il racconto,” il I soldati romani a Durostorum nella Bassa Mesia celebravano i Saturnali anno dopo anno nel modo seguente. Trenta giorni prima del festival hanno scelto a sorte tra loro un uomo giovane e bello, che è stato poi vestito in abiti reali per assomigliare a Saturno. Così schierato e frequentato da una moltitudine di soldati, andava in giro in pubblico con la piena licenza di indulgere alle sue passioni e di gustare ogni piacere, per quanto basso e vergognoso. Ma se il suo regno era allegro, fu breve e si concluse tragicamente; poiché quando furono trascorsi i trenta giorni e fu giunta la festa di Saturno, si tagliò la gola sull’altare del dio che egli impersonava. Nel 303 d.C. il lotto cadde sul soldato cristiano Dasius, ma si rifiutò di recitare la parte del dio pagano e di sporcare i suoi ultimi giorni con dissolutezza. Le minacce e gli argomenti del suo ufficiale comandante Bassus non sono riusciti a scuotere la sua costanza, e di conseguenza è stato decapitato. ” Disegnando di nuovo parallelismi con la storia di Gesù e il culto solare / planetario, Frazer crede che ci sia una “notevole somiglianza … tra il trattamento del finto re dei Saturnali da parte dei soldati romani a Durostorum … e il trattamento di Cristo da parte dei soldati romani a Jersualem “prima della sua crocifissione quando fu spogliato e vestito di nuovo con una veste scarlatta e una corona di spine.

Ci si potrebbe chiedere se la “notevole somiglianza” che Frazer identifica tra il finto re di Saturnalia e la storia della crocifissione sia in realtà l’ispirazione dietro il desiderio di Mick Jagger di apparire nuda su una croce tra le immagini di Saturno su “Satanic Majesties” – supponendo ovviamente che abbia effettivamente richiamato “Il ramo d’oro” all’inizio del 1967 .


Il Malleus Maleficarum (Il martello delle streghe). Parte 9

Il Malleus inizia affermando che “la credenza che le streghe esistono è una parte talmente essenziale della fede cattolica che sostenere ostinatamente l’opinione opposta sa manifestamente d’eresia”; un’eco della bolla papale del 1484 di Innocenzo VIII. Poi il Malleus chiarisce le sue intenzioni: “Questo è ciò che proponiamo: i diavoli, con le loro arti, causano alcuni effetti per mezzo della stregoneria, eppure è vero che senza l’assistenza di un mediatore non possono fare niente… noi non sosteniamo che senza questo mediatore non possano fare danno, ma che per suo tramite possano portare infermità e qualunque altra pena e che tutto ciò è reale”. Il ragionamento è fin troppo chiaro: sono gli esseri umani i veri colpevoli delle sventure che vengono attribuite alla malvagità del demonio, ma gli esseri umani sono alla portata dell’Inquisizione e ciò assicura che ci sarà sempre un colpevole da punire. Successivamente  il Malleus si preoccupa di rassicurare gli inquisitori ai quali le streghe “non possono causare ingiuria poiché essi sono i dispensatori della pubblica giustizia”. Essi possono poi usare pratiche e rituali che possono sembrare magici, ma che trovano la loro rispettabilità nel fatto di derivare dalla chiesa e la loro coerenza nel potere di difenderli dalla malvagità delle streghe.

Nel Malleus Maleficarum si parla spesso della capacità delle streghe di indurre una condizione di sterilità, e se ne parla come se questa fosse una delle loro principali attività. È citata spesso, ad esempio, la capacità di far scomparire il pene, usata in alternativa ad un sortilegio che impediva l’eiaculazione e a una serie di malefici rivolti a determinare sterilità e a causare l’aborto nelle donne. Le streghe possono bagnare di sangue mestruale un uovo di gallina e seppellirlo sotto il letto di una donna, che da quel momento patirà dolori insopportabili ogni volta che cercherà di avere un rapporto sessuale. Possono trasformare un feto in una poltiglia maleodorante che verrà poi eliminata dal retto dell’infelice madre tra atroci dolori. Possono trasformare il pene di un uomo in una gelatina fredda come il pene di Satana e così, dove prima c’era l’orgoglio virile, oplà, ora c’è solo una macchia unta e informe, gli uomini non potevano immaginare umiliazione maggiore e ne erano terrorizzati. Credere nelle streghe – e identificarle, e condannarle – divenne  così anche un modo per giustificare i propri insuccessi riproduttivi e sessuali e per non smarrirsi di fronte alle proprie fantasie erotiche. La scelta dello sventurato da indicare come responsabile, tendeva a cadere sempre sulle stesse persone: emarginati sociali, donne anziane e solitarie, ostetriche coinvolte per mestiere nelle fortune e nelle sfortune della vita riproduttiva. Erano le stesse persone dalle quali si attendevano consigli su come non fare figli e su come interrompere le gravidanze, tutte cose che rientravano quasi inevitabilmente tra le attività che la gente comune riteneva proprie della magia nera. E a questo punto non sembrò esistere più alcuna differenza tra il coito interrotto e l’uccisione di un gallo in un quadrivio.


Il Malleus Maleficarum (Il martello delle streghe). Parte 6

A partire dal 1100 si verificò un graduale cambiamento di attitudine, contrastato all’inizio e poi in seguito accolto con un favore sempre più generalizzato. Ora i cattolici più colti cominciavano a ritenere che la stregoneria del tardo medioevo rappresentasse un fenomeno nuovo, ignoto nei secoli precedenti, dovuto alla comparsa di una nuova setta che mescolava forti tendenze eretiche all’esercizio di arti magiche e che prendeva sempre maggior forza dal patto siglato con Satana. Questi concetti furono oggetto di una specifica trattazione da parte di Nicolas Jacquier (Jaquerius), un inquisitore, che completò il suo Flagellum Hereticorum Fascinariorum nel 1458: il libro fu dato alle stampe solo nel 1481 ma il suo contenuto, e soprattutto la richiesta di Jaquerius di non applicare il Canon Episcopi nei processi alle streghe, erano ben noti agli inquisitori. I primi riferimenti ai malefici e alle pratiche delle streghe si trovano nei penitenziali, elenchi di peccati e di penitenze. Nel penitenziale del vescovo di Worms, Burcardo, che risale al 1011, è scritto:

Hai prestato fede o partecipato … alle riprovevoli pratiche di quei maghi che affermano di avere il potere magico di suscitare o placare tempeste … alle pratiche superstiziose di quelle donne che si vantano di avere poteri magici, tali da modificare lo stato d’animo della gente … a quella pratica superstiziosa in forza della quale alcune donne sciagurate e indemoniate sono convinte di cavalcare insieme a Diana? Il demonio è certamente capace di assumere aspetti e sembianze umane, tanto da far balenare alla mente di un suo prigioniero felicità e sciagure…

Come vedete c’è già, all’inizio del millennio, un riferimento all’esistenza delle streghe.

Nel 1231 venne costituito l’apparato giudiziario dell’Inquisizione che si occupava principalmente degli eretici – dei catari, dei valdesi, degli albigesi – con solo qualche sporadica attenzione a maghi, indovini e invocatori del demonio. Ma la stregoneria era un’ottima accusa da rivolgere agli eretici e, successivamente, ai nemici della Chiesa, nonché a coloro dei quali ci si voleva liberare. È in questo modo che si rese possibile lo sterminio di albigesi, catari, ebrei, e persino dei templari. La prima strega condannata al rogo da un inquisitore venne bruciata a Tolosa nel 1275, e Tolosa era una città influenzata dal catarismo: così eresia e stregoneria divennero  sinonimi. Nel 1326 Giovanni XXII emanò una bolla (Super illius specula) che prevedeva  le stesse pene per streghe e per eretici. Lo stesso pontefice aveva fatto condannare al rogo il vescovo di Cahors, Ugo Geraud, accusato di aver attentato alla sua persona eseguendo pratiche magiche su figure di cera; in realtà il tribunale condannò il vescovo per un tentativo di avvelenamento – oltretutto mai dimostrato – e l’aggancio con la stregoneria consisteva solo nel fatto che, secondo l’accusa, i presunti veleni erano stati preparati da alcune donne anziane. La teologia scolastica cominciò a elaborare la cosiddetta dottrina del “patto delle streghe col diavolo”.

Nel 1468 Paolo II dichiarò la stregoneria “Crimen Exceptum” e assegnò completa libertà ai Tribunali religiosi e secolari per quanto concerneva il modo di trattare le streghe. Ma se si può dare una data d’inizio alla persecuzione sistematica della stregoneria, la si deve indicare nel 1484, anno in cui  papa Innocenzo III rese pubblica la bolla Summis desiderantes effectibus, che invitava i vescovi tedeschi a combattere con maggiore energia le streghe e gli stregoni. Essi, diceva  la bolla,

hanno abusivi commerci con i demoni e con i loro incantesimi, vaticini, scongiuri e con altri nefandi sortilegi, superstizioni, eccessi, delitti… Recentemente è infatti arrivato alle nostre orecchie, non senza procurarci gran pena, che in certe regioni della Germania settentrionale , come pure nelle province, città e territori di Magonza, Colonia, Treviri, Salisburgo e Brema, numerose persone dell’uno e dell’altro sesso, incuranti della loro salvezza e deviando dalla fede cattolica, si sono abbandonate a demoni, succubi e incubi e facendo ricorso a sortilegi, incantesimi, congiure, altre attività superstiziose e pratiche magiche hanno sgozzato bambini ancora nel grembo della madre, vitellini e bestiame, hanno fatto seccare i raccolti, reso uomini impotenti e donne sterili  di modo che i mariti non potessero andare con le mogli e le mogli non potessero ricevere i mariti. “.

E più avanti, nella stessa Bolla, il Papa faceva due nomi:

E anche se i nostri diletti figli, Heinrich Kramer e Johann Spranger… sono stati delegati come inquisitori con lettera apostolica … decretiamo che ai suddetti venga data potestà di giusta riprensione, incarcerazione e punizione di chiunque, senza permesso e senza limitazione.”

Sette anni dopo dall’Università di Colonia fu diramato un documento ( sulla cui spontaneità esiste, come vedremo, qualche dubbio ) che rendeva noto che qualsiasi affermazione contraria alla realtà della stregoneria sarebbe “incorsa nella colpa di ostacolare l’Inquisizione”. Queste affermazioni vennero  ribadite dal successivo pontefice Alessandro VI, e così si sviluppò una delle vicende più crudeli nella storia dell’intolleranza.

Nel 1487 i due domenicani tedeschi citati nella Bolla pontificia,  Heinrich Kremer e Jakob Sprenger (Insistor), pubblicarono il Malleus Maleficarum, (Il martello delle streghe), una guida per gli inquisitori. Il libro segue di pochi anni due importanti trattati sulla stregoneria, il Fortalicium Fidei del francescano Alfonso de Spina (1459) e il Flagellum Haereticorum Fascinariorum del domenicano Nicholas Jacquier (1458). In realtà esiste una straordinaria continuità tra tutti questi trattati, a partire dalla Practica Inquisitionis Haereticae Pravitatis (1320) fino al Repertorium Inquisitorum Pravitatis Hereticae, ma è certamente il Malleus che si propone di essere – e sarà – il vero manuale del perfetto inquisitore.


Il Malleus Maleficarum (Il martello delle streghe). Parte 5

Non si può però dimenticare il fatto che fin dalle sue origini, la Chiesa Cattolica aveva dovuto contrastare le reliquie del paganesimo, che continuavano a sopravvivere nelle superstizioni e nei riti, nelle magie, nei sortilegi e nelle leggende. Liberare la società dagli elfi, dalle fate, dai troll e dagli gnomi (e anche da maestose divinità dotate di splendide corna) non era impresa facile. La Chiesa aveva provato tutte le strade possibili. Ad esempio, li aveva demonizzati, per cancellarne il ricordo o per associarli stabilmente al concetto di male: in un documento del IX secolo, ad esempio, si parla di un demone chiamato Diana che alcune donne malvagie “cavalcano di notte” per “tornare a Satana”: è sempre lei, la dea dell’Olimpo, questa volta trasportata, probabilmente contro la sua volontà, in un’altra religione. Il timore che i culti di origine pagana tentassero i fedeli era molto vivo nel medioevo, un timore alimentato dalla sopravvivenza, soprattutto nelle aree contadine, di credenze e di superstizioni che avevano la loro origine nel paganesimo. I testi biblici, e in particolare quelli dell’Antico Testamento, rappresentavano per la Chiesa il fondamento ideale per indicare, in queste forme di cultura popolare, gli strumenti che il demonio utilizzava per attrarre i fedeli e iscriverli nelle sue legioni di dannati. Così, alcune forme di superstizione particolarmente diffuse vennero interpretate come vere e proprie attività demoniache. Del resto, più si parlava di stregoneris, più la povera gente si rendeva conto di quanto spesso fosse stata vittima di un sortilegio:ogni volta che la grandine aveva distrutto il loro raccolto e non quello del vicino, quando il pagliaio era andato in fiamme e quando ancora il figlio tanto atteso era nato deforme. Questa diffusa consapevolezza non poteva che sollecitare la promulgazione di leggi severe contro chiunque maneggiasse la magia e ne facesse strumento del male. Spesso la Chiesa cattolica aveva dovuto accettare sgradevoli compromessi, trasformando in feste religiose riti pagani particolarmente consolidati. Così, la dea irlandese Brigitta, patrona del fuoco, venne assimilata e identificata in una santa fittizia che portava lo stesso nome. Analogamente, molti santuari furono costruiti in luoghi già consacrati ai riti pagani, una pratica resa ufficiale da Gregorio I nel 601. Dunque, è certamente vero che tra il V e il XII secolo la Chiesa considerava la magia nera come una manifestazione della superstizione popolare e come un residuo di paganesimo, assolutamente non fondato su fatti reali: il peccato consisteva nel credere in questi poteri, non nel possederli. Con il passare degli anni presero però vigore le opinioni di quanti ritenevano che il maligno potesse veramente prendere possesso dei corpi degli uomini, e si fece  strada l’idea che le streghe esistessero realmente.