L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Articoli con tag “sogni

Il Papa nei sogni

Il Papa compare nei sogni a rappresentare gli ideali religiosi, il senso pastorale di una guida, di un’unica direzione in cui muoversi e tutti gli aspetti di sicurezza e di visione ideale, di forza e speranza, di fede e volontà di diffonderla, ma pure di proselitismo e dogmatismo, di chiusura, rigidità, immutabilità.

La figura del Papa che compare nei sogni è simbolo potente di tutte le istanze collegabili al mondo delle idee e dello spirito, unite alla sicurezza ed all’esperienza.

Il Papa è capo indiscusso della cristianità, concentra in se’ tutto il potere e l’influenza della chiesa cattolica, e per i credenti rappresenta la fede e lo spirito incarnati in un corpo per volontà divina. Mediatore fra uomo e Dio assume una valenza archetipica per la potenza creativa che può generarsi dall’unione dello spirito, dell’intelletto e del corpo materiale.

Questi aspetti emergono nel simbolismo dell’arcano maggiore dei Tarocchi n.5 rappresentante la figura del Papa seduto e con la croce in mano, e sono da considerarsi il nucleo da cui sapere ed etica, senso morale e responsabilità umana possono dispiegarsi. Il Papa rappresenta la fede religiosa, ma pure l’azione che da questa fede è generata, la spiritualità che si fa carne, che origina un movimento, che prende vita.

Compare nei sogni a rappresentare gli ideali religiosi, il senso pastorale di una guida, di un’unica direzione in cui muoversi e tutti gli aspetti di sicurezza e di visione ideale, di forza e speranza, di fede e volontà di diffonderla, ma pure di proselitismo e dogmatismo, di chiusura, rigidità, immutabilità.

Il Papa nei sogni va considerato anche come sfaccettatura dell’archetipo maschile,immagine di chi ha compiuto un percorso ed a cui va ricosciuto rispetto ed esperienza.Senex per la saggezza, l’autorità e la tradizione che incarna, può assimilarsi al simbolismo del Padre, del nonno, del capo, del condottiero, del saggio, del maestro e risponde al bisogno del sognatore di attingere all’esperienza ed alla sicurezza, oppure alla fiducia e determinazione sepolte in lui.

La sua figura nei sogni è legata spesso anche alla necessità di dare spazio alla spiritualità quando questo aspetto risulta squilibrato rispetto a pragmatismo e vita materiale.


Il padre nei sogni

La figura del padre nei sogni rappresenta il principio dell’autorità, delle regole e dell’educazione impartita, è il logos, la coscienza di fronte all’istinto, il contenimento dell’inconscio. Il padre è simbolo di tutto ciò che è “al di sopra”, superiore, ad un livello più elevato…Dio, il cielo, il capo o un diretto superiore, un sacerdote, il Papa.

E’ il potere della forza e dell’intelligenza maschile che si manifesta nelle relazioni e che può mantenere nella dipendenza, che può schiacciare o “castrare” ma anche proteggere, sostenere, difendere, incoraggiare.

Quando appare nei sogni il suo ruolo, è meno genitoriale e sentimentale rispetto a quello materno, è un esempio da seguire, l’ archetipo dell’eroe che si apre al mondo attraverso la forza di volontà, il simbolo dei divieti morali, il modello a cui tendere.

Il padre dei sogni diventa allora un ideale a cui, soprattutto il figlio maschio, può guardare, ciò a cui aspira, ciò che può diventare e che gli darà il senso del suo valore di adulto. Ma questa via passa attraverso la trascendenza del padre, la sua soppressione simbolica (complesso di Edipo), la morte del padre esterno che favorisce la nascita del “padre interno”, del proprio maschio adulto capace di responsabilità e consapevole del proprio valore.

Il conflitto con il padre che inizia proprio quando il giovane maschio cresce (adolescenza) mira a questa morte simbolica, al superamento della figura paterna per poter trovare il proprio potere personale.

Questo conflitto e questo superamento, rappresentati nelle favole e nella mitologia dal vecchio Re che viene ucciso dal giovane eroe per impadronirsi del suo scettro e del suo trono, nella vita reale vengono accettati ed elaborati solo in presenza di un reciproco amore adulto.

Sognare il padre reale può aiutarci quindi sia a riconnetterci con episodi familiari appena vissuti per sottolinearne l’importanza, oppure può ribadire l’importanza della linea di sangue, delle
tradizioni familiari, mostrarci il nostro retroterra familiare, il senso dell’autorità e della guida ricevuta. Può essere una figura che sostiene e da cui emana saggezza e forza, che può guidare ed indicare una direzione opportuna in cui volgersi.

Oppure può apparire giudicante e severo, portarci il confronto (perdente) con gli altri, la consapevolezza delle regole disattese e dei giudizi altrui, o essere l’espressione del nostro critico interiore.

Ma il padre nei sogni può mostrare anche il suo aspetto negativo ed oppressivo e, come nel caso della “madre terribile”, emanare un’energia di blocco e di paura. E’ ilpadre-padrone che impedisce ogni progresso, che frena ogni iniziativa e speranza, che arresta nei figli movimento e crescita, autonomia, indipendenza. E’ il mito di Urano che si perpetua nell’inconscio collettivo, l’archetipo dell’Orco, del padre divoratore, violento e crudele, spaventoso ed oscuro.

 


La madre nei sogni

La madre nei sogni appare a rappresentare la prima esperienza fondamentale, il legame per eccellenza. Che potrà essere di sostegno ed aiuto, ma pure di giudizio e riprovazione.

Il simbolo della madre nei sogni è una sfaccettatura dell‘archetipo del femminile che esprime amore e vita, grandiosità ed abbondanza, fecondità e ricettività e, per queste qualità, si lega ai simboli della terra e del mare, luoghi in cui la vita fiorisce e prospera.

Come ogni simbolo di natura archetipica presenta anche un aspetto di distruzione e morte: vita e morte sono correlate e vicine, come terra e mare, creazione e distruzione. Così la mamma amorevole e Grande Madre potrà, nel flusso degli opposti, divenire Madre terribile, così alle madri del mito: Gaia, Era, Demetra, Iside, Astarte, si opporrà Kalì e Medusa o la dea maya Ixchel dagli artigli di animale.

Con il Cristianesimo si assiste alla sublimazione perfetta di questa figura che diviene la Madre Divina. La Madonna, madre di Gesù e di tutti gli uomini, priva di consistenza e carnalità si colloca su un piano ideale al punto più estremo della polarità grande madre-madre terribile. Il concetto di bene e male si precisa, la divisione diviene più netta. All’opposto della Vergine Maria troveremo allora Lilith come sposa del Diavolo, o la madre strega che partorisce ed uccide.

La madre nei sogni rappresenta la prima esperienza fondamentale, il legame per eccellenza. Che potrà essere di sostegno ed aiuto, ma pure di giudizio e riprovazione.Sognare la propria madre molto probabilmente avrà il duplice ruolo di rappresentare la concezione idealizzata dell’amore materno per il sognatore, ma pure l’aspetto legato all’esperienza più o meno fusionale che ha vissuto con lei. Così questa figura potrà simboleggiare il bisogno di recuperare dentro di se’ qualità che vengono per antonomasia attribuite alla madre: amore e dedizione, senso di sacrificio e generosità, o potrà mostrare che queste qualità sono già presenti nella vita del sognatore e lo possono sostenere.

Potrà anche indicare un complesso materno, una fissazione sulla figura della madre che continua ad esercitare fascino ed attrazione, o una forma di dominio anche in età adulta. Molto facile che in questi casi la madre nei sogni appaia come un grosso orso,un ragno o un lupo a testimoniare la ferocia istintiva percepita, oppure l’ istinto alla dipendenza, alla ricerca di accettazione e di cura che il sognatore continua a proiettare sulla madre.


Il significato della madre nei sogni
 sarà quindi legato all’amore incondizionato, alla protettività e sicurezza, al senso di sacrificio e di responsabilità, alla generosità, ma pure ad aspetti di giudizio e invasività, di senso di colpa e dipendenza, di timore verso il nuovo e verso l’istinto.


Acqua nei sogni

Acqua corrente nei sogni sarà legata al flusso della vita, al tempo, al divenire, acqua sorgiva allo scaturire di vitalità e forza e alla presenza di energie inconsce.

L’acqua nei sogni compare con maggiore frequenza rispetto agli altri elementi di terrafuoco ed aria. L’acqua è preziosa, e fondamentale, il nostro pianeta ne è coperto, il nostro corpo ne è composto, nell’acqua brulica e si è formata la vita.

Il simbolo dell’acqua è presente nelle cosmologie dei popoli più diversi in tutta la terra: abluzioni rituali, diluvio universale, purificazione e distruzione attraverso l’acqua, sono temi che nei miti ritornano a confermarne il grande valore.

L’acqua nei sogni rimanda sia all’energia materna, per il primo contatto dell’essere umano con il liquido amniotico, che all’inconscio e alle sue profondità, alla spiritualità e alle emozioni, ma sarà importante considerarne l’aspetto, il suo essere torbida o limpida, il suo presentarsi calma e tranquilla oppure agitata e violenta. Aspetto che andrà valutato con le sensazioni provocate nel sognatore.

Sognare acqua pulita e trasparente in cui essere immersi, si collega a chiarezza nelle situazioni, possibilità di “vederci chiaro”, benessere ed equilibrio nell’espressione delle emozioni. Al contrario, sognare acqua stagnante o fangosa, può essere sintomo di un disagio, sentirsi al cospetto di qualcosa di incomprensibile o non gestibile.

Nuotare in acqua nei sogni con fatica, controcorrente o con facilità e piacere, può aiutare a comprendere il modo in cui si affrontano determinate situazioni, o problemi. L’aspetto di bagno purificante e risanatore dell’ acqua, andrà a collegarsi al bisogno inconscio di cambiamento: parti vecchie, abitudini obsolete che devono essere “lavate via “, eliminate dalla forza e dalla vitalità dell’elemento primordiale in una purificazione,morte e rinascita che nel simbolo si fondono. Bachelard nel suo bellissimo “Psicoanalisi del acque” ( Red Ed. Immagini dal profondo 1992) asserisce che: “..Ci si tuffa nell’acqua per rinascere rinnovati.”.

Il significato dell’acqua nei sogni quando appare carica di energia latente, bellissima e pericolosa può associarsi al mondo emotivo, allo straripare e dilagare di questo, al timore o all’attrazione che l’espressione o il contatto con le emozioni provoca. L’ acqua rimanderà allora ad un bisogno di contenimento, ad una più opportuna modalità di espressione o sarà sintomo delle emozioni che prende il sopravvento o che stanno agendo in qualche aspetto della vita del sognatore.

Sognare acqua corrente nei sogni è un’immagine che si lega al flusso della vita, al tempo, al divenire, mentre l’acqua sorgiva si collega allo scaturire di forza e vitalità, alla presenza di energie inconsce, acqua che cade dal cielo infine, potrà orientare il sognoverso un aspetto prettamente spirituale.


Il colore rosso nei sogni

Il simbolismo del colore rosso in tutte le sue splendide vitali sfaccettature si esprime con potenza anche nei sogni…..

I colori nei sogni esprimono un’energia archetipica e vanno sempre considerati con attenzione, in quanto costellano una serie di simboli e di comportamenti che possono sostenere la comprensione del sogno stesso.

In particolare il colore rosso nei sogni colpisce l’attenzione e viene facilmente ricordato del sognatore per i significati viscerali che richiama, e si associa, nella nostra cultura e nella nostra esperienza umana, al movimento e alla vita in tutte le sue forme.

“Il rosso è lo splendore del vivente” dice Steiner, e M.L.Von Frantz definisce ancor meglio il concetto sostenendo che : “Il rosso è simbolo dell’essenza della vita”.

Sognare il colore rosso allude al bisogno di calore, protezione, alla possibilità di resistere nelle difficoltà, al cambiamento, ma pure ad un aspetto spirituale e trasmutativo. Si pensi al lavoro alchemico che si fondava sull’azione del rosso- fuoco, o ai riti officiati che ne prevedono la fiamma purificatrice ed illuminante.. In questo contesto il colore rosso- fuoco diviene archetipo dello spirito, archetipo del Se’ aspetto di ricerca, e di trasformazione personale.

Il simbolismo del colore rosso nei sogni
 può suggerire anche il lato oscuro, l’inferno, ildiavolo e tutte le pulsioni ed i segni considerati diabolici (si pensi alle macchie rosse dette voglie di vino, o ai capelli rossi che in passato venivano considerati sicuro indizio di stregoneria).

Il 
rosso è eccitante, stimolante, legato al mettersi in gioco, all’azione, ad una reazione pronta a quanto accade. E’ infatti associato ad ogni tipo di allarme, dal semaforo agli stop, alle luci che lampeggiano a segnalare qualche cosa di urgente.

Ma la costellazione simbolica primaria per l’essere umano è rosso – sangue- vita, dove il colore è legato alla fisicità e al rinnovamento, alla salute, ai riti tribali di morte -rinascita. E’ il trionfo della vita sulla morte, rimanda all’eccitazione, alla vitalità, alle emozioni amplificate, ma anche agli istinti di aggressività, furore, odio cieco, di perdita del controllo (si pensi a quando si dice : “Vedere rosso”).

Spesso sognare il colore rosso è legato alla vista del sangue nella scena onirica, così che sarà importante, per una corretta analisi del sogno, oltre a prendere in considerazione tutti i significati di cui sopra, anche valutare le emozioni che sopraggiungono nel sogno, e le proprie sensazioni nei confronti di questo colore nella realtà.

Se prendiamo in esame invece la triade rosso -cuore-amore, ci confrontiamo con il sentimento, la passione e la sessualità. Il colore rosso è simbolo per eccellenza dell’amore e dell’eros e può dare una sensazione forte, calda e protettiva, ma anche molta eccitazione nervosa (nessuno si sognerebbe di dipingere una parete rossa in una camera da letto).

Il significato del colore rosso nei sogni è legato ad una energia cosmica di creazione e procreazione, della quale va affrontata ogni componente di creazione e distruzione, protezione e dannazione, amore e odio, luce ed ombra.

 


Rugiada nei sogni

La rugiada nei sogni può essere assimilata all’umidità del sesso della donna nel momento del coito, ed in questa visione è un’immagine di grande potenza che esalta il potere del femminile e dell’eros creatori di vita e fautori di rinascita.

La rugiada nei sogni è un simbolo raro ed affascinante che provoca nel sognatore sensazioni di meraviglia e piacere.

Vederla, toccarla, percepirne il luccichio di perla, alimenta spesso un senso di connessione con la natura, il sentirsi parte di un armonico meccanismo, quasi confondendosi con l’umidore brillante che dalla terra si spande in gocce.

La rugiada partecipa del simbolismo della pioggia e dell’acqua con significati che nei sogni toccano il mondo dell’emozione e dei sentimenti più delicati, collegandosi anche agli aspetti di fecondità e di crescita vitale.

Se la pioggia cade dal cielo ed è quindi legata al principio maschile, allo spirito di Dioed al mondo del logos, la rugiada fluisce dal terreno come un sudore o un fluido femminile, quasi a confermare la fertilità della madre terra, il suo essere umida e morbida, ricca di umori vitali.

La rugiada nei >sogni può essere assimilata all’umidità del sesso della donna nel momento del coito, ed in questa visione è un’immagine di grande potenza che esalta il potere del femminile e dell‘eros , creatori di vita e fautori di rinascita.

Gocce di rugiada nei sogni sono la rappresentazione sia di un elemento di fertilità e apertura nei confronti della natura e dei suoi ritmi, considerata nei suoi aspetti più sottili e misteriosi, che può rendere più consapevoli del disegno di grande bellezza e di perfetto funzionamento in cui l’essere umano è immerso.

Come se l‘inconscio volesse ricollegare il sognatore a tutto ciò che è naturale e che viene dato per scontato mostrandogli il “meraviglioso” nella bellezza di un microcosmo che riflette il mistero dell’ universo.

Gli aspetti di “preziosità”, unicità, dolcezza ed incanto vanno sempre considerati allorché ci si accosta al simbolismo della rugiada, che fin dall’antichità è considerata parola di Dio, saliva degli astri, unione d’amore fra terra e cielo, nutrimento degli esseri immortali, emanazione di Afrodite, acqua madre, acqua delle origini.

Cosi’ che Sognare di camminare sulla rugiada può riconciliare il sognatore con il senso delle sue origini, con la naturalità del suo corpo terrestre e la sua unicità di essere umano, con la gioia e la bellezza della vita che scorre in lui. Ma può anche indicare la necessità di un sentire più globale in cui gli aspetti dello spirito e della dimensione non-fisiche siano egualmente presi in considerazione.

Bagnarsi di rugiada nei sogni è attingere ad un serbatoio di energia vitale, immagine di una grazia ricevuta, consapevolezza della perfezione e della meraviglia, nutrimento per l‘anima.


La camera da letto nei sogni

La camera da letto nei sogni legata all’intimità, allo spazio segreto e privato, alle relazioni sessuali e d’amore, ma pure al bisogno di stare con se stessi, di curare le proprie ferite, di guarire, rigenerarsi.

La camera da letto nei sogni è’ legata all’intimità, allo spazio segreto e privato, alle relazioni sessuali e d’amore, ma pure al bisogno di stare con se stessi, di curare le proprie ferite, di guarire, rigenerarsi.

La camera da letto è il luogo più intimo della casa, è uno spazio privato, che accoglie i nostri legami più stretti: i genitori, il marito, i figli. E’ un posto in cui riposare e dormire, in cui concedersi di essere assenti alla coscienza e di conseguenza essere “vulnerabili”.

Deputato al riposo, al piacere, agli affetti, alla malattia, al dolore, il letto diventa anche un rifugio nel momento in cui le cose non vanno o in cui ci si sente abbandonati dal mondo, una specie di zattera in cui rifugiarsi e leccarsi le ferite. E’ il posto in cui i nostri veri sentimenti vengono alla luce, in cui possiamo esprimerli e, a volte, condividerli con chi amiamo.

Per queste peculiarità, la camera da letto ed il letto si ricollegano anche all’infanzia, alla sicurezza della famiglia, ad un abbraccio caldo e disinteressato, ai giochi, alle coccole. L’abbraccio avvolgente delle coperte riesce a volte a farci risentire quelle sensazioni, quel sentirsi accolti ed amati.

Quando la camera da letto o il letto compaiono nei sogni, l’ attenzione si focalizza quindi su tutti gli aspetti legati all’intimità ed al sentimento, così come al bisogno di isolamento e di protezione.

L’immagine della stanza ha, in ogni sogno, caratteristiche diverse, oltre a suscitare diverse emozioni nel sognatore, e tutti questi fattori concorrono alla lettura del simbolo. Così, se la stanza appare piccolina e senza finestre, potremo pensare ad un inconscio desiderio di ritornare alla sicurezza del grembo materno, se il letto è piccino e singolo, potremo ripensare all’infanzia, al bisogno di certezze, o alla delusione, o solitudine che la vita sembra riservarci.

Il letto matrimoniale è legato alla sessualità, alla coppia, all’amore, ma pure al bisogno di unione, di integrazione. Sognare di dormire nel letto matrimoniale con una persona conosciuta o sconosciuta, deve farci riflettere sui nostri sentimenti e sui nostri bisogni. Ripensiamo all’intimità, all’ amore o al sesso che ci manca (oppure che viene dal sogno messo in rilievo), ma indaghiamo anche sulla necessità di “integrare” alcuni aspetti rappresentati simbolicamente dalla persona che condivide il nostro letto.

Stare a letto nei sogni e dormire, sentire tanta stanchezza o non riuscire a svegliarsi nei può invece mettere l’accento su una reale stanchezza che sentiamo e magari trascuriamo durante il giorno, può alludere ad un periodo di stress, al bisogno di “staccare” e riposare. E’ un tipo di sogno che ci riconnette al nostro corpo ed alle sue necessità.


Gli occhi nei sogni

Vedere gli occhi o un unico occhio nei sogni, fissare la propria attenzione su di essi, è legato al bisogno di vedere, chiarire, conoscere, percepire.

Gli occhi nei sogni sono associati all’interiorità, a ciò che è dietro, che sta dentro, che va oltre. Sono “specchio dell’anima” per la capacità di riflettere, come nella realtà, sentimenti e stati d’animo, luce della coscienza per la proprietà di esprimere l’intelligenza e la lucidità mentale.

Sono legati all’intelletto, alla sapienza, al logos, alla visione della realtà ed alla sua percezione. Nell’antichità l’occhio (unico e senza palpebra) era simbolo di potenza superiore, di divinità e forza, di sovranità e spiritualità: il sole era chiamato “occhio del mondo”, il dio Ra rappresentato con un unico occhio bruciante ed il Dio dell’antico testamento con un grande occhio fisso chiuso in un triangolo.

L’ immagine dell‘occhio unico si ritrova in quasi tutte le culture, perchè riflette, nella sua unicità, la forza delle idee e dello spirito, ma può anche trasformarsi in simbolo di coscienza primitiva e selvaggia (Ciclopi) o in mancanza di illuminazione e restrizione della coscienza.

Il terzo occhio porta un ampliamento dei significati descritti, porta all’ intuizione e alla chiaroveggenza, ad una “visione superiore”, mentre l’occhio che fissa, esprime inquietudine o insicurezza, perchè associato al malocchio, alla capacità di trasmettere malanimo, odio attraverso lo sguardo, alla volontà di direzionare una minaccia che si può imprimere nella coscienza della vittima.

Gli occhi sono la parte più espressiva del volto, ma anche la più vulnerabile. Si pensi alla famosa frase “A me gli occhi” che pretende di privare della volontà e della capacità di scelta, si pensi a come si guardano negli occhi gli innamorati per creare un legame che vada al di là della pura e semplice attrazione del momento.

Vedere gli occhi o un unico occhio nei sogni, fissare la propria attenzione su di essi, è legato al bisogno di vedere, chiarire, conoscere, percepire. All’avere chiara una situazione, svelare un aspetto della realtà, sapere come le cose stanno realmente o quali sono le reali intenzioni altrui, prendere coscienza di ciò che sta accadendo.

Occhi acuti e ed intensi sono collegati a questa chiarezza nei confronti della realtà, ed anche delle proprie intenzioni o aspirazioni, occhi profondi e limpidi spesso si associano alla ingenuità ed al candore, alla parte “bambina” che sopravvive in noi. Il Puer aeternus, archetipo dell’ eterno fanciullo può apparire nei sogni con grandi occhi azzurri. Azzurro è anche il colore dell‘occhio psichico, che sa guardare dentro e sa andare verso il divino, mentre l’occhio scuro e vivace è più facilmente collegabile alla materia, ed agli aspetti di realtà.

Vedersi nei sogni senza occhi, essere ciechi o orbi, è sempre legato all’ l’incapacità di scorgere qualcosa che ci riguarda, non capire ciò che sta accadendo o rifiutarne la consapevolezza.


La gravidanza nei sogni

La gravidanza nei sogni è un’immagine di grande potenza che va collegata ad una probabile “fecondità” del sognatore nell’ essere aperto e ricettivo verso ciò che la vita porta, ed avere la capacità di elaborare e trasformare le esperienze per il proprio benessere e la propria maturazione.

La gravidanza nei sogni è un’immagine molto comune, si collega all’evoluzione psichica del sognatore e preannuncia la nuova maturità che sta prendendo forma, e che dà accesso ad una nuova fase dell’esistenza.

Nella visione di Freud e di Jung, la gravidanza annuncia un rinnovamento ed un sacrificio di aspetti legati al passato del sognatore. Jung, in particolare, considera il figlio in grembo un simbolo del “Puer aeternus e del suo potenziale di rinnovamento. ”Il bambino che deve nascere è figlio dell’individuazione ancora inconscia. Egli è il futuro ancora in potenza ” (C.G. Jung- Tipi psicologici in Opere vol. 6 Bollati Boringhieri To)

Sognare la gravidanza, può indicare anche il reale desiderio di un figlio, mettere in evidenza la maturazione del corpo, lo scoccare di un orologio biologico, il bisogno fisico di vivere questa esperienza come espressione e completamento della femminilità. Ho riscontrato questo genere di sogni, in cui il corpo sembra mostrare la sua disponibilità a questo compito assegnatogli dalla natura, in diverse donne arrivate ad una età che varia dai 28 ai 35 anni.

Ma può accadere che sia la mente ed il desiderio della sognatrice ad esprimersi, quindisognare di essere incinta andrà interpretato come “promessa” di ciò che sarà, indicherà ciò che è ancora in “gestazione”,che può arrivare o essere realizzato.

Potrà riferirsi ad un progetto del sognatore, qualche cosa di immaginato o di programmato, atteso e ricercato che sta prendendo forma o che si sta trasformando, che muove dall’ “idea” alla sua realizzazione. Sogni di gravidanza possono arrivare, per questa ragione, anche ad esponenti di sesso maschile.

La gravidanza nei sogni è un’immagine di grande potenza che va collegata ad una probabile “fecondità” del sognatore nell’ essere aperti e ricettivi verso ciò che la vita porta, ed avere la capacità di elaborare e trasformare le esperienze per il proprio benessere e la propria maturazione.


Il vestito da sposa nei sogni

Il vestito da sposa nei sogni è legato al cambiamento repentino: segna l’allontanamento dalla casa d’origine, determina diversi ritmi di vita, nuove abitudini, fa spazio alla donna adulta, promette unione e felicità coniugale, sessualità lecita e finalizzata.

L’immagine del vestito da sposa nei sogni compare con frequenza ed è legato com’è a forti emozioni che ne facilitano il ricordo.

Resta al risveglio la curiosità, l’inquietudine o l’ euforia, perchè anche nella realtà questo è un simbolo potente che si carica delle aspettative e delle fantasie di milioni di donne, ragazze, bambine.

Tutto un mondo femminile che si confronta con il traguardo delmatrimonio ed il momento fatidico in cui l’abito da sposa indossato sancirà le speranze dell’ amore romantico realizzato.

E’ un abito per un rito fondamentale, forse quello a cui viene attribuita maggiore importanza nella vita della donna, che ratifica un cambiamento voluto ed immaginato fin dalla più tenera età, e che reca con se’ grandissime speranze ed aspettative.

Come il simbolo del matrimonio, l’abito da sposa in sogno è legato al cambiamento repentino: segna l’allontanamento dalla casa d’origine, determina diversi ritmi di vita, nuove abitudini, fa spazio alla donna adulta, promette unione ed amore, felicità, sessualità lecita e finalizzata. E’ una finestra sul futuro e sulla propria discendenza: lafamiglia, i figli, la propria eredità di esseri umani.

Così sognare il vestito da sposa deve far riflettere sui cambiamenti che si stanno affrontando o che si ha timore di affrontare, sulla propria maturità nel vivere ciò che si presenta o, al contrario, sul sentirsi trascinati dagli eventi, costretti a subire rituali ed avvenimenti privi di significato o per i quali non ci si sente pronti.

Le emozioni provate nei sogni in cui si indossa l’abito nuziale sono molto importanti perchè aiutano a far luce sugli aspetti della realtà del sognatore cui il simbolo si riferisce.

Così sentirsi felici in abito da sposa può rappresentare la propria attitudine al cambiamento ed il desiderio di sentirsi riconosciute nel proprio essere adulte, o più semplicemente il desiderio di un legame riconosciuto ed ufficiale.

Indossare l’ abito da sposa senza sapere come e perchè, sentendosi spaesate o impaurite, deve far riflettere su cambiamenti che forse spaventano (ma di cui forse c’è bisogno) o su relazioni che forse sono divenute troppo impegnative.

Molto spesso l’immagine del vestito da sposa si collega agli aspetti psichici che temono il futuro ed i cambiamenti. Anche se nella realtà si desidera il matrimonio e si desidera ufficializzare un’unione, è possibile che al momento debito i timori e le ansie prendano il sopravvento e ed emergano nei sogni esprimendosi in questo simbolo.

Il significato dei sogni con l’abito da sposa bianco e provvisto di velo è legato ad un bisogno di purezza e di integrità, di perfezione, di accettazione.

Vederlo o indossarlo lacero e sporco può indicare delusione, situazioni che non seguono le aspettative del sognatore, sentimenti feriti, relazioni che non vengono ufficializzate, dolore o tradimento.

Un vestito da sposa diverso da quello classico pomposo e bianco, può riferirsi a modi diversi da quelli comunemente accettati di affrontare un rapporto: convivenza, legami clandestini, oppure capacità e bisogno di vivere una realtà più aderente alle proprie necessità, senza farsi influenzare dal contesto in cui si è cresciuti o dalle aspettative altrui. La stessa immagine può indicare lo scarto fra quanto ci si trova a vivere nella realtà o nel proprio rapporto affettivo e le proprie speranze.

Vediamo quindi che il vestito da sposa nei sogni, come altre immagini oniriche, può avere significati sia positivi che negativi, in ambedue i casi emerge come simbolo di passaggio, come l’istante critico che divide il prima e il dopo, come momento di sospensione in cui si concentrano le energie archetipiche della morte-rinascita e tutte le emozioni ad esso correlate.


Il camino nei sogni

Ma se il fuoco divampa potente nei sogni e rischia di uscire dalla soglia del camino, può far presagire una passione che sta divampando nel sognatore, e che può compromettere la sua sicurezza e stabilità, che può danneggiare la “struttura” che ha creato e che lo sostiene.

Il camino ed il fuoco del focolare nei sogni sono simboli dell’unione domestica e del calore familiare, del centro simbolico che unisce le persone attraverso calore e luce.

Fin dai tempi più remoti il fuoco del focolare, usato anche per cuocere, era il posto di riunione ed aggregazione di tutti i presenti, grazie alla sua funzione primaria di mantenere lontane l’oscurità ed i pericoli rappresentati dalle belve.

In seguito, quasi naturalmente, è divenuto il posto sacro riservato alla devozione, il luogo che riceveva le offerte, i sacrifici, che rendeva visibile la comunicazione tra uomo e spirito attraverso il fuoco, che richiamava la protezione e l’alleanza con Dio. Si pensi ai fuochi sacri, ai tempi greci e romani in cui era venerata col fuoco la dea Hestia-Vesta che proteggeva il focolare domestico.

Il camino, al presente, è il luogo che più di ogni altro concentra l’aspetto di sacralità familiare, di unione ideale, di amore ed intimità che vengono perseguite e mantenute vitali attraverso la natura attiva del fuoco.

Nei sogni l’immagine del camino acceso richiama tutte queste implicazioni, oltre a mostrare nel sognatore un sentimento caldo e presente che riflette la sua realtà familiare o di coppia o le sue inclinazioni.

Ma se il fuoco divampa potente e rischia di uscire dalla soglia del camino, può far presagire una passione che sta divampando nel sognatore, e che può compromettere la sua sicurezza e stabilità, che può danneggiare la “struttura” che ha creato e che lo sostiene. E’ questo un caso frequente che può indicare relazioni extraconiugali.

Vedere nei sogni il fuoco del camino che invece langue e si sta spegnendo, è tipica immagine di un rapporto ormai logoro, in cui resta solo un tiepido affetto e i sentimenti diamore e di passione si sono affievoliti.

Mentre il caminetto vuoto e spento suggerisce la mancanza di calore e di amore, forse un’unione che si fonda si altri presupposti, oppure un amore finito.

Vedere se stessi nell’atto di accendere il camino è immagine di grande impatto che suggerisce il desiderio di un sentimento solido, ed evidenzia il proprio senso di responsabilità nei confronti di un rapporto. Può collegarsi al desiderio di farsi unafamiglia, oppure alla voglia che questa si ampli e che arrivino figli.


Il mio ex nei sogni

Alcuni sogni con gli ex si possono considerare vere e proprie “palestre” in cui il sognatore si trova ad affrontare situazioni ed ostacoli che ripropongono, mascherate, le dinamiche che sta vivendo al presente.

Uno dei temi più frequenti che mi viene proposto lavorando con i sogni riguarda il sognare il proprio ex. E’ incredibile quanti ex fidanzati, mariti, mogli o semplicemente ex amori ed ex amici si trasformino in personaggi onirici.

Queste sono le persone che hanno condiviso un pezzo del nostro cammino, con cui c’è stato un legame, un coinvolgimento emotivo, per le quali abbiamo sentito amore egelosia, fra discussioni, incomprensioni, litigi, riavvicinamenti. Sentimenti che facilmente riemergono amplificati nei sogni lasciando al risveglio dolcezza o nostalgia, rabbia, odio ed una serie di emozioni ed interrogativi sulla persona sognata, sul rapporto ormai finito o sulla sua possibile rinascita.

Sognare il proprio ex può risvegliare il ricordo di un momento felice in cui ci si è sentiti amati e compresi o, al contrario, riportarci ad un momento terribile di rifiuto ed abbandono. E’ importante quindi, ai fini di una buona analisi di questi sogni, ritornare con il pensiero a quanto abbiamo vissuto con quella persona, che ora si è trasformata inex, e, anche quando il rapporto si fondava solo sull’amicizia, esaminarne le implicazioni nel momento della separazione e le eventuali tracce che arrivano fino al presente.

Accade più spesso di quel che non si immagini che un ex quasi dimenticato e che pare non avere più spazio nei pensieri coscienti del sognatore, riappaia nei sogni suscitando curiosità o vero e proprio allarme. Ed è molto interessante allora ritornare a tale rapporto ed alla conseguente rottura per capire come e quanto abbiano inciso, o perchè siano stati rimossi.

Sono casi in cui non c’è stata una elaborazione adeguata del “lutto della separazione”, in cui nuovi repentini rapporti sono stati usati allo scopo di “distrarsi” dal dolore e dal senso di abbandono. Ecco che sognare il proprio ex in queste situazioni porta alla necessità di fare i conti con un momento drammatico che forse non è stato ritualizzato, non è stato “chiuso” e che in qualche modo ancora vive nelle profondità della psiche.

In questo modo l’inconscio porta all’attenzione un problema, qualcosa che va rivisto e trasformato e che forse solo al presente il sognatore ha le capacità e la forza per affrontare. Si veda il sogno seguente, esempio perfetto di quanto sopra e che pare rappresentare la vera fine del rapporto per la sognatrice:

Ho sognato che il mio ex era morto in un’incidente, ma non ricordo perfettamente che tipo di incidente sia. Il corpo si era completamente carbonizzato, dopo vedevo la sua lapide al cimitero. E’ un sogno premonitore? Ci siamo lasciati da cinque anni e non ho più contatti con lui assolutamente! Sto con un altro adesso. ( V. Frosinone)

Un sogno significativo. Questa morte e la relativa tomba al cimitero appaiono come il simbolo della fine di questo amore e degli strascichi che ancora poteva avere.

Ho sognato il mio ex ….questo è l’incipit di molti sogni che mi vengono raccontati in cui si affronta il tema degli amori finiti, delle grandi emozioni a questi legate e, spesso, a dolore, risentimento o mancanza di rassegnazione.

Di seguito altri esempi che ci aiutano a meglio comprendere in che modo questo simbolo agisce, in particolare nel prossimo sogno la saggezza dell’inconscio si spinge al punto da indicare chiaramente la necessità di chiudere una rapporto che, ancorché finito nella realtà, continua a vivere nella mente e nel ricordo del sognatore:

Ho avuto per anni una relazione extra coniugale con un uomo che è morto per un cancro, ma a distanza di tempo continuo a pensarlo e ad amarlo. Qualche notte fa ho sognato che lui tornava da me chiedendomi di ricominciare il nostro rapporto. La mia reazione non è stata di gioia, ma di fastidio. Non riesco a capire come mai ho sentito ripugnanza verso questa persona che ancora non riesco a dimenticare. (L.-Firenze)

Il sogno sta mostrando molto chiaramente che è tempo di finire “il lutto” per questa persona, e che la sognatrice, restando attaccata a qualcosa che è morto e sepolto, non può crescere ne’ progredire nel suo cammino. Il suo inconscio le sta segnalando fastidio e repulsione per questa situazione.

A volte l’ex nei sogni è solo il simbolo di un’altra persona e di un altro rapporto ben più vicini al sognatore, come accade in questo sogno:

E’ un sogno ricorrente da molti anni….Ogni volta che c’è qualcosa che non va col mio ragazzo e si litiga, la notte sogno il mio ex. La situazione è quella che vivo al momento, ma è come se la vivessi col mio ex. Insomma è lui il “cattivo”, è con lui che mi trovo a litigare…. (S. – Savona)

Ecco un bell’espediente usato dalla psiche per salvaguardare il rapporto del momento: mostrare un dolore o un disagio addossandone la responsabilità all’ ex ragazzo nel sogno che ormai non è più presente nella vita della sognatrice. Una vera e propria “finezza”, o meglio una furbizia di alcune parti della personalità conservatrici, aspetti psichici che non amano i cambiamenti e tanto meno mettersi in discussione. Preferiscono camuffare la realtà e non affrontarla direttamente. In questo modo però non permettono nemmeno di prendere coscienza ed intervenire sui reali problemi che possono sorgere con il fidanzato attuale.

Oppure le azioni dell’ex nei sogni possono far emergere un problema di bassa autostima, la paura di non essere accettato. Rivalità inconscia. Senso di inferiorità. Sensazioni di inadeguatezza, come in questo breve sogno ricorrente:


Sono spesso di venir picchiato dall’ex fidanzato della mia attuale fidanzata. Cosa può significare?
( D. Milano)

Importante sarà anche considerare le qualità ed i difetti degli ex innamorati nei sogni, perchè possono indicare alcune carenze o bisogni nell’attuale rapporto e nel nuovo partner, così come eventuali sentimenti suscitati dal sogno, devono far riflettere il sognatore sul proprio bisogno di amore.

Infine ci sono sogni con gli ex che si possono considerare vere e proprie “palestre” in cui il sognatore si trova ad affrontare situazioni ed ostacoli che ripropongono, mascherate, le dinamiche che sta vivendo al presente.

Ci accorgiamo allora di quanto il tema sia vasto e di come il significato degli ex nei sogni sia diverso per ogni situazione ed emozione suscitata ….. importante sarà accostarsi a questi sogni che risvegliano grande vulnerabilità con la consueta attenzione, ma con sempre maggiore sensibilità.

 


Baciare nei sogni

L’azione del baciare che compare molto spesso nei sogni, è considerata un moto spontaneo dell’individuo che ha il fine di esprimere affetto, amore, amicizia, unione. Fin dall’antichità il bacio è segnale di riconciliazione e congiungimento al punto da divenire nel Cantico dei Cantici simbolo di amore e di unione dello spirito e nello spirito: “Che mibaci con i baci della sua bocca”, questo il versetto che racchiude il senso dell’unità nel respiro, nell’alito divino ed umano.

L’unione di bue bocche si produce in questo gesto intimo e significativo, ed è proprio alla bocca a cui va associato il respiro, l’aria, il pneuma, simboli del divino spirito, di un soffio vitale che infonde nobiltà alla materia. Il soffio di Dio e della vita donata si esprime nel bacio in ogni sua manifestazione ed intensità, rendendolo la forma più evidente di un desiderio di unità che comprende, e contemporaneamente prescinde, l’unione carnale.

Di qui la sua ambiguità che lo rende funzionale a rappresentare rispetto, onore, complicità, fratellanza ( bacio del mafioso, bacio alla mano del vescovo, bacio alle immagini o reliquie di Santi, bacio scambiato durante un rito) ma pure passione, amore, affetto, amicizia. Senza dimenticare il bacio di Giuda a Gesù Cristo espressione prima di tradimento ed inganno.

La dimensione sessuale del bacio, l’eccitazione che ne deriva, lo rendono manifestazione di un desiderio di assimilazione, di possesso molto legato all’azione del mangiare, nutrirsi, abbuffarsi: “Mi nutro dei tuoi baci. Ti mangerei di baci. Divorare dibaci“sono frasi che rendono pienamente l’ aspetto di legame fusionale. 

Nei sogni il bacio interpreta, a seconda delle situazioni in cui si presenta e delle emozioni che suscita, i significati di cui sopra, ma esprime nella maggior parte dei casi la necessità di “integrazione  di qualità che appartengono all’oggetto cui quest’omaggio è riservato.

Così se si sogna di baciare, ad esempio, una vecchietta per la quale non si sente nessuna attrazione, è possibile che il sogno indichi la necessità di entrare in contatto con la saggezza e la maturità, con la compostezza e l’ esperienza che la vecchietta delsogno può rappresentare.

Oppure se sogniamo di baciare il nostro vicino di casa che fisicamente ci provoca una certa repulsione, è possibile che ci siano qualità che questa persona possiede o incarna ai nostri occhi, di cui abbiamo bisogno per crescere ed avanzare nella vita, o per meglio affrontare un momento contingente.
D’altra parte il bacio nella nostra immaginazione è sempre legato all‘amore, per cui è possibile che appaia nei sogni anche come manifestazione di desiderio, come espressione di un sentimento di passione o di tenerezza.

Baciare sulla bocca nei sogni è legato al bisogno di unione o integrazione, al desiderio di possesso o anche all’impulso sessuale.

Baciare sulla guancia può essere espressione sia di un legame di affetto ed amicizia, che di adesione a qualche idea, ideale, o al contrario dell’ incapacità di mostrare ciò che si sente realmente, di tradimento, bugie, inganni.

Baciare sulla fronte può mettere in evidenza il desiderio di proteggere e di assumersi la responsabilità in un rapporto, il rispetto che si sente per un’altra persona, la tenerezza.


Un anello nei sogni

Ecco che l’anello diventa simbolo di una nuova appartenenza, di un legame più o meno sentito con altre persone che hanno le medesime caratteristiche e i medesimi problemi, e di un patto stretto con qualcuno: Dio, la persona amata, un obiettivo pastorale o esoterico ecc….

L’anello, per la forma circolare che richiama il simbolo dell’uroborus (serpente che si morde la coda), viene accostato nei sogni al tempo, al suo scorrere costante e senza interruzioni, e ad ogni ciclo che avviene senza soluzione di continuità: la creazione e la distruzione, la natura, i cicli biologici. Aspetti in cui ribadisce cambiamento, ma anche continuità, interezza, unione degli opposti.

Ma l’anello ha grande valore simbolico soprattutto come segno di un patto, di un’unione o un’alleanza, di un legame che vuol essere ufficializzato e presentato al mondo. Si pensi ai vari anelli di matrimonio o di fidanzamento, agli anelli pastorali o a quelli delle associazioni e confraternite.

Questi gioielli più o meno elaborati o preziosi, sanciscono anche il passaggio da uno status all’altro, indicano il superamento di un rito di passaggio che porta l’individuo a riconoscersi in un gruppo diverso: gli ammogliati, i fidanzati, gli appartenenti a qualche clan o associazione segreta, i cardinali, le religiose, a volte anche le neomamme….

Ecco che l’anello diventa simbolo di una nuova appartenenza, di un legame più o meno sentito con altre persone che hanno le medesime caratteristiche e i medesimi problemi, e di un patto stretto con qualcuno: Dio, la persona amata, un obiettivo pastorale o esoterico ecc….

La forma rotonda in cui viene infilato il dito lo rendono anche simbolo dell’ organo sessuale femminile, e per questa ragione togliere e mettere un anello nei sogni può alludere al coito.

L’anello compare nei sogni a confermare un legame presente nella vita del sognatore, o una promessa che questi ha fatto o che gli è stata fatta. E’ simbolo di qualche cosa che ha valore per il sognatore e gli ricorda un impegno preso, un’affinità ed un coinvolgimento con un’altra persona o un altro gruppo.

L’anello è molto legato nei sogni ai sentimenti che ruotano intorno al legame, e che possono emergere da qualche situazione particolare.

Un anello d’oro spezzato, ad esempio, confronterà il sognatore con un legame importante, un’amore che ha subito delle scosse, un’unione destabilizzata. Quando l’anello è la fede matrimoniale il significato è ancora più evidente, e fa presagire una situazione di crisi.

Trovare un anello prezioso nei sogni, può far riflettere il sognatore su qualche relazione che sta acquisendo importanza nella sua vita, o sul desiderio che questo avvenga.

Sentire nei sogni l’anello che stringe il dito e tentare di toglierlo, può indicare di un legame opprimente e che si desidera interrompere.

Ammirare un anello prezioso al dito altrui fa emergere desiderio per ciò che appartiene ad altri, invidia o rivalità, mentre vederlo al proprio dito ed andarne fieri mostrandolo agli altri, è immagine della sensazione di sicurezza che il legame, o l’appartenenza ad uno status sociale rappresentato dall’anello stesso, procurano.


Orecchini nei sogni

Il valore simbolico degli orecchini che compaiono nei sogni è legato ad aspetti prettamente sessuali, dove il lobo morbido e molle suggerisce la morbidezza e le rotondità del sesso femminile ….

Gli orecchini nei sogni, come altri gioielli, hanno un significato simbolico legato sia alla parte anatomica cui sono destinati che alla funzione seduttiva che ne deriva.

Orecchini sono presenti nei corredi di gioielli fin dai tempi più antichi testimoniando lo straordinario favore e la grande diffusione di questi ornamenti che vengono introdotti nel foro appositamente creato nel lobo dell’orecchio o sostenuti da una clip che stringe il lobo.

In ambedue i casi il valore simbolico degli orecchini è legato ad aspetti prettamente sessuali, dove il lobo morbido e molle suggerisce la morbidezza e le rotondità del sesso femminile ed il gancio dell’orecchino il membro maschile che lo penetra.

Così l’accoppiata orecchino – orecchio rimanda alla deflorazione, al coito, ma pure ai riti di escissione in uso nelle popolazioni tribali e nel mondo islamico, ed alle altre pratiche di perforazioni del corpo che si registrano anche nelle società civilizzate.

Quando compaiono nei sogni possono indicare l’esistenza di una relazione sentimentale, di una attrazione sessuale, di un interesse ben definito verso qualcuno, oppure il senso di appartenenza e di fedeltà verso una persona, un’idea, un gruppo.

Allora sognare gli orecchini indossarli oppure sceglierli ed acquistarli, può collegarsi al proprio desiderio di sedurre, di essere ” belli ” e desiderabili, di essere notati, di creare un legame con la persona che ci interessa.

Portare gli orecchini con sicurezza e orgoglio può indicare un reale rapporto vissuto con eguale sicurezza e soddisfazione, magari ostentando un po’ della felicità che si sente.

Non sono immagini molto comuni, ma può accadere nei sogni di subire la pratica di perforazione del lobo dell’orecchio.. o addirittura di praticarla da soli.

Il significato simbolico, come detto sopra, è da rintracciarsi in un rapporto sessuale desiderato temuto o subito, o in fantasie che riguardino la perdita della verginità.

Ma non si deve dimenticare che gli orecchini sono un prezioso alleato dell’eleganza e del fascino femminile: incorniciano il viso e fanno da contrappunto ai bagliori dello sguardo, ai movimenti del capo e dei capelli e la loro visione nei sogni può legarsi anche al desiderio o alla necessità di perseguire pratiche prettamente legate alla civetteria ed alla bellezza del corpo.


Fumare nei sogni

L’atto del fumare nei sogni dal punto di vista simbolico è di chiara origine sessuale, legato al desiderio fisico ed alla soddisfazione di questo.

Un gesto molto comune come quello di fumare può avere grande rilevanza nei sogni e mettere a fuoco con precisione desideri e pulsioni che nascono nel sognatore o che si manifestano nell’ambito di un rapporto.

L’atto del fumare dal punto di vista simbolico è di chiara origine sessuale, legato al desiderio fisico ed alla soddisfazione di questo. La sigaretta o il sigaro vengono considerati simboli fallici anche per i gesti e le intenzioni che ad essi si accompagnano e che offrono un parallelismo straordinario con il rapporto sessuale.

Si pensi dapprima al desiderio che nasce e che muove verso alcune azioni precise come la ricerca della sigaretta ( la ricerca ed il bisogno del partner) l’uso delle labbra che, che nell’uno e nell’altro caso, hanno una funzione primaria nel mantenere “acceso ” il piacere e la passione, il fuoco che brucia e consuma, che segnala l’intensità e la fase attiva dell’azione, ed infine il formarsi della cenere, il consumarsi e lo spegnere la sigaretta ad indicare la fase di detumescenza ed il desiderio soddisfatto.

Molto interessante anche il gesto regolare di portare la sigaretta alle labbra in una ritmicità che facilmente richiama atti di autoerotismo. La masturbazione ed i rapporti sessuali sono quindi il primo significato che l’azione del fumare nei sogni evoca.

E’ necessario tuttavia valutare il contesto in cui il tutto si svolge e in primis le persone coinvolte nell’immagine onirica. Molto diversa sarà una lettura in cui il sognatore appare solo e si accende la sigaretta ( desiderio ancora da soddisfare, pulsione sessuale non riconosciuta nella realtà, masturbazione), da quella in cui una persona conosciuta gli accenda la sigaretta: esempio palese di di un interesse erotico.

Anche offrire o accettare una sigaretta segnala lo stesso interesse specifico, sia che l’uomo la accetti da una donna che viceversa.

Ma l’azione del fumare, sebbene più raramente, può avere nei sogni connotazioni diverse da quelle propriamente sessuali quando il sognatore compare in un gruppo di altri fumatori, quando l’azione del fumare assume un aspetto rituale, quando lasigaretta il sigaro o altro vengono passati di mano in mano ed aspirati da tutti.

Allora il fumare diviene un simbolo di appartenenza ad un determinato gruppo, segnala una comunanza di idee o di obiettivi, oppure la necessità di trovare la via per fuggire gli aspetti materiali dell’esistenza, seguendo, nel fumo che s’innalza verso il cielo, un tentativo di riscatto dalla propria fisicità, o ricercando un nuovo modo di vivere la propria spiritualità.


Leggere nei sogni

Cosa significa leggere nei sogni? Combattere con testi illeggibili, con una lingua straniera o con messaggi criptici è una situazione frequente Ma leggere nei sogni è confrontarsi anche con sms, mail, messaggi d’amore oltre che con trattati, libri e romanzi, o il più banale quotidiano. Ogni situazione legata alla lettura nei sogni può portare sorprese o forse un messaggio…

Leggere nei sogni, sfogliare libri o giornali, decifrare scritti, aggirarsi in una biblioteca con l’intento di scegliere un libro, sono tutte situazioni oniriche significative che, nel caso in cui si ricordi ciò che si è letto, rivelano un vero e proprio messaggio per il sognatore.

In realtà leggere nei sogni è spesso frustrante, le parole sembrano accavallarsi e appaiono confuse, gli occhi non riescono a metter a fuoco ciò che è scritto, oppure sono coperti da fumo o nebbia. Queste immagini mettono in luce un problema del sognatore rispetto alla percezione della realtà: forse non riesce a vedere (e a comprendere) con chiarezza quanto lo circonda. L’incapacità di cogliere il significato di quello che sta vivendo o che vede intorno a sé, è responsabile di questi sogni.

Il discorso si complica quando si deve decifrare uno scritto nei sogni. In questo caso c’è una volontà precisa del sognatore che è quella di scoprire il reale significato del messaggio, il che equivale all’ andare al di là dell’apparenza (scoprire il significato delle parole). Ma questa volontà onirica è già di per sé un messaggio: ci dice che il sognatore ha la spinta necessaria e le competenze per “cercare” e scoprire, che può e deve andare oltre (decifrare) per comprendere ciò che, forse, è importante per lui sapere.

Può essere molto affascinante sognare di leggere una lingua straniera (lingua che magari nella realtà non si conosce o si conosce a malapena), può incuriosire il sognatore la facilità e la scioltezza con cui riesce a leggere e capire. Sono sogni curiosi che fanno pensare ad un’altra realtà vissuta, che fanno viaggiare con la fantasia immaginando altre vite, altri paesi, e che mostrano la vastità dell’inconscio, le sue ramificazioni misteriose, i collegamenti con l’inconscio collettivo.

Il significato di questi sogni è legato alla propria capacità di relazionarsi e comprendere ciò che è “straniero “, ovvero ciò che è lontano dalle proprie abitudini di vita. Questo indica una elasticità mentale, la possibilità di gestire le diversità e di esserne a propria volta “toccati” ( e trasformati). Sono sogni che preannunciano un cambiamento ed un arricchimento (interiore) dovuto a qualche occasione presa al volo, a qualche situazione insolita.

Sognare di non riuscire a leggere una lettera della persona di cui si è innamorati è invece un segnale di difficoltà: ci sono cose che rendono problematica la comunicazione, cose non chiare, forse il rapporto è a senso unico e non si è corrisposti come si vorrebbe. In quest’ultimo decennio, molti messaggi e lettere nei sogni si sono trasformati in sms e mail, e quindi il sognatore si trova a combattere sia con la difficoltà di leggere nei sogni, che con le bizzarrie di cellulari onirici che non si illuminano, che si spengono sul più bello, oppure con monitor di pc altrettanto capricciosi e strani.

Ricordo il sogno di una donna che riceveva una mail dalla sua ultima fiamma. Il video del suo pc, nel sogno, era grande quanto la facciata di un palazzo. La mail aveva caratteri talmente grandi che non era possibile avere una visione d’insieme e legare ogni lettera all’altra, per darle un senso compiuto. Il significato di questo sogno è molto molto chiaro: la comunicazione fra i due era “sfuggente” e non approdava a nulla ( così come il rapporto reale).

Ci sono situazioni in cui sognare di leggere è piacevole, agevole, chiaro, gratificante. Altre in cui ci si ricorda una frase precisa o un titolo. Questa frase può essere unachiave di volta per il sognatore, ma, anche quando appaia oscura o enigmatica, sarà sufficiente una seduta di rientro guidato nei sogni, o un lavoro fatto con le associazioni, perchè emerga il collegamento con la realtà e l’indicazione dell’inconscio acquisisca un senso.

Leggere nei sogni può essere ancora più sorprendente quando, di fronte ad un messaggio fatto di strani segni o geroglifici, il sognatore comprenda tutto, oppure scopra nello scritto la “verità”, il “senso della vita“, il mistero del mondo svelati. E questa consapevolezza, come un flash, per un istante lo illumina e lo fa sentire euforico, oppure finalmente “completo ” ed appagato. Peccato che questi significati di una portata spirituale e metafisica così ampia, svaniscono al risveglio…. con grande rammarico del sognatore. Sono però la testimonianza di una ricerca individuale, del bisogno di trovare un senso o uno scopo nella vita, e di una profonda sensibilità ed attenzione al proprio mondo interiore.

Leggere nei sogni libri di scuola, oppure saggi e trattati, quotidiani, giornaletti, fa emergere di volta in volta significati diversi: i libri di scuola rimandano all’impegno vissuto con pesantezza e fatica, oppure alla necessità di studio; mentre leggere il quotidiano nei sogni richiama il sognatore alla realtà, alla concretezza, ai fatti puri e semplici. E così via … naturalmente, come ogni altro simbolo onirico, sognare di leggere va analizzato tenendo conto del contesto in cui appare, e delle emozioni che provoca nel sognatore.


Sognare di fare l’amore

Sognare di fare l’amore tocca elementi di grande intensità e profondità nell’essere umano e pertanto i sogni d’amore e di sesso andranno analizzati con grande attenzione e rispetto.

Molto spesso sognare di fare l’amore si accompagna a grandi emozioni che, se tendono a fissare il ricordo, confondono alquanto il sognatore e non gli consentono il distacco necessario per confrontarsi con gli altri elementi del tessuto onirico. Una figura di supporto e che faciliti questo processo di analisi può essere allora di grande aiuto per l’interpretazione del sogno stesso.

Questo non significa svalutare le emozioni che nascono in questi sogni, ma attribuire loro il giusto peso in rapporto alle azioni ed ai personaggi che compaiono. Senza dimenticare che proprio le emozioni possono, in alcuni casi, essere un elemento centrale, perchè il senso di amore e di fusione che alcuni sogni mettono in evidenza può configurarsi come il vero e proprio messaggio del sogno.

Ovvero il bisogno di lasciarsi andare ad un sentimento con abbandono, il bisogno di sperimentarsi nell’intensità e nella mancanza di controllo, il bisogno di vivere un’intimità che porti a galla tutto quel che siamo, e non solo gli aspetti primari che ci guidano negli automatismi quotidiani.

Il tema dell’intimità è fondamentale nel fare l’amore nei sogni così come lo è nella realtà. Intimità con l’altro che diventa intimità con se stessi e con gli aspetti di se’ più bisognosi che possono emergere. Si veda questo sogno fatto da un giovane uomo in crisi per la morte della fidanzata:

..questa coppia mi sta veramente aiutando, ma essendo lui il mio amico d’infanzia e lei conosciuta perchè è la sua futura moglie non mi aspettavo che lei si prendesse così a cuore questa questione, insomma la sento veramente tanto vicino… così questa notte l’ho sognata, parlavamo dei miei problemi ovviamente, e si facevano progetti per il futuro, nel senso che mi prometteva che non mi avrebbe lasciato solo, ma che avrebbe continuato a starmi vicino insieme al mio amico fino a che io ne sentivo il bisogno… poi ci siamo ritrovati improvvisamente nudi, lei si faceva accarezzare e “toccare” ed abbiamo fatto l’amore! Alla fine io la ringraziavo e lei mi rispondeva che lo avrebbe fatto fino a che io lo volevo…(M. -Ferrara)

Notate come le frasi “che lei si prendesse così a cuore questa questione” e “lei si faceva accarezzare e “toccare” indichino sostanzialmente la stessa cosa, si dice infatti: “mi sono sentito toccato da questa cosa”..oppure…”accarezzato da un’idea”… frasi che, nel sogno di questa persona, mettono in evidenza il suo bisogno di avere un supporto, di essere “compreso”, di avere una vicinanza emotiva…qualcuno che “senta” come lui, che si senta “toccato” dai suoi argomenti.

Altro elemento importante per il significato del sogno è la nudità, perchè porta a galla il tema dell’intimità che è quella che si sta creando nel rapporto con la ragazza: un rapporto profondo, dove si parla di cose importanti ed intime per il sognatore.

Nel fare all’amore finale, giocano un ruolo sia questo nuovo senso di unione e di intimità, che la necessità di fare emergere, integrandolo, cioè riconoscendolo e dandogli uno spazio in cui poter esistere senza vergogna, l’aspetto emotivo che nel sogno è rappresentato dal femminile della ragazza, e per aspetto emotivo intendo tutte le sensazioni legate al dolore della perdita, alla sensibilità di fronte al tema della morte e dell’amore perduto, allo sperdimento di fronte al lutto. Senza dimenticare le normali pulsioni sessuali che devono esser messe in conto nell’analisi di un sogno di questo tipo.

Capiamo allora come sognare di fare l’amore tocchi elementi di grande intensità e profondità nell’essere umano, pertanto i sogni d’amore e di sesso andranno analizzati con grande attenzione e rispetto e senza fermarsi al livello di interpretazione che appare più ovvio.


La violenza sessuale e lo stupro nei sogni

Situazioni di violenza sessuale, stupro o aggressività sessuale nei sogni, vengono vissute con grande paura ed angoscia e portano ad interrogarsi sulle possibili cause traumatiche, ma anche quando non facciano riferimento ad abusi o violenze realmente subite, restano altamente destabilizzanti per il sognatore.

Lo stupro e la violenza sessuale nei sogni sono temi molto delicati da affrontare, perchè attengono alla sfera più nascosta dei desideri e delle paure dell’uomo civilizzato. Sono il risultato di pulsioni legate al sesso ed all’aggressività, di moti istintuali estremi, condannati e che tuttavia trovano spazio, seppur relegati e controllati, nell’ inconscio individuale. Ma possono anche indicare reali abusi e violenze di ordine sessuale.

Per questa ragione quando nei sogni emergono, (più spesso di quel che non si immagini) è necessario partire dalla consapevolezza del carico enorme di dolore, disagio, paura, senso di colpa che li accompagnano.

Alcuni studi effettuati alla York University di Ontario in Canada ad opera di Marion Cuddy e Kathryn Belicki Ph.D ( “Nighmare frequency and a relaret sleep disturbance as indicators of a history of sexual abuse” in Dreaming vol 2 1992) hanno messo in luce la correlazione fra incubi ripetuti, sonno disturbato, sogni di aggressione e violenza sessuale e abusi sessuali (incesto, aggressioni, stupro).

Anche la Dott.ssa Gayle Delaney conferma che sogni in cui si confondono angoscia e immagini di aggressione sessuale sono molto comuni fra chi ha subito violenze ed abusi durante l’infanzia (e che spesso non ricorda).

Non è necessario che venga visualizzato un episodio “consumato” di stupro o di incesto, come dimostrazione di una violenza o un abuso subiti nel passato, perchè questi sogni drammatici, quando hanno un andamento ripetitivo e angosciante, vanno presi come una sorta di SOS da parte dell’inconscio, e possono diventare il filo conduttore di un lavoro di recupero e guarigione effettuato con l’aiuto di un terapeuta esperto.

I sogni portano a galla il trauma e possono aiutare a superarlo.

Ma è importante ricordare che NON tutti sogni in cui appare la violenza sessuale riguardano abusi subiti, quando sono assenti forte senso di angoscia, di colpa e di vergogna è probabile che il sogno vada in altre direzioni, e per questa ragione ogni situazione onirica va affrontata con molta delicatezza e cura, per evitare di incorrere in generalizzazioni e “abusate scoperte ” di abusi infantili che, urge ricordarlo, spesso si manifestano nei sogni con forme diverse e con immagini apparentemente slegate dal sesso.

Ma sempre alte sono le probabilità che questi sogni facciano riferimento a qualche tipo di ferita relativa alla sfera intima.

Sogni di stupro o violenza sessuale possono collegarsi a situazioni in cui il sognatore ha dovuto “subire” qualche umiliazione o in cui la ferita narcisistica è stato soverchiante e le reazioni istintive immediatamente represse. In cui la situazione è vissuta come una vera e propria “violenza”, una ferita nell’orgoglio, nell’ autostima. Lo stupro oniricoallora rappresenta questa “passività” questa incapacità di difendersi o promuoversi, di porre limiti all’influenza altrui.

E può indicare anche l’amore “subito” all’interno del matrimonio, un rapporto sessuale non gradito, un “fare l’amore” in cui si reprimono le reazioni istintive di rifiuto o di disgusto, in cui ci si “violenta”.

Sognare di essere violentata o subire una violenza nei sogni porta a galla emozioni molto forti che associate al senso di colpa per le sensazioni di piacere sessuale che possono accompagnarsi alla paura, in genere inducono chi sogna a cercare un aiuto, soprattutto quando si presentano come sogni ricorrenti o sogni di sequenza.

Ma pure quando la violenza sessuale nei sogni sia un fatto isolato o apparentemente non collegabile a nessun trauma di ordine sessuale, è importante riflettere sulle sensazioni sentite nel sogno stesso ed al risveglio, che possono dare indicazioni importanti sul proprio lasciarsi “invadere” e non saper porre limiti e confini al potere altrui, per condiscendenza, gentilezza, educazione, vittimismo.


La cravatta nei sogni

Accessorio maschile per eccellenza la cravatta compare nei sogni portando significati che vanno dal simbolismo fallico a quelli più prettamente “sociali” e che riflettono l’immagine di se’.

La fascia di tessuto più o meno prezioso, colori e disegni sempre diversi, la rilevanza e l’aspetto del “nodo”, rendono l’analisi della cravatta interessante e varia, ma sempre collegabile al simbolismo generale degli abiti nei sogni.

Portare la cravatta nella nostra realtà occidentale è rendersi presentabili, eleganti, distinti, la cravatta è legata nell’immaginario comune ad un certo “perbenismo” ( è messa al bando da adolescenti, da ribelli e da gruppi che che contestano l’ordinamento politico-sociale), ma è indicativa anche di fasce sociali ben strutturate e riconoscibili: professionisti, manager, politici. Così nei sogni sarà importante valutare l’impatto che l’immagine della cravatta ha sul sognatore, se gli sia gradita oppure no, se la indossi con piacere o la trovi sgradevole, brutta, di cattivo gusto e, di seguito, tutte le impressioni e le associazioni che provoca in lui.

Una cravatta ben sistemata nei sogni può evidenziare un Se’ primario del sognatore che emerge con la necessità di rendersi “presentabile”, di ripulirsi, di essere accettato in un determinato contesto, ma può apparire anche come suggerimento ed espediente dell’inconscio quando il sognatore sia convinto della verità del detto: “l’abito fa il monaco”, o quando, al contrario, il sognatore sia persona schiva e abbia timore a mettersi in mostra, sia incapace di valorizzarsi e di accedere ai codici caratterizzanti un gruppo.

In questo caso la cravatta diventa il simbolo della propria possibilità di essere accettato e di riuscire a muoversi agevolmente nel contesto in cui si vive.

Ma la cravatta può fare riferimento anche ad un coinvolgimento amoroso, ad una relazione passionale che si sta vivendo, così che annodarsela può indicare, nei sogni, il procedere delle situazioni che possono sfociare in un “legame” importante, mentre colori accesi, tutta la gamma del colore rosso, disegni allusivi , richiameranno eros,sesso e desiderio fisico.

Togliersi o tagliare la cravatta nei sogni, può alludere alla fine di una storia, al desiderio di liberarsi di un legame sgradito o al bisogno di “rilassarsi” e di uscire da un contesto formale che sta diventando stressante.

Mentre la cravatta lisa, sporca, strappata, unta può alludere nei sogni al non sentirsi a posto, ad un’immagine sociale offuscata e non adeguata, oppure a comportamenti non efficaci nell’ambito di una relazione.

Quando la cravatta nei sogni è indossata da un sognatrice può indicare la necessità di proteggersi in un ambiente di uomini acquisendo comportamenti e codici utili a favorire le relazioni, ma può anche mostrare il prevalere in lei di atteggiamenti mascolini.


Libido, inconscio e sogni in Jung

La psicologia analitica junghiana si distingue dalla psicoanalisi freudiana per il netto rifiuto del pansessualismo freudiano. Jung pensava che contenuti rimossi o i simboli non fossero di natura prevalentemente sessuale, ma la manifestazione di una energia unica e presente in tutta la natura: la libido.

La psicologia analitica junghiana si distingue dalla psicoanalisi freudiana per il netto rifiuto del pansessualismo freudiano. Jung pensava che contenuti rimossi o i simboli non fossero di natura prevalentemente sessuale, ma la manifestazione di una energia unica e presente in tutta la natura: la libido.

Libido è la forza vitale, lo slancio che perpetua la vita, e che non è legata solo a fattori biologici come nella concezione freudiana, ma comprende aspetti spirituali ed un movimento dinamico verso il futuro.

Jung sposta il suo interesse dalla tradizione scientifica, medica e fisiologica che, comeFreud possiede, ad un ambito più vasto, comprendente l’animo umano e tutto ciò che lo nutre. Di qui l’interesse per i miti e le favole, letteratura e scienza, arte e religione, ed il rimpianto per la massificazione e la perdita di spiritualità del mondo moderno.

Anche nel territorio del sogno, Jung si differenzia dal maestro, introducendo i concetti diarchetipi ed inconscio collettivo ad ampliare le intuizioni di partenza. I sogni si trasformano da prodotto dell‘inconscio individuale, a qualcosa di più completo e misterioso, frutto della creatività del sognatore, ma collegati anche ad un più ampio repertorio di immagini attinenti all’ inconscio collettivo.

Inconscio collettivo è la parte della psiche sede di contenuti che non sono mai stati acquisiti personalmente tramite l’esperienza, ma che appartengono all’individuo come rappresentante della razza umana, come eredità genetica, ed è contenitore delle immagini archetipe, forme determinate e simbolo di istinti primari che possono essere presenti in ogni luogo e cultura.

I sogni, nell’ottica junghiana non saranno solo attinenti alla sfera individuale del sognatore, ai ricordi infantili o ai desideri rimossi ed inconfessati, ma si muoveranno su binari che, dalla coscienza individuale del sognatore, lo condurranno verso i territori del collettivo, del trascendente delle possibilità esistenti e non esplorate dalla psicheindividuale.

Un’ottica focalizzata non tanto sulla struttura interna del sogno e sulla sua decifrazione, ma sulla finalità del sogno stesso, lo scopo. L’interpretazione dei sogni sarà, in questa visione, lo strumento per appropriarsi del potenziale evolutivo compreso nel sogno stesso.