L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Meditazioni a femminile di Michela Zanarella. La mia recensione.

 Leggendo le poesie di Michela Zanarella si resta colpiti dell’intensità e dalla freschezza della sua forza vitale. È  energia pura!

Michela non teme di  esprimere e denudare un’intima e laboriosa attività emotiva ed erotica. Descrive immagini in parole dense di sentimento ed sfumature d’erotismo, moti d’animo con maestria intrisa di talento. La sua poesia è tumulto ed infinito, eros e percezione. Entrare nel suo universo e lasciarsi contaminare dai suoi flussi poetici è un’esperienza che inebria e arricchisce, un’empatia che trasuda dalle sue stille di penna avvincente, donando respiro leggero, pullulante di vibrazioni. Il suo personale ed intimo acquerello dell’erotismo e del rapporto con l’altro sesso è chiara espressione sensoriale che trasuda dalla lettura di questa pagine.

Grazie Michela per la tua arte, non smettere di sognare e contagiarci ancora.

Con Stima.

Iridediluce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...